Le Interviste Impossibili. Parola agli Autori: Alba di Chtulhu


Sono [Andrea De Bellis] e sono un Viandante dimensionale. La mia missione? Esplorare altri mondi.

Oggi sono in quello di Alba di Chtulhu, per la precisione nell’isola emersa dall’Oceano Pacifico: R’Lyeh, la Città Cadaverica.

Alba di Chtulhu Il Presidente
Il Presidente Chtulhu

La città è molto vasta e ho fatto davvero difficoltà a muovermi, forse perché cambia in continuazione. Credo che esistano interi quartieri che non ho esplorato ed altri che nemmeno esistono più da quando mi ci sono recato. Questo posto ricorda un quadro di Escher, come ti muovi cambia tutto. Non vorrei essere affatto nei panni di quei tassisti che mi scorrazzano tutti i giorni a destra e a manca nella mia ricerca di “loro due”.

A proposito, “loro due”, credo di averli finalmente individuati. Che Sorpresa, avrei detto che qui sarebbero stati dei cultisti, dei grandi politici prossimi al Presidente Cthulhu ed invece sono due investigatori, anche se sarebbe meglio dire “quasi ex investigatori”.

Li ho seguiti per un po’, sembra che se la passino male, qualche causa legale persa, qualche compagno deceduto di cui hanno dovuto pagare il funerale, insomma, non navigano in buone acque e se entro venerdì non chiudono un caso se la vedranno brutta, molto brutta. Perfetto per me. Io ho un caso per loro: devono rispondere alle mie domande.

Logo Serpentarium
Il logo della casa editrice

Giungo al loro ufficio, l’agenzia si chiama “Serpentarium Investigation” e, mentre studio la targa, mi ritrovo a scuotere la testa e a sbuffare e sorridere contemporaneamente. Quando busso mi trovo davanti un uomo con due profondi occhi azzurri [Curte] che mi scruta sorridendo. Credo che mi stessero spiando dalla finestra, speranzosi che fossi un cliente a giudicare dall’altro che fuma vicino [Leo] ad essa e che non ha nemmeno tolto il dito dalle tapparelle per scostarle e vedere meglio in strada. Che fortuna, sono proprio un cliente.

Alba di Chtulhu Custodia ViolinoMi fanno accomodare sull’unica sedia rimasta, mi offrono delle “noccioline, si risistemano le cravatte e si accendono due sigarette, tre con la mia. Credo faccia tutto parte del personaggio come i cappelli e gli impermeabili posti sull’omino all’angolo, unico mobilio di tutto l’ufficio. Devono aver già venduto tutto il vendibile… mi destano dai miei vaneggiamenti chiedendomi chi sono e cosa desidero: il biglietto da 100 dollari posato sulla scrivania ed il mio taccuino che si apre parlano per me.

Poso sulla scrivania circa 2000 dollari. Non li ho contati e a loro non sembra importare se sono sporchi di sangue. Spiego che per averli devono solo rispondere ad alcune mie domande.
Sospirano, sembrano aver capito ma sono felici: possiamo iniziare.

  1. Dunque, signori, sono passati un po’ di anni da quando tutto è iniziato e voi dovreste saperlo molto bene, dopotutto ne siete i Fautori. Ecco, esattamente, perché lo avete fatto? Perché avete risvegliato il Presidente Cthulhu? Non abbiate timore, su… io so tutto, ma voglio che siate voi a rispondere… mi servono parole vostre, non mie…
    [Domanda vera: Come nasce l’idea di creare un gioco ispirato agli scritti di H.P. Lovecraft?]

Alba di Chtulhu Yig
Yig

[Leo]: Non per vantarci, ma quello è stato un lavoro riuscito dannatamente bene! Ci ha fatto racimolare un sacco di dollari e di gnoc… di simpatiche fan. La vita dovrebbe sempre essere così. Però poi i dollari sono finiti e le fan sono diventate sempre meno e sempre più brutte. Così adesso ci ritroviamo in questo tugur… ufficio a fare il lavoro sporco e tutti soli soletti. [Risposta Vera: amiamo Lovecraft ed è sempre stata la nostra maggiore fonte di ispirazione, così abbiamo deciso di addentrarci nei suoi scritti per trarne qualcosa di nostro che però fosse totalmente coerente con quanto da lui raccontato, senza le aggiunte di autori successivi.]

