College americano offre borse di studio per i migliori giocatori di Apex Legends

Becker College inghilterra apex legends

Già una volta avevamo avuto notizia di un complesso scolastico americano che ci aveva dato dentro con delle borse di studio legate a meriti esportivi; questa volta abbiamo a che fare con qualcosa di particolarmente simile per concetto ma stavolta legato a quello che a conti fatti è il titolo del momento: Apex Legends.

Protagonista della vicenda è un college inglese che, collaborando con un paio di team legati al mondo eSports, ha deciso di lanciare un’ iniziativa path to pro, ovvero la possibilità di combinare l’esports all’istituzione superiore. Un’ iniziativa piuttosto interessante che inizia a assotigliare le distanze che al momento esistono anche dal punto di vista sociale tra sport normale ed eSports.

Vediamo insieme cosa è successo.

Il Becker College alla ricerca di giocatori di Apex Legends.

Tutto quanto è stato annunciato attraverso una dichiarazione sul sito web del college che sta facendo pian piano il giro del web. Il college americano, in collaborazione con Team Genji e Helix eSports, ha lanciato un programma deciso a raccogliere i migliori giocatori di Apex Legends presenti nelle scuole superiori inglesi per permettere loro di accedere al mondo universitario utilizzando come vettore il mondo degli eSports.

Quest’università americana è da tempo impegnata nel proporre tematiche vicine ai videogiochi come materie di studio: al momento è l’unica università del nord-america a proporre un corso di laurea in gestione degli esports ed ha il terzo corso di game design per voti secondo le associazioni americane.

Tale scelta è stata compiuta, secondo quanto dichiarato da Timothy Loew (eSports general director per il Becker College) al fine di dare a moltissimi giocatori un’ occasione unica e utile anche per la vita di tutti i giorni.

“Il nostro obbiettivo come college è quello di dare ai migliori giocatori di Apex Legends un’ occasione a dir poco unica: combinare il loro talento per il gioco competitivo con il mondo dell’istruzione, non esattamente una cosa scontata. Siamo la sede del primo programma di esports universitari all’interno dello stato americano delMassachusetts e del primo corso di laurea in gestione degli eSports all’interno degli Stati Uniti. Come Becker College siamo fieri di plasmare il futuro del videogioco competitivo alleandoci con due grandi marchi legati al mondo delle competizioni videoludiche come Genji e Helix.

Ottenere una borsa di studio giocando a Apex Legends.

Parliamo ora del succo della questione: come può uno studente delle scuole superiori americane venir ammesso al Becker College giocando a Apex Legends?

Secondo le istruzioni trovate sul sito del college è necessario partecipare all’Helix Esports Apex Legends Combine Tournament. Durante tale evento gli aspiranti borsisti vedranno le loro statistiche analizzate dai programmi di big data in dotazione al Team Genji e dallo staff del Becker College. In base a tali dati l’università definirà quali sono i giocatori più meritevoli che saranno poi invitati a presentare domanda di ammissione presso l’istituto. È possibile ricevere tale borsa di studio anche se si è già studenti del college.

I giocatori meritevoli alla fine avranno diritto a ricevere una borsa di studio da 5.000 dollari, non moltissimi considerando i costi delle università americane ma sicuramente meglio di niente. I borsisti avranno inoltre accesso al nuovo team competitivo del Becker College, in previsione dei campionati americani riservati al circuito scolastico.

Se volete partecipare allora è necessario che vi iscriviate nei canali corrispondenti, cliccate su questo link e tentate la fortuna dimostrato tutte le vostre abilità al battle royale più popolare del momento!

 Apex Legends è disponibile gratuitamente su PC (attraverso Origin), su Playstation e su Xbox One.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

no man's sky beyond cover

No Man’s Sky Beyond: l’aggiornamento multiplayer per il titolo di Hello Games

Etu Intestazione

Savage World – East Texas University