Recensione Yakuza 0 (PC)

Yakuza 0

Il mondo dei porting da console a computer è spigoloso e pieno di prodotti che ancora guardano con il lanternino la parola eccellenza: videogiochi che crashano quando si clicca sul pulsante avvia, videogiochi che rimangono di una legnosità e di una scomodità mai vista prima, videogiochi che si ritrovano infestati da bug di natura ignota. Yakuza 0 riesce a spezzare i legami che potrebbe avere con questi titoli e a spiccare il volo, conservando tutte le sue piume e portando nel mondo del personal computer la qualità eccelsa che lo ha contraddistinto su console.

Passeggiare per le strade di Kamurocho ricorda certa letteratura e certa filmografia nipponica, con dei neon molto luminosi e le strade perennemente bagnate dalla stagione delle piogge che imperversa inesorabile sull’arcipelago del sol levante. Entrare in un combini a notte fonda e comprarsi da soli ciò che è necessario per chiudere il buco sullo stomaco, entrare in un karaoke e dare il meglio di se nei confronti della circostante folla, uscire e imbattersi in una gang di ubriaconi molesti pronti a mostrare al mondo.

Siamo poco più che ventenni, tatuati e senza un passato da ricordare col sorriso, figli adottivi di un boss mafioso e desiderosi di ringraziare questo nostro padre attraversa una lealtà cieca e indefessa, l’unico modo che conosciamo.

Vediamo come si comporta l’avventura del dragone di Dojima su personal computer!

Yakuza 0 approda (felicemente) su PC!

Tagliamo la testa al toro: il porting funziona ed è fatto sorprendentemente bene.
Entrando già nel menù delle opzioni è possibile notare come gli sviluppatori di SEGA abbiano deciso di farci mettere mano pressoché ovunque, potendo interagire con davvero tantissimi parametri legati alla qualità grafica o alle impostazioni del proprio schermo.

Yakuza 0L’impatto grafico, contata anche la natura cross-gen del titolo originale, presenta un buon colpo d’occhio senza troppi virtuosismi tecnici; texture slavate e non di qualità eccelsa funestano alcuni scorci di Kamurocho e di Sotenbori mentre le animazioni legate ai movimenti sono ancora grandemente imperfette.

Yakuza 0 però non vuol far colpo sui videogiocatori e le videogiocatrici attraverso una rappresentazione fotorealistica della realtà, bensì punta molto più al respiro tangibile di un atmosfera. Come sopra citato, ogni passo fatto da Kiryu Kazuma all’interno del quartiere a luci rosse di Tokyo porta con se l’umidità della stagione delle piogge, l’odore del negozietto di ramen o il cianciare della folla notturna; camminare nei vicoli bui che si posizionano tra i palazzoni di cemento e metallo ha un sapore unico che è difficile trovare in altre produzioni ludiche.

A questo dobbiamo poi sommare il comparto ludico, fiore all’occhiello del prodotto di cui parliamo e motore dell’opera tutta. Yakuza 0 rappresenta, forse in modo un po’ apocrifo, l’evoluzione di FREE, il motore che si posizionava nel retro della leggendaria saga di Shenmue, madre putativa della saga sulla mafia giapponese.

Yakuza 0 AKA simulatore di cose da fare per non continuare la trama principale.

Yakuza 0Non abbiamo condizioni meteo variabili ma abbiamo gradi di libertà molto simili, lontani dal sandbox puro che ha animato (ad esempio) l’ultimo capitolo di Grand Theft Auto o dalla spettacolarità del motore di Just Cause 3; Yakuza 0 predilige immergere e sommergere il giocatore in un mondo che non ha mai vissuto.

Per generare tutto ciò Sega ha deciso di impegnare gran parte della sua forza lavoro per dare struttura e spessore agli edifici che incontriamo; ogni angolo avrà il suo combini, la sua sala giochi, il suo baretto loschissimo in cui assaggiare drink differenti o cocktail prelibati; ogni angolo potrebbe nascondere una coppietta in preda a dei teneri baci, dei salaryman ubriachi e chi più ne ha ne metta.

