CM Storm Havoc – Recensione + Unboxing Video


Articolo a cura di Alessandro Arndt Mucchi

L’ALTRA NEXT GEN: non ci sono soltanto Xbox One e PlayStation 4 a rappresentare la next gen, visto che una piattaforma di gioco  la next gen ce l’ha da anni (come si dice un po’ scherzando e un po’ no). Parliamo ovviamente del PC e del PC gaming che, con l’abbassarsi dei prezzi e la posizione d’avanguardia tecnologica, diventa un’alternativa sempre più allettante per i giocatori. In questa rubrica ci occuperemo di periferiche, di hardware, e di consigli su come configurare al meglio la propria postazione da gioco.
Punta e clicca
Parafrasando un maestro del cantautorato nostrano, potremmo dire che è bello che dove finiscono le nostre dita, inizi in qualche modo un mouse. Si tratta di periferiche meno prepotenti delle schede video, meno tecniche di alimentatori e dissipatori, meno ingombranti di case e motherboard, ma comunque assolutamente fondamentali per ogni videogiocatore.
Oggi vi presentiamo il mouse CM Storm HAVOC di Cooler Master, una periferica che si propone aggressivamente sul mercato con un prezzo decisamente competitivo se misurato all’offerta. Con una spesa di circa 50 Euro, infatti, ci si porta a casa un mouse ad alta precisione impreziosito da tutti quei dettagli che a noi videogiocatori piacciono tanto.
Aggressiva è anche la confezione, e per vedere esattamente tutto il contenuto vi invitiamo a guardare il video di unboxing qui sotto.
Il fuoco nelle mani
Già dalle linee grintose del CM Storm HAVOC si capisce il target del prodotto, basta poi dare una scorsa alle caratteristiche tecniche per avere l’ultima conferma: il mouse Cooler Master è pensato per i videogiocatori esigenti, ma senza per questo richiedere investimenti eccessivi.
Il cuore della periferica è sicuramente il sensore laser Avago 9800, con un range di rilevamento che va dai 100 agli 8200 DPI, per una precisione di altissimo livello. Questo sensore, poi, è supportato nella fluidità di movimento dalla scelta di utilizzare pochi pad di gomma sulla parte inferiore, ma di farli particolarmente ampi. Abbiamo così una solida base che permette di scorrere anche sulle superfici meno ottimizzate, senza preoccuparsi troppo dell’usura. Rimanendo sul fronte dei materiali dobbiamo dire che la gomma con cui è realizzato questo HAVOC, insieme alla forma asimmetrica, favorisce l’impugnatura, anche se potrebbe non essere ottimale per tutti (e qui ci viene in soccorso la confezione, che permette di metterci direttamente la mano sopra senza aprirla).
Pulsanti colorati
Oltre agli ovvi pulsanti sinistro e destro (con meccanica giapponese che promette fino a 5 milioni di clic), ed alla rotellina centrale, il nostro CM Strom HAVOC propone otto pulsanti programmabili dal giocatore, ed una memoria interna di 128 KB per il salvataggio di profili d’utilizzo e macro. Il tutto, in realtà, piuttosto discretamente, almeno fino a quando non si collega il cavo USB al computer ed il mouse prende vita. Il sistema di retroilluminazione permette all’utente di selezionare il colore preferito, anche personalizzandolo grazie alla vastissima palette cromatica proposta, così da vedere pulsanti, rotellina e logo della serie CM Storm illuminarsi.
Dobbiamo anche segnalare un comodo indicatore che permette di regolare i DPI, così da gestire a piacere la sensibilità della periferica nel rilevare i movimenti. Va detto, infatti, che sfruttando tutta la potenza del sensore Avago 9800 si fa quasi fatica a controllare il mouse, tanto raffinata è la rilevazione, più che apprezzata dunque la possibilità di modificare le impostazioni in corsa.
Sul fronte dei materiali la periferica Cooler Master è promossa a pieni voti, la plastica opaca che domina il mouse, infatti, è ottima per una presa comoda e sicura, così come la parte zigrinata sul fianco sinistro accoglie piacevolmente il pollice. 
Commento finale
CM Storm Havoc, di Cooler Master, è un mouse per videogiocatori capace di trovare un ideale punto d’incontro tra costi e prestazioni, offrendo un’alta precisione nella rilevazione dei movimenti, una presa ergonomica, un buon numero di pulsanti e personalizzazioni e la piacevole possibilità di selezionare il colore della retroilluminazione, per un prezzo che si aggira attorno ai 50 Euro. Ci sentiamo dunque di consigliare questa periferica al videogiocatore in cerca di una soluzione di qualità ed accessibile, a patto di utilizzare la mano destra per il mouse, e di non essere alla ricerca di qualcosa dal design più aggressivo.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Final Fantasy XIV: A Realm Reborn – Recensione (seconda parte)

Virtualizer: un innovativo sistema per la realtà virtuale