Una notizia sta scuotendo il mondo dei videogiochi: Bungie e Activision si dividono, un divorzio che ha radici profonde e che segnerà il destino di Destiny. Lo sparatutto ora passa totalmente nelle mani di Bungie che potrà decidere in modo del tutto autonomo come e quando continuare a supportarlo.

La fine del sodalizio lavorativo tra i due colossi arriva dopo anni di tensione, tensione che esisteva da prima che il primo Destiny venisse pubblicato. Sembra, stando alle fonti, che Bungie abbia riferito ciò ai propri dipendenti durante una riunione questo pomeriggio, e che questi non si siano affatto mostrati affranti, anzi. La cosa è stata presa come una notizia fantastica per uno studio che da tempo si era stancato di trattare con il suo editore, cioè Activision.

Bungie ha pubblicato sul suo blog questo messaggio:

Abbiamo vissuto otto anni di successo e vorremmo ringraziare Activision per la loro partnership con Destiny. Guardando al futuro, siamo lieti di annunciare i piani per Activision che ha deciso di trasferire i diritti di pubblicazione di Destiny a Bungie. Abbiamo una straordinaria community, adesso siamo pronti a pubblicare da soli, mentre Activision aumenterà il focus su progetti di sua proprietà.

Destiny, che è stato lanciato per la prima volta a settembre 2014, ha ricevuto molte attenzioni da parte degli sviluppatori che lo hanno ampliato con espansioni, aggiornamenti e un sequel. La più recente uscita del franchise, Destiny 2: Forsaken, è stata amata dai giocatori, ma non è riuscita a soddisfare gli standard di vendita di Activision.

Una delle tensioni più significative tra Bungie e Activision era stata per lungo tempo il programma annuale, che imponeva il rilascio di un nuovo gioco o espansione di Destiny ogni autunno. Ora, separata da Activision, Bungie non sarà più vincolata a quel programma.

Continueremo a rispettare l’attuale roadmap di Destiny e non vediamo l’ora di rilasciare altre esperienze stagionali nei prossimi mesi, oltre a sorprendere la nostra community con alcuni annunci entusiasmanti.

Voi cosa ne pensate di questo divorzio? Come sarà il futuro di Destiny ora che è totalmente sulle spalle di Bungie? Non ha dubbi in merito un grande nome dell’industria videoludica, Phil Spencer, capo di Xbox, che ha pubblicato su Twitter un messaggio in cui mostra di essere compiaciuto della notizia:

Spencer non è l’unica figura importante nell’industria dei videogiochi a rispondere pubblicamente alla notizia, infatti, anche il vicepresidente di Epic Games, Mark Rein, ha mostrato molto ottimismo. C’è, in effetti, un generale ottimismo tra i giocatori e gli sviluppatori su Bungie che ora è completamente indipendente e in grado di andare avanti con il suo franchise Destiny.

5/5 (4)

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!