HOME » news

Guerrilla Games assume ex sviluppatori di Rainbow Six: Siege; nuovo Killzone?

Guerrilla Games

Guerrila Games per moltissimi significa unicamente Horizon Zero Dawn o il suo motore grafico Decima Engine, colpevole di essere dietro la realizzazione del chiacchieratissimo ( ma mai troppo) Death Stranding di Hideo Kojima.

Per altri Guerrilla Games è collegato all‘Halo di Sony: Killzone, una saga di sparatutto in prima persona nata su Playstation 2 e arrivata sino a questa generazione tra alti e bassi. La saga di Killzone, nel corso dei suoi anni di carriera, si è sempre presentato come la cartina al tornasole del livello tecnico raggiungibile dalle console con facendo più e più volte gridare al miracolo per come Playstation fosse in grado di animare e rendere realistici determinati mondi di gioco.

A tal merito è degna di attenzione la notizia che l’azienda sta assumendo per un nuovo progetto senza ancora nome ma è possibile intuire la direzione che il titolo prenderà grazie ad alcune assunzioni fatte: alcuni dei game designer più importanti dietro l’ideazione di Rainbow Six Siege sono stati infatti assunti.

Vediamo più nel dettaglio cosa è successo.

Guerrilla Games al lavoro su qualcosa di completamente nuovo.

Guerrilla Games

Nuovo giro di assunzioni per Guerrilla Games, foraggiati da un progetto tutto nuovo che deve ancora essere annunciato al pubblico; l’aggiunta dei ragazzi di Rainbow Six Siege sembra però puntare verso una direzione legata al mondo multiplayer o quantomeno a quello degli sparatutto in prima persona.

Push Square ha infatti dichiarato che Guerrilla ha assunto Simon Larouche durante Febbraio 2018, il game director dietro Rainbow Six Siege e un ex impegato dell’azienda, conosciuto per il suo lavoro su Killzone 2 per Playstation 3.

Un’ altra nuova aggiunta per lo studio olandese è rappresentata da Chris Lee, designer di molte funzioni legate al mondo multiplayer di Rainbow Six Siege, stavolta nelle vesti di principal Game Designer per il nuovo progetto di Guerrilla.

Tutto questo sembra puntare verso un unica direzione/brand: Killzone.

La saga di sparatutto di Guerrilla riposa sonnacchiosa dal 2013 dove Killzone Shadow Falls ha fatto la sua uscita, come ultimo capitolo della saga e come sparatutto di lancio della console Sony. L’aggiunta di Larouche e Lee al team di sviluppo di questo nuovo progetto potrebbe soltanto suggerire l’arrivo di un titolo della saga tutto nuovo, con funzionalità multiplayer rinnovate e una strizzata d’occhio al mondo eSport.

Tutto ciò coinciderebbe quasi alla perfezione con una dichiarazione fatta da Shuhei Yoshida, presidente dei Sony Worldwide Studios, dove raccontava di come Sony sia desiderosa di migliorare nel trattare il mondo multiplayer dei giochi sviluppati sotto la sua egida. Guerrilla Games magari potrebbe star creando una nuova grande hit, non necessariamente per Playstation 4, nel tentativo di far splendere nuovamente il mondo dei videogiochi multiplayer made in Sony.

A Luglio l’art director di Guerrilla, Jan Bart Van Beek, twittò riguardo il trasloco della software house in lidi più grandi dove potersi espandere con più tranquillità puntando a un maggiore numero di dipendenti fissi.

Qualunque sia il futuro dei giochi di Guerrilla Games rimanete su Player.it per cercare di scoprire per primi di cosa tratteranno.

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Bloodborne

From Software si sta preparando a Bloodborne 2?

red dead redemption 2 dialoghi minimappa NPC

Red Dead Redemption 2: i dialoghi cambieranno togliendo la minimappa