HOME » news

Bounty Battle, lo Smash Bros con le star degli indie game

Bounty Battle, Merge Games

Siete fra quei gamer che vanno avanti a pane-e-indie? Passate le vostre giornate a caccia di nuove perle nascoste negli anfratti degli store? Pensate che alcuni dei loro personaggi siano i vostri eroi del cuore? C’è una notizia tutta per voi: l’estate porterà Bounty Battle, un beat ‘em up che ci permetterà di far sfidare fra loro i protagonisti dei più importanti indie games degli ultimi anni, presentato durante il Nintendo Indie World di oggi pomeriggio (ora italiana).

Abbiamo la vostra attenzione? Bene, vediamo insieme di che si tratta!

I migliori, tutti assieme

Buonty Battle è un fighting game in 2D di Merge Games e Dark Screen Games da affrontare scegliendo fra ben venticinque personaggi provenienti da ventidue titoli dei più importanti indie degli ultimi anni (in fondo trovate i Roster completi). Fra essi troviamo Guacamelee, Darkest Dungeon, Dead Cells e Oddmar, riuniti assieme in un gioco che promette una possibilità di approccio vario e profondo: ogni personaggio ha infatti a disposizione abilità peculiari, e potrà combattere accompagnato da propri minion, che li sosterranno durante lo scontro.

Non serve dire che tutte le arene di gioco-dieci, per la precisione-saranno riprese dagli scenari dei titoli in questione, dando vita a un vero e proprio “torneo di lotta dei giochi indie”.

A confermare l’impressione che gli sviluppatori abbiano voluto dare agli utenti un’esperienza rifinita troviamo anche il fatto che sarà possibile affrontare Bounty Battle in differenti modalità, incluso uno story mode, un immancabile multiplayer e un’arena di tutorial nella quale perfezionare il nostro stile di combattimento.

Bounty Battle, Merge Games

Su Nintendo Switch e PlayStation 4 Bounty Battle sarà disponibile anche in Signature Edition, che oltre al gioco conterrà anche una serie di accessori per collezionisti:

  • Quattro spille smaltate in edizione limitata, ritraenti alcuni dei combattenti, ovvero Atlas, Lazarus, Lilith e Tyran;
  • Un certificato da collezione firmato dagli sviluppatori e numerato;
  • Un volume di 34 pagine dedicato ai personaggi;
  • “Sierra Box” con custodia esterna.
  • Artwork alternativi.

Ecco il trailer ufficiale:

Qui invece tutti i personaggi presenti nel rooster:

  • Flinthook di Flinthook
  • Oddmar di Oddmar
  • Struggles di Super Comboman
  • Otus di Owlboy
  • Il Penitente di Blasphemous
  • Thora di Jotun
  • Sargrove di Ruins of Reckless
  • The Bug Butcher
  • Doko Roko
  • Shield Maiden di Eitr
  • Il Prigioniero, da Dead Cells
  • Gully, da Battle Chaserd
  • Il Crociato, da Darkest Dungeon
  • Rusty di SteamWorld Dig
  • Rudy da Blubber Busters
  • Fish (Nuclear Throne)
  • Trace da Axiom Verge
  • Sorun da Death’s Gambit
  • Juan Aguacante (Guacamelee)
  • Kopper (Tower of Samsara)
  • Sheriff Lonestar (Awesomenauts)
  • Tetrobot (Blocks that Matter)

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Borderlands 3, Guns love and tentacles

Borderlands 3 – Guns, Love, and Tentacles: mostrati i primi minuti

fallout new vegas mod

Fallout New Vegas: guida alle migliori mod