[Curte]: E… quelle che ha davanti, non credo siano più “noccioline” da molto tempo. La notte camminano sul tavolo e alcune scopano tra loro, ma solo quando piove sangue.
[Risposta VeraAbbiamo passato anni a brancolare nel buio. Sapevamo di volerlo fare ma ci mancava il regolamento, il funzionamento del gioco e soprattutto… il coraggio! Trattare un argomento così era un bel rischio!]

  1. Sono certo che il Sommo Profeta Lovecraft avesse un’idea diversa di come sarebbe diventato questo mondo al ritorno del Presidente, voi però avete seguito una strada diversa da altri ed avete deciso di creare qualcosa di nuovo, fuori dai canoni convenzionali. Perché farlo?
    [Domanda Vera: Perché creare un mondo in cui gli umani non sono vessati, come ci si potrebbe aspettare, da potenze ultraterrene come i Mi-Go, i Ghoul, i Dagoniani etc. ma vivono in “armonia ed anzi queste varie creature molto spesso sono vittima di discriminazione dagli umani, quando non veri attacchi mirati ad ucciderli?]Alba di Chtulhu Dagoniano

[Leo]: Noi? Noi su questo ci entriamo ben poco! [Risposta Vera: non volevamo fare qualcosa di scontato o di prevedibile. Inoltre così a nostro avviso è più facile far comprendere i meccanismi del razzismo della grande massa contro le minoranze.]

[Curte]: Per la precisione non c’entriamo nulla. Interroghi le “noccioline” che ha in bocca, ne sanno più di noi! [Risposta VeraLeggendo uno dei pochi sprazzi sul futuro che Zio Lovecraft ci ha lasciato, e cioè “Nyarlathotep” “Camminando notammo che la pavimentazione era sbeccata e solo una traccia di metallo arrugginito indicava il vecchio percorso del tram. Un poco più avanti un tram si era rovesciato su un fianco, malconcio e senza vetri. Guardando verso l’orizzonte non si scorgeva il terzo grattacielo vicino al fiume e notammo che la sagoma del secondo era spezzata verso la cima.” direi che descrive quel che abbiamo iniziato ad affrontare con Alba di Cthulhu. Inoltre perché Cthulhu sarebbe sulla Terra e avrebbe sembianze parzialmente umane ( braccia, mani, una testa, una schiena, due gambe), così come Dagoniani e Ghoul, del resto, e perché sarebbe adorato in ogni tempo, se non avesse un qualche interesse verso di noi? Tu credi mica ai terroristi che odiano Cthulhu forse?]

  1. Le vostre scelte hanno portato alla creazione di un Melting Pot molto originale. Dagoniani, Ghoul, Umani, sembra che tutti siano stati contaminati da strati sociali umani pre esistenti prima del Risveglio del Presidente. Un effetto voluto o semplicemente una conseguenza non calcolata? Ed i Mi-Go? Come si sono integrati in tutto questo?
    [Domanda Vera: In Alba di Cthulhu è palese il riferimento a stereotipi culturali nelle varie Razze. Gli umani sono di chiara matrice Ariana, i Ghoul sono palesemente gli Immigrati Italiani Americani di inizio secolo, i Dagoniani ricordano nei modi e nei costumi gli Irlandesi dei Ghetti… ed i Mi-Go? Mi state dicendo che sono davvero degli Eb…]

Alba di chtulhu Ghoul[Leo]: ahahahah Mi-Go. Maledetti gamberetti, mi fanno ridere solo a nominarli. [Risposta Veralasciamo sempre al lettore leggere quello che preferisce, senza mai indirizzarlo direttamente e senza obbligarlo ad avere la nostra stessa visione, per cui sta al lettore trovare la chiave di lettura migliore.]

[Curte]: Come sono integrati i Mi-Go? HAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHA!!! Le risponderò più tardi! [Risposta Verasai che sono d’accordo con te sull’esistenza dei riferimenti ma io e te non ne condividiamo neppure uno? Questo forse vuol dire che, una volta tolta l’etichetta etica, restano delle “tipologie di aggregazione e di comportamento sociale” che via via vengono occupate da individui in base alla propria cultura e ricchezza. Insomma, un viaggio nel razzismo per scoprire che non ha nessun senso?!? Tutto può essere.]

  1. Sembrerà assurdo ma devo ammettere che avete fatto un grande lavoro: siete riusciti a creare qualcosa di nuovo, di unico, ma se ora doveste classificare il vostro lavoro in un genere, dove collochereste la vostra opera? Vi è stata una fonte di ispirazione particolare per la sua realizzazione? Se si, Quale?
    [Domanda Vera: Sebbene si possa pensare che questo sia un gioco cupo e tetro, non è affatto cosi. Le tematiche sono piuttosto di tipo grottesco, satirico e noir. Siete praticamente riusciti a prendere un genere, destrutturalo, e ricostruirne uno nuovo definibile, forse, Noir-Gore? Come ci siete riusciti? Quale è stata l’ispirazione?]

