CM Storm Reaper – Recensione


L’ALTRA NEXT GEN: non ci sono soltanto Xbox One e PlayStation 4 a rappresentare la next gen, visto che una piattaforma di gioco  la next gen ce l’ha da anni (come si dice un po’ scherzando e un po’ no). Parliamo ovviamente del PC e del PC gaming che, con l’abbassarsi dei prezzi e la posizione d’avanguardia tecnologica, diventa un’alternativa sempre più allettante per i giocatori. In questa rubrica ci occuperemo di periferiche, di hardware, e di consigli su come configurare al meglio la propria postazione da gioco.
Graffio di luce
Quello che recensiamo oggi è il secondo mouse della linea CM Storm di Cooler Master ad apparire sulle pagine di Games.it, si tratta del CM Storm Reaper, periferica impreziosita da inserti in alluminio e dalla presenza di tre led a rendere aggressive le linee tratteggiate rapidamente che ne definiscono la silouette.
Bisogna che piaccia, chiaro, bisogna avere voglia di farsi belli con gli amici che vengono a casa, di giocare al buio muovendo un graffio di luce, insomma, se piace lo stile un po’ tamarro e un po’ da combattimento, ecco che il Reaper guadagna rapidamente punti. Oltre alla saetta bianca sul dorso troviamo due led ad illuminare la parte frontale, come fossero fari di una macchina (della Batmobile verrebbe da dire guardando il nero opaco che domina tra i materiali), per un’aggiunta non certo fondamentale, ma comunque piacevole. Chiudono la disamina estetica la solida rotellina in metallo e gli ampi cuscinetti tutti scorrevolezza.
One click one kill
Il sensore Avago 9800 ritorna anche in questo mouse della serie CM Storm in tutta la sua pura potenza: 8200 DPI di precisione regalano una risposta alle sollecitazioni estremamente fedele, tanto da far pensare di inserire un pulsante per l’abbassamento istantaneo dei DPI quando ci fosse necesario, e due selettori per scalarli più morbidamente, una caratteristica questa che era presente anche nel CM Storm Havoc, ma che qui risulta mancante di un indicatore luminoso sulla periferica. Grazie alla scelta dei materiali (soprattutto al tipo di plastica) la presa sul Reaper sarà sempre sicura, e non si avrà mai la sensazione di sentirselo sfuggire tra le mani, a patto di utilizzare il cosiddetto “palm grip” e la mano destra. Se di solito state appollaiati sul mouse, infatti, ecco che perderete parte della comodità, un fattore certo da tenere in considerazione al momento dell’acquisto visto che la confezione del Reaper non permette di infilarci la manina per provare in prima persona.
Sul fronte dei pulsanti ne troviamo altri tre sul fianco sinistro e due in cima, giusto sotto la rotellina, per un totale di otto, più che soddisfacente e programmabile grazie al software che dovrete scaricare dal sito. Il software ci permetterà anche di memorizzare i nostri settaggi preferiti direttamente sulla periferica grazie ai 32 Kb di memoria integrata, così da poterla portare a spasso per le sessioni in trasferta senza la paura di perdere le impostazioni lungo la strada. 
Appare chiaro, ora, che il prodotto di cui stiamo parlando oggi è di alta qualità, ma c’è ancora qualcosa: come gli altri fratelli dell’edizione in alluminio della serie CM Storm, le parti in metallo possono essere staccate dalla periferica per la personalizzazione, potete dunque togliere la mascherina in alluminio, colorarla come preferite, e riagganciarla per avere il vostro mouse personale. 
Commento finale
Il CM Storm Reaper è un mouse di altissimo profilo: dal punto di vista delle caratteristiche tecniche si tratta di una periferica che può garantire la massima precisione, ed un parterre di pulsanti capace di soddisfare ogni esigenza. Sul fronte estetico, poi, a noi sono piaciute molto le linee aggressive e, soprattutto, i vari led che le impreziosiscono (ottimi quelli frontali), costruendo un prodotto che è bello far vedere agli amici, ad un prezzo ragionevole (si parla di circa 65 Euro). Ad impedirci di tirare fuori il perfect score, però, c’è l’assenza di un indicatore luminoso che segnali il livello di DPI impostato, un’assenza misteriosa se paragonata al meno blasonato Havoc.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Cattivissimo Me – Minion Rush si aggiorna per Halloween

Pac-Man and the Ghostly Adventures anticipato su Nintendo 3DS