In modo lento ma costante, il colosso giapponese Sega sta pian piano portando la sua ludoteca anche su PC facendo contenti tutti noi appassionati di videogiochi che apprezziamo di buon grado alcuni tra i titoli più nipponici presenti sul mercato. Abbiamo già visto Bayonetta arrivare su Pc con la sua carica di follia e di stile, abbiamo visto ( e recensito!) anche la storia del dragone di Dojima con Yakuza arrivare sui nostri personal computer preferiti.

Questa volta potrebbe essere la volta di uno dei videogiochi di culto più interessanti dell’ultimo decennio: Catherine ed il suo gameplay tra il puzzle game ed il videogioco di piattaforme.

Perché pensiamo ciò?
Perché a dircelo è stato una pecora!

Catherine in arrivo su Steam?

No, tranquilli, quando abbiamo parlato di pecore non siamo impazziti del tutto.

La pecora che ricorda catherine proviene direttamente dal profilo steam di Bayonetta

L’ultimo post presente sul profilo steam dedicato a Bayonetta rappresenta la simpatica foto di una pecora in primo piano che fa la linguaccia a chi guarda.
Sebbene ai più questa immagine possa sembrare semplicemente una goliardata come l’altra gli appassionati del titolo avranno già inteso il riferimento simbolico.

All’interno di Catherine le pecore andavano a rappresentare lo stuolo di sognatori che si ritrovavano intrappolati all’interno di un incubo praticamente infinito, costretti a risalire una scalinata multiforme di notte in notte al fine di sopravvivere. Il titolo, uscito per Playstation 3 nel corso del 2011 è stato resuscitato ultimamente ed uscirà in una versione riveduta e corretta nel corso dei prossimi mesi (in Giappone il titolo uscirà il 14 Febbraio, in occasione di San Valentino) sotto il nome di Catherine: Full Body su PS4 e PSVita.

Catherine, nonostante le sue stranezze ludiche e tematiche, è riuscito nell’obbiettivo di diventare un gioco di culto grazie alla sua natura duplice: metà puzzle game (durante le fasi notturne) e metà dating sim (durante quelle diurne); un titolo pieno di simbolismi, di stile e di tutto quell’essere nipponici che poi ha decretato il successo incredibile di Persona 5 durante il 2016 (Persona 5 che sembra sia in dirittura di ritorno).

Uno screenshot del gameplay di Catherine

Durante lo scorso anno Kotaku aveva anche adocchiato l’agenzia di classificazione australiana analizzare e giudicare una curiosa versione multipiattaforma del titolo chiamata Catherine Classic; che questa pecora sia semplicemente una conferma implicita del prossimo annuncio ?

Per il momento l’azienda giapponese non ha commentato la vicenda ne ha dato ulteriori informazioni in alcun modo; la pagina steam con la foto della pecora sopra mostrata è stata presa d’assalto dai fan divisi a metà tra chi vuole l’annuncio di Bayonetta 2 per Pc e chi invece pensa che l’annuncio riguardi veramente l’arrivo di Catherine sulla piattaforma di digital delivery made in Valve.

Voi da che parte state? Avete apprezzato Catherine durante il periodo della sua uscita o aspettato l’edizione Catherine: Full Body per avvicinarvi al titolo?
Fatecelo sapere nei commenti!

[UPDATE] Tana per Catherine su PC.

Un indizio, stavolta davvero importante, per l’arrivo di una versione di Catherine su PC è comparso nuovamente; stavolta direttamente sul sito dell’ESRB (Entertainment Software Rating Board) ovvero l’ente che determina le classificazioni d’età per i videogiochi.

All’interno della descrizione dell’ESRB il titolo, nella sua accezione classica (poiché le altre piattaforme citate sono Playstation 3, Xbox 360 e Xbox One ), viene segnalato come disponibile anche per PC.

L’ESRB si è anche occupato di redigere una completa descrizione di tutti gli elementi presenti all’interno del gioco che potrebbero risultare disturbanti o meno per determinate fasce di pubblico; la descrizione completa la potete trovare tranquillamente qui sotto nell’idioma originale.

