La cronologia degli eventi di Warhammer 40.000 | Timeline

Copertina per la Cronologia degli Eventi di Warhammer 40.000

Questa pagina nasce con l’obiettivo di raccogliere tutti gli eventi della cronologia di Warhammer 40.000 che sono stati pubblicati nel corso degli anni. Tutti gli eventi saranno corredati di fonte, affinché possiate sapere in quale pubblicazione, o pubblicazioni, sono citati e/o descritti. La fonte viene messa tra parentesi, dopo l’evento e in corsivo.
La cronologia non è ancora completa, ma è in aggiornamento.


Come funziona il sistema di datazione dell’Imperium

Il sistema di datazione dell’Imperium è diverso da quello usato comunemente nella realtà. Il millennio viene trascritto indicando il numero del millennio preceduto dalla lettera M in maiuscolo. Prima della M si mette l’anno del millennio considerato (usando sempre tre cifre) seguito da un punto.

Esempio: 2017 = 017.M3 = il diciassettesimo anno del terzo millennio.

Questa è la datazione usata quotidianamente nell’Imperium, ma a livelli amministrativi possono esserci altre sezioni di numeri chiamate Frazione dell’anno e Numero di controllo. A volte queste sezioni vengono separate da un punto come l’anno dalla M.

Per rendere comoda e immediata la lettura delle date, in questa cronologia le sezioni vengono sempre divise da un punto.

Frazione dell’anno

Per fini amministrativi, l’anno standard è suddiviso in mille segmenti uguali da 000 a 999. Si tratta di una convenzione puramente amministrativa e non fa parte dell’utilizzo quotidiano.

Numero di controllo

La prima cifra nella sequenza è il riferimento di data o numero di controllo. Esso è necessario a causa delle distorsioni temporali che affliggono le navi nel Warp e i mondi lontani o isolati dalla Terra. La sua presenza qualifica l’accuratezza di ciascuna data. I prefissi da 1 a 8 indicano ampie “zone grigie” di una particolare data in base all’origine della datazione. Il prefisso 9 è leggermente diverso e viene usato quando, ad esempio, la fonte di rapporto di un mondo che non fa uso di date imperiali deve fare un riferimento alla storia del pianeta. La data storica avrebbe quindi il prefisso 9.

Spiegazione dei numeri di controllo:

  • 0/1: Data standard della Terra. Fa riferimento a un evento accaduto nel sistema solare.
  • 2: Diretta. Fonte in contatto psichico diretto con la Terra nel momento in cui è stato dato il riferimento della data.
  • 3: Indiretta. La fonte è in contatto psichico diretto con una fonte di classe 2, ma non con la Terra.
  • 4: Corroborata. La fonte è in contatto psichico diretto con una fonte di classe 3, ma non di classe 0/1 o 2.
  • 5: Sub-corroborata. La fonte è in contatto psichico diretto con una fonte corroborata qualsiasi.
  • 6: Un anno privo di riferimento. Quando il riferimento è stato fatto non c’era contatto psichico con una fonte di classe da 1 a 5. Il riferimento appartiene a una sequenza che inizia o termina con una data da una fonte di classe 1-5. Il periodo di tempo privo di fonte è inferiore a un anno standard.
  • 7: Dieci anni privi di riferimento. Si tratta di una data priva di fonte analoga a una data di classe 6, ma con un periodo privo di fonte di 1-10 anni.
  • 8: Più di dieci anni privi di riferimento. Data priva di fonte come la 7, ma con una sequenza priva di fonte superiore ai dieci anni.
  • 9: Data approssimativa priva di coordinate fisse a una delle due estremità della sequenza, o una data tratta da riferimenti non datati in maniera imperiale.

Esempio finale: 0.456.123.M41 → Numero di controllo 456 → Frazione dell’anno 123.M41 → Anno

Possibili dubbi

Come leggo questa Cronologia?

Dove si trovano temporalmente gli eventi di cui è riportato solo il millennio? Come mai alcuni eventi senza frazione dell’anno sono situati tra due eventi con una datazione più precisa?

Capisco che possano esserci dei dubbi sulla lettura degli eventi, quindi chiarisco immediatamente. All’interno di un singolo millennio, gli eventi di questa Cronologia vengono riportati secondo il seguente ordine di precisione:

  • (1) – Eventi di cui è noto solo il millennio.
  • (2) – Eventi di cui sono noti il millennio e l’anno.
  • (3) – Eventi di cui sono noti millennio, anno e frazione dell’anno.

Leggendo la Cronologia, potete sicuramente notare il fatto che alcuni eventi violino questa regola appena descritta. Immagino vi chiediate il motivo ed è presto spiegato. Di molti eventi non si conosce l’esatta frazione dell’anno e quindi non è possibile collocarli con estrema precisione in mezzo ad altri eventi che quella precisione la possiedono. Tuttavia, ci sono eventi di cui è possibile ottenere una maggiore precisione incrociando le fonti. Vi faccio un esempio:

Nel Codex: Militarum Tempestus viene riportata la Terza Guerra di Armageddon nel 998.M41. Subito dopo viene riportato un evento accaduto successivamente, il quale coinvolge il 33° Falchi Zetani e avviene sempre nel 998.M41. Grazie alle datazioni di molte altre pubblicazioni, scopro che la Terza Guerra di Armageddon sia scoppiata precisamente nel 757.998.M41. Io non so esattamente in quale frazione dell’anno il 33° Falchi Zetani abbia compiuto la propria missione, ma ora so per certo che sia avvenuta dopo il 757.998.M41, quindi posso permettermi di posizionare l’evento con un po’ di precisione in più.

Discorso simile per eventi di cui si conosce solo il millennio che appaiono in mezzo ad altri di cui si conosce almeno l’anno. Sfruttando eventi che hanno ricevuto datazioni più precise in altre pubblicazioni è possibile circoscriverne altri. Se in un libro mi viene detto che C succede dopo B e B succede dopo A, conosco l’ordine generico di questi tre eventi A, B, C. Però, se un altro libro mi dice che A sia successo nel 100.M32 e C sia successo nel 110.M32, allora posso essere certo che B sia successo tra il 100 e il 110.M32, quindi posso collocare anche questo evento con un po’ di precisione in più.

Con questa spiegazione, spero che l’ordine degli eventi qui riportato vi risulti pienamente comprensibile.

Datazione post-Cicatrix

In seguito alla formazione della Cicatrix Maledictum, la grande fenditura Warp che ha spezzato a metà la galassia, il normale sistema di datazione imperiale è ancora esistente e l’Imperium vorrebbe avere il lusso di utilizzarlo. Tuttavia, i terribili fenomeni che hanno sconvolto (e stanno ancora sconvolgendo) la galassia hanno fatto sì che si creassero enormi problemi temporali che hanno reso molto difficile ordinare precisamente gli eventi. Molti angoli di galassia, che siano interi Settori o singoli Sistemi, hanno adottato sistemi di datazione personali che hanno cercato di ovviare almeno parzialmente questi problemi.

Cronologia degli Squat

Gli eventi legati alla civiltà degli Squat risalgono alle prime due edizioni di Warhammer 40.000, era in cui essa era attivamente supportata nell’ambientazione. In seguito alla loro eliminazione come esercito giocabile, pressoché ogni evento a loro legato è stato reso obsoleto. Tuttavia, da un po’ di anni sono stati gradualmente reinseriti nell’ambientazione e ora un paio di personaggi sono pure giocabili in Necromunda.

Siccome la storia di uno dei due personaggi giocabili cita una delle Leghe più famose degli Squat, ho deciso di non eliminare gli eventi di questa civiltà dalla Cronologia. Ho eliminato solo quelli che contraddicono esplicitamente la versione moderna di Warhammer 40.000. Tenete comunque a mente il fatto che, se le informazioni sugli Squat non arrivano da un manuale di Necromunda, allora sono eventi obsoleti che non necessariamente recupereranno la propria validità.

Perché non metti le pagine esatte delle pubblicazioni?

Inizialmente lo facevo, poi ho iniziato a rimuoverle perché mi sono accorto di quanto tale precisazione fosse inutile. Le pubblicazioni sono ormai disponibili in diversi formati. Un singolo manuale o romanzo può avere numerazioni differenti in base a formati fisici o digitali e all’impaginazione impostata dal dispositivo su cui viene letto; romanzi, manuali e racconti possono essere disponibili in lingue diverse, fattore che può portare le varie stampe ad avere numerazioni differenti, inoltre romanzi e racconti possono essere venduti singolarmente o apparire all’interno di raccolte. Insomma, alla fine la pagina risulta “esatta” solo per un singolo formato specifico e probabilmente errata per tutti gli altri, quindi ho deciso di uniformare meglio le fonti con i loro titoli ed eventualmente il loro autore, nel caso si parli di pubblicazioni romanzate.


La storia di Warhammer 40.000 in ordine cronologico | La Cronologia


STORIA ANTICA

Momenti BG 54Vuoi conoscere meglio gli albori dell’universo di Warhammer 40.000? Leggi Momenti BG 54!
Un po’ dopo la nascita dell’Universo: prima comparsa di “vita” nella Via Lattea. Appaiono dei vampiri stellari parassitari, le prime entità con coscienza propria. Si cibano di stelle, accorciandone l’esistenza di milioni di anni, ignorando i pianeti in via di formazione. (Codex: Necron 3a Edizione, 5a Edizione, 7a Edizione, 8a Edizione, 9a Edizione)
Appaiono gli Antichi. Costruiscono la Rete, oltre a seminare e allevare la vita su molti pianeti. (Codex: Necron 3a Edizione, 5a Edizione, 7a Edizione; Codex: Eldar 4a Edizione, 6a Edizione)
Appaiono i Necrontyr. Evoluti su un pianeta orbitante intorno ad una feroce stella, sono plasmati con una corta aspettativa di vita, un fatto che li ossessiona e li addolora immensamente. (Codex: Necron 3a Edizione, 5a Edizione, 7a Edizione, 8a Edizione, 9a Edizione)
I Necrontyr trovano successivamente gli Antichi e, pieni di invidia, dichiarano loro guerra. I Necrontyr vengono sconfitti ed esiliati ai confini della galassia. (Codex: Necron 3a Edizione, 5a Edizione, 7a Edizione, 8a Edizione, 9a Edizione)
Contorti dall’odio verso ogni forma di vita e in cerca di armi da usare contro gli Antichi, i Necrontyr creano un corpo per i vampiri stellari che si nutrono del loro sole, creando il Noctifero. Creano più corpi per altri vampiri stellari, trasformando molti di essi nei C’tan, chiamati Yngir dagli Aeldari. i costantemente affamati C’tan scoprono la loro prelibatezza definitiva: l’energia delle anime. Il C’tan conosciuto come l’Ingannatore promette l’immortalità ai Necrontyr, ma li inganna, trasformando tutti i Necrontyr in vita nei Necron, banchettando con l’energia vitale delle loro anime. (Codex: Necron 3a Edizione, 5a Edizione, 7a Edizione, 8a Edizione, 9a Edizione)
Approssimativamente 65 milioni di anni a.C: Inizia la Guerra nei Cieli. (The Infinite and the Divine, di Robert Rath)
Approssimativamente tra i 65 e i 60 milioni di anni a.C: Appaiono numerose entità Warp predatrici, cacciando e consumando psionici. I Soggiogatori appaiono come una piaga di locuste. (Codex: Necron 3a Edizione, 5a Edizione, 7a Edizione, 8a Edizione, 9a Edizione)
Approssimativamente 60 milioni di anni a.C: Termina la Guerra nei Cieli. I Necron conducono la propria ribellione contro i C’tan e, dopo di essa, il Re Silente Szarekh parte per un viaggio diretto verso l’esterno della galassia. (The Infinite and the Divine, di Robert Rath; Codex: Necron 5a Edizione, 7a Edizione, 8a Edizione, 9a Edizione)
Molte creazioni minori degli Antichi sopravvivono e si evolvono lentamente, incluse le “comiche bestie arboricole” che si evolveranno lentamente nell’Umanità. Forse per compassione, o semplicemente riluttanti nell’estinguere un’altra forma di vita, gli Aeldari si rifiutano di eliminare questi mon-keigh. All’insaputa dei più, le future generazioni dell’Umanità producono gli Intoccabili, con una frequenza di meno di uno su un milione. A tutte le razze sopravvissute e future viene impressa la paura della morte a causa delle carneficine e dei poteri del Noctifero, con la sola eccezione degli Orki. (Codex: Necron 3a Edizione, 5a Edizione, 7a Edizione, 8a Edizione, 9a Edizione; Codex: Assassini 2a Edizione)
Ca. 60000 a.C: la Cabala costruisce un porto stellare su Eolith (42 Hydra Tertius). (The Horus Heresy: Legion, di Dan Abnett)
Ca. 29000 – 25000 a.C: l’Umanità inventa la ceramica, uno dei primi traguardi della tecnologia umana. Un frammento di uno dei primi vasi in ceramica entrerà in futuro in possesso di Malcador. (The Horus Heresy: Deliverance Lost, di Gav Thorpe)
Ca. 15000 a.C: Ollanius Pius nasce nella città di Ninive, in Mesopotamia (The Horus Heresy: Mark of Calth – Unmarked, di Dan Abnett; The Horus Heresy: The Burden of Loyalty – Perpetual, di Dan Abnett)
8000 a.C: un anello d’oro raffigurante un centauro armato d’arco viene creato in Persia, un anno prima della nascita dell’Imperatore, il quale ne entrerà successivamente in possesso, per poi donarlo ad Horus. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett)
8000 a.C: L’Imperatore nasce nell’Anatolia centrale. (Realms of Chaos: The Lost and the Damned)
8000 a.C – 400.M2: nascita degli Dei del Caos Khorne, Tzeentch e Nurgle. (Realms of Chaos: The Lost and the Damned)
Data sconosciuta, sicuramente precedente al 612 a.C: Ollanius Pius incontra l’Imperatore. Questa è l’unica volta in cui si incontrano prima dell’Eresia di Horus e i due parlano della loro natura da Perpetui. (The Horus Heresy: Mark of Calth – Unmarked, di Dan Abnett)

M1

Era della Terra

Ca. 284-305.M1: L’Imperatore dell’Umanità sconfigge e imprigiona il Drago di Marte. (The Horus Heresy: Mechanicum, di Graham McNeill)

M2

500.M2: I tre Dei del Caos Khorne, Tzeentch e Nurgle ottengono piena coscienza alla fine del Medioevo. (Realms of Chaos: The Lost and The Damned)
Ca. 500.M2: Il mazzo Visconti-Sforza di Visconti di Modrone, che si troverà successivamente nelle mani di Azhek Ahriman, viene stampato in questo periodo. (The Horus Heresy: A Thousand Sons, di Graham McNeill)
805.M2: Ollanius Pius partecipa alla Battaglia di Austerlitz. (The Horus Heresy: Know No Fear, di Dan Abnett)
916.M2: Ollanius Pius partecipa alla Battaglia di Verdun. (The Horus Heresy: Know No Fear, di Dan Abnett)
945.M2: La Cabala recluta Damon Prytanis poco dopo la Battaglia di Iwo Jima e usa le proprie tecnologie per renderlo artificialmente un Perpetuo. (The Horus Heresy: The Unremembered Empire, di Dan Abnett)
945.M2: Ollanius Pius assiste ai bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki. (The Horus Heresy: Mark of Calth – Unmarked, di Dan Abnett)
968.M2: Damon Prytanis, agente della Cabala, assassina Martin Luther King Jr. a Memphis. (The Horus Heresy: The Unremembered Empire, di Dan Abnett)
987.M2: Viene redatto un documento riguardante Jonjon Blanchisian. (Book of the Astronomican 1a Edizione)
991.M2: Ollanius Pius partecipa alla Battaglia di 73 Easting. (The Horus Heresy: Mark of Calth – Unmarked, di Dan Abnett)

M3

Gli avanzamenti tecnologici del terzo e dei millenni seguenti porta alcune conoscenze sul Warp al Genere Umano. (Realms of Chaos: The Lost and The Damned)
100.M3: Marte viene terraformata. (White Dwarf 140 UK)
L’Umanità comincia a colonizzare il Sistema Solare usando navi spaziali con velocità minore di quella della luce. Le colonia vengono create su Marte e sulle lune di Giove, Saturno e Nettuno. (The Horus Heresy: Galaxy In Flames, di Ben Counter)
Ca. 970.M3: Per ordine della Cabala, Damon Prytanis si reca su Terra, più precisamente a Los Angeles, luogo da lui noto come Città degli Angeli. Lì uccide un bersaglio chiamato “il Fratello”. (The Horus Heresy: The Unremembered Empire, di Dan Abnett)
L’Umanità usa i Cilindri di Ohnyl per espandersi oltre il proprio sistema, però queste colonie non creeranno contatti con la Terra nei millenni seguenti. (The Horus Heresy: The Flight of the Eisenstein, di James Swallow)

M4-M6

Nessun evento registrato.

M7

Viene scritto il Libro dei Nove Crittografi, il cui autore rimane attualmente sconosciuto. Si conosce solo una citazione di questo libro. (The Horus Heresy Book Two – Massacre)

“La crisi è verità, questo è evidente e non va sdegnato. è chiaro al fabbro come lo è all’architetto; nessuna lama può essere giudicata sana finché non ne incontra un’altra in battaglia, nessuna torre può essere detta forte finché non ha fronteggiato la tempesta. è questo vale anche per gli uomini; nel terrore, nelle terribili avversità, nell’oscurità della distruzione e della disperazione, solo allora potrai sapere quanto valgono, solo allora li vedrai per quello che sono veramente.”

M8-M14

Nessun evento registrato.

M15

Era della Tecnologia (Fondazione per gli Squat)

L’Umanità comincia a colonizzare i sistemi solari vicini usando convenzionali navi spaziali con velocità minore di quella della luce. Le nuove colonie devono usare le risorse locali ed essere completamente autosufficienti in ogni area vitale per poter sopravvivere. Ci vogliono dieci generazioni per viaggiare dalla nuova colonia più distante fino alla Terra. Questo va avanti fino al M18. (The Horus Heresy: Galaxy In Flames, di Ben Counter)
Ca. M15: L’Impero Kinebrach fiorisce. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett)
Ca. M15-M20: Gli Aeldari sono padroni assoluti della galassia. Le razze inferiori che osano opporsi non ne sono all’altezza. Mondi vivono e muoiono ai loro ordini, poiché la supremazia di tale grande impero è innegabile. (Codex: Eldar 6a Edizione)

M16

Una flotta esodo, la quale formerà successivamente la civiltà chiamata Quiete Olamica, lascia la Terra in questo periodo. (The Horus Heresy: Prospero Burns, di Dan Abnett)

M17

Nessun evento registrato

M18

Seconda Era della Tecnologia

M18-M22: Viene inventata la guida Warp, la quale conduce ad una colonizzazione più rapida della galassia, ottenendo la formazione di diversi imperi e federazioni. Il Genere Umano incontra i primi Xenos e vengono combattute le prime Guerre Aliene. Gli Psionici iniziano ad apparire tra la popolazione umana e viene provata scientificamente la loro esistenza. (The Horus Heresy: Galaxy In Flames, di Ben Counter)
Ca. M18: Commorragh si stabilisce come nodo primario della Rete. Siccome si trova interamente all’interno di essa, Commorragh è fuori dalla giurisdizione dei concili Aeldari, rendendola un paradiso per quelli che vogliono evitare le loro attenzioni. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
M18: La Tempesta Warp Asmodeor devasta molti mondi Necron della Dinastia Szarekhan. (Codex: Necron 9a Edizione)
Ca. M18-20: I Culti del Crepuscolo. I seguaci del nuovo concetto di vizio totale crescono in status e potere finché non riescono a staccarsi completamente dal piano fisico. Essi si trasferiscono permanentemente nella Rete, dalla quale possono buttarsi a picco nelle profondità della decadenza senza essere disturbati da puritani e deboli. Con il tempo i loro domini diventano piccoli regni, ognuno alimentato dall’energia di un sole rubato. I sistemi solari rimasti nell’oscurità a causa del furto di stelle avvizziscono e muoiono nel gelo siderale, ma agli Aeldari non interessa. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
Ca. M18-20: Fra i culti del piacere prospera l’adorazione delle Muse Oscure. Gli architetti e i maestri del nuovo ordine acquistano così tanta influenza da riuscire a reclamare per sé ampie porzioni della dimensione labirinto della Rete. Commorragh, la più grande e anarchica città-porto della Rete, diventa sinonimo di vizio e decadenza. Nascono i primogenitori dei Drukhari. (Codex: Eldar 6a Edizione)
Ca. M18-M30: Il lussureggiante paradiso della civiltà Aeldari giunge ad una pericolosa combinazione di curiosità e autocompiacimento. In tutto l’impero si assiste a un profondo degrado della morale. Nel corso dei millenni c’è una graduale discesa negli eccessi dei sensi. (Codex: Eldar 6a Edizione)
Con l’ascesa dei culti del piacere, l’adorazione delle divinità Aeldari scema decisamente. Quando la ricerca di eccessi sfocia nella malvagità vera e propria, un nuovo dio appare nelle profondità del Warp. (Codex: Eldar 6a Edizione)

M19

Ca. M19-24: L’adorazione delle tradizionali divinità Aeldari diminuisce, mentre nuove sette e società salgono al potere. Le Muse Oscure, molte delle quali sinonimo di vizi sensuali e peccato, diventano le figure prominenti e non ufficiali del nuovo ordine. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
Le Famiglie Navigator, inizialmente controllate dalle organizzazioni industriali e commerciali, diventano forze indipendenti durante questo millennio. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
186.M19: La Cabala costruisce un portale stellare su Nurth nel corso di diciotto mesi. Quando i colonizzatori umani arrivano, rinominano il portale Mon Lo Harbour. (The Horus Heresy: Legion, di Dan Abnett)
Damon Prytanis uccide Holiard nel Tempio di Vetro di Manunkind per ordine della Cabala. (The Horus Heresy: The Unremembered Empire, di Dan Abnett)

M20

All’inizio del M20, l’Umanità si è estesa e ha colonizzato un gran numero di sistemi stellari. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)

M21

Nessun evento registrato.

M22

Terza Era della Tecnologia

Il gene navigator permette ai piloti umani chiamati Navigator di effettuare “salti” attraverso il Warp più veloci e lunghi di quanto si pensasse possibile. Ciò consolida gradualmente le Casate di Navigator come centri di potere indipendenti. L’Umanità continua ad esplorare e a colonizzare la galassia, mentre i pianeti umani si uniscono politicamente, dando inizio ad un’era d’oro di conquiste scientifiche. Vengono firmati patti di non-aggressione tra l’Umanità e dozzine di razze aliene. Un perfezionamento dei Sistemi di Produzione Modulare permette un’espansione quasi esplosiva dell’Umanità tra le stelle. L’era d’oro del Genere Umano continua fino al M25. (Warhammer 40.000: Rogue Trader; The Horus Heresy: Galaxy in Flames, di Ben Counter)
Ca. M22: Mescolandosi con la gente comune come passeggero di una nave, l’Imperatore conosce la Perpetua Alivia Sureka e raggiunge il pianeta Molech per ritrovare un portale diretto verso il Warp. Oltrepassandolo, si mette in contatto con gli Dei del Caos e stringe un patto con loro ottenendo la conoscenza che gli permetterà di creare i Primarchi. Successivamente, lascia Alivia Sureka su Molech affinché funga da guardia per il portale. (The Horus Heresy: Vengeful Spirit, di Graham McNeill)
Per ordine della Cabala, Damon Prytanis uccide Maser Hassan nel Tempio Spira, prima che possa recitare il proprio discorso “Parola della Legge”. (The Horus Heresy: The Unremembered Empire, di Dan Abnett)
La prima menzione di psionici umani (che non siano Navigator) risale alla fine del M22, i quali appaiono all’improvviso su quasi tutti i mondi umani in un intervallo di tempo brevissimo. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)

M23

Viene scoperto Dinuovountubo, “un remoto sistema apparentemente chiamato così da un Explorator molto annoiato” dalle parole dell’Inquisitore Amberley Vail. Dinuovountubo ha come sistemi vicini Savia e Metrium. (Ciaphas Cain: Death or Glory, di Sandy Mitchell)
Entro la fine del M23: anarchia, eventi che dalla descrizione si direbbero essere possessioni demoniache e vaste turbolenze Warp regnano ovunque. In mezzo a tutto questo, gli Uomini di Ferro si ribellano e si scatena anche la Rivolta Cibernetica. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; The Horus Heresy: The Burden of Loyalty – Perpetual, di Dan Abnett)
Momenti BG 06Vuoi conoscere meglio gli Uomini di Ferro e la Rivolta Cibernetica? Leggi Momenti BG 06!

M24

Alistar Raven fonda la Casata Raven e crea la Fortezza Inviolata sul pianeta Kolossi. (Codex: Imperial Knights 8a Edizione)
La Spirito dell’Eternità, una nave dotata di un’intelligenza artificiale molto avanzata, scompare nel Warp. (Death of Integrity, di Guy Haley)
Ca. 300.M24: Nasce Brahm al-Khadour, in futuro conosciuto come Malcador il Sigillita. (The Horus Heresy: Primarchs – Malcador: First Lord of the Imperium, di Laurie Goulding; The Horus Heresy: The Last Council, di Laurie Goulding)

M25

Era dei Conflitti (Era dell’Isolamento per gli Squat)

Ca. M25-30: La depravazione della razza Aeldari raggiunge nuovi e terribili abissi. I culti del piacere e del dolore fioriscono nei recessi nascosti della Rete e persino i mondi principali della società Aeldari diventano ossessionati da atti di eccesso sempre maggiori. Mentre la linea tra ricerca di sensazioni e pure malvagità si fa labile, una nuova forza si sveglia nel Warp. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
Thule viene messo in orbita attorno ai cantieri navali di Giove. (The Horus Heresy: Battle for the Abyss, di Ben Counter)
Inizia l’Era dell’Isolamento per gli Squat. Le Roccaforti Squat formano il sistema di Leghe. (Warhammer 40,000: Compendium)
L’Antico Trattato di Horiax, un raro frammento di informazioni lasciato dall’Era dei Conflitti, menziona l’utilizzo di sofisticate tecniche di alterazione genetica, attualmente perse dall’Umanità. (Codex: Space Marine 3a Edizione)

M26

Seconda Era dei Conflitti (Era del Commercio per gli Squat)

Ca. 014.M26: Araneus, l’odierno Necromunda, viene colonizzato sotto forma di colonia mineraria e manifatturiera. (“Confrontation”, White Dwarf 130 UK; The Horus Heresy Book Three – Extermination)
Era del Commercio. Gli Squat commerciano con gli Orki e gli Aeldari. (Warhammer 40.000: Compendium)

M27

Ca. M27: Il Canto XI del Re Innominabile Magnar Albia e Arcitiranno degli Ozi e gli Incubi Uniti di Panpacifica recita le seguenti parole: “La guerra è vita In guerra e in vita non c’è niente di tanto prezioso quanto la verità, e quindi l’antica saggezza recita: dove la verità cammina, tutto ciò che tocca dovrebbe essere guidato da una guardia del corpo di bugie.” (Forge World Newsletter #450)
827.M27: Le Guerre Kiarii. (The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)

M28

Comparsa dell’Imperatore

La Terra è devastata da numerosi signori della guerra feudali. Uno di essi, noto come Signore delle Fila, incontra Braham al-Khadour (il futuro Malcador), il quale lo convince a cambiare il proprio titolo in Imperatore. Negli anni seguenti inizia a radunare le persone che lo aiuteranno nella realizzazione dei Guerrieri Tuono e dei successivi passi del nascente Imperium. (Warhammer 40.000: Compilation; Malcador: First Lord of the Imperium, di Laurie Goulding; Belisarius Cawl: The Great Work, di Guy Haley)

M29

Era delle Guerre per gli Squat

Ca. inizio del M29: Le città-stato di Heliosa si uniscono sotto il credo di un Dio del Tuono per combattere gli invasori Xenos. (The Horus Heresy: A Thousand Sons, di Graham McNeill)
Sahlonum, filosofo delle antiche dinastie Sumaturane, risulta attivo in questo millennio. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett)
Gli Squat vengono attaccati dagli Orki e non ricevono aiuto dagli Aeldari. (Warhammer 40,000: Compendium)
Alcuni Aeldari costruiscono gli arcamondi. Altri se ne sono già andati, diventando gli Esoditi. (Codex: Eldar 3a Edizione, 4a Edizione, 6a Edizione)

M30

Era dell’Imperium (Era della Riscoperta per gli Squat)

Ca. M30: Gli Aeldari abbastanza saggi da vedere il pericolo della corruzione fuggono dal cuore marcio dell’impero. I primi ad andarsene vengono chiamati Esoditi: flotte di pionieri alla ricerca di rifugi verdeggianti sui mondi vergine. In seguito, altri costruiscono enormi arcamondi per allontanarsi dalla piaga morale che corrompe la loro civiltà. Abbandonando ogni speranza di recupero, gli arcamondi Aeldari si lanciano nel mare di stelle.(Codex: Eldar 6a Edizione)
125.M30: Stando al Grimorio Hereticus del M35, in quest’anno i Lupi Lunari cambiano il proprio nome in Figli di Horus. In realtà, ai tempi i Lupi Lunari non erano nemmeno esistenti. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
350.M30: Viene riscoperto Karis Cephalon. (White Dwarf 259 UK)
540.M30: Il Mechanicum fonda un avamposto su Mezoa. (The Horus Heresy – Book Four: Conquest)
Ca. 570-750.M30: La Mercante Corsara Lady Arica Orpheus esplora i limiti delle Stelle Mandragoriane nel sud-ovest galattico, catalogando innumerevoli stelle anziane e mondi morti. I rapporti dei suoi viaggi menzionano rovine e monumenti pre-umani. (Imperial Armour – Volume Twelve: The Fall of Orpheus)
603.M30: Nel Terzo Assedio di Antioch, avvenuto durante le Guerre di Unificazione, viene schierato un piccolo numero di membri delle nuove Legiones Astartes. (The Horus Heresy – Book Nine: Crusade)
668.M30: Nell’Assedio di Samerkend, avvenuto durante le Guerre di Unificazione, vengono schierati pubblicamente per la prima volta 10.000 membri delle nuove Legiones Astartes. (The Horus Heresy – Book Nine: Crusade)
Ca. 675.M30: Il Massacro di Gaduare. Meno di cinque migliaia di Guerrieri del Tuono massacrano cinquantamila miliziani in meno di un’ora sulle colline di Gaduare in Franc. (The Horus Heresy: Tales of Heresy – The Last Church, di Graham McNeill)
Ca. 745.M30: L’Imperatore dell’Umanità detiene l’ultima chiesa sulla Terra, la Chiesa della Pietra del Fulmine, distrutta dopo aver parlato con l’ultimo prete. (The Horus Heresy: Tales of Heresy – The Last Church, di Graham McNeill)
748.M30: La Invincible Reason entra in servizio nella Flotta Imperiale. (The Horus Heresy: Descent of Angels, di Mitchel Scanlon)
Ca. 750.M30: La Caduta degli Aeldari. La nascita di Slaanesh genera una terribile frattura nella realtà situata nel cuore dell’Impero Aeldari, la quale prende poi il nome di Occhio del Terrore. Colei Che Ha Sete reclama miliardi di anime Aeldari dai loro corpi. Solo gli Esoditi, gli arcamondi lontani dall’Impero e i domini della Rete, come Commorragh, sopravvivono. L’eruzione di energia psichica estingue le tempeste Warp che avevano reso particolarmente difficili i viaggi interstellari per migliaia di anni. (Codex: Eldar 4a Edizione; Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
Il Progetto Primarca: L’Imperatore dell’Umanità usa la propria conoscenza e l’avanzata tecnologia d’ingegneria genetica per creare i Primarchi mescolando il proprio DNA con quello della Perpetua Erda. Successivamente, una mescolanza di eventi fa sì che le capsule contenenti i Primarchi neonati, custodite nel laboratorio dell’Imperatore, vengano scagliate in vari punti della galassia. (The Horus Heresy: False Gods, di Graham McNeill; The Horus Heresy: First Heretic, di Aaron Dembski-Bowden; The Siege of Terra: Saturnine, di Dan Abnett)
Un arcamondo Eldar si schianta su Typhon Primaris. Successivamente, la giungla se ne impossessa e resta perduto per dieci migliaia di anni. (Warhammer 40.000: Dawn of War II – Retribution)
Ca. 780.M30: I genetisti dell’Imperatore rifiniscono la creazione del seme genetico, il quale permetterà la creazione delle Legiones Astartes. (The Horus Heresy: The First Heretic, di Aaron Dembski-Bowden)
Prima Fondazione. L’Imperatore usa i campioni di DNA dei Primarchi per creare le venti Legiones Astartes. Il Teorema di Grabya dimostra come i dati genetici di un Primarca possano essere usati per stabilizzare lo sviluppo genetico degli Astartes. L’Inductus Excelsus di Sorian mostra la vastità di requisiti per un elevato numero di guerrieri. Vengono implementate tecniche di coltura genetica accelerata, riducendo i tempi del processo di creazione degli Astartes a un anno. Il seme genetico accelerato non mostra difetti fondamentali. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
Prima Pacificazione della Luna. Le Legioni VII, XIII e XVI annichiliscono i leader dei gene-culti Lunari in sei ore. I rimanenti leader implorano l’Imperatore di “richiamare i propri lupi”, dopodiché si arrendono. (The Horus Heresy – Book One: Betrayal)
Ca. M30: L’Imperatore dell’Umanità ordina la costruzione dell’Astronomican, alimentato dalla sua forza psichica. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
Ca. 790.M30: Scoppiano disordini sul mondo forgia Incaladion. Il Precettore-Generale viene assassinato, varie fazioni del Mechanicus si scontrano con degli invasori Xenos e i ranghi della Legio Fureans iniziano a sfoltirsi. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
792.M30: Perturabo stima d’essere nato in questo anno. (Perturabo: The Hammer of Olympia, di Guy Haley)

