Netflix sempre più avara: dovrete rinunciare alla condivisione, ora è ufficiale

netflix è finita la condivisione degli account

Brutte notizie per gli scrocconi: Netflix ha annunciato che a breve l’account non potrà più essere condiviso

Una delle funzioni più utilizzate di Netflix (come di ogni piattaforma che lo consente) è senza ombra di dubbio la condivisione degli account. In genere per un solo abbonato pagante l’account viene sfruttato da altre persone con la semplice immissione delle credenziali d’accesso: chi non ha mai condiviso l’account con fidanzate, amici o parenti?

A breve non sarà più possibile farlo!

Drastica decisione di Netflix

L’era della condivisione delle password di Netflix si concluderà presto. Il colosso dello streaming ha in programma di applicare le regole di condivisione delle password “in modo più ampio” verso la fine del primo trimestre del 2023, ha annunciato la società nel suo rapporto sui guadagni di oggi.

Mentre i nostri termini di utilizzo limitano l’uso di Netflix a un nucleo familiare, riconosciamo che questo è un cambiamento per i membri che condividono il loro account in modo più ampio. Con l’introduzione della condivisione a pagamento, i membri in molti Paesi avranno anche la possibilità di pagare un extra se vogliono condividere Netflix con persone con cui non vivonoSi legge nel comunicato di Netflix

Una volta lanciata la condivisione delle password, Netflix afferma di aspettarsi una “reazione di annullamento” in ogni mercato, ma che i benefici a lungo termine del pagamento di account aggiuntivi si tradurranno in “un miglioramento delle entrate complessive”. Non fornisce informazioni sui prezzi o su una data specifica, ma “più tardi nel primo trimestre del 23” suggerisce che potrebbe entrare in vigore nel mese di aprile.

La notizia era già stata annunciata da mesi. A ottobre, il gigante dello streaming ha introdotto la possibilità per gli utenti di trasferire facilmente il proprio profilo, un modo per incoraggiare gli utenti ad aprire un proprio account se attualmente lo condividono con un amico o un familiare. Netflix ha inoltre introdotto un nuovo strumento che consente di gestire da remoto i dispositivi che utilizzano il proprio account e di escludere dal proprio account amici o familiari indesiderati.

Il nostro lavoro consiste nel dare loro una piccola spinta e nel creare funzioni che rendano facile e semplice il passaggio ai loro account.

Ci prova da tempo

Netflix ha già testato vari modi per reprimere la condivisione delle password in Sud America e ha iniziato a chiedere agli utenti di Cile, Costa Rica e Perù di pagare per un sotto-account aggiuntivo se lo streamer rileva che qualcuno che utilizza l’account vive fuori casa. A maggio, un rapporto di Rest of World ha suggerito che questo test anti-password-sharing non stava andando molto bene, con gli abbonati in Perù che hanno dichiarato di non essere stati formalmente informati della politica e che i livelli di applicazione variavano tra gli utenti.

Separatamente, il servizio ha iniziato a consentire agli utenti di Argentina, El Salvador, Guatemala, Honduras e Repubblica Dominicana di acquistare “case” aggiuntive per chiunque viva al di fuori del nucleo familiare principale dell’abbonato.

Una situazione economica difficile

Il giro di vite sulla condivisione delle password è solo uno dei metodi che Netflix sta utilizzando per soddisfare gli investitori, visto che la crescita degli abbonati continua a rallentare. Nel quarto trimestre del 2022 Netflix ha registrato circa 7,6 milioni di nuovi abbonati a livello globale. Il numero batte le aspettative degli analisti, ma rappresenta comunque un leggero calo rispetto agli 8,2 milioni di abbonati aggiunti nello stesso periodo dello scorso anno.

Negli ultimi mesi l’azienda ha pubblicato un’ampia serie di contenuti, tra cui Glass Onion: A Knives Out Mystery, Wednesday e Harry & Meghan. A novembre ha anche lanciato un nuovo livello con supporto pubblicitario. Sebbene Netflix si dichiari “soddisfatta dei primi risultati”, secondo i dati forniti dalla società di analisi degli abbonamenti Antenna, potrebbe avere difficoltà a decollare.

Il piano Basic è stato il meno popolare di Netflix nel mese di novembre, con solo il 9% dei nuovi abbonati a Netflix negli Stati Uniti che hanno sottoscritto il piano. Nello stesso periodo, Digiday ha riferito che Netflix ha restituito parte del denaro agli inserzionisti dopo aver mancato gli obiettivi di audience. Tuttavia, ci sono alcuni segnali di miglioramento. A dicembre, i dati di Antenna ottenuti dal Wall Street Journal indicano che il 15% dei nuovi abbonati ha sottoscritto il piano.

Nel complesso, la reazione a questo lancio sia da parte dei consumatori che degli inserzionisti ha confermato la nostra convinzione che il nostro piano ad-supported abbia una forte economia unitaria (come minimo, in linea o migliore del piano analogo ad-free) e che genererà ricavi e profitti incrementali, anche se l’impatto sul 2023 sarà modesto dato che si svilupperà lentamente nel tempoScrive la società