Dungeon Royale, la battaglia reale sui nostri tavoli

Dungeon Royale, la battaglia reale sui nostri tavoli
Anche oggi torniamo a parlare di trasposizioni di videogame in giochi da tavolo, il protagonista questa volta è il genere dei Battle Royale.

Anche oggi torniamo a parlare di trasposizioni di videogame in giochi da tavolo, il protagonista questa volta è il genere dei Battle Royale. No, non stiamo parlando di Monopoly Fortnite ma di un’interessante progetto Kickstarter che ha attirato la nostra attenzione, parliamo di Dungeon Royale.

Il Battle Royale al tempo dei cavalieri

All’interno di un antico dungeon, valorosi eroi competono per trafugare il bottino migliore ed eventuale scampare alle fauci del drago. Le meccaniche sembrano molto simili a quelle viste nel “Pacman” di 8Bit Box sfruttando il movimento segreto e simultaneo di tutti i giocatori dopo la quale potremo trovare armi, tesori o mostri e attaccare gli altri giocatori.

Una seconda fase prevede un conteggio di punti in base agli oggetti raccolti, le uccisioni ottenute, gli artefatti e le missioni completate. La morte farà del gioco così come il respawn che vi permetterà di ricomparire in una delle aree del dungeon. Il giocatore che uscirà per primo dall’area di gioco con la Pietra della Vita verrà dichiarato vincitore mentre per tutti gli altri verrà dichiarato il Game Over.

Elementi semplici per divertirsi al massimo

Gli elementi che costituiscono Dungeon Royale sono semplici ed essenziali per lasciare spazio ad un gameplay che a quanto riportato dalla pagina Kickstarter è immediato e frenetico. Il packaging che rievoca il vecchio Game Boy è accompagnato da una veste grafica in pixel art molto simile a quello visto in Boss Monster.

Insomma si tratta sicuramente di un Kickstarter da tenere d’occhio se come noi amate unire il mondo dei video giochi a quello dei giochi da tavolo.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Diego Del Buono

Classe 1992 Studente di lingue cresciuto a pane e videogames, dalla Super Nintendo a tutta gamma Playstation. Nel 2007, scoperto l'online gaming con World of Warcraft, il suo interesse per il mercato videoludico è cresciuto a dismisura. Il suo sogno è di trasformare la sua passione per i videogames in un lavoro.

Proprio parlando di WoW, spesso lo troverete su Twitch con il suo canale Ilvecchiojameson.

Amazon vuole iniziare a tracciare il vostro benessere psicologico

steam aprile 2019

L’aprile 2019 di Steam tra medioevo, futuro e grinding selvaggio