La Grande Crociata

798.M30: Viene dichiarato l’inizio della Grande Crociata. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett; Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
798.M30: Si svolge la Guerra Inaudita. L’Imperium incontra e assimila gli Azuriti, una pacifica comunità che abita un sistema di città orbitali posizionate intorno a Urano. Mentre la Grande Crociata procede oltre Urano, dei pirati attaccano gli Azuriti e la VII Legione giunge in loro soccorso. I pirati vengono presto sconfitti, ma durante la loro fuga fanno sì che un torpedo penetri una delle città orbitali scaricando uno psionico infettato da una piaga psionica nota come l’Urlo. Gli Azuriti vengono rapidamente infettati e cominciano ad urlare, mutare e morire. I Legionari si assordano volontariamente per non udire l’Urlo. Quando la situazione peggiora e gli infettati cominciano a mutare in forme demoniache, cinquanta Legionari della VII si sacrificano sovraccaricando i reattori delle città orbitali e facendo saltare tutto in aria. La diffusione dell’Urlo viene interrotta, ma gli Azuriti sono ormai una civiltà giunta alla propria fine. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
798.M30: Si svolge la Battaglia di Nettuno, facente parte dell’operazione di liberazione del Sistema Sol. (The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
799.M30: Sul pianeta Olympia, Perturabo viene portato al cospetto di Dammekos, Tiranno di Lochos. Dammekos decide di prendere Perturabo tra i propri figli. (Perturabo: The Hammer of Olympia, di Guy Haley)
799.M30: La Rinascita di Vhnori. I Camminatori Cremisi, una cabala di psionici, signori della guerra e genetisti sconfitta durante le Guerre di Unificazione, si ripresentano nella città di Vhnori, situata nel Panpacifico di Terra. L’VIII Legione bombarda i confini della città e poi attacca brutalmente. I Camminatori Cremisi cercano di rispondere scatenando i propri peggiori esperimenti genetici, ma i Legionari sbaragliano la resistenza. Muoiono a milioni e i Camminatori Cremisi vengono annientati. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre; The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
800.M30: Rivolta Moloriana, la prima occasione in cui si verifica il bisogno di utilizzo dei Corpi Disciplinari delle Legiones Astartes. Partecipa l’8a Compagnia della VI Legione. Quasi vent’anni dopo viene ritrovato Leman Russ. (The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
800.M30: Un Perturabo ancora bambino si ambienta nella corte di Dammekos e nel corso di un anno apprende moltissime cose, tant’è che rifiuta gli insegnamenti da parte dei migliori sofisti di Olympia perché la loro mente è meno acuta di quella del Primarca. Come se non bastasse, non crede nell’esistenza del divino e, quando il prete Rodask di Byzellion lo incontra chiedendogli conferma sulle sue idee, lui risponde: Ho detto di non avere prove del fatto che siano degli dei. Non è una dichiarazione, ma un’ipotesi.”(Perturabo: The Hammer of Olympia, di Guy Haley)
803.M30: Gli Astartes della XV Legione iniziano a presentare poteri psionici, seguiti brevemente da un cambiamento del corpo. (The Horus Heresy: A Thousand Sons, di Graham McNeill)
803.M30: Si svolge la Campagna di Sedna, facente parte dell’operazione di liberazione del Sistema Sol. (The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
804.M30: I Nephritil e gli Ayurnas eliminano l’11o Reggimento di Mohindas. (The Horus Heresy: Mark of Calth – Unmarked, di Dan Abnett)
ca. 805.M30: L’Imperatore arriva su Marte. L’Imperium e il Mechanicum stipulano il Trattato di Olympus Mons. (The Horus Heresy: Mechanicum, di Graham McNeill)
L’Imperatore dell’Umanità arriva su Cthonia e recluta Horus per guidare la XVI Legione. (Index Astartes: Black Legion; The Horus Heresy – Book One: Betrayal)
806.M30: la Cabala del Cuore Urlante dei Drukhari inizia a razziare Antimon. (The Horus Heresy: Tales of Heresy – Wolf at the Door, di Mike Lee)
807.M30: La Battaglia di Rust. La X Legione distrugge l’Impero orkesco Krooked-Claw, con tattiche conosciute come “Martello e Tempesta”. I Veliti di Urshan coniano il nome “Camminatori della Tempesta” per la Legione. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
L’Imperatore arriva su Fenris e recluta Leman Russ per comandare la VI Legione. I confratelli di Russ insistono per essere introdotti nella Legione, nonostante la loro età avanzata. Su centinaia di candidati, solo in pochi sopravvivono per diventare la Tredicesima Grande Compagnia. (Index Astartes: Space Wolves; Codex: Lupi Siderali 5a Edizione; The horus Heresy: False Gods, di Graham McNeill; The Horus Heresy: Tales of Heresy – Wolf at the Door, di Mike Lee)
L’Imperatore ritrova e recluta il Primarca della II Legione, una delle future Legioni Perdute. Anni dopo, Fulgrim lo descrive come un individuo piuttosto taciturno. (Ordine ufficiale di ritrovamento dei Primarchi; Fulgrim: The Palatine Phoenix, di Josh Reynolds)
809.M30: Perturabo arriva a comprendere d’essere un individuo creato artificialmente da una padre molto lontano, il quale prima o poi arriverà per recuperarlo. Nel frattempo, pone sempre più sforzi nella progettazione di opere architettoniche capaci di migliorare la qualità della vita umana, tra cui teatri, bagni pubblici e ponti. Tuttavia, Dammekos continua a sfruttare e reindirizzare le sue grandi capacità verso la guerra, ignorando il bene che suo figlio adottivo potrebbe donare ad Olympia. (Perturabo: The Hammer of Olympia, di Guy Haley)
Ca. 810.M30: L’Imperatore arriva su Medusa e recluta Ferrus Manus per comandare la X Legione. Manus ricrea la Legione a sua immagine, rinominandola Mani di Ferro. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
823.M30: Su Bezant si verifica il primo caso di mutazione nella XV Legione. Il nome del Legionario caduto non viene ricordato, viene solo identificato nei libri Passaggio e Libro dei Giorni come “Daleth” e con un simbolo appartenente a una lingua morta. Il concilio dei capitani della Legione decide di mantenere segreto l’evento giurando quello che divenne il Giuramento Bezantino. (The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
824.M30: La vita su Olympia non fa altro che aumentare il risentimento e la paranoia di Perturabo, in particolare in seguito allo sventato rapimento di sua sorella Calliphone. La guerra e la morte dei nemici di Dammekos diventano presto le sue valvole di sfogo. (Perturabo: The Hammer of Olympia, di Guy Haley)
829.M30: Il Tradimento di Proxima. Una cellula insurrezionista attacca la cerimonia di pacificazione su Proxima. La Legio Custodes e gli Astartes della XVI Coorte della III Legione difendono l’Imperatore, dando la propria vita per portarlo al sicuro. Come riconoscimento per il loro sacrificio, l’Imperatore dona alla III Legione il diritto di portare l’Aquila Palatina nella loro araldica e il diritto di invocare l’Exterminatus su Proxima. (The Horus Heresy – Book One: Betrayal)
Ca. 830.M30: Le riserve di seme genetico della III Legione non riescono ad arrivare alle cripte sulla Luna e un agente patogeno artificiale oblitera diverse cripte di seme genetico sulla Terra, segnando il fato della III Legione. (Index Astartes: Emperor’s Children; The Horus Heresy – Book One: Betrayal)
L’Imperatore arriva su Chemos e recluta Fulgrim per comandare la III Legione. Dopo che Fulgrim incontra le due centinaia di Astartes sopravvissuti, l’Imperatore accetta il nome da lui dato, i Figli dell’Imperatore. (Index Astartes: Emperor’s Children; The Horus Heresy – Book One: Betrayal; The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
835.M30: L’Imperatore arriva su Inwit e recluta Rogal Dorn per comandare i Magli Imperiali. (Index Astartes: Imperial Fists; The Horus Heresy: Shadows of Treachery – The Lightning Tower, di Dan Abnett; The Horus Heresy – Book Three: Extermination; The Horus Heresy: Praetorian of Dorn, di John French)
Luther trova un bambino selvaggio nelle foreste di Caliban e lo chiama Lion El’Jonson, che significa Il Leone, Figlio della Foresta. (The Horus Heresy: Descent of Angels, di Mitchel Scanlon)
Lion El’Jonson conduce i cavalieri di Caliban in una campagna di dieci anni volta a sterminare le Grandi Bestie che si annidano nelle foreste. I Cavalieri del Lupo si rifiutano di unirsi alla crociata e vengono distrutti. (The Horus Heresy: Descent of Angels, di Mitchel Scanlon)
839.M30: Si svolge il Primo Xenocidio Rangdiano. (The Horus Heresy – Book Nine: Crusade; The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
Ca. 840.M30: L’Imperatore arriva su Macragge e recluta Roboute Guilliman per comandare la XIII Legione. (The Horus Heresy: The Unremembered Empire, di Dan Abnett)
840.M30: la chiglia della nave Orgoglio dell’Imperatore viene posata nei cantieri navali di Giove. (The Horus Heresy: Fulgrim, di Graham McNeill)
840.M30: Fulgrim conduce la sottomissione del pianeta Byzas facendosi accompagnare solamente da sette Legionari, tra cui l’apotecario Fabius Bile, lo spadaccino Cyrius e il Lord Comandante Abdemon. (Fulgrim: The Palatine Phoenix, di Josh Reynolds)
840.M30: L’Imperatore arriva su Prospero e recluta Magnus il Rosso per guidare la XV Legione. (Magnus the Red: Master of Prospero, di Graham McNeill)
841.M30: Viene ratificato il Mandato d’Antico Dominio della Casata Vornherr. (The Horus Heresy – Book Five: Tempest)
841.M30: Il prete del Patto esiliato Kor Phaeron trova un bambino nei deserti del pianeta Colchis. Percependo il suo potere e rimanendone affascinato, lo prende con sé e lo chiama Lorgar, Portatore di Pioggia nella lingua colchisiana. (Lorgar: Bearer of the Word, di Gav Thorpe)
842-843.M30: La IV Legione spende quasi tutte le proprie forze frontali durante la liberazione di Incaladion. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
843.M30: La mercante corsara Casilida DeAniasie apre un contatto con il Dominio Sovrano Forgia di Xana, conducendo a delle negoziazioni diplomatiche tra Xana, l’Imperium e il Mechanicum.(The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
843.M30: L’Imperatore arriva su Baal e recluta Sanguinius per guidare la IX Legione. Alla IX Legione viene ordinato di presentarsi nel sistema Teghar per incontrare il proprio Primarca, un processo che richiede due anni e quattro mesi. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione; The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
843.M30: Si svolge la Campagna di Teghar. La IX Legione sottomette Teghar e Sanguinius la rinomina Angeli Sanguinari. (The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
844.M30: Battaglia di Thapsus. (The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
Ca. 845.M30: i sei anni di guerra civile/crociata di Lorgar finiscono con l’unificazione di Colchis sotto il suo comando. (The Horus Heresy: The First Heretic, di Aaron Dembski-Bowden)
L’Imperatore arriva su Caliban e recluta Lion El’Jonson per guidare la I Legione. Zahariel El’Zurias sventa un tentativo di assassinio diretto all’Imperatore. Lion rinomina la I Legione come Angeli Oscuri basandosi sui miti di Caliban. (The Horus Heresy: Descent of Angels, di Mitchel Scanlon)
849.M30: L’Imperatore arriva su Olympia e recluta Perturabo per guidare la IV Legione. Dopo il loro primo incontro, Perturabo si sente per una sola volta libero dallo sguardo del vortice stellare, il fenomeno dal quale si è sentito osservato per tutta la vita e che i più conoscono con il nome di Occhio del Terrore. Quando prende l’effettivo comando della Legione, trova che le sue forze siano inadatte e le decima, ordinando a nove ogni dieci Legionari di uccidere i rimanenti a mani nude. Guida gli altri nella campagna atta a soggiogare l’Ammasso Meratara; alla fine della campagna, la IV Legione diventa i Guerrieri di Ferro. Nel frattempo, Dammekos viene nominato Governatore Planetario di Olympia, ma il suo potere diventa un mero ingranaggio dell’Imperium. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination, Magnus the Red: Master of Prospero, di Graham McNeill; Perturabo: The Hammer of Olympia, di Guy Haley)
Ca. 850.M30: il Mondo Cavaliere Chrysys viene riscoperto. La Casata Krast si unisce all’Imperium. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione; White Dwarf, Settembre 2016)
851.M30: Pur non comprendendone la reale natura, Lorgar inizia a percepire i propri poteri psionici e ha una visione che gli mostra il futuro arrivo di un essere ammantato d’oro e stelle che scende dall’Empyreo con le ali di un’aquila. (Lorgar: Bearer of the Word, di Gav Thorpe)
L’Imperatore arriva su Barbarus e recluta Mortarion per comandare i Predoni del Crepuscolo. Nel suo discorso ai suoi nuovi Astartes, Mortarion li nomina la sua Guardia della Morte. (Index Astartes: Death Guard; The Horus Heresy – Book One: Betrayal)
853.M30: Magnus e Perturabo, assistiti dalle proprie rispettive Legioni, collaborano per evacuare la popolazione di Morningstar, il quale è minacciato da catastrofiche tempeste geomagnetiche. Durante l’operazione, Magnus scopre che la popolazione è stata soggiogata da un’entità demoniaca chiamata Shai-tan. Nessun abitante di Morningstar sopravvive, ma Shai-tan viene sconfitto e Magnus lo imprigiona su Prospero. (Magnus the Red: Master of Prospero, di Graham McNeill; The Horus Heresy: Morningstar, di Graham McNeill)
855.M30: Diventato il Predicatore, portatore della vera fede dell’unico dio su Colchis, Lorgar raduna una schiera di centinaia di migliaia di persone. Nei mesi seguenti, gli ultimi oppositori vengono sconfitti e tutto Colchis viene unito sotto il simbolo del Libro e della Fiamma. (Lorgar: Bearer of the Word, di Gav Thorpe)
857.M30: L’Imperatore arriva su Colchis e recluta Lorgar per guidare gli Araldi Imperiali. Lorgar li rinomina Predicatori. (The Horus Heresy: Eye of Terra – Aurelian, di Aaron Dembski-Bowden; The Horus Heresy – Book Five: Tempest)
Lorgar conduce i Predicatori contro il Culto dell’Iconoclasta sul pianeta Arachiana. Questo culto venera “L’Unico Vero Dio”, il quale è descritto in modi simili all’Imperatore. Lorgar incorpora alcuni aspetti del dogma del Culto nelle prime versioni del Libro di Lorgar. (The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
Vulkan guida i difensori di Nocturne contro i razziatori Eldar. (Index Astartes: Salamanders)
L’Imperatore, Lorgar, Ferrus Manus, Rogal Dorn, Fulgrim, rappresentanti delle loro Legioni e gli Ultramarine arrivano a Nostramo. L’Imperatore recluta Konrad Curze per comandare i Signori della Notte. (Index Astartes: Night Lords; The Horus Heresy: Shadows of Treachery – Prince of Crows)
860.M30: Sottomissione di Skagan-VI. (The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
860.M30: Gli Ultramarine rispondono all’avvistamento xeno di Psichibridi Osiriani, ma trovano solo un mondo agricolo morente. (The Horus Heresy – Book Five: Tempest)
Ca. 860.M30: L’Imperatore arriva su Chogoris e recluta Jaghatai Khan per comandare le Furie Bianche. (Index Astartes: White Scars; The Horus Heresy: Legacy of Betrayal – Brotherhood of the Storm, di Chris Wraight)
862.M30: Inizia il Secondo Xenocidio Rangdiano. (The Horus Heresy – Book Nine: Crusade)
866.M30: La XIX Legione riceve l’incarico di forzare la sottomissione di Riobhia e di distruggere la Biblioteca di Grael. Mentre si trova in viaggio, la Legione riceve una comunicazione da parte della Stirpe dei Mille, la quale riporta d’essere già intervenuta risolvendo la situazione. (The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
869.M30: Viene sottomesso il mondo cavaliere Molech. All’evento sono presenti l’Imperatore, Horus, Fulgrim, Lion El’Jonson e Jaghatai Khan. Cyprian Devine della Casata Devine viene nominato Governatore Planetario. Senza che i Primarchi ne capiscano il motivo, l’Imperatore organizza delle difese immense per Molech, affidandogli quasi cento reggimenti d’Esercito Imperiale, tre coorti di Titani e distaccamenti provenienti da due Legioni. L’obiettivo è proteggere il portale sotterraneo, ma l’Imperatore sopprime i ricordi legati ad esso presenti nelle menti dei Primarchi. (The Horus Heresy: War Without End – The Devine Adoratrice, di Graham McNeill; The Horus Heresy: Vengeful Spirit, di Graham McNeill)
870.M30: Si svolge la Campagna di Dulan. I Lupi Siderali e gli Angeli Oscuri collaborano durante l’operazione, ma ad un certo punto Leman Russ e Lion El’Jonson duellano finendo anche per colpirsi a mani nude. Alla fine i due Primarchi lasciano perdere e non si portano rancore, ma la campagna passa alla storia come un evento in cui nasce l’eterna rivalità tra le due Legioni. (Leman Russ: The Great Wolf, di Chris Wraight)
876.M30: La 611a Flotta di Spedizione sottomette Zavarich senza spargimenti di sangue. (The Horus Heresy – Book Four: Conquest)
881.M30: Si svolge l’Emancipazione di Drune. La Guardia della Morte, i Figli di Horus e le Furie Bianche, insieme ai loro rispettivi Primarchi, liberano il pianeta Drune da una forma di dominio mentale xenos che rende la popolazione totalmente sottomessa. Quando le Legioni eliminano i portali xenos che esercitano questo dominio mentale, tutta la popolazione crolla a terra senza vita. (The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
882.M30: il Secondo Xenocidio Rangdiano termina con il massacro dell’ultima flotta Rangdiana incontrata dall’Imperium. (The Horus Heresy – Book Nine: Crusade)
Ca. 885.M30: L’Imperatore arriva su Barbarus e recluta Mortarion per comandare i Predoni del Crepuscolo. Nel suo discorso ai suoi nuovi Astartes, Mortarion li rinomina Guardia della Morte. (Index Astartes: Death Guard; The Horus Heresy – Book One: Betrayal)
890.M30: Iniziano gli eventi del Terzo Xenocidio Rangdiano. (The Horus Heresy – Book Five: Tempest; The Horus Heresy – Book Nine: Crusade)
891.M30: Crisi del Giro Affamato. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
891.M30: La mercante corsara Corthona Van Der Veld scopre un mondo morto a cui dona il nome di Graal. Sulla sua superficie vengono scoperti numerosi Sistemi di Produzione Modulare. (The Horus Heresy – Book Four: Conquest)
897.M30: Il pianeta Moab viene integrato nell’Imperium e riceve il suo primo Governatore Planetario. (The Horus Heresy – Book Four: Conquest)
897.M30: Il pianeta Numinal viene colonizzato dall’Imperium e diventa un’importante fonte di risorse per l’Imperium settentrionale. (The Horus Heresy – Book Four: Conquest)
899.M30: I Mastini da Guerra si imbattono negli Psichibridi Osiriani mentre affrontano gli Orki dell’Impero Glortiano nei pressi del Terminale Eurydice. Roboute Guilliman riceve una comunicazione astrotelepatica al riguardo e muove le proprie forze per fornire supporto ai Mastini da Guerra in modo da eliminare gli Psichibridi. (The Horus Heresy – Book Five: Tempest)
Ca. 900.M30: Apparentemente la Stirpe dei Mille riesce a risolvere il problema delle mutazioni. (The Horus Heresy: A Thousand Sons, di Graham McNeill)
902.M30: Il 3o e il 118o Grande Battaglione subisce il 65% delle perdite durante la sottomissione di Kaldorax Aleph. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
903.M30: i Predicatori portano Quarantasette Dieci (Khur) nell’Imperium. Successivamente, trasformano la capitale planetaria Monarchia in una città tempio dedicata all’adorazione dell’Imperatore. (The Horus Heresy: The First Heretic, di Aaron Dembski Bowden)
907.M30: Angron Thal’kr scompare alla vigilia della Battaglia del Crinale di Desh’elika, teletrasportato sulla nave dell’Imperatore. Le forze di Nuceria pensano che sia fuggito dal campo e i compagni gladiatori di Angron vengono successivamente macellati. Angron uccide ogni ufficiale dei Mastini da Guerra che incontra nelle profondità della nave Determinazione Adamantina, finché Khârn non lo convince che loro sono lì per servirlo. Angron dichiara che i Mastini da Guerra saranno chiamati da quel momento in poi Divoratori di Mondi. La nave viene in seguito rinominata Conqueror. (Index Astartes: World Eaters; The Horus Heresy: Betrayer, di Aaron Dembski-Bowden; The Horus Heresy: Tales of Heresy – After Desh’ea, di Matthew Farrer)
Ca. 921.M30: I Lupi Lunari sterminano gli xenos Keylekid. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett)
Ca. 927.M30: Purga di Cryptosi. La Legione Alfa si occupa di eliminare gli xenos meta-dimensionali conosciuti come Cryptosi. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
ca. 927.M30: L’Armatura Potenziata MkII della Legiones Astartes viene considerata obsoleta. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
933.M30: Il 33o Grande Battaglione dei Guerrieri di Ferro subisce il 78% delle perdite durante il Terzo Sterminio di Temporaferrox. Perturabo considera accettabili le perdite, in quanto è stata ottenuta la completa eliminazione degli xenos. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
945.M30: La 63a Spedizione porta Sessantre-Otto (Davin) nell’Imperium. Kor Phaeron dei Predicatori rimane indietro per illuminare la popolazione di Davin. Eugen Temba diventa il Governatore Planetario. La sua nave Gloria della Terra si schianta sulla luna di Davin poco dopo. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett; The Horus Heresy: False Gods, di Graham McNeill)
L’Imperatore dell’Umanità giunge su Lycaeus, la luna di Kiavahr, quando i lavoratori schiavi stanno prendendo il controllo. Egli recluta il leader degli insorti, Corvus Corax, per comandare la Guardia del Corvo. (Index Astartes: Raven Guard; The Horus Heresy: Deliverance Lost, di Gav Thorpe)
L’Imperatore ritrova e recluta il Primarca dell’XI Legione, una delle future Legioni Perdute. (Ordine ufficiale di ritrovamento dei Primarchi)
959.M30: Il Primo Capitano Kor Phaeron conduce i Predicatori nella sottomissione di Hierapolis, rinominato Quarantasette-Nove. (Lorgar: Bearer of the Word, di Gav Thorpe)
962.M30: il 282o Grande Battaglione dei Guerrieri di Ferro subisce il 32% delle perdite durante la Pacificazione del Patto di Saryine, riducendo le forze ribelli al 30%. Perturabo censura il comando del 282o per “mancanza di zelo”. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
962.M30: Si svolge la Difesa di Helioret. L’arcamondo Magc’Sithraal conduce una campagna di razzie dirette verso Helioret, motivo per cui gli Angeli Sanguinari e l’Ordo Sinister intervengono sconfiggendo gli invasori e scagliando l’arcamondo in una stella vicina. (The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
”Prima del 964.M30”: L’Imperatore ordina l’eliminazione dei Primarchi della II e dell’XI Legione, note poi come Legioni Perdute. Dopo la loro morte, Rogal Dorn e Roboute Guilliman sostengono che le due Legioni siano troppo utili per essere semplicemente scartate, perciò i Legionari subiscono una cancellazione della memoria e vengono “adattati alle nuove circostanze”, probabilmente ricevendo un nuovo seme genetico e venendo redistribuiti tra le altre Legioni. Le loro armerie e le loro flotte vengono a loro volta redistribuite attraverso le Legioni. Successivamente, gli altri Primarchi giurano solennemente di non discutere mai più dei loro fratelli perduti, eppure rimangono ancora alcune loro rappresentazioni. Anni dopo, quando Malcador decide di abbattere una statua di un Primarca Perduto, alcuni Primarchi si oppongono e Horus decide pure di ribellarsi al giuramento tentando di pronunciare il nome di uno dei due fratelli, ma Malcador lo strangola psionicamente impedendoglielo. Dopo questo evento, Dorn e Guilliman intervengono nuovamente, suggerendo una cancellazione della memoria di massa affinché nessuno ricordi i dettagli sui due fratelli perduti, nemmeno i loro nomi o i loro titoli. La richiesta viene approvata e i ricordi vengono soppressi. (The Horus Heresy: The First Heretic, di Aaron Dembski-Bowden; The Horus Heresy: Silent War – Lost Sons, di James Swallow; The Horus Heresy: The Last Council, di Laurie Goulding; Scions of the Emperor: The Chamber at the end of Memory, di James Swallow)
964.M30: Distruzione di Monarchia. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
”Poco tempo dopo la Distruzione di Monarchia”: Roboute Guilliman affronta i pelleverde dell’Imperatore Orko di Thoas. Hierax, Capitano della 22a Compagnia degli Ultramarine, suggerisce l’utilizzo dei Distruttori del Capitolo Nemesis, ma Guilliman si rifiuta perché non desidera cancellare la storia della civiltà umana vissuta su Thoas prima dell’arrivo dei pelleverde. Solo dopo aver sconfitto gli Orki, Guilliman scopre la verità sul modo in cui l’antica civiltà umana scomparve dal pianeta, decidendo quindi di bombardare il pianeta a malincuore. (Roboute Guilliman: Lord of Ultramar, di David Annandale)
964.M30: I Predicatori sottomettono Quarantasette-sedici uccidendo ogni singolo abitante del pianeta in un giorno, approssimativamente duecento milioni di persone. (The Horus Heresy: The First Heretic, di Aaron Dembski-Bowden; The Horus Heresy: Tales of Heresy – Scions of the Storm, di Anthony Reynolds)
965.M30: TUTTI I DATI SONO CENSURATI. Sono coinvolti i Lupi Siderali. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
966.M30: Cadia entra a far parte della Carta Imperialis. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
966.M30: Raeven Devine e Albard Devine si sottopongono al rituale per collegarsi con il proprio Cavaliere. I due sopravvivono ad un attacco degli adoratori del Culto dei Serpenti, ma, quando viene effettuato il rituale, altri adoratori attuano i propri piani. Alla fine del rituale, Raeven si collega al proprio Cavaliere con successo, mentre Albard viene rifiutato. Egli sopravvive, ma i danni subiti sono elevatissimi. (The Horus Heresy: War Without End – The Devine Adoratrice, di Graham McNeill)
967.M30: Lorgar inizia il proprio Pellegrinaggio nell’Occhio del Terrore, uscendone come un profeta degli Dei del Caos. (The Horus Heresy: The First Heretic, di Aaron Dembski-Bowden; The Horus Heresy: Eye of Terra – Aurelian, di Aaron Dembski-Bowden)
969.M30: TUTTI I DATI SONO CENSURATI. Sono coinvolti i Lupi Siderali. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
972.M30: Sterminio di Farinatus. Sono coinvolti Signori della Notte e Guardia del Corvo. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
976.M30: Dwell entra a far parte dell’Imperium. (The Horus Heresy: Age of Darkness – Little Horus, di Dan Abnett)
981.M30: I Lupi Lunari sterminano i guardiani dell’intelligenza artificiale di Dahinta. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett)
981.M30: Alpharius assume il comando della XX Legione. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
981.M30: Il 3o, 14o e 72o Grande Battaglione dei Guerrieri di Ferro subiscono il 42% delle perdite durante l’Incendio della Corrente di Pharun. Il 30o subisce l’80% delle perdite, ma Perturabo le considera perdite accettabili per la completa depopolazione dei pianeti bersaglio. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
984.M30: Distruzione di Nostramo. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre; The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
986.M30: Alla Legione Alfa viene ordinato di eliminare gli Ak’Haireth dal Segmentum Solar. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
989.M30: gli apotecari della Legione Alfa creano un virus per eliminare gli Ak’Haireth e infettare la popolazione umana dei pianeti che hanno predato. Successivamente, gli Ak’Haireth muoiono di fame fino ad estinguersi. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
989.M30: La Guardia del Corvo stermina i Kharve, i quali occupano Indra-sûl. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
Ca. 992.M30: I Lupi Lunari trovano una mappa completa e dettagliata dell’antica Terra all’interno di un bunker sepolto a dieci chilometri di profondità in un mondo morto. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett; The Horus Heresy: False Gods, di Graham McNeill)
994.M30: Il sistema Isstvan entra a far parte dell’Imperium grazie alla Guardia del Corvo. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
997.M30: I Tiranni di Kernunnos si rifiutano di unirsi all’Imperium. Il Lord Lupo Bulveye della Tredicesima Grande Compagnia dei Lupi Siderali giura che un giorno li vedrà deposti. (The Horus Heresy: Tales of Heresy – Wolf at the Door, di Mike Lee)
998.M30: L’Esercito Imperiale affronta gli Orki di Charhack per il controllo del sistema Pargor Hith. (The Horus Heresy – Book One: Betrayal)
Ca. 999.M30: Udendo le voci riguardanti la nascita dell’Ordine dei Rimembranti e l’imminente nomina di un Signore della Guerra, Ferrus Manus conduce una campagna volta a sottomettere il sistema Gaardinal e con due reali obiettivi: fugare quelli che secondo lui sono i dubbi degli altri Primarchi nei suoi confronti e dimostrare d’essere il più meritevole del titolo di Signore della Guerra. (Ferrus Manus: The Gorgon of Medusa, di David Guymer; The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
999.M30: I Lupi Lunari e gli Angeli Sanguinari sterminano i Nephilim su Melchior. I Lupi Lunari proseguono verso il settore Ullanor, mentre gli Angeli Sanguinari per il Vuoto di Perseo. (The Horus Heresy: Fear to Tread, di James Swallow)
999.M30: Crociata di Ullanor. L’Imperatore guida i Lupi Lunari, gli Ultramarine e milioni di soldati dell’Esercito Imperiale contro l’impero del Kapoguerra Orko Urlakk Urg nel settore Ullanor. (The Horus Heresy: A Thousand Sons, di Graham McNeill)
999.M30: La Stirpe dei Mille porta Ventotto-Sedici (Aghoru) nell’Imperium in tre mesi. (The Horus Heresy: A Thousand Sons, di Graham McNeill)
998-999.M30: Mentre tiene d’occhio la situazione nei pressi di Ullanor, la 63a Flotta di Spedizione staziona ai confini del Sistema Issinium per sottometterlo completamente. (The Horus Heresy – Primarchs: Sons of the Emperor – Misbegotten, di Dan Abnett)
998-999.M30: Nel Sistema Issinium, il Primo Capitano Abaddon dei Lupi Lunari conduce missioni di sottomissione sui pianeti Kiskayde e Phocis, ottenendo fedeltà dalle culture di entrambi. Gli Ordinator di Kiskayde aiutano la 63a Flotta di Spedizione fornendo personale proveniente dalle loro truppe d’assalto Kiskaydine, le quali apprendono con meraviglia le storie della Terra.(The Horus Heresy – Primarchs: Sons of the Emperor – Misbegotten, di Dan Abnett)
998-999.M30: Nel Sistema Issinium, i Capitani Targost e Sedirae dei Lupi Lunari stipulano la pace con i Feudomondi di Orlustre. (The Horus Heresy – Primarchs: Sons of the Emperor – Misbegotten, di Dan Abnett)
998-999.M30: Nel Sistema Issinium, il Capitano Lev Goshen dei Lupi Lunari negozia con la Madreterra di Nuova Terra, ottenendo il loro favore garantendo integrazione e fornendo doni d’alta scienza. Successivamente, Horus si complimenta con Goshen per la sensibilità delle sue azioni di diplomazia. (The Horus Heresy – Primarchs: Sons of the Emperor – Misbegotten, di Dan Abnett)
998-999.M30: Il Primarca Horus conduce personalmente un’ambasciata sul pianeta Issinium ottenendo l’immediata sottomissione da parte dei Sommi Affari. Horus banchetta per nove giorni con loro e non perde l’entusiasmo quando decidono di mettere in scena, anche tramite delle canzoni, la loro intera storia tramandata oralmente. L’esibizione dura per tutto il banchetto. (The Horus Heresy – Primarchs: Sons of the Emperor – Misbegotten, di Dan Abnett)
999.M30: Nel Sistema Issinium, i Capitani Garviel Loken e Iacton Qruze dei Lupi Lunari rispondono a una richiesta d’aiuto proveniente da Sole di Kest. Trovano un pianeta privo di vita e scoprono la vera origine del segnale, risalente a sette secoli prima, epoca in cui i coloni furono colpiti da un virus che li sterminò tutti senza che qualcuno rispondesse alle loro richieste di soccorso. (The Horus Heresy – Primarchs: Sons of the Emperor – Misbegotten, di Dan Abnett)
999.M30: Nel Sistema Issinium, il Capitano Hastur Sejanus dei Lupi Lunari conduce una missione di sottomissione diretta verso il piccolo avamposto presente su Velich Tarn. Nonostante si preannunci come una missione piuttosto semplice da portare a termine, l’avamposto si dimostra estremamente ostile. Quando Maloghurst riporta la situazione, Horus decide di intervenire personalmente. I Lupi Lunari affrontano le terribili bestie biomecanoidi create dal geniale ingegnere biomeccanico Basilio Fo, famoso su Terra proprio per le sue terribili creazioni. I Lupi Lunari hanno la meglio e Basilio Fo viene catturato per essere imprigionato nelle Segrete del Palazzo Imperiale (The Horus Heresy – Primarchs: Sons of the Emperor – Misbegotten, di Dan Abnett; Siege of Terra: Saturnine, di Dan Abnett)
999.M30: La Legione Alfa risponde alla richiesta di aiuto della 670a Spedizione nella campagna di Nurth. Il pianeta viene perso quando gli abitanti di Nurth attivano il Cubo Nero. Metà delle forze Imperiali e sei Titani vengono lasciati indietro durante un’evacuazione d’emergenza. (The Horus Heresy: Legion, di Dan Abnett)
999.M30: Insurrezione di Xantriss, fermata dalla 12a Grande Compagnia dei Lupi Siderali. (The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
999.M30: data presunta in cui il Governatore Imperiale Vardus Praal di Isstvan III abbandona il voto fatto all’Imperium. (The Horus Heresy – Book One: Betrayal)
999.M30: I Guerrieri di Ferro affrontano gli Hrud che abitano le Profondità di Sak’trada, una regione dello Stretto di Vula. Sebbene i pianeti coinvolti siano poco rilevanti, il Consiglio di Guerra Imperiale ne ha comunque ordinato l’eliminazione degli xeno e Perturabo suppone che l’Imperatore gli abbia volutamente affidato una missione di quel tipo per vederlo fallire. Nemmeno la riluttanza del Kydomor Forrix riesce a far dubitare Perturabo dell’obiettivo e alla fine la campagna riesce a sterminare la popolazione Hrud, ma con gravi perdite. Nel corso della stessa campagna, il Mastro di Guerra Barabas Dantioch conduce la propria Grande Compagnia su Golghis, nel sistema Gugann. Lì molti dei suoi Legionari muoiono o invecchiano terribilmente a causa delle abilità temporali degli Hrud. Dantioch stesso invecchia di 3000 anni e da quel momento decide di coprire il proprio volto con una maschera. Dopo la fine della campagna, anche Dantioch esprime i propri dubbi sulla campagna svoltasi, arrivando persino a sostenere che il Primarca o l’Imperatore possano aver fatto un errore nell’organizzarla, ma a quel punto Perturabo va su tutte le furie. Dantioch viene esiliato insieme ai propri Legionari, il suo nome viene cancellato dagli archivi e l’armatura terminator destinata a lui viene donata al Mastro di Guerra Barban Falk. (The Horus Heresy: Age of Darkness – The Iron Within, di Rob Sanders; The Horus Heresy: Pharos, di Guy Haley; Perturabo: The Hammer of Olympia, di Guy Haley)
999.M30: La Pacificazione di Ark Reach Secundus. (The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
999.M30: Crociata di Ullanor. L’Imperatore guida i Lupi Lunari, gli Ultramarine e milioni di soldati dell’Esercito Imperiale contro l’impero del Kapoguerra Orko Urlakk Urg nel settore Ullanor. (The Horus Heresy: A Thousand Sons, di Graham McNeill)

M31

000.M31: Le Legioni Stirpe dei Mille, Lupi Siderali e Predicatori portano nell’Imperium il settore Ark Reach. Il Generale Maggiore Hestor Navarre viene nominato Governatore Imperiale. (The Horus Heresy: A Thousand Sons, di Graham McNeill)
000.M31: Distruzione di Olympia. Durante l’evento, Perturabo visita la casa in cui è cresciuto e intrattiene la sua ultima conversazione con Calliphone. (Perturabo: The Hammer of Olympia, di Guy Haley)
000.M31: Trionfo di Ullanor. L’Imperatore e il suo esercito eliminano il Kapoguerra Orko Urlakk Urg e pongono fine al più grande Impero Orkesco della galassia. Alla celebrazione della vittoria, l’Imperatore dona a Horus il titolo di Signore della Guerra e gli offre la possibilità di rinominare i Lupi Lunari con il nome di Figli di Horus, poi si ritira sulla Terra. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre; Index Astartes: Black Legion; The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett; The Horus Heresy: A Thousand Sons, di Graham McNeill)
000.M31: Viene fondato l’Ordine dei Rimembranti. Sebbene essi esistano già da molto tempo, la fondazione dell’Ordine permette una loro organizzazione formale all’interno delle Legioni. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett; The Horus Heresy: Lantern’s Light, di James Swallow)
000.M31: I Figli dell’Imperatore eliminano i Laer. Fulgrim entra nel santuario situato nelle profondità del pianeta natale dei Laer e ottiene la Spada dei Laer, la quale si rivelerà un’arma demoniaca di Slaanesh. (The Horus Heresy: Fulgrim, di Graham McNeill)
000.M31: La 40a Spedizione e i Lupi Siderali distruggono la Quiete Olamica. (The Horus Heresy: Prospero Burns, di Dan Abnett)
000.M31: Le Furie Bianche inseguono gli Orki in fuga verso il sistema Chondax. (The Horus Heresy: Legacy of Betrayal – Brotherhood of the Storm, di Chris Wraight; The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
000.M31: La Caduta di Saran Luxor. (The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
000.M31: La Battaglia dell’Ammasso Akum-Sothos. Horus, ora diventato Signore della Guerra, conduce un attacco diretto all’Ammasso Akum-Sothos per riprendere il controllo dei pianeti governati dai Re Inosservati. In seguito alle pesanti perdite subite durante la Battaglia per il Cancello Quaranta-Due, la Guardia del Corvo giura di non combattere mai più al fianco di Horus. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
001-005.M31: La Campagna di Chondax. (The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
001.M31: Concilio di Nikaea. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
001.M31: John Grammaticus guida la Legione Alfa su 42 Hydra Tertius per incontrarsi con la Cabala. Dopo l’incontro, le navi da guerra Alpha e Beta della Legione Alfa distruggono la flotta della 670a Spedizione. (The Horus Heresy: Legion, di Dan Abnett)
001.M31: La 63a Flotta di Spedizione conquista il pianeta Sessantatre-Diciannove eliminando un dominio umano che ha preso il nome di Imperium dell’Uomo. Horus ne uccide personalmente l’Imperatore. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett)
001.M31: I Lupi Lunari si uniscono agli Angeli Sanguinari e ai Figli dell’Imperatore nella loro missione sul pianeta Assassinio, la quale prevede l’eliminazione dei megaracnidi. La missione dura sei mesi. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett)
001.M31: Dopo numerosi sforzi, i Figli dell’Imperatore e le Mani di Ferro conducono la Battaglia della Stella Carollis sconfiggendo i Diasporex, un civiltà nomade formata da umani e xeno. Solomon Demeter, Capitano della 2a Compagnia dei Figli dell’Imperatore uccide il capitano della nave ammiraglia nemica, le cui ultime parole sono “Desideravamo solo essere lasciati in pace”. (The Horus Heresy: Fulgrim, di Graham McNeill)
001.M31: La Guardia della Morte, le Salamandre e le Mani di Ferro conquistano il pianeta 154-4, anche chiamato Ibsen. Dei veggenti Eldar cercano di avvertire Ferrus Manus riguardo al suo infausto futuro, ma il Primarca non presta loro ascolto. Successivamente, Vulkan rinomina il pianeta Caldera. (The Horus Heresy: Born of Flame – Promethean Sun, di Nick Kyme; The Horus Heresy: Primarchs – Feat of Iron, di Nick Kyme)
001.M31: Gli Ultramarine perlustrano le nove piastre orbitali di Distesa delle Idra. (The Horus Heresy – Book Five: Tempest)
002.M31: Gli Artigli Cinerei della Guardia del Corvo, guidati dal Pretore Calvus, partono per una spedizione diretta verso le Stelle Ghoul. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
002.M31: L’Interex, una civiltà abumana estremamente avanzata tecnologicamente, apre i contatti con l’Imperium su Assassinio. Horus apre le trattative con l’Interex, il quale accoglie gli Imperiali con scetticismo nei loro confronti. Durante le trattative, all’insaputa di tutti, il Primo Cappellano Erebus dei Predicatori si infiltra nella Sala dei Dispositivi, il museo Interex contenente artefatti e armi di ogni sorta. Erebus ruba un artefatto Kinebrach chiamato Anathame e presto l’Interex scopre il furto mandando totalmente a monte le trattative. L’Interex viene successivamente distrutto dall’Imperium. (The Horus Heresy: Horus Rising, di Dan Abnett; The Horus Heresy: False Gods, di Graham McNeill)
002-003.M31: Spedizione alla Cintura di Kayvas. L’impero pelleverde locale viene sconfitto. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre; The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
003.M31: La 27a Flotta di Spedizione, attiva su Isstvan III, invia un segnale di soccorso mentre i Cantori di Guerra attaccano le posizioni imperiali. Vengono poi persi i contatti con il sistema. (The Horus Heresy: Galaxy in Flames, di Ben Counter; The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
003.M31: L’Incidente di Vespae. (The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
003.M31: Nel tentativo di liberare la popolazione di Arkenath, cinquecento Ultramarine partecipano al conflitto con gli xeno Vektate. (The Horus Heresy: Battle for the Abyss, di Ben Counter)
003.M31 I Lupi Lunari vengono rinominati Figli di Horus. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
004.M31: I Figli di Horus giungono su Davin, precedentemente conquistato dalla Guardia del Corvo e ora apparentemente ribellatosi al controllo imperiale. Ad attenderli, in realtà, c’è una luna corrotta da Nurgle. In gran segreto, Erebus consegna l’Anathame al governatore planetario Eugen Temba, il quale viene corrotto dal Dio della Peste e diventa estremamente potente. Horus raggiunge Temba, ma quest’ultimo riesce a ferirlo con l’Anathame e il Primarca finisce in stato comatoso. Erebus informa il Mournival dell’esistenza della Loggia del Serpente, una setta segreta davinita che potrebbe salvare il Primarca. Disperati, i membri del Mournival accettano e Horus viene portano in un tempio davinita, lasciando che venga avviato uno strano rituale. Horus vive una visione in cui Erebus si camuffa con l’aspetto del defunto Capitano Hastur Sejanus dei Lupi Lunari. Durante questa visione, Horus viene rimesso in sesto, ma viene anche segretamente corrotto dal Caos, evento che da inizio alla sua discesa nell’oblio. (The Horus Heresy: False Gods, di Graham McNeill; The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
004.M31: Magnus riesce a raggiungere Horus all’interno della sua visione e cerca di evitarne la corruzione, ma fallisce. Sebbene siano in vigore i divieti dell’Editto di Nikaea, Magnus sa che i mezzi di comunicazione comuni sarebbero troppo lenti, quindi decide di avviare comunque un rituale psionico con l’obiettivo di manifestarsi nel Palazzo Imperiale e avvertire l’Imperatore. L’obiettivo viene raggiunto, ma le energie scatenate danneggiano irreparabilmente il Portale della Rete collegato al Trono d’Oro a cui l’Imperatore stava lavorando, causando presto un’invasione demoniaca nei sotterranei del Palazzo. L’Imperatore infuriato ignora l’avvertimento di Magnus e ordina a Leman Russ di arrestare il fratello. (The Horus Heresy: False Gods, di Graham McNeill; The Horus Heresy: A Thousand Sons, di Graham McNeill)
004.M41: La 63a Flotta di Spedizione entra in contatto con Aureus, pianeta governato dagli umani della Tecnocrazia Auretiana. Quest’ultima dimostra una mentalità vicina a quella del Mechanicum, inoltre possiede almeno un Sistema di Produzione Modulare e guerrieri in armature simili a quelle degli Astartes. Dopo averlo ricevuto sulla Spirito Vendicativo, Horus uccide il Fabricator Console Emory Salignac della Tecnocrazia, usando come giustificazione quella secondo cui Salignac stesse nascondendo un’arma con cui avrebbe tentato di assassinarlo. Coprendo tutto con quella menzogna, Horus ordina l’annientamento della Tecnocrazia. Nei dieci mesi seguenti, Horus sfrutta la guerra contro la Tecnocrazia per comprendere meglio quali elementi della sua Legioni gli sarebbero rimasti leali nel conflitto imminente, inoltre alla guerra partecipano anche Angron e i suoi Divoratori di Mondi. (The Horus Heresy: False Gods, di Graham McNeill)
004.M31: Ricevendo assistenza da Legio Custodes e Sorelle del Silenzio, i Lupi Siderali si riuniscono per prepararsi alla missione diretta verso Prospero, pianeta della Stirpe dei Mille. Horus contatta Russ e lo manipola convincendolo a cambiare il proprio obiettivo, tramutando un arresto in un assassinio. Per assicurarsi che tutto vada come desidera, il Signore della Guerra invia una piccola forza di Figli di Horus affinché combattano al fianco dei Lupi. (The Horus Heresy: Prospero Burns, di Dan Abnett; The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
004.M31: Horus contatta Sanguinius ordinandogli di spostarsi con tutta la propria Legione verso l’Ammasso Signus perché pare siano tornati i nephilim, una specie xeno affrontata anni prima dai due Primarchi. In realtà Horus vuole allontanarli il più possibile dai luoghi che daranno inizio all’Eresia e nell’Ammasso Signus non ci sono i nephilim, ma Demoni del Caos. In più, Erebus vuole assistere i piani di Khorne e Slaanesh, due Dei del Caos che vogliono impadronirsi di Sanguinius. (The Horus Heresy: Fear to Tread, di James Swallow; The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
004.M31: Come fatto con Sanguinius, Horus contatta anche Guilliman e Lion per facilitare i propri piani. A Guilliman viene ordinato di radunare la propria Legione presso il Sistema Veridian per prepararsi ad affrontare un’invasione di Orki, inoltre gli viene riferito che riceverà assistenza da parte dei Predicatori. Per questo motivo, Guilliman organizza un raduno preliminare su Calth prima di partire insieme ai Predicatori. A Lion, invece, viene ordinato di muoversi verso i Mondi Scudo. (The Horus Heresy: Know No Fear, di Dan Abnett; The Horus Heresy: Fallen Angels, di Mike Lee; The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
004.M31: I Figli dell’Imperatore annientano alcuni mondi vergine degli Eldar tramite bombardamenti virali. (The Horus Heresy: Fulgrim, di Graham McNeill)
004.M31: La 954a Flotta di Spedizione e la 13a Grande Compagnia dei Lupi Siderali combattono per strappare il Settore Lammas dalle mani dei Tiranni di Kernunnos. La 13a Grande Compagnia, capeggiata dal Lord Lupo Bulveye, sconfigge la Cabala del Cuore Strillante sul pianeta Antimon. Successivamente, Bulveye e i suoi si uniscono al proprio Primarca per raggiungere Prospero. (The Horus Heresy: Tales of Heresy – Wolf at the Door, di Mike Lee)
004.M31: Fulgrim ordina al Lord Comandante Eidolon e a una parte dei Figli dell’Imperatore di unirsi alla 63a Flotta di Spedizione presso il Sistema Isstvan. Nel frattempo, Fulgrim raggiunge Ferrus Manus nel Sistema Callinedes e lo aiuta nell’eliminazione degli Orki nei pressi della stazione spaziale Orbitale Profondo DS-191. Fulgrim approfitta del proprio legame profondo con Ferrus per avvicinare il fratello alla causa di Horus, ma il Primarca delle Mani di Ferro non accoglie bene l’idea e l’incontro sfonda nella violenza. Fulgrim, seppure corrotto dalla Lama d’Argento dei Laer, utilizza la Lama del Fuoco, un’arma un tempo forgiatagli da Ferrus. Quest’ultimo, invece, utilizza il proprio martello Spezzaforgia, a sua volta forgiato da Fulgrim per Ferrus. Durante la colluttazione, la Lama del Fuoco viene distrutta, ma Ferrus viene sopraffatto e perde i sensi. Prima di dileguarsi, Fulgrim ruba il martello di Ferrus. (The Horus Heresy: Galaxy in Flames, di Ben Counter; The Horus Heresy: Fulgrim, di Graham McNeill)
004-005.M31: Si verifica la Battaglia di Prospero, durante la quale la Stirpe dei Mille subisce perdite devastanti. Inizialmente Magnus è paralizzato dall’espiazione del proprio peccato e crede che solo la propria morte, insieme a quella di tutta la Legione, possa permetterla. Quando ormai i Legionari sono pochi e Ahriman li ha raccolti all’interno della Piramide di Photep, Magnus si ricrede e interviene per affrontare Leman Russ. Durante il duello, i lupi fenrisiani Freki e Geri perdono la vita, mentre Leman Russ riesce a sconfiggere il proprio fratello spezzandogli la schiena e frammentando la sua anima in molteplici pezzi. All’ultimo momento, Magnus riesce a aiutare psionicamente Ahriman nel completamento di un rituale che teletrasporta il Primarca e tutti i suoi Legionari sopravvissuti su Sortiarius, presto conosciuto come il Pianeta degli Stregoni. Durante la Battaglia di Prospero, il Lupo Siderale Bjorn perde il braccio sinistro, evento che porta alla nascita del titolo di “Bjorn dalla Mano Invida”. Il Lord Lupo Bulveye e parte della 13a Grande Compagnia, invece, inseguono il Bibliotecario Izzakar Orr della Stirpe dei Mille, perdendosi tra il Warp e la Rete per migliaia di anni. (The Horus Heresy – Book Seven: Inferno; The Horus Heresy: A Thousand Sons, di Graham McNeill, The Horus Heresy: Prospero Burns, di Dan Abnett; The Horus Heresy: The Crimson King, di Graham McNeill; The Horus Heresy: The Burden of Loyalty – The Thirteenth Wolf, di Gav Thorpe)
005.M31: La Guardia della Morte elimina gli xeno Jorgall nella Battaglia di Iota Horologii. (The Horus Heresy: Flight of the Eisenstein, di James Swallow)
005.M31: Inizia la Guerra nella Rete. (The Horus Heresy: The Master of Mankind, di Aaron Dembski-Bowden)
327.005.M31: Gli Angeli Sanguinari scompaiono durante il loro viaggio verso Signus. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre; The Horus Heresy – Book Seven: Inferno; The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence; The Horus Heresy: Fear to Tread, di James Swallow)
005.M31: Gli Angeli Oscuri si avviano verso nella Frangia Orientale. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
005.M31: Gli Ultramarine iniziano a riunirsi su Calth. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
005.M31: Inizia la guerra civile su Marte, conosciuta comunemente come Scisma di Marte. Una parte del Mechanicum di Marte, tra cui il Sommo Fabricator Kelbor Hal, si schiera dalla parte di Horus e dà inizio a una ribellione con cui libera antiche tecnologie proibite e danneggia irreparabilmente il Mechanicum lealista attraverso la diffusione di un pericoloso codice corrotto. (The Horus Heresy: Mechanicum, di Graham McNeill; The Horus Heresy – Book Two: Massacre)

