Arrivano le rimodulazioni ai contratti energetici | Come non farsi truffare

    rimodulazione luce e gas come difendersi

    Da quando è scoppiata la guerra in Ucraina siamo tutti consci degli aumenti in bolletta, purtroppo i Russi hanno chiuso i rubinetti e l’Unione Europea ha fatto il resto, per noi consumatori ora è difficile districarsi nel labirinto delle offerte luce e gas; in questo articolo non vi proporremo un fornitore ma trucchi ed escamotage per evitare il peggio in bolletta.


    Si sa: le truffe relative ai gestori di luce e gas possono essere molto pericolose per il nostro portafoglio, soprattutto perché si presentano come offerte super vantaggiose o come opportunità di risparmio imperdibili.
    Tuttavia, è importante essere consapevoli di questi tentativi di truffa e frode, sapendo in anticipo come difendersi.

    Oggi vi parleremo delle truffe più comuni relative ai gestori di luce e gas e vi forniremo alcuni consigli su come risparmiare sulla bolletta energetica senza cadere vittime di questi salassi a quattro cifre.

    La rimodulazione dei contratti: come difendersi

    Approfittando del caos generato dalla guerra i gestori stanno rimodulato i contratti facendoci pagare di meno: almeno momentaneamente.
    Tutto ciò vale solo per un breve periodo di tempo; infatti da Gennaio la stragrande maggioranza dei contratti in essere qui in Italia verrà rimodulato brutalmente, ricordatevi di controllare la posta e le scritte in piccolo nelle bollette.

    Inoltre, prendetevi un’ora del vostro tempo per chiamare i vostri fornitori e chiedere se ci saranno rimodulazioni, sono obbligati a dirvi la verità e vi invitiamo caldamente a chiedere uno sconto nel caso non foste stati messi in guardia a tempo debito.

    Vediamo ora insieme le truffe più comuni di cui è essenziale difendersi:

    “Signor Rossi, è lei?” – La truffa del “sì”

    la risposta al tizio delle bollette che chiama a ogni ora
    La nostra tipica reazione all’ennesimo call center

    State molto attenti a come rispondete agli operatori del call center; spesso vi faranno domande dove vi sarà naturale rispondere “sì” come il banale “Parlo con il signor Rossi?”.

    La truffa è dietro l’angolo, tramite software riescono a tagliare la vostra risposta e montarla ad hoc mettendovi in seri guai. Valutate sempre le vostre risposte e non utilizzate mai affermazioni secche se non ne siete sicuri al 100%.

    Codice POD e Codice PDR, come vogliono fregarvi

    codice pod

    Con questa truffa vogliono sicuramente estorcervi denaro facendovi credere di dover pagare una bolletta o di dover sostituire il contatore. I truffatori spesso utilizzano il nome di un’azienda di energia legittima (il classico “pronto siamo dell’Enel/Eni”), chiamando le persone dicono che il loro codice POD o PDR è stato modificato o che il contatore deve essere sostituito. Inoltre, potrebbero anche chiedere di fornire i vostri dati personali o di effettuare un pagamento istantaneo per evitare lo stacco della luce e del gas.

    In sostanza, il codice POD o PDR è un numero assegnato dall’azienda di energia per identificare l’ubicazione del punto di consegna dell’energia, mentre il contatore è uno strumento utilizzato per misurare il totale energetico nella vostra casa. In genere, l’unico ente autorizzato a modificare il codice POD o a sostituire il contatore di energia è il vostro fornitore.

    Come ci si difende?

    È facile: se vi chiedono i vostri dati o vi intimano di pagare vi basterà metterli in attesa e chiamare il vostro fornitore chiedendo se la chiamata è stata programmata. Se così non fosse segnatevi il numero di questi truffatori e informate le autorità competenti; spesso quando è troppo bello per essere vero è una fregatura al 100%. Non fidatevi.

