Quando qualcuno parla di Granblue Fantasy in Europa cadono un po’ tutti dalle nuvole. Per trasformare l’opionione sulla saga che ha visto Nobuo Uematsu e Hideo Minaba tornare a lavorare fianco a fianco è stato necessario l’aiuto di un gigante come Cygames e di nomi altisonanti come quello di Platinum Games.

Avevamo parlato durante questo dicembre di come, finalmente, anche il pubblico occidentale potesse confrontarsi con gusto con il mondo di Grandblue Fantasy attraverso una coppia di titoli estremamente promettenti: un picchiaduro bidimensionale sviluppato da Arc System Works (Dragon Ball FighterZ o Guilty Gear, per dire due titoli di grande rilievo) e un action-rpg sviluppato da Platinum Games (Bayonetta o Nier AutomatA).

La sorpresa è arrivata oggi quando, con un comunicato stampa, Cygames ha annunciato il termine della collaborazione con Platinum Games per lo sviluppo del titolo e la loro conseguente uscita dal progetto.

Vediamo insieme più precisamente cosa è successo.

Granblue Fantasy verrà completato da Cygames.

granblue fantasy

Al momento le motivazioni dietro l’abbandono di Platinum Games al progetto non sono state esplicitate in modo chiaro.
Secondo i comunicati stampa rilasciati da Cygames e Platinum Games, a motivare la defezione di quest’ultima sono semplicemente i termini del contratto firmato per collaborare allo sviluppo di Granblue Fantasy: Relink. Quello che resta del gioco verrà sviluppato internamente a Cygames senza supporto di altre compagnie esterne.

Per Platinum Games, quindi, sembra essere arrivato il momento di lavorare su Babylon’s Fall e Bayonetta 3 mentre Cygames ha dalla sua lo sviluppo dell’interessantissimo Project Awakening per Playstation 4.

Platinum Games è una software house nota per sviluppare videogiochi action dal combat system ipercinetico. Nel corso della sua carriera l’abbiamo vista creare da zero la saga di Bayonetta, perfetto esempio del sopracitato genere e l’abbiamo vista lavorare alle volte con game designer assolutamente fuori di testa (come lo Yoko Taro di NieR: AutomatA) o con licenze più o meno pesanti (come quella di Avatar o di Transformers).

Nel nostro piccolo possiamo soltanto sperare che la collaborazione tra Cygames e Platinum si sia conclusa dopo la fine dei lavori sul combat system del titolo da parte di quest’ultima, combat system che abbiamo potuto vedere all’interno di qualche filmato e che sembra essere davvero interessante con tutte le meccaniche tipiche che abbiamo imparato ad apprezzare all’interno della ludoteca Platinum.

Che cos’è la saga di Granblue Fantasy?

La saga di Granblue Fantasy è un brand videoludico relativamente recente nato su iOs e Android nel Marzo 2014 grazie agli sforzi di Cygames. Il titolo originale della saga era un gioco di ruolo con battaglie a turni che si ispirava in modo non troppo velato al juggernaut conosciutto come Final Fantasy: evocazioni, sistema a classi e crescita dei personaggi sono alcune delle caratteristiche più importanti del titolo che ne caratterizzano il gameplay.

I personaggi di Granblue Fantasy all’interno del titolo mobile guadagnavano equipaggiamenti, livelli e statistiche attraverso il completamento di quest o attraverso l’utilizzo di specifici oggetti acquistabili attraverso un complesso sistema gacha che è perfettamente comparabile con quello del più famoso Fire Embles Heroes, di casa Nintendo.

Granblue Fantasy ha potuto fregiarsi di un successo incredibile: durante un rivelamento fatto a Marzo 2016 il titolo era stato scaricato oltre 10 milioni di volte nel solo Giappone; tale numero non si è assolutamente fermato e, a Gennaio 2018, aveva raggiunto l’incredibile cifra di diciotto milioni di download.

Al giorno d’oggi Granblue Fantasy è uno dei più grandi successi mobile nipponici: il titolo ha fatto registrare oltre 22 milioni di download ed ha fatto registrare cifre assolutamente folli. Secondo le statistiche raccolte dalla stampa nipponica, il titolo in soli dieci mesi (tra Gennaio 2017 e Ottobre 2017) ha fatto registrare ricavi per 186.32 milioni di dollari. Tra l’inizio del 2017 e la fine del 2018 Granblue Fantasy si è portato a casa oltre 489 milioni di dollari in microtransazioni da parte della sua playerbase, facendo registrare alcuni dei ricavi più elevati tra quelli che è possibile immaginare all’interno del mercato videoludico. Per fare un paragone Knives Out, un titolo free to play per smartphone dal recentissimo boom si è portato a casa nel corso di un singolo anno 465 milioni di dollari.

Granblue Fantasy Relink al momento non possiede ancora una finestra di lancio; secondo le indiscrezioni il gioco dovrebbe venir pubblicare nel corso del 2019 all’interno del territorio giapponese ma molti analisti reputano più probabile un lancio nel corso del 2020. Per questo motivo non ci resta che attendere con pazienza una qualche notizia da parte del publisher stesso.

Continuate a seguirci su Player.it per scoprire quando il titolo verrà lanciato sul mercato e se si rivelerà essere qualcosa di deludente sotto qualche punto di vista.

 

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!