L’Eresia di Horus

005.M31: Tradimento su Isstvan III – L’Eresia di Horus inizia ufficialmente. (The Horus Heresy: Galaxy in Flames, di Ben Counter; The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
005.M31: Nathaniel Garro, Capitano della 7a Grande Compagnia della Guardia della Morte, rimane lealista e scopre del tradimento grazie all’avvertimento di Saul Tarvitz dei Figli dell’Imperatore. Radunando altri Marine della propria Legione rimasti lealisti, Garro riesce a prendere possesso della fregata Eisenstein e a sconfiggere Ignatius Grulgor, Capitano della 2a Grande Compagnia della Guardia della Morte. Prima di fuggire dal Sistema Isstvan, Garro riesce a salvare anche la Rimembrante Euphrati Keeler e Iacton Qruze, Capitano della 3a Compagnia dei Figli di Horus. Dopo un lungo e stremante viaggio nel Warp, l’Eisenstein riesce a raggiungere la Terra e a confermare il tradimento di Horus, sebbene inizialmente Rogal Dorn si rifiuti di credere a un tale evento. Successivamente, Malcador prende da parte Garro, Qruze e la Rimembrante Amendera Kendel affinché diventino suoi agenti. Così facendo, Garro diventa l’Agentia Primus dei Cavalieri Erranti, presto seguito da Qruze. (The Horus Heresy: Flight of the Eisenstein, di James Swallow)
005.M31: Menes Kalliston, Capitano della 4a Compagnia della Stirpe dei Mille, torna su Prospero trovando solamente un pianeta devastato e ormai abbandonato. Un distaccamento dei Divoratori di Mondi comandato da Khârn, Capitano dell’8a Compagnia, viene inviato su Prospero per recuperare un pendente che Magnus usò per entrare nella visione di Horus tempo prima. I Legionari della Stirpe vengono macellati, Kalliston viene fatto prigioniero e solo il Sergente Revuel Arvida riesce a scamparla nascondendosi tra le rovine della città di Tizca. Kalliston viene poi interrogato e infine ucciso da Khârn. (The Horus Heresy: Age of Darkness – Rebirth, di Chris Wraight)
005.M31: In seguito a una Migrazione Hrud, si svolge la difesa di Prandium. (The Horus Heresy – Book Five: Tempest)
788.005.M31: Sospettando il tradimento, Rogal Dorn ordina l’arresto dei trenta membri della Schiera Crociata, ossia Astartes stanziati sulla Terra come rappresentanti delle varie Legioni. Per l’operazione vengono inviati tremila soldati dell’Esercito Imperiale provenienti da diversi reggimenti, una squadra della Legio Custodes, l’agente di Malcador chiamato Yasu Nagasena e il seguito di quest’ultimo. Sebbene il Generale Maggiore Maxim Golovka suggerisca di assaltare il luogo in cui la Schiera Crociata risiede indisturbata, Yasu Nagasena decide di optare per un approccio diplomatico. Nagasena discute con Atharva della Stirpe dei Mille, ma alla fine l’arresto sfocia nello scontro. Muoiono centinaia di soldati dell’Esercito Imperiale, ma la Schiera Crociata viene infine arrestata, nonostante nessuno dei membri fosse a conoscenza del tradimento dei propri fratelli. (The Horus Heresy: The Outcast Dead, di Graham Mcneill)
006.M31: TUTTI I DATI SONO CENSURATI. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
006.M31: In seguito al tradimento di Kelbor-Hal, il Fabricator-Locum Kane viene nominato nuovo Sommo Fabricator di Marte. Siccome il pianeta è in mano alle forze traditrici, Kane comincia ad operare restando sulla Terra. (The Horus Heresy: Mechanicum, di Graham McNeill; The Horus Heresy: Shadows of Treachery – The Crimson Fist, di John French)
006.M31: Sigismund e Camba-Diaz guidano quattro Compagnie di Magli Imperiali in una missione su Marte volta a recuperare armi e armature Astartes d’ultima generazione dalle forge Mondus Gamma e Mondus Occulum. (The Horus Heresy: Shadows of Treachery – The Crimson Fist, di John French)
170.006.M31: Yonnad, Capitano e Maestro della Flotta dei Magli Imperiali, prende il comando della Flotta del Castigo per raggiungere il Sistema Isstvan. Gli Dei del Caos interferiscono con il viaggio Warp della Flotta, causando la perdita di un terzo delle navi. Yonnad perde la vita e il comando ricade su Alexis Polux, Capitano della 405a Compagnia. (The Horus Heresy: Shadows of Treachery – The Crimson Fist, di John French)
006.M31: La Scissione di Zhao-Arkadd. (Seminari Forge World)
006.M31: La Persecuzione di Sarum. (Seminari Forge World)
006.M31: L’Imperatore ordina ai Predicatori di recarsi su Isstvan V per punire i traditori. Nascondendo il fatto d’essere anch’essi traditori, interrompono la conquista di Calis e si dirigono verso il Sistema Isstvan. (The Horus Heresy: The First Heretic, di Aaron Dembski-Bowden)
006.M31: Vulkan dona al Techmarine T’kell il rango di Padre della Forgia, poi gli ordine di distruggere i suoi artefatti. T’kell lo prega di cambiare idea, allora Vulkan gli permette di salvare solo sette artefatti. Successivamente, Vulkan parte per Isstvan V. (The Horus Heresy: Born of Flame – Artefacts, di Nick Kyme)
006.M31: la compositrice Bequa Kynska tiene la prima della Maraviglia a bordo della Orgoglio dell’Imperatore, ammiraglia dei Figli dell’Imperatore. Durante lo spettacolo, la corruzione di Slaanesh inizia a pervadere il teatro interno alla nave finché la cantante Coraline Aseneca e il suo coro non si trasformano in Demonette, tramutando l’opera in un tremendo tripudio di viscere e atti osceni. La follia pervade anche gli Astartes presenti, i quali prendono strumenti musicali che vedono trasformarsi in immonde armi soniche. Durante quell’evento vengono gettate le basi dei futuri Marine Distorsori, rifinite durante l’Eresia tramite l’invenzione delle armi Kakophoni. (The Horus Heresy: Fulgrim, di Graham McNeill; The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
528.006.M31: L’Ad Temperesta arriva nel Sistema Isstvan per effettuare un sopralluogo e riportare i dati raccolti alla flotta d’esecuzione. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
565.006.M31: La flotta d’esecuzione giunge nel Sistema Isstvan e si dirige verso Isstvan V. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
566.006.M31: Inizio del Massacro del Punto di Atterraggio. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
567.006.M31: Le Legioni Mani di Ferro, Salamandre e Guardia del Corvo vengono accerchiate dalle Legioni traditrici nella Depressione di Urgall. (The Horus Heresy – Book Two: Massacre)
Ca. 643.006.M31: Battaglia di Phall. (The Horus Heresy: Shadows of Treachery – The Crimson Fist, di John French)
671.006.M31: Prima Battaglia di Paramar. La Legione Alfa e i Guerrieri di Ferro invadono il sistema Paramar. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
006.M31: Fulgrim disubbidisce all’ordine di Horus di raggiungere Marte. I suoi subordinati capiscono che il loro Primarca sia stato posseduto e cercano di far fuoriuscire il demone. (The Horus Heresy: The Primarchs – The Reflection Crack’d, di Graham McNeill)
006.M31: Un’incursione demoniaca sul pianeta Pythos uccide i sopravvissuti della 111a Compagnia delle Mani di Ferro. (The Horus Heresy: The Damnation of Pythos, di David Annandale)
006.M31: I Guerrieri di Ferro leali all’Imperatore difendono la fortezza Schadenhold dai loro fratelli traditori in un assedio che dura un anno e un giorno terrestri. (The Horus Heresy: Age of Darkness – The Iron Within, di Rob Sanders)
006.M31: Durante una campagna contro gli Orki nel sistema Throll-Henderson, Jaghatai Khan riceve notizie da Rogal Dorn riguardo a Isstvan V e l’ordine di ritornare sulla Terra. Il Khan riceve un messaggio da Leman Russ informandolo della presenza di una flotta della Legione Alfa all’interno del sistema Chondax. La Legione Alfa attacca entrambe le Legioni e le Furie Bianche si ritirano, consigliando ai Lupi Siderali di fare la stessa cosa. Tuttavia, i disturbi nelle comunicazioni causati da una fonte ignota impediscono a Jaghatai Khan di comprendere a pieno la situazione e non capisce chi sia davvero lealista e chi traditore, perciò decide di non aiutare attivamente i Lupi Siderali e di non tornare immediatamente sulla Terra come richiesto da Dorn, bensì opta per un viaggio diretto verso Prospero con l’obiettivo di comprendere con i propri occhi. (The Horus Heresy: Deliverance Lost, di Gav Thorpe; The Horus Heresy: Scars, di Chris Wraight)
835.006.M31: Corvus Corax prende possesso di una navetta per abbandonare Isstvan V dopo novantotto giorni di guerriglia. Alcuni membri della Legione Alfa si infiltrano all’interno della Guardia del Corvo, mentre altri impediscono ad una nave dei Divoratori di Mondi di sparare contro quelle della Guardia del Corvo. (The Horus Heresy: Shadows of Treachery – Raven’s Flight, di Gav Thorpe; The Horus Heresy: Deliverance Lost, di Gav Thorpe; The Horus Heresy: Age of Darkness – The Face of Treachery, di Gav Thorpe)
007.M31: Battaglia dell’Ammasso Cyclops. (Seminari Forge World)
200.007.M31: Corvus Corax arriva nel sistema Sol con l’intenzione di incontrare l’Imperatore. Quest’ultimo parla attraverso Malcador e dice a Corax il luogo in cui potrà trovare la tecnologia necessaria a ricostruire la Guardia del Corvo. (The Horus Heresy: Deliverance Lost, di Gav Thorpe)
4.392.007.M31: Metà della flotta della Guardia della Morte impiega tre ore ad eliminare le difese di Dominica Minor. Più o meno nello stesso tempo, una singola nave dei Figli di Horus convince la popolazione di Moab a convertirsi per potersi guadagnare la misericordia del Signore della Guerra. (The Horus Heresy – Book Four: Conquest)
570.007.M31: La nave Ebon Drake torna su Isstvan V e recupera Cassian Dracos dal campo di battaglia. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
007.M31: Paese 44 sul mondo agricolo Virger-Mos cade nel panico quando riceve la presunta notizia della sconfitta dell’Imperatore. (The Horus Heresy: Age of Darkness – Liar’s Due, di James Swallow)
007.M31: Una forza d’attacco di Astartes lealisti distrugge la nave dei Predicatori Furious Abyss prima che possa attaccare Macragge. I Predicatori fanno schiantare la nave Campanile contro la flotta degli Ultramarine riunita su Calth, dando inizio alla Battaglia di Calth. Durante la battaglia, Nathaniel Garro recluta Tylos Rubio per ordine di Malcador. Una flotta combinata di Predicatori e Divoratori di Mondi, tra cui la Blessed Lady e la Trisagion, dà inizio alla Crociata Ombra e attacca Armatura, uno dei più importanti pianeti degli Ultramarine. Altri elementi dei Predicatori attaccano anche altri mondi della regione di Ultramar. Si forma la tempesta Warp chiamata Tempesta della Rovina, la quale avvolge l’intero Regno di Ultramar. (The Horus Heresy: Battle for the Abyss, di Ben Counter; The horus Heresy: Know No Fear, di Dan Abnett; The Horus Heresy: Garro – Oath of Moment, di James Swallow; The Horus Heresy: Betrayer, di Aaron Dembski-Bowden; The Horus Heresy: The Unremembered Empire, di Dan Abnett)
007.M31: Lorgar e Angron conducono le proprie Legioni su Nuceria. Angron ordina lo sterminio della popolazione, ma Guilliman e gli Ultramarine arrivano per impedire il suo piano e per vendicarsi per l’attacco dei Predicatori su Calth. La nave Fidelitas Lex dei Predicatori viene abbattuta. La Crociata Ombra di Lorgar porta Angron a trasformarsi in un Principe Demone. (The Horus Heresy: Betrayer, di Aaron Dembski-Bowden)
007.M31: Roboute Guilliman conduce le flotte lealiste su Ultramar. La 468a Flotta di Spedizione viene inviata a distruggere un motore warp su Perditus Ultima. (The Horus Heresy: The Primarchs – The Lion, di Gav Thorpe)
007.M31: Nathaniel Garro e Tylos Rubio reclutano Macer Varren per ordine di Malcador dopo aver neutralizzato un elemento traditore delle Furie Bianche ai confini del sistema Sol. (The Horus Heresy: Garro – Sword of Truth, di James Swallow)
007.M31: Nathaniel Garro, Tylos Rubio e Macer Varren ritornano su Isstvan III per reclutare Cerberus, il quale, dopo aver recuperato la sanità mentale, si scopre essere Garviel Loken. (The Horus Heresy: Garro – Legion of One, di James Swallow)
007.M31: Operatus Cinque-Idra: la squadra Sigma della Legione Alfa ridireziona Tenebrae 5-90, un asteroide contenente una stazione di ricerca con personale Mechanicum e Legione Alfa e un dispositivo xeno capace di manipolare il Warp. L’asteroide si schianta contro la stella 66 Zeta-Octis, venendo disintegrato. Senza che ne comprendano il motivo, i disturbi nelle comunicazioni che affliggono le Furie Bianche scompaiono, permettendo loro di comprendere la verità sulla ribellione di Horus. (The Horus Heresy: The Primarchs – The Serpent Beneath, di Rob Sanders)
007.M31: Rogal Dorn interroga il rimembrante Solomon Voss, recuperato da una nave traditrice ai confini del sistema Sol. (The Horus Heresy: Age of Darkness – The Last Remembrancer, di John French)
007.M31: Jaghatai Khan arriva nei pressi di Prospero. Elementi traditori interni alle Furie Bianche cercano di prendere il controllo della flotte mentre il Primarca indaga sulla superficie del pianeta. Mortarion arriva con una parte della propria flotta e con l’obiettivo di convertire Khan alla causa di Horus. Fallendo nell’obiettivo, si scatena uno scontro durante il quale Revuel Arvida della Stirpe dei Mille riesce ad unirsi ai lealisti. Nel frattempo, arriva anche Targutai Yesugei, Capobibliotecario delle Furie Bianche unitosi a un gruppo delle Legioni Distrutte in modo da raggiungere Jaghatai e avvertirlo del tradimento di Horus, non sapendo che tale informazioni sia già nota al suo Primarca. Durante quella che viene denominata Seconda Battaglia di Prospero, Mortarion viene costretto a ritirarsi e gli elementi traditori delle Furie Bianche vengono sconfitti. In seguito alla battaglia, Yesugei inizia a frequentare Revuel Arvida e ad aiutarlo a padroneggiare nuovamente i propri poteri in seguito alle difficoltà affrontate nel periodo di totale solitudine su Prospero. (The Horus Heresy: Scars, di Chris Wraight; The Horus Heresy: War Without End – Allegiance, di Chris Wraight)
007:M31: Con la crescita degli attacchi psionici sferrati contro i Cinquecento Mondi del Regno di Ultramar, Roboute Guilliman decide di reistituire il Librarius, ignorando l’Editto di Nikaea per la durata dell’emergenza. (The Horus Heresy: The Unremembered Empire, di Dan Abnett)
721.007.M31: Tybalt Marr guida le forze che distruggono il Concilio-Clan delle Mani di Ferro su Oqueth Minor. Shadrak Meduson riesce a fuggire. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
7.854.007.M31: La stazione di trasmissione Veridian Mandeville riceve un messaggio dal Capitano degli Ultramarine Alcheios in cui richiede la conferma dei parametri della missione per la Campagna di Ghaslakh. (The Horus Heresy: Mark of Calth – The Underworld War, di Aaron Dembski-Bowden)
007.M31: Fulgrim e Perturabo entrano nell’Occhio del Terrore in cerca di un’arma Eldar. Fulgrim diventa un Principe Demone. (The Horus Heresy: Angels Exterminatus, di Graham McNeill)
008.M31: Seconda Battaglia di Paramar. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
008.M31: Si svolge la battaglia nota come Rovina di Maedran. Il pianeta Maedran, situato ai confini del Segmentum Solar, diventa il teatro di un feroce scontro tra lealisti e traditori. I Titani lealisti delle Legio Gryphonicus, Metalica e Destructor affrontano quelli traditori delle Legio Mortis, Vulturum e Argentum. Più di duecento Titani calpestano la terra di Maedran e le perdite sono alte per entrambi gli schieramenti, tant’è che nessuno riesce a dichiararsi vincitore. (Adeptus Titanicus, 2a Edizione)
008.M31: Battaglia di Molech. (Seminari Forge World, The Horus Heresy: Vengeful Spirit, di Graham McNeill)
008.M31: I Lupi Siderali perdono il proprio incrociatore Lancia di Heliconcontro i Guerrieri di Ferro mentre cercano di respingere i traditori dai formicai orbitali di Vannaheim. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution; Seminari Forge World)
008.M31: Autek Mor delle Mani di Ferro conduce un attacco su Bodt, il principale pianeta dei Divoratori di Mondi. Usando l’artiglieria della propria flotta, devia la luna di Bodt dalla sua orbita facendola schiantare sulla superficie del pianeta, eradicando ogni forma di vita. Prima della caduta della luna, Mor recupera uno scrigno di stasi dalle cripte sotto la superficie della capitale, Tredecimmia. Lo scrigno porta i sigilli dei genetisti Terrestri che aiutarono l’Imperatore nella creazione dei Primarchi. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution; Seminari Forge World)
008.M31: Sul mondo forgia Ohmn-Mat scoppia la guerra civile tra i tecno-preti leali all’Imperatore e quelli traditori. Forze provenienti dalle Mani di Ferro e dai Figli di Horus prendono le rispettive parti. In circostanza sconosciute, l’atmosfera di Ohmn-Mat viene incendiata avvolgendo il pianeta nelle fiamme e causando la sua distruzione. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
008.M31: La Legione Alfa attacca il sistema Isessos e causa numerose morti. I sopravvissuti che riescono a rifugiarsi su altre colonie risultano essere stati infettati da un ceppo algale innocuo. Ciononostante, le alghe passano dai propri ospiti umani ai campi di produzione dei mondi agricoli, obliterandoli e causando novanta miliardi di morti per carestia e una destabilizzazione politica nel sistema. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
008.M31: Assedio di Mezoa. (The Horus Heresy: Book Six – Retribution; Seminari Forge World)
008.M31: Conquista di Manachea. (Seminari Forge World)
008.M31: I Lupi Siderali affrontano i Figli dell’Imperatore sul pianeta Batzel III durante una campagna per il controllo del Settore Brozyn-Primaris nel Segmentum Obscurus. Il 39° Millennio dei Figli dell’Imperatore viene annientato quando i Lupi Siderali assaltano il Palazzo d’Inverno Vykstag e i ribelli di Batzel III si ritrovano senza una guida, finendo per combattersi tra loro. Successivamente, i Lupi Siderali affrontano una forza di Scudi Neri sconosciuta. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
008.M31: I maestri assassini della Terra organizzano una forza d’esecuzione composta da un assassino per ognuno dei sei Templi principali. Essa ha l’obiettivo di assassinare Horus. La Forza d’Esecuzione intercetta i Figli di Horus sul pianeta Dagonet e mette in atto l’assassinio, ma scopre di aver ucciso solo Luc Sedirae, Capitano della 13a Compagnia dei Figli di Horus. In seguito al fallimento, i Figli di Horus reagiscono all’offesa macellando l’aristocrazia di Dagonet e poi passando al massacro dell’intera popolazione, finendo con il sacrificio rituale degli ultimi sopravvissuti. I membri della Forza d’Esecuzione vengono uccisi uno ad uno da Lancia, un un particolare Pariah corrotto al servizio di Erebus. Sopravvive solo il Vindicare Eristede Kell, il quale riesce a raggiungere la Spirito Vendicativo, per poi nascondersi in modo da guadagnarsi il colpo fatale. (The Horus Heresy: Nemesis, di James Swallow; The Horus Heresy: War Without End – Gunsight, di James Swallow)
008.M31: Lion El’Jonson e Konrad Curze combattono su Tsagualsa durante la Crociata di Thramas. (The Horus Heresy: Age of Darkness – Savage Weapons, di Aaron Demsbki-Bowden)
008.M31: Lion El’Jonson ordina ai 4°, 6°, 9°, 16°, 17° e 30° Ordine degli Angeli Oscuri e all’Invincible Reason di raggiungere Perditus per impedire la distruzione dell’installazione del Mechanicus da parte della Guardia della Morte. In viaggio, la Invincible Reason cerca di tendere una trappola alla nave Avenging Shadow dei Signori della Notte, ma viene lasciata a metà strada nel Warp. Gli Angeli Oscuri e il personale della nave affrontano un’incursione demoniaca prima che la nave venga liberata. (The Horus Heresy: The Primarchs – The Lion, di Gav Thorpe)
008.M31: Angeli Oscuri, Mani di Ferro e Guardia della Morte combattono su Perditus Ultima per il possesso del motore Warp Tuchulcha. Alla fine Tuchulcha viene preso dagli Angeli Oscuri. (The Horus Heresy: The Primarchs – The Lion, di Gav Thorpe)
009.M31: Difesa di Agathon. (Seminari Forge World)
009.M31: L’Incursione di Xana. (Seminari Forge World)
009.M31: Barabas Dantioch comincia la sua ricerca e sperimentazione sulla tecnologia xeno reperita nel Monte Pharos su Sotha. (The Horus Heresy: The Unremembered Empire, di Dan Abnett)
009.M31: Battaglia del Vuoto di Gaunt. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
009.M31: Campagna di Sangraal. Una piccola forza di Magli Imperiali si introduce nei laboratori del Mechanicum Oscuro presenti sul mondo formicaio Herkaliaum. Siccome il Mechanicum Oscuro ha liberato un’arma biologica nella base dei lealisti, i Magli Imperiali sottraggono l’antidoto al nemico salvando i lealisti e rivoltando l’arma biologica contro i traditori. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
009.M31: Konrad Curze e l’Atramentar abbordano l’Invincible Reason mentre la maggior parte della flotta dei Signori della Notte fugge nel Warp. I membri dell’Atramentar, incluso Jago Sevatarion, vengono uccisi o catturati, mentre Curze riesce a non farsi catturare aggirandosi tra le viscere della nave. (The Horus Heresy: Shadows of Treachery – Prince of Crows, di Aaron Dembski-Bowden)
009.M31: Tybalt Marr elimina le forze delle Legioni Distrutte comandate da Shadrak Meduson nella Battaglia di Arissak. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
009.M31: Barabas Dantioch attiva il dispositivo nel Monte Pharos su Sotha, creando un faro Warp simile all’Astronomican direzionato verso Macragge. Migliaia di rifugiati e Astartes convergono su Macragge. Vulkan si teletrasporta nell’orbita del pianeta e si schianta sulla superficie. Lion El’Jonson raggiunge Macragge e Konrad Curze fugge dall’Invincible Reason, per poi diffondere morte e distruzione sul pianeta prima che Damon Prytanis rilasci su di lui il demone catturato Ushpethkar. Roboute Guilliman dichiara Sanguinius il reggente dell’Imperium Secundus. Vulkan impazzisce a causa delle torture di Curze, muore e resuscita numerose volte, ma alla fine John Grammaticus usa la Fulgurite pensando di riportarlo alla sanità mentale, ma lo uccide una volta per tutte. La Fulgurite è impossibile da rimuovere dal cadavere.(The Horus Heresy: The Unremembered Empire, di Dan Abnett)
676.009.M31: Marcus Valerius, Prefetto della Coorte Therion dell’Esercito Imperiale, conduce i propri soldati sul mondo agricolo Ghorna seguendo un sogno profetico che è convinto provenga direttamente dall’Imperatore. Una volta arrivati, la Coorte Therion trova e respinge una forza della Guardia della Morte impegnata nel saccheggio del pianeta. (The Horus Heresy: Corax – Weregeld, di Gav Thorpe)
010.M31: L’Imperatore interviene personalmente nella Guerra nella Rete affrontando il demone Drach’nyen. (The Horus Heresy: The Master of Mankind, di Aaron Dembski-Bowden)
010.M31: Baal riceve un messaggio proveniente dal sistema Signus da parte di Raldoron, il quale comunica la sopravvivenza della Legione degli Angeli Sanguinari. Ciò evita che Malcador dichiari lo scioglimento di tale Legione. (The Horus Heresy: The Silent War – Lost Sons, di James Swallow)
010.M31: L’incrociatore Sabalis Liberatus della Guardia del Corvo irrompe nello spazio materiale vicino a Galaspar. Una pattuglia traditrice apre il fuoco su di essa, ma la Guardia del Corvo abborda e cattura le loro navi. Sabalis Liberatus comincia un viaggio di due anni verso la Terra. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
010.M31: Sessantasei legionari delle Salamandre affrontano la Tempesta della Rovina e scortano il corpo di Vulkan su Nocturne. Dopo aver sconfitto la Guardia della Morte, le Salamandre portano il cadavere di Vulkan sul Monte Deathfire e gettano il cadavere nella bocca del vulcano. Artellus Numeon sente di dover offrire la propria vita affinché il loro padre torni realmente, perciò anch’egli si butta nel vulcano. Poco dopo, Vulkan ritorna in vita e fuoriesce dal Monte. (The Horus Heresy: Deathfire, di Nick Kyme)
010-012.M31: Battaglia di Tallarn. (Seminari Forge World, The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
010.M31: Il tradimento si diffonde nella Cintura di Ferro, una catena di mondi forgia situata nei settori di confine tra i Segmentum Pacificus e Tempestus. Incunabula, Urdesh, Valia-Maximal e Kalibrax si schierano con Kelbor-Hal, mentre Graia, Arl’yeth e Atar-Median rimangono leali alla Terra, infine Arachnis e Stazione Jerulas sprofondano nell’anarchia. Tutto ciò porta ad un conflitto che diventa noto come Disputa del Ferro e molti mondi abitati nei settori della Cintura diventano campi di battaglia devastati dalla guerra. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
010.M31: Il Veggente Eldrad Ulthran e il Predicatore lealista Barthusa Narek uniscono le forze per eliminare i principali agenti della Cabala. (The Horus Heresy: Old Earth, di Nick Kyme)
010.M31: L’Incursione di Kamiti Sona. (The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
011-014.M31: Il Conflitto di Malagant. Una Compagnia della Guardia del Corvo interviene nella campagna della Guardia della Morte su Malagant, creando uno stallo di tre anni. Nel 014.M31 le forze della Guardia della Morte si ritirano a causa dei rinforzi lealisti provenienti da Inwit. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
011.M31: I Signori della Notte non sono più una forza organizzata, ma una banda di sadici che infliggono violenza e terrore per il gusto di farlo. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
011.M31: Una banda da guerra di Legiones Astartes autonominatasi Artigli Cinerei devasta il settore Nostramo. Tra le sue azioni, la banda da guerra costringe la nave Shroud of Eventide dei Signori della Notte a schiantarsi su Kalleth. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
011.M31: Lion El’Jonson abbandona temporaneamente Macragge per andare a caccia di Konrad Curze nei pressi di Ultramar. Ad un certo punto riesce a neutralizzarlo e catturarlo. Una volta tornati su Macragge, Guilliman spezza la spada di Lion prima che possa usarla per compiere l’esecuzione di Konrad. Quest’ultimo viene tenuto prigioniero, ma grazie alle sue visioni giunge la conferma del fatto che l’Imperatore sia ancora vivo. Con questa rivelazione, Sanguinius inizia ad accettare che probabilmente anche le sue visioni sono destinate ad avverarsi. (The Horus Heresy: Angels of Caliban, di Gav Thorpe)
011.M31: Su Caliban, Luther continua a fomentare la ribellione contro Lion e l’intero Imperium. A Zahariel El’Zurias diventa il nuovo portatore del titolo di Lord Cypher.. (The Horus Heresy: Angels of Caliban, di Gav Thorpe)
011.M31: I Figli dell’Imperatore e le Furie Bianche si scontrano nella Battaglia del Cancello Kalium. (The Horus Heresy: The Path of Heaven, di Chris Wraight)
011.M31: Battaglia di Catallus. (The Horus Heresy: The Path of Heaven, di Chris Wraight)
011.M31: Vengono attivate delle cellule dormienti della Legione Alfa presenti nel Sistema Sol, causando panico generale. Una grande flotta della Legione Alfa entra nel sistema e i Magli Imperiali la affrontano nella Battaglia di Plutone. Tutte le informazioni riguardanti la presenza della Legione Alfa nel sistema, compresa la morte di Alpharius, vengono rese riservate per ordine di Dorn. A migliaia di anni luce di distanza, Omegon percepisce la morte del gemello. (The Horus Heresy: Praetorian of Dorn, di John French)
011:M31: Le Furie Bianche arrivano nel Sistema Sol. (The Horus Heresy: The Path of Heaven, di Chris Wraight)
011.M31: Malcador fa sì che il Legionario Revuel Arvida della Stirpe dei Mille, arrivato nel Sistema Sol insieme alle Furie Bianche, si fonda con una scheggia di Magnus. Questa unione dà vita a Ianius, il futuro Janus, primo Gran Maestro Supremo dei Cavalieri Grigi. (The Horus Heresy: Heralds of the Siege – The Last Son of Prospero, di Chris Wraight)
011.M31: Dopo aver scoperto la verità sull’Imperatore ancora vivo, l’Imperium Secundus viene smantellato e totalmente insabbiato perché, nonostante i buoni propositi, sapere della sua esistenza causerebbe sicuramente ulteriori attriti. Roboute Guilliman, Lion El’Jonson e Sanguinius organizzano le proprie flotte per tentare di raggiungere la Terra affrontando la Tempesta della Rovina. Durante un viaggio pieno di orrori, fenomeni ultraterreni e paranoie crescenti, le flotte si trovano nei pressi di Davin, luogo in cui vengono attaccati da Madail, un temibile demone responsabile delle morti avvenute su Pythos qualche anno prima. (The Horus Heresy: Ruinstorm, di David Annandale)
011.M31: Sanguinius e Madail arrivano a scontrarsi sulla superficie di Davin. I due rimangono bloccati nel bel mezzo di un portale che collega Davin alla Veritas Ferrum, nave precedentemente posseduta da Madail. Il Sanguinor interviene prendendo il posto del proprio Primarca, il quale ne approfitta per colpire Madail e far collassare il portale. Mentre il Sanguinor assume una dorata forma angelica e scompare nel nulla insieme al demone, Guilliman e Lion iniziano a condurre un’evacuazione di Davin. Quando tutti sono al sicuro, i lealisti capiscono che l’armata demoniaca ancora presente sta sfruttando Davin e l’apparizione della Veritas Ferrum per ancorarsi alla realtà. Per questo motivo Davin viene annientato tramite siluri ciclonici e poco dopo l’armata demoniaca scompare. (The Horus Heresy: Ruinstorm, di David Annandale)
011.M31: Con la distruzione di Davin, si apre una via sicura verso la Terra e la Tempesta della Rovina, privata di uno dei propri legami maggiori con lo spazio materiale, comincia la propria lenta dissipazione. Konrad Curze, finora rimasto prigioniero, riceve una visita da Sanguinius, il quale gli dice che dovrà vedere la giustizia di loro padre, ma poi lo inserisce in una capsula di stasi e lo getta nello spazio. Successivamente, i tre Primarchi lealisti si ricongiungono e decidono come agire. Sanguinius approfitta della via sicura perché conosce il proprio destino, mentre Guilliman e Lion rimangono indietro per indebolire i mondi controllati dai traditori. (The Horus Heresy: Ruinstorm, di David Annandale)
011.M31: Il Cataclisma del Ferro. (Seminari Forge World)
011.M31: La Purificazione della Stella di Gilden. (Seminari Forge World)
011.M31: Il Passaggio dell’Angelo della Morte. (Seminari Forge World)
011.M31: Dopo anni di mordi e fuggi, Tybalt Marr dei Figli di Horus riesce a catturare Shadrak Meduson nei pressi della Catena di Aragna. Meduson viene portato in catene al cospetto di Marr, il quale ascolta le sue ultime parole di disprezzo prima di decapitarlo. (The Horus Heresy: Old Earth, di Nick Kyme)
011.M31: Viaggiando attraverso la Rete, Vulkan riesce a raggiungere la Terra per fare da guardiano del Trono d’Oro. (The Horus Heresy: Old Earth, di Nick Kyme)
011.M31: Le Legio Atarum e Agravides si scontrano con i traditori delle Legio Magna e Victorum sulla superficie del mondo ghiacciato Tralsak. Allo scontro si aggiungono anche forze lealiste delle Legioni Distrutte e traditrici dei Divoratori di Mondi, ma la battaglia risulta inconcludente ed entrambi gli schieramenti approfittano delle nebbie d’ebollizione dei ghiacci per ritirarsi e schierarsi altrove. Ciononostante, vari Cavalieri rimangono su Tralsakper continuare a combattere. (Adeptus Titanicus, 2a Edizione)
012.M31: La frattura di Anvillus (Seminari Forge World)
012.M31: Malcador scioglie l’Ordine Elucidatum, la polizia segreta del Sigillita esistente fin dai tempi delle Guerre d’Unificazione. (The Horus Heresy – Book Eight: Malevolence)
012.M31: Sebbene non tutti siano completamente d’accordo, Leman Russ abbandona la Terra per raggiungere la Spirito Vendicativo e tentare di attaccare personalmente Horus. L’operazione sfocia nella Battaglia di Trisolian (anche chiamata Abbattimento del Lupo), durante la quale Leman Russ e Horus si feriscono gravemente a vicenda. Bjorn riesce a trascinare Leman Russ su una Stormbird così da riportarlo sull’ammiraglia Hrafnkel e infine fuggire in modo da salvare la propria Legione terribilmente devastata. Horus, seppur ferito, ordina alla propria flotta di proseguire verso Beta-Garmon e ordina al Primo Capitano Abaddon di inseguire i Lupi Siderali rimanenti. (The Horus Heresy: Wolfsbane, di Guy Haley, Seminari Forge World)
012.M31: Mentre infuria la Battaglia di Trisolian, Belisarius Cawl sconfigge la Magos Domina Hester Aspertia Sigma-Sigma, sua superiore rivelatasi traditrice. Cawl trasferisce nella propria mente tutta la conoscenza di Aspertia, poi fugge dal Sistema Trisolian insieme al fidato amico Friedisch Adum Ship Qvo, tentando di raggiungere la Terra. (The Horus Heresy: Wolfsbane, di Guy Haley)
012.M31: La Battaglia di Yarant. (The Horus Heresy: Corax – Weregeld, di Gav Thorpe; The Horus Heresy: Wolfsbane, di Guy Haley)
012.M31: Il Sommo Fabricator Zagreus Kane collabora con la propria nuova Ambasciatrice Vethorel e, con un misto di diplomazia e minacce attraverso lo schieramento del Titano Imperator Magnificum Incendius con tutte le armi puntate sulla Grande Camera del Senatorum Imperialis, il Mechanicum diventa ufficialmente l’Adeptus Mechanicus. (The Horus Heresy: The Burden of Loyalty – The Binary Succession, di David Annandale)
012.M31: I Divoratori di Mondi raggiungono il pianeta Balthor Sigmar e attaccano una forza della Legio Osedax, precedentemente sconfitta durante un’altra battaglia. Mentre i traditori si abbattono sulla Legio Osedax con una moltitudine di Corazzati Superpesanti, inspiegabilmente giungono di Titani Eldar che eliminano la maggior parte delle forze meccanizzate dei Divoratori di Mondi. L’intervento dei traditori della Legio Fureans impedisce che quella dei Divoratori di Mondi si trasformi in una sconfitta catastrofica, ma alla fine della battaglia non vi è più traccia degli Eldar. (Adeptus Titanicus, 2a Edizione)
012.M31: Purificazione dell’Ammasso Ollanz. (Adeptus Titanicus, 2a Edizione)
013.M31: Il Mare di Fuoco. (Seminari Forge World)
013.M31: Il Grande Massacro di Beta-Garmon. (Seminari Forge World, The Horus Heresy: Titandeath, di Guy Haley)
013.M31: Le ferite subite da Horus durante lo scontro con Leman Russ peggiorano e il Signore della Guerra cade in un coma profondo, ma non prima di ordinare il raduno di tutti i Primarchi traditori in vista dell’Assedio della Terra. Lorgar si addentra nell’Occhio del Terrore e recupera Fulgrim, mentre Perturabo recupera Angron mentre quest’ultimo scatena la propria furia sul pianeta Deluge. Con il sacrificio di Maloghurst, Horus riesce a riprendersi e ad esiliare Lorgar dopo il suo tentativo di sostituirsi al Signore della Guerra. (The Horus Heresy: Slaves to Darkness, di John French)
013.M31: In rotta verso la Terra, la Piaga Distruttrice colpisce la Guardia della Morte. Mortarion giura fedeltà a Nurgle per alleviare la sofferenza della propria Legione. (Horus Heresy: Collected Visions; The Horus Heresy: The Buried Dagger, di James Swallow)
014.M31: Magnus e Ahriman tornano su Prospero e recuperano il demone Shai-tan imprigionandolo nel Libro di Magnus affinché possa essere sfruttato successivamente per destabilizzare le difese psichiche della Terra. (The Horus Heresy: Morningstar, di Graham McNeill)
014.M31: Assedio della Terra. L’armata di Horus assedia il Palazzo dell’Imperatore per cinquantacinque giorni. Quando deflette le flotte in avvicinamento di Angeli Oscuri e Lupi Siderali, Horus abbassa gli scudi della Spirito Vendicativo per invitare l’Imperatore ad un duello. L’Imperatore, Sanguinius, Rogal Dorn e vari Custodes si teletrasportano sulla Spirito Vendicativo. Sanguinius trova per primo Horus, rifiuta l’invito di Horus ad allearsi con lui e lo affronta pur conoscendo il proprio destino. L’Imperatore raggiunge Horus, ma non prima che abbia già ucciso Sanguinius. Ciononostante, Sanguinius riesce a creare un’apertura nell’armatura di Horus, importante per la vittoria dell’Imperatore. Stando alle leggende, durante il duello finale, appare Ollanius Pius, il quale si sacrifica per distrarre momentaneamente Horus e permettere all’Imperatore di ucciderlo. Dopo la morte del Signore della Guerra, Rogal Dorn raggiunge l’Imperatore e lo trasporta sul Trono d’Oro. Malcador, rimasto fino a quel momento sul Trono al posto dell’Imperatore, viene rimosso e muore tramutandosi in polvere. (Visions of Heresy)
014.M31: La Purificazione. I Lealisti riconquistano gradualmente l’Imperium. Le forze del Caos si ritirano nell’Occhio del Terrore. (Warhammer 40.000, Regolamento di 5a Edizione; Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
Ca. 014.M31: A causa delle turbolenze Warp, la nave su cui viaggiano Belisarius Cawl e Friedisch Adum Ship Qvo ritorna nello spazio materiale anni dopo la partenza, quando ormai l’Assedio della Terra si è già concluso. Inoltre, non è arrivata sulla Terra, ma nei pressi di Ryza. Riesce a raggiungere la Terra quando diventa oggetto d’interesse di Ezekiel Sedayne, Lord Genetista e Direttore della Divisione Biotecnica dell’Imperatore. Dopo varie discussioni, Belisarius Cawl riesce a rivoltare i secondi fini di Sedayne contro lui stesso, finendo per assimilare anche la mente di colui che perfezionò il Carapace Nero. (Belisarius Cawl: The Great Work, di Guy Haley)
Momenti BG 51 Vuoi conoscere meglio la storia di Belisarius Cawl e del Progetto Primaris? Leggi Momenti BG 51!
Ca. 014.M31: In contemporanea con la Purificazione, Roboute Guilliman ordina l’inizio del progetto Primaris da parte di Belisarius Cawl. (Codex: Adeptus Mechanicus 8a Edizione)
Ca. 014.M31: Luther tradisce Lion El’Jonson durante il suo ritorno su Caliban. Nella seguente battaglia, Caliban viene distrutto. Luther viene catturato e viene tenuto in campo di stasi all’interno della Roccia, il più grande frammento rimasto di Caliban e nuova base degli Angeli Oscuri. Anche Lion viene tenuto nella Roccia, sebbene sia in coma e nessuno sappia che si trovi lì, ad eccezione degli Osservatori nel Buio. (Index Astartes: Dark Angels; Codex: Angeli Oscuri 4a Edizione; Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
Ca. 014.M31: Gli Ultramarine affrontano la Legione Alfa su Eskrador. Roboute Guilliman guida una forza d’attacco composta da tremila Ultramarine in un raid contro il bunker di comando di Alpharius. Guilliman uccide Alpharius con un colpo e ne fa bruciare il cadavere. La Legione Alfa e i nativi di Eskrador continuano a tormentare gli Ultramarine finché non si raggruppano nell’orbita e bombardano la superficie. Essendo Alpharius morto per mano di Dorn, chi è l’avversario ucciso da Guilliman? (Index Astartes: Alpha Legion)
Ca. 014.M31: Roboute Guilliman scrive il Codex Astartes, creando le basi per la dottrina organizzativa dei Capitoli di Space Marine. (Index Astartes: Codex Astartes)
Ca. 014.M31: La Gabbia di Ferro. Rogal Dorn perde 400 Magli Imperiali in un assedio fallito alla Fortezza Eterna dei Guerrieri di Ferro su Sebastus IV. Mentre Dorn si ritira con l’aiuto di Guilliman e i suoi Ultramarine, Perturabo sacrifica il seme genetico dei caduti e diventa un Principe Demone. (Index Astartes: Imperial Fists; Index Astartes: Iron Warriors)
017.M31: Una forza d’attacco degli Ultramarine cattura la nave da guerra Chronicle of Ashes dei Predicatori nel Dominio delle Tempeste. I ponti superiori della Chronicle contengono incisioni riguardanti la storia dei Predicatori, incluse informazioni precedentemente non disponibili agli studiosi Imperiali. (The Horus Heresy Book – Five: Tempest)
019.M31: Terza Battaglia di Paramar. (The Horus Heresy – Book Three: Extermination)
020.M31: Il Mercante Corsaro Erasmus Skathe viaggia fino a Cairn nel settore Nostramo per recuperare qualcosa di valore. La sua spedizione trova un mondo morto, abitato da umani degenerati e prove dell’annichilimento delle difese planetarie e dell’imprigionamento dei suoi abitanti nei sotto-livelli delle città formicaio per opera di una forza di una Legione di Astartes sconosciuta. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
6.033.020.M31: Gli Angeli Sanguinari reclamano la nave Shroud of Eventide dai Signori della Notte sulla superficie di Kalleth, la rinominano Crimson Intent e la trasferiscono al Capitolo degli Angeli Vermigli in preparazione per la Seconda Fondazione. (The Horus Heresy – Book Six: Retribution)
021.M31: Seconda Fondazione. Le nove Legioni di Space Marine rimaste lealiste vengono divise in nuovi Capitoli durante la Purificazione. L’Apocrypha di Skaros sostiene che gli Ultramarine siano stati divisi in ventitré Capitoli. Non vengono registrati Capitoli discendenti dalle Salamandre. I Cavalieri Grigi vengono creati segretamente e designati Capitolo 666. (Regolamento di Warhammer 40.000, 6a Edizione; Index Astartes: Grey Knights)
Ca. 022.M31: Corvus Corax lascia la sua reclusione auto-imposta e prende una nave diretta verso l’Occhio del Terrore. Le sue ultime parole sono semplicemente “Mai più.”. (Index Astartes: Raven Guard)
022.M31: La nave Chronicle of Ashes viene ripulita, tecno-esorcizzata e rinominata Lex Talonis. Gli Ultramarine la presentano al Capitolo Nemesis. (The Horus Heresy – Book Five: Tempest)
Il comandante Dynat “Crowbane” Mal della Legione Alfa si ritira sulle Stelle Mandragoriane e raccoglie miglia di traditori, diabolisti e rinnegati attorno a sé. Respinge tutti gli attacchi Imperiali e distrugge l’avamposto Imperiale su Amarah, rimuovendo totalmente la presenza Imperiale dalla regione, conosciuta ora come Marce Oscure. (Imperial Armour – Volume Twelve: The Fall of Orpheus)
Ca. 032.M31: Gli Ultramarine distruggono Colchis. (The Horus Heresy: Know No Fear, di Dan Abnett)
Ca. 034.M31: Rogal Dorn guida tre Compagnie di Magli Imperiali in una battaglia contro una Crociata Nera (non di Abaddon). Dorn è disperso sulla Spada del Sacrilegio, viene recuperata solo una mano. (Index Astartes: Imperial Fists)
Ca. 081.M31: Jaghatai Khan e la Prima Confraternita delle Furie Bianche scompaiono inseguendo dei Drukhari su Corusil V, vicino al Maelstrom. La storia del Capitolo sostiene che il Khan abbia seguito l’Arconte Drukhari attraverso un portale della Rete. (Index Astartes: White Scars)
Ca. 109.M31: La Guardia del Corvo raggiunge una forza di combattimento significativa per la prima volta dagli eventi di Isstvan V. (Index Astartes: Raven Guard)
120.M31: I Sommi Signori della Terra permettono agli Angeli Oscuri di stabilire numerosi mondi di reclutamento. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
121.M31: Fulgrim ferisce mortalmente Roboute Guilliman nella Battaglia di Thessala, a cui partecipa anche Lucretius Corvo, primo Maestro Capitolare dei Novamarine. Gli Apotecari degli Ultramarine mettono Guilliman in un campo di stasi e lo riportano su Macragge. A quel tempo, Aeonid Thiel è Capitano della 2a Compagnia degli Ultramarine. (Index Astartes: Ultramarines; Dark Imperium, di Guy Haley)
Ca. 121.M31: I Fulminators, uno dei primi Capitoli di Space Marine Primaris, viene concepito nel M31, quando venivano combattute le ultime battaglie della Purificazione. Gli aspiranti selezionati sono le migliori reclute che si sarebbero unite alla Guardia Terrestre e vengono messi in stasi per circa 8000 anni. Il Capitolo viene nominato in questo modo come riferimento alle tempeste elettriche che infuriano su Marte, al tempo le peggiori viste da millenni. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
193.M31: Un testo conosciuto come La Verità Empyrea viene ufficialmente soppresso. (The Horus Heresy – Book Five: Tempest)
Ca. 200.M31: L’Ecclesiarca Veneris II diventa un Sommo Signore della Terra. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
209.M31: Leman Russ lascia la Zanna nel giorno della Festa dell’Ascesa dell’Imperatore, prendendo i suoi guerrieri favoriti eccetto Bjorn. Non dice a nessun altro Lupo Siderale dove sia diretto, ma dice che tornerà nel Tempo del Lupo. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione; Parting of the Ways, di Chris Wraight)
216.M31: I Lord Lupi dei Lupi Siderali eleggono Bjorn Grande Lupo. Bjorn guida la prima Grande Caccia del Capitolo alla ricerca del proprio Primarca, ma ritornano solo con in mano il fallimento. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione; Parting of the Ways, di Chris Wraight)
320.M31: Viene fatta partire una spedizione dell’Adeptus Mechanicus con il compito di investigare le anomale emissioni di-polari sul gigante gassoso Ravishol nel sistema Veridian. (The Horus Heresy – Book Five: Tempest)
509.M31: Il Grande Lupo Bjorn dalla Mano Invida cade sconfiggendo un mostruoso demone su Morellion. Il suo corpo viene recuperato e messo all’interno del sarcophagus di un Dreadnought. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione; Parting of the Ways, di Chris Wraight)
580.M31: Gli Angeli Oscuri e due dei loro Capitolo Successori combattono le Guerre Dimenticate contro gli agenti dei Poteri Perniciosi. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
???.M31: Falkus Kibre, Lheorvine “Firefist” Ukris, Telemachon Lyras e Iskandar Khayon localizzano la Spirito Vendicativo, la raggiungono e trovano Ezekyle Abaddon. Dopo essersi alleati, attaccano la Città del Canto dei Figli dell’Imperatore. Durante l’attacco, Abaddon uccide il clone di Horus creato da Fabius Bile. La Legione Nera vede i propri albori (The Talon of Horus, di Aaron Dembski-Bowden)
781.M31: La Prima Crociata Nera, si verifica la Prima Battaglia di Cadia. Abaddon uccide Sigismund, primo Maresciallo Supremo dei Templari Neri, poi riesce a raggiungere la Torre di Uralan, luogo in cui un individuo dorato gli consegna Drach’nyen, demone che da quel momento in poi assume la forma di una spada. (Index Astartes: Imperial Fists; Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione, 6a Edizione; Black Legion, di Aaron Dembski-Bowden)
807.M31: Campagna del Confine Ulmetricano. (Clan Raukaan – A Codex: Space Marines Supplement 6a Edizione)
Ca. 900.M31: Un veterano dell’Esercito Imperiale, ancora vivo dopo aver partecipato all’Assedio della Terra secoli prima, prende il nome di Fatidicus senza lasciare alcuna traccia del proprio nome precedente e fonda il Tempio dell’Imperatore Salvatore, precursore del futuro Adeptus Ministorum. (Codex: Sorelle Guerriere 2a Edizione; Dark Heresy: Blood of Martyrs)
998.M31-899.M32: Tzeentch dona al Signore del Mutamento Ix’thar’ganix, uno sguardo ad un bambino nato sul pianeta Omegath che maturerà fino a diventare un potente oracolo. Ix’thar’ganix brama il potere di questo bambino e usa la propria magia per aprire una fenditura Warp su Omegath. Per venti giorni, le legioni demoniache da lui radunate attraversano Omegath alla ricerca del futuro oracolo. I Demoni scompaiono misteriosamente dopo un attacco diretto ad una piccola fattoria nei campi. All’insaputa degli ufficiali dell’esercito locale, Ix’thar’ganix ha trovato il proprio premio e rubato il potere di preveggenza del bambino. La popolazione spezzata di Omegath viene lasciata nell’ignoranza di ciò che le sia accaduto. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
M31-M32: Il predominio di Commorragh. A seguito della Caduta gli impenitenti Eldar nascosti nella Rete consolidano il proprio potere. Il millennio successivo vede le città portuali e i regni della dimensione labirinto crescere continuamente in potere e influenza e Commorragh diventa un regno brulicante a se stante. La Città Oscura prospera sotto il governo oppressivo delle nobili casate che dimorano al suo centro. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)

