Giocatore professionista bannato da Steam per cheating

Giocatore professionista bannato da Steam per cheating


AGGIORNAMENTO: Ricardo “rmn” Oliveira, dopo oltre 48 ore con un divieto VAC, che si è tradotto anche in un divieto di FACEIT, è stato “reintegrato”. Su Steam, il giocatore ha ricevuto un messaggio automatico che dice: “Il tuo divieto VAC in Counter-Strike: Global Offensive è stato rimosso”.

——————————————————————————————————


Il giocatore professionista Ricardo “rmn” Oliveira è stato bannato da Steam per utilizzo di cheats. VAC, il software anti cheat creato da Valve, non fa sconti a nessuno, giocatori casual e professionisti possono ritrovarsi bannati se trovati con le mani nella marmellata. Qualche giorno fa abbiamo parlato del record di Steam di ban recapitati in un singolo giorno. VAC è sempre sull’attenti e non si lascia sfuggire nulla, ma può succedere che il software sbagli e banni a casaccio? Secondo il player professionista Ricardo “rmn” Oliveira, sì.  Il giocatore si è ritrovato con un ban permanente.

Un ban illustre

Ricardo “rmn” Oliveira è uno dei giocatori portoghesi più esperti, con una carriera che risale agli inizi del 2010. Negli anni ha partecipato a numerosi eventi internazionali, tra cui, l’ultimo, è l’ESWC 2016, dove ha partecipato a fianco di Ricardo “fox” Pacheco in una squadra mista chiamata k1ck oldschool.

Su Twitter, il giocatore ha ammesso di essere “senza parole” e ha dichiarato di aver tentato di contattare Valve, sostenendo che, mentre il suo account Steam presenta un divieto VAC, il gioco in cui si dimostra che è stato bandito è Counter Strike: Global Offensive. Infatti il ban subito da Oliveira su Steam non è l’unico della giornata per il portoghese che, non può neanche più entrare su FACEIT.

Il 25enne è stato bandito da FACEIT, la piattaforma che consente ai giocatori di sfidarsi in tornei e eventi live. È probabile che il divieto sia stato semplicemente innescato dal ban subito a causa dell’intervento di VAC. Il divieto è poi scattato in automatico quando Oliveira è entrato nella piattaforma.

La direzione di k1ck, contattata per fare chiarezza sulla questione, ha affermato che l’organizzazione “sostiene appieno” il giocatore e che hanno già raggiunto Valve per chiarimenti su questo argomento.

Chi avrà ragione in questa disputa? Quel che è certo è che Steam ha dimostrato che nei videogiochi le legge è uguale per tutti.

fonte: hltv.org

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

Samsung Smart Fitness: arriva a Rimini l’ultima tappa italiana

Final Fantasy XIII Lightning Farron

Nissan Kicks incontra i personaggi di Final Fantasy XIII