Il prezzo di PS5? Dipende da quanto costerà Xbox Series X

ps5 xbox series x

Secondo le ultime dichiarazioni fatte dai vertici dell’azienda, Sony non ha ancora ben chiaro in mente quale sarà il prezzo finale di Playstation 5. La motivazione dietro questo ritardo nel processo decisionale sembra strettamente legata ad un dato molto importante: il costo al dettaglio di Xbox One X.

La dichiarazione è stata fatta dalla compagnia in seguito alla conference call con i guadagni del terzo trimestre, avvenuta durante questa settimana.
Nonostante la compagnia ancora mantenga saldo il suo primo posto nel reparto vendite hardware, con il natale appena passato, ha avuto le festività più deboli del solito con solo 6.1 milioni di unità vendute durante Natale 2019. Due milioni di unità in meno rispetto alle vendite fatte durante il natale del precedente anno.

Durante tale evento il direttore finanziario della compagnia, Hiroki Totoki, ha rilasciato dichiarazioni riguardanti quello che adesso viene definito come il periodo di transizione tra PS4 e PS5; periodo che chiede alla compagnia di delineare una strategia di mercato ben precisa fatta di prezzi, annunci e indirizzi.

Prezzo PS5 = Prezzo Xbox One X – 50€?

ps5 logo

No ok, non sappiamo onestamente quanto costerà Playstation 5 ma dalle dichiarazioni fatte dal direttore finanziario di Sony potrebbe sembrare che la compagnia stia valutando il prezzo in base all’equazione sopra descritta.

Secondo il direttore finanziario di Sony la compagnia ha in primis la necessità di controllare i costi di manodopera e del personale; una volta fatto questo sarà in grado di valutare il corretto volume produttivo da adottare per rifornire i negozi prima del lancio, previsto per le vacanze natalizie 2020.

“Magari al pubblico non sembrerà ma in questo momento Sony e Microsoft stanno competendo per il prezzo a cui lanciare le proprie console. Al momento riteniamo difficoltoso parlare del prezzo di lancio perché abbiamo bisogno di un maggiore numero di dati per poter tirare fuori qualche previsione affidabile; c’è da immaginare il sistema di promozione da applicare, il numero di costi da poter sopportare e così via.

L’unica cosa, a detta del direttore, che non dipende direttamente da Sony, è prezzo plausibile a cui andrà a costare la console. Questo perché, implicitamente, per VGC ed il resto della stampa mondiale Totoki vuole aspettare di vedere il prezzo di lancio della principale concorrente di PS5, Xbox Series X.

ps5 sarà retrocompatibile

Così facendo Sony potrà trovare una fascia di prezzo entro la quale essere competitiva, andando quindi a riprodurre una strategia vincente come il prezzo aggressivo che ha portato al boom iniziale di Playstation 4.

Al momento la strategia comunicativa di Sony non sembra essere delle migliori: dopo leak e indizi che sembravano portare ad un importante evento i reveal durante il mese di Febbraio, sul sito nipponico della compagnia sono comparse in sordina le specifiche tecniche ufficiali della nuova console Sony.

Che la compagnia stia passando un momento di transizione rocambolesco e abbia a che fare con qualche problemino interno?
Probabilmente lo scopriremo fra qualche anno, con un inchiesta ben piazzata di qualche giornalista molto più vicino ad un ufficio Sony di quanto lo siamo noi in questo momento; nel dubbio non scoraggiatevi e fateci sapere nei commenti cosa pensate della vicenda e quanto potrebbe costare la nuova Playstation.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Castlevania, Netflix

Castlevania: lo show Netflix torna il 5 marzo

crossover tra monster hunter world iceborne e resident evil 2

Questo mese arriva su PC l’evento crossover tra MHW Iceborne e Resident Evil 2