M32

M32: L’Ascesa dell’Adeptus Ministorum. L’Imperatore, da sempre oggetto di venerazione, vede soltanto incrementare i suoi fedeli dopo essere stato connesso al Trono d’Oro. Nei secoli successivi sorgono molti culti imperiali, la maggior parte dei quali si riunisce in un’organizzazione più vasta conosciuta come Ecclesiarchia. Questa guadagna sempre più forza finché, nel 32° millennio, le viene garantito lo status di religione ufficiale dell’Imperium e il titolo di Adeptus Ministorum. Solo qualche secolo più tardi l’Ecclesiarca Veneris II diviene uno dei Sommi Signori della Terra e, dopo 300 anni, un seggio viene permanentemente riservato all’Ecclesiarca in carica. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
M32: La Convocazione di Cegorach. In seguito alla Caduta, gli adoratori del Dio Ridente sopravvissuti svaniscono nella rete senza spiegazioni. (Codex: Harlequins 7a Edizione)
Ca. M32: L’inizio del retaggio. Uno schiavo noto come Vect giura che governerà la Città Oscura, anche se dovesse metterci tutta l’eternità per riuscirci. Vect fonda il Culto del Cuore Nero, la prima organizzazione a chiamarsi apertamente “Eladrith Ynneas” o “Drukhari”. Vengono stilati i Tredici Fondamenti della Vendetta. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
M32: Nell’Imperium viene condotta la Prima Guerra di Fede contro la Confederazione della Luce. Sopravvivono pochi eretici e quei pochi rimasti fuggono tra le rovine del proprio mondo natale Dimmamar. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
M32: L’Inquisitore Zaranchek Xanthus viene giustiziato come eretico in questo millennio. Accusato d’adorazione del Caos, Xanthus professa costantemente la propria innocenza e il mantenimento della propria purezza, ma ammette di aver occasionalmente usato le forze del Warp e del Caos per raggiungere i propri scopi, sostenendo che sia possibile manipolare questi poteri evitando la corruzione spirituale dell’utilizzatore. Tempo dopo il rogo che pone fine alla vita di Xanthus, altri Inquisitori iniziano a considerare le sue idee e a pensare che, essendo frutti del riflesso umano, sia possibile sfruttare le energie e i poteri del Caos per servire l’Umanità. Si forma così la filosofia Xanthita. (Codex: Inquisition 6a Edizione)
Ca. 100.M32: Sul pianeta Tallarn viene dissotterrata una pietra scura con delle strane iscrizioni. Poco tempo dopo, gli Eldar dell’Arcamondo Biel-Tan attaccano i predoni del deserto in forze. Mentre la battaglia infuria, un’invasione di Demoni erutta dalla posizione della pietra, conosciuta ai suoi scopritori come Cursus. La Guardia Imperiale di Tallarn e gli Eldar di Biel-Tan combinano le proprie forze contro le legioni demoniache, bandendole dal pianeta in un ultimo assalto disperato. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
149.M32: Si apre una fenditura Warp nei pressi del mondo formicaio Goridion Primus. (Apocalisse 4a Edizione)
161.M32: Le colonie minerarie di Ichtar IX vengono tagliate fuori dall’Imperium per nove secoli. Quando la tempesta Warp recede, non rimane nulla dei venti milioni di minatori che vivevano lì. Il pianeta è privo di ogni forma di vita intelligente; nulla attesta le inimmaginabili agonie che la popolazione subisce durante la propria prigionia per mano delle legioni del Caos. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
221.M32: Il Fato Oscuro di Vheinos: Quando il coro astropatico del mondo civilizzato Vheinos cade nel silenzio, il mondo forgia Lucius invia i propri Skitarii per investigare. La ribellione risultante vede l’eresia espandersi come un incendio, proprio come avevano calcolato i Tecno-Preti. Nel giro di pochi giorni, gli Skitarii si ritrovano in inferiorità numerica per ottanta ad uno – un rateo abbastanza alto da permettere l’avvio dei protocolli di guerra radioattiva. Un mese dopo gli Skitarii lasciano il pianeta come una distesa senza vita, il suo dotto astropatico preso e trasferito permanentemente su una delle lune di Lucius. (Codex: Skitarii 7a Edizione)
Ca. 400.M32: Il Primarca demoniaco Perturabo corrompe gli otto rituali di possessione, rivoltandoli contro i propri nemici. Invocando Nurgle, Perturabo imbeve la propria maledizione con estremo contagio e la rilascia nei sistemi meccanici di Toil, un mondo forgia vassallo. Il puro Caos si diffonde attraverso le macchine e il manufactorum nascosto comincia a cambiare. All’ottavo giorno, giganteschi cavi spuntano dalla terra, macchine demoniache cacciano i vivi e cattedrali dell’industria camminano su molte gambe aggirandosi per le lande desolate. Tempo dopo, il pianeta viene purificato di tutta la propria vita organica. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)

Guerra della Bestia

544.M32: La bestia si risveglia. La più grande invasione orkesca mai affrontata dall’Imperium rischia di mettere in ginocchio l’Umanità. Le forze combinate dell’Adeptus Astartes fermano a caro prezzo la marea verde. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
Momenti BG 32 Vuoi conoscere meglio la Guerra della Bestia e la Decapitazione? Leggi da Momenti BG 32 a 35!
.M32: Il Mondo Cavaliere Vorinth è uno dei primi pianeti a cadere davanti alle invasioni degli Orki della Bestia. I Cavalieri delle Casate Illius e Nero vengono terribilmente sovrastati numericamente e combattono fino alla propria morte contro i conquistatori Orki. I pelleverde subiscono perdite pesanti, ma alla fine la Campagna delle Anime Perdute sulla Terra rintocca per la perdita delle due Casate. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
546.M32: La Decapitazione. Le politiche interne dell’Imperium prendono una piega disastrosa quando i Sommi Signori della Terra vengono uccisi per ordine di Drakan Vangorich, Gran Maestro dell’Officio Assassinorum. Ciò segna l’inizio di un periodo di anarchia che dura cento anni. Al prezzo di gravi perdite, una forza punitiva di Space Marine porta la giustizia dell’Imperatore a Vangorich. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
552.M32: Il figlio della bestia. Mentre gli Orki infuriano attraverso l’Imperium in quantità senza precedenti e portano devastazione su migliaia di pianeti, un vasto relitto spaziale chiamato dagli Orki che lo infestano “Verme di Ferro” effettua scorrerie attraverso il Settore Uhulis. Passando inesorabilmente di pianeta in pianeta, niente può fermare la marea verde e il Gruppo di Battaglia Azezel, i mondi fortezza Armstrong e Velgagrad e il mondo forgia di Temaxia vengono distrutti uno dopo l’altro, lasciando che i mondi interni dell’Ammasso Ul-Seraph e i suoi miliardi di anime si prostrino davanti al massacro orkesco. Il loro destino viene avvertito quando una tempesta warp irrompe e colpisce il Verme di Ferro e le sue flotte sgangherate fuori rotta verso le profondità dell’Empireo. Navi da inseguimento cercano di raggiungere la nave, ma la tempesta è selvaggia e molti muoiono. L’ultima comunicazione ricevuta riporta la caduta del Verme di Ferro nel cuore delle Marce Oscure. Non ritorna. (Imperial Armour – Volume Twelve: The Fall of Orpheus)
597.M32: La Seconda Crociata Nera. Abaddon pone una terribile maledizione sui pianeti del Settore Belis Corona, infondendoli con il tocco del Warp. Nel frattempo, la sua flotta attacca gli spazioporti del Settore, distruggendo dozzine di incrociatori imperiali in costruzione o riparazione. Prima che l’Imperium possa radunarsi per rispondere, il Distruttore si ritira nell’Occhio del Terrore, il proprio oscuro lavoro ormai completo. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione; Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
646.M32: Agnathio, Maestro Capitolare degli Ultramarine, raduna i capi di oltre cinquanta Capitoli di Space Marine e arriva sulla Terra. Tale dimostrazione di potenza e fede pone fine alle liti per accaparrarsi il rango di Sommo Signore della Terra che hanno consumato le diverse fazioni sin dalla Decapitazione. Tali questioni sono rapidamente sistemate dopo una riunione a porte chiuse con i più potenti guerrieri del Genere Umano. Nessuna sa cosa accade o viene detto, ma quando gli Space Marine ripartono per tornare ai loro compiti, ci sono di nuovo dodici Sommi Signori della Terra. Se c’è ancora del dissenso, nessuno osa esprimerlo ad alta voce. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione, Codex: Space Marine 6a Edizione)
888.M32: Le Guerre Astropatiche. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
M32: Non molti anni prima della Terza Crociata Nera, Drecarth il Cieco forma i Figli dell’Occhio da un ramo dei Figli di Horus che si rifiuta di giurare fedeltà ad Abaddon. Nella Battaglia del Fosso del Lamento, i Figli dell’Occhio sconfiggono Voslok e la sua banda da guerra di Divoratori di Mondi, conquistano la loro fortezza e gettando i loro teschi nelle vampe dell’anima del pianeta. Drecarth strappa l’ascia demoniaca di Voslok dalle sue mani durante la battaglia, rivoltando l’arma contro il precedente proprietario. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
909.M32: La Terza Crociata Nera. Abaddon invia il Principe Demone Tallomin contro il Cancello Cadiano in un assalto frontale sanguinoso e avventato. L’orda demoniaca al servizio di Tallomin ruba milioni di vite e attira reggimenti di Guardia Imperiale e Capitoli di Space Marine da tutto il Segmentum Obscurus. A un certo punto, i Lupi Siderali riescono a rispedire Tallomin nel Warp. Coperti da quell’attacco, Abaddon conduce un’altra forza d’attacco sul mondo santuario Gerstahl, rompendo gli antichi sigilli della tomba del santo e distruggendo i suoi resti mentre l’attenzione dell’Imperium è rivolta altrove. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione; Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
910.M32: La Tempesta di Fuoco. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
0.150.935.M32: L’Administratum sopprime ogni stampa del libro ”Gli Eldar Oscuri: I loro metodi e come sconfiggerli. Da uno che lo fatto”. L’unica copia rimasta viene custodita dall’Inquisizione. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
938.M32: Il demone Ix’thar’ganix prevede il ruolo che i Cavalieri Grigi avranno nella sua caduta e la minaccia che un giorno potranno porre nei confronti degli Dei Oscuri. Sovrastato dalla propria stessa astuzia, il Signore del Mutamento comincia un piano lungo ottomila anni inviando Demoni minori in mondi sparsi per tutto l’Imperium affinché possa manipolare sottilmente gli eventi futuri. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)

M33

Ca. M33: La Guerra del Sole e della Luna. I Culti Solari che controllano i soli rubati della Città Oscura crescono in potere ed influenza e alla fine dichiarano guerra alle casate nobili che vorrebbero vedere sprofondare Commorragh nella notte permanente. Una lotta aerea infuria per secoli, ma infine le casate nobili vincono. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
M33: Gli Space Marine del Caos degli Apostoli di Minthras vengono avvistati nei pressi dell’Occhio del Terrore. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
M33: Viene scritta l’Apocrifa di Davio. In un corposo documento sacro si prova ad elencare tutti i Capitoli di Seconda Fondazione. E’ un lavoro meritevole, ma resta incompleto (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione, Codex: Space Marine 6a Edizione)
M33: La Guerra del Confessore. L’Adeptus Ministorum esercita la sua nuova forza facendone uno sfoggio violento. Durante la guerra santa molti mondi santuario chiave sono aggiunti ai suoi possedimenti. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
M33: Una tempesta di tumulto temporale si muove attraverso l’Occhio del Terrore, scagliando navi e mondi fuori dal tempo. Una flotta di vascelli Eldar provenienti da un tempo precedente alla Caduta appare improvvisamente, inorridita dall’esistenza dell’Occhio del Terrore e piangendo la perdita dei propri simili. La Legione Nera si abbatte sugli alieni confusi, macellandoli in una serie di azioni d’abbordaggio e prendendone alcuni come schiavi per le proprie navi. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
M33: Lo Stregone Zaraphiston della Stirpe dei Mille viaggia nelle profondità dell’Occhio del Terrore per volere dell’Architetto del Fato. Su un mondo demoniaco fatto di ingranaggi d’ottone e cronometri ticchettanti, Tzeentch lascia presagi e segni per lo Stregone all’interno di frammenti di tempo e momenti sfuggenti. Donatagli una terribile comprensione dei millenni a venire, Zaraphiston si unisce alla Legione Nera e giura fedeltà ad Abaddon il Distruttore. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
M33: L’Imperium colonizza il pianeta Pythos. Solo i Cavalieri Grigi, gli Dei del Caos e pochi Space Marine del Caos nella galassia sanno che sotto la sua superficie si nasconda un portale diretto verso il Regno del Caos. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
Ca. 112.M33: Mentre conduce operazioni minerarie sul mondo ferale Aggaros, l’Adeptus Mechanicus ingaggia in quella che all’inizio sembra una battaglia già vinta, ma poi i primitivi portano nella mischia i propri sciamani dalla lingua di fuoco. Gli eserciti dell’Adeptus Mechanicus si trovano arsi dall’interno o schiacciati da forze invisibili. I Tecnopreti in ritirata riscuotono un vecchio debito dal Capitolo dei Relictor per poter riprendere il proprio attacco. Quattro giorni dopo, la 3a Compagnia dei Relictor si fa strada tra le sconcertanti forze e i fuochi psichici per raggiungere la celata città delle tribù primitive. Ai lati di ogni strada ci sono statue polverose della Stirpe dei Mille, ognuna rivolta verso un’effigie colossale di Ahriman sulla cima di una piramide d’ossidiana. Il Capitano Excorius ordina la distruzione della statua di Ahriman. Una volta distrutta, tutti i Marine della Stirpe dei Mille prendono vita, scuotendo la polvere di secoli e aprendo il fuoco sui Relictor. Nessun membro dell’Adeptus Mechanicus o dei loro alleati Relictor sopravvive. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
Ca. 300.M33: L’Inquisitore Goldo raccoglie in un documento tutte le proprie esperienze nei suoi quasi quattro secoli di servizio in nome dell’Imperium. La sua conclusione si riassume con una dichiarazione secondo cui l’unico modo con cui i leali servi dell’Imperatore possano sopravvivere sia solamente distruggendo qualsiasi altra cosa. Ai suoi tempi, questa visione terribilmente pessimistica trova pochi sostenitori e viene attribuita ad un devoto, ma ormai anziano Inquisitore che sta subendo uno spiacevole esaurimento nervoso e una perdita di fede nei confronti dell’Umanità. Tuttavia, alcuni secoli dopo, l’Inquisitore Jeriminus di Paelutia ravviva questa visione di Monodominanza e giura di mettere in atto la visione di Goldo. Da quel momento, gli Inquisitori aderenti alla filosofia Monodominante iniziano ad aumentare. (Codex: Inquisition 6a Edizione)
313.M33: Assedio al Cancello dell’Eternità. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
344.M33: La Liberazione di Stella Nera. La tempesta Warp Korinthus si placa, rivelando il vasto Sistema Stella Nera nelle mani del Caos. Più di metà degli Angeli Sanguinari si schiera per liberare i cittadini imperiali dei mondi occupati. La guerra che segue dura due anni e vede i Figli di Sanguinius affrontare una letale coalizione tra Signori della Notte, Guardia della Morte e Predicatori. Alla fine gli Angeli Sanguinari battono i nemici tra i fuochi nucleari della battaglia di Neverwish, respingendoli nel Warp con gravi perdite. Il prezzo è alto, ma i guerrieri di Baal salvano un sistema vasto e popoloso nel nome dell’Imperatore. (Codex: Blood Angels 7a Edizione)
234.345.M33: Marenza Balthus della Colonia Thangod scrive l’ultima nota del proprio diario. In tale nota parla del Devilnacht, un’eclissi ricorrente ogni cent’anni su Beta-Coplin XXI che preannuncia l’arrivo dei Diavoli che Perseguitano gli Uomini, i quali non sono altro che pirati Drukhari. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
454.M33: Il Mercante Corsaro Apollyon Maestrich-Nova trova una luna distante che contiene fantastiche risorse naturali. Apollyon organizza un’operazione mineraria dall’interno della propria flotta. Ghiacciai di lucente fuoco-diamante vengono scavati dalla roccia ed elementi preziosi venduti al vicino Sistema Reubic. Apollyon diventa abbastanza ricco da comprare una seconda flotta, poi una terza. Entro una decade, l’intero Sistema Reubic diventa insensatamente opulento. Apollyon, totalmente corrotto dal potere che ha ammassato, abbraccia la fede in Slaanesh. Quando la sua moneta corrotta è circolata per ogni pianeta del Sistema Reubic, il suo grande piano diventa chiaro. Mentre la luna di Apollyon eclissa il sole di Reubia, tutti colori che hanno condiviso la sua avarizia vengono improvvisamente riempiti di un’insaziabile fame cannibalesca, lasciando coloro che vi soccombono aperti alla possessione demoniaca. Un grido d’aiuto astropatico raggiunge l’Imperium e i Cavalieri Grigi arrivano in forze per salvare Reubia da invasori un tempo umani. Il resto del sistema precipita nell’anarchia e Slaanesh reclama ciò che gli è dovuto. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
560.M33: Quasi l’intero Capitolo degli Angeli Oscuri prende parte alla Campagna del Secondo Cancello Mortis. Tutti i tre Sacri Stendardi vengono sventolati sopra la scena del grande trionfo. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
615.M33: L’Incrociatore Lama dell’Infinito. L’Incrociatore pre-Eresia Lama dell’Infinito emerge dal Warp e la sua firma di rientro indica che ha lasciato lo spazio reale da più di ventimila anni, cioè prima dell’invenzione del propulsore warp nell’Era della Tecnologia. Ciò è indice di gravi disordini nel flusso temporale. Le trasmissioni ricevute fanno pensare che il Lama dell’Infinito stia cercando di comunicare qualche sorta di avvertimento, ma prima che si riesca a decifrarlo esso scompare di nuovo nel Warp. Subito dopo appare una flotta di invasione di Legioni di Space Marine del Caos, nemici brutali che causano enormi distruzioni. Il Lama dell’Infinito riemerge altre volte negli anni seguenti, sempre come araldo di incursioni dal Warp. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
641.M33: La Guerra ha Inizio. Dopo secoli di isolamento, i seguaci di Cegorach riappaiono in modo spettacolare. La Masque del Dolore della Mezzanotte erompe dalla Rete su Llayen Nuadh per abbattersi su un’orda di Demoni di Slaanesh. Il suo intervento salva la schiera di Ulthwé circondata e le loro forze si uniscono per respingere i nemici nel Warp. Questa è solo la prima di numerose apparizioni ad affetto che annuncia che le masques tornano in campo. (Codex: Harlequins 7a Edizione)
666.M33: Il Primo Solitario. La Danza Senza Fine rappresenta per la prima volta la Caduta. Il pubblico è inorridito anche dall’inquietante figura del primo Solitario della galassia che calca spavaldamente le scene. (Codex: Harlequins 7a Edizione)
732-822.M33: In una serie di guerre nota come Campagna delle Stelle Rosse, il Sistema Kulgotha viene ripulito dagli xeno e reclamato dall’Imperium. Gli Angeli Oscuri prendono parte a molte battaglie e durante l’importante battaglia su Vermilac Primus schierano l’intero Capitolo. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
802.M33: Una Nuova Razza di Supervisori. La Casata Taranis inizia le pratiche di invio dei Nobili che hanno fallito il collegamento con il proprio Cavaliere Imperiale all’Adeptus Mechanicus Sebbene non siano adatti a prendere il proprio posto negli eserciti di Cavalieri di Taranis, ognuno di questi guerrieri cyborg – conosciuti come Psychosis-Neuracranium – deriva da stirpe Imperiale di grado primaris, la quale risulta un eccellente materiale grezzo per la creazione di supervisori Skitarii. (Codex Skitarii 7a Edizione)
831.M33: L’Anno degli Spettri. Nel Segmentum Solar i morti onorati risorgono per sconfiggerei terrori del Warp. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
832.M33: Periclitor, un condottiero dei Predicatori, conduce le proprie schiere su Castile V. I difensori imperiali vengono sconfitti e Periclitor sacrifica mille anime imperiali al Caos, tra cui dei Missionari e delle Sorelle Guerriere. (Codex: Space Marine del Caos, 3a Edizione; Imperial Armour – Volume Nine: The Badab War, Part One)
832.M33: Sul desolato pianeta Forlor, i Cavalieri Grigi mettono all’angolo l’Inquisitore radicale Vetrix. Dopo aver messo in atto lo Psiocantico Necrolarus sul Segmentum Solar, Vetrix viene dichiarato un eretico dal proprio Ordo e i Cavalieri Grigi lo trascinando nelle segrete di Titano mentre lui ancora sostiene che il Necrolarus sia l’unica speranza di sopravvivenza per l’Imperium. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
882.M33: Una legione di Khorne viene attratta dal tuono dei fucili sui campi di collaudo armi del pianeta Veonid. La loro invasione assicura che i prototipi di fucili vengano usati al più presto. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
888.M33: Jerome il Puro, conosciuto dai servi del Caos come Jerome il Folle e il Cieco, viene sconfitto dalle schiere di Periclitor sul pianeta Tosak. Gli eretici eviscerano ogni singolo seguace di Jerome davanti ai suoi occhi, poi uccidono anche lui. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)

M34

Ca. M34: Il Pallido Logorio. Una grave minaccia sorge oltre le Stelle Ghoul nei primi anni del M34. Ancora oggi la sua vera natura non viene divulgata. Si dice che i danni abbiano causato lo sterminio di una ventina di Capitoli di Space Marine e di innumerevoli anime. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
M34: Viene scritto il Liber Historica Vangelia, uno dei tanti testi che tenta di raccontare la storia dell’Imperium. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
M34: L’Inquisitore Damne redige un rapporto dedicato alle investigazioni sulle voci riguardanti i difetti genetici degli Angeli Sanguinari. (Codex: Angeli Oscuri 4a Edizione)
M34: Si verificano le Insurrezioni Obscuriane, un serie di ribellioni che colpisce il Segmentum Obscurus per un periodo di quattro secoli. Nel corso delle Insurrezioni, sette Capitoli di Space Marine rompono i propri giuramenti e diventano Rinnegati. Due di essi, i Figli della Vendetta e le Guardie Argentee, combattono inizialmente per l’Imperium, poi diventano rinnegati in seguito alle proprie azioni contro il Concilio Libero di Hannedra II. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
M34: Sul pianeta Pythos, i coloni imperiali cominciano le difficoltose operazioni minerarie volte ad estrarre preziosi minerali dalle catene montuose. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
Ca. 001.M34: La Quarta Crociata Nera del Signore della Guerra Abaddon. Quest’ultimo guida la carica contro i cancelli d’adamantio della notoriamente invalicabile Cittadella del Kromarca su El’Phanor. Solo una delle dieci punte di lancia di Abaddon riesce a raggiungere i cancelli prima d’essere intrappolata dal fuoco dei requiem pesanti. I cancelli sono più duri del diamante, ma si infrangono come fossero di legno davanti al colpo di Abaddon. Quella notte, gli Space Marine del Caos e i loro alleati demoniaci banchettano sul Kromarca e la sua linea di sangue. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione; Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
012.M34: Si svolgono le Guerre della Nebulosa di Alcmena. Tramite accordi e pagamenti, Periclitor ottiene dei sacrifici umani per la propria strada verso l’ascesa demoniaca. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
085.M34: Terraformazione di Atasca IV. (Codex Skitarii 7a Edizione)
093.M34: Neodan, Fratello-Capitano della 5a Confraternita dei Cavalieri Grigi, uccide il Macellaio di Xor, un supervisore posseduto da un Demone di Khorne. Solo dopo aver ucciso il Demone e i suoi servi, Neodan scopre che la creatura sia responsabile della corruzione delle bestie da macello dei factorum del sangue, le cui carni vengono poi sparse per Xor e portate nei mondi vicini. Non sapendo per quanto spazio si estenda questa carne corrotta, Neodan dichiara la sanzione finale su Xor, condannando milioni di cittadini a morte piuttosto che rischiare un’incursione demoniaca. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
101.M34: Mentre guida il Capitolo alla vittoria nella Campagna di Pestesangue contro la Guardia della Morte e la Confraternita della Peste, il dodicesimo Gran Maestro Supremo degli Angeli Oscuri Armaros contrae la terribile malattia. La sua rapida deformazione lo convince a passare immediatamente l’Elmo del Leone al proprio successore. Per assicurarsi che la contaminazione non si propaghi, Armaros entra volontariamente nella camera del reattore della Roccia e viene polverizzato. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
Ca. 200.M34: L’Ecclesiarca Benedin IV annuncia lo spostamento del Ministorum su Ophelia VII. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
290.M34: Durante la guerra contro il Culto Vuoto e il suoi dio del piacere dai molti arti, i Cavalieri Grigi perdono quasi tutta la 7a Confraternita. Il culto organizza una serie di astute imboscate che piegano la realtà isolando ogni singolo Cavaliere Grigio per poi travolgerlo in una marea di carne demoniaca. Il castigo dei Cavalieri Grigi è assoluto e il Gran Maestro Supremo Calastan raduna l’intera potenza del Capitolo contro il culto. Alla fine, l’unico ricordo del Culto Vuoto viene impresso con inchiostro sbiadito all’interno del Sanctum Sanctorum nella Cittadella di Titano. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
Ca. 300.M34: L’Ecclesiarca Greigor XI annuncia che l’Ecclesiarchia tornerà sulla Terra. Molti obiettano, ma anche dopo la morte dell’Ecclesiarca in circostanze sospette, lo spostamento avviene comunque. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
369.M34: Le Guerre Aphex. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
401.M34: Gli Space Marine dei Templari Neri pongono fine all’Eresia Catelexis uccidendo il Cacodominus, un cyborg alieno la cui formidabile influenza psichica consentiva di controllare la popolazione di 1.300 sistemi planetari. Purtroppo, l’urlo di morte del Cacodominus riecheggia e si amplifica attraverso il Warp, bruciando le menti di un miliardo di astropati e distorcendo il segnale dell’Astronomican. Milioni di navi vengono perdute nella seguente sollevazione e interi sottosettori cadono di nuovo nelle barbarie senza i dettami dell’Adeptus Terra a guidarli. è un prezzo esorbitante per la vittoria. Alcuni studiosi reputano che questo evento sia uno dei motivi per cui i Templari Neri non utilizzano Bibliotecari. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione, Codex: Space Marine 6a Edizione, Codex: Space Marines 8a Edizione)
456.M34: L’Inquisitore Halleck, dopo molte decadi passate ad inseguire degenerati nella vastità dello spazio, cattura un misterioso eretico noto solo come Angelo della Verità. L’ultima trasmissione proveniente dalla nave di Halleck sostiene che il prigioniero sia stato spezzato durante l’interrogatorio e abbia rivelato un’eresia profondamente radicata. Mentre ritorna sulla Terra con le proprie rivelazioni, l’Inquisitore viene assalito da un nemico sconosciuto. L’unica forza imperiale nelle vicinanze è l’incrociatore d’assalto Spada Nera della Vendetta degli Angeli Oscuri, la quale riporta l’assenza di alcun segno dell’Inquisitore, del suo vascello o del prigioniero. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
Ca. 500.M34: Zagthean lo Spezzato saccheggia Helosian, pianeta tre volte benedetto nel Settore Agripinaa. Dopo aver preso le Vergini del Convento d’Alabastro come prigioniere, le espone alle energie grezze del Warp, macchiando le loro anime e innescando i loro doni psionici latenti. Successivamente, Zagthean usa della scienza oscura per fondere le orrende vergini in una singola massa di carne, prima di sfruttare il risultante abominio come un portale Warp vivente così da scatenare un incubo demoniaco su Helosian. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
647.M34: Muore Lasko Pyre, uomo miracolosamente fuggito da Commorragh il cui corpo diventa costantemente pervaso dal dolore. Racconta la propria la storia in Gli Annali del Terrore, ma dopo la propria morte viene classificato come eretico. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
666.M34: Le Stelle Warp. In seguito a una violenta tempesta Warp proveniente dall’Occhio del Terrore appaiono le anomalie stellari chiamate Stelle Warp. I tentacoli del loro potere trascinano ogni nave o pianeta nelle vicinanze verso un destino orribile, per quanto spettacolare. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; Codex: Demoni del Caos, 6a Edizione)
708.M34: Il Fratello-Capitano Edeon conduce una dozzina di squadre della 2a Confraternita dei Cavalieri Grigi nella Regione Velata per cercare il Demonafex. Tutte le comunicazioni cessano e alla fine Titano li dichiara perduti. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
764.M34: I Figli dell’Imperatore devastano l’Arcamondo Lugganath nel nome di Slaanesh, uccidendo migliaia di Eldar prima di essere respinti. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione; Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
784.M34: Dopo oltre un secolo di esilio auto-imposto come Lame Erranti, i fratelli Agaron ritornano sul Mondo Cavaliere Silverdawn dopo la morte del proprio padre. I fratelli vengono accolti come eroi dopo il disastroso regno del proprio signore e Basilio, il più vecchio dei tre, ristabilisce i commerci con i vicini mondi forgia Estaban III e VII. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
897.M34: Si apre una fenditura Warp nei pressi del Settore Mosaik. (Apocalisse 4a Edizione)
934.M34: Gli Ammonimenti di Ulthwé. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
0.125.967.M34: Viene emanato il Mandato Sectoris Stabilis, il quale stabilisce livelli di tolleranza e di minaccia legati alle attività d’incursione nei settori Imperiali. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)