    I porta a porta

    venditore porta a porta
    Classico venditore porta a porta, lui è della compagnia energetica americana “dunder mifflin”

    Magari è il vostro amico delle medie che non sentite da dieci anni o quel signore che al bar vi chiede “quanto pagate di luce e gas?” Beh, non fidatevi. Queste persone offrono tariffe vantaggiose per il passaggio a un altro fornitore ma non lo fanno per magnanimità ma per la percentuale che riscatteranno.


    Molto Spesso, questi venditori non sono autorizzati e potrebbero non avere le autorizzazioni necessarie per farvi un contratto. Inoltre, potrebbero offrire tariffe che sembrano vantaggiose, ma che in realtà sono molto più alte di quelle offerte dai fornitori di energia più comuni.

    Difendersi è facile: ricordatevi di non firmare nulla al momento della visita e, invece, prendetevi il tempo per confrontare le tariffe dei diversi fornitori prima di decidere.

    I tecnici del contatore

    tecnico del contatore
    Un tecnico del contatore americano

    Un’altra truffa comune è quella dei “finti tecnici”, che si presentano come rappresentanti del vostro fornitore e chiedono di leggere il contatore o di sostituirlo con uno nuovo. Spesso, questi truffatori cercano di addebitare tariffe elevate per il disturbo o di ottenere le vostre informazioni personali.

    Anche qui; difendersi è facile: è importante non aprire la porta a estranei e chiamare il proprio fornitore di energia per verificare l’identità del visitatore.

    L’alieno che vi offre un contratto “tutto gratis”

    In questo caso i truffatori vi offriranno l’installazione di pannelli solari o altre fonti di energia rinnovabile a costo zero, ma in realtà addebitano tariffe elevate per l’installazione o per l’energia prodotta (o anche solo per la consulenza!). Per difendersi da questa truffa, è estremamente importante fare ricerche sull’azienda e sull’offerta prima di firmare qualsiasi contratto.

    Scampate le truffe: come si abbassano le bollette?

    Un allegro ufficio che non ha aderito alle truffe
    Usate i 9 trucchi come loro, un allegro ufficio

    Oltre a difendervi dalle truffe, ci sono anche alcuni modi per risparmiare sulla bolletta energetica senza cadere vittime di questi manigoldi. Ecco 9 metodi super efficaci:

    1. Confrontate le tariffe dei diversi fornitori: prima di scegliere un nuovo fornitore di luce o gas, è importante confrontare le tariffe offerte da diverse compagnie per assicurarsi di ottenere il miglior prezzo.
    2. Non firmate nulla al momento della visita: se un venditore vi offre un’offerta vantaggiosa per il passaggio a un altro fornitore di energia, non firmate nulla subito. Prendetevi il tempo di confrontare le tariffe.
    3. Non aprire la porta agli sconosciuti: se un estraneo bussa e si presenta come rappresentante di un’azienda di energia e chiede di leggere il contatore o di sostituirlo, non aprite la porta. Chiamate il fornitore e chiedete “chi è sto pinco pallino?”.
    4. Verificate l’identità dell’azienda: se un’azienda vi offre di installare pannelli solari o altre fonti di energia rinnovabile a costo zero, assicurati di fare ricerche sull’azienda e sull’offerta prima di firmare qualsiasi contratto.
    5. Scegliete un fornitore di energia verde: se volete fare una scelta sostenibile considerate la scelta di un fornitore che utilizzi fonti di energia rinnovabile come il sole, il vento o l’idroelettrico.
    6. Utilizzate i dispositivi di risparmio energetico: un must sono i termostati programmabili (vi consigliamo questo e questo) e le lampadine a LED (come queste, queste e queste).
    7. Spegnete le luci e gli elettrodomestici quando non sono in uso: fa una differenza enorme; inoltre ricordatevi di spegnere le multiprese prima di andare a dormire (se foste pigri come noi potreste provare queste prese smart che si spengono da sole)
    8. Sostituite i vecchi elettrodomestici con modelli ad alta efficienza energetica: consumano molta meno energia, soprattutto quelli che nella classe energetica si pongono dalla “A” in poi.
    9. Isolate la vostra casa: l’isolamento può aiutare a mantenere la temperatura interna costante, riducendo il consumo di energia per il riscaldamento o la climatizzazione.