Criptovalute e monete digitali | Crollo del Bitcoin imminente, allarme ovunque

    crollo criptovalute

    Sono tante le persone, in tutto il mondo, che hanno investito in Bitcoin, ma, dopo un guadagno enorme iniziale, il valore della valuta digitale sta calando sempre più vertiginosamente.

    Un rapporto della banca Standard Chartered afferma che i mercati stanno sottovalutando un forte calo del Bitcoin, ma è improbabile che gli asset digitali basati sulla blockchain scompaiano.

    Un annuncio preoccupante

    Una nota della società di servizi finanziari britannica Standard Chartered ha delineato diversi scenari “a sorpresa” che, a suo dire, i mercati stanno attualmente “sottovalutando”. Secondo il responsabile globale della ricerca Eric Robertsen, questi scenari includono un calo del 70% circa del valore del Bitcoin a 5.000 dollari.

    La più grande criptovaluta è già scesa del 63% da un anno all’altro rispetto al massimo storico di 69.000 dollari raggiunto nel novembre dello scorso anno. La nota osserva che “mentre il sell-off del Bitcoin rallenta, il danno è stato fatto”.

    Il calo dei prezzi ha innescato successive crisi di insolvenza tra le società di criptovalute, che hanno ulteriormente deteriorato la fiducia degli investitori nel settore. Questo circolo vizioso ha fatto sì che il prezzo del Bitcoin continuasse a scendere, mentre il contagio si diffondeva e altre società fallivano.

    Anche se sottovalutata dal mercato, la nota definisce questo scenario “a sorpresa”. In primo luogo, si dice che ciò comporterebbe un’inversione dell’aggressivo inasprimento della politica monetaria della Federal Reserve.

    Sebbene le recenti osservazioni della Fed indichino che potrebbe rallentare i rialzi dei tassi d’interesse, è comunque probabile che continui. Robertson ha definito questi scenari “a sorpresa” perché “non rientrano materialmente nel consenso del mercato o nelle nostre opinioni di base”.

    Forse non c’è da preoccuparsi

    Oltre al fatto che Standard Chartered ha definito improbabile la caduta del Bitcoin, ci sono altri indicatori che indicano che gli asset digitali basati sulla blockchain hanno una redditività a lungo termine. Ironia della sorte, potrebbero essere sostenuti dal recente crollo della borsa di criptovalute FTX e dal conseguente controllo normativo.

    JPMorgan lo ha affermato in un recente rapporto di mercato, descrivendo la rapida attenzione delle autorità di regolamentazione come il “lato positivo” dell’incidente. Sottolineando la rapidità delle normative dopo la crisi finanziaria globale del 2008, il rapporto ha affermato che il crollo di FTX avrebbe innescato qualcosa di simile. Una volta verificatosi, la chiarezza della riforma avrebbe ispirato un maggior numero di istituzioni finanziarie ad adottare la tecnologia blockchain.

    Anche altri hanno condiviso la prospettiva di un’adozione più diffusa degli asset crittografici sulla scia di una riforma completa. Michael Saylor, fondatore di MicroStrategy e appassionato di Bitcoin, ha affermato che una maggiore regolamentazione dopo il crollo di FTX aiuterebbe il settore a “crescere”.

    Ottimismo anche per le banche

    Nel frattempo, anche la Banca d’Inghilterra ha lodato il potenziale delle innovazioni finanziarie basate sulla blockchain. Tuttavia, ha affermato che sarebbe necessaria una regolamentazione più completa prima di poter raggiungere questo obiettivo.

    In effetti, JPMorgan è così fiduciosa nell’adozione della tecnologia basata sulla blockchain che ha creato una divisione dedicata chiamata “Onyx”. Recentemente, la banca d’investimento ha avviato la sua prima transazione di finanza decentralizzata in collaborazione con l’Autorità Monetaria di Singapore.

    Anche la banca d’investimento rivale Goldman Sachs ha fatto incetta di società di criptovalute a prezzi scontati sulla scia del crollo di FTX.