M35

M35: Viene scritto Annali delle Legioni. (The Horus Heresy – Book Seven: Inferno)
M35: viene scritto il Grimorio Hereticus, un documento completamente dedicato alle informazioni sulle Legioni Traditrici dichiarate Excommunicate Traitoris. Esso riporta una datazione errata per il momento in cui i Lupi Lunari vennero rinominati Figli di Horus, posizionandola intorno al 125.M30. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; Codex: Angeli Oscuri 4a Edizione)
Ca. M35: Il colpo di stato di Commorragh Alta. Asdrubael Vect lancia una serie di attacchi punitivi nello spazio imperiale, fomentando un massiccio contrattacco da parte di tre Capitoli dell’Adeptus Astartes attraverso il Golfo di Desaderian. Vect manipola l’invasione in modo da danneggiare le basi dei nobili Arconti e, nel dopoguerra, prende il loro posto come sovrano di Commorragh. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
Ca. M35-36: L’ascesa delle Cabale. L’aristocrazia di Commorragh è in disgrazia. In breve viene rimpiazzata dal sistema delle Cabale, il cui pioniere è Vect con la sua Cabala del Cuore Nero. Privilegi e status sono soppiantati da ambizione e abilità omicide. Molte antiche casate si reinventano come Cabale, anche se non perdoneranno mai Vect per aver usurpato il loro potere. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
M35: In una battaglia spaziale sopra il mondo ferale Skyrro, gli incrociatori imperiali distruggono il vascello traditore Artiglio dell’Ira. Un singolo Legionario Nero sfugge alla distruzione e raggiunge la superficie del pianeta. Lì viene vernato come un dio e lo Space Marine del Caos senza nome ascende fino a diventare un potente signore della guerra noto come il Re Lacero. Alla Guardia Imperiale occorrono più di dieci anni per distruggere le armate del Re Lacero e riconquistare Skyrro. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
Ca. M35: Lo Scisma di Moirae. è un conflitto che lacera l’Adeptus Mechanicus durante i giorni oscuri dell’Interregno di Nova Terra, dividendo il Culto della Macchina in un modo che non si vedeva dall’Eresia di Horus. Il mondo forgia di Moirae viene ridotto in cenere, ma non prima che lo scisma si diffonda nel Culto di Marte, nelle Legioni di Titani e in alcuni Capitoli di Space Marine con saldi legami con l’Adeptus Mechanicus. Passano più di duemila anni di lotte sanguinarie prima che la funesta dottrina sia considerata sradicata. Il Capitolo delle Mani di Ferro resta severamente danneggiato. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione, Codex Skitarii 7a Edizione, Codex: Space Marine 6a Edizione)
101.M35: Gli Angeli Oscuri, seguendo la scia di Cypher, vengono portati a credere che almeno un membro dell’Ur-Consiglio di Nova Terra si un Angelo Oscuro Caduto. In un’incursione azzardata, una forza d’attacco dell’Ala del Corvo scende su Nova Terra, ma fallisce nella cattura di alcun prigioniero. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
156.M35: Il pianeta fantasma. Un distante mondo alveare imperiale mantiene ostinatamente il silenzio radio dopo la decisione non approvata di assoldare mercenari eldar. Cinque anni più tardi una grande delegazione imperiale viene mandata ad investigare il perché le decime non venissero più pagate. Dopo l’atterraggio non si trovano segni di vita umana da nessuna parte. Tutto il pianeta, ogni alveare, blocco e guglia è completamente deserto. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
303.M35: La Grande Caccia: La Casata Raven, avendo sentito una volta di troppo i denti dei predoni Eldar provenienti dal mondo paradiso Geminex, chiede formalmente l’aiuto degli Skitarii. Dodici coorti vengono inviate su Geminex, dove le tattiche di ricerca a griglia indirizzano gli Esoditi e i loro alleati dai propri luoghi sacri fino al mirino dei Cavalieri Imperiali della Casata Raven. Gli Eldar di Biel-Tan reagiscono, colpendo duramente dai portali della rete. Una volta raccolte tutte le informazioni sui beni di guerra posseduti da Biel-Tan, gli Skitarii si ritirano in massa, lasciando i rimanenti Cavalieri della Casata Raven al loro ultimo atto disperato. (Codex: Skitarii 7a Edizione)
400.M35: Lo Scudo di Sanguinius. Sollevamenti tettonici sull’isolato mondo Ironcel V scatenano una massiccia Waaagh! degli Orki. Miliardi di pelleverde nomadi si avventurano nello spazio, guidati da una bestia urlante nota come Kapoguerra Zpakkaztelle. La Waaagh! sopraffà il mondo vergine Ledrith, fa a pezzi la flotta rinnegata di Lord Borvashik e si abbatte sul sistema Rifugio Rosso. Infine, viene fermata da una forza combinata di Angeli Sanguinari, Astra Militarum e Cavalieri della Casata Griffith. Le difese, concepite ed eseguite perfettamente, sono coordinate dal Maestro Capitolare Leonid Castivarus. La guerra infuria per molti mesi e numerosi mondi imperiali vengono perduti, ma alla fine la Waaagh! esaurisce l’impeto quando si infrange sul cosiddetto Scudo di Sanguinius, che la distrugge completamente. (Codex: Blood Angels 7a Edizione)
437.M35: Iriad IV, un mondo industriale fortificato vicino all’Occhio del Terrore, viene invaso dai Divoratori di Mondi. Il Capitano Revellion del Capitolo Cavalieri d’Ebano conduce i propri Marine contro i cugini traditori in una guerra il cui numero di morti cresce rapidamente. La battaglia infuria attraverso il pianeta finché entrambe le parti rimangono con numeri inferiori alla Compagnia. Mentre ai Divoratori di Mondi ciò non importa, il Capitano Revellion è disperato per una tale perdita. Ore dopo, totalmente coperto di sangue, Revellion esce dalle ombra con una spada a catena in entrambe le mani. I Cavalieri d’Ebano gridano di gioia quando cade l’ultimo Divoratore di Mondi, ma poi giunge la disfatta. Inarrestabile, Revellion continua ad uccidere e abbatte gli ultimi Cavalieri d’Ebano, ma continua ancora ad attaccare tentando di aggredire il proprio riflesso. Distretto dopo distretto viene spopolato mentre il patto di Revellion con Khorne porta i suoi terribili frutti. La popolazione rimanente di Iriad IV viene evacuata e il pianeta viene dichiarato perditas. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
453.M35: L’Inquisitore Dalma richiede un estratto del Galaxia Daemonica Perpetua di Jerome contenente informazioni riguardanti l’Occhio del Terrore. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
495.M35: Il Segmentum Pacificus diventa centro di disordini e il Circolo Interno degli Angeli Oscuri continua a seguire molti indizi che li hanno condotti verso lotte intestine. Conosciuta agli Angeli Oscuri come Campagna di Hrakon, essi cercano sistematicamente Obidiah Hrakon, il despota di un pianeta che ha pienamente supportato Nova Terra. Nella Regione Velata, alla fine gli Angeli Oscuri mettono all’angolo Hrakon, il quale si rifugia su un mondo pirata. Per assicurarsi che nessuno fugga, gli Angeli Oscuri sottopongono il pianeta ad un blocco navale e scatenano l’intera Ala della Morte. Schierandosi tramite teletrasporti in sequenza, i Terminator mettono in atto un massacro finché non rimane un solo nemico: Obidiah Hrakon, un tempo stendardiere della Legione degli Angeli Oscuri. Rifiutando d’arrendersi, Obidiah, viene sottomesso dopo un duello con il Maestro dell’Ala della Morte e viene poi trasportato nella Roccia, luogo in cui muore tempo dopo. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
566.M35: La Camera della Purezza viene macchiata da spettri del Warp: i fantasmi di nemici sconfitti predano le mura della realtà e sussurrano presagi di futura catastrofe. Le creature avvertono di un tempo in cui la luce dell’Imperatore si spegnerà e i Cavalieri Grigi si troveranno soli contro l’oscurità, il fato dell’Umanità sospeso sul filo delle loro lame. I Purificatori sopportano le folli invettive di questi fantasmi e le visioni dell’Imperium caduto nell’oscurità e nelle fiamme; sanno che queste ombre non sono altro che dei mostri che affermano d’essere, a malapena connessi al Warp e capaci di sputare poco più che bugie. I Purificatori sanno anche, però, che i fantasmi demoniaci siano sintomo di qualcosa di più antico e potente sopito sotto la superficie di Titano. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
739.M35: Le schiere eretiche di Periclitor sconfiggono il 5o Corazzato dei Prefetti Terrestri. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
745.M35: la battaglia della Fenditura di Thaxar. I pirati e rinnegati adoratori del Caos che hanno il covo nella Fenditura di Thaxar diventano così potenti da essere un problema per i Mutilati, le cui flotte Cabalite cercano di depredare il crepaccio a proprio piacimento. La Marina Imperiale, dopo aver misteriosamente ricevuto le coordinate esatte della base dei rinnegati del Caos che stava cercando, lentamente si smuove e allerta l’Adeptus Astartes. Le Guerre di Thaxar diventano un sanguinoso stallo che dura sei anni, prima che l’area venga dichiarata perduta e soggetta ad un sistematico ed aggressivo Exterminatus. I Drukhari osservano e imparano dallo spettacolo. Dopo aver eliminato tutte le navi imperiali rimaste nel sistema, conquistano la Fenditura di Thaxar con le proprie flotte. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
789.M35: Il vascello Explorator dell’Adeptus Mechanicus Visione di Land scopre per la prima volta i primitivi Tau. (Codex: Impero Tau 3a Edizione, 6a Edizione)
818.M35: Supernova della Stella Ghoul. (Codex: Craftworlds 7a Edizione)
867.M35: Sul mondo Esodita Menimshemash, i Demoni del Caos arrivano attraverso lo spirito del mondo, il quale ospita tutte le anime degli Eldar morti negli ultimi cinquemila anni. Il regno di Tzeentch permea lo spirito del mondo e erutta dalle profondità dei suoi sentieri; mostruosi serpenti cristallini vomitano ondate di orribili Demoni. Il mondo viene messo al rogo con le fiamme del cambiamento prima della notte successiva. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
975.M35: Il Cataclisma delle Anime. L’Ecclesiarchia inizia a riunire l’Imperium diviso sotto forma di stato religioso che trascenda le differenze politiche. Quando l’Ur-Consiglio di Nova Terra abiura gli insegnamenti dell’Ecclesiarchia, miliardi di individui muoiono in guerre religiose. Gli Angeli Oscuri partecipano al conflitto e, oltre a reprimere chiunque respinga l’Ecclesiarchia o i Sommi Signori della Terra, continuano a cercare indizi riguardanti i Caduti. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
975.M35: Una tempesta Warp avvolge il Sistema Rorn con l’arrivo del Principe Pallido e della sua schiera demoniaca. Una squadra di Cavalieri Grigi, dopo aver ucciso il Principe Pallido e il suo vascello di ferro Warp, rimane intrappolato sullo spazioporto Rorn Primarex a causa della tempesta. Non volendo essere scoperti dai cittadini di Rorn III e non potendo sfruttare il viaggio Warp, i Cavalieri Grigi si lanciano nel vuoto a velocità sub-luce ed entrano in stasi per il proprio viaggio di ritorno millenario verso Titano. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
977.M35: La nave da guerra Ultramarine Excelsior viene coinvolta in battaglia quando i suoi Campi Gellar vanno in avaria durante la traslazione dal Warp allo spazio reale. Il metallo benedetto della titanica nave-fortezza diventa permeabile e, dopo poco tempo, una marea infinita di Demoni si fa strada attraverso i muri, i pavimenti e i soffitti per abbattersi sugli Ultramarine. L’Excelsior non torna mai più nella realtà. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
980.M35: L’Ascesa degli Hrud. Gli Angeli Oscuri prendono parte ad una forza d’attacco volta ad eliminare un’infestazione Hrud che si sta diffondendo nell’Imperium. Quando due dei tre Settori a loro assegnati vengono ripuliti, la Roccia scompare e gli Angeli Oscuri abbandonano la campagna per inseguire uno dei propri obiettivi. Il Maestro Capitolare degli Ultramarine stila una lamentela ai Sommi Signori della Terra, ma essi non prendono alcun provvedimento. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
984.M35: Asdrubael Vect conquista il potere a Commorragh. Al tempo pochi sono a conoscenza degli scambi con la Masque del Sentiero Nascosto, o del terribile patto che stringe con essa quando ascende al potere. (Codex: Harlequins 7a Edizione)
991.M35: La Fondazione Maledetta. La famigerata Fondazione di Space Marine conosce gravi problemi. L’Inquisizione incarica i Cavalieri Grigi di eliminare la minaccia. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione, Codex: Space Marine 6a Edizione)

M36

M36: L’Appendice CXVI “Onorificenze dell’Adeptus Astartes” del Mythos Angelica Mortis descrive l’usanza del Campione dell’Imperatore nei Capitoli appartenenti alla linea genetica dei Magli Imperiali. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
104.M36: La Guerra del Recupero. Documenti frammentari citano le meraviglie tecnologiche sui pianeti della Catena Mortarum. Sperando di recuperare degli SPM, l’Adeptus Mechanicus organizza una spedizione a cui partecipano ben dodici Casate di Cavalieri Imperiali, la quale dà il via a una guerra sempre più violenta che dura oltre un secolo. Aiutata dalle armi recuperate, libera le colonie umane dall’occupazione xeno e riporta su Marte alcune copie di SPM di prima generazione. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
108.M36: Quasi duemila anni dopo la loro scomparsa, su Titano giunge una comunicazione da parte del Fratello-Capitano Edeon e dei suoi confratelli. All’insaputa del Capitolo, Edeon inseguì il Demonafex e i suoi schiavi fino a un’area del Warp che doveva la propria esistenza agli echi dei momenti dimenticati. Edeon e i suoi Cavalieri Grigi combatterono ai piedi della Fortezza dell’Inganno, ogni giorno morendo per le ferite solo per risorgere il giorno seguente, innalzati dalla loro determinazione e dalla loro furia psionica. Con la loro forza combinata, alla fine il Demonafex venne distrutto, ma Edeon e i suoi fratelli pagarono il prezzo del loro corpo materiale. Quando ritornano nello spazio reale, i loro corpi cominciano ad atrofizzarsi rapidamente. Prima di morire, il Fratello-Capitano ha solo il tempo di mandare un segnale codificato verso Titano, raccontando della loro vittoria. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
141.M36: Gli Ultramarine partecipano alla Caduta di Chundrabad. Fratello Agnathio viene benedetto con l’armatura Dreadnought. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)

Era dell’Apostasia

Ca. 200.M36: Goge Vandire, Ecclesiarca e Sommo Signore dell’Adeptus Administratum, abbandona la Luce dell’Imperatore e inizia una guerra civile che prende il nome di Regno del Sangue. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione, 7a Edizione; Dark Heresy: Blood of Martyrs)
222-234.M36: Xorgar il Crudele ascende a demone tra i campi di battaglia macchiati di sangue della Guerra della Ruggine. I Cavalieri Grigi che stanno già combattendo contro la Schiera Logora concentrano le proprie attenzioni su Xorgar per ucciderlo prima che possa manifestare i suoi nuovi poteri. Tuttavia, agli Dei del Caos piace tormentare il proprio vassallo dandogli nuova vita, perciò i Cavalieri Grigi trascorrono i dodici anni successivi uccidendo Xorgar centinaia di volta su numerosi mondi. Solo quando l’involucro mortale del Demone viene distrutto per la millesima volta, allora gli Dei del Caos si stancano del proprio gioco. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
238.M36: Sebastian Thor nasce sul mondo cardinale Dimmamar. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
282.M36: Assalto Corazzato. Le punte di lancia corazzate del Capitolo Aurora arrestano l’invasione degli Orki su Grylos. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
287.M36: La fenditura Warp nei pressi del mondo agricolo Goridion Primus svanisce. (Apocalisse 4a Edizione)
288.M36: Il Decreto Passivo proibisce all’Ecclesiarchia di mantenere eserciti di “uomini armati”. Le Figlie dell’Imperatore diventano ufficialmente l’Adepta Sororitas. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
310.M36: La Piaga dell’Apostasia. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
314-334.M36: Gli Angeli Oscuri cominciano una campagna di vent’anni con l’obiettivo di cacciare Fratello Machius, un tempo tenente del Cardinale Bucharis. Nonostante le numerose imboscate da parte della Legione traditrice dei Signori della Notte, gli Angeli Oscuri prevalgono. L’Ala del Corvo localizza Machius su Gronmoth, un pianeta colpito dalla peste, quindi lo catturano durante la Battaglia della Morte Nera. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
334.M36: Il raccolto spettrale. Dodici Spettrocavalieri di Alaitoc trafugano le pietrevia dalle rovine di Belial IV. L’irrequieta schiera demoniaca del mondo stregato attacca in forze, ma gli Eldar riescono ad aprirsi un varco fino al portale della Rete e a fuggire incolumi. (Codex: Craftworlds 7a Edizione)
335.M36: Lo Scisma Xenarita. Stygies VIII viene attaccato da dozzine di Kill Team della Guarnigione della Morte quando la notizia degli affari Xenariti con le tecnologie aliene raggiunge l’Ordo Xenos. L’Adeptus Mechanicus viene costretto ad impiegare misure radicali per riuscire a sopravvivere alle epurazioni successive. (Codex: Skitarii 7a Edizione)
350.M36: Sebastian Thor ritorna sulla Terra per l’ultima volta e muore sei mesi dopo all’età di 112 anni. Viene dichiarato Santo e l’intero Imperium piange la sua scomparsa. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
M36: Inizia a diffondersi la filosofia Thoriana all’interno dell’Inquisizione. (Codex: Inquisition 6a Edizione)
M36: Sebbene, in un certo senso, esistesse segretamente da alcuni millenni, alla fine dell’Era dell’Apostasia viene formalizzato l’Ordo Hereticus dell’Inquisizione. (Codex: Inquisition 6a Edizione)
M36: Dopo gli eventi dell’Era dell’Apostasia, l’Inquisitore Jaegar fonda l’Ordo Sicarius, responsabile dell’investigazione e del controllo sull’Officio Assassinorum. Dalle riforme di Jaegar, nessun Assassino Imperiale può più essere schierato senza la maggioranza d’approvazione da parte dei Sommi Signori della Terra. Ciò rende la situazione estremamente poco funzionale. (Codex: Inquisition 6a Edizione)
437.M36: Le bande da guerre degli Orki invadono il mondo dell’Ecclesiarchia chiamato Sanctia e portano su di esso terribili nuove barbarie. Si abbattono sui difensori e li consumano, divorando tanto i vivi quanto i morti, come pervasi da una fame demoniaca. Crescendo e gonfiandosi, gli Orki diventano obese mostruosità dai movimenti lenti. L’Adepta Sororitas purifica sistematicamente gli Orki con fiamme e requiem, ma in quel momento Mortarion e la sua Guardia della Morte scendono sul pianeta. Il Primarca demoniaco incombe sui corpi degli Orki mentre raggiunge le linee frontali. Al suo passaggio, ogni Orko esplode in una pioggia di putridi fluidi e dozzine di Nurglini escono dai resti per seguire il proprio signore. Sanctia cade a causa della Morte Verde entro venti ore dall’arrivo di Mortarion e la piaga si sparge attraverso l’intero sistema con passo inarrestabile. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
439.M36: Seguendo una pista misteriosa, gli Angeli Oscuri e vari dei loro Capitoli Successori cominciano una campagna di trent’anni che elimina culti segreti e ufficiali corrotti attraverso tre Settori. Le battaglie contro la rete sovversiva porta molta sofferenza nel Sistema Rebulus prima che la corruzione venga finalmente eliminata, culminando nella distruzione delle lune artificiali che circondano il pianeta Ixx. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
453.M36: Scoppia il Conflitto di Beelze. Ciò interrompe le relazioni tra l’Arcamondo Alaitoc e la Lexicos Aldus Mari, studiosa desiderosa di comprendere meglio la lingua degli Eldar. (Codex: Eldar 3a Edizione)
493.M36: L’assassino demoniaco slaaneshita Hex’tan tenta di infiltrarsi su Titano per nascondersi tra un gruppo di reclute. Inizialmente ha successo e il Demone si nasconde tra le ossa dei morti sulle pianure della Xanadu Regio, aspettando un candidato adatto da possedere e riportare alla Cittadella. Tuttavia, i piani della creatura si spezzano quando un futuro Cavaliere Grigio dalla forte volontà lo respinge e lo imprigiona nel cadavere di un’altra recluta, non sapendo che ciò non fosse parte delle sue prove da superare. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
543.M36: Una setta chiamata Armata Divina prende il controllo del mondo formicaio Lastrati nel Segmentum Ultima. La Crociata Athalor, comandata dal Maresciallo Gervhart, raggiunge Lastrati pensando di trovarsi immersi nella purezza e nella dimostrazione di fede per cui Lastrati è famoso, ma capiscono di trovarsi davanti a un’orda di barbari che compiono rituali di sangue e uccidono chiunque non sia perfetto secondo i loro canoni genetici. Il Maresciallo Gervhart ordina la purificazione del pianeta prima di continuare la Crociata, ma permette di vivere a coloro che vengono considerati ancora puri. (Codex: Templari Neri 4a Edizione)
565.M36: Le siccità di Gaero Alphus peggiorano quando l’orbita ellittica del pianeta lo portano sempre più vicino alla propria stella. Mentre le tribù industriali di Gaero vacillano, la malnutrizione si diffonde. A un certo punto, tutta la vita animale viene sacrificata per soddisfare la terribile fame delle tribù. Il calore porta i tribali a pregare per un aiuto divino. Si rivolgono alle antiche danze della pioggia, anche sacrificando la propria gente sperando di porre fine alla siccità. Nonno Nurgle, nella sua benevolenza, prova pietà per loro ed esaudisce il loro desiderio. Gloriosa pioggia giunge in abbondanza. Con il passare dei giorni, però, le nubi si ispessiscono e diventano più minacciose. I deserti di trasformano in laghi, gli aridi terreni di coltura in zuppe marcescenti e interi centri abitati muoiono affogati o devastati dalla malattia. All’ottavo giorno, l’Attuario di Nurgle, Epidemius, esce dalla fanghiglia per catalogare il disastro. Mentre la pioggia continua a cadere, i sopravvissuti di ogni tribù imbracciano le armi per combattere l’Attuario e le sue orde di Untori, ma il loro stato malaticcio fa sì che vengano rapidamente sopraffatti. Una settimana dopo, Gaero Alphus scompare totalmente dagli archivi imperiali. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
Ca. 650.M36: Alicia Dominica cade durante la Battaglia di Mondo di Frideswide, sopravvivendo a centinaia di colpi, ma alla fine morendo per un colpo di fucile laser nel cuore sparato da un traditore. Poco dopo viene dichiarata Santa. L’Ecclessiarca Equitus XI formalizza la posizione di Arcibadessa dell’Adepta Sororitas e dona tale posizione a Sorella Palmiro dell’Ordine della Sacra Parola. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
M36: In anni imprecisati della seconda metà del M36, successivi alla morte di Alicia Dominica, cadono anche le sue compagne. Silvana viene uccisa da un’Assassina del Culto della Morte, il suo corpo scompare mentre viene tenuto nel Convento Prioris e anche lei viene dichiarata Santa per voto unanime del Sacro Sinodo. Lucia viene catturata de dei ribelli, i quali le cavano gli occhi e la costringono a sopportare le grida di una migliaio di innocenti morenti e l’uccisione di varie sue compagne Sorelle, le quali rimangono in silenzio. Pochi giorni dopo la sua morte, Lucia viene canonizzata. Santa Mina viene martirizzata da un culto sanguinario mentre si trova in preghiera presso l’altare di Hydraphur. L’ultima a rimanere è Santa Arabella, ma anche lei scompare misteriosamente poco tempo dopo. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
673.M36: Gli Angeli Oscuri e gli Angeli della Vendetta schierano entrambi la rispettiva 1a Compagnia per porre fine a cinque anni di stallo contro il tiranno ribelle di Dominus Primus. Quasi duecento Terminator schiacciano la fortezza apparentemente inassaltabile e massacrano i traditori, esclusi alcuni che vengono portati sulla Roccia per essere interrogati. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
677.M36: Asdrubael Vect convince con l’inganno l’Arconte rivale Kelithresh ad aprire uno scrigno che ha ricevuto come decima. Mantenuta in modo precario nel campo di contenimento dello scrigno c’è l’essenza instabile di un buco nero. Il reame di Kelithresh viene risucchiato da un vortice ululante. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
713.M36: I Demoni di Tzeentch privano della parola la popolazione del pianeta Sundel, ogni cittadino reso muto dalla stregoneria. Nel silenzio che segue nasce il Culto della Lingua Recisa, i suoi membri corrotti impegnati a torturare e uccidere uomini e donne senza voce per gridare. Per un anno il culto regna senza opposizione, trasformando il pianeta in un inferno silente dove i cadaveri marciscono nelle strade e la popolazione vive come ratti nelle ombre, timorosi d’emettere un suono tenue che li farebbe scoprire. I Cavalieri Grigi affrontano il culto mentre Sundel è ormai quasi distrutto, le sue città ormai completamente dedite alla venerazioni di quei Demoni che ne orchestrarono la rovina. Nel vuoto silenzio, gli unici suono uditi sono quelli dei requiem tempesta e delle armi psioniche mentre i Cavalieri Grigi purificano il pianeta e annientano chiunque sul proprio cammino. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
723.M36: La Quinta Crociata Nera. Abaddon il Distruttore devasta il Settore Elysia, razziando centinaia di mondi e causando indicibile morte e distruzione. Su Tarinth, il Distruttore attira i due Capitoli Falchi Guerrieri e Veneratori tra le rovine di Kasyr Lutien, luogo in cui li intrappola tra le forze della Legione Nera e quelle demoniache di Khorne. Dopo un’ultima resistenza, i due Capitoli vengono annientati, i loro teschi presi dal Principe Demone Doombreed per portarli sul potente trono di Khorne. Gli Angeli Sanguinari, a bordo dell’Eclissi della Speranza, sono tra le varie forze coinvolte nella Quinta Crociata Nera. In seguito alla battaglia id Kasyr Lutien, gli Angeli Sanguinari e Doombreed si danno battaglia in un feroce scontro che culmina con la scomparsa dell’Eclissi della Speranza. All’insaputa di chiunque altro, l’equipaggio si sacrifica per imprigionare Doombreed sul pianeta Pallevon. Alla fine la Quinta Crociata Nera si conclude con una vittoria del Caos e Abaddon riesce a spezzare l’equilibrio che manteneva stabili le mutazioni psioniche in quella parte di galassia. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement; Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione; Codex: Chaos Space Marines 8a Edizione; Eclipse of Hope, di David Annandale; Mephiston: Lord of Death, di David Annandale)
754.M36: Disastro della Rete degli Intrighi. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
791.M36: Fine del Mont’au. Si avvistano strane luci e giungono gli Eterei. (Codex: Impero Tau 6a Edizione)
799.M36: Le schiere eretiche di Periclitor la Cripta Sentinella situata su Urus Prime. L’Inquisizione risponde richiedendo l’intervento dei Cavalieri Grigi, ma quest’ultimi vengono sconfitti. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
836.M36: Dopo la violenza della xenocida Campagna di Quietus, il Capitoli degli Annientatori soccombe a causa di una sanguinaria psicosi. I Marine ancora capaci di ragionare si riuniscono nella fortezza-monastero sperando di trovare l’assoluzione. Invece di redimere i propri peccati, però i loro Cappellani corrotti li conducono in un antico rituale, lasciando le loro anime aperte alla possessione demoniaca. Ogni singolo membro del Capitolo viene posseduto nel corso di una notte, mutando le proprie forme e trasformandosi in mostruosità corazzate semidemoniache. Rinominandosi Bestie dell’Annientamento, la confraternita ritorna in guerra, ma questa volta contro l’Imperium. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
901.M36: La Sesta Crociata Nera. Abaddon il Distruttore si avventa su Drecarth il Cieco e i suoi traditori dei Figli dell’Occhio. Prima li aiuta nell’assalto diretto verso il mondo forgia Arkreath, combattendo al loro fianco finché i difensori non vengono schiacciati. Successivamente, il trionfante Abaddon uccide Drecarth lentamente, anche mentre lo costringe ad osservare ogni membro dei Figli dell’Occhio prostrarsi davanti al loro nuovo signore. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement; Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
926.M36: La piaga del vetro. Il celebrato commorrita Jalaxlar rivela la sua ultima opera: una serie di statue di cristallo nero dall’incredibile fattura raffiguranti Drukhari a grandezza naturale. Jalaxlar riceve molti onori dal proprio patrono, perché in ogni scultura è riuscito a catturare alla perfezione le espressioni di terrore e sorpresa. Quando una casata rivale attacca la galleria di Jalaxlar quella stessa sera, i suoi laboratori vengono distrutti e il segreto rivelato. Lo scultore aveva isolato un’elica virale che trasforma rapidamente il materiale vivente in vetro cristallino. Il virus, ora libero nell’aria, si diffonde con allarmante velocità e vetrifica migliaia di commorriti prima che gli Homunculi noti come la Maledizione ne assumano il controllo e rilascino un vaccino. Il virus viene poi trasformato in arma. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
989.M36: La Fame del Trono d’Oro. Mentre l’Occhio del Terrore e altre fenditure warp si espandono sensibilmente, i Tecnopreti che si occupano del Trono d’Oro richiedono di aumentare il numero di psionici necessari a saziare il crescente appetito dell’Imperatore. Incrementano la quantità e la frequenza dei viaggi delle Navi Nere. Secondo alcuni documenti, il numero di psionici quotidianamente sacrificati per mantenere il Trono d’Oro a livelli ottimali quadruplica. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)

M37

M37: Viene scritto il Liber Astartes, documento che, tra le altre cose, contiene alcune informazioni sulla quantità di Capitoli Successori degli Ultramarine. (Codex: Angeli Oscuri 4a Edizione)
M37: Viene prodotto un nuovo modello di zaino per le armature potenziate MkVII dell’Adeptus Astartes. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
M37: Sebbene la sua età esatta rimanga ignota, è da questo millennio che l’armatura dell’artefice Protettrice viene considerata una reliquia del Capitolo degli Angeli Oscuri. All’interno degli archivi del Capitolo viene riportato che tale armatura salvò Fratello Methias, Maestro della 5a Compagnia, da un colpo di cannone da battaglia sparato durante l’assedio della roccaforte traditrice sulle lune di Secclucious VII. Da quel momento, l’armatura appare spesso nei documenti del Maestro dell’Armeria, all’interno dei quali viene elogiata per le sue abilità eccezionali. Millenni più tardi, diventa l’armatura indossata dal Gran Maestro Supremo Azrael. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
M37: Gli Space Marine del Caos della Compagnia della Sofferenza vengono avvistati su Maddean IV. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
M37: Deluso dai propri Prescelti, Abaddon il Distruttore li mette l’uno contro l’antro in un brutale torneo di sangue. Per otto giorni, i Prescelti si dilaniano a vicenda combattendo a bordo della Spirito Vendicativo finché, alla fine, un singolo Legionario Nero si erge trionfante. Impalando il vincitore sul proprio artiglio, Abaddon suggella un oscuro patto con Khorne, ottenendo come alleato un potente Assetato di Sangue, Hakk’an’graah. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
010.M37: L’Ira del Sole del Caos. La gigante rossa al centro del sistema Maxil Beta esplode producendo una nube di fiamme warp in continua espansione. Gli abitanti dei mondi nel raggio di centinaia di anni luce mutano al di là di ogni possibilità di riconoscimento o vengono posseduti dagli abitanti del Warp. I Sommi Signori ordinano la mobilitazione di tutte le forze disponibili. Ai Cavalieri Grigi si uniscono decine di altri Capitoli, innumerevoli reggimenti della Guardia Imperiale e i nascenti Ordini Militanti delle Sorelle Guerriere. La battaglia che ne consegue aiuta a guarire le ferite aperte dal tradimento di Vandire. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
020.M37: La Grande Mattanza. Pietosi, i Sommi Signori della Terra ordinano uno sterminio sistematico per impedire il ripetersi di una simile corruzione della fede. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
121.M37: Il Capitolo delle Lame Astrali viene condotto sul sentiero del Caos dal loro orgoglioso Maestro Capitolare, il quale è stato posseduto dal Demone Etherak l’Impenitente. I servi del Demone usano la stregoneria per possedere quasi ogni singolo confratello all’interno della fortezza monastero del Capitolo, macellando quelli abbastanza forti da resistere. Mentre il sangue degli ultimi caduti si sta ancora raffreddando, gli Space Marine posseduti saccheggiano i depositi di seme genetico del Capitolo e partono per l’Occhio del Terrore. Tuttavia, quando la loro nave da guerra Spada delle Stelle raggiunge l’orbita alta, i Cavalieri Grigi li stanno aspettando. Nella furiosa battaglia che segue, i Terminator dei Cavalieri Grigi si teletrasportano sul ponte della nave da guerra e bandiscono Etherak nel Warp nel bel mezzo della mischia. Spezzati nel corpo e nello spirito, il Maestro Capitolare delle Lame Astrali accettà la pietà dell’Imperatore offerta dalle mani dei loro “salvatori”. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
170.M37: I Golia in Fiamme. Gli Skitarii di Graia si uniscono alle Vespe di Fuoco nella caccia ad un trio di Titani del Caos. Le macchine traditrici vengono portate in battaglia all’ombra del gigantesco Castello Retross, ma la schiera caotica che ne fuoriesce inizia a far pendere l’ago della bilancia. La vittoria viene conquistata solo quando l’armamento ad arco degli Skitarii sovraccarica gli spiriti guerrieri delle macchine traditrici. Quando il castello viene raso al suolo, i muri cadenti vengono illuminati dai loro cadaveri fiammeggianti. (Codex Skitarii 7a Edizione)
241.M37: Nei pressi della Frangia Orientale, Carral Van Grothe scopre il fenomeno Warp a cui viene dato il nome di Rapidità di Van Grothe. La Marina Imperiale e l’Adeptus Mechanicus arrivano alla conclusione che questo violaceo mulinello pulsante sia potenzialmente utile ai viaggi Warp. Per questo motivo Carral Van Grothe riceve il compito di trovare un pianeta abitabile che fungesse da stazione di passaggio per i vascelli in viaggio. Dopo approfondite ricerche, Van Grothe trova un sistema contenente due pianeti abitabili, perciò una Flotta Explorator, sotto la protezione un Clan del Capitolo Mani di Ferro, comincia il processo di colonizzazione dei due pianeti. In onore delle Mani di Ferro, i quali sterminano le popolazioni indigene, il sistema viene chiamato Medusa. Nel corso del tempo, la Rapidità diventa regolarmente utilizzata dai Mercanti Corsari e dalle flotte Explorator per accorciare di mesi o talvolta anni i propri viaggi. Tuttavia, a volte gli effetti collaterali della Rapidità la rendono terribilmente pericolosa, facendole guadagnare il secondo appellativo di Fionda dell’Inferno. (La Caduta di Medusa V)
266.M37: Un’Adunanza di Eroi. Una forza combinata di Angeli Sanguinari, Angeli Carmini e Vampiri si batte contro le forze traditrici sul mondo archeotech Vuoto dell’Inferno. Nonostante le schiere di cultisti vengano rapidamente eliminate, l’attacco arriva troppo tardi per impedire il completamento del rituale eretico. Il velo viene infranto e un’ondata di Demoni erompe nella macrocittà del pianeta. Gli Angeli Sanguinari e i loro fratelli reagiscono al nuovo sviluppo con il coraggio e la risolutezza che li contraddistinguono. Il corpo principale della forza d’attacco viene schierato in una serie di azioni di contenimento e trattiene la marea di Demoni il tempo necessario affinché la Compagnia della Morte possa essere fatta sbarcare nel luogo del rituale. I un’orgia di violenza i confratelli dall’armatura nera massacrano qualsiasi avversario, chiudendo la fenditura al costo della vita. (Codex: Blood Angels 7a Edizione)
293.M37: Si apre una fenditura Warp nei pressi del Formicaio Calatalcus sul pianeta Orphian Secundus. (Apocalisse 4a Edizione)
321.M37: La Crociata Abissale. La tempesta Warp Dyonis infuria nella galassia e le sue terribili energie si fanno strada tra molti sistemi. Oltre a miliardi di cittadini, trenta Capitoli di Space Marine vengono trovati manchevoli nella fede dal giudizio di San Basillius. Ai colpevoli viene lasciata la scelta tra la morte immediata e l’imbarcarsi in una Crociata nell’Occhio del Terrore. Tutti scelgono la seconda opzione. Nel corso del proprio viaggio, alcuni Capitoli vengono persi per sempre, altri diventano rinnegati per riuscire a sopravvivere. I più risoluti tornano dopo quasi 800 anni. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione, Codex: Space Marine 6a Edizione; Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
345.M37: La lenta morte di Graegus. La Cabala della Lingua Avvelenata entra in conflitto con una flotta di Orki Filibuztieri stazionata vicino a Graegus. Lady Aurelia Malys è inviperita per il fatto che dei semplici pirati barbari non seguano il suo volere. Catturando di persona un muscoloso Orko Kapo, Malys istruisce le sue avvelenatrici Lamie a preparare una sorpresa per i pelleverde su Graegus. La sua Cabala effettua uno sbarco planetario qualche settimana dopo, combattendo per arrivare fino al centro della capitale orkesca e impalando il prigioniero mezzo morto su un Kolozzo semicostruito prima di svanire nella notte. Il cadavere comincia a spargere nell’aria miliardi di spore, ognuna delle quali contiene tossine atrofizzanti. Mentre i vascelli corrotti infettano il ciclo riproduttivo dei pelleverde, la popolazione di Graegus diventa sempre più debole. Quando Malys ritorna deve solo massacrare i sopravvissuti. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
Dal 502.M37 al 956.M38: La Grande Espansione. Un’era di grande evoluzione scientifica e culturale, durante la quale i Tau avanzano nello spazio, colonizzando pianeti fin dove le loro navicelle normoalimentate riescono ad arrivare. (Codex: Impero Tau 6a Edizione)
533.M37: I Tau colonizzano la loro luna più grande, Lu’val; si tratta del loro primo possedimento extraplanetario. (Codex: Impero Tau 6a Edizione)
550.M37: L’Occlusiade. La Frangia nordoccidentale viene devastata dagli apostoli del Re Cieco. Tecnopreti ribelli che vedono l’umanità come un affronto al Dio Macchina. Gli Apostoli scoprono manufatti perduti nell’Oscura Era della Tecnologia che consentono la creazione di supernove dal cuore dei soli ardenti. Le costellazioni vengono mutate per sempre quando essi purificano i settori esterni del Segmentum Obscurus. La guerra infuria per un decennio, finché il Navigator Joyre Macran scopre il vascello-palazzo del Re Cieco nascosto in una piega dello spazio warp. Egli guida la nave da guerra classe Imperatore Dominus Astra al luogo del palazzo e il Re Cieco viene ucciso. Senza la sua prescienza, gli Apostoli vengono rapidamente sopraffatti. Alla ribellione partecipano anche i Cavalieri dell’ormai rinnegata Casata Drakon. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
M37: Nel tardo M37, i Cavalieri Grigi si imbattono per la prima volta nella Lama Nera di Antwyr, uno dei tanti orrori scatenati durante l’Occlusiade, dissotterrata tra le rovine di un antico tempio dai discepoli del Re Cieco. In quanto arma demoniaca dall’enorme potere, il suo scopritore ne viene immediatamente corrotto nel corpo e nella mente, scatenando la sua potenza nei Settori Vidar, Tremayne e Darkspire. L’8a Confraternita dei Cavalieri Grigi ferma tutto questo, ma la Lama e il suo utilizzatore svaniscono nel Warp. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
551.M37: Si svolge la Battaglia dell’Acropoli di Kurin su Persembe II. Il pianeta, situato pericolosamente vicino all’Occhio del Terrore, viene attacco dal Sommo Anarchista Potchek, un vile Magister del Caos che decide di condurre un attacco orbitale. Nel corso di una settimana l’armata di eretici, mutanti e demoni di Potchek devasta la resistenza e porta le forze Imperiali rimanente a ritirarsi nell’Acropoli di Kurin, sito di un’antica struttura eretta in nome dell’Imperatore ai tempi della Grande Crociata. I difensori di Persembe si preparano all’ultima resistenza, ma l’avanzata di Potchek si arresta quando il cielo si oscura a causa delle capsule d’atterraggio della 3a Compagnia degli Angeli Oscuri. Mentre dalle capsule fuoriescono Marine pronti ad ingaggiare il nemico, ne arrivano altri a bordo delle Thunderhawk. Le orde di Potchek attaccano una dozzina di volte, ma il Maestro della Compagnia Baradiel organizza una difesa che ferma ogni volta le forze nemiche mentre gli Angeli Oscuri continuano a sbarcare con nuovi rinforzi corazzati. Dopo ripetute difese concluse con successo, gli Angeli Oscuri contrattaccano e circondano il nemico. A bordo del proprio Land Raider personale Furia di Caliban, Baradiel e la Squadra Comando penetrano nel cuore delle forze nemiche e raggiungono Potchek. Quest’ultimo intona le prime parole di una stregoneria, ma questa non viene completata, poiché Baradiel si dimostra più rapido e fa saltare in aria la testa di Potchek con un colpo del proprio requiem tempesta argentato. Successivamente, Baradiel continua a riempire di colpi il cadavere di Potchek fino a ridurlo in poltiglia. Poco dopo, l’armata dell’Anarchista perde solidità, i demoni svaniscono e gli eretici tentano di fuggire prima che gli Angeli della Morte li distruggano, ma falliscono. (Codex: Angeli Oscuri 4a Edizione)
579.M37: Guerra nella Rete. Una congrega di Space Marine del Caos Stregoni della Stirpe dei Mille pratica un grande rituale all’interno della Rete nella speranza di ottenere l’accesso a Commorragh. All’apice del rito centinaia di Drukhari si riversano nei loro ranghi fuoriuscendo da un portale invisibile guidati da volteggianti troupe di Arlecchini. Gli Stregoni di Tzeentch contrattaccano e il delicato tessuto della Rete viene danneggiato nel processo. I muri si torcono ed esplodono ed il rinculo intrappola i combattenti in una tasca temporale senza via d’uscita. Si dice che siano ancora lì a combattere, bloccati in un eterno ciclo di guerra e rinascita. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
754.M37: I Sogni della Disobbedienza (La Crociata Perduta). I servi si ribellano ai loro squallidi compiti su migliaia di mondi, con i loro capi invasati che propongono un modo di vita migliore: una galassia di tolleranza. Il movimento è tanto popolare tra i giovani da guadagnarsi il nome di Crociata dei Bambini. Miliardi di fervidi pellegrini vengono indotti a cercare di raggiungere la Terra; alcuni vengono rapiti dai pirati, ma la maggior parte scompare nel Warp. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
756.M37: Gli Eterei dichiarano che le colonie attorno al pianeta Tau’n diverranno la loro setta, o reame, governata centralmente da Tau’n,il mondo setta o pianeta Primus. è il primo di molti sistemi stellari ad essere colonizzati. (Codex: Impero Tau 6a Edizione)
772.M37: Il mondo industriale Phalan 10 subisce un bombardamento orbitale lungo un mese per ordine dell’Ammiraglio Koth, il quale è stato posseduto da un Demone. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
772.M37: Attirato dalle promesse di potere, Sevastos Molochai, Governatore Planetario di Urskas Sol Tetra, effettua una comunicazione a lungo raggio con una congrega di Space Marine del Caos dei Predicatori. Entro otto settimane, il suo pianeta si trasforma da un fiorente mondo industriale in un incubo infestato dai Demoni. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
796.M37: La Torre di Carne. Viene creata la roccaforte degli Homunculi nota come Torre di Carne, una fortezza vivente realizzata con i corpi di colore che hanno sfidato la Congrega delle Tredici Cicatrici. Lo Space Marine rinnegato Fabius Bile viene addestrato nelle arti nere nelle sale coperte di sangue della torre. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
798.M37: Tessifato sconfitto. I Consoli Bianchi prevalgono sulle legioni demoniache di Kairos Tessifato. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
811.M37: La Settima Crociata Nera del Signore della Guerra Abaddon. Il conflitto si sparge in tanti luoghi e la Crociata prende anche il nome di Guerra Fantasma a causa delle numerose operazioni che diffondono confusione, paranoia e disinformazione. Tra le varie battaglie, gli Angeli Sanguinari si uniscono agli Iracondi nel combattimento contro l’orda di Abaddon sul pianeta Mackan. Abaddon li isola e conduce personalmente una banda di Berzerker di Khorne in un assalto diretto verso le posizioni dei Devastatori. Pochi sopravvivono, ma gli Angeli Sanguinari non riescono a reclamare né quei corpi dei confratelli caduti né tanti altri, poiché dissacrati e dal seme genetico rovinato oltre ogni possibilità di recupero. L’unica eccezione è costituita dal Reclusiarca Thalastian Jorus e dalla sua Compagnia della Morte, poiché loro riescono ad abbattere vari membri della guardia d’onore di Abaddon. Il Signore della Guerra decide quindi di lasciare i loro corpi immacolati. In un altro scontro è presente anche il Capitolo dei Carcharodons, inoltre alla Crociata Nera partecipa anche l’Ezekarion di Abaddon. Lheorvine Ukris, membro di quest’ultimo, muore proprio durante la battaglia di Mackan. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione; Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement; Index Astartes: Death Company; Imperial Armour – Volume Two: War Machine of the Adeptus Astartes; Imperial Armour – Volume Ten: The Badab War – Part Two)
813.M37: Il tecnoeretico Malforea il Pazzo costruisce una vasta struttura labirintica di vetro fantasma e sifoni eterici nel tentativo di sfruttare il potere del Warp per le sue macchine corrotte. Il labirinto ha l’involontario effetto collaterale d’intrappolare i Demoni, attirati verso il dispositivo solo per trovarsi persi tra svolte e intrecci multi-dimensionali. Quando il Principe Demone Kaslidi viene intrappolato, la sua rabbia scuote le fondamenta della struttura e ne diventa un centro di potere. Al loro arrivo, i Cavalieri Grigi trovano il tecnoeretico ormai reso marionetta di Kaslidi e il pianeta sull’orlo dell’incursione demoniaca. Per sconfiggere il Principe Demone, i Cavalieri Grigi entrano nel labirinto e danno la caccia ai Demoni intrappolati all’interno. Segue una battaglia di illusioni e riflessi, i confratelli circondati da volti demoniaci sfarfallanti e manifestazioni psichiche. Raggiungendo il centro del labirinto, il Justicar dei Cavalieri Grigi abbatte Malforea e manda in frantumi il volto in vetro-fantasma di Kaslidi, ponendo fine alla struttura e rispedendo i Demoni nel Warp. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
871.M37: Una flotta Eldar minaccia di distruggere gli enormi spazioporti di Midpoint nel Settore Argonnes. L’improvvisa apparizione della Roccia della Flotta Spada degli Angeli Oscuri sposta la battaglia a favore dell’Imperium. Gli Eldar si ritirano, ma non prima che la potenza di fuoco della Roccia annichilisca la loro nave ammiraglia e mezza dozzina di vascelli della loro flotta. Da quel momento, gli scafi spezzati e i cadaveri di entrambi gli schieramenti fluttuano nelle profondità del vuoto formando un cimitero eterno. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
883.M37: L’Ala del Corvo segue una pista che la conduce fino al Governatore Planetario di Zambeque, pianeta imperiale importante che talvolta viene ritenuto il cancello per il Settore Gotico. Prima che possano catturare il Governatore per interrogarlo, il pianeta dichiara apertamente la propria ribellione. La forza d’attacco degli Angeli Oscuri viene circondata sulla superficie di Zambeque dai traditori della Legione Alfa e solo il tempestivo intervento di metà dell’Ala della Morte previene l’annichilimento della 5a Compagnia. Il Governatore, un Angelo Caduto un tempo chiamato Fratello Solas, fugge con i propri alleati Space Marine del Caos rimasti. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
893.M37: I Poctroon diventano la prima razza senziente ad unirsi all’Impero Tau, nonostante nel giro di poche generazioni le malattie li distruggano. I Tau, la cui fisiologia è fortunatamente immune alla peste, ereditano il mondo natio dei Poctroon e lo trasformano nel pianeta Primus di ciò che diventerà la Setta Bork’an. I Nicassar sono la prima razza ad unirsi all’Impero Tau e sopravvivere abbastanza a lungo da affermarlo. (Codex Impero Tau 6a Edizione)
956.M37: I Massacri di Caduta del Cielo. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione, Codex: Space Marine 6a Edizione)
984.M37: La lama di Vect. Il sottoreame di Shaa-dom cresce in influenza e potere finché l’Arconte El’uriaq, autoproclamatosi Imperatore di Shaa-dom, dichiara di avere più diritto al trono rispetto ad Asdrubael Vect. Vect annuncia pubblicamente che tutti gli abitanti di Shaa-dom proveranno il filo della sua spada, con grande divertimento delle ben note forze d’élite di El’uriaq. Tre giorni dopo una frattura warp si apre improvvisamente sopra il regno satellite e una nave da battaglia imperiale in fiamme precipita nel cuore nascosto della città prima che i motori warp esplodano. Il palazzo-fortezza di El’uriaq viene distrutto e dalla frattura nel Warp fuoriesce ogni sorta di entità demoniaca che invade la città. Nel giro di una settimana il regno infestato di Shaa-dom è ridotto in tizzoni fumanti. Si dice che Vect si sia concesso un raro sorriso nel momento della sua caduta. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
987.M37: Inseguendo Fratello Solas, l’intera Ala del Corvo degli Angeli Oscuri si schiera sulle pianure di Picus, un mondo agricolo nel sottosettore Orar. Tutti i dieci Dark Shroud si uniscono alla caccia, portando sul pianeta un manto d’oscurità innaturale visibile dall’orbita. Nonostante i loro sforzi, Fratello Solas sfugge nuovamente e i rapporti indicano che Cypher in persona possa aver aiutato Solas a scappare. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
M37: Abaddon conduce degli esperimenti su degli Space Marine lealisti presi come prigionieri, tentando di corrompere le loro anime e spezzare la loro volontà. Nelle profondità del Warp, crea una prigione di menzogne e oscurità in cui i lealisti sono costretti a fronteggiare echi contorti della realtà osservando il loro amato Imperium mentre cade nel Caos ancora e ancora. Alcuni si tolgono la vita e ad altri viene impedito, ma alla fine chi resta in piedi abbandona ogni speranza e giura fedeltà al Distruttore. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
999.M37: L’Ottava Crociata Nera. Abaddon il Distruttore completa un complesso rituale di morte in nome di Tzeentch. Su vari mondi sparsi per il Segmentum Obscurus, i cittadini imperiali vengono macellati in numeri ben precisi e in rituali esoterici. Innumerevoli mondi diventano saturi di morte e la Legione Nera viene fermata solo quando l’Inquisizione riesce a comprendere i codici secondo cui i Caotici agiscono. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)

