Pokémon Unite | Le migliori build per gli starter

pokemon unite

In Pokémon Unite le Licenze possono essere acquistate o ottenute tramite il completamento di alcune sfide, ma inizialmente viene offerta gratuitamente al giocatore una di queste cinque creature: Pikachu, Charizard, Snorlax, Talonflame ed Eldegoss. Ognuno di questi Pokémon può essere utilizzato in maniera diversa: ecco quindi le migliori build per iniziare a competere con questi mostriciattoli iniziali.

Pikachu

Il ruolo di Pikachu è quello di Attacker Ranged, ovvero un personaggio dalle spiccate doti offensive che può colpire gli avversari dalla distanza con le sue mosse di tipo Elettro.

Una delle mosse più utili è Electroweb capace di immobilizzare gli avversari che magari stanno tornando alla base per recuperare PS: in questo modo Pikachu può attaccarli facilmente dalla distanza e metterli KO con le mosse più forti: Thunderbolt o Electro Ball. Il suo punto debole però è l’Endurance, quindi non bisogna osare troppo altrimenti gli avversari hanno la possibilità di controbattere con duri colpi. Anche la Mobility non è delle migliori, quindi è consigliabile nascondersi e fuggire prima dell’arrivo degli avversari quando si ha poca vita.

Per quanto riguarda la build migliore da utilizzare con Pikachu è ovviamente consigliato utilizzare tutti quegli strumenti che garantiscono un boost in Attacco Speciale.

Held items consigliati:

  • Shell Bell: +1.6 in SP. ATK
  • SP. ATK Specs: +0.8 in SP. ATK
  • Wise Glasses: +10 in SP. ATK

Battle items consigliati:

  • X Attack: per aumentare ancor di più la potenza offensiva sia fisica che speciale.
  • Eject Button: per avere un po’ di Mobility che non fa mai male

Charizard

Charizard è un Pokémon abbastanza equilibrato con un buon attacco e delle discrete statistiche di Endurance e Mobility. Il suo ruolo è quello di Physical All-Rounder e può essere utilizzato sia nei combattimenti a distanza sia in quelli corpo a corpo. Nelle prime fasi di gioco, quando è ancora un Charmander, è utile per farmare esperienza, essendo capace anche di scottare i bersagli che colpisce. Una volta totalmente evoluto può anche gettarsi nella mischia e attaccare con i potenti Flamethrower, Flare Blitz e Fire Punch.

Essendo un Pokémon versatile si possono utilizzare molti strumenti per la sua build, ma i più indicati sono quelli che aumentano le statistiche di Attacco e PS.

Held items consigliati:

  • Float Stone: +1,6 ATK
  • Muscle Band: +1 ATK
  • Assault Vest: +18 HP

Battle items consigliati:

  • X Attack: per garantire un boost in Attacco.
  • Potion: per recuperare PS ogni tanto e resistere agli attacchi avversari.

Snorlax

La stazza di Snorlax ci fa subito intuire il suo importante ruolo di Defender su Pokémon Unite, forse uno dei più resilienti con la sua altissima statistica di Endurance. Non è dotato di buona Mobility e nemmeno di un Offense valida per poter sbaragliare gli avversari da solo, ma deve sempre essere accompagnato da un compagno Attacker o Speedster per poter controbattere all’offensiva avversaria. Con la mossa Block può creare uno scudo per proteggere i compagni e respingere i nemici, ma può anche fare piazza pulita con il suo potente Body Slam. Utilissima anche Yawn per addormentare gli avversari e renderli inoffensivi.

Snorlax deve resistere e deve fare da scudo per i suoi compagni che nel frattempo andranno a segnare punti fondamentali per la vittoria finale. Per questo motivo sono indispensabili tutti quegli strumenti che vanno ad aumentare Difesa e PS.

Held Item consigliati:

  • Leftovers: +16 HP
  • Rocky Helmet: +18 HP e +DEF
  • Focus Band: +2 DEF e +SP. DEF

Battle Item consigliati:

  • Potion: quasi obbligatoria per far recuperare vita al Pokémon mentre resiste agli attacchi avversari.

Talonflame

Passiamo adesso al velocista per antonomasia: Talonflame. Questo Pokémon è un Physical Speedster capace di muoversi rapidamente all’interno dell’arena grazie alla sua altissima statistica di Mobility. Ha una discreta statistica offensiva, ma il suo scopo principale è quello di mettere a segno quanti più punti possibili nel minor tempo possibile avendo anche un’ottima statistica di Scoring. Può far male con Flame Charge e Brave Bird nelle fasi avanzate del match e anche inizialmente riesce a conquistare tanta esperienza grazie alla sua velocità che gli permette di fuggire facilmente dalle offensive nemiche.

Per quanto riguarda gli strumenti è chiaro che bisogna sfruttare la sua capacità di segnare.

Held item consigliati:

  • Attack Weight: +0,6 ATK
  • Scope Lens: +0,4% Critical-Hit Rate
  • Float Stone: +1,6 ATK
  • Muscle Band: +1 ATK

Battle item consigliati:

  • X Attack: per fare ancora più danni agli avversari.
  • Goal-Getter: per raddoppiare il quantitativo di punti messi a segno.
  • Eject Button: per raggiungere velocità sorprendenti e difendere le proprie basi rapidamente.

Eldegoss

Concludiamo la guida con Eldegoss, un Pokémon di supporto. La sua natura di Special Supporter gli garantisce un’ottima statistica di Support, delle discrete statistiche di Mobility e Scoring e ovviamente poca propensione all’offensiva. Il suo obiettivo principale è quello di accompagnare i Pokémon alleati, proteggerli e ricaricare i loro PS con le mosse curative Pollen Puff e Cotton Guard.

Held item consigliati:

  • Shell Bell: +1,6 SP. ATK
  • Wise Glasses: +10 SP. ATK
  • Energy Amplifier: +7% danno dopo Unite Move.

Battle item consigliati:

  • Eject Button: per poter raggiungere velocemente gli alleati in difficoltà.

Non è finita qui!

Scopri altre guide, soluzioni, walkthrough o trucchi per completare il gioco al 100%!

Hai suggerimenti o domande?
Segnalacelo nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Salvatore Montagnolo

Nasce il 21 maggio 1996 a Napoli e cresce con la passione per i videogiochi e per tutto ciò che c'è di tecnologico nel mondo.
Preme il suo primo tasto "START" all'età di 6 anni con Crash Bandicoot per l'inizio di una grande avventura all'insegna di console, comandi e schermi.

Copertina per introduzione ad Indomitus

Warhammer 40.000: Introduzione ad Indomitus

Sei Stati U.S.A. dichiarano guerra ai “computer inquinanti”