Se andare a caccia di mostri è sempre stato il vostro sogno di videogiocatori ma avete già spolpato fino all’osso tutti i capitoli di Monster Hunter, se desiderate un titolo impegnativo, soddisfacente e, soprattutto, costo zero, farete bene a dare un’occhiata a Dauntless. Il titolo, sviluppato e pubblicato da Phoenix Labs, è un action RPG che basa il suo gameplay sul PvE e, automaticamente, sulla collaborazione tra i vari giocatori. Gli utenti dovranno andare a caccia di Behemot, dei mostri dalle dimensioni sempre più grandi che infestano il mondo di gioco. Dato il non indifferente livello di sfida, così come avviene in titoli simili, scegliere il proprio equipaggiamento sarà il primo e fondamentale passo che qualunque giocatore dovrà compiere. In questa nostra guida, vi indirizzeremo alla scelta dell’arma più adatta al vostro stile di gioco.

Dauntless: le caratteristiche delle varie armi disponibili

Nonostante il gioco si trovi ancora in open beta (la pubblicazione ufficiale su PC è prevista tra qualche mese), i contenuti che Dauntless ci mette a disposizione non sono assolutamente indifferenti. Va da sé che, per andare a caccia di Behemot, ci servirà un’arma, ed il titolo targato Phoenix Labs ce ne mette a disposizione ben cinque: spada, martello, chain blade, ascia e lancia. Come si verifica anche in altri titoli dello stesso genere, tutte le armi ora elencate potranno essere potenziate attraverso i vari materiali ottenuti dai mostri che andremo a sconfiggere nelle nostre sessioni di gioco. Come qualcno potrà già aver inteso, sarà proprio il crafting uno dei fulcri su cui andrà a ruotare il gameplay di Dauntless.

Come accade in molti giochi di ruolo, non sarà possibile partire con un arsenale già “completo”. A differenza di quanto visto in Monster Hunter: World, in cui le armi base era già tutte disponibili, in Dauntless il giocatore inizierà la sua avventura unicamente con la spada. Dopo aver abbattuto il primo Behemot, infatti, egli avrà accesso al martello, alla chain blade e, poco dopo, anche all’ascia. Per ottenere la lancia, invece, dovremo attendere un po’ di tempo: quest’arma, infatti, non sarà disponibile se non molto più in là nel gioco, dopo aver completato un buon numero di uccisioni di mostri e dopo aver migliorato a sufficienza le armi già in vostro possesso, portando il titolo di Weapon Master almeno al livello 4. Tuttavia, non è il caso di preoccuparsi: le armi che già possedete saranno più che sufficienti per valorizzare al meglio il vostro approccio al gioco, qualunque esso sia.

Le varie tipologie di danno presenti nel gioco

Nuovo trailer per il multiplayer hunting game Dauntless
In attesa della release ufficiale.

Ogni arma andrà ad infliggere una tipologia di danno diverso; nel gioco potremo infatti trovare: danno da perforazione, danno da impatto e danno da lacerazione. Probabilmente molti giocatori baderanno soltanto alla quantità di danno inflitto da una specifica arma, e non anche al tipo di danno, ma vi assicuriamo che, nel momento in cui dovrete abbattere un Behemot di grosse dimensioni, la tipologia di danno inflitto avrà un peso notevole del determinare l’esito dello scontro. Inoltre, al di là dei tre diversi tipi di danno precedentemente indicati, è possibile individuare anche quattro ulteriori sottocategorie di esso; tuttavia, quanto stiamo per elencarvi prescinde completamente dal tipo di arma usata.

  • Basic Damage: si tratta, fondamentalmente del danno che andrete ad infliggere al Behemot di turno con i vostri attacchi. Nel momento in cui uno dei vostri attacchi andrà a segno, l’ammontare dei danni inflitti apparirà sotto forma di numeri verdi;
  • Part Damage: nel caso in cui andiate ad affrontare mostri di grandi dimensioni, sarà possibile infliggere dei danni a delle specifiche parti del loro corpo. Così come avviene anche in altri giochi appartenenti alla stessa categoria, anche in Dauntless sarà possibile ricavare un vantaggio strategico dal danneggiamento di un singolo arto del Behemot che sta affrontando. Ad esempio, se vorrete tagliare la coda di una vostra preda, il danno che infliggerete a quella determinata parte del corpo vi sarà mostrato con dei numeri gialli. Le parti di un Behemot possono essere danneggiate con qualsiasi tipo di arma, ma potrete, ad esempio, recidere la coda soltanto utilizzando un’arma che possa infliggere del danno da lacerazione;
  • Stagger Damage: durante un combattimento, riuscire a stordire o a far barcollare il vostro avversario potrebbe rappresentare un vantaggio non indifferente. Ebbene, questo tipo di danno serve proprio a questo scopo. Se, dopo aver sferrato un colpo, vedrete comparire dei numeri blu, significa che sarete un passo più vicini a far perdere momentaneamente i sensi al Behemot che state affrontando. Generalmente, qualsiasi tipo di arma può infliggere dello Stagger Damage, facendo attenzione a colpire la testa o le zampe del mostro. Tuttavia, come forse qualcuno potrà immaginare, il danno da impatto del martello è quello che funziona meglio di qualunque altro;
  • Wound Damage: è possibile che, dopo aver sferrato un attacco, noterete un piccolo taglio sul corpo del mostro che state affrontando. Ebbene, tutto questo significa che avete inflitto una ferita al Behemot! Questa tipologia di danno vi verrà mostrata attraverso dei numeri rossi, e significherà che, qualora doveste sferrare un nuovo attacco proprio in quel punto, causerete dei danni via via maggiori. Nel caso in cui, invece, vedeste fuoriuscire un etero blu, sappiate che potrà essere utilizzato per potenziare la vostra lanterna;

