HOME » news

Commissione Europea: “la pirateria non danneggia i videogiochi”

commissione europea pirateria


Commissione Europea: “la pirateria non danneggia i videogiochi”

La pirateria è, senza ombra di dubbio, uno degli problemi di cui il l’industria del gaming non riuscirà mai a liberarsi del tutto. Nonostante il trascorrere degli anni e delle generazioni di console, ciclicamente ci ritroviamo a parlare della pirateria e di quanto essa danneggi il mercato dei videogiochi, diminuendone le vendite. Ebbene, oggi la discussione si arricchisce di un nuovo capitolo. Secondo un corposo rapporto, pubblicato dalla Commissione Europea, non ci sarebbe alcun legame dannoso tra la pirateria e le vendite di videogiochi. Stando a quanto diramato dall’organo UE, tutto ciò che ci siamo sempre ripetuti, ovvero che i giochi piratati sono un danno di dimensioni inestimabili per l’industria di settore, non avrebbe alcuna base statistica su cui poggiarsi.

Commissione Europea: un’analisi condotta su sei Paesi

commissione europea pirateria
La Commissione Europea smentisce tutto ciò che credevamo giusto.

Nel lontano 1936, John Maynard Keynes, nella sua celebre Teoria Generale, parlò del concetto di “disoccupazione strutturale“. Il celebre economista dimostrò che, secondo le sue teorie, anche se il mercato del lavoro dovesse trovarsi in equilibrio, sarebbe sempre stata presente una certa percentuale di lavoratori disoccupati. Non importava quanto florida fosse l’economia, quella percentuale sarebbe potuta al massimo diminuire, ma mai scomparire del tutto. Con le dovute proporzioni, possiamo paragonare la disoccupazione strutturale alla pirateria. Nonostante il boom registrato negli anni ’90, con il passare degli anni, il fenomeno si è via via ridimensionato, ma è non mai stato debellato del tutto.

Se la pirateria su console può essere considerata, allo stato attuale, un vago ricordo, lo stesso non può dirsi per il PC Gaming. Nonostante il costo dei giochi su PC, soprattutto grazie alla presenza di siti come Steam, G2A e GOG, siano di gran lunga inferiori rispetto alle altre piattaforme, una fetta consistente di giocatori decide ancora di crackare i videogame. Tuttavia, stando alle 307 pagine del rapporto pubblicato dalla Commissione Europea, tutto ciò non sarebbe un danno per l’industria, ma potrebbe addirittura costituire un vantaggio.

commissione europea pirateria
Un male mai del tutto debellato.

L’analisi svolta dall’organo UE ha riguardato pirateria sul consumo di videogame, libri, film, serie tv e musica. Sono stati sei i paesi posti sotto la lente d’ingrandimento: Regno Unito, Germania, Spagna, Polonia, Francia e Svezia. Il rapporto scoprì che, nel 2014, il 52% dei cittadini adulti ed il 72% dei cittadini minorenni, residenti nel territorio dell’Unione Europea, scaricava o guardava in streaming contenuti protetti dal diritto d’autore, ovviamente in vial del tutto illegale. Tra tutte le nazioni analizzate, la Spagna e la Polonia sono state quelle con il maggior tasso di pirateria riscontrato.

Pirateria nei videogiochi: un bene o un male?

commissione europea pirateria

Parlando più specificamente dei videogiochi, il rapporto della Commissione Europea afferma che solo il 18% degli intervistati ha ammesso di aver scaricato illegalmente videogame, mentre solo il 16% ha ammesso di giocare su un hardware modificato.

In ogni caso, nonostante il rapporto confermi l’esistenza della pirateria, contesta l’oramai diffusa idea che essa distolga i gamer dall’acquistare legalmente i videogiochi.

“In generale, i risultati ottenuti non mostrano una grande evidenza statistica in merito alla variazione delle vendite a causa della violazione del copyright. Tutto questo non significa che la pirateria non abbia alcun effetto sulle vendite dei videogame, semplicemente l’analisi non ha evidenziato una correlazione tra i due fenomeni.”

L’unica eccezione a quanto riscontrato dalla Commissione Europea riguarda i film. Il rapporto ha evidenziato una variazione del 40% sui film recentemente usciti in sala. Questo significa che, su 10 spettatori, 4 stanno guardando il film illegalmente.

Inoltre, una sezione del rapporto mostrava una tabella che mostrava gli effetti benefici della pirateria sulle vendite legali dell’industria. Il grafico in questione mostrava che la percentuale di sbilanciamento è di circa il 24%, implicando che il fatto che le vendite illegali incrementerebbero il consumo legale di questi beni. Stando a quanto la Commissione Europea ha diramato, questa percentuale potrebbe trovare spiegazione in una “conversione” dei vari cracker in nuovi acquirenti.

“Questo effetto positivo generato dalla pirateria potrebbe trovare spiegazione nella capacità dell’industria di settore nel convertire i pirati in compratori. Alcune tattiche di successo potrebbero comprendere, ad esempio, l’inserire dei bonus in game, o dei livelli extra, per tutti coloro che decidessero di acquistare legalmente il gioco.”

Diminuire il prezzo non è la soluzione

commissione europea pirateria
La Commissione Europea ha affrontato un tema decisamente scottante.

Un altro dei punti toccato dall’organo UE riguarda la variazione del prezzo sulla percentuale di prodotti piratati. Secondo la Commissione, diminuire il prezzo dei beni non farà diminuire la pirateria. Il rapporto ha infatti indagato sulla disponibilità dei consumatori a pagare, e ha scoperto che, per quanto riguarda i videogiochi, i prezzi sono ad un livello più o meno corrispondente a quello che i soggetti in questione sarebbe stati disposti a pagare per i titoli da loro piratati. A sostegno di ciò, più della metà degli intervistati (circa il 55%) ha affermato di essere disposta a pagare il prezzo di mercato, o addirittura di più, per i giochi da loro crackati più recentemente.

Quanto ora detto per i videogiochi trova conferme anche nel campo dei libri e della musica. Per quanto riguarda i film e le serie tv, invece, la variazione del prezzo di mercato avrebbe un notevole effetto sulla percentuale di pirateria riscontrata.

Il rapporto chiudeva la sua analisi affermando quanto segue.

“Per quanto riguarda libri, musica e videogiochi, la semplice impostazione del prezzo di mercato non può bastare, da sola, a spiegare i livelli di pirateria riscontrati, perché la gran parte dei “pirati” di questi media è disposta a pagare prezzi simili o più alti, piuttosto che pagare prezzi estremamente minori.”

In conclusione, non possiamo negare che i dati esposti ci abbiano colto di sorpresa. I risultati di questa analisi possono essere condivisibili o meno, ma di certo non giustificano il ricorso alla pirateria. La redazione condanna fermamente il ricorso alla pirateria, in qualsiasi sua forma e su qualsiasi contenuto.

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Dragon Ball FighterZ: tre nuovi video dedicati ai personaggi

Dragon Ball Xenoverse 2: Super Bu e Darbula annunciati ufficialmente