M38

M38: Nel corso del millennio, vengono lanciate mille Guerre di Fede per tutto l’Imperium. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
M38: Dei Terminator dei Supplizianti abbordano il relitto spaziale Anima della Dannazione mentre si muove pericolosamente vicino ai mondi interni del sottosettore Scelus. Nelle profondità del relitto, essi scoprono una camera di stasi contenente un singolo sarcofago. All’interno trovano un antico Space Marine dei Lupi Lunari. Quando viene risvegliato e gli viene rivelato cosa sia successo alla sua Legione, lui si riempie di rabbia e prendere uno dei velivoli dei Supplizianti prima di sparire nel vuoto. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
034.M38: Il Risveglio della Mareadisangue. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
112.M38: Il Giudizio di Basillius. Dopo aver purificato più di quattrocento mondi nell’Occhio del Terrore, i sopravvissuti alla Crociata Abissale ritornano nello spazio imperiale. Senza fermarsi a reclamare gli onori dovuti per una Crociata così protratta e di tanto successo, il Maestro Capitolare Konvak Lann delle Spade Vorpal dichiara che San Basillius sia un falso idolo e che la sua adorazione equivalga al tradimento. Lann accusa con ragione, poiché Basillius è realmente un servo del Caos. Tutti i sepolcri, santuari e devoti del falso santo vengono eliminati in meno di un anno. Dopo l’esecuzione del santo, le sue ossa, oltre a innumerevoli reliquie, libri della dottrina e migliaia di fedeli vengono raccolti su un’enorme nave da carico in rovina e lanciati in una vicina stella. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione, Codex: Space Marine 6a Edizione; Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
116.M38: Gli Eldar dell’Arcamondo Il’sariadh ricevono una visita da parte di una grande troupe di Arlecchini. I danzatori-guerrieri offrono assistenza agli abitanti dell’Arcamondo nella loro guerra contro gli umani adoratori dei Demoni appartenenti al Collettivo Viliad. Vengono effettuate le tradizionali performance pre-battaglia degli Arlecchini. Nel loro ipnotico spettacolo che segue, il Solitario – il solo a poter interpretare il ruolo di Slaanesh – comincia ad allontanarsi dai soliti modelli sacri. Con attonito orrore dell’élite Eldar presente, il Solitario afferra il guerriero che interpreta il Grande Arlecchino proprio mentre dovrebbe sfuggire alla presa di Slaanesh e gli spezza il collo. Schiamazzando follemente, il Solitario si getta in avanti, diventando un Demone simile a un fantasma che arde di fuoco magico. I testimoni stregati, i loro sensi aperti agli incantesimi del Mutaforma, sono troppo lenti per fermare il Demone dall’evocare un vecchio alleato nel corpo spezzato del Grande Arlecchino. La Maschera di Slaanesh sboccia nell’esistenza con un assordante grido di trionfo. I loro sensi infranti, gli Eldar diventano preda facile. Gli Araldi demoniaci portano il loro disprezzo su Arlecchini e abitanti dell’Arcamondo prima di aprire un portale per una sezione infestata della Rete permettendo ad altri Demoni di unirsi. Benché l’arrivo di una schiera di Guerrieri d’Aspetto salvi l’Arcamondo da un’invasione demoniaca su vasta scala, il cuore di Il’sariadh viene a tutti gli effetti strappato via con la perdita dei suoi abitanti migliori e più brillanti. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
182.M38: L’ultimo atto di Lord Korscht. Il tre volte decorato Sommo Inquisitore Korscht dell’Ordo Xeno prevede l’incursione dei Drukhari sul mondo industriale Demoisne. Quando la Cabala dell’Immortalità Negata appare nello spazio reale sovrastante il pianeta, viene accolta non solo dalla potenza di fuoco di seicento cannoni quad e cannoni laser Icaro, ma anche dalla furia di una Compagnia della Deathwatch. I Drukhari si ritirano a mani vuote pochi minuti dopo il loro arrivo. Korscht manca al rapporto post battaglia ed il suo complesso sotterraneo fortificato viene controllato. I resti dell’Inquisitore sono sparpagliati accuratamente su ogni pagina di ogni tomo occulto della sua biblioteca. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
220.M38: Il Capitolo dei Grifoni Urlanti effettua le preparazioni per la celebrazione del 5000° anniversario della propria Fondazione. Il Maestro Capitolare Orlando Furioso e la Prima Compagnia si dirigono verso il mondo capitolare, ma Periclitor e le sue schiere eretiche attaccano la nave su cui viaggiano nei pressi del Faro di Arios. I Grifoni Urlanti sono costretti ad abbandonare la nave con Thunderhawk e capsule di salvataggio dirette verso Arios Quintus, luogo in cui la battaglia continua. I sopravvissuti vengono macellati e i seguaci di Periclitor impalano il cadavere di Furioso sul muso della sua Thunderhawk, poi impostano i suoi transponder affinché segnalino la sua posizione a chiunque passi attraverso il sistema. Il resto del Capitolo dei Grifoni Urlanti ritrova Furioso un mese dopo. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
227.M38: Waaagh! Tizpakko. L’Orko Gran Kapoguerra Tizpakko, famoso per uccidere chiunque osi insinuare che egli sia una specie di Tipo Ztrano, dichiara una Waaagh! proprio contro la frattura spaziale color vermiglio che si è aperta sopra il mondo di Zpakkalo. Lui e i suoi Ragazzi emergono nel porto commorrita di Sanguenero, con gran sorpresa della Cabala autoctona. La tempesta di violenza che ne risulta porta migliaia di Orki nelle contorte strade di Commorragh. La guerra scoppia velocemente quando la Città Oscura volge le proprie attenzioni all’invasione pelleverde, isolando sistematicamente ogni contingente di Orki per distruggerlo un pezzo alla volta. Tuttavia ciascuna Cabala è così intenta a cercare di sfruttare a proprio vantaggio la situazione inaspettata che gli Orki provocano molti più danni di quanto si pensasse possibile. Svariati distretti di Commorragh crollano o bruciano sotto le ondate di pelleverde ululanti. Alla fine gli Orki vengono circondati e oltre 10.000 sono catturati nel distretto delle Furie. L’orgia di violenza che ne scaturisce riempie le arene di quel quartiere per una quindicina di giorni. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
273.M38: Periclitor corrompe e porta tra le braccia dei poteri perniciosi il Pedagogo di Santità IX. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
276.M38: Wilhelmus Scarafus Donblair, dopo essersi vantato molte volte pubblicamente d’essere il miglior cacciatore della galassia, giura di cacciare il Diavolo Catachano. Organizza una spedizione e, una volta arrivato su Catachan, recluta alcune persone del luogo come guide, ma le uniche disposte ad assumersi questa responsabilità sono fuori di testa. Le spedizione raggiunge la Valle della Morte e non torna mai più. Tempo dopo, l’adepto Skanislav Devskya ritrova l’unica pagina rimasta degli appunti che Wilhelmus raccolse su fauna e flora locali. (Codex: Cataciani 3a Edizione)
299.M38: Sul climax della Crociata Altid, gli Angeli Oscuri si dedicano all’assalto di Altid 156, un pianeta popolato da coloni-pellegrini che da tempo hanno respinto il dominio della Terra dichiarandosi indipendenti. Il concilio della crociata ordina ad un singolo reggimento di Guardia Imperiale di assaltare i coloni ribelli, ma gli Angeli Oscuri, agendo secondo informazioni che rifiutano di condividere con il concilio, insistono affinché attacchino loro stessi. Il concilio si trova senza scelte e acconsente. Gli Angeli Oscuri organizzano una forza di tre squadroni dell’Ala del Corvo, cinque squadre dell’Ala della Morte e cinque squadre della 5a Compagnia, oltre a vari veicoli di supporto. La discesa iniziale viene condotta dall’Ala del Corvo, la quale si disperde attraverso le radure della zona equatoriale. Entro sei ore, il distaccamento dell’Ala del Corvo riporta la localizzazione della base principale dei coloni, quindi la seconda fase dell’assalto viene avviata secondo le dottrine del Capitolo. Mentre l’Ala del Corvo inchioda il nemico, la 5a Compagnia si schiera tramite cannoniere Thunderhawk. Essa stabilisce un cordone attorno alla base e attacca le posizioni nemiche. Poi, in risposta ai segnali dell’Ala del Corvo, l’Ala della Morte si teletrasporta direttamente nel quartier generali dei coloni, assaltando immediatamente i difensori. Quando la battaglia raggiunge il proprio picco, l’Ala della Morte incontra il nemico per cui sono realmente venuti. Non i coloni separatisti, bensì il loro leader: Elucidax il Custode, un eretico noto per aver ispirato dozzine di ribellioni attraverso il quadrante. Gli Angeli Oscuri, però, lo conoscono anche con un altro nome: Zeriah, un tempo Capitano della 14a Compagnia d’Assalto della Legione degli Angeli Oscuri. Zeriah si rivela un nemico formidabile e uccide una dozzina di Angeli Oscuri prima d’essere ferito mortalmente da un colpo di cannone d’assalto che lo priva di metà del propri torso. L’Ala del Corvo lo cattura e lo trasporta sulla Roccia. Si dice che il Cappellano Interrogatore Asmodai sia stato capace di estrarre un confessione dall’Angelo Caduto, portando alla cattura dell’intera banda di Zeriah. Ciononostante, Zeriah rifiuta l’ammissione del peccato d’essersi unito a Luther nella ribellione contro la propria Legione e viene imprigionato per sempre in una cella in completa solitudine. (Codex: Angeli Oscuri 4a Edizione)
335.M38: l’Ombra del Silica Animus (Codex: Skitarii 7a Edizione)
342.M38: Si apre una fenditura Warp nei pressi del Settore Bethsamnel. (Apocalisse 4a Edizione)
437.M38: Eldar Esploratori di Ybraesil aiutano i coloni imperiali a sconfiggere un attacco di Eldar Oscuri predoni. (Missioni Operative 5a Edizione)
456.M38: L’832° Lord della Casata Hawkshroud riceve l’aiuto della Guardia di Ferro Mordiana contro le razzie dei Drukhari. Le truppe Mordiane, comandate dal Colonnello Vargrif, aiutano a difendere la roccaforte Hawkshroud sventato un tentativo di rapimento della consorte di Lord Hawkshroud. Da quel giorno, i Cavalieri della Hawkshroud si sentono in dovere d’aiutare qualsiasi discendente della linea di sangue di Vargrif in qualsiasi momento di bisogno. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
463.M38: La Caccia ad Andronicus. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
Ca. 500.M38: Angron, Primarca dei Divoratori di Mondi, fuoriesce dall’Occhio del Terrore e conduce un’orda di cinquantamila Berzerker di Khorne. Per circa due secoli i Divoratori di Mondi bruciano e macellano tre dozzine di sistemi, poi la guerra e la ribellione si espande attraverso settanta settori nel corso di ulteriori due secoli. Dopo un totale di sette secoli, il novanta percento dei settori coinvolti ritorna sotto il dominio della legge Imperiale e termina l’epoca nota come Dominio del Fuoco. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
514.M38: Guerra nella Rete. Gli Eldar di Ulthwé e la Cabala del Coltello di Giada di Commorragh si battono per predominio fra i bracci distrutti della Rete. Solo quando il conto dei morti diviene insostenibile si dichiara un’instabile tregua. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
M38: La Legione Nera razzia il mondo desertico Sanisor, rendendo rossi come il sangue i suoi grandi oceani di dune. Nel Canyon Vento del Warp, i traditori innalzano un dispositivo torreggiante fatto di pelle e metallo, simile alla vela insanguinata di una nave. I Demoni vengono attirati sul pianeta per nutrirsi, le loro fauci intente a succhiare le anime catturate dalla grande vela di pelle. Quando il 232° Cadiano approda su Sanisor, lo trovano brulicante di Demoni come mosche intorno a un cadavere in putrefazione. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
573.M38: La Nona Crociata Nera del Signore della Guerra Abaddon. Intenzionato ad abbattere la fortezza navale Cancephalus, Abaddon guida la propria Nona Crociata Nera contro la popolazione del vicino Antecanis. Il Formicaio Monarchive, sede del comando imperiale planetario, viene assediato dall’avanguardia di Abaddon. I Legionari Neri bruciano e macellano attraverso i livelli inferiori, mentre Abaddon attacca il sanctum interno. La popolazione del formicaio viene lentamente diminuita e i rinforzi della Guardia Imperiale arrivano quando ormai la Crociata ha abbandonato il pianeta, lanciando una dozzina di testate cicloniche contro le rovine di Monarchive come ultimo gesto di sprezzo. Nella guerra di diciassette anni che segue, sia Antecanis che Cancephalus vengono privati del proprio personale. Senza le flotte di Cancephalus a fermarlo, Abaddon razzia il resto del Settore liberamente. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione; Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
M38: Quasi ottomila anni dopo l’invio, gli Stregoni della Legione Nera vengono raggiunti da una richiesta d’aiuto proveniente da una compagnia perduta di Lupi Lunari. Abaddon viaggia fino a raggiungere le coordinate nel messaggio trovando i propri antichi fratelli mutati in una contorta parodia della Legione, il loro seme genetico deviato tramite rituali primitivi e convivenza con i nativi del pianeta su cui si trovano. Non aspettandosi pietà, i Lupi Lunari corrotti sono sorpresi quando Abaddon li accoglie nella Legione Nera. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
606-792.M38: La prima campagna prolungata contro gli Orki. I Tau subiscono numerose sconfitte, ma alla fine riescono ad eliminare i pelleverde grazie in parte ai prototipi di fucile a impulsi della Casta della Terra. Viene fondata la Setta Dal’yth. (Codex: Impero Tau 6a Edizione)
666.M38: Il Tetro Raccolto. Una flotta di relitti deformi esce dal Warp nelle prossimità della Terra. Alcune delle navi contorte e fuse possono essere identificate come i vascelli che trasportavano i pellegrini della Crociata Perduta. L’Inquisizione lavora alacremente per nascondere l’esistenza della flotta e il suo carico di abomini. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
666.M38: Tre Gran Maestri dell’Ala del Corvo vengono persi in un singolo anno, ognuno ucciso durante le ricerche di un gruppo di Angeli Caduti. Ciò segna l’inizio di un periodo senza precedenti lungo due decadi durante il quale l’Ala del Corvo rimane senza un Gran Maestro. Nel corso di questo periodo, all’Ala del Corvo vengono dati ordini diretti da parte del Maestro della 2a Compagnia degli Angeli della Vendetta, mentre gli Angeli Oscuri attendono finché un candidato adatto non viene trovato all’interno dei loro ranghi. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
717.M38: Rinuncia alla bellezza. Una nuova moda imperversa a Commorragh e presto ogni membro delle casate nobili paga per farsi sfigurare orribilmente. Gli Homunculi diventano improvvisamente alla moda e lo considerano un buon periodo, ma la cosa si rivela essere di breve durata. Il Tempo della Ricostruzione porta ad affari ancora migliori e pesanti sospetti cominciano ad affiorare. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
733.M38: Il Signore della Guerra Demetrius dell’Astra Militarum afferma la superiorità del proprio esercito rispetto a quello dei suoi nemici durante la Crociata di Salonika. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
789.M38: Alla vigilia del Candlemass, gli Dei del Caos donano una visione del futuro a Periclitor, la quale gli promette il dono dell’ascesa demoniaca nel caso in cui lui continui a servire il Caos. Desideroso delle benedizioni caotiche, Periclitor lancia un attacco a sorpreso verso il pianeta Bray teletrasportandosi insieme ai propri seguaci direttamente nella grande Cattedrale. Periclitor appare alle spalle del Cardinale, il quale riceve prontamente una lama nel cuore. Le persone nella Cattedrale vanno nel panico, ma a quel punto Periclitor e i suoi abbandonano il pianeta, lasciando Bray con la convinzione che tali nemici possano attaccarli quando e dove vogliano. Quell’attacco mette in moto una terribile concatenazione di eventi che nel corso dei tre secoli successivi porta il pianeta Bray alla ribellione contro l’Imperium.(Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
799.M38: Pandaimon tradito. Il regno satellite transdimensionale di Pandaimon dichiara l’indipendenza da Commorragh, facendo scattare immediatamente una grande guerra tra l’Arconte Qu, Signore delle Spine di Ferro, e la Cabala del Cuore Nero. Qu è preparato all’attacco di Vect, ma non al tradimento della propria, la quale si rivela essere una delle molte cortigiane di Vect. La guerra civile infuria per settimane, ma alla fine il regno di Pandaimon viene consegnato nelle mani del Tiranno di Commorragh. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
831.M38: forze eldar aiutano le forze imperiali su Zystain Alfa per sconfiggere la Waaagh! Grimshak. (Missioni Operative 5a Edizione)
844.M38: Al fine di combattere gli Orki, viene stretta la fortuita alleanza tra Tau e Kroot. Nel giro di un decennio, la Casta dell’Acqua stabilisce ambasciate su Pech, il mondo capitale del regno dei Kroot.
4.543.848.M38: Il Tecnoprete Machinomante Pilamist e l’Inquisitore Abhorrun studiano gli artefatti Eldar ritrovati nel Settore Trojan, poi inviano i risultati al Magos Xenologis Frantix. (Codex: Eldar 3a Edizione)
873.M38: Il 22° Elysiano partecipa all’Incidente di Skopios. (Chapter Approved 2003)
931.M38: Il relitto spaziale Ultimo Duca dell’Inferno emerge schiantandosi sulla superficie di Berequel Tertia, causando un’estinzione di massa. Molti dei dignitari più preziosi del pianeta riescono a salvarsi rifugiandosi in bunker sotterranei mentre l’incubo conglomerato brucia attraverso l’atmosfera. Benché si credano al sicuro dal disastro, ben presto i dignitari si accorgono del contrario quando gli Space Marine Rinnegati della Purga emergono dal cuore del relitto e iniziano a dare loro la caccia. Il Capitolo dei Signori del Fuoco riceve una richiesta d’aiuto e devia la propria crociata per atterrare su Berequel. Le loro Coorti Spezzassedi scavano buchi nel roccemento del relitto, conducendo un assalto massivo dritto nell’oscura camera che funge da ponte di comando. Segue una battaglia ravvicinata e, sebbene i Signori del Fuoco perdano vari Centurion, la morte del Condottiero del Caos Doluthec assicura la sconfitta del nemico. (Dataslate: Centurion Siegebreaker Cohort)
933.M38: Una lezione raccapricciante. Durante la campagna prolungata di Fossacomune, il 121° Cadiano d’Elite (famoso in tutto il Segmentum Ultima come “Ammazza Eldar”) scompare senza lasciare la minima traccia. Settimane dopo migliaia di corpi umani senza testa e senza braccia, recanti tatuaggi dell’Aquila imperiale, vengono trovati a vagare tra le strade del Distretto delle Cripte di Commorragh, lamentandosi, incespicando e andando a sbattere l’uno contro l’altro prima di essere eliminati da un gruppo di Ossessi cacciatori. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
6.129.967.M38: L’Imperium incontra per la prima volta Kruellagh, Arconte della Cabala del Teschio Scorticato, nota anche come Signora dei Teschi. Tempo dopo, lo scriba Parchett si occupa di redigere un rapporto dedicato alle informazioni note su di lei, riportando anche le testimonianze visive del Caporale Mossman del 87o Reggimento Sangueblu. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
986.M38: Oltre mille anni dopo il proprio tradimento nei confronti dell’Imperium, i Cavalieri della Casata Drakon riemergono alla testa di una corrotta orda di macchine demoniache create dal Mechanicum Oscuro. Le mostruosità vengono alla fine sconfitte tra le rovine dissacrate del mondo forgia Solemnium, dopo che il Capitolo delle Mani di Ferro li ingaggia in battaglia. Tuttavia, sono le azioni di un singolo Cavaliere Lama Errante a determinare il corso della guerra. Conosciuto solo come Giustizia, la Lama Errante dimostra un’eccellente talento nella distruzione dei Cavalieri traditori guadagnandosi ben sette uccisioni confermate. Iniziano a circolare voci sui motivi per cui il Cavaliere solitario sia così tanto capace a combattere i propri simili, ma le Mani di Ferro mantengono il segreto sull’enigmatico passato di Giustizia. Sebbene i Cavalieri della Casata Drakon riescano a ritirarsi, i loro numeri vengono decisamente diminuiti. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)

M39

001.M39: La Decima Crociata Nera, nota anche come il Conflitto di Helica. Abaddon e i Guerrieri di Ferro di Perturabo attaccano il Settore Helica. Mentre la Legione Nera attacca la capitale Thracian Primaris, i Guerrieri di Ferro concentrano il proprio attacco contro le Mani di Ferro per saldare un vecchio debito di sangue. In una serie di assedi pieni di risentimento, i Guerrieri di Ferro danno alle fiamme i pianeti del Sistema in cui si trova Medusa, spingendo le Mani di Ferro verso la distruzione. Con preziose informazioni sulle difese di Medusa, Abaddon e i Guerrieri di Ferro si ritirano solo quando i lealisti ricevono grandi rinforzi. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement; Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
018.M39: Il Sommo Etereo, Aun’Wei della Saggezza Sussurrata, dà il segnale per inaugurare la Seconda Sfera di Espansione da tempo programmata. Il discorso di Aun’Wei diventa famoso e si conclude con “il cenno che lanciò milioni di navi”. Con i progressi nella tecnologia di propulsione ed un impero spaziale ormai solido, la seconda espansione è segnata da molti contatti con alieni e conflitti su scale più grandi. (Codex: Impero Tau 6a Edizione)
053.M39: Il pianeta Vespid viene assorbito dalla Setta D’yanoi. Da tempo era corteggiato dalla Casta dell’Acqua, che non riusciva ad ottenere altro che accordi per il commercio del cristallo. Nel giro di pochi giorni dal coinvolgimento degli Eterei, i leader dei Vespid si convertono apertamente al Bene Superiore. (Codex: Impero Tau 6a Edizione)
103.M39: Cataclisma Mausoleano. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
131.M39: Le Crociate della Redenzione. In ognuno dei Segmenti emerge un grande eroe. Questi guerrieri sono come gli antichi Primarchi e i loro sforzi combinati estendono i confini dell’Imperium più lontano di quanto siano mai stati negli ultimi cinquecento anni circa. Poi, all’improvviso, i cinque eroi scompaiono senza lasciare traccia e ciò convince l’Ecclesiarca Inovian III a dichiararli santi ritornati al fianco dell’Imperatore. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione)
Ca. 176.M39: Numerose flotte nomadi composte da curiose navi conchigliformi, piuttosto simili alle Flotte Alveare, vengono avvistate nei Segmentum Tempestus e Ultima nel tardo M38. Da queste navi fuoriescono creature centauroidi che si rivelano capaci di comunicare telepaticamente con altre specie. Tali creature dicono d’essere schiavi fuggiti ai propri oppressori, ma i loro numerosi contatti con altre specie xeno e i loro tentativi di insediarsi nello spazio imperiale fanno sì che, all’inizio del M39, l’Imperium li dichiari Xenos Horribilis. Iniziano le guerre Zorastra-Attila. Molto tempo dopo, nel M41, l’Imperium classifica questi xeno come la Flotta Alveare Colossus. (Codex: Tiranidi 4a Edizione)
187.M39: In seguito alla ribellione del pianeta Bray, l’intero sottosettore Trans-Kurani sprofonda nella guerra civile, poi il conflitto si espande nell’intero settore coinvolgendo reggimenti di Astra Militarum, Capitoli di Space Marine e flotte della Marine Imperiale. Si scatena il conflitto noto come Guerre della Decima, al culmine del quale Periclitor ascende diventando un Principe Demone alato. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
226.M39: Le difese orbitali di Zorastra distruggono l’ultima bio-nave della Flotta Alveare Colossus. (Codex: Tiranidi 4a Edizione)
272.M39: La fine di Disperazione. Il pianeta di frontiera Disperazione sparge involontariamente i semi della propria distruzione nel momento in cui invia un messaggio astropatico che descrive un’invasione di progenie demoniache. In realtà il pianeta è stato scelto come teatro di prova per le ultime invenzioni dei Figli delle Ossa, un gruppo di Homunculi specializzati nella creazione di enormi Grotteschi. Dopo aver messo sottosopra le città del pianeta, i Drukhari scompaiono con olonastri delle loro creature al lavoro. Alcuni anni dopo le navi imperiali che entrano nell’orbita di Disperazione classificano i nativi come eretici oltre ogni speranza di recupero, in quanto adoratori dei Figli delle Ossa anziché dell’Imperatore. Gli abitanti combattono con ferocie tenacia poiché temono i Drukhari molto di più delle truppe imperiali, tuttavia il mondo viene purificato nel giro di una settimana. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
M39: Nelle profondità dell’Occhio del Terrore, Abaddon scopre un antico cantiere navale alla deriva nel Warp. Tra le rampe arrugginite e le decadenti torri manufactorum, il Signore della Guerra trova un vascello semicostruito, la sua progettazione grande e terribile. I suoi Artefici del Warp esaminano la nave, meravigliati dalla sua oscura maestosità, poi promettono che, una volta completata, sarà la rovina dei pianeti. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
301.M39: L’Undicesima Crociata Nera. La flotta di Abaddon il Distruttore si perde nel Warp, ritornando nello spazio reale trovandosi nel bel mezzo del percorso della Waaagh! Murgor. Tra le rovine di Relorria, la Legione Nera affronta gli Orki in un conflitto che continua per mesi, dopodiché Abaddon decide di lasciare Relorria al proprio destino e la Legione Nera ritorna nell’Occhio del Terrore, ma non prima di riempire le proprie stive con esemplari d’Orko catturati. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement; Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
M39: Il Maestro Capitolare delle Spade Selvagge viene condotto in un sentiero di punizione e sangue quando crede erroneamente che il Governatore Planetario di Hyboras abbia rubato l’antica lama reliquia del Capitolo. Il suo Capitolo commette una serie di atrocità sul mondo ferale, ma il Maestro Capitolare realizza l’estensione della propria follia solo quando si siede sul trono macchiato di sangue del Governatore. Quando la Legione Nera arriva, le Spade Selvagge sono già cadute nella venerazione di Khorne e si uniscono ad Abaddon con entusiasmo. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
330.M39: In una singola generazione, il pianeta ereticamente progressivo Thruscas Sine eradica tutte le malattie naturali dalla propria popolazione. Nurgle è offeso e infesta il mondo da polo a polo; si materializzano Nurglini, Untori, Mosche della Peste e alla fine un gioviale Grande Immondo. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
7.335.332.M39: L’Inquisitore Bastalek Grim indaga sul pianeta Kethra, situato nell’omonimo sistema. Scopre una cospirazione volta a ribellarsi contro l’Imperium e ne traccia l’origine fino al Governatore Planetario e ai più vicini ufficiali e ministri, perciò richiede l’aiuto dell’Officio Assassinorum, ma questo non risponde. A quel punto decide di richiedere l’assistenza del Capitolo delle Pantere Bianche. Gli Space Marine abbattono le difese planetarie e si fanno strada fino al Palazzo del Governatore uccidendo lui e i suoi consiglieri. Quando la Pantere Bianche ritornano sulla propria nave e abbandonano il sistema, l’Inquisitore Grim redige un rapporto sull’operazione dispiacendosi del fatto che la mancata risposta dell’Officio Assassinorum non abbia permesso di risolvere la situazione in modo molto più pulito e silenzioso. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
Ca. 367.M39: San Drusus diventa primo Lord del Settore Calixis. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
4.784.373.M39: L’Imperium archivia la registrazione di un discorso di Asdrubael Vect scoperta sul sito del Massacro di Delta 9. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
383.M39: Nonostante le riserve della Casta della Terra, che intende studiare la letture inesplicabili dei sensori, il pianeta N’dras viene scelto dal consiglio degli Eterei come mondo Primus di una nuova setta. (Codex: Impero Tau 6a Edizione)
407.M39: La millenaria guerra di Midian finisce con la Pax Veritas. Quella notte, sotto una luna rossa, ogni soldato celebrante viene improvvisamente decapitato da una lama invisibile. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
417.M39: muore il Duca Severus, uno degli uomini più importanti del Settore Calixis. (Only War, Regolamento base)
417.M39: Muore San Drusus dopo cinquant’anni di consolidazione del potere dell’Imperium all’interno del Settore Calixis. (Dark Heresy: Blood of Martyrs)
433.M39: Il pianeta Krieg si proclama indipendente. Il Colonnello Jurten, comandante del 83° Reggimento di Difesa Planetaria, riunisce tutti i soldati ancora fedeli all’Imperium e risponde alla ribellione, liberando l’orrore del bombardamento atomico su coloro che avevano voltato le spalle all’Imperatore. (Only War, Regolamento base)
436.M39: Una nave spaziale eldar distrugge la Stazione Orbitale di Difesa “Signore dei Cieli” che gravita su Percles III. (Missioni Operative 5a Edizione)
453.M39: Gli Ultramarine partecipano alle Crociate Pyra. Fratello Ultracius viene benedetto con l’armatura Dreadnought. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
487-492.M39: Lilesh Snarelust, un Principe Demone Slaaneshita, organizza una vasta incursione demoniaca attraverso una serie di mondi imperiali vicini alla Luna degli Incubi. Non volendo permettere a tali nemici d’avvicinarsi troppo al loro arcamondo, gli Eldar di Saim-Hann rispondo con l’aggressione, rischiando tutto nella battaglia contro le legioni del Principe Oscuro. Nel corso dei cinque anni successivi, i Cavalcavento di Saim-Hann riescono sistematicamente a superare strategicamente coloro che si dimostrano leali alla corte di Slaanesh. A un certo punto, il noto Nuadhu di Saim-Hann coinvolge Lilesh Snarelust nella battaglia situata nella roccaforte nemica, il Santuario dei Peccati. Le ancelle di Lilesh cercano di intervenire, ma la moto a reazione di Nuadhu le tiene a bada con le salve di shuriken. Balzando dalla moto, Nuadhu pianta la leggendaria Lancia Celestiale nel cuore di Lilesh, spezzandone l’anima e bandendolo nel Warp. I Demoni di Slaanesh rimanenti e gli adoratori del Caos mortali vengono macellati senza pietà. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
519.M39: Mentre cercano di seguire la scia di Cypher, gli Angeli Oscuri scoprono un prete pazzo chiamato Alldric il Sovvertitore. L’eretico visionario ha portato una striscia di pianeti sui bordi della Regione Velata a ribellarsi contro l’Imperium. Entro una decade, gli Angeli Oscuri e vari Capitoli Successori sopprimono le insurrezioni di cultisti e uccidono i loro leader. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
3.478.547.M39: L’Imperium recupera alcuni campioni di armi da mischia Drukhari sul sito della Battaglia di Regi IV per effettuarne degli studi. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
564.M39: Si apre una fenditura Warp nei pressi del sottosettore Ghostmare, situato nel Settore Syranius. (Apocalisse 4a Edizione)
616.M39: I ladri delle nebbie ghiacciate. Sul pianeta ghiacciato Fenris, le reclute Space Marine cominciano a scomparire durante la Caccia Solitaria. In ogni aspirante è stato impiantato il seme genetico di Leman Russ è solo i più forti possiedono la volontà di ferro sufficiente ad impedire che esso devasti i loro corpi e li trasformi per sempre in bestie. I Sacerdoti del Lupo notano che un numero senza precedenti di questi aspiranti mancano all’appello e dopo aver pattugliato le zone selvagge di Asaheim senza ottenere nulla, concentrano la loro attenzione sullo spazio. Scoprono quindi che una flotta di Eldar Oscuri è stazionata sopra le vette ghiacciate del vicino pianeta Midgardia. I Lupi Siderali effettuano un’invasione fulminea, le loro Thunderhawk discendono su lingue infuocate per dare battaglia agli xeno presenti. Gli Astartes combattono con la furia delle tempesta, ma congreghe di Homunculi ivi stazionati scompaiono nella nebbia, mentre la loro risata distante e canzonatoria si affievolisce sempre più. I Lupi Siderali scoprono una serie di stanze bianche che discendono in profondità nella crosta del pianeta; sono tutte disabitate, ad eccezione di bruti incoscienti fatti di muscoli e pelo e somiglianti al Primarca Leman Russ incarcerati in capsule tubolari. Tutt’oggi i Lupi Siderali non parlano degli avvenimenti di quel giorno. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
645.M39: I Templari Neri combattono nella Crociata Jerulas per sottomettere un sistema rimasto a lungo isolato. Il mondo formicaio Jerulas si rivela essere il pianeta più ostico da sottomettere e l’Artefice Simagus dei Templari Neri scopre gli schemi per la produzione di una variante di Land Raider che tempo dopo diventa ufficialmente il Land Raider Crusader. Le informazioni archiviate su questa Crociata rimangono confuse e non è possibile stabilire chi l’abbia realmente comandata, poiché l’unica fonte di informazioni disponibile pone il comando nelle mani del Maresciallo Supremo Ludoldus definendolo il veterano della Crociata Vinculus, nonostante tale conflitto sia avvenuto oltre duemila anni più tardi. (Codex: Templari Neri 4a Edizione)
5.218.694.M39: Pirati Drukhari attaccano il Sistema Jericho nel Settore Spartus. Perdono la vita 3200 soldati della forza di difesa e 1600 civili; vengono catturati 1500 soldati della forza di difesa e 16800 civili. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
5.354.699.M39: Nei pressi del Settore Spartus vengono ritrovati i resti di un convoglio imperiale diretto verso Vistro. Viene riportata la distruzione di quattro navi scorta, di dodici navi mercantili e dell’Incrociatore Giudizio della Marina Imperiale. In più, viene riportata anche la distruzione di due vascelli Drukhari recuperati per successivi studi e la perdita di ogni carico trasportato dalla spedizione imperiale. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
5.685.705.M39: Pirati Drukhari attaccano il mondo forgia Stratix nel Settore Spartus e rubano una quantità non divulgata di armamento militare. Le perdite risultano basse per entrambi gli schieramenti. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
5.233.709.M39: L’Imperium perde i contatti con Banelund XI nel Settore Spartus. Successiva investigazioni rivelano la scomparsa o la morte di ogni singolo abitante del pianeta. L’Inquisizione scopre anche un edificio d’origine xeno che classifica come un portale di fattura Eldar. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
5.354.719.M39: La Marina Imperiale si scontra con i Drukhari nell’orbita di Jurn nel Settore Spartus. Gli Eldar perdono dodici vascelli, mentre la Marina riporta la perdita della nave da guerra Forza Eccessiva e degli incrociatori Pia Vittoria e Grande Sforzo. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
5.235.723.M39: L’Assimilator Minor Mikael Spear dell’Officio Monitoris del Settore Spartus invia all’Ammiraglio Borghi, stazionato nell’orbita di Bakka, un rapporto sull’attività piratesca Eldar nei pressi del Settore Spartus. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
756.M39: Il Big Mek Rokgrabba invade il mondo industriale Euthanatos. Le sue fortezze-asteroidi scaricano così tanti Orki che i difensori del pianeta vengono rapidamente sopraffatti. Rokgrabba, un “ezperto” di campi di forza, rinforza il complesso industriale primario chiamato Thansus con un gigantesco scudo d’energia semisferico. I mesi passano e la Guardia Imperiale contrattacca, ma nemmeno l’artiglieria pesante dei Dragoni di Brimlock riesce a penetrare lo scudo. La situazione diventa disperata quando Rokgrabba dedica le linee d’assemblaggio di Thansus alla creazione di Lattine Azzazzine, Zkatole di Morte e Kalpezta. A quel punto, i Draghi richiedono l’aiuto del vicino Medusa. Le Mani di Ferro del Clan Kaargul rispondono in forze. I Padri del Ferro analizzano le video-trasmissioni della guerra, osservando un dettaglio: i singoli guerrieri possono attraversare lo scudo senza problemi. Viene schierata una Coorte Spezzassedi, la quale cammina sotto il fuoco pesante attraversando la periferia della città fino a raggiungere il cuore del complesso industriale. Come previsto, oltrepassano lo scudo come fosse una leggera brezza perché si scopre che esso sia capace di respingere gli oggetti ad elevata energia cinetica, ma non quelli con un passo molto lento. Le Mani di Ferro seguono la Coorte Spezzassedi, dando guerra alle difese degli Orki. La fonte d’energia dello scudo viene conquistata e distrutta rapidamente, poi Euthanatos viene ripulito nel corso di una settimana. (Dataslate: Centurion Siegebreaker Cohort)
763.M39: Dopo l’invenzione della variante Crusader del Land Raider da parte dei Templari Neri della Crociata Jerulas a la successiva adozione di questa variante da parte di altri Capitoli, l’Adeptus Mechanicus autorizza il suo progetto, assicurandone la sopravvivenza. (Codex: Space Marines 5a Edizione, 8a Edizione)
785.M39: La Guerra dell’Ingranaggio d’Oro. Il Fabricator General di Marte reclama il possesso delle ricchezze della Fortezza dei Senz’Anima, il covo del tempio Culexus. Una disastrosa guerra civile tra Terra e Marte viene scongiurata da un proiettile di un cecchino, ma l’artefatto conosciuto come Ingranaggio d’Oro viene lasciato nelle mani degli Skitarii. (Codex: Skitarii 7a Edizione)
888.M39: Quando una luna mietitrice appare nei cieli di Dalanthe, gli agricoltori ricordano le storie infantili dell’Infestasangue. Sebbene molti cittadini lo deridano per questo, la Lama Errante conosciuta come Vigilantus resta di guardia davanti al Sommo Templus di Dalanthe per tre mesi. Quando una fenditura Warp si apre durante una rivolta nella Piazza dell’Esecutore, un gigante d’ottone e ossa macella la popolazione, ma viene prontamente affrontato da Vigilantus. Il Cavaliere viene tranciato arto dopo arto, ma prima di cadere riesca a decapitare il Signore dei Teschi nemico con un colpo del proprio cannone termico, bandendolo nel Warp per altri mille anni. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
891.M39: Gli Angeli Oscuri compiono l’investigazione di un relitto spaziale appena materializzatosi fuori dal Warp e scoprono grossi elementi rinnegati conosciuti come Cleaved. Lo scontro che ne segue viene vinto quando le Squadre Assaltatrici, avanzando dietro a un trio di Dreadnought, riesce ad avvicinarsi abbastanza da posizionare cariche cicloniche nelle stanze dei motori. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)

