Uncharted: il film non sarà un adattamento dei videogame

il film di uncharted non sarà ispirato ai videogame

Come abbiamo avuto modo di sottolineare in altri nostri articoli, la linea di confine che separa i videogame dal cinema è sempre più sottile e, nel prossimo futuro, potrebbe addirittura scomparire del tutto. Uno dei passi più significativi in questo senso potrebbe essere rappresentato dall’adattamento cinematografico di Uncharted.

Il celeberrimo franchise Sony oramai da diversi anni si prepara ad approdare nelle sale di tutto il mondo, cercando di sfatare il tabù che accompagna da sempre i film ispirati ai videogame.

Nonostante le informazioni sulla pellicola siano pochissime, il regista dell’opera ci ha tenuto a precisare un punto su cui i fan della saga stavano dibattendo già da tantissimo tempo. Stando alle parole di Dan Trachtenberg, infatti, il film di Uncharted non sarà un adattamento dei videogame, ma avrà una trama completamente originale.

Il film di Uncharted avrà una trama completamente originale

tom holland sarà il protagonista del film di uncharted
Tom Holland interpreterà un giovane Nathan Drake.

Diciamocelo chiaramente: la dichiarazione di Dan Trachtenberg può essere accolta tanto positivamente quanto negativamente dai fan di Uncharted. La ragione è presto detta. Da un lato, infatti, il regista ha indubbiamente ragione nel sostenere che un semplice adattamento della saga non avrebbe la stessa potenza visiva e lo stesso impatto dei videogame del franchise Sony, senza considerare il fatto che, con una trama nuova di zecca, sarà possibile infondere la visione del team nell’opera cinematografica, cercando di attirare l’attenzione tanto dei fan della serie quanto quella di persone che ne hanno solo sentito parlare.

Dall’altro lato, però, c’è il timore che, con una narrativa completamente originale, possa essere snaturato lo spirito del franchise Playstation. Se poi, a tutto questo, aggiungessimo la difficoltà insita nell’adattare un medium ad un altro, comprendiamo a fondo quello che è la preoccupazione principale di ogni appassionato della saga di Nathan Drake: trovarsi davanti ad un nuovo “caso Super Mario Bros.“, ma gli esempi, sotto questo aspetto, sono tantissimi.

Inutile dire quanto le aspettative del pubblico siano altissime, dato che stiamo parlando di una delle serie di maggior successo delle ultime due generazioni di console. Fortunatamente, il regista del film di Uncharted, in una recente intervista concessa a GamesRadar, ha affermato che tutto ciò che i fan amano di più del videogame sarà presente anche nella pellicola: dalla caccia ad antichi tesori ai nemici sovrannaturali di Nathan Drake, ingredienti necessari per qualsiasi avventura che si rispetti.

Tutte le informazioni disponibili sul film di Uncharted

Che cosa sappiamo sul film di Uncharted? Ebbene, nonostante l’uscita della pellicola sia prevista per la fine del 2020, le informazioni attualmente disponibili non sono tantissime. Il ruolo di protagonista spetterà a Tom Holland, salito alla ribalta grazie all’interpretazione del nuovo e giovanissimo Uomo Ragno in Spider-Man: Homecoming e successivamente apparso nei successivi film dell’universo Marvel, tra cui spiccano Avengers: Infinity War e l’ultimo Avengers: Endgame.

Nel film in questione, Tom Holland dovrà vestire i panni di un giovane Nathan Drake, che ancora non ha affinato del tutto le abilità ed il talento che lo renderanno celebre negli anni a venire. Nonostante, come ampiamente chiarito, il film avrà una trama completamente originale, non è detto che non possa inserirsi nell’arco narrativo sviluppato nei videogame.

Come i fan della saga sicuramente ricorderanno, nei vari episodi del franchise targato Sony, non mancano dei flashback in cui viene mostrato un Nathan Drake decisamente giovane ed alle prime armi. Ebbene, è possibile che il film possa riempire quel vuoto narrativo, per la felicità dei fan.

Sappiamo che lo sviluppo del film è stato a dir poco travagliato: non sono mancati improvvisi cambi di programma, cambi di sceneggiatore, e dissociazioni da parte di Naughty Dog che, nella persona di Neil Druckmann, ha dichiarato che nessuno del team di sviluppo ha letto la sceneggiatura del film, lanciando un segnale decisamente poco promettente.

Non ci resta quindi che attendere ulteriori sviluppi della vicenda, essendo consapevoli del fatto che Sony sta investendo tantissimo nell’adattamento, sotto forma di film e serie tv, delle IP di sua proprietà. Voi cosa preferite? Trama originale o adattamento dei videogame? Scrivetecelo nei commenti e restate sintonizzati per ulteriori aggiornamenti in merito.

>> Leggi anche: Playstation Productions: in arrivo film e serie tv dei videogame Sony <<

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

realtà-virtuale-e-motion-sickness.jpg

Cos’è il motion sickness VR – cosa c’è da sapere

super mario galaxy tutte le news

Super Mario Galaxy