Nuovo appuntamento con la rubrica dedicata ai giochi da tavolo curata da MegaNerd.it, in cui oggi parliamo di un gioco che è diventato anche uno… show televisivo!

Avete presente quando siete davanti ad una prova semplicissima ma vi sentiti osservati, giudicati e soprattutto con l’acqua alla gola? In quei casi va fatto ricorso alla giusta dose di sangue freddo e ci si ripete “Niente panico”… Ecco dunque il gioco che mette in luce proprio queste qualità, con lo scorrere del tempo che mette nel giocatore uno stato d’ansia davvero terribile.

Potete chiedere a mia sorella, ha perso 10 anni di vita ogni 10 secondi di gioco!

no panic gioco da tavolo

Le regole e le abilità richieste sono davvero semplici e basilari, tutto avviene tramite l’utilizzo di un cronometro e di carte su cui sono riportate delle categorie.

Queste carte sono suddivise in due mazzi, uno rosso di livello più facile e uno blu per i più esperti, e contengono categorie adatte a tutte le età (esempi sono colori, parole di 3 lettere, professioni, cantanti famosi, nazioni, etc.). Per quanto riguarda il cronometro è come una sorta di freccia-pulsante, una volta che si carica e si fa partire, comincia ad emettere un rumore davvero molesto, chi ci ha giocato ne è testimone! È proprio questo che crea quel panico che ti blocca anche davanti alla domanda più stupida! Questo pulsante-freccia si può bloccare durante il suo passaggio da 10 a 1 (in alcune versioni da 12 a 1) semplicemente premendolo. Lo scopo del gioco come avrete capito è quello di citare i nomi di oggetti della stessa categoria il più velocemente possibile.

no panic party game

Per giocare sono necessari come minimo due giocatori, per rivolgersi le domande a vicenda, fino ad un massimo a vostro piacere aggiungendo varie eliminatorie, potrebbe essere definito per questo un “party game”.

Per ogni turno di gioco, va caricato il cronometro (solitamente nelle varie versioni c’è un evidente “start” sull’inizio del countdown e uno “stop” alla fine) e girata la prima carta del mazzo con la domanda da porre al giocatore di turno. Appena dopo la simulazione della domanda va fatto partire il tempo e appena il giocatore ha dato la risposta completa deve fermarlo, il suo punteggio sarà proprio quello su cui si è fermata la freccia.

Il gioco si volge su 4 turni più il Giro Bonus:

  • Nel primo turno ogni giocatore deve dire tre oggetti per la categoria della carta a lui uscita (per esempio se uscisse “Cose dolci” potrà nominare oggetti come “zucchero, miele, gelato”).
  • Nel secondo turno ogni giocatore deve riuscire a dire quattro oggetti della categoria assegnata nel minor tempo possibile
  • Nel terzo turno gli oggetti da elencare sono cinque
  • Infine nel quarto, gli oggetti diventano sei

no panic

Il panico vero è creato dal Giro di Bonus, in questo caso il tempo si lascia scorrere ininterrottamente e al giocatore viene chiesto di dire due oggetti per categoria, cercando di farlo per più carte possibili e nel minor tempo che riesca ad impiegare. Il punteggio in questa manche è il numero delle carte per cui si è data la risposta corretta e completa.

Se durante i turni finisse il tempo prima che il giocatore elenchi i nomi degli oggetti gli verrà assegnato 0 come punteggio. Le domande riferite alle carte possono essere fatte da una persona esterna che non interferisce nel gioco, oppure semplicemente da chi siede alla sinistra del giocatore di turno, l’importante è far partire il tempo e fermarlo molto rapidamente!

No Panic! Niente panico! Nella versione italiana, è in circolazione dagli anni ’90, vanta ormai di varie edizioni soprattutto dopo aver cambiato casa editrice passando dalla Mattel alla Goliath, quest’ultima ha introdotto una versione No Panic Disney e Pixar.

no panic disney

In Francia è stata creata l’edizione per una vera e propria battaglia di gruppo, No Panic Battle.

no panic party game

In America è stata distribuita anche la versione The Simpson Don’t Panic dalla Mega Brands, che propone come cronometro un modellino della centrale nucleare in cui lavora Homer -con sopra il fastidioso timer- e una plancia di gioco.

no panic

In Italia possiamo ricordare anche la sua versione a quiz televisivo, grazie a Bim Bum Bam – storico programma per ragazzi degli anni ‘80/’90 – in cui vennero ricreati dei famosi giochi da tavolo per ragazzi per essere giocati “fisicamente” in TV. Tra i più famosi c’era La spaghettata, ripreso dal gioco Spago Spaghetti, Super forza 4 e appunto Niente Panico!

bim bum bam no panic

Alla conduzione c’era un giovanissimo Carlo Sacchetti.

a cura di Saki

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!