Il sistema della quinta edizione di Dungeons & Dragons (qui la nostra guida completa al gioco) è ormai famoso per essere facilmente malleabile, adatto alla personalizzazione più estrema.

Un po’ grazie agli Unearthed Arcana, una sorta di pamphlet digitali in cui gli stessi designer inseriscono e suggeriscono delle nuove dinamiche di gioco, regole, intere classi ed archetipi a disposizione dei giocatori, che siano supplementi per ambientazione come Eberron, oppure suggerimenti per inserire elementi psionici nelle campagne, ma soprattutto grazie al lavoro autonomo dei tanti fan, giocatori e GM che hanno sposato D&D quinta edizione.

Il numero di creazioni amatoriali è davvero sconfinato proprio perché, come vi avevamo spiegato nella nostra guida per creare mostri incredibili per battaglie epiche, è davvero semplice creare un mostro per ogni esigenza, la creatura giusta al momento giusto. Mostri riproposti di prepotenza da libri, fumetti, serie tv, film e videogiochi, D&D quinta edizione permette tutto ciò con relativa facilità.

Era quindi del tutto auspicabile che qualcuno riproponesse i 151 Pokémon originali come mostri di Dungeons & Dragons.

Il progetto di Tim Gonzalez, fan di Dungeons & Dragons ed evidentemente dei mostriciattoli tascabili di Game Freak, nasce nel 2016, anno in cui iniziò a lavorare alla conversione completa del Pokédex originale – i primi 151 Pokémon della regione di Kanto – per trasformare l’elenco di bestioline in un vero e proprio bestiario con tutti i crismi.

Quello che intendiamo dire è che il talentuoso DM non si è limitato a fare un reskin di mostri già presenti per farli somigliare ai Pokémon, ma ha realizzato un vero e proprio documento, completo di grafica ed impaginazione attinenti al materiale originale Wizards.

Negli anni il lavoro è stato perfezionato ovviamente arrivando a quello che, secondo chi scrive, è un lavoro al limite dell’encomiabile. Ogni Pokémon è perfettamente ricostruito secondo il sistema di regole che determina la costruzione di un mostro in D&D, e tutto perfettamente illustrato ed incasellato in tabelle impeccabili.

Ci sono chicche come il tiro contro stordimento da fare per chi colpisce Pikachu in mischia, oppure le ovvie mosse leggendarie (presenti nel regolamento originale) per gli altrettanto leggendari Pokémon. Recentemente, Gonzalez ha aggiornato il suo lavoro annunciando che sta preparando il Pokédex di Johto, ovvero quello relativo alla seconda generazione di creature.

Per ora sono disponibili le prime pagine relative agli starter di Pokémon Oro e Argento, ovvero Chikorita, Cyndaquil e Totodile, con relative evoluzioni.

Il materiale è, come dicevamo, scaricabile gratuitamente da questo indirizzo per quanto riguarda il Pokédex originale, mentre al seguente link trovate la prima parte del Pokédex di Johto.

State già pensando a Mewtwo come creatura psionica di Eberron, non è vero?