Gioca a Kingdom: Classic con il giveaway di Raw Fury Games!

Kingdom: Classic

Raw Fury Games, publisher che nel corso degli ultimi due o tre anni ha tirato fuori piccole perle del calibro di Gonner Dandara ha deciso di regalare uno dei suoi titoli.

Kingdom: Classic

Kingdom: Classic, originariamente Kingdom, è un titolo nato nel 2015 come ibrido tra un sidescroller 2d ed uno strategico.
L’obbiettivo del giocatore sarà quello di controllare il proprio re/regina in scenari generati proceduralmente nel tentativo di far progredire il proprio regno.

Sarà possibile acquisire nuovi sudditi, combattere mostri, proteggere il proprio maniero, recuperare artefatti misteriosi e chi più ne ha ne metta.

Kingdom: Classic

Dopo averci deliziato con un titolo nuovo (Kingdom: New Lands), Dlc Gratuiti (Kingdom: Skull Island) ed un seguito multigiocatore (Kingdom: Two Crowns) Raw Fury Games torna all’attacco inaugurando un giveaway!

Come partecipo al giveaway ?

Puoi arrivare al giveaway cliccando QUI.

Per ottenere la propria Steam Key basterà compiere tre azioni tra quelle disponibili come unirsi al gruppo steam di Raw Fury Games, iscriversi al loro canale Twitch o seguire il loro account Twitter.

Se partiamo dal fatto che Kingdom: Classic è un bellissimo gioco, in grado di mescolare intelligentemente due generi come il roguelite e lo strategico, ed in questo caso è pure gratuito che aspettate a partecipare?

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Recensione: KHOLAT

mortal kombat picchiaduro oldies

Mortal Kombat: il Re dei picchiaduro ultraviolenti