Le attività secondarie che possono essere compiute nel corso di una singola partita a Yakuza 0 sono molteplici ed estremamente ben caratterizzate. Abbiamo un intera sezione dedicata ai retrogames con titoli storici come Outrun o Super Hang-on, gli Ufo-Catcher che racchiudono collezionabili su collezionabili, il karaoke da interpretare come un rhytm game sopra le righe con sotto dei video musicali da soli valgono la candela, bowling e molti, molti, davvero molti altri minigiochi.

il 90% di queste attività non è legato in alcun modo allo scorrere della trama principale del gioco e funge da perfetto riempitivo tra una passeggiata e l’altra dei nostri protagonisti all’interno dell’ambiente di gioco.; le attività secondarie in Yakuza sono il collante che permettono al giocatore di decomprimersi tra una missione di trama e l’altra.

Botte da orbi e discorsi da mafiosi.

Se quelle che abbiamo visto sin’ora sono attività secondarie, cosa rimane in Yakuza 0?
Nel suo core il titolo è un videogioco free-roaming con un forte accento sull’azione; in Yakuza i nostri protagonisti non faranno altro che menare le mani con il resto della popolazione giapponese.

Yakuza 0Il sistema di combattimento prevede un’ interessante interazione ambientale e la possibilità di prendere praticamente qualsiasi oggetto dagli scenari per malmenare i nostri sventurati avversari, cambiando nel frattempo tra tre diversi stili di combattimento, potenziabili dall’apposito menù.

Ogni stile di combattimento è orientato verso una determinata tipologia di nemici; al giocatore è permesso cambiarlo durante le scazzottate per assicurarsi sempre la posizione di vantaggio sul resto degli avversari. Oltre alla classica barra della vita sarà presente una barra denominata Heat, che rappresenterà il nostro grado di eseguire azioni speciali e contestuali con l’ambiente che ci circonda, caricabile combattendo con le diversissime tipologie di malviventi presenti nel titolo.

Yakuza 0Le battaglie saranno, nel corso della trama principale, sottomesse ad una delle storie più interessanti e cinematografiche comparse nel mondo videoludico ultimamente. Yakuza 0 è il primo capitolo, a livello cronologico, di un’ epica saga basata sulla mafia giapponese e sulla loro visione della vita; un capitolo che presenta le origini di personaggi ormai diventati leggenda come il sopracitato Kiryu Kazuma e Majima Goro, alle prese per la prima volta con il mondo della malavita nipponica.

Alla trama serviranno diciassette capitoli per dipanarsi completamente, portando il giocatore in un continuo rimbalzare tra Tokyo e Osaka, alla ricerca della verità dietro una grande cospirazione che coinvolge il mondo della Yakuza giapponese. Una trama ben scritta recitata (doppiata in giapponese con sottotitoli in inglese) splendidamente, in grado di accalappiare il giocatore e di farlo innamorare di determinati scorci e personaggi.

Yakuza 0 è un titolo enorme, invitante e addirittura alienante. Mille milioni di cose da fare aspettano Goro e Kiryu all’interno del loro percorso di redenzione e maturazione; il primo tassello cronologico di una saga che si spande per oltre venti anni di storia giapponese e ne disegna i retroscena.


Un sistema di combattimento divertente e una moltitudine di attività secondarie accompagnano una trama accattivante in un Giappone tratteggiato come davvero poche altre volte nella storia del medium.

Il ritmo compassato e tutto fuorché vitale durante le prime fasi di gioco potrebbe scoraggiare, senza però incidere sulla valutazione finale. Se non vi piace la vostra vita, andate a sistemare quella di Kiryu e Goro all’interno di Yakuza 0.

Yakuza 0

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

the franz kafka videogame soluzione enigmi

The Franz Kafka Videogame – Soluzione di tutti gli Enigmi

BETHESDA

Bethesda blocca la vendita di un gioco usato su Amazon