This is a puzzle adventure game in which players assume the role of Vincent, a man with relationship issues that are manifested in his dreams. The game transitions between animated cutscenes and puzzle stages (i.e., nightmares); in the nightmare world, players must help Vincent ascend crumbling towers by pushing, pulling, and climbing blocks to reach an exit. If players make the wrong move, they can be killed by spike traps and giant boss creatures (e.g., a demon bride, a chainsaw-wielding baby); death scenes are accompanied by exaggerated splashes of blood as Vincent is stabbed, crushed, shot, or bitten. During one cutscene, a character is stabbed in the stomach with a knife; a large pool of blood quickly forms under her body. In order to move faster in the puzzles stages, players can order Vincent alcoholic beverages (e.g., mixed cocktails, beer, sake, whiskey); after three drinks, he begins to stumble around when moving. These sequences are accompanied by voice-over narration: “It’s said that chugging alcohol isn’t good for you, but sometimes it’s necessary” and “[T]ake a big swig of cognac!” Throughout the game, sex and sexuality are frequently referenced, sometimes while two characters are in bed together (e.g., “I finally became a man! Got rid of my V-card, BOOM,” “If the one you loved confessed to a sexual habit that you found absolutely unacceptable, what would you do?” and “After all you’ve done to my body . . . Night after night . . .”). One bedroom sequence pans across a man’s legs, then to his curling toes; another scene briefly depicts a woman caressing her body while making suggestive comments (e.g., “I’ve got such a hunger for these feelings . . . I know you have some hungers as well, don’t you?” ). The game also depicts the central character surrounded by topless female demons—though shadow effects obscure most details. The words “f**k” and “sh*t” can be heard in the dialogue.

Un ringraziamento sentito è dovuto ai giornalisti di Siliconera, primi ad aver trovate tale cambiamento all’interno delle pagine dell’ente ESRB.

[UPDATE] Di pecore e Germania.

L’organo regolamentatore per i contenuti in Germania, conosciuto anche come USK, ha appena classificato un videogioco chiamato Catherine Classic per il nostro amato PC.
La definizione Classic all’interno del titolo del gioco sembra suggerire semplicemente che la versione che arriverà su Steam sarà quello che originariamente avevamo visto anni e anni orsono su Playstation 3 e Xbox 360.

Come se non bastasse, SEGA sta continuando la sua campagna marketing a base di Ovini pubblicando sulle pagine news di numerosi suoi giochi su Steam immagini con protagoniste pecore di ogni tipo e forma. Abbiamo visto gli ovini comparire, ad esempio, sulla pagina steam di Valkrye Chronicles 4, di Yakuza 0, sulla pagina della Shenmue I & II Collection, di Puyo Puyo Tetris e di Shining Resonance Refrain.

La community di ResetEra, sempre sia lodata, ha scoperto che dietro ogni immagine postata erano presenti delle chiavi steam decodificabili attraverso l’utilizzo del seguente tool. Al momento le immagini decodificate hanno portato ai seguenti risultati:

  • A4Q70-B2G3M-5WRAX… Get (1/8)
  • XDGR5-9AV9B-JC344… ready (2/8)
  • PATMT-4CMQL-47KEH… for (3/8)
  • 0GWLK-IGWEI-Q4Z4D… something (4/8)
  • AYGAR-H8DCM-MP2XX… sexy (5/8)
  • 86V4H-0WGDQ-EXF6P… on (6/8)

Ovvero Get Ready For Something Sexy On CATHERINE CLASSIC.

Fra due giorni probabilmente scopriremo la cocente verità sulla questione Catherine Classic, fino a quel momento continueremo a fare i complimenti a SEGA per le scelte di marketing fatte in termini di foto di ovini

[UPDATE] Catherine Classic è ufficialmente stato rilasciato per Steam.

Alla fine è successo: Catherine Classic è stato rilasciato per Steam ed è disponibile per la cifra di 20€ sul marketplace di Gabe Newell.

Questa la descrizione del titolo presente all’interno della pagina Steam:

“Esplora i piaceri e l’orrore dell’amore con Vincent, un uomo davanti a un bivio: sposare la sua ragazza, Katherine, o voltare pagina con l’incredibile biondina che si trova nel suo letto… Catherine! Ma attenzione! Se fai la scelta sbagliata, potresti morire. Questo rompicapo d’avventura dinamica, che esplora le debolezze umane, la natura delicata delle relazioni e delle nostre scelte, è un’esperienza del tutto atipica.

Prodotto dallo straordinario team di Atlus che ha creato la saga di Persona, e con le animazioni di Studio 4°C, conosciuto per i film anime Memories e Tekkonkinkreet – Soli contro tutti, Catherine Classic è una perla progettata e presentata con stile.”

5/5 (1)

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!