Twitter inizia a rimuovere i Giornalisti | Social di nuovo impazzito

    giornalisti con il bavaglio

    Continua la guerra di Musk alla libertà di stampa ed informazione: il multimiliardario ha cacciato giornalisti da Twitter

    Giovedì i difensori della libertà di stampa hanno criticato il proprietario di Twitter Elon Musk, che ha sospeso gli account di diversi giornalisti di alto profilo che si occupano del miliardario e della sua caotica gestione del sito di social media.

    Musk ha preso l’insolita decisione di cacciare i giornalisti da Twitter in seguito a un improvviso cambio di politica sugli account che condividono i viaggi di jet privati utilizzando informazioni pubblicamente disponibili.

    Musk ha twittato che coloro che violano la nuova politica di Twitter saranno sospesi per 7 giorni.

    Tutto per un jet privato

    Twitter ha cambiato le sue regole sull’account che segue il jet privato di Elon Musk
    Molti dei giornalisti che sono stati sospesi giovedì sera avevano twittato o scritto della frattura tra Musk e l’account di monitoraggio del jet.

    Il Jet privato di Elon Musk in volo su colline alberate

    Tra i giornalisti i cui account sono stati sospesi ci sono Donie O’Sullivan della CNN, Ryan Mac del New York Times, Drew Harwell del Washington Post, Micah Lee di Intercept e il giornalista Aaron Rupar.

    In un post su Substack, Rupar ha scritto di non essere sicuro del motivo della sua sospensione. Ha detto di aver twittato mercoledì un link a una pagina Facebook per l’account di jet-tracking. “Forse è stato questo il motivo”, ha scritto Rupar. “Ma non so ancora quale politica possa aver violato”.

    I capricci di Musk

    Jameel Jaffer, direttore esecutivo del Knight First Amendment Institute della Columbia University, ha definito inquietante la mossa di Musk.

    “Musk sospende gli account dei giornalisti è meschino, vendicativo e assolutamente vergognoso, soprattutto perché Musk si è presentato, per quanto assurdamente, come un campione della libertà di parola”, ha dichiarato Jaffer in un comunicato.

    Nora Benavidez, consulente senior del gruppo di difesa Free Press, ha fatto eco alle osservazioni di Jaffer, affermando che la sospensione di giornalisti basata apparentemente su astio personale “crea un pericoloso precedente”.

    “Musk ha già un lungo curriculum di tentativi di mettere a tacere le persone che non gli piacciono o i discorsi che lo criticano”, ha detto Benavidez, osservando che la sospensione dei giornalisti “mette in pericolo la capacità del pubblico più ampio di sapere cosa succede all’interno di Twitter”.

    Cambiate le regole di Twitter

    In una dichiarazione rilasciata a NPR, Ella Irwin, responsabile di Twitter per la fiducia e la sicurezza, ha affermato che la condivisione delle informazioni sulla posizione in tempo reale delle persone su Twitter è ora una violazione delle sue politiche.

    “Senza commentare alcun account specifico, posso confermare che sospenderemo tutti gli account che violano le nostre politiche sulla privacy e mettono a rischio altri utenti”, ha dichiarato Irwin. “Non facciamo eccezioni a questa politica per i giornalisti o per altri account”.

    Poco dopo le sospensioni, Musk ha dichiarato su Twitter che le mosse non erano una ritorsione per la copertura critica.