Luce e Ombra – di Nostalgia | Recensione


Vi abbiamo portato una delle modeste (sub) ambientazioni per Nostalgia: La Flotta Nomade, e ora sono qui per portarvene un’altra; parlo infatti della più spessa e curata Luce e Ombra, in questo caso questo supplemento contiene non solo una ma ben due ambientazioni e un’avventura. Questi tre permettono di introdurre i giocatori al mondo di Nostalgia senza che questi debbano conoscere già l’ambientazione di gioco.

Introduzione

Kirrin-Lan, un Livello immerso nella più totale oscurità da quando, durante lo scisma, il Sol del Livello ha smesso di funzionare, rendendo obsoleta ogni tecnologia basata sull’Aura, e di conseguenza la società -dapprima florida- è crollata completamente, lasciando dietro di sé solo delle cupe rovine. Abbandonati in un buio eterno, senza la possibilità di scappare, i sopravvissuti all’improvviso cataclisma si sono dovuti adattare subendo una violenta regressione.

Ovviamente il livello non è privo di conflitti, infatti ci sono numerosi pericoli che si sono evoluti in questo nuovo ambiente. Qui troverete la Necropoli, i Bassarta, le Fiaccole dei Predatori del Buio e il popolo del Confine, oltre che una serie di spunti d’avventura per cominciare subito a giocare.

Sopra è presente Mia Dam-Shi che, all’opposto del precedente livello, è immerso nella luce del Sol e vanta da una società avanzatissima – definita addirittura Illuminata dal Consiglio di Amministrazione. Nonostante questa premessa spettacolare, non pensiate che questo Livello sia privo di difetti: in Luce e Ombra possiamo scoprire cos’è che separa i Luminosa dai Diafani, ma anche come funzionano esattamente gli Automata, e arriviamo a capire cosa vogliano, di preciso, i ribelli di Punto Zero.

Come nella precedente sub-ambientazione, anche in Luce e Ombra non mancano vari spunti per creare avventure originali da giocare con il vostro gruppo.

Kirrin-Lan, uno dei livelli presentati in Luce e Ombra
L’interno del manuale: il livello di Kirrin-Lan

L’uno carico di tensione e l’altro invece pieno di segreti: questi due Livelli complementari costituiscono un esempio di come un’Arca possa sviluppare ambienti così differenti in così poco spazio. Se siete interessati a creare una sequenza di Livelli dalle vite intrecciate, allora questo manualetto vi sarà di estremo aiuto.

Cosa troviamo in Luce e Ombra?

Le 71 pagine di Luce e Ombra si dividono in tre sezioni ben distinte, necessarie per introdurre i propri giocatori a Nostalgia; sfogliando le pagine, inoltre, troviamo:

  • una descrizione dettagliata dei due livelli, del loro layout e dei loro punti d’interesse;
  • tantissime informazioni sulle società e le organizzazioni presenti nei due livelli;
  • una panoramica sulle Fazioni che incontriamo nel gioco;
  • un elenco di PNG, personaggi non giocanti, già pronti all’uso e accompagnati da immagini dedicate;
  • una cronologie dettagliate degli avvenimenti che riguardano l’ambientazione;
  • numerosi spunti per avventure, che possono essere usati sia per personalizzare il supplemento sia per riutilizzarlo a piacimento.

L'avventura descritta nel manuale di Luce e Ombra
Interno del manuale: l’avventura di Luce e Ombra

Con 29,90 € ci portiamo a casa un brossurato di 71 pagine in formato A4, con copertina soft touch e interni a colori. Le immagini e l’impaginazione sono state curate dagli artisti Daniel Comerci, Tithi Luadthong e Luca Bonazzoli.

Proprio come per il precedente supplemento, anche per questo il rapporto qualità-prezzo è piuttosto vantaggioso.

Conclusioni

Un altro ottimo prodotto nel suo insieme, ricco di illustrazioni, ampio nella diversità del materiale proposto. Se avete difficoltà a creare da voi un’avventura, trovarne qui una già pronta può salvarvi; in generale, però, anche questo pregio per me non risolve il problema del prezzo: 29,90 € sono generosamente adatti con questi dettagli tecnici, ma il contenuto è carente e nella medesima fascia di prezzo ci sono prodotti completi.

Nella sua veste grafica il prodotto è davvero fantastico, ma il prezzo purtroppo tende ad affossarlo.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Guido 'Maicol' Campanini

Reggio Emilia, 96',
Membro della community UNKN come master su commissione per eventi e fiere. Collezionista e accumulatore di giochi di ruolo. Game Designer a tempo perso con una particolare passione per giochi indie.
Esperienza di 1 anno come moderatore di un discord di giocatori di ruolo, 5 anni come dimostratore agli eventi, di 7 anni come master in un corso di gioco di ruolo per le scuole superiori, di 10 come giocatore a metà tra il panorama indie e quello tradizionale/classico.
Ma la vera esperienza è nel giocare non meno di 5 giorni a settimana.
Ora meglio che vada.. tra poco probabilmente ho sessione.

mod

Dalle mod al remake di Sonic The Hedgehog: quando l’amore degli appassionati supera le possibilità degli sviluppatori

Iconica illustrazione di Toriyama che mostra il party del videogioco Chrono Trigger

Chrono Trigger: il gioco modello degli ultimi 30 anni