In Iran la tecnologia è contro le Donne | Privacy violata e Internet Isolato

    DONNE in iran sono in pericolo

    Nonostante le proteste il governo iraniano sta usando il riconoscimento facciale per controllare e arrestare le donne

    Quando il mese scorso il governo iraniano ha annunciato di voler sciogliere la cosiddetta “polizia morale” dopo settimane di storiche proteste contro l’autoritarismo, i dissidenti nel Paese e all’estero hanno visto la concessione come un potenziale punto di svolta per i diritti delle donne.

    Tra i compromessi, i funzionari governativi hanno dichiarato che avrebbero preso in considerazione la possibilità di allentare le rigide leggi sull’hijab obbligatorio, in vigore dal 1979.

    Tuttavia, mentre le testimonianze di persone che la polizia ha prelevato dalle strade cittadine per essersi rifiutate di indossare il copricapo sembrano essere diminuite, alcuni sostenitori temono che gli stessi disertori del codice di abbigliamento vengano invece presi di mira dai sistemi di riconoscimento facciale e successivamente sanzionati.

    La repressione si evolve tecnologicamente

    Molte persone non sono state arrestate per strada, sono state arrestate nelle loro case uno o due giorni dopo.

    In una recente intervista a Wired, la ricercatrice dell’Università di Oxford Mahsa Alimardani ha discusso la possibilità che il riconoscimento facciale venga utilizzato per applicare le leggi iraniane sull’hijab.

    Alimardani ha raccontato di donne in Iran che affermano di aver ricevuto citazioni per posta per aver violato la legge senza alcun preavviso o interazione diretta con le forze dell’ordine. Queste descrizioni coincidono con i resoconti di prima mano dell’iraniana Sarzamineh Shadi, che ha raccontato alla rivista di essere a conoscenza di diverse donne che hanno ricevuto citazioni per aver violato le regole dell’hijab durante le proteste, giorni dopo che queste si erano effettivamente svolte.

    Mahsa Amini
    Mahsa Amini

    Il governo teocratico iraniano è stato impegnato in una brutale repressione contro i manifestanti dopo la morte a settembre di una donna curda di 22 anni di nome Mahsa Amini, arrestata dalla polizia morale del Paese per non aver indossato l’hijab durante una visita a Teheran e morta sotto la custodia della polizia. Le proteste che ne sono seguite in tutto il Paese hanno provocato più di 19.000 arresti e almeno 300 morti. Mentre i dissidenti hanno già ottenuto importanti concessioni, gli sforzi più ampi dei manifestanti che chiedono un vero e proprio cambiamento del regime si scontrano con un avanzato sistema di sorveglianza statale in fase di realizzazione da anni.

    Il governo conferma

    Sebbene sia difficile confermare gli esatti metodi utilizzati per identificare le persone caso per caso, i funzionari iraniani hanno dichiarato di utilizzare il riconoscimento facciale per far rispettare le leggi sull’hijab. Lo scorso settembre, The Guardian ha citato un’intervista con Mohammad Saleh Hashemi Golpayegani, Segretario del Comando iraniano per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio, in cui il funzionario affermava che il governo intendeva utilizzare la tecnologia di sorveglianza negli spazi pubblici.

    Riconoscimento facciale

    Questi sforzi di rilevamento sono resi possibili in primo luogo grazie a un sistema di identificazione governativo di sette anni fa che richiede la scansione del volto e altri identificatori biometrici. Parlando con Wired, Alimardani ha detto che lo stesso sistema di database utilizzato per creare le carte d’identità nazionali del Paese potrebbe essere usato dai funzionari per identificare presunti trasgressori della legge sull’hijab o altre persone considerate in contrasto con il regime.

    Un Internet tutto iraniano

    La visione di sorveglianza del governo iraniano va ben oltre il riconoscimento facciale. Almeno dal 2016, i funzionari hanno tentato, con diversi gradi di successo, di creare una propria intranet interna separata dal world-wide-web e di affidarsi esclusivamente a server farm iraniane. Questo sforzo segue le orme di analoghi sistemi internet isolati in Cina e, più recentemente, in Russia. Nel frattempo, i funzionari iraniani sono intervenuti ripetutamente per bloccare l’accesso alle piattaforme di comunicazione internet globali, anche durante le ultime proteste.