Un nuovo alleato nelle videochiamate super noiose | Nvidia ha creato il tool definitivo

    riunioni noiose

    Una nuova tecnologia permette di distrarsi durante una videochiamata fingendo di essere sempre con gli occhi sullo schermo

    Essere trascinati in interminabili riunioni inutili che sembrano trascinarsi all’infinito è uno dei rischi della moderna vita d’ufficio, ma in qualche modo è ancora peggio quando si lavora comodamente da casa su Zoom.

    La tentazione di controllare WhatsApp o di vedere come sta andando la vostra squadra di fantacalcio è enorme, ma la webcam rivelatrice vi tradirà sempre. Basta pensare alle telefonate di gruppo: si può sempre capire chi sta davvero prestando attenzione e chi sta (malamente) fingendo.

    Ma ora potrebbe essere un po’ più difficile capire se avete dei colleghi giocatori di PC.

    Nvidia per i bugiardi da webcam

    Nvidia, il produttore di hardware dietro le schede grafiche GeForce destinate ai giocatori e ai creatori di PC, ha aggiornato il suo software Broadcast per consentire agli utenti di fingere di avere sempre gli occhi sulla webcam.

    Nvidia Broadcast si inserisce nei software di videoconferenza (ad esempio Skype e Zoom) e di streaming (ad esempio Discord e Twitch) per fornire miglioramenti dell’intelligenza artificiale, come sfondi personalizzati, riduzione del rumore e tracciamento dei movimenti alle webcam.

    Disponibile solo per chi ha una GPU Nvidia RTX, l’ultima novità è la capacità di fingere l’attenzione. Quando il filtro “contatto visivo” è abilitato, le pupille vengono ridisegnate in modo da essere sempre fisse sulla telecamera.

    Forse consapevole del fatto che potrebbe essere usato in modo ingannevole, Nvidia lo propone più ai creatori di contenuti “che cercano di registrarsi mentre leggono i loro appunti o un copione” piuttosto che alle persone che vogliono fingere entusiasmo per una telefonata di aggiornamento delle 16.45, ma i risultati sono in definitiva gli stessi.

    Come dimostra il video qui sotto, il software non solo copia il colore naturale degli occhi, ma introduce anche gli ammiccamenti per rendere l’inganno più convincente.

    Se il filtro dovesse smettere di funzionare (ad esempio se si guarda troppo lontano), Nvidia ha incluso un sistema di disconnessione. In questo modo si passa delicatamente dagli occhi artificiali a quelli reali, risparmiando ai colleghi l’esperienza stridente di vedere le pupille che si muovono sullo schermo e di chiedersi se sia il caso di comporre il 118 al posto vostro.

    Nvidia non è l’unica azienda a sperimentare questa soluzione. Nel 2019 Apple ha aggiunto “Attention Correction” a iOS 13, che imita il contatto visivo nel software FaceTime dell’azienda. Microsoft, nel frattempo, ha segnalato un piano per fare qualcosa di simile con le app di Windows 11 ad aprile.

    Non solo per bugiardi

    Ci sono ragioni non subdole per cercare di regolare gli occhi di un utente in un filmato, naturalmente. Le videochiamate non sono mai state molto personali perché la webcam deve essere lontana dallo schermo, il che significa che le persone non si vedono mai negli occhi e il contatto visivo è associato alla fiducia, all’intelligenza percepita e, più in generale, al legame umano.

    In altre parole, abbassare un po’ gli occhi per mantenere il contatto visivo potrebbe togliere un po’ di impersonalità alle videochiamate, anche se il fatto che qualcuno mantenga il contatto visivo per tutta la durata di una videochiamata di un’ora può essere un po’ snervante di per sé.

    Ma è interessante ipotizzare dove potrebbero andare a parare le videochiamate deep-faking. Da anni le app con fotocamera fanno sorridere i volti: è davvero impossibile pensare che un’azienda possa sviluppare un overlay che aiuti a fingere interesse per ciò che l’altra persona sta dicendo nello stesso modo?

    Spetta ai consumatori decidere quando queste funzioni superano il confine tra comodo e inquietante, se non è già stato raggiunto.