XStation mette fine alla console war? Creata la console unica

XStation


La console war sta per finire? Forse con XStation sì. XStation è la console creata da un modder che (dovrebbe) mettere d’accordo tutti i gamers del mondo, un po’ meno Sony e Microsoft.


Altro che Donald Trump e Kim Jong-un, la vera guerra nucleare è dietro l’angolo a causa dell’intestina lotta tra videogiocatori. Meglio PS4 o Xbox One? Qual è la console più potente? Quale console raggiunge davvero i 60 frame al secondo? Domande che spesso portano a litigi e a mamme e sorelle denigrate. E questo solo sul fronte console, perché se alla disputa si unissero anche i pc gamer, la situazione prenderebbe una piega inquietante.

XStation: fine delle discussioni

Eddie Zarick, un geniale modder non nuovo a questo tipo di lavoretti, era stufo di sentire i propri vicini litigare su quale console fosse la migliore, così ha deciso di crearne una che le contenesse entrambe, è nata in questo modo la XStation, una console ibrida che è sia PS4 sia Xbox One.

Zarick aveva già in passato lavorato a modelli portatili delle due piattaforme di gioco, ma ora ha voluto strafare. PS4 e Xbox One in un’unica soluzione. Esteticamente non siamo di fronte a un gioiello, ma la XStation è in grado di riprodurre i giochi di entrambe le console. Inoltre, le sue funzionalità sono molto semplici. La console si può collegare alla TV usufruendo di un singolo cavo hdmi, visto che quando una piattaforma è attiva, l’altra dorme sonni tranquilli (ma con un occhio aperto per controllare che l’altra non la soffochi a tradimento).

Con la pressione di un solo tasto è possibile switchare da un sistema all’altro. Un led blu segnala che la PS4 è attiva, mentre un led verde segnala l’accensione della console di casa Microsoft. XStation è stata progettata utilizzando componenti delle versioni slim dei due sistemi “emulati”.

Qui di seguito potete vedere un video in cui lo stesso Zarick spiega come ha fatto ad evitare che i litigiosi gamer portassero il mondo a scenari simili a quelli di Fallout.

https://www.youtube.com/watch?v=ngQPbk4H9Dw

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

Serial Cleaner

Recensione Serial Cleaner

Vampire the masquerade #4 Spunti di gioco

Vampire: The Masquerade – #4 Spunti di Gioco