NieR Automata sarebbe dovuto uscire solo per PC

yoko taro nier

Tutti abbiamo apprezzato NieR Automata, con il suo stile inconfondibile. Il gioco targato Platinum Games è approdato su Playstation 4 e PC lo scorso 23 Febbraio e, con il tempo, è riuscito a ritagliarsi il suo spazio e ad ottenere un successo tanto grande quanto inatteso. A differenza di Nier, il suo predecessore uscito nel 2010, il titolo è riuscito a vendere oltre due milioni di copie, affermandosi sia in Giappone che soprattutto in Occidente. Ebbene, poche ore fa è spuntato un curioso retroscena riguardante il videogame in questione. Sembrerebbe proprio che questa nuova creatura di Yoko Taro sarebbe dovuta essere un’esclusiva PC.

NieR Automata: da PC a console il passo è breve

nier automata pc
Il gioco sarebbe dovuto essere un’esclusiva PC.

Il primo Nier si sviluppava nello stesso universo narrativo di Drakengard. Nonostante una buona accoglienza da parte del pubblico, la critica non fu altrettanto benevola. Secondo le testate di settore, il primo Nier peccava di una realizzazione tecnica non all’altezza e di un gameplay alla lunga statico e monotono. Proprio per questa ragione, era lecito nutrire più di un dubbio sul successo di NieR Automata. Neanche il tempo di approdare sul mercato che il titolo Platinum Games riesce a sbancare il botteghino, diventando un dei giochi più venduti del momento. Nonostante l’ambientazione non sia esattamente la stessa del suo predecessore, questa volta sia pubblico che critica sono stati unanimi nel lodare il lavoro svolto da Yoko Taro e dal suo team.

Proprio poche ore fa, è emersa una curiosità relativa a NieR Automata. Il gioco Platinum Games avrebbe era stato concepito, almeno all’inizio, come esclusiva PC. Ad affermare tutto questo è stato proprio il director del titolo, Yoko Taro, in una recente intervista concessa a WOW Japan.

“Non ci sono stati particolari accordi per entrambe le piattaforme (PS4 e PC), ma dato che la maggior parte del processo di sviluppo era stato fatto sul PC, avevamo deciso di rilasciare il gioco per quella piattaforma”

NieR Automata: una strana decisione

nier automata ps4
La decisioni di estendere il gioco anche a PS4 sarebbe stata del publisher.

Yoko Taro ha poi continuato.

“In realtà avevamo programmato di rilasciare il gioco solo per PC. Tuttavia, a seguito di input da parte dei publisher, è stata presa la decisione di rilasciare il titolo anche su PlayStation 4. Il gioco è stato creato con il PlatinumGames’ Engine, che è un motore grafico orientato verso il PC. Quindi alla fine la scelta della piattaforma non aveva alcun effetto sul modo in cui il gioco era stato progettato.”

Le dichiarazioni del director lasciano quindi intendere che NieR Automata fosse, almeno nelle intenzioni, un’esclusiva PC. Questa affermazione, però, cozza con alcune doverose constatazioni. I controlli di NieR su piattaforma PC lasciano non poco a desiderare, così come lasciano perplessi alcuni problemi relativi allo stuttering e alla risoluzione del titolo. L’elemento che desta maggiore curiosità è come un gioco pensato per essere un’esclusiva PC, e che quindi su PC dovrebbe dare il meglio, non abbia, ad oggi, ricevuto neanche una patch di aggiornamento.

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito. Se desiderate approfondire il gioco, cliccate la nostra recensione di NieR: Automata. Se invece siete alla ricerca di un modo per sbloccare i finali del gioco, cliccate la nostra guida ai finali di Nier: Automata. Volete saperne di più sull’istrionico director Yoko Taro? Cliccate la nostra news sui suoi progetti futuri, che includono, tra le varie cose, la realizzazione di un film per adulti.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Big Farm: Mobile Harvest – Trucchi e consigli

Kingdom Come: Deliverance – annunciate la Collector’s Edition e la Special Edition