Salvataggio in alta quota | Quello che è successo ha lasciato tutti di stucco

    salvataggio in aereo estremo a 40000 metri d altezza

    Un medico ha lottato per ore per salvare la vita di un passeggero il cui cuore si è fermato due volte in aereo

    Quante volte in un film abbiamo sentito il classico grido di allarme “Chiamate un dottore!” o l’eroico intervento di un passante con le competenze adatte a salvare la vita di un malcapitato? La realtà ha superato l’immaginazione durante un volo al cardiopalma.

    Paura in volo

    Vishwaraj Vemala stava volando con sua madre su un volo Air India diretto a Bangalore quando un passeggero ha avuto un collasso e ha smesso di respirare. Come racconta un comunicato stampa, il consulente epatologo che lavora presso l’University Hospitals di Birmingham ha iniziato a tentare di rianimare l’uomo di 43 anni.

    Foto del dott. Vishwaraj Vemala

    “C’è voluta circa un’ora di rianimazione prima di riuscire a rianimarlo. Durante questo tempo, ho chiesto al personale di bordo se avessero dei farmaci”, ha detto Vemala. “Per fortuna avevano un kit di emergenza che, con mia grande sorpresa, comprendeva farmaci rianimatori per consentire il supporto vitale”.

    Tutti i passeggeri hanno aiutato

    Vemala, che aveva a disposizione solo ossigeno e un defibrillatore automatico esterno, ha quindi chiesto ai passeggeri a bordo se avessero qualche attrezzatura in grado di aiutarlo. È riuscito a trovare un cardiofrequenzimetro, una macchina per la pressione sanguigna, un pulsossimetro e un glucometro per monitorare i segni vitali del paziente.

    …ma il cuore si è fermato di nuovo

    L’uomo ha poi avuto un altro attacco cardiaco e Vemala ha detto che ci è voluto molto più tempo per rianimarlo la seconda volta. “Per quasi due ore di volo non ha avuto polso né pressione sanguigna decente. Insieme al personale di bordo, abbiamo cercato di tenerlo in vita per cinque ore in totale”.

    Ha aggiunto: “È stato estremamente spaventoso per tutti noi, soprattutto per gli altri passeggeri, ed è stato piuttosto emozionante”.

    Atterraggio d’emergenza

    Il pilota ha chiesto il permesso di atterrare in un aeroporto del Pakistan, ma la richiesta è stata respinta. L’aereo è invece atterrato a Mumbai, dove il personale di emergenza era in attesa a terra.

    Aereo Air India fermo in aeroporto

    “Quando siamo atterrati, il passeggero è stato rianimato ed è stato in grado di parlare con me. Tuttavia, ho insistito perché venisse portato in ospedale per essere controllato”

    ha raccontato Vemala.

    “Il paziente mi ha ringraziato con le lacrime agli occhi. Mi ha detto: ‘Sono per sempre in debito con te per avermi salvato la vita’”.

    Era la prima volta che Vemala trattava un arresto cardiaco. “Durante la mia formazione medica, avevo già avuto modo di affrontarlo, ma mai a 40.000 piedi di altezza”, ha detto. “È stata anche la prima volta, nei miei sette anni di lavoro come consulente, che mia madre mi ha visto ‘in azione’, per così dire, e questo ha reso il tutto ancora più emozionante: ha pianto molto”.

    Air India non ha ancora commentato l’accaduto, ma parte del merito va anche al personale di bordo che ha saputo assistere il giovane dottore salvando la vita di un uomo.