[Leo]: Queste domande sono davvero difficili. Forse dovrei bere un po’ di rum per capirci qualcosa. Il rum schiarisce sempre le idee, almeno a me… [Risposta Vera: non volevamo che il nostro gioco fosse un horror. Volevamo che fosse un Noir-Bizzarro e vedo che secondo te ci siamo riusciti! Ne sono felice.]

[Curte]: la risposta a, e l’origine di, ogni problema: la droga plutoniana.Alba di Cthulhu Noir

  1. Io credo di aver percepito qualcosa, forse un ponte verso un altro mondo, un mondo dove non vi è Nessuna Pietà, Nessuna Tregua, Solo Cieca Ferocia. Esiste un modo per raggiungere questo mondo da qui e viceversa? Le autorità sanno dell’esistenza di questo portale e su dove porta?
    [Domanda Vera: E’ palese un riferimento ad un altro vostro lavoro nel manuale base di Alba di Cthulhu, mi riferisco a Sine Requie. Per troppo tempo vi siete nascosti dietro un dito, facciamo chiarezza una volta per tutte. È solo un easter-egg o questi due mondi sono davvero collegati tra di loro e dobbiamo aspettarci un Cross-over, magari di chiusura, in cui scopriamo is all connected”? Dopotutto le Continuity vanno di moda ultimamente e non ci sarebbe nulla di male in questo, anzi…

[Leo]: Io ci rinuncio. Anche se ci dà un sacco di soldi io proprio non capisco dove voglia arrivare. [Risposta Veranon lo diremo mai, dopotutto è parte del divertimento dei nostri prodotti farsi delle proprie teorie su quello che lega un prodotto all’altro.]

[Curte]: Io i soldi li prendo, ma non sapendo rispondere dirò “ammaccabanane”! [Risposta Vera: eeeeeeeeh quante cose vuol sapere questo strano viaggiatore!]

  1. Si, si si vi darò i vostri soldi, ma prima finiamo. Le regole che avete creato e che governano questo mondo sono avanguardiste e si pongono a metà di molte altre esperienze, siano esse passate o presenti. Alcune sembrano rifarsi ai vecchi calcoli matematici e comparazioni di caratteristiche tipiche del vecchio millennio, altre sembrano invece sposare filosofie più new age e di chiaro stampo “narrativo” e “concettuale”. Quali sono state le vostre fonti di ispirazioni e quali invece farina del vostro sacco?
    [Domanda Vera: Il sistema di gioco è molto interessante e si pone quale “ponte” tra i vecchi sistemi a punteggio tipici del secolo scorso ed i nuovi millenial più “concettuali” e “narrativi”. Quanto vi è di vostro, magari nato sulla scia di precedenti sperimentazioni come i Tarocchi di Sine Requie, Paese dei Balocchi etc, e quanto invece vi siete fatti trascinare da altri prodotti? E’ palese che vi sia una forte sperimentazione, quasi “avanguardista”, nel vostro lavoro ma da qualche parte dovrete pur aver tratto ispirazione, no?]

Alba di Chtulhu Mazzo[Leo]: senti, io me ne vado. Pensaci tu qui, altrimenti mi viene da sparargli. Ora, io il massimo che ho letto sono le etichette delle scatole dei fagioli, ma qui mi sembra che il tizio esageri con i paroloni. [Risposta Veranon c’è niente di esterno che ci abbia influenzato nella parte del design. Senz’altro Sine Requie è stato comunque, per alcune cose, un ottimo punto di partenza, vedi isuccessi ma e le varie variabili legate alle carte.]

[Curte]: Resta qui, quando senti i paroloni annuisci, come faccio io, e sostituiscili con la parola “tette”. La frase assumerà più senso e comunque apparirà gradevole. Dovrebbe funzionare. [Risposta Verain un certo senso il sistema dei test è figlio diretto di Sine. Abbiamo unito il modo di usare gli Arcani Maggiori, in cui testano solo i Giocatori, all’uso degli arcani minori, rigirando però la scala (è un “tira e somma” e non un “tira sotto”) per renderla più intuitiva. La meccanica del Karma di Sine è stata usata per le Specializzazioni. Ma la parte secondo me più innovativa e ganza è che, ispirati stavolta da videogiochi e film, abbiamo voluto inserire una specie disottogioco gestionale su come si manda avanti e si salva dal fallimento l’Agenzia. Quella secondo me è la vera marcia in più di Alba.]

