Apple fa Marcia indietro su Twitter | Pace fatta?

    Elon Musk ha twittato mercoledì che il malinteso sulla potenziale rimozione di Twitter dall’App Store di Apple Inc. è stato risolto in seguito al suo incontro con l’amministratore delegato della mela,Tim Cook.

    Pace fatta?

    “Tim è stato chiaro: Apple non ha mai preso in considerazione l’idea di farlo”, ha dichiarato in un tweet il miliardario CEO di Twitter e Tesla Inc.

    Musk ha anche twittato un video del “bellissimo quartier generale di Apple” a Cupertino, in California, sottolineando di aver avuto una “buona conversazione” con Cook.

    Una settimana di guerra

    L’uomo più ricco del mondo aveva aperto il fuoco contro l’azienda più preziosa del pianeta all’inizio della settimana per le tariffe e le regole dell’App Store, affermando che Apple aveva minacciato di estromettere la sua piattaforma di social media recentemente acquisita.

    L’amministratore delegato miliardario aveva twittato che Apple “ha minacciato di escludere Twitter dal suo App Store, ma non ci dice perché”.

    Apple, che non ha rilasciato una dichiarazione pubblica sulla questione, di solito comunica agli sviluppatori se è necessario implementare delle correzioni nelle app per conformarsi alle politiche dell’App Store.

    Gli analisti hanno spiegato che lo scontro potrebbe essere nato da una questione economica: Musk è infastidito dal fatto che l’App Store prenda una commissione sulle transazioni come gli abbonamenti.

    Galeotta fu la spunta blu

    Musk, anche in seguito alla fuga degli inserzionisti, ha ritardato il rilancio del livello di abbonamento Twitter Blue, destinato a far pagare gli utenti per ottenere vantaggi come i segni di verifica dell’account.

    Twitter ha lanciato Blue all’inizio di novembre, ma ha staccato la spina dopo che alcuni imitatori hanno pagato per ottenere segni di spunta per apparire legittimi, in quello che l’ex responsabile della sicurezza Yoel Roth ha definito “un disastro”.

    Sia Apple che Google richiedono che i servizi di social network sui loro app store abbiano sistemi efficaci di moderazione dei contenuti dannosi o abusivi.

    Ma da quando ha assunto il controllo di Twitter, il mese scorso, Musk ha tagliato circa la metà della forza lavoro di Twitter, compresi molti dipendenti incaricati di combattere la disinformazione, mentre un numero imprecisato di altri si è licenziato.

    Ha anche ripristinato account precedentemente vietati, tra cui quello dell’ex presidente Donald Trump.