Caso Brexit: l’appello di TIGA al governo UK


Il voto del popolo anglosassone sull’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea ha scatenato diverse e varie reazioni non solo in Europa ma anche dentro i confini stessi del Regno Unito, in ogni ambito e settore. In questo senso non è da meno quello videoludico che, attraverso l’ente TIGA, ha avanzato delle richieste ben precise al governo UK. “I diritti per i lavoratori comunitari già presenti nel Regno Unito dovrebbero essere protetti in modo che possano continuare a lavorare nel Regno Unito con la garanzia che in futuro non vengano invitati a lasciare il paese” ha dichiarato Dr. Richard Wilson, CEO di TIGAQuesta richiesta è solo pratica e ragionevole. Il governo deve anche chiarire lo status dei lavoratori UE che entrano in Regno Unito in seguito al referendum e prima dell’uscita del Regno Unito dall’UE”.


tiga-brexit-regno-unito-videogiochi

TIGA riconosce il bisogno, dopo il referendum, di un efficace ed efficiente sistema di migrazioni. In secondo luogo, certi ruoli all’interno del settore videoludico, come Engine Programmer, Game Analyst e Senior Game Designer devono essere aggiunti alla Shortage Occupation List per garantire alla software di poter assumere personale senza ritardi” ha concluso Wilson.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

South Park: Scontri Di-Retti – Tanti nuovi dettagli

The Warriors disponibile ora su PS4