TikTok ha le ore contate | In America vogliono chiuderlo e sono agguerriti

    Tik tok verso la chiusura

    Sono anni che il successo di TikTok fa storcere il naso ai più alti rappresentanti degli Stati Uniti d’America. In generale, i leader Repubblicani hanno sempre cercato di contrastare l’ascesa del social cinese con accuse di ogni tipo.

    Una lettera di denuncia

    “Il fatto che Apple e Google continuino a ospitare TikTok nei loro app store, nonostante le preoccupazioni per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti riguardo all’app di video di breve durata, riflette il potere di “gatekeeper” dei giganti tecnologici e dovrebbe essere incluso in qualsiasi revisione antitrust che gli app store potrebbero affrontare”, ha scritto la scorsa settimana un membro della Federal Communications Commission al Dipartimento di Giustizia.

    La lettera – inviata il 2 dicembre al capo dell’antitrust del Dipartimento di Giustizia Jonathan Kanter e ottenuta dalla CNN – afferma che continuare a rendere TikTok disponibile sugli app store rischia di danneggiare i consumatori, le cui informazioni personali i funzionari statunitensi temono possano essere fornite al governo cinese.

    “Oltre al possibile danno per i consumatori, la continua presenza di TikTok sugli app store indebolisce anche le argomentazioni di Apple e Google secondo cui la loro posizione dominante nella distribuzione delle app porta a una maggiore sicurezza e privacy degli utenti”, ha scritto nella lettera il commissario della FCC Brendan Carr.

    Carr torna all’attacco

    Si tratta dell’ultimo tentativo di Carr, uno dei principali repubblicani della FCC, di fare pressione su Apple e Google affinché rimuovano TikTok. Il mese scorso, Carr ha chiesto al governo degli Stati Uniti di vietare TikTok per il timore bipartisan che la Cina possa esercitare la sua influenza sulla società madre di TikTok, ByteDance, per ottenere l’accesso ai dati degli utenti statunitensi o per diffondere propaganda e disinformazione. Ora, Carr sta tentando una nuova strada, inquadrando la questione di TikTok come un problema di antitrust.

    “Apple e Google non stanno esercitando il loro ferreo controllo sulle app per gli scopi altruistici o pro-concorrenziali che propongono come difese alle rivendicazioni esistenti in materia di antitrust o concorrenza”, ha scritto Carr. “Al contrario, la loro condotta dimostra che queste motivazioni sono meramente pretestuose – riferimenti talismanici invocati per proteggersi dalle responsabilità”.

    Parole al vento?

    Google ha rifiutato di commentare. Apple e il Dipartimento di Giustizia non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento.

    La FCC non regolamenta gli app store o i social media, concentrandosi invece sulle telecomunicazioni e sui media tradizionali, come le emittenti radiotelevisive e gli operatori via cavo. Ma Carr è diventato il commissario più esplicito ad esprimersi su TikTok.

    Rischi di monopolio

    L’appello di Carr arriva mentre i critici di Apple e Google cercano sempre più di applicare le leggi antitrust nazionali contro i giganti tecnologici. Gli sviluppatori di software di terze parti sostengono da tempo che le tariffe e le regole degli app store di Apple e Google sono monopolistiche e anticoncorrenziali. Una causa di alto profilo del 2020, intentata da Epic Games, il produttore del videogioco “Fortnite”, si è finora rivelata ampiamente infruttuosa, anche se è in corso un appello.

    Più di recente, i critici conservatori di Apple hanno accusato l’azienda di abusare di un potere “monopolistico”, minacciando presumibilmente di rimuovere Twitter dal suo app store – un’affermazione che il nuovo proprietario di Twitter, Elon Musk, ha fatto senza prove e che, a suo dire, è stata risolta grazie a una conversazione con il CEO di Apple Tim Cook. Apple non ha commentato le accuse di Musk o il presunto scambio con Cook.

    TikTok si difende

    Per anni TikTok ha negoziato con il Committee on Foreign Investment in the United States, un comitato governativo statunitense composto da più agenzie e incaricato di esaminare le implicazioni per la sicurezza nazionale delle operazioni di investimento all’estero, per giungere a un accordo che permettesse a TikTok di operare nel mercato statunitense nonostante i problemi di sicurezza.

    TikTok ha dichiarato che il Project Texas, il suo piano per migrare i dati degli utenti statunitensi esclusivamente su server cloud ospitati da Oracle, è una parte fondamentale della soluzione. La settimana scorsa, l’amministratore delegato di TikTok, Shou Zi Chew, ha dichiarato in una conferenza ospitata dal New York Times che “nessun governo straniero ci ha mai chiesto i dati degli utenti e se lo facesse, diremmo di no”.

    Nelle testimonianze al Congresso, TikTok ha dichiarato di mantenere solidi controlli sui dati, ma ha cercato di eludere le domande sulla sua società madre e ha rifiutato di smettere di permettere ai dipendenti con sede in Cina di accedere ai dati degli utenti statunitensi.