HOME » news

Famitsu rivela che il director di Chrono Trigger è il creative producer di Oninaki

una delle art ufficiali di oninaki

Vi ricordate quando, in occasione del Nintendo Direct di questo Febbraio, vi abbiamo parlato della nuova IP di Square-Enix e di Tokyo RPG Factory? Quel titolo, chiamato Oninaki, è il terzo videogioco prodotto da Tokyo RPG Factory ed è il primo videogioco, da più di un lustro a questa parte, che verrà diretto da Takashi Tokita.

Chi è Takashi Tokita?
Beh, il signor Tokita non è altro che il director dietro uno dei progetti dell’epoca d’oro di Squaresoft, il director dietro il leggendario Chrono Trigger e una figura di grande importanza per i successivi anni dell’azienda visto che si è posizionato sempre nella plancia di comando all’interno di alcuni dei titoli più sperimentali e fuori canone creati dal publisher nipponico.

Vediamo insieme di cosa stiamo parlando.

Da Chrono Trigger a Oninaki il passo è durato ventiquattro anni.

Oninaki, il nuovo RPG nipponico dallo stampo classicheggiante con qualche incursione nel mondo dell’action RPG, è stato annunciato nel corso dell’ultimo Nintendo Direct come titolo in arrivo per NIntendo Switch. Con l’ultimo numero di Famitsu, uscito da poco nei negozi, la stampa mondiale è riuscita a scoprire che il direttore del progetto non è altro che Takashi Tokita, membro storico di Squaresoft che ha diretto Chrono Trigger.

Chrono Trigger, che abbiamo avuto l’occasione di provare nella sua scombussolata versione PC, per chi non lo sapesse è considerato uno dei migliori videogiochi della storia e il gioco di ruolo giapponese più importante nella vita del genere; esso ha visto collaborare veri e propri mostri sacri dell’industria videoludica (e non solo) giapponese: Hironobu Sakaguchi (papà di Final Fantasy), Akira Toriyama (papà di Dragon Ball), Yoshinori Kitase (director di Final Fantasy VI), Yuji Ori (padre di Dragon Quest), Nobuo Uematsu (musicista dietro praticamente tutti i Final Fantasy) e Yasunori Mitsuda (Musicista dietro Chrono Cross, Xenogears e molti altri) .

Dopo aver lavorato al titolo Takashi Tokita si è dedicato ad una nutrita serie di collaborazioni all’interno di Square Enix, comparendo come director in moltissimi titoli più o meno di successo: Parasite Eve, The Bouncer, Final Fantasy IV DS e Final Fantasy Dimensions II.

Le sue posizioni sono dovute all’incarico di Lead Gamer Designer che ha ricoperto con Final Fantasy IV, primo capitolo della saga che ha iniziato a spingere pesantemente sull’acceleratore su trama e ambientazioni dando il via all’incredibile trilogia SNES della saga.

chrono trigger oninaki gameplay

Oninaki verrà sviluppato da Tokyo RPG Factory e vedrà la sua trata scritta da Hortaka Inaba, autore dei due precedenti videogames sviluppati dalla software house: I Am Setsuna e Lost Sphrear. Secondo quanto dichiarato all’interno di Famitsu la storia di Oninaki sarà decisamente più disturbante e scioccante di quella dei titoli appena citati e punterà ad un target più maturo del solito cercando di dare loro un esperienza ruolistica degna di questo nome.

Come se non bastasse sembra che Tokyo RPG Factory abbia assunto, praticamente per l’occasione, un buon numero di nuovi programmatori con esperienze pregresse nell’ambito dello sviluppo di giochi di ruolo con componenti action; buone notizie che si sommano alla presenza di un nome così importante nella posizione di director.

Riuscirà Tokyo RPG Factory, questa volta, a consegnare un titolo in grado davvero di muovere le acque? I precedenti due videogiochi sviluppati dalla software house rientrano all’interno dei classici giochi di ruolo alla giapponese senza però riuscire ad eccellere in nessun ambito, consegnando esperienze non particolarmente memorabili che non hanno visto il plauso della critica.

Noi di Player.it ad esempio, abbiamo recensito Lost Sphear: In sostanza, Lost Sphear è decisamente un buon titolo, per quanto diretto – zero attività secondarie oltre alla quest principale – ma con la giusta longevità. Grazie ad un gameplay a metà tra lo storico e il moderno può attirare sia un pubblico più attempato che quello più giovane. Controlli da tastiera a parte, pur non eccellendo si fa giocare più che volentieri e il suo aspetto carino e colorato è una gioia per gli occhi. Magari non è un titolo per tutti, ma va bene sia per gli appassionati sia per chi si sta approcciando solo ora ai JRPG.

Oninaki è stato annunciato da Square Enix al Nintendo Direct; il titolo uscirà per Playstation 4, Steam e Nintendo Switch nel corso dell’estate 2019.

uno screenshot del gameplay di oninaki

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Intervista-a-Gianandrea-Muia

Out Of The Box – Intervista a Gianandrea di Orion – Web Dubbing

Vampire the Masquerade, religioni e mitologia - vol. 4

[La tana dell’Orso] Vampire: the Masquerade, le religioni e la mitologia – Vol. 4