EA si difende: ‘Non rubiamo soldi alla gente’


Electronic Arts in passato è stata additata come una delle peggiori aziende degli Stati Uniti d’America. Spesso la software house è stata accusata di adottare politiche molto aggressive per i giocatori, con DLC a pagamento con prezzi molto salati, soprattutto con titoli, per esempio, appartenente alla serie The Sims.


electronic-arts-no-bestia-rubare-soldi

Andrew Wilson, CEO di Eletronic Arts, è intervenuto nel corso dell’evento BC Tech Summer e per l’occasione ha voluto difendere la società. Egli ha spiegato che EA “non è una bestia che prova a prendere soldi ai giocatori” ma è una società che vuole incoraggiare i giocatori a investire i propri soldi nel mondo dei videogiochi.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Mobile Games: il consiglio del giorno – Monster & Commander

Yo-Kai Watch finalmente in Europa