Dauntless: come scegliere la vostra arma

dauntless armi
Fate attenzione a non sottovalutare mai i vostri avversari.

Come abbiamo detto in apertura, sin dalle prime battute di gioco avrete accesso a quattro delle cinque armi disponibili in Dauntless. Ognuna di esse sarà caratterizzata da due diversi attacchi, uno leggero ed un altro pesante, e da tutta una serie di combo che sarà possibile eseguire. Come già abbiamo avuto modo di constatare nella serie di Monster Hunter, ognuna delle armi del vostro arsenale, al di là della tipologia di danno che andrà ad infliggere, garantiranno un tipo diverso di approccio alle battaglie in cui andrete a cimentarvi. Ricapitolando, un’arma sarà parte integrante della “classe” del vostro personaggio. Proprio in base a quanto ora scritto, il nostro consiglio è quello di scegliere l’arma che più vi si addice e di potenziarla più che potete.

Di seguito, analizzeremo nel dettaglio tutte le armi presenti in Dauntless:

  • Spada (Danno da Lacerazione): questa arma sarà la prima che il gioco vi metterà a disposizione, ed è dotata di due diverse attacchi, uno pesante e l’altro normale. Se con il primo sferrerete un colpo più potente, esso non sarà per niente indicato contro nemici che si spostano velocemente. Con l’attacco standard, invece, non solo potrete sferrare più colpi in rapida successione, ma potrete far salire più velocemente il vostro indicatore della tecnica speciale di quest’arma. Esso consisterà in un proiettile elementale, che vi consentirà di colpire di Behemot rimanendo a “distanza di sicurezza”;
  • Martello (Danno da Impatto): si tratta probabilmente dell’arma più lenta presente nel gioco. Nonostante i danni che il martello potrà infliggere siano di gran lunga i più alti, quest’arma potrà mostrare un’inaspettata versatilità. Nel suo manico, infatti, è presente una pistola con cui potrete colpire i mostri tenendovi a debita distanza. Tuttavia, non crediate di avere un mitra tra le mani: dopo pochi colpi, infatti, dovrete ricaricare l’arma. In questo caso non c’è alcun indicatore da riempire, e la tecnica speciale del martello consisterà nella semplice (ma vitale) ricarica dell’arma;
  • Chain Blades (Danno da Lacerazione): le Chain Blades sono l’arma ideale per i combattimenti a breve e medio raggio. Se amate la libertà di movimento negli scontri, la vostra scelta ricadrà automaticamente su quest’arma. Nonostante i danni inflitti non siano proprio altissimi, con queste lame potrete sia avvicinarvi velocemente ad un Behemot che allontanarvene altrettanto velocemente. Con le Chain Blades attaccherete con un’alta frequenza e farete dell’imprevedibilità il vostro punto di forza;
  • Ascia (Danno da Lacerazione): nonostante non sia un’arma esattamente agile, l’Ascia garantisce più “libertà di manovra” rispetto al Martello. Con quest’arma potrete sferrare sia attacchi in orizzontale che in verticale, e vi sarà anche consentita la possibilità di caricare i vostri colpi. Se, da un lato, in questo modo, sarete esposti all’offensiva dei mostri, nel caso in cui doveste portare a segno un attacco caricato, riempirete del tutto l’indicatore per la vostra abilità speciale che, nel caso dell’Ascia, consiste in un aumento dei suoi valori d’attacco che, tra le varie cose, è cumulabile con altri bonus, ed anche con una nuova esecuzione dell’abilità in questione;
  • Lancia (Danno da Perforazione): anche se ottenere quest’arma non sarà immediato, la lancia è senza dubbio l’arma più versatile presente in Dauntless. Non solo ci consentirà di attaccare dalla distanza ma, grazie ad essa, potremo infliggere sia danni da perforazione che da lacerazione. Inoltre, è la miglior arma con cui potrete attaccare e distruggere le varie parti di un Behemot;

Come avrete inteso da questa nostra guida, in Dauntless non c’è un’arma “giusta” ed un’altra “sbagliata” con cui giocare, ma solo armi che si adattano di più o di meno al vostro stile di gioco. Quanto ora detto non si estende solo alle cacce “in solitaria”, ma soprattutto a quelle di gruppo, in cui ognuno dovrà conoscere il proprio ruolo nel party e, quindi, conoscere altrettanto bene la propria arma.

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito.

5/5 (1)

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!