Pubblicato in: News

Capcom: indizi su RE3 Remake | Continua la sua rinascita

Che Capcom abbia intenzione di regalare ai fan un’altra gioia con il remake di Resident Evil 3, anche se sviluppato probabilmente da un altro team, è ormai il segreto di Pulcinella. Gli indizi vengono disseminati dalla stessa software house giapponese, come l’immagine pubblicata su Twitter in cui vediamo Claire, in una fase di RE2 Remake intenta a fissare una parete del tutto distrutta.

Sappiamo benissimo chi è stato ad abbattere la parete, e no, non è stato Mr. X, il Tyrant che ci insegue proprio nel secondo capitolo, perché non ancora apparso in quel punto dell’avventura, ma il suo collega, il Nemesis. Il villain stalker del terzo capitolo “appare” dunque in veste di easter egg che potrebbe preannunciare il ritorno del capitolo con protagonista Jill Valentine.

E se tre indizi fanno una prova, possiamo affermare che di indizi ce ne sono già a sufficienza per dare per definitiva la rinascita di Capcom.

Perché parliamo di rinascita? Be’, i veterani dei titoli Capcom lo sanno bene: il developer nipponico ha trascorso un periodo no facendolo passare anche a noi, a causa di scelte scellerate, sì, termine un po’ forte, ma tali rimangono, legate alla proprie serie di punta, in primis proprio Resident Evil.

Capcom: gli anni d’oro e la rivalità con Konami

Chi scrive è cresciuto con i videogiochi Capcom che hanno dettato legge negli anni ’90 e agli inizi degli anni 2000. All’epoca gli zombie di Resident Evil e i dinosauri di Dino Crisis riempivano i pomeriggi di milioni di giocatori lasciando poco spazio ai dubbi: Capcom era tra i leader incontrastati del settore.

La sensazione di essere di fronte a una sorta di re Mida che trasformava in oro tutto ciò che toccasse fu amplificata quando gli action poterono annoverare tra le loro fila altre due gemme dal valore inestimabile: Devil May Cry e Onimusha. Ovunque ci girassimo, trovavamo titoli Capcom da spolpare e le delusioni non erano contemplate.

Nel genere del survival horror, Capcom poi dovette affrontare la concorrenza di un altra software house giapponese, quella Konami che ci ha regalato la serie di Silent Hill. Lo dico francamente: ho sempre preferito Silent Hill a Resident Evil perché quel tipo di trasposizione dell’orrore era più vicina al mio io. I miei amori giovanili, insomma, vertevano in quelle due direzioni.

Konami non solo diede i natali a Silent Hill, fu anche divulgatrice di una delle serie più influenti della storia dei videogiochi, Metal Gear Solid, era leader del calcio su console con Pro Evolution Soccer, titolo che massacrava Fifa un giorno sì e l’altro pure, aveva Castlevania nel suo curriculum e ci deliziava con prelibatezze uniche come Shadow of Memories.

Quella rivalità faceva bene a tutti, al settore e ai giocatori e non è un parere personale, i fatti parlano chiaro.

Come non è un parere personale il fatto che Konami abbia avuto un tracollo davvero indecoroso, tanto da essere arrivata a uscire quasi completamente dal giro per puntare sui pachinko, come vengono chiamate le slot machine in terra d’Oriente.  Ecco, la stessa Capcom ci stava cascando e stava per buttare alle ortiche anni e anni di onorata carriera.

Capcom, che stavi combinando?

Non vogliamo prendercela con Capcom per aver abbandonato le serie di Onimusha e Dino Crisis, d’altronde la fine di una saga può anche essere fisiologica. Abbiamo iniziato l’articolo parlando del remake di Resident Evil 3, ebbene, è proprio sulla serie zombesca per eccellenza che la casa di sviluppo stava per accartocciarsi e tradire se stessa e i suoi fan.

Se Resident Evil 4 aveva messo tutti d’accordo: amanti dell’horror e fan dell’azione nuda e cruda, i capitoli successivi avevano fatto sorgere il dubbio che agli sviluppatori fosse venuta una strana crisi mistica o, semplicemente, volessero accalappiare un numero maggiore di giocatori non avvezzi a enigmi e backtracking, ma solo al rumore assordante dei mortai.

Resident Evil 5 è ancora accettabile, anche se Chris deve smetterla di doparsi, ma il sesto capitolo, nonostante le ottime vendite (e ritorniamo all’accalappiamento di cui sopra) è forse il punto più basso toccato… ah, no, ci sono anche Operation Raccoon City e Umbrella Corps con una spruzzata di Revelations.

Le esequie di Capcom stavano per avere luogo, poi…

… un moto d’orgoglio

Abbiamo parlato nel primo paragrafo di indizi che fanno una prova. Capcom sta rinascendo? Sì, gli indizi sono ormai tanti (la remaster di Onimusha Warlords quasi non la conto perché a parte l’appello alla nostalgia, c’è poco altro, di diverso avviso sarei stato con un remake – ma chi ci dice che non sia il preludio al remake di Onimusha 2?).

Il primo indizio è Resident Evil 7 che non è stato apprezzato da tutti. Non è un RE, la prima persona non va bene… sì, tutto molto condivisibile, più o meno, ma così facendo si distoglie l’attenzione dal vero punto fondamentale della questione: Capcom ha capito di aver ridotto quasi in cenere una saga storica e ha deciso di rimboccarsi le maniche. Resident Evil 7 è un survival horror coi fiocchi e non possiamo non tenerne conto.

Il secondo indizio è il remake di Resident Evil 2, il miglior rifacimento di sempre, probabilmente. Vedi, Capcom, che non hai perso il tocco? Allora usalo!

Il terzo indizio è Devil May Cry 5, action che verrà ricordato a lungo come un titolo di punta del 2019. Leggendo la recensione capirete il perché.

Eccoli, tre indizi che fanno una prova. Capcom sta rinascendo e vuole riprendersi il posto che le spetta.

Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopre la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il suo più grande amore e così decide di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la sua forma finale.

Disqus Comments Loading...
Share
Tags: capcom

Recent Posts

State tranquilli che Playstation 5 sarà più bella del suo developement kit

Da più o meno un giorno all'interno del magico mondo dell'internet è possibile trovare una foto rappresentante l'interno di un…

6 ore fa

GTA V ancora primo nelle classifiche: perché?

Ogni generazione videoludica ha i suoi must, titoli talmente iconici o dalle caratteristiche così convincenti da rimanere saldi in cima…

10 ore fa

[Gamescom 2019] Il futuro del PC gaming porta il nome di ASUS

Non solo videogiochi, questa Gamescom 2019 (qui tutte le novità presentate a Colonia) è stata anche l'occasione per parlare di…

13 ore fa

Doom Eternal | Anteprima Gamescom 2019

La mattina ha l’oro in bocca. Per colazione, in questa giornata di Gamescom, abbiamo scelto succo di Demone e costolette…

13 ore fa

Fortnite Stagione 10 – ecco le sfide della settimana 4

Come nostro solito ci incontriamo su queste pagine per affrontare ancora una volta l’appuntamento settimanale con le sfide del battle…

1 giorno fa

SONY acquisisce Insomniac Games e non ha intenzione di fermarsi!

Sembrava impensabile, eppure è successo: Insomniac Games, noto studio di sviluppo che non molto tempo fa ha dichiarato di voler…

1 giorno fa

Player.it è un quotidiano online iscritto al Registro della stampa presso il Tribunale di Teramo. Iscrizione n. 696 del 18/07/2019 - Direttore Responsabile Antonio Frezza