  1. Alba di Chtulhu Yogsothoth
    Yogsothoth

    Dite la verità, voi non siete solo agenti investigativi. Questa è solo la vostra copertura e serve a tenervi al riparo da qualche mitomane. Chi sono i vostri Alter Ego? A me potete dirlo su
    [Domanda Vera: In Sine Requie siete Dott.Q e Le Mort, qui invece chi siete?]

[Leo]: [Risposta Verae chi lo sa? Forse Dott.Q e Le Mort anche qui ahhaha :D]

[Curte]: Quest’uomo fa domande strane… non è che ha deglutito quelle “noccioline”, vero?

  1. Cosa? Le noccioline, no, no, ne ho mangiate a sufficienza, sono sazio. Ascoltate, avete notato che da quando avete fatto tutto questo, tutto ciò che ha fatto il Presidente è stare al centro della città immobile? Perché darsi tutto quel da fare per poi lasciarlo semplicemente li come abbandonato?
    [Domanda Vera: Perché porre il Presidente Cthulhu al centro di tutto e poi lasciarlo li come imbambolato? Sembra quasi inerme d’innanzi alla sua stessa creazione e, sopratutto, in balia degli umani che gli ronzano intorno. Non rischia di perdere il suo fascino?

[Leo]: io l’ho fatto per i soldi! Poi se si muove o no non è compito mio deciderlo. [Risposta Verapenso di no, ma questo lo dovranno decidere i lettori]

[Curte]: Giusto! [Risposta Veragià… che strano comportamento… e se… no dai… ma… chissà.]

  1. Va bene, va bene, ho capito, cambiamo argomento: perché il Presidente si è prodigato cosi tanto in questa assurda legge di sponsorizzazione delle Agenzie? Non si rischia di trascurare cosi altri aspetti della società che magari hanno bisogno di maggiore attenzione?

    Alba di Chtulhu Shubniggurath
    Shubniggurath

    [Domanda Vera: Scelta molto interessante quella di inserire un sistema economico ben strutturato e renderla, a conti fatti, la colonna portante di Alba di Cthulhu insieme alle “agenzie investigative” ma, mi domando, questo elemento non potrebbe essere più un limite al gioco piuttosto che un valore aggiunto? Mi spiego, allo stato attuale non è concepito (o meglio, supportato) un gioco all’infuori di quello dell’agenzia e questo è lasciato a totale libertà dei giocatori. Perché una scelta simile?]

[Leo] [Risposta Verapotrebbe però esserlo in futuro…]

[Curte]: Io di politica economica non ci capisco nulla, sa? Comunque non criticherei mai una scelta del Presidente. Gusto per restare vivo. [Risposta Verain Alba le Agenzie sono centrali e tutto concorre a creare il bisogno di avventura e l’atmosfera giusta.]

  1. E’ una mia impressione o R’Lyeh risulta poco popolata rispetto a quelle che sono le sue proporzioni? C’è qualcosa che non va nel processo che porta qui i suoi abitanti? Magari sono solo pochi quelli attratti dalle opportunità che può riservare loro la Città Cadaverica? O semplicemente mi sbaglio e possedete dati di immigrazione che dicono il contrario?
    [Domanda Vera: E’ una mia impressione o Alba di Chtulhu è quello che fa più difficoltà ad emergere tra i vari giochi che producete? Soffre forse della sindrome da secondogenito, o semplicemente è un gioco più di nicchia dedicato ad un pubblico più particolare? O magari sbaglio completamente io e i dati di vendita parlano diversamente?]

Alba di Chtulhu mostro[Leo]: ma che cavolo ne capisco io di queste cose! [Risposta Veraha venduto 1000 copie in un anno, esaurendo la sua prima tiratura. Senz’altro rispetto a Sine Requie non c’è storia, ma lo sapevamo già. Alba di Cthulhu è un gioco dedicato a una nicchia diversa, più ristretta e soprattutto con un palato molto fine, che apprezza Lovecraft, lo conosce (e non lo conosce solo tramite il Richiamo di Cthulhu) e ama giocare qualcosa di bizzarro e diverso dal solito.]

[Curte]: L’immigrazione è un casino… davvero. [Risposta Vera: non sono molti i gdr che, in Italia, fanno fuori 1000 copie in un anno: siamo MOLTO soddisfatti, anche perché – anche grazie al premio come Gioco dell’Anno – l’interesse per il prodotto non sembra scemare e nuove Agenzie si aprono di giorno in giorno.]

