Questa non è una guida ai collezionabili o agli achievement, ma solo alla “quest” di Remothered Tormented Fathers, se così possiamo chiamarla. Non contiene spoiler sulla trama.

1Parte 1

Dopo la cutscene avrete modo di esplorare abbastanza liberamente parte della casa. Questo è un buon momento per prendere confidenza con la pianta, coi nascondigli e i punti di salvataggio. Raccogliete alcuni oggetti difensivi e diversivi. Durante il gioco salvate ogni volta che potete.

Seguite la musica fino al secondo piano e nella biblioteca ispezionate il proiettore e il messaggio. Entrate nella camera da letto. Finita la cutscene rimanete nascosti finchè Felton non si sarà allontanato, ispezionate la vasca da bagno e afferrate la chiave che troverete.

Andate al piano terra, usate la chiave per aprire la porta a due ante sulla destra delle scale. Chiameremo quest’area il “corridoio del pendolo”. Accedete alla cucina. Su uno dei tavoli troverete uno sturalavandini, prendetelo. Poggiata ad un muro c’è una sedia, sopra di essa due mensole, sulla più alta c’è la maniglia del forno. Salite sulla sedia e prendetela. Non cercate di afferrare la maniglia senza salire sulla sedia per non allertare Felton. Usate la maniglia e prendete la pellicola.

Andate nella sala da pranzo e leggete il documento sul tavolo. Cadrà un candelabro – evento scriptato – che allerterà Felton. Avete qualche secondo per raccogliere il cavo d’acciaio prima che arrivi a darvi la caccia.

Tornate nella stanza da letto e nel bagno sbloccate lo scarico con lo sturalavandini. Andate nel seminterrato e usate il cavo del candeliere sulla grata dove è scivolata la chiave e poi usatelo nuovamente sul montacarichi lì vicino. Tornate nel corridoio dove è presente lo specchio di salvataggio vicino alla stanza da letto e azionate il montacarichi. Felton verrà allertato e salterà la corrente. Dovrete riattivarla dal pannello al pian terreno, vicino all’entrata principale. Recuperate la chiave da sotto la grata e, nel corridoio col pendolo, aprite il quadrante dell’orologio (attenzione all’evento scriptato), per recuperare la batteria del proiettore che ora ha tutte le parti per funzionare.

2Parte 2

Dopo la cutscene dovrete fare attenzione ad evitare il nuovo nemico che compare proprio a questo punto del gioco. Andate al caminetto del secondo piano, fino alla cuscene. Tornate indietro, dovrete ora accedere all’attico. Ritornate nella camera da letto. Assisterete ad un’altra breve cuscene. Prendete il manico dell’ombrello a terra, potete usarlo per accedere alla scala verso la soffitta, nel corridoio centrale.

Salvate, poi dal tavolino vicino alla poltrona prendete le batterie. Una volta in possesso delle batterie, aprite la porta che porta al corridoio del pendolo, scendete nel seminterrato e usate le batterie sulle scale mobili.Prendete il contenitore con l’olio.

Salite al secondo piano e osservate il caminetto per trovare lo stanzino nascosto, poi usate l’olio sul carrello per spostarlo. Osservate attentamente il muro poi la statua, se necessario accendete la torcia e ispezionate l’area a cui averete ora accesso. Ispezionate nuovamente tutti i cassetti finchè non troverete un piccolo registratore.

Terminata la cutscene dovrete rompere tutti gli specchi. Potete usare dei mattoni, ce n’è una scorta infinita vicino al buco nel muro. Una volta rotti tutti gli specchi ispezionate l’armadio. Assisterete ad una cutscene, fatto questo riprenderete il controllo di Rosemary all’interno delle fogne. Fenton tenterà di uccidervi con dei lunghi paletti che spingerà dal soffitto, tentando di impalarvi. Procedete con estrema cautela in modo da avere più tempo possibile per completare i QTE in maniera corretta. Inoltre è utile tenere la torcia spenta.

Entrerete nella cantina dei vini. Dopo la cutscene vi ritroverete in uno degli scontri più difficili del gioco. Evitate gli scontri col nemico il più possibile e chiudete le valvole delle tubature fino a ritrovarvi ad aprire la porta di una lavanderia. Aperta la porta, sbarrate l’entrata con lo scaffale alla vostra sinistra poi girate l’angolo e spostate lo scaffale. Cercate di aprire la porta, che è chiusa. La chiave potrete trovarla di fronte all’entrata della stanza. Dovete essere molto veloci per non essere uccisi e dover ricominciare d’accapo.

3Parte 3

Dovrete tornare nella soffitta. Potete prendere l’ascensore. Assisterete quindi ad una lunga cutscene, finita la quale dovrete esaminare documento sul mobile. Uscite dalla stanza, verrete aggrediti da Felton – evento scriptato – e assistete alla cutscene. Finita questa, interagite con la sedia, fate il QTE e una volta liberi afferrate l’accendino sulla vostra sinistra. Finita la cutscene, osservate il documento sul tavolo, poi tornate all’ascensore per andare in soffitta. Quando questo si bloccherà, usate la manovella per continuare a salire fino in cima.

Inizierà un gioco del gatto col topo per sopravvivere. Avrete a che fare con un nemico che non vi vede ma che vi sente muovervi. Dovrete procedere a tratti scattando e a tratti con molta cautela. Seguite il percorso, nascondetevi dietro le casse a sinistra del corridoio finchè il nemico non se ne sarà andato. Di fronte a voi c’è un angolo cieco, agite sulla manovella finchè la parete mobile alla vostra sinistra non si alzerà, poi scattate dentro. Questa sequenza potrebbe richiedere qualche tentativo.

Continuate a seguire il percorso, raccogliete gli oggetti da lanciare che trovate in giro. Vi ritroverete in un altro vicolo apparentemente cieco con una colonna al centro. Lanciate un oggetto per distrarre il nemico. spostate il carrellino (sempre con cautela) poi infilatevi nello spazio tra gli scaffali. Quando verrete bloccati di nuovo dal nemico, usate la stessa tattica per farla spostare poi infilatevi nel corridoio a destra per attivare il pannello elettrico. Non appena si accenderà la luce il nemico sarà temporaneamente indifeso, prendete la scaletta poggiata alla vostra destra e continuate il percorso. Non attraversate il gruppo di falene, voltate a destra. Alla fine del percorso partirà la lunga cutscene finale.

CONDIVIDI
Articolo precedenteHearthstone arriverà mai su Nintendo Switch?
Professionista del doppio senso, videogiocatrice da un quarto di secolo, scrittrice per hobby, geek da sempre. Alla ricerca di più posto per sistemare i fumetti e videogiochi. Gioco ad un po' di tutto, non ho un genere preferito in assoluto, ma tendo a prediligere FPS con elementi RPG e stealth, anche se di tanto in tanto potreste trovarmi in un tunnel chiamato Cities Skylines in cui mi rintano per settimane a volte, dimenticandomi che esistono altri tipi di gioco.