In arrivo una tempesta magnetica | Come prevenire qualsiasi disagio

    in arrivo una forte tempesta solare

    La Terra è in pericolo e sta per diventare bersaglio di una tempesta geomagnetica tra pochi giorni: ecco cosa potrebbe accadere!

    Non c’è davvero pace per la nostra Terra che tra pochi giorni dovrà affrontare un nuovo e potenziale pericolo proveniente dallo spazio aperto. Solo pochi giorni fa c’è stato il pericoloso allarme dall’Universo con la caduta libera di un satellite che si è schiantato sul nostro pianeta a velocità inaudite, ma per fortuna non c’è stato ulteriore pericolo. Stavolta la minaccia arriva direttamente dal Sole.

    In quel caso si trattava di qualcosa di costruito dall’uomo e dalla NASA e quindi ovviamente controllato: un satellite, anche se di enormi dimensioni e in caduta libera sulla Terra, è difficile che possa arrecare troppi danni se non per qualche sfortunato detrito, proprio perché si disintegra al contatto con l’atmosfera terrestre. Lo scudo naturale che protegge il nostro pianeta però non può nulla verso i fenomeni naturali che provengono da altri corpi celesti e quindi verrà colpita in pieno.

    Cosa sta succedendo nello spazio?

    I primi segnali si sono verificati lo scorso 15 gennaio quando gli scienziati hanno rilevato un’attività solare piuttosto intensa dovuto al fatto che il Sole si sta avvicinando al picco massimo del suo ciclo vitale di 11 anni: il punto più alto dovrebbe capitare nell’estate del 2025. A causa di questa intensa attività, gli scienziati hanno assistito a varie esplosioni di massa coronale, ovvero della parte più esterna della sfera solare: qualcosa che si è già verificato in passato, ma che stavolta come detto è piuttosto intensa.

    Queste esplosioni solari provocano sulla superficie del Sole diverse macchie solari che provocano anche la fuoriuscita di materiale che sprigionano flussi di plasma nello spazio. La maggior parte dei flussi di plasma si disperde nello spazio aperto, ma molti sono attratti dal campo magnetico terrestre e quindi possono colpire la Terra in maniera più o meno intensa. Questo causa le tempeste geomagnetiche che provocano tanti fenomeni naturali, ad esempio le bellissime aurore boreali dei poli.

    Tempesta in arrivo: ci dobbiamo preoccupare?

    A causa di queste esplosioni solari gli scienziati hanno previsto l’arrivo di una nuova tempesta geomagnetica tra il 19 e il 20 gennaio, praticamente a brevissimo, mancano davvero poche ore.
    Le tempeste geomagnetiche sono pericolose? Dipende tutto dall’intensità: le tempeste sono classificate su una scala di intensità che va da G1 (che è quella che capita più di frequente e non provoca particolari problemi) a G5 che potrebbe addirittura disturbare talmente tanto il campo magnetico terrestre da distruggere qualsiasi apparecchio elettronico su tutto il pianeta!

    Fortunatamente si prospetta una tempesta geomagnetica di livello G1, quindi il più basso in termini di intensità, ma potrebbero comunque arrivare dei disturbi e dei malfunzionamenti anche duraturi di apparecchi elettrici come telefoni, computer e molto altro.
    Nei prossimi giorni, per quanto riguarda l’emisfero settentrionale, l’aurora boreale potrebbe essere osservata nelle città di Seattle, Chicago e Bost negli Stati Uniti, mentre per l’Europa potrebbero essere coinvolte la Danimarca e l’Inghilterra del Nord. L’aurora australe potrebbe invece manifestarsi in Australia e Nuova Zelanda.