Netflix: famosissimo attore cede il ruolo… Per la puzza insopportabile

    NETFLIX no a henry cavill per la puzza

    L’attore protagonista della nuova serie Netflix si è lamentato di una cosa molto particolare del suo costume di scena: “Puzzava troppo”

    Dopo il successo della serie Netflix The Witcher, basata sulle avventure di Geralt di Rivia, tratte dal videogioco omonimo e dai romanzi di Andrzej Sapkowski, Netflix ci riprova con una nuova produzione basata sullo stesso universo narrativo.

    Blood Origin

    Mentre è polemica sull’abbandono di Henry Cavill, attore che interpretava lo strigo e che non ci sarà a partire dalla quarta stagione, nella nuova produzione spin-off si racconterà una storia diversa, ambientata molti anni prima degli eventi della principale: similmente a quanto fatto da Gli Anelli del Potere o House of Dragon.

    Personaggi di The Witcher Blood Origin

    Witcher: Blood Origin è attualmente disponibile su Netflix. La serie in quattro parti si svolge 1.200 anni prima degli eventi della serie The Witcher e Blood Origin porta alla creazione del primo Witcher.

    La serie è interpretata da O’Fuarain, Sophia Brown, Zach Wyatt, Michelle Yeoh e Nathaniel Curtis. Inoltre, Francesca Mills interpreta una guerriera con un martello da guerra tutto suo, che ora si trova nella sua camera da letto, e introduce un nuovo personaggio interpretato da Minnie Driver.

    La serie è scritta e prodotta da Lauren Hissirch e Declan De Barra, che hanno entrambi lavorato a The Witcher rispettivamente come showrunner e sceneggiatore. La serie è basata sui romanzi di Andrzej Sapkowski, che ha sostenuto molto Blood Origin.

    Personaggi molto differenti

    Mentre personaggi come Geralt diventeranno esseri che fondono magia e umanità, il primo Witcher aveva un aspetto un po’ diverso.

    Il personaggio dell’attore Laurence O’Fuarain, Fjall, è un potente guerriero che finisce per assumere il ruolo del primo Witcher durante gli episodi finali della stagione. Tuttavia, per questa trasformazione ha dovuto indossare una grande protesi.

    “È stata dura”, ha dichiarato O’Fuarain a GameSpot. “E quando devi indossare le protesi per un paio d’ore su una sedia, non è mai facile, ma insomma, fa parte del pacchetto. Succedeva che venivo prelevato dall’appartamento in cui alloggiavo verso le 2:00, 2:15 del mattino. E poi venivo letteralmente riaccompagnato alle 22 circa, perché una volta indossato, devi girare tutto il giorno e poi devi togliere tutto. E il mio truccatore, Valentin, doveva essere lì prima di me, quindi non posso lamentarmi. Per lui è stata la cosa più dura. Faceva parte del lavoro”.

    Laurence O'Fuarain nei panni di Fjall

    Lavorare tutto il giorno indossando protesi era noto a O’Fuarain, ma quello che non si sapeva, all’inizio, era l’odore che avrebbe avuto dopo aver lavorato tutto il giorno. “Credo che per me l’aspetto più importante sia stato l’odore”, ha spiegato O’Fuarain. “La tuta che ho dovuto indossare alla fine… puzzava. E credo che ciò dipenda in parte dalla quantità di sudore che avevo addosso e in parte dal materiale di cui era fatta. Ma sono stati giorni molto solitari, perché avevo un po’ di solitudine intorno a me, dato che la maggior parte della troupe e del cast è rimasta piuttosto lontana”.

    Anche se quei giorni sono stati solitari, O’Fuarain ha detto che gli è piaciuto indossare l’abito e che si è sentito “bestiale”.

    Progetti futuri

    Oltre alla nuova serie e alla terza stagione di The Witcher all’orizzonte, è in fase di realizzazione un remake del primo gioco di The Witcher in Unreal Engine 5, che sarà open world.