M40

M40: Gli Space Marine del Caos della Confraternita dell’Oscurità partecipano all’Eresia di Qabbalis. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
M40: Glutgora, Principe Demone di Nurgle, invade il verdeggiante mondo agricolo Pilentos con un’immensa forza della Legione Nera. Mentre i traditori schiacciano ogni vestigia di resistenza imperiale, Glutgora si nutre delle vaste fattorie di vermi-seta, abbuffandosi della loro succulenta carne bianca. Dimostrandosi insaziabile, il Principe Demone consuma tutto sul proprio cammino, diventando gonfio della carne di vermi ed esseri umani. A un certo punto, Glutgora scoppia in una sanguinolenta pioggia di fluidi e milioni di Nurglini fuoriescono dal suo cadavere. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
M40: Nel tardo M40, la Lama Nera di Antwyr si manifesta su Tethys, una delle lune di Saturno. I Cavalieri Grigi ne uccidono l’antico utilizzatore e capiscono di non essere in grado di distruggere la Lama stessa. Valutando le opzioni, arrivano alla conclusione che gettarla nello spazio attirerebbe qualcuno verso di essa, mentre sigillarla su Titano inviterebbe solo i guardiani della camera alla corruzione, quindi decidono di darla in custodia al Castellano dei Purificatori affinché egli ne funga da guardiano finché la sua morte non porti il dovere di Guardiano della Lama al Castellano successivo. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
006.M40: I rinnegati della Schiera Perfetta invadono le miniere di adamantio di Vilidad Primus. Il 122° Destrieri Imeldani, un reggimento veterano assegnato alla sorveglianza della decima, effettuano un valoroso tentativo di fermare i rinnegati. La Schiera Perfetta posizione delle cariche nova modificate attraverso tutte le miniere di adamantio e i centri abitati sopra di esse. I Destrieri sopravvissuti affrontano ancora gli Space Marine del Caos, ma molti vengono uccisi. Quando risultano quasi estinti, viene riportato l’avvistamento di strani Space Marine nei distretti minerari che affrontano e respingono la Schiera Perfetta, non sapendo il loro nome: Legione dei Dannati. Il Visionario, leader della Schiera, si unisce al combattimento insieme a cento ancelle demoniache per abbattere numerosi Legionari. Diventando possenti colonne di fuoco infuriate, i Legionari rimasti diventano tanto spaventosi quanto gli invasori e metto in atto ciò che tempo diventa noto come Pirocataclisma, poiché le fiamme dei Dannati si dimostrano capaci di bruciare anche la carne dei Demoni. La Schiera Perfetta si ritira e la distruzione causate rivela nuove vene di adamantio mai scoperte prima su Vilidad Primus. Il vicino mondo forgia Lipitou Anville triplica la propria produzione di materiale militare, assicurando la maggior parte della propria produzione ai Capitoli dell’Adeptus Astartes. (Codex: Legion of the Damned 6a Edizione)
008.M40: Eldar Esploratori assassinano il Comandante Arx. (Missioni Operative 5a Edizione)
009.M40: Fiamme della Coscienza. Il Tecno-Prete ribelle Veriliad, dopo aver condotto i propri Skitarii ad una vittoria da far ribollire le viscere durante la Cremazione di Alcadia Secundus, distrugge volontariamente il Sistema di Produzione Modulare per l’armamento phosphex. (Codex: Skitarii 7a Edizione)
052.M40: I Necron di Cocholos si risvegliano trovano il proprio pianeta morto. I signori della riemergente Dinastia Oltep cercano in profondità, sotto i vuoti complessi abitativi imperiali che sfigurano la superficie del mondo, scoprendo un’enorme rete di tunnel sotterranea. I Necron spingono i loro guerrieri attraverso i passaggi cilindrici cercando il motivo per cui il loro pianeta sia diventato una sfera priva di vita. Raggiungendo il nucleo del pianeta, trovano una colossale sfera cava all’interno della quale si annida il Principe Demone Beublghor, il quale risponde all’intrusione richiamando le proprie legioni demoniache. I Necron vengono distrutti quando i tunnel iniziano a cambiare forma e gli innumerevoli Sanguinari al servizio di Beublghor fanno a pezzi le schiere metalliche una ad una. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
107.M40: Una nave spaziale eldar di Ybraesil distrugge una flotta di Drukhari che stava saccheggiando le rotte commerciali del sottosettore Javian. (Missioni Operative 5a Edizione)
117.M40: L’oscurità nella luce. Il noto criptoscienziato Vorsch perfeziona una tecnica che battezza transustanziazione fotonica, trasformandosi in un raggio di luce vivente e percorrendo distanze intergalattiche solo per proclamare la propria genialità. Alla fine viene catturato in una trappola prismatica dalla Cabala del Sole Nero, che usa le tecnologie di Vorsch per portare attacchi di terrore su larga scala contro la pacifica Repubblica Naiade. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
198.M40: Per più di dodici generazioni, agenti della Legione Alfa si infiltrano nei bassifondi di Ghorstangrad, mondo capitolare delle Spade dell’Imperatore. Attraverso una sottile manipolazione di sette e gand dominanti, la Legione Alfa semina potenziali Space Marine futuri con ogni genere di filosofia deviante e innesco nel subconscio. Molti giovani vengono respinti dai Bibliotecari e dai Cappellani, ma alcuni vengono reclutati e diventano un’inconscia minaccia in agguato. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
358.M40: La Guerra degli Specchi. La Masque del Sudario Silente affronta la Waaagh! Gutrippa su Mondo di Sheng. In notevole inferiorità, gli Arlecchini usano i portali della Rete sul pianeta per accerchiare i nemici. Solo una manciata di Arlecchini sopravvive al conflitto durato sei mesi, ma riescono a seminare una tale confusione che la Waaagh! si disgrega. (Codex: Harlequins 7a Edizione)
397.M40: L’incrociatore d’assalto Mano di Titano dei Cavalieri Grigi subisce un guasto catastrofico ai campi Gellar, il quale lascia la nave priva di difese contro il Warp. Quasi immediatamente, la nave viene assalita da creature demoniache affamate delle anime a bordo. I Cavalieri Grigi rimangono avvolti dall’energia psionica contro il Warp, ognuno schermato nella mente e nel corpo attraverso mera forza di volontà e sigilli benedetti dell’Egida. Contro servitor e servi del Caos trasformati in marionette del Caos, i confratelli combattono per reclamare il proprio vascello, Quando la Mano riesce finalmente ad effettuare una traslazione d’emergenza nello spazio reale, i Cavalieri Grigi sopravvissuti si trovano nel bel mezzo del ponte di comando ricoperti dai resti del proprio sfortunato equipaggio. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
453.M40: L’esecuzione pubblica di 666 eretici sul pianeta Horvar III ha terribili conseguenze. Attraverso lo sfarzo e la stravaganza dell’evento, il poco lungimirante governatore planetario completa involontariamente un antico rituale demoniaco. Mentre l’ultimo eretico muore con una maledizione sulle proprie labbra, il cerchio stregato è completo e si apre un portale per il Warp. Il Caos si estende e i Demoni fuoriescono urlando e sputando fuoco sulla massa di cittadini terrorizzati. Nel corso di ore, Horvar III viene trasformato in un terreno di gioco demoniaco fatto di pazzia e morte. Lo sfortunato governatore planetario viene posseduto dal Principe Demone di Slaanesh Laesydra e la Schiera Dorata viene liberata sul pianeta. I Cavalieri Grigi intervengono scoprendo la situazione, i Demoni intenti a costringere i cittadini a compiere atti di indicibile violenza contro gli altri per non essere scagliati in un pozzo Warp. Volgendo la propria attenzione sul nuovo nemico, Laesydra organizza una serie di prove per gli Space Marine, creando labirinti di carne viva e urlante attorno a loro e inviando Cacciatrici di Slaanesh con il compito di ucciderli. Le cacciatrici diventano presto prede, poiché i Cavalieri Grigi si fanno strada fino al pozzo Warp dove il Principe Demone tiene la propria corte sui resti mutilati dei cittadini di Horvar, vestito della pelle del governatore. Pagando con le vite di alcuni Cavalieri Grigi, il Demone viene rispedito nel Warp. Prima di partire, i confratelli raccolgono i corpi torturati dei cittadini insieme ai cadaveri degli eretici giustiziati, sigillando il pozzo Warp con il sangue degli innocenti. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
454.M40: Il Salvataggio di Rhildhol. La Banda del Caos di Lord Fulgulus attacca il Mondo Esodita Rhildhol. I tentativi del condottiero di dissacrare il pianeta portano però alla sua rovina. La Masque del Disprezzo Crescente e le Furie del Culto della Lotta attaccano gli adoratori di Nurgle al culmine del rituale e li massacrano. (Codex: Harlequins 7a Edizione)
485.M40: Quasi tre secoli dopo aver inserito alcuni giovani inconsciamente corrotti tra le reclute delle Spade dell’Imperatore, la Legione Alfa fa scoppiare un’invasione su vasta scala di Ghorstangrad. Il Capitolo lealista interviene, ma la Legione Alfa sfrutta attacchi psichici disorientanti e ipnotici, innescando le personalità degli involontari infiltrati. Nel corso di poche ore, il Capitolo si disintegra in una massa di fazioni in guerra tra loro, alcune delle quali si uniscono agli invasori. Le Spade dell’Imperatore vengono distrutte, Ghorstangrad viene razziato e i depositi di seme genetico vengono rubati. La Legione Alfa si ritira nella Frangia Orientale, i suoi numeri aumentati grazie a nuovi rinnegati ancora coperti del sangue dei propri fratelli. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
0.387.457.M40: Sul campo di battaglia di Krimdar II viene rinvenuto l’elmo di un Marine del Caos della Legione Signori della Notte. L’informazione viene giudicata riservata per ordine dell’Inquisitore Josephia. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
504.M40: Forze degli Eldar annientano colonie appena stabilite sul mondo vergine Ardosia. Nessun colono sopravvive all’attacco. (Missioni Operative 5a Edizione)
550.M40: Atterraggio di Grymm, uno dei primi e più fidati mondi di reclutamento degli Angeli Oscuri, viene distrutto in un’insurrezione istigata dalla Legione Alfa e supportata dai Signori della Notte. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
1.982.567.M40: Il nome del Sergente Lysander della 2a Compagnia appare nel Liber Honorus dei Magli Imperiali in seguito alla sua vittoria contro gli eretici di Iduno durante la battaglia del Ponte Coloniale. (Codex: Space Marine 3a Edizione, 4a Edizione)
585.M40: Lysander prende il comando della 2a Compagnia dei Magli Imperiali dopo aver abbordato e catturato con successo l’incrociatore Eldar Sangue di Khaine. (Codex: Space Marine 4a Edizione, 6a Edizione)
659.M40: In seguito alla morte del Capitano Kleitus durante l’Assedio di Haddrake Tor, il Capitano Lysander recupera il Martello Tuono “Pugno di Dorn” e guida i Magli Imperiali rimasti contro i difensori del Caos, ottenendo una gloriosa vittoria. Al suo ritorno sulla Falange, Lysander viene elevato a Capitano della 1a Compagnia. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
698.M40: I Capitani degli Ultramarine si riuniscono per la Campagna di Palamar. (Apocalypse 6a Edizione)
2.455.757.M40: L’Inviato del Ministorum Balthazar van Heppel redige l’Investigazione su Credenze Religiose, Pratiche e rituali dell’Adeptus Astartes. All’interno del documento, van Heppel raccoglie le proprie osservazioni sui seguenti Capitoli: Angeli del Purgatorio, Angeli della Vigilanza, Incolpatori Neri, Templari Neri, Magli Scarlatti, Supplizianti, Magli Imperiali, Novamarine, Iracondi, Salamandre, Teschi d’Argento e Veneratori di Osiron. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
2.455.760.M40: L’Inviato del Ministorum Balthazar van Heppel continua le proprie investigazioni sulle credenze dell’Adeptus Astartes, perciò tenta di recarsi su Fenris per studiare le usanze dei Lupi Siderali, ma viene respinto ben prima di vedere il pianeta. Ulteriori richieste di contatto ricevono come risposta dei colpi d’avvertimento e delle minacce di morte. Tempo dopo, van Heppel si reca in una zona vicina al Cancello Cadiano e incontra il Colonnello Hassar del 7° Cadiano, il quale in passato ha combattuto al fianco dei Lupi Siderali. Con le informazioni fornite dal Colonnello e i lunghi controlli di alcuni archivi, van Heppel riesce a completare il proprio documento sui Lupi Siderali. (Codex: Lupi Siderali 3a Edizione)
762-771.M40: Il 18o Catachano “Ratti di Palude”, guidato dal Colonnello Gator, combatte per sette anni contro i Tiranidi sul pianeta Koralkal VIII. Squadre di veterani con moltissima esperienza nella caccia tiranide coprono i propri corpi con l’icore degli alieni che hanno ucciso in modo da sviluppare un’immunità alle tossine e una copertura olfattiva che permette loro di sfuggire ai Littori. Dopo aver trionfato contro i Tiranidi, i Ratti di Palude sono costretti a trascorrere due anni su una nave da decontaminazione. (Codex: Cataciani 3a Edizione)
774.M40: La Legione Nera attacca Calypsa Proximus. I rapporti dell’Imperium indicano l’utilizzo di un’iconografia diversa rispetto al solito. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
793.M40: Durante un dei terribili eventi che i Drukhari chiamano Carnevale del Dolore, una Congrega di Haemonculi scatena una bio-tossina accuratamente manipolata sul mondo formicaio Orbulac. La tossina dissolve la carne umana e lascia intatta quella Eldar, perciò gli Haemonculi raggiungono le guglie del Formicaio Primus con dispositivi divinatori per poter apprezzare l’evento grottesco a cui hanno dato vita. Le Salamandre vengono a sapere del fato di Orbulac e inviano un incrociatore d’attacco per sradicare questo male che ha messo le radici nel formicaio. Le Cannoniere Stormraven schierano una Coorte Spezzassedi nei livelli superiori, ogni guerriero equipaggiato con fonti d’aria interne. Uno ad uno, i confratelli in Centurion subiscono delle ferite durante il combattimento risultante, la loro armatura spezzata o dissolta dall’armamento arcano degli Haemonculi. Mentre la tossina riesce a scavarsi la via nella loro carne, le Salamandre muoiono combattendo. Benché le armature sia ormai piene di soli liquami maleodoranti, gli adirati spiriti macchina continuano a combattere. Le ultime due armature operative si scavano una via nel covo degli Haemonculi e lentamente cadono dormienti, ma non prima di scaricare tutte le proprie munizioni dilaniando i macabri scienziati in una tempesta d’esplosivo fuoco requiem. (Dataslate: Centurion Siegebreaker Cohort)
795.M40: Viene avvistata per la prima volta la banda da guerra di Space Marine del Caos nota come I Rinati. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
835.M40: I cacciatori vengono cacciati. Il Duca Sliscus è cacciato dai Diavoli Groeviani, un gruppo di cacciatori di taglie rettilei famigerati per annientare completamente il bersaglio. Sliscus istruisce i suoi agenti sulla nave ammiraglia groeviana Ultima Possibilità su come collocare un strumento di sua invenzione nella pancia metallica del veicolo. Proprio mentre Sliscus sta per varcare un antico portale della Rete, l’Ultima Possibilità emerge da una nube di gas con le armi spianate e lo segue. La nave del Duca sbuca sopra il mondo natio dei groeviani, pronto allo sbarco planetario, mentre la nave ammiraglia all’inseguimento emerge nel nucleo ardente del sole di Groevia, perché le coordinate interstellari sono state modificate dallo strumento nascosto a bordo. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
853-999.M40: Le Molte Fatiche di Theodric il Vagabondo. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
843.M40: La fenditura Warp nei pressi di Orphian Secundus svanisce. (Apocalisse 4a Edizione)
854.M40: Un trio di Cavalieri Imperiali della Casata Krast si unisce al Capitolo degli Ultramarine per difendere il mondo minerario Gorvax contro la schiera Eldar dell’Arcamondo Iyanden. Il Trono Mechanicum di uno dei Cavalieri prende il controllo dopo che il proprio pilota viene ucciso da un cecchino xeno, gli echi di spiriti morti da tempo al comando di un Cavaliere che torna ancora una volta in battaglia. Il Cavaliere si fa strada attraverso innumerevoli costrutti di spettrosso prima che due Spettrocavalieri lo abbattano in un epico scontro. Sebbene gli Eldar vengano sconfitti, la vittoria su Gorvax non appartiene ai vivi. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
879.M40: La fenditura Warp nei pressi del Settore Bethsamnel svanisce. (Apocalisse 4a Edizione)
4.718.924.M40: Morias Skult, Assassino di 2a classe del Tempio Vindicare incaricato dell’assassino del Kapoguerra Urgak l’Inarrestabile come obiettivo primario e della distruzione del Gargant e di varie officine e fabbriche di armi okesche come obiettivo secondario, invia il suo rapporto riferendo una percentuale di successo dell’86,3%. Conferma l’uccisione di Urgak l’Inarrestabile, ma riporta le condizioni ancora operative di molte officine e la distruzione parziale del Gargant. (Codex: Assassini 3a Edizione)
964.M40: Kor Phaeron dei Predicatori visita Karlstadt, il primo pianeta che Lorgar, ai tempi della Grande Crociata, sottomise in nome dell’Imperatore. (Lorgar: Bearer of the Word, di Gav Thorpe)
970.M40: L’incrociatore Scudo del Valore si perde nel Warp, assieme al Capitano Lysander e alla sua guardia del corpo di Veterani della 1a Compagnia. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
989.M40: Emissari degli Eldar di Ulthwé forniscono all’Inquisitrice Lowry informazioni che cento anni più tardi aiuteranno a risolvere il mistero dell’Anomalia Levicus. (Missioni Operative 5a Edizione)
989.M40: Forze eldar di Yme-Loc aiutano le squadre di Explorator imperiali a sconfiggere un attacco di Necron Guerrieri e poi distruggere le rovine dalle quali sono usciti. (Missioni Operative 5a Edizione)
994.M40: Dei Guaztatori Orki si infiltrano nel parco artigliera Armata 52 e rubano uno dei tre Lanciamissili Deathstrike. Come ci siano riusciti è argomento di un’investigazione di due anni che coinvolge l’esecuzione di una dozzina di generali per abbandono del proprio dovere. Gli Orki usano il lanciamissili poco tempo dopo durante la Battaglia di Baric Sei. L’esplosione cataclismica causa la distruzione di due intere compagnie corazzate del 278° Mordiano, del Baneblade Forza d’Acciaio di oltre un centinaio di Orki. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
M40: Negli ultimi anni del millennio, Abaddon il Distruttore segue Zaraphiston fino a un desolato mondo vergine, sferzato da un vento spettrale che soffia costantemente attraverso le rovine Eldar. Nel cuore di un’antica città aliena, il Signore della Guerra cammina tra camere di piacere e arene del sangue, i loro pavimenti cosparsi di scheletri Eldar. Zaraphiston guida Abaddon fino a una stanza di scorticamento dove la pelle di mille schiavi pende a ancora dai ganci sui muri. Sulle pelli, Abaddon legge le parole della Profezia della Penombra e apprende i segreti di sei antiche armi. (Black Legion – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)

M41

Tempo della Fine

M41: Cataclisma di Gheistos. Un’incursione demoniaca, la quale include Ku’gath, N’kari e Skarbrand, attacca il pianeta Gheistos. Il Capitolo delle Spade Vorpal, le Forze di Difesa Planetaria, l’Adepta Sororitas affronta le orde demoniache, le quali finiscono per essere circodate da un asalto di capsule d’atterraggio delle Spade Vorpal. Gli Space Marine lottano attraverso i Demoni e riescono a chiudere una fenditura posizionata allo spazioporto Devlan. (Missioni Operative 5a Edizione)
M41: Battaglia di Vindor. La Guardia della Morte decide di lasciar fuggire i sopravvissuti del sistema Vindor, in modo che diffondano il lungo e in largo i doni di Nurgle, ma i Figli dell’Imperatore non vogliono sprecare così dei buoni schiavi, perciò cercano di catturarli. I Marine della Peste sbarrano loro la strada, portando a un conflitto tra i servi di Nurgle e di Slaanesh, mentre i sopravvissuti continuano a diffondere le proprie malattie. (Codex: Death Guard 8a Edizione)
M41: All’inizio del 41° Millennio, un grande conclave si riunisce su Gathalamor, più precisamente sul Monte Amalath. Migliaia di dignitari e leader politici, religiosi e militari si riuniscono per giurare la propria fedeltà all’Imperatore dell’Umanità. Questo grande evento ispira le successive conquiste di Macharius e infonde un certo ottimismo all’interno dell’Inquisizione, la quale crede che tutto stia nuovamente andando come pianificato dall’Imperatore, in contrasto con il pessimismo che l’ha pervasa prima e dopo l’Era dell’Apostasia. Un grande numero di Inquisitori viene attirato da questa filosofia Amalathiana, i quali credono che sia loro dovere evitare che qualsiasi cosa minaccia la forza riacquistata dall’Imperium mantenendo lo status quo. (Codex: Inquisition 6a Edizione)
029.M41: Il Portale Exhubris. Il portale sigillato da rune del grande arcipelago di Exhubris II è celato da piramidi infestate da sanguisughe, ma il Cul Mechanicus di Stygies intraprende una missione per aprirlo. Gli scavi sono a buon punto quando un’ampia schiera di Eldar dell’Arcamondo Ulthwé arriva e assale improvvisamene gli operai del Cult Mechanicus. Stygies richiede aiuto ad una flotta marziana nelle vicinanze e la loro resistenza è talmente tenace che i difensori hanno tutto il tempo di giungere in forze e schiacciare le forze nemiche. Il portale runico viene paerto e i Tecno-Preti di Stygies e Marte fanno breccia nel tremolante labirinto oltre di esso. (Codex: Cult Mechanicus 7a Edizione)
050.M41: Il Clan Raukaan, il Clan Avernii, il Clan Dorrvok, e il Clan Garrsak del Capitolo delle Mani di Ferro assaltano il sito di scavo Eldar du Dawkbreak. Dopo aver eliminato la schiera di Alaitoc a difesa del sito, rivendicano le reliquie presenti e abbandonano il pianeta e i suoi difensori, il 17° Catachano, alle rappresaglie degli Eldar. (Clan Raukaan – A Codex: Space Marines Supplement, 6a edizione)
085.M41: Il Sommo Inquisitore Scallen dell’Ordo Hereticus forma il Gruppo di Battaglia Purgator dopo aver scoperto il Culto Epicureano su Therrix Primus e spazza via gli eretici. (Apocalisse 4a edizione)
0.425.085.M41: L’Inquisitore Scallen dell’Ordo Hereticus invia una comunicazione alla Priora Helena del Convento Sanctorum per complimentarsi con le Sorelle Guerriere dell’Ordine del Cuore Valoroso per le loro azioni contro gli eretici che infestavano il Formicaio Tumulus sul pianeta Farglum. (Chapter Approved 2001)
112.M41: L’Imperium stabilisce il primo contatto con il Mondo Cavaliere Kragh dopo l’attenuarsi di una tempesta Warp rimasta attiva per oltre venti millenni. Benché la maggior parte della tecnologia planetaria sopravvissuta si riveli incredibilmente arcaica, i Cavalieri sono rimasti in condizioni impressionanti grazie a una tecnologia SPM perduta da tempo. I tentativi iniziali d’integrare Kragh nell’Imperium ricevono esplicite ostilità quando le due Casate del pianeta reagiscono alla minaccia percepita con la forza. Alla fine viene raggiunta la pace grazie al Barone Jakobus, un venerabile Cavaliere Siniscalco ampiamente rispettato da entrambe le Casate. Purtroppo, il fragile equilibrio viene spezzato quando, quasi immediatamente, un trio di tecnopreti cerca di recuperare l’archeotech SPM per riportarlo su Marte. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
139.M41: La Guerra Gotica. Conosciuta da alcuni come la dodicesima Crociata Nera, è una vasta offensiva lanciata da Abaddon il Distruttore. Molte battaglie vengono combattute in decine di sistemi stellari, la maggior pare dei quali situati nel Settore gotico del Segmentum Obscurus. Per oltre vent’anni ci si scontra in grandi conflitti spaziali e centinaia di invasioni planetarie. Decine di Capitoli di Space Marine, quasi un centinaio di reggimenti della Guardia Imperiale, la maggior parte di tre Legio di Titani e tutte le navi che il segmentum riesce a radunare si schierano al fianco dell’Imperium. Le forze del Caos, composte di Legioni Traditrici, Capitoli rinnegati, schiere demoniache e culti ribelli vengono infine scacciate nel Warp da un fiume infinito di rinforzi imperiali. (Warhammer 40.000, Regolamento di 6a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
143.M41: La vendetta di Jorun. La Cabala della Libagione Cremisi provoca l’ira degli Ultramarine, i Grifoni Urlanti ed i Figli di Orar. I Drukhari vengono sconfitti, ma il Cappellano dei Grifoni Urlanti, Armand Titus, soccombe al veleno e viene tumulato in un Dreadnought. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
146.M41: Una formazione dell’Ala del Corvo effettua una ricognizione speciale durante le enormi battaglie tra corazzati che stanno avvenendo tra l’Astra Militarum e gli Eldar sul pianeta Kundra. Dopo essere penetrati ampiamente nel territorio, gli Squadroni d’Attacco dell’Ala del Corvo si trovano circondati da una schiera di corazzati a-grav degli Eldar. L’Ala del Corvo richiede supporto e i Caccia Nephilim intervengono per portare gli Eldar alla ritirata. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
154.M41: Una razzia Drukhari porta alla cattura di un Cavaliere della Casata Cadmus, il quale viene usato per sport nelle arene di Commorragh. Egli duella coraggiosamente con le creazione dei Haemonculi per trenta giorni prima d’essere abbattuto da tre Macchine del Dolore. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
156.M41: I tecnopreti di Lucius autorizzano lo schieramento di una semi-legione di Titani della Legio Astorum per intervenire nella guerra civile tra le Casate di Cavalieri Imperiali Navaros e Borgius. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
178.M41: Gli Eldar assaltano la luna agricola di Tarvel III, distruggendo i complessi abitativi durante la ricerca di antichi artefatti. Tre Lame Erranti si uniscono per difendere i cittadini e diventano note come i Falcioni Cremisi. Appena l’ultimo Eldar viene respinto, i Cavalieri svaniscono senza lasciare traccia. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
216.M41: Durante i feroci combattimenti sul pianeta Segrenstokh, la città di Baudenvost viene circondata da Cultisti Khorniti. Sono migliaia e si lanciano ancora e ancora contro i difensori Cadiani. I Cadiani presidiano ogni edifico e bloccano l’avanzata del nemico con mura di Bullgryn, ma la mera furia folle dei Cultisti passa attraverso il fuoco incrociato e le linee di barricate finché le forze Imperiali non sono sicure di cadere. Eppure giunge aiuto all’undicesima ora di difesa sotto forma del 45° Vostroyano, il quale schiera Manticore e missili Deathstrike che purificano la massa di nemici. La conta dei morti è terribile, ma Baudenvost è salva. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
230.M41: I Cavalieri della Casata Taranis affrontano un’incursione demoniaca sul pianeta Tarsok V, affrontando il torreggiante Grande Immondo che guida l’orda. Attraversando una marea di Untori, il Siniscalco Halver avanza verso l’orrore corpulento mentre nuvole di mosche sfrigolano sul suo scudo ionico. Il signore demoniaco annega una Cavaliere in una marea di bile e ne schiaccia altri due sotto la propria massa. Eppure le spade a catena dei Cavalieri perforano la sua rancida carne e, con un ultimo gorgogliante grido, il Grande Immondo viene bandito. I demoni rimanenti svaniscono lentamente lasciando i sopravvissuti alla conta dei morti. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
232.M41: Forze degli Eldar aiutano i ribelli negli ultimi stadi della Campagna Vilhadrama, spostando l’equilibrio in loro favore e guidando il famigerato Massacro del Ghiacciaio di Sangue. (Missioni Operative 5a Edizione)
236.M41: Una nave spaziale eldar di Yme-Loc distrugge il pianeta disabitato Drachor 16/alfa. (Missioni Operative 5a Edizione)
246.M41: I Cavalieri della Casata Raven devastano la Waaagh! Smogbelcha tra i geyser di fiamme geotermiche sul pianeta Voth, nonostante subiscano loro stessi perdite gravi. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
248.M41: Il vanesio Arconte Ysclyth di Talon Cyriix si oppone ai tirannici dettami di Vect che proibiscono la conoscenza del Vecchio Impero. Decifrando gli arcaici riti iscritti nelle cripte ottostanti il suo palazzo, egli impara come invocare i Demoni del Warp e legarli al proprio volere. Sebbene impieghi quasi un secolo per portare a termine il piano, Ysclyth attua contro Vect un colpo di stato dalla forza incredibile e inarrestabile. Sotto i grattacieli dela sua Cabala compare un’orda demoniaca che elimina ogni forma di vita. Prima che essa possa arrecare troppi danni, però, Vect attiva un antico sistema di sicurezza escludendo e sigillando completamente Talon Cyriix dal resto di Commorragh. Poco dopo l’Arconte Ysclyth scopre che il suo controllo sugli alleati demoniaci non è efficace come immaginava. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione; Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
Ca. 279.M41: Il pianeta Toreus scompare, isolato dall’Imperium a causa di una tempesta Warp. Mentre nessuno può assisterla, la popolazione viene attaccata da forze appartenenti ai quattro Dei del Caos, le quali includono l’Assetato di Sangue An’kha’arak, il Principe Demone di Tzeentch K’tzis’trix’a’tzar e l’araldo di Nurgle Epidemius.(Codex: Demoni del Caos 4a Edizione)
341.M41: Una nave spaziale eldar di Yme-Loc si unisce alla Flotta da Guerra Obscurus per distruggere una flotta Mietitrice necron. (Missioni Operative 5a Edizione)
342.M41: La nave Gorejaw del Kapoguerra Tuska viene invasa da un’entità demoniaca durante un viaggio nel Warp. Tuska è felice di poter affrontare qualcosa di apparentemente molto potente e rimane impressionato dalla violenza con cui la mostruosità riesce a macellare i suoi Kapi. Tuska e il demone si affrontano in un duello titanico che si conclude con un Kapoguerra in possesso di un nuovo set di corna da aggiungere ai propri trofei. Tuska, pur essendo andato molto vicino alla morte, riconosce d’essersi divertito moltissimo, quindi giura di trovare altre mostruosità del Warp da affrontare e dà il via alla Waaagh! Tuska. (Codex: Orki 4a Edizione)
343.M41: La Flotta Alveare Moloch invade il pianeta di collaudo armi Ghodba. I Tecnopreti usano qualsiasi forma d’arma superpesante, anche quelle ancora non classificate, per supervisionare la difesa del pianeta. Tuttavia, sebbene Ghodba mieta tantissimi Tiranidi, i rinforzi non arrivano per mesi e la guerra d’attrito inizia ad andare a vantaggio dei Tiranidi. Le Spade di Ghodba, l’ultimo squadrone Furia d’Acciaio, viene crivellato dal fuoco dei bio-cannoni. Le fortezze mobili rimaste si preparano all’ultima resistenza, ma le Spade rimangono stupefatte quando vede squadre dopo squadre di Space Marine in armatura nera che formano un cordone attorno ai loro corazzati. Mentre le Spade raggiungono e prendono il controllo di uno squadrone di Doomhammer il cui equipaggio era già stato ucciso da un Littore, circa cento Legionari dei Dannati mantengono integro il cordone e pian piano ribaltano nuovamente le sorti della guerra, disperdendo la Flotta Alveare Moloch. (Codex: Legion of the Damned 6a Edizione)
892.344.M41: Il pianeta Prosan, nel Sistema Cadia, viene attaccato dagli Orki del Kapoguerra Tuska. I Cadiani respingono gli Orki per un mese, ma poi sono costretti ad evacuare il pianeta. Tuttavia, improvvisamente gli Orki abbandonano Prosan senza apparente motivo e si lanciano a tutta velocità verso l’Occhio del Terrore. Tempo dopo, nel bel mezzo del Warp, gli Orki approdano su un pianeta governato dal demone chiamato Principe del Sangue, il quale decima gli Orki che hanno invaso il suo pianeta pur morendo lui stesso nel tentativo. Khorne assiste a tutto questo e ammira particolarmente le gesta di Tuska l’Ammazzademoni e dei suoi Orki, perciò li resuscita ogni giorno affinché si cimentino in un ciclo eterno di guerra e morte sulla superficie di quel pianeta. (Codex: Orki 4a Edizione)
365.M41: Il Capitolo Rinnegato degli Spettri di Grevan assalto il mondo reliquia Suyban con l’intenzione di saccheggiare il grande museo in stasi. Esso riempie il nucleo del mondo vuoto, milioni di camere riempite con artefatti e oggetti antichi raccolti dalle flotte curatrici di Syban nel corso di migliaia di anni. Nel loro attacco, gli Spettri rompono inavvertitamente i sigilli della Tomba Demoniaca di Knor, risvegliando il Principe Demone dal suo sonno millenario. Presto i rinnegati si trovano a combattere contro Knor e i suoi seguaci, il Demone impegnato ad utilizzare gli arcani artefatti per evocare un maggior numero dei propri simili e rompere le pareti della realtà. Statue aliene, costrutti arcani e macchine antiche vengono animate dalle creature del Warp, liberandosi dalle proprie intelaiature e assaltando i rinnegati. Una singola squadra di Terminator dei Cavalieri Grigi è l’unica forza capace di raggiungere quel pianeta, perciò i suoi membri combattono e si ricavano una via tra i cadaveri degli Spettri morti. Raggiungendo il cuore del museo, i Cavalieri Grigi si trovano sommersi con poche possibilità di successo contro Knor e la sua schiera in costante crescita. In un atto di sacrificio finale, i confratelli attivano i sistemi di stasi d’emergenza, congelando per sempre il pianeta nel tempo. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
6.738.374.M41: Il Magos Biologis Restax compie un studio sui modelli di crescita nella società degli Orki presenti nella zona di guerra Ryza. (Codex: Orki 3a Edizione)
383.M41: La tempesta Warp Iagon scatena la propria furia sul pianeta Lissandro. Il corpo a capo del pianeta, il Quorum Immacolato, ordina che vengano cercate informazioni sulle tempeste Warp e sui fenomeni che ne conseguono all’interno di tutte le biblioteche del mondo. Trovano antichi simboli hexagrammatici che proteggono dalle invasioni demoniache, un simbolo che viene sistematicamente impiantato sotto forma di electoo sub-dermale su tutti i cittadini registrati entro il mese seguente. Quando l’Inquisizione raggiunge il pianeta con una flotta di Navi Nere, cominciano a investigare sulla popolazione. I loro sforzi innescano un’ondata di possessioni demoniache; ogni cittadino con un electoo cade a terra in preda alle convulsioni e dal loro corpo fuoriesce un Orrore Rosa. All’alba seguente, le città di Lissandro vengono sopraffatte. Gli Inquisitori, assediati nel palazzo del Quorum, richiedono l’aiuto dei Cavalieri Grigi, ma ogni città è stata irrimediabilmente mutata quando arrivano. I Cavalieri Grigi combattono i Demoni ancora presenti tra le rovine, ma non trovano superstiti. Quando le squadre di purificazione raggiungono le biblioteche sotterranee, incontrano gli artefici della catastrofe: i leggendari Scribi Blu, i quali svaniscono nell’etere. Diventa chiaro che il simbolo lasciato nei grimori della biblioteca non fosse uno utile a bandire, ma ad invitare. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
392.M41: Le Conquiste Machariane. Nel corso di sette anni spesi purificando i confini occidentali della galassia, Lord Solar Mecharius unisce l’Astra Militarum e l’Officio Prefectus con l’obiettivo di riconquistare mille mondi. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
399-469.M41: L’Eresia Machariana. Dopo la morte del Lord Solar Macharius i territori da lui conquistati sprofondano nella guerra. I settant’anni di tumulti seguenti terminano solo grazie agli sforzi di cento Capitoli che riportano l’ordine in diversi settori molto lontani. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
405.M41: Durante gli eventi dell’Eresia Machariana, gli Angeli Oscuri si occupano di fermare numerose guerre civili. L’Ala del Corvo scopre molti culti corrotti, largamente istigati dalla Legione Alfa, oltre agli inconfondibili segni della presenza di Cypher. Durante le Insurrezione di Lythanos, solo una discussione con i Lupi Siderali permette a svariati Caduti di fuggire. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
414.M41: L’Atrocità del Crinale Cremisi. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
7.838.433.M41: Lo Scriba Adolphus Neld compila un rapporto sulle Legioni Traditrici di Marine del Caos con priorità urgentissima per ordine dell’Inquisitore Horst. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
7.838.433.M41: Lo Scriba Marthius Nibo compila un resoconto dell’Eresia di Horus con priorità urgentissima per ordine dell’Inquisitore Horst. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
444.M41: Prima Guerra di Armageddon. Angron, Primarca demoniaco dei Divoratori di Mondi, giunge su Armageddon alla testa di una potente schiera del Caos. Il continente di Armageddon Prime cade rapidamente, ma le linee difensive di Armageddon Secundus resistono grazie a nuovi reggimenti di Legione d’Acciaio che si ammassano attorno alla difesa determinata dei Lupi Siderali. In particolare grazie ai tremendi sforzi di una potente Confraternita di Cavalieri Grigi, Armageddon viene salvato e Angron bandito, ma milioni di Guardie hanno incontrato la propria morte. Il prezzo della vittoria si alza ancor di più quando l’Inquisizione istiga una serie di brutali purificazioni volte a contenere la conoscenza dei fatti accaduti. Molti reggimenti vengono sterilizzati e confinati in campi di lavoro Imperiali, interi pianeti vengono sterminati per assicurare il silenzio di alcuni reggimenti. Il Comando di Segmentum viene condannato a morte dal proprio Commissariato, il quale si sottopone volontariamente alla cancellazione della memoria Inquisitoriale. Il numero totale dei morti non viene mai comunicato, ma sfida ogni facile calcolo. (Codex: Space Marine del Caos, 3a Edizione, 6a Edizione; Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione; Apocalypse 6a Edizione)
455.M41: L’ultima azione registrata del Capitolo dei Consoli Neri ha luogo durante l’assedio del Formicaio Goddeth, durante il quale si crede che il Capitolo sia stato annichilito dagli Space Marine dei Guerrieri di Ferro, che fecero detonare i cumuli nucleonici del formicaio e vaporizzarono gran parte del continente settentrionale. Da quel giorno, però, sono giunti fino alla Terra resoconti non confermati delle controffensive dei Consoli Neri che lanciano improvvisi e letali attacchi nel Segmentum Pacificus. Lo status ufficiale del Capitolo è attualmente sconosciuto. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
457.M41: L’Imperium effettua dei test su un campione di DNA pelleverde per comprendere meglio l’alga orkoide. (Codex: Orki 3a Edizione)
543.M41: La mietitura di Chogros. La Cabala del Sigillo Infranto inizia una serie di incursioni nello spazio reale contro il pianeta ferale Chogros. I rozzi Ogryn che vivono lì sono sempre stati avversari molto popolari nelle arene delle Furie, senza contare che forniscono ottimo materiale grezzo per le congreghe degli Homunculi. Dopo uno scontro breve e brutale migliaia di subumani vengono circondati e imbarcati forzatamente sui trasporti dei Drukhari. La Guardia Imperiale, che usa Chogros come base di reclutamento per le proprie forze di Ogryn, è furibonda e invia reggimenti di Catachani, Elysiani e Katoni in missioni di ricerca e distruzione. I fanti che non muoiono negli scontri con il Sigillo Infranto vengono catturati e venduti nelle arene delle Furie, dove sono costretti a combattere contro gli Ogryn che erano stati inviati a liberare dalle persecuzioni dei Drukhari. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
565.M41: Gli Ultramarine schierano una Coorte Spezzassedi sulla Stazione Spaziale Ghould, infestata dai pirati. Determinati a mantenere l’elemento sorpresa, i Centurion si lanciano dalle camere d’equilibrio della Giuramento di Guilliman scavandosi una via attraverso il denso plastacciaio della stazione. La risultante decompressione uccide nove decimi dei pirati presenti, poi i Centurion eradicano i restanti come impietosa efficienza. (Dataslate: Centurion Siegebreaker Cohort)
576.M41: Una fonte imperiale imprecisata annota varie informazioni riguardanti le moto a reazione dei Drukhari. (Codex: Eldar Oscuri 3a Edizione)
579.M41: Dopo circa 300 anni di isolamento, la tempesta Warp attorno al pianeta Toreus si calma. L’Imperium indaga sulla situazione e scopre un pianeta profondamente mutato e ormai devastato dal Caos L’Inquisitore Thrax conduce l’Exterminatus di Toreus tramite bombardamento virale. (Codex: Demoni del Caos 4a Edizione)
587.M41: Il Capitolo degli Artigli Astrali viene stazionato presso Badab affinché mantengano sicure le frange meridionale e occidentale del Maelstrom. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
589.M41: Il Peccato della Dannazione, un relitto spaziale infestato dai Genoraptor, viene purificato di una serie di assalti della 1a Compagnia degli Angeli Sanguinari, alla quale partecipa anche il famoso Sergente Lorenzo. Ai tempi, nessuno sapeva che essi fossero l’avanguardia di un’imminente invasione galattica. (Codex: Tiranidi 6a Edizione; Space Hulk; Sin of Damnation, di Gav Thorpe)
601.M41: Il Fratello-Capitano Ramstorn Fane dei Cavalieri Grigi trova il leggendario Lupo Sanguinario sul pianeta Crytor, un demone di Khorne il quale si è lasciato una pista di mondi in fiamme attraverso il Settore. Tra le rovine infestate del pianeta morto, Fane e i suoi confratelli mettono all’angolo il Demone davanti a una tomba megalitica di vetro nero. Mentre il Lupo Sanguinario e i suoi Mastini si voltano per fronteggiare gli Space Marine, i sigilli sulla tomba si aprono e guerrieri xeno metallici ne fuoriescono. Segue una triplice battaglia con i Cavalieri Grigi che combattono sia Necron che Demoni del Dio del Sangue. Alla fine Fane riesce a sferrare il colpo di grazia contro il Lupo Sanguinario mentre il Demone cerca di abbattere il Lord Necron. Mentre il Demone collassa in una nuvola di fumo e sangue, il Fratello-Capitano si prepara all’attacco da parte dei Necron, ma trova il loro signore con l’arma abbassata in quello che pare un arcaico gesto di invito alla discussione. Decidendo di non rischiare la vita dei propri confratelli rimanenti contro gli xeno, Fane segnala loro di ritirarsi, soddisfatto dalla morte della propria preda. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
632.M41: Durante la Crociata Yoladriana, i distaccamenti della Casata Cadmus atterrano sul mondo paludoso Nalibraxis II. Marciando in aiuto dei reggimenti di fanteria Catachani, i Cavalieri vengono cadono in un’imboscata stregata organizzata dalla Legione della Stirpe dei Mille. Con i Catachani morti o resi marionette senza cervello, la rimanente manciata di Cavalieri tenta di raggiungere il proprio punto d’estrazione. Automi in armatura potenziata e macchine demoniache striscianti li accerchiano, ma i Nobili sopravvissuti riescono a guadagnarsi la libertà. Dopo la battaglia, la Casata Cadmus giura vendetta contro le forze della Stirpe dei Mille, determinata a lavare questa macchia sul loro onore. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
664.M41: Le Rune Proibite. Dopo la disastrosa Battaglia di Elixia, gli Skitarii sopravvissuti vengono inviati ad estrarre le iscrizioni runiche sugli antichi menhir di Fine del Sepolcro. Così facendo, aprono un portale nel Warp a lungo dimenticato. Elixia viene consumata da un’invasione demoniaca, la sua popolazione rimanente sottoposta ad Exterminatus nell’arco di una settimana. (Codex: Skitarii 7a Edizione)
672.M41: Gli Orki effettuano una delle loro tante incursioni sul pianeta Skrynne, nel sottosettore Peryphery del Settore Calixis. (Only War, Regolamento base)
681.M41: Cassius guida un Kill Team della Deathwatch sul pianeta Ghosar Quintus, annientando un Culto dei Genoraptor senza subire perdite. (Deathwatch: Overkill)
698.M41: La Crociata Corinziana. Marneus Calgar guida Ultramarine, Angeli dell’Assoluzione, Prefici, Teschi d’Argento, Falci dell’Imperatore, Marine Erranti e cinquanta reggimenti di Guardia Imperiale contro la Waaagh! Skargor. Gli Orki sono sconfitti e la loro minaccia arginata per trent’anni. (Codex: Space Marine 3a Edizione, 6a Edizione)
704.M41: Si svolge l’Assedio di Tulwa. Marneus Calgar guida una forza d’infiltrazione che distrugge la Fortezza del Dolore, creata dagli Space Marine del Caos dei Guerrieri di Ferro. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
723.M41: Il reggimento corazzato 124° Cadiano partecipa alla Battaglia di Hronburg. (Chapter Approved 2004)
723-900.M41: Nel corso di questo periodo gli Artigli Astrali non inviano regolarmente il proprio seme genetico per le regolari analisi e tali invii risultano incompleti, inoltre le decime planetarie di Badab non vengono rispettate. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
730.M41: La Flotta Alveare Behemoth entra nella galassia nei pressi della Frangia Orientale. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
733.M41: Cato Sicarius degli Ultramarine riceve un’onorificenza in seguito all’assalto planetario di Crusat Minor. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
739.M41: Avvertiti dell’arrivo dei Tiranidi da delle bande di Cercavia, i Veggenti dell’Arcamondo Malan’tai si allontanano dalla traiettoria della Flotta Alveare Behemoth finché c’è ancora tempo per fuggire. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
739.M41: La titanica nave ammiraglia Starkrusha della Waaagh! Godstompa fuoriesce dal Warp. Il Lord Lupo Finn Goresson, notoriamente testardo e feroce, devia il percorso della propria flotta per ingaggiare quello che è in realtà un gigantesco relitto spaziale. Finn esce vittorioso dagli scontri iniziali e a un certo punto sfonda il superinkrociatore Longtoof con la prua corazzata del proprio incrociatore. Tuttavia le sue navi sono sovrastate dallo Starkrusha ed esse subiscono perdite serie. Finn lancia il proprio incrociatore verso le rampe di lancio del relitto e guida la propria Grande Compagnia in un’azione d’abbordaggio che dura ben sei mesi. Alla fine Finn esce trionfante, la testa mozzata di Godstompa appesa alla cinta. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
741.M41: I Figli di Khaine. Un gruppo di Autarchi decide che le razze inferiori della galassia devono imparare a stare al loro posto; sempre più Eldar intraprendono quindi la Via del Guerriero. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
741.M41: L’Inquisitore Bastalek Grim partecipa al Grande Banchetto di Gerrod Barbarossa, registrando le saghe lì raccontate nei suoi impianti eidetici e poi inserendole negli archivi imperiali tramite il famoso trattato “La Guerra dei Giganti”. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
742.M41: La Crociata del Golfo di Damocles. Durante la crociata per scacciare gli invasori tau dai mondi imperiali, i Novamarine si distinguono per l’implacabile persecuzione di tutti gli xeno. Soltanto la richiesta di intervento nella Prima Guerra Tiranide impedisce loro di partecipare all’assalto al mondo setta Dal’yth. Le Furie Bianche assegnate alla Crociata Damocles conducono un assalto da terra contro i Tau sul pianeta Dal’yth, ingaggiando il nemico in una serie di devastanti attacchi lampo. Le Mani di Ferro inviano svariate Compagnie Clan alla Crociata. Ritenendo troppo deboli gli altri Capitoli di Space Marine presenti, il Capitano di Ferro Rumann assume il comando dell’assalto planetario di Sy’l’kell. Sotto la sua spietata ed efficiente direzione, i difensori tau della stazione orbitale vengono sopraffatti rapidamente. (Codex: Space Marine 6a Edizione; Codex: Tau 3a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Zona di Guerra di Apocalypse: Damocles)
742.M41: In un’operazione simile a quella che porta alla Crociata del Golfo di Damocles, l’Imperium tenta di riprendere il controllo del Settore Lithesh, situato tra il suddetto Golfo e l’Anomalia della Fenditura Perdus. Già colpito in passato da razzie degli Eldar e da tempeste Warp, il Settore Lithesh finisce per ospitare anche attività Tau, confermata dalle indagini inquisitoriali. Per questo motivo, il Cardinale Esau Gurney di Brimlock richiede l’organizzazione di una crociata che si dedichi alla purificazione dell’alieno. Dodici navi capitali, cinque Compagnie provvisorie di Space Marine formate da contingenti provenienti da oltre dieci Capitoli e diciannove reggimenti di Guardia Imperiale si lanciano in questa crociata e inizialmente puntano verso il sottosettore Timbra, riconquistando le colonie Garrus e Kleist. Successivamente, la crociata prosegue e ingaggia i Tau nel disabitato Sistema Hydass. Allo scontro partecipano sette navi da guerra Tau, le quali cominciano efficacemente la battaglia sfoderando le proprie batterie di siluri. Alla fine, però, l’Imperium riesce ad ottenere il vantaggio e i Tau sono costretti a ritirarsi (Zona di Guerra di Apocalypse: Damocles)
744.M41: L’avvicinarsi dei Tempi della Fine viene predetto dal Veggente di Corrinto. Viene giustiziato per eresia, ma la sua profezia si diffonde tra i sussurri. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
744.M41: Il ritorno del Re Silente. Il Re Silente fa nuovamente ingresso nei confini della galassia. Essendo venuto a contatto con i Tiranidi nel vuoto intergalattico, riconosce la minaccia che essi pongono all’ascesa della sua razza; se la Grande Divoratrice consuma tutta la vita della galassia, i Necron non avranno più alcun corpo vivente che ospiti le loro coscienze. In virtù di ciò il Re Silente rompe il suo esilio volontario allo scopo di guidare la propria gente contro questa nuova minaccia. Tuttavia, egli non prevede che la maggior parte dei Necron sia nel torpore. Molti mondi tomba sono stati distrutti nel corso degli eoni, altri dormono e quasi tutti quelli risvegliati sono ancora disorientati o danneggiati. Il Re Silente è quindi costretto a rivedere i piani. Assieme ai Pretoriani del Triarcato superstiti inizia un pellegrinaggio per la galassia, destando i mondi tomba ancora sopiti ed accelerando il recupero di quelli già desti. Il suo desiderio è che i puerili tentativi delle nuove razze di distruggere i Tiranidi abbiano l’unico risultato di nutrire le Flotte Alveare, altrimenti neppure i Necron uniti avrebbero alcuna speranza di vittoria. (Codex: Necron 5a Edizione)
744.M41: Dopo aver unito le forze per sconfiggere la Legione Alfa, responsabile di una ribellione, i Cavalieri del Corvo e il Capitolo Aurora danno inizio ad un’aspra faida, incolpandosi a vicenda per le pesanti perdite. (Codex: Space Marine 6a Edizione)

