Resident Evil 2: mostrati costumi celebrativi di Leon e Claire

Resident Evil 2 remake presentazione costumi leon e claire 1998


Se avete quella che comunemente nel mondo dei videogiochi si definisce una certa età allora probabilmente avrete giocato al capitolo originale di Resident Evil 2.
Resident Evil 2, nella sua versione originale, uscì nell’ormai vetusto 1998 portando una ventata di freschezza nel giovanissimo mondo dei survival horror tra personaggi selezionabili, storyline differenti, cattivi memorabili e una Racoon City ancora più inquietante del solito.

Se avete la sopracitata certa età ed avete dato un’ occhiata ai vari trailer e ai vari gameplay (o avete addirittura provato la curiosa demo 1-shot) avrete notato che nel nuovo capitolo di Resident Evil manca ancora qualcosa: quel gusto di poligoni a 32-bit e quegli spigoli in bellavista che caratterizzavano in modo importante tutta l’estetica degli ultimi anni novanta.

Fortunatamente Capcom ha pensato alla cosa giusta ed ha deciso di far contenti tutti gli appassionati aggiungendo, all’interno del remake di Resident Evil 2, dei costumi speciali che trasformeranno Leon e Claire nelle loro controparti poligonali provenienti dalla versioni Playstation del titolo.

Resident Evil 2 Demake

Resident Evil 2 remake leon 1998 costume

Tutto è cominciato con uno streaming commemorativo per il capitolo originale di Resident Evil 2 tenuto da Capcom. All’interno di tale Streaming la software house nipponica ha lasciato intuire quali saranno alcuni dei contenuti post-lancio riferiti al gioco ed ha presentato anche delle piccole novità che arriveranno dopo la release mondiale.

Le cose più importanti che arriveranno saranno la modalità The Ghost Survivors, una specie di versione roguelite all’acqua di rose dove i giocatori si ritroveranno all’interno del mondo di gioco con alcuni elementi randomizzati ed un sistema di progressione a punti per lo sblocco dei potenziamenti; la modalità farà impersonare ai giocatori esseri umani mai stati giocabili prima e inserirà anche nemici nuovi di zecca all’interno dell’ecosistema di gioco.

The Ghost Survivors sarà una specie di versione moderna della modalità alternativa Extreme Battle presente nella versione originale del titolo; per questa modalità Capcom ha annunciato un sacco di personaggi inizialmente di contorno nel titolo come la figlia del sindaco, Robert Kendo o uno sconosciuto membro dell’ U.S.S

Il piatto forte è però dato da un contenuto prettamente cosmetico: Capcom rilascerà due costumi che imitano alla perfezione i modelli poligonali di Leon Kennedy e Claire Redfield realizzato per la versione del gioco del 1998; tali costumi saranno gratuitamente disponibili (almeno per il mercato giapponese) a partire per il 22 marzo.

Tutti questi contenuti sono osservabili all’interno di questo grande video che racchiude l’intero stream celebrativo di Capcom:

  • 59.01 – la comparsa del costume 1998 di Leon
  • 1.06.42 – gameplay delle sezioni di gioco legate al personaggio di Hunk

https://www.youtube.com/watch?v=VMD1-XRSdmQ

Resident Evil 2 Remake è previsto per il 25 Gennaio 2019 per PC, PS4 e Xbox One;

[UPDATE] Il personaggio di Tofu è stato creando scansionando un formaggio.

Tutti quelli della vecchia guarda sanno bene di come Resident Evil 2 fosse abbastanza rigiocabile grazie all’esistenza di alcune modalità nascoste come 4Th Survivor e Tofu Survivor.
Entrambe permettevano al giocatore di vivere un’ esperienza parallela al gioco normale attraverso l’utilizzo di due personaggi, uno piuttosto serio (il cui segmento di storia è addirittura canon!) ed uno molto più scherzoso

Di chi stiamo parlando?
Di Hunk e Tofu, ovviamente!

Chi è Tofu?

Abbiamo già citato Hunk qualche riga sopra, parlando di come all’interno del livestream ci fosse una fase dove veniva mostrato il gameplay della sua modalità specifica; quello che però abbiamo scoperto oggi grazie alla progressiva traduzione dello streaming in linguaggi comprensibili a noi europei è altro ed è sicuramente più divertente: Il personaggio di Tofu, nel remake di Resident Evil 2, ha un modello poligonale creato scansionando del reale Tofu di tipo Cotton creato dall’azienda Otokomae Tofu!.

La modalità Tofu Survivor, nell’originale capitolo per Playstation 1, era così chiamata a causa dell’esistenza di questo personaggio, inizialmente ragionato da Capcom come un modello poligonale semplice con cui poter testare il sistema di collisioni del titolo. Armato soltanto di coltello e qualche unità di erba curativa, al giocatore spettava il compito di accompagnare il pezzetto di Tofu in giro per lo stesso scenario che prima era toccato al personaggio di Hunk. Nella versione originale di Resident Evil 2, rispondeva agli attacchi insultando i nemici nel dialetto tipico del Kansai (regione nipponica) ed aveva un’ animazione unica per la morte.

Ad aver descritto l’origine del personaggio di Tofu in Resident Evil 2 Remake è stato il producer Tsuyoshi Kanda nello streaming celebrativo, descrivendo con dovizia di particolari il processo di creazione del pezzetto di Tofu in questione.

 

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

super-smash-bross.-pianta-piranha-dlc

Super Smash Bros. Ultimate – La Pianta Piranha arriva a Febbraio

kingdom hearts 3

Disponibile il pre-load su Playstation 4 di Kingdom Hearts III