Gli alieni sono vicini | Potremo “fotografarli” dalla terra!

    alla scoperta degli alieni

    Un pianeta bollente simile a Saturno, distante 700 anni luce dal Sole, è diventato il pianeta meglio esplorato al di fuori del nostro Sistema Solare. Le misurazioni dell’atmosfera del pianeta effettuate dal James Webb Space Telescope hanno rivelato dettagli inediti della sua chimica e hanno persino permesso agli astronomi di testare i metodi per individuare la vita aliena.

    Un gigante lontano

    L’esopianeta WASP-39b, che orbita attorno a una stella della costellazione della Vergine, è balzato agli onori della cronaca alla fine di agosto, quando il James Webb Space Telescope (Webb o JWST) ha rilevato la presenza di anidride carbonica nella sua atmosfera. Si è trattato della prima rilevazione di questo tipo e gli esperti hanno salutato la scoperta come un importante passo avanti. Ora, a meno di tre mesi di distanza, una valanga di studi basati sulle osservazioni del grande telescopio ha rivelato i dettagli più minuti dell’atmosfera di WASP-39b, consentendo agli astronomi di trarre conclusioni sulla storia della formazione dell’esopianeta.

    Le osservazioni hanno rivelato che WASP-39b è avvolto da spesse nubi contenenti zolfo e silicati. Queste sostanze chimiche interagiscono con la luce della stella madre, producendo anidride solforosa in una reazione simile a quella che produce l’ozono nell’atmosfera terrestre.

    WASP-39b è un gigante gassoso grande circa un terzo del pianeta più grande del Sistema Solare, Giove, e orbita a soli 4,3 milioni di miglia (7 milioni di chilometri) di distanza dalla sua stella madre, ovvero otto volte più vicino della distanza del pianeta più interno del Sistema Solare, Mercurio, dal Sole.

    L’intensità della luce stellare che colpisce WASP-39b rende il pianeta un laboratorio ideale per lo studio di queste reazioni fotochimiche, hanno dichiarato gli scienziati.

    Scoperto il suo passato

    Il livello di dettaglio fornito da JWST ha permesso agli astronomi di sbirciare nel passato di WASP-39b e di scoprire come è nato questo mondo caldo e rovente. Dai rapporti tra carbonio e ossigeno, tra potassio e ossigeno e tra zolfo e idrogeno nell’atmosfera del pianeta, i ricercatori hanno dedotto che il pianeta gigante gassoso deve essersi formato dalla collisione di diversi planetesimi più piccoli. Inoltre, l’abbondanza molto più elevata di ossigeno rispetto al carbonio nelle dense nubi ha rivelato che WASP-39b si è formato molto più lontano dalla sua stella di quanto orbiti oggi.

    C’è vita?

    Le osservazioni hanno anche permesso agli astronomi di testare metodi che un giorno potrebbero aiutare a rilevare la vita su altri esopianeti. Tale rilevamento si baserebbe su un’analisi atmosferica simile a quella condotta su WASP-39b, per poi confrontare i risultati con i modelli di pianeti alieni. Se il pianeta presenta una quantità di ossigeno superiore a quella prevista dai modelli, ad esempio, potrebbe essere un segno di vita.

    WASP-39b, tuttavia, a causa della sua vicinanza alla stella madre, è un candidato improbabile per ospitare la vita extraterrestre, poiché la temperatura sul pianeta sale a un’invivibile temperatura di 1.650 gradi Fahrenheit (900 gradi Celsius).