  1. Questo non è tutto il mondo che avete creato ma solo una parte di esso. Perché non mi parlate di qualche progetto futuro? Ho sentito della guerra in Sud America e del Regno d’Egitto. Ci saranno novità a breve?

    Alba di Chtulhu Nyarlathotep
    Nyarlathotep

    [Domanda Vera: R’lyeh è solo una piccola isola dei vasti territori della Terra. Quali novità riserva il futuro di questo gioco? L’Egitto sotto il dominio di Nyarlathotep? Il Sud America dove si combatte per la libertà? Se dico Lucca 2017?]

[Leo]: Andremo dove ci portano i soldi! Blow with the money! [Risposta Vera: a Lucca 2017 uscirà un manuale di ambientazione, come lo è stato “R’lyeh la Città Cadavere”, ma l’argomento è per ora top secret!]

[Curte]: e con questo… vuole vedere un Mi-Go integrato? *NdR: l’Investigatore fa cadere vestiti, pelle, arti e quel che resta è un gigantesco gamberetto rosaceo. Si sfila la testa come fosse uno stretto cappuccio, liberando un variopinto cervello, simile a un grande fungo spugnoso ricco di antenne e tentacoli. La vibrazione delle scaglie dell’osceno carapace simula una ronzante, maligna, risata umana.* [Risposta Veraè sicuro di sapere con chi ha parlato?]

Alba di Chtulhu Mi-GoMi alzo repentinamente, chiudo il taccuino, osservo le noccioline che stanno correndo via decido che può bastare. “Non era proprio quello che mi aspettavo ma…ehi…voi siete stati buoni e io sono stato buono, quindi ora ci salutiamo ed è tutto a posto. Questi sono per voi, come promesso.” Faccio finta di nulla, sono piuttosto scosso, non capita mai che mi sbagli… o forse ci ho preso. Non lo so.

Osservo il vecchio giornale buttato in un angolo accartocciato… come prevedibile, gli investigatori sono morti, loro ne hanno solo comprato gli abiti… ecco perché sono in bolletta… hanno speso tutto per permetterseli.

Mentre rifletto a come andarmene mi avvicino alla finestra e spengo la sigaretta sul posacenere posto sul piccolo davanzale. Con la mano sinistra sposto il fumo che mi impedisce di vedere bene, mentre con la destra scosto le tapparelle per facilitarmi il compito di osservare fuori.Alba di Chtulhu tentacolobus
Un taxi è appena uscito da un portale, è mal ridotto, sembra bruciato; l’autista non ce la farà. Quello che vedo oltre mi risulta interessante: fuoco.

Al Fuoco! Al Fuoco!” grido e in un attimo sono fuori. Non so bene neanche come, ma “loro due” devono essersi distratti a sufficienza per lasciarmi uscire dalla porta e prendere le scale. In un attimo sono fuori.

Dalla finestra sento un “ti avevo detto di non dargli quelle noccioline, gli hanno permesso di sfasarsi-via!“.

Ora è tutto chiaro ma devo muovermi, o perderò questa ghiotta opportunità.

________________________________________________________________________

[amazon_link asins=’8899579105,8899579016,8899579083′ template=’ProductCarousel’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’caa0d1fe-6b1d-11e7-95cd-dd79fc4f723b’]

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Andrea De Bellis

Appassionato da sempre di gioco di ruolo, intervallo per anni la mia vita tra questi, lo studio e il lavoro. Dopo un periodo da giornalista professionista decido di laurearmi in storia, mia altra grande passione. Da qui il passo alla scrittura è breve.

Comprendendo come l'intrattenimento non possa essere in alcun modo scisso dal provare emozioni, mi propongo quale recensore emozionale per Player.it, ideando e curando nel frattempo le rubriche "Italy&Videogames", "Interviste Impossibili", "LARP: A Night With..." e "Autori di Ruolo: D12 domande a...", scrivendo il romanzo "Il diario del dott. Flammini" e ideando e lanciando le rubriche "Venerdì Oldies" e "Recensioni Emozionali", sostenendo sempre quanto sia più interessante parlare di "cosa suscita un titolo quando lo si gioca" piuttosto che l'evergreen "cosa è e come come funziona questo gioco".

Il gioco è intrattenimento, l'intrattenimento è emozione, l'emozione è vita.

Star Trek Online: Stagione 13.5 da oggi disponibile

PlayStation Store: nuovi saldi estivi e 100% digitale