Inside avrà una misteriosa Collector’s Edition

inside collector's edition


Nonostante la scena indie sia costellata di giochi spesso con budget risicati, è capace spesso di rivelarci non poche sorprese. I giocatori più appassionati sicuramente ricorderanno Inside, il platform a tinte cupe da tutti indicato come il successore spirituale di quella piccola gemma di Limbo. Ebbene, sembra proprio che il gioco, a distanza di quasi due anni dalla sua uscita, stia per ricevere una Collector’s Edition unica nel suo genere. Non è ancora dato sapere quali saranno i contenuti di questa edizione per collezionisti a tiratura limitata, ma uno dei dettagli più curiosi è che verrà realizzata in collaborazione con RealDoll, una famosa azienda produttrice di sex doll e sex toy.

Inside: una Collector’s Edition unica nel suo genere

[amazon_link asins=’B073Q3M7F3,B073Q3R2DD’ template=’Carosello_prodotti’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’679994b1-2226-11e8-80ea-f3b12e7f838b’]

Il mondo del gaming è composto dai consumatori più diversi. Tuttavia, una consistente fetta di essi desidera spendere un po’ di più per assicurarsi un’edizione di prestigio del suo gioco preferito. God of War, Assassin’s Creed: Origins, Wolfenstein 2: The New Colossus, Far Cry 5, rappresentano soltanto alcuni degli esempi di giochi con edizioni da collezione finemente realizzate. Nonostante il loro costo certe volte piuttosto elevato, le Collector’s Edition riescono sempre a suscitare una notevole attenzione da parte del pubblico, e molto spesso i contenuti in esse presenti sono tali da giustificare il “prezzo del biglietto“. Di solito è raro che un indie game possa vantare una propria edizione da collezionista, ma la piattaforma iam8bit è riuscita, sotto questo aspetto, a realizzare ciò che sembrava impossibile.

Anche Inside, quindi, sembra destinato a ricevere la sua Collector’s Edition; ma che cosa avrebbe di speciale? La risposta risiede in due elementi di non poco interesse. Innanzitutto, non è stato reso pubblico quello che sarà il contenuto della lussuosa edizione, al di là di una copia fisica di Inside per Playstation 4. Chi deciderà di acquistarla, quindi, probabilmente lo farà a scatola chiusa. In secondo luogo, Playdead ha reso pubblica una partnership decisamente “insolita” per la Collector’s Edition di un videogame. Si tratta di RealDoll, una società specializzata nella creazione di sex doll. L’altra partnership annunciata da Playdead è quella con iam8bit che, come ricordato in precedenza, ha già pubblicato altre edizioni da collezione per giochi indie del calibro, giusto per fare un esempio, di Hotline Miami.

Una Collector’s Edition decisamente singolare

inside limbo
L’edizione fisica contenente i due giochi di Playdead.

La descrizione fornita da iam8bit di certo non aiuta a schiarirsi le idee. Le prenotazioni saranno aperte a partire da domani, giovedì 08 Marzo, e cesseranno il prossimo 08 Giugno. Una volta chiuse le prenotazioni, non verranno più realizzate altre copie della Collector’s Edition di Inside, il cui contenuto sarà svelato unicamente il giorno della sua spedizione, che avverrà “quando gli oggetti saranno realizzati“.

“Non ti diremo di cosa si tratta. Forse è quello che stai pensando… o forse no. Possiamo confermare che ci sono diversi oggetti inclusi, uno dei quali è un disco di gioco per PlayStation 4. Il resto è lasciato alla vostra immaginazione.”

Come è lecito attendersi, non saranno rilasciate ulteriori informazioni sul contenuto della Collector’s Edition. Polygon ha provato ad ipotizzare che la prestigiosa edizione di Inside possa, di fatto, contenere una vera e propria sex doll. Le ragioni risiederebbero non solo nella partnership fatta con RealDoll, ma anche per il costo non indifferente dell’edizione, fissato a $375.

Non ci resta quindi che restare sintonizzati per conoscere altre succose novità in merito. Chiunque volesse dare uno sguardo personalmente alla Collector’s Edition di Inside, può farlo cliccando questo indirizzo.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

esports olimpiadi

Assurdo portare gli eSports alle Olimpiadi, lo dice la Federcalcio tedesca

ion maiden

Due parole su: Ion Maiden