Samurai Warriors 5 non verrà rilasciato a breve

Samurai Warriors 5 non verrà rilasciato a breve
Dopo 1 anno di silenzio, il producer, presidente e CEO di Koei-Tecmo Hisashi Koinuma parla del futuro della saga di Samurai Warriors.

Le notizie non sono rosee per i fan di Samurai Warriors, la saga di musou ambientata in Giappone durante il periodo degli stati belligearanti.

Con un tweet, il producer Hisashi Koinuma, ha dichiarato che i lavori su Samurai Warriors 5 sono già iniziati, ma il titolo non vedrà gli scaffali prima di quattro anni.

Ne è passato di tempo. I lavori sul nuovo titolo sono finalmente iniziati, perciò aspettatevi solamente Dynasty Warriors 9, per ora. Per quanto riguarda ciò che verrà dopo Samurai Warriors 4, ci vorranno più di 4 anni per finirlo, nonostante ciò abbiamo iniziato a mettere insieme delle idee. Grazie per il continuo supporto che dimostrate alla serie di Samurai Warriors.
Faremo del nostro meglio.
Il Presidente
Questo tweet conferma perciò che i lavori sul prossimo capitolo della saga sono iniziati, senza però specificare di quale capitolo si parli. A giudicare dal tempo necessario per lo sviluppo del titolo, è logico supporre che il prossimo capitolo sarà Samurai Warriors 5.
L’ultimo capitolo principale della saga risale al 2014, mentre uno spinoff, Spirit of Sanada, ha raggiungo gli scaffali a Novembre dello scorso anno.
Koei è famosa per aver coniato il genere del musou, una sorta di hack n slash caratterizzati da scontri armati con enormi quantità di nemici. Il genere è diventato un vero e proprio cult, fino a raggiungere saghe del calibro di Fire Emblem, Gundam e Hokuto no Ken.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Andrea Crapanzano

Videogiocatore fin dalla tenera età di 5 anni con un NES ed un fantastico pc con MS-DOS. Amante della Souls Saga, di Monster Hunter, dei Moba e degli action. Musicista a tempo perso.

Valkyria Project: Sega apre un sito teaser

Final Fantasy XV: nel nuovo trailer di “Comrades” c’è un ospite d’eccezione