Nintendo DS va in pensione? Le cartucce non verranno più prodotte


Correva l’anno 2004 e la Nintendo faceva uscire sui mercati di tutto il mondo un dispositivo che avrebbe cambiato il modo di giocare in mobilità: nasceva il Nintendo DS. Oggi, aprile 2016, probabilmente è arrivato il momento di “pensionare” questa piattaforma.


nintendo-ds-pensione-cartucce-non-verranno-prodotte

Alcuni insider, primo fra tutti il rivenditore canadese Video Games Plus, affermano che la casa giapponese ha smesso di produrre le cartucce per il DS per tutto il mondo. La notizia arriva in seguito alla chiusura dello shop DSi e dopo ulteriori indiscrezioni che parlavano dello stop alla realizzazione di pezzi di ricambio per la console portatile.

Per adesso Nintendo non conferma né smentisce, ma dopo 12 anni, 154 milioni di console vendute in tutto il mondo, quasi un miliardo di videogiochi (947 milioni e 850 mila pezzi per la precisione) e alcuni “figli” che seguono le orme del genitore, dal 3DS ai vari 2DS e XL, forse è arrivato il momento di dire addio ad un pezzo di storia.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Classifica italiana 21-27 marzo 2016, The Division sempre primo

Ratchet & Clank: trailer di lancio in italiano