Valve rimanda la beta di Artifact a pochi giorni prima del lancio.

artifact

Vi ricordate di Artifact, il gioco di carte collezionabili basato sul mondo di Dota 2?
Sembra proprio che Valve abbia qualche gatta da pelare, di origine diversa rispetto alla follia che li ha costretti a cambiare il nome di una carta per riferimenti razzisti; parliamo di versioni beta questa volta.

I giocatori che avevano mostrato interesse nel partecipare alla semi-open beta prevista per il mese di ottobre hanno ricevuto un email molto triste che li ha informati di un’ importante cambiamento.

Sembra proprio che Valve abbiamo rimandato la beta a… sette giorni prima dell’uscita del gioco ufficiale.

Vediamo insieme cos’è successo.

Artifact entrerà in Beta il 19 Novembre.

Artifact beta


“Questa email è stata inviata soltanto agli spettatori del The International Dota 2 Tournament o a chi ha registrato una beta key di Artifact; abbiamo aggiunto Artifact al tuo account steam ma abbiamo bisogno di lavorare ulteriormente sul titolo prima di aprire una beta. Per questo motivo pensiamo che quest’ultima inizierà ufficialmente il 19 Novembre mentre la release pubblica del titolo rimane fissata per il 28 Novembre.”

Nonostante Valve non abbia ufficialmente confermato questo ritardo abbiamo soltanto motivi per credere all’email di cui sopra; la rivista americana PC Gamer ha anche notato come l’account Twitter ufficiale di Artifact abbia rimosso qualsiasi tipo di riferimento alla beta del titolo all’interno del suo profilo.

Su Reddit nel frattempo si sono già scatenate le masse riguardo le motivazioni per cui questa beta è stata rinviata: c’è che dice che la frase “planning for that to happen” stia a suggerire come ci possano essere ulteriori ritardi per l’uscita della beta mentre chi è più positivo sempliemente suggerisce di intepretare la cosa come un “Se le cose non vanno come previsto ma vanno meglio potrebbe anche uscire prima“.

Non ci resta che sperare e ridere, in fondo stiamo pur sempre parlando di Valve; la stessa azienda che deve consegnarci un seguito di Half Life 2: Episode 2 da undici stramaledetti anni; cosa sono nove giorni in confronto all’attesa che stiamo sopportando per Half Life 3?

gabe newell forbes lista ricchi america

 

Detto questo, se Artifact è nelle vostre corde, date un’ occhiata a tutto ciò che abbiamo scoperto fin’ora: abbiamo una lista di carte dedicate al mondo di Dota2, una guida al Deckbuilding e alle domande più comuni che è possibile fare sul nuovo titolo di Valve e una guida introduttiva riguardo tutte le funzioni terra terra che potrebbero essere presenti all’interno del gioco.

Artifact uscirà ufficialmente il 28 Novembre 2018 su Pc ed arriverà, prima o poi, anche sugli smartphone di tutto il mondo segnando lo sbarco del source engine all’interno degli ecosistemi Android e iOs. Il titolo verrà venduto per circa 20$ su Steam e offrirà a i giocatori di vendere e scambiare le proprie carte utilizzando il marketplace della piattaforma di Gabe Newell.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

mega man 1 voto

Recensione: Mega Man 11 (PS4)

elon musk acquista e cancella fortnite

Elon Musk acquista e cancella Fortnite: il meme virale su Twitter