Prima Guerra Tiranide

745.M41: L’arrivo della Grande Divoratrice. I veggenti degli Eldar si addolorano quando la vera portata delle flotte tiranidi in avvicinamento diviene orribilmente chiara. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
745.M41: La Morte di Tyran. Avviene il primo contatto ufficialmente registrato con i Tiranidi. (Codex: Tiranidi 3a Edizione, 4a Edizione, 5a Edizione, 6a Edizione)
745.M41: Durante le investigazioni sul misterioso silenzio di Tyran Primus, l’Inquisitore Kryptman scopre l’orrore della minaccia aliena. Kryptman nomina gli alieni “Tiranidi” e corre ad avvertire l’Imperium. (Codex: Tiranidi 4a Edizione, 5a Edizione, 6a Edizione)
746.M41: Comincia la Prima Guerra Tiranide. La Flotta Alveare Behemoth discende sul Regno di Ultramar, iniziando la devastazioni di diversi pianeti. (Codex: Space Marine 3a Edizione, 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Tiranidi 3a Edizione, 4a Edizione, 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
746.M41: Tre Compagnie di Angeli Sanguinari aiutano gli Ultramarine nella guerra contro la Flotta Alveare Behemoth. Nel corso di tre sanguinosi anni i confratelli di Baal soccorrono gli Ultramarine più e più volte , per poi tornare sul proprio pianeta con una notevole esperienza su come affrontare gli orrori xeno. (Codex: Blood Angels 7a Edizione)
746.M41: I mondi binari di Thandros oppongono una debole resistenza contro i Tiranidi in arrivo e i cittadini vengono macellati nell’oscurità delle proprie miniere. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
746.M41: I Figli di Guilliman liberano Nova Terra da un attacco Tiranide, dopodiché la Squadra Constantinus caccia i resti della Flotta Alveare, trovando dei culti dei Genoraptor all’interno delle famiglie nobili della capitale. L’intera classe regnante viene giustiziata. La popolazione oltraggiata si rivolta contro i propri liberatori. Esaurita la pazienza, il Sergente Constantinus accusa l’Imperium per averlo reso un assassino mostruoso e condanna l’Imperatore. Giura di guidare la popolazione verso un futuro migliore e la sua convinzione risulta contagiosa. Il vecchio ordine viene abbandonato e vengono erette statue di Constantinus il Liberatore. Presto giungono altri servi dei Poteri Perniciosi, attirati dall’anarchia e dallo spargimento di sangue. La megalomania del Sergente ribelle cresce finché non causa guerra aperta in tutto il Settore. La ribellione di massa termina quando Constantinus viene ucciso dall’Officio Assassinorum. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
748.M41: La Campagna della Stella di Sangue. Una massiccia incursione demoniaca nel Settore Scarus viene preannunciata dalla stella Ares, che si tinge di un minaccioso rosso sangue. Relictor, Guerrieri Arcobaleno e Signori del Fuoco arrestano l’invasione, ma subiscono pesanti perdite, tra le quali i tre Maestri Capitolari, tre possenti eroi che vengono commemorati in tutto l’Imperium. (Codex: Space Marine 6a Edizione; Codex: Space Marines 8a Edizione)
748.M41: La Caduta della Megarchia. Quando il pianeta Thruskus volta le spalle all’Imperatore, la Guardia del Corvo rintraccia ogni membro del consiglio chiamato Megarchia. Nel giro di un giorno Thruskus torna sotto il controllo imperiale e i corpi dei Megarchi vengono appesi alle guglie dei formicai. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
749.M41: La Flotta Explorator Dorsari, il pianeta Helmont e le Lune di Ra’pson cadono davanti all’avanzata inesorabile della Flotta Alveare Behemoth. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
749.M41: Si svolge l’812a Festa delle Lame. Sono presenti tutti i dodici Capitoli della competizione. Vince il campione dei Cavalieri di Ferro Hervald Strom, il quale sconfigge per poco il Campione dei Magli Imperiali, Demitrius Valor. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
Ca. 749.M41: Il Sistema Medusa, situato vicino alla Rapidità di Van Grothe, viene colpito dallo Scisma di Medusa. Due delle più grandi città di Medusa IV si dichiarano indipendenti e ben presto quella che appare come una semplice ribellione si rivela essere qualcosa di radicato nella corruzione del Caos. Con il passare di pochi mesi, poche città di Medusa IV rimangono leali all’Imperatore, le quali, disperate, inviano una richiesta di soccorso. Solo Medusa V riesce a rispondere, ma, non disponendo di una vera e propria forza militare, cerca di organizzare una sorta di armata per poter aiutare Medusa IV. (La Caduta di Medusa V)
Ca. 749-751.M41: L’armata organizzata da Medusa V riesce a mantenere la propria popolazione fedele all’Imperatore mentre respinge un assalto del Caos dopo l’altro. Dopo due anni e mezzo di resistenza, la 2a Compagnia degli Ultramarine riesce ad intervenire e alla fine l’Inquisizione ritiene l’Exterminatus l’unica soluzione rimasta. Il Mechanicus e l’Adeptus Administratum sospendono la sentenza abbastanza a lungo da permettere ai cittadini rimasti leali di evacuare Medusa IV. Successivamente, una singola navetta Inquisitoriale, al comando dell’Inquisitore Baptiste, spara una salva di siluri che innescano un’esplosione d’inceneritori atmosferici. Dopo la purificazione di Medusa IV, l’Adeptus Mechanicus crea rapidamente nuove città prefabbricate per ospitare i nuovi abitanti di Medusa V e la vita imperiale riprende con un pianeta che in pochi anni finisce per produrre più risorse di quante ne avesse mai sognate prima dello Scisma. (La Caduta di Medusa V)
750.M41: In cerca dell’incrociatore posseduto Shadeblight, gli Space Marine del Caos dei Signori della Notte portano rovina attraverso il sottosettore Ango. I Signori della Notte vengono inizialmente ostacolati dagli Space Marine dei Lupi Rossi. Sebbene si ergano da soli, i Lupi Rossi riescono a negare ai Signori della Notte il loro obiettivo. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
751.M41: Il mondo forgia Estaban III è invaso da una miriade di forze del Caos. Le Mani di Ferro rispondono combattendo al fianco delle macchine da guerra della Legio Tempestor. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
752.M41: La Flotta Alveare Behemoth si abbatte su Jagga, base pirata del Kapitano Blackgit. Gli inkrociatori della flotta di Blackgit lanciano degli abbordaggi sulle bio-navi. Presto la sorte si ribalta quando gli Orki risvegliano le Tervigoni all’interno di ogni nave, le quali generano innumerevoli nidiate di Termagant che finiscono per attraversare i tubi d’abbordaggio degli Orki e uccidere l’equipaggio degli inkrociatori. Blackgit, percependo la sconfitta quando le comunicazioni dalla sua flotta si interrompono bruscamente, tenta di scappare speronando un vascello solitario che gli blocca il passaggio, scoprendo con suo grande dispiacere che essa sia una titanica mina spora. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
752.M41: Prandium, il gioiello di Ultramar, si dimostra una facile e ricca conquista per i Tiranidi. La roccia desolata lasciata dalla Behemoth risulta scarsamente riconoscibile rispetto al paradiso verdeggiante di un tempo. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
753.M41: La banda da guerra di rinnegati del Caos conosciuta come Ombre della Morte si riuniscono presso Sybari preparandosi per un assalto segreto contro Ultramar. Vengono isolati quando l’Ombra nel Warp avvolge il sistema e il loro comandante, lo Stregone Malafor, impazzisce a causa della presenza psichica dei Tiranidi. Senza un leader e nel bel mezzo dei preparativi, i rinnegati non sono pronti a difendere Sybari dallo sciame. Pur riuscendo ad uccidere molti nemici, l’intera banda da guerra viene annientata in meno di un’ora. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
754.M41: La 2a Compagnia delle Salamandre elimina ogni traccia di infestazione Genoraptor dalla luna di Ymgarl. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Tiranidi 6a Edizione)
755.M41: Inizia la Crociata dei Mondi di Sabbat. Le Furie Bianche e i Serpenti di Ferro si uniscono alle armate imperiali in una lunga campagna contro le forze del Caos. Si tratta della più grande offensiva militare dai tempi delle Conquiste Machariane. La Crociata dura oltre la vita del Signore della Guerra Slaydo, il quale nomina Macaroth suo successore, una promozione successivamente confermata dal Departmento Munitorum e dai Sommi Signori della Terra. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione; Only War, Regolamento base; Codex: Space Marine 6a Edizione)
756.M41: Alcune bio-navi della Behemoth lanciano una piccola infestazione su Calth prima di riunirsi con la Flotta Alveare presso Circe. Benché poco numerosi, i Tiranidi sono guidati da un Carnifex che semina il caos finché riceve un colpo in testa da parte di un Commissario. Per far fronte all’emergenza, gli Ultramarine mobilitano numerose Coorti Spezzassedi nei tunnel sotterranei di Calth per eliminare la presenza Tiranide. Ci vogliono due anni prima che i Centurion tornino al proprio servizio regolare, i Marine convinti d’aver eradicato tutti i Tiranidi. (Codex: Tiranidi 6a Edizione; Dataslate: Centurion Siegebreaker Cohort – data cambiata da 746 a 756 per adeguarsi alle sistemazioni cronologiche del Codex: Tiranidi 6a edizione)
757.M41: La prima epidemia di peste zombi avviene su Hydra Minoris dopo che Typhus e la sua Guardia della Morte penetrano nel cuore del formicaio capitale. I vivi iniziano a cadere preda della dolorosa malattia e il vero orrore viene svelato; i morti si rialzano e attaccano i vivi. La conseguente quarantena intrappola 23 miliardi di cittadini non infetti insieme alla crescente marea di nonmorti. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
757.M41: La Flotta Alveare Behemoth raggiunge Macragge. L’intero Capitolo degli Ultramarine affronta i Tiranidi nella storica Battaglia di Macragge. Il Capitolo riesce a sconfiggere il nemico, ma a caro prezzo, inclusa la devastazione della 1a Compagnia. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Tiranidi 6a Edizione)
759.M41: Si svolge la Purificazione di Quintarn. Marneus Calgar prende il comando delle forze che respingono gli Orki responsabili della cattura del triplice sistema di Quintarn, Tarentus e Masali in seguito agli eventi della Flotta Alveare Behemoth. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
760.M41: Di fronte alla Waaagh! Pugnozkuro, il Consiglio di Ferro incarica il Patriarca di Ferro Kardan Stronos di guidare il Capitolo in guerra per il trecentesimo anno consecutivo, il che lo rende il leader delle Mani di Ferro che ha servito più a lungo il Capitolo dopo Ferrus Manus. Sotto il suo comando la Waaagh! Pugnozkuro viene brutalmente annichilita, per di più con molte meno perdite del previsto. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
761.M41: Quando l’armata dello Scioglianime, composta da macchine demoniache, minaccia di sopraffare il Grande Crogiolo di Nocturne, il Maestro Capitolare delle Salamandre approva l’apertura dei reliquiari. Dozzine di armi finemente forgiate quali fucili termici, lame reliquia e martelli tuono vengono affidate ai veterani dei Draghi di Fuoco e ogni guerriero giura di onorarne lo spirito macchina con grandi atti di massacro. I veterani vengono portati verso il Grande Crogiolo grazie a dodici Cannoniere Stormraven, ognuna nei cieli fumosi di Nocturne con un paio di Stormtalon ai propri lati. All’arrivo, i Draghi di Fuoco penetrano nell’orda di macchine demoniache come eroi delle leggende, i loro colpi di martello e le loro esplosioni termiche massacrano una mostruosità metallica dopo l’altra. Con i propri passeggeri scaricati in sicurezza nella zona di guerra, gli Squadroni Storm Wing si danno alla caccia allo Scioglianime mentre quest’ultimo razzia le forge del Grande Crogiolo e lo abbattono. Il corpo dell’Artefice del Warp viene successivamente recuperato dalla pozza di ferro fuso in cui ha incontrato la propria fine, i mecatentacoli recisi e l’armatura di ferrocarne bucherellata da cento fori di proiettile. Il suo cadavere, dopo essere stato buttato nella stiva di carico di un trasportatore insieme ai rottami delle sue macchine demoniache, viene portato nell’orbita e lanciato nel sole di Nocturne. (Dataslate: Adeptus Astartes Storm Wing)
762.M41: Marneus Calgar guida il resto del Capitolo contro il mondo forgia Thrax, corrotto dai Demoni. Al suo comando gli Ultramarine bandiscono migliaia di Demoni e recuperano dati fondamentali dagli empi manufactorum. Completata la missione, Calgar ordina l’Exterminatus. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
762.M41: Il 1014° Catachano, guidato dal Colonnello “Occhio d’Acciaio” Black, affronta gli Orki del clan Tezte di Morte sul pianeta Kato. Nessuno dei due schieramenti riesce a guadagnare il vantaggio finché non intervengono squadroni di Sentinel che localizzano e distruggono la fabbrica di Kalpezta nemica, nascosta nelle profondità della Valle della Vedova. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
7.330.763.M41: I Guerrieri della Casta del Fuoco Tau combattono al fianco di mercenari alieni durante il Sacco di Penuria IV. (Codex: Tau 3a Edizione)
765.M41: Accumulando varie cause, viene riportata la perdita di oltre sessanta Capitoli di Space Marine, ma non è possibile stabilire da quando parta questo conteggio. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
772.M41: Il Padre della Forgia Vulkan He’stan delle Salamandre recupera il Guanto della Forgia dopo aver sconfitto la banda da guerra del signore pirata Eldar Iath Tessisangue. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
774.M41: Una flotta Explorator localizza il pianeta denominato Iori Delta, un mondo passato alla leggenda per la sua improbabile abilità di spostarsi tra le stelle per propria volontà. Ovunque il mondo appaia, accadono strani eventi che mutano ricordi, archivi, orbite, etc. L’Inquisizione invia i Cavalieri Grigi per investigare e quest’ultimi partono con un incrociatore comandato dal Gran Maestro Mordrak. Pur ipotizzando un collegamento con il Warp, in realtà i Cavalieri Grigi scoprono tutt’altro, trattandosi di un antico mondo artificiale Necron. Nel corso dello scontro che ne consegue, Mordrak riesce ad applicare delle cariche termiche su numerosi sistemi importanti, poi i Cavalieri Grigi fanno detonare tutto qualche istante dopo essersi riteletrasportati sul proprio incrociatore. Iori Delta svanisce nel nulla senza che sia possibile confermarne la distruzione. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
775.M41: Il Generale Ghanzorik assume il comando del 61o Janissari Maccabiani e viene spedito nell’infernale zona della Distesa di Jericho. (Only War, Regolamento base)
776.M41: La Guerra dell’Incuria. (Codex: Necrons 7a Edizione)
777.M41: Guidata dalla Legione Nera, una forza di Space Marine del Caos fuoriesce dal Warp nei pressi del Cancello Cadiano. L’avanzata viene rallentata dalle azioni dei Cadiani, poi l’intervento dei Magli Imperiali permette alla Guardia di scacciare il nemico nell’Occhio del Terrore. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
777.M41: Furiere Kross, 312° Cadiano, viene giustiziato per condotta disonorevole. (Codex: Necron 5a Edizione)
779.M41: Duca Severus Tredicesimo assume il comando del poco che rimane della propria Casata. (Only War, Regolamento base)
779.M41: Dopo un assedio di dieci anni, i Centurion Assaltatori delle Mani di Ferro fanno breccia nella fortezza Gugliamartello, ritenuta indistruttibile, ed uccidono tutti i difensori; questo ben due anni dopo che i rinnegati avevano proclamato la propria resa totale ed incondizionata. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
780.M41: Nel corso dieci anni, una serie di guerra coinvolge un quarto del Segmentum Solar, un conflitto noto come Ribellione del Quarto Quadrante. Gli Angeli Oscuri prendono parte a numerose battaglie, sopprimendo la Rivolta di Egammonon, fermando l’invasione di Rastabal e assaltando la fortezza di Kaligar. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
780.M41: La campagna della Deriva Lycanthos. In seguito alla Ribellione del Quarto Quadrante, le Furie Bianche rispondono ad una disperata richiesta di aiuto assieme a molti altri Capitoli per sconfiggere le forze d’invasione del Caos. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
781.M41: La Grande Caccia del notoriamente brutto Lord Lupo Osric Trepugni termina quando, circolando attorno al Maelstrom, la sua forza d’attacco cade nell’imboscata di una flotta del Caos molto più grande. L’enorme ammiraglia del Caos, Tempesta d’Odio, danneggia gravemente la nave di Osric Zanna del Vuoto con una singola salva di fuoco. Con soli pochi minuti per agire, Osric e i suoi uomini si mettono l’elmetto e lanciano i propri branchi nel vuoto. Spinti dalla morte del proprio vascello, fluttuano verso la Tempesta d’Odio e solo trenta Marine sopravvivono abbastanza da riuscire a magnetizzare i propri stivali sullo scafo nemico per poi sfondarlo con magli potenziati e martelli tuono. Entrando nella nave, Osric e la sua Guardia del Lupo rivoltano la potenza di fuoco della Tempesta d’Odio contro i suoi alleati, vincendo la battaglia. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
781.M41: Le nubi nere si radunano. Dopo lunghi anni di preparazione, Imotekh il Signore delle Tempeste assume il controllo del mondo corona Mandragora e della Dinastia Sautekh giustiziando qualunque nobile tanto folle da opporsi, consolida la propria posizione autoproclamandosi faraone. Nel giro di un anno dal suo risveglio i dolmen d’ingresso e le navi tomba di Mandragora sono ripristinati e la riconquista della galassia ricomincia. (Codex: Necron 5a Edizione; Codex: Necrons 7a Edizione)
783.M41: In seguito a una visione, Eldrad Ulthran organizza la distruzione di Maedrax, mondo tomba dei Necron, prima che gli Explorator dell’Imperium lo sveglino del tutto, inoltre gli Eldar al suo servizio distruggono anche le navi imperiali. Una nave da guerra degli Angeli Sanguinari nelle vicinanze viene schierata per vendicare la scomparsa della flotta Explorator e per questo raggiunge la schiera da guerra Ulthwé nel momento in cui sta uscendo dal sistema e infligge pesanti perdite. La situazione peggiora ulteriormente quando la presenza Necron nel Sistema Maedrax si rivela molto più ampia del previsto. Così facendo gli Eldar scoprono un’enorme dinastia Necron diffusa in tutto il sistema, la quale si risveglia completamente. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
784.M41: I Necron si risvegliano sul mondo di frontiera Icnarus e gli insediamenti umani svaniscono uno dopo l’altro. I cittadini si ritirano nella città costiera di Immoran e si scatena una rivolta presso l’unico spazioporto del pianeta. Sorgendo dal mare, guerrieri metallici arrugginiti marciano su Immoran uccidendo chiunque sul proprio cammino, davanti a loro una sfolgorante Scheggia di C’tan. Quando tutto sembra perduto, appare un Cavaliere Imperiale solitario. In uno scontro titanico, il Cavaliere sconosciuto respinge gli invasori e rompe le costrizioni della loro Scheggia, spedendola urlante nell’etere. (Codex: Necrons 7a Edizione; Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
785.M41: La vendetta di Zterkozekko. L’Orko Grande Kapoguerra Zterkozekko del clan Morzi di Zerpe invade in forze la base planetaria del Kapoguerra Goff Zpakkamento dopo avere scoperto di essere il soggetto della barzelletta migliore (e unica) dell’alleato. Inizia una guerra civile tra i pelleverde che dura per ottant’anni. (Assalto Planetario 5a Edizione)
786.M41: La morte di Gnosis Primus. La Schiera da Guerra dell’Autarca Lamadizefiro cala sul pianeta imperiale Gnosis Primus, sfuggendo continuamente alle goffe armate umane. Alleato con i predoni Drukhari, l’Autarca si assicura di portare il mondo sull’orlo della distruzione. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
789.M41: Il corpo di un Carnifex con un solo occhio viene scoperto nel ghiaccio di Calth. Benché ritenuto morto, la creatura si risveglia e macella qualsiasi cosa sul proprio passaggio. Centinaia di Tiranidi presenti nel sistema di caverne labirintico di Calth emergono e affiancano il Carnifex. Mentre storie della sua furia raggiungono Macragge, gli Ultramarine schierano il Sergente Telion per abbattere il mostro che terrorizza la popolazione di Calth, una bestia denominata “Vecchio Occhio Solo”. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
790.M41: Le forze del 9° Vostroyano, al comando del Graf Toshenko, rimangono con un solo soldato durante la difesa della città fabbrica di Polia contro le forze del Comandante Tau Brightsword su Nimbosa. Ispirata dal sacrificio, la popolazione rifiuta di sottomettersi al Bene Superiore. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
791.M41: Un’amara rivelazione. L’ascesa di Imotekh dimostra la fondatezza della Profezia della Sventura Ridestata descritta nel Libro della Notte del Lamento. Dopo questa rivelazione i Concili di Veggenti degli arcamondi sono costretti ad ammettere che il pericolo previsto dagli Eldar di Alaitoc è decisamente reale e mettono in moto antichi piani per contrastarlo. (Codex: Necrons 7a Edizione)
793.M41: Spedizione su Solemnace. A seguito dell’insorgere della Flotta Alveare Behemoth, xenobiologi ed Inquisitori dell’Imperium si pongono domande senza risposta. Uno di questi interrogativi porta l’Inquisitrice Helynna Valeria sul mondo fantasma Solemnace, in cerca del motivo per cui quel pianeta è rimasto intonso mentre tutti gli altri sul percorso della Flotta Alveare sono stati distrutti. Nulla poteva prepararla a ciò che avrebbe trovato nel cupo silenzio sotto la superficie butterata e brulla di Solemnace: infinite catacombe colme di tecnologie avanzate, manufatti storici dell’Imperium perduti da tempo e gallerie su gallerie di intricate sculture olografiche a grandezza naturale, disposte in un tacito quadro celebrativo d fatti storici. La spedizione di Valeria è colta da un fugace stupore di fronte alla scoperta, ma l’intero mondo tomba si desta furioso. Stuoli infiniti di Scarabei Canoptek e Necron Guerrieri si riversano da tutti i lati e l’aria si riempie dell’ululato delle armi gauss. Cercando di far riguadagnare un vantaggio ai propri seguaci circondati, Valeria guida una carica contro la figura oscura che orchestra la carneficina. Mirando con cura, libera l’impulso del raggio Graviton che riduce il Necron Lord a un rottame fuso e accartocciato. Un attimo dopo una figura identica emerge dal buio, in perfette condizioni. Stavolta l’Inquisitrice infila lo Stiletto della Mezzanotte nel cuore dell’avversario; quando la carcassa sfrigolante si abbatte sul terreno, un altro Necron Lord identico si fa avanti, calpestando la figura priva di volto che giace ai sui piedi. Con ciò, Valeria ordina di ritirarsi alle navette. Solo un pugno di spedizionieri raggiunge vivo la destinazione, per giunta a mani vuote. Con sommo disappunto dell’Inquisitrice, il Mondo Tomba Solemnace conserva tutti i suoi gloriosi segreti. (Codex: Necron 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
794.M41: I mastini di Khorne. Caelec il Viaggiatore viola un portale runico sigillato, solo per scoprire che conduce al reame di Khorne. Una banda di demoni dalla testa di cane lo uccide e ne segue la pista fino a Yme-Loc, causando un massacro prima di essere infine bandita. Codex: Craftworlds 7a Edizione)
795.M41: Il 23° Cadiano “Punitori” si rivela fondamentale nello schiacciare la ribellione eretica su Krandor III. Vengono schierati squadroni di Corazzati Wyvern, i loro bombardamenti devastano le masse di cultisti che riempiono le strade. Le perdite sono alte per entrambe le parti, poiché i cultisti combattono furiosamente, assaltando più volte le difese lealiste con maree di orrori malformati. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
796.M41: La Legione Alfa partecipa all’Incursione su Caradryas. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
797.M41: L’Assedio di Zalathras. Dopo recenti miglioramenti da parte del corrente Governatore Planetario Fennick, quest’ultimo invita formalmente Marneus Calgar su Zalathras affinché approvi il lavoro svolto, ma anche per dare una certa importanza a un mondo pressoché sconosciuto. Marneus raggiunge il pianeta con pochi Space Marine e soldati dell’Astra Militarum, trattandosi di una breve missione diplomatica, ma lo trova assediato dall’orda pelleverde del Kapoguerra Brug. Scende sul pianeta, ma il suo trasporto viene abbattuto e non tutti i suoi Marine e Guardie sopravvivono. Dopo un cammino logorante, Marneus e il suo seguito raggiungono la città di Zalidar. Da quel momento, Marneus riorganizza la difesa della città insieme Lord Fennick e ad altri ufficiali locali, compreso il Mercante Corsaro Morcault che per primo scoprì il pianeta. Zalidar viene assediata per molti giorni e alla fine tutto confluisce nella difesa del Cancello Vanaheim. I difensori imperiali respingono gli Orki arrivando a finire la maggior parte delle munizioni a loro disposizione e l’improvvisa carica di Brug a bordo del proprio Squiggoth viene fermata dal sacrificio di Morcault, il quale schianta la propria nave direttamente contro l’enorme bestia, uccidendola e spingendo i pelleverde alla ritirata. In seguito alla vittoria, nonostante la verità sia ben diversa, nell’Imperium si diffonde la leggenda secondo cui Marneus Calgar abbia protetto da solo l’ultimo grande cancello di Zalathras contro l’orda pelleverde per una notte e un giorno. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Space Marine Battles: Calgar’s Siege, di Paul Kearney)
Ca. 798.M41: La Dinastia Satellite Arrynmarok giura alleanza ad Imotekh. (Codex: Necron 5a Edizione)
798.M41: L’assedio di Somonor. Imotekh il Signore delle Tempeste respinge una schiera da guerra di Alaitoc dal Mondo Tomba Somonor. (Codex: Necron 5a Edizione)
798.M41: Tre colossali relitti spaziali escono dal Warp presso il Sistema Baal segnalando l’arrivo della Waaagh! Big Skorcha. Il Comandante Dante ordina lo schieramento di due Compagnie per ognuna delle due lune di Baal. Le Compagnie rimanenti vengono assegnate alle forza d’attacco e viene ordinato loro di abbordare e distruggere i relitti spaziali. Due dei relitti vengono distrutti con gran parte della Waaagh! a bordo. Il terzo, invece, riesca a far sbarcare migliaia di Orki sulla superficie di Baal prima d’essere distrutto. Big Skorcha decide di saccheggiare la fortezza monastero del Capitolo, ma i Dreadnought sono rimasti di guardia e il Venerabile Furioso Astramael raduna tutti i quarantuno Dreadnought funzionanti del Capitolo in quella che diventa conosciuta come Battaglia del Ferro. Pochi Orki rimangono quando arrivano la Stormraven cariche degli altri confratelli. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
799.M41: Un vasto gruppo di incursione dei Drukhari giunge nel Sistema Bardric per catturare gli Orki che lo popolano. Gli invasori si accorgono presto che i pelleverde sono morti, massacrati da una legione risvegliata appartenente alla Dinastia Charnovokh. I Necron si rivelano una preda sorprendentemente letale per i Drukhari, che sono costretti a tornare a Commorragh con ingenti perdite. (Codex: Necrons 7a Edizione)
799.M41: Il Principe Demone M’kar il Rinato attacca il pianeta Acralem, tentando di reclamarlo come mondo su cui troneggiare e da cui partire per creare un impero. Agendo secondo richiesta inquisitoriale, i Cavalieri Grigi lanciano una controffensiva imperiale e nella battaglia finale M’kar viene sconfitto dal giovane Kaldor Draigo. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
799.M41: Gli Ultramarine iniziano a fortificare i confini orientali contro le forze emergenti del neonato Impero Tau. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
799.M41: Una forza d’attacco dei Corsari Rossi invade San Leor, mondo originario delle Spose dell’Imperatore. Gli Space Marine del Caos non sono preparati alla furia della rappresaglia dell’Adepta Sororitas e vengono assaltati da ben nove Ordini Militanti finendo totalmente annientati. (Codex: Sorelle Guerriere 5a Edizione; Codex: Adepta Sororitas 6a Edizione)
799.M41: Duca Severus Tredicesimo diventa Lord del sottosettore Periphery, nel Settore Calixis. (Only War, Regolamento base)
799.M41: La fine della Waaagh! Maztikatezte. Il Grande Mek Maztikatezte guida la sua Waaagh! sul Mondo Tomba Suranas appena risvegliato. Quando le schermaglie iniziali confermano che i Necron ancora letargici non sono un problema per gli Orki, Lord Nephtk stringe un patto con Maztikatezte. In cambio di alcune decine di cannoni apocalisse funzionanti, il Grande Mek acconsente a lasciare il pianeta e cercare bottino da altre parti (con l’intento segreto di fare comunque ritorno più avanti). Tre mesi dopo la Waaagh! approda sul mondo agricolo Eden Primus e l’Orko non resiste alla tentazione di indagare sul funzionamento delle nuove armi. Dopo aver rotto un nucleo di contenimento, Maztikatezte, la sua Waaagh! e il pianeta vengono spazzati via dal firmamento. (Codex: Necron 5a Edizione)
800.M41: una visione terribile dei prognosticator porta i Cavalieri Grigi ad organizzare una forza d’attacco diretta verso un punto dello spazio dove non è nota l’esistenza di alcun pianeta. All’arrivo trovano il relitto dell’Arcamondo Malan’tai. I Tiranidi l’hanno lasciato alle proprie spalle da tempo, ma al suo interno vaga la Custode dei Segreti N’kari insieme ai propri simili. Mentre cerca pietre dello spirito da divorare, i Cavalieri Grigi attaccano con l’aiuto dei Purificatori comandati dal Fratello-Capitano Pelenas. N’kari viene messa all’angolo all’interno della Volta dei Veggenti di Cristallo e il Demone Maggiore combatte furiosamente reclamando le vite di una dozzina di Purificatori. Quando butta a terra Pelenas e sta per calare il colpo di grazia su di lui, il Justicar Anval Thawn si getta in mezzo alla traiettoria venendo ucciso al posto del Capitano. Mentre N’kari è momentaneamente fermata dal corpo di Thawn, i Purificatori sopravvissuti riescono a completare il rituale delle Dodici Spade Sanguinarie, il quale drena il potere rubato di N’kari rendendola vulnerabile al colpo fatale di Pelenas. Dopo la battaglia, i Cavalieri Grigi ritornano su Titano con i cadaveri dei caduti e solo alcuni Purificatori rimangono su Malan’tai finché non riescono a contattare un altro Arcamondo affinché inizi il recupero delle pietre dello spirito rimaste. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
801.M41: I Cavalieri Verdi, un contingente d’élite di Cavalcadraghi Esoditi, respinge i Drukhari invasori dalle floride vallate del proprio mondo natio Ishareq. Purtroppo arrivano troppo tardi per impedire a una Cabala di Haemonculi di avvelenare lo spirito del mondo del pianeta. Uno ad uno, ogni Eldar vivente di Ishareq semplicemente giace e muore. (Assalto Planetario 5a Edizione)
801.M41: Forze degli Eldar di Lugganath attaccano la roccaforte del Capitolo di Space Marine del Caos Cuore d’Acciaio, distruggendo completamente il Capitolo rinnegato. (Missioni Operative 5a Edizione)
801.M41: Il Capitano Zorael della 4a Compagnia guida la forza d’attacco Bloodhawk contro i ribelli insurrezionisti su Golgotha. Gli Angeli Sanguinari formano una colonna corazzata di Land Raider che sfonda le mura esterne della fortezza nemica. Intrappolati all’interno delle proprie difese, i ribelli vengono rapidamente sopraffatti dalle Cannoniere Stormraven di Zorael. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
801.M41: Il pugno del Dio Macchina. Quando il Craftworld Yme-Loc rifiuta di cedere i propri segreti ad una flotta da guerra dell’Adeptus Mechanicus, scoppia una battaglia nelle armerie di Vaul. Muoiono a milioni prima che i Tecno-Preti arraffino abbastanza tecnologia da ritenersi soddisfatti. (Codex: Craftworlds 7a Edizione)
801.M41: Uno sfarfallio momentaneo dell’Astronomican butta fuori rotta migliaia di trasporti della Guardia Imperiale. Molti traslano nello spazio reale a centinaia di anni luce dalla loro destinazione o a decine d’anni di distanza. Molti altri non riappaiono mai più. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
012.801.M41: La Flotta Alveare Naga attacca le colonie esterne della Lega Ulumeatica. Tre dei mondi colonizzati cadono nel giro di pochi giorni, con il quarto che resiste abbastanza a lungo da permettere l’evacuazione di una merda frazione della propria popolazione. All’insaputa degli Ulumeati, le fregate non trasportano solo rifugiati, bensì anche alcuni Genoraptor. (Codex: Tiranidi 5a Edizione, 6a Edizione)
201.801.M41: A causa delle voci riguardanti un’oscura minaccia aliena che si sta spargendo nella galassia, il Culto dell’Oblio Velato cresce in dimensioni e importanza attraverso tutto l’Ammasso Ybarico. L’anarchia regna su Silax, il mondo più interno. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
640.801.M41: La Flotta Alveare Naga divora il mondo Esodita Tar-Etenil. I singhiozzi di morte del pianeta e la risultante onda d’urto psionica danneggia gli spiriti del mondo di numerosi mondi Esoditi vicini, rendendoli una preda facile dell’avanzata della Naga. (Codex: Tiranidi 5a Edizione, 6a Edizione)
712.801.M41: Le navi da trasporto contenenti i profughi della Lega Ulumeatica arrivano sugli spazioporti Varreyani. Ogni contatto con il vasto complesso viene perso entro i due giorni seguenti. Le squadre investigative inviate dalla superficie del pianeta hanno il tempo di inviare l’allarme di un’infestazione Genoraptor prima d’essere macellate. La flotta Varreyana è costretta a distruggere il complesso dall’orbita per eliminare la minaccia, devastando la possibilità regionale di riarmare e rifornire le navi. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
909.801.M41: Crimsonfall, il primo dei mondi dell’Ammasso Ybarico, viene attaccato da un tentacolo della Flotta Alveare Naga. Inizialmente i combattimenti rimangono a favore dei reggimenti di Guardia Imperiale stazionati sul luogo, ma l’assenza di rinforzi fa sì che le mostruosità Tiranidi possano essere solo rallentate, non fermate. Tre dei quattro continenti del pianeti vengono travolti. (Codex: Tiranidi 5a Edizione, 6a Edizione)
802.M41: Il Campione dei Divoratori di Mondi Varlag il Macellaio sfida Kardan Stronos a duello durante la difesa di Parathen. Sebbene Kardan calcoli che il modo più pratico per uccidere l’avversario sia sparargli in testa, risponde alle urla sanguinarie di Varlag con il proprio grido di battaglia prima di mozzare la testa al traditore con un singolo fendente dell’Ascia di Medusa. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
802.M41: Il Capitolo dei Vampiri aiuta il 35° Cadiano nell’assedio di Helios Alpha, un mondo formicaio infestato dai Demoni. Il feroce assalto dei Vampiri rompe rapidamente lo stallo, ma l’alta incidenza di danni collaterali nelle Guardie che combattono al fianco dei Marine fa sì che l’Alto Comando Cadiano risulti riluttante nell’accettare nuovamente l’aiuto del Capitolo. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
030.802.M41: Gli eserciti di Crimsonfall ricevono rinforzi da parte del mondo formicaio vicino Tern, inclusa una compagnia di Baneblade Cadiani con poca manutenzione, abbandonati lì cinquemila anni prima. I difensori di Crimsonfall si radunano dietro i nuovi arrivi, ma vanno in rotta quando una nidiata di Tyrannofex riduce in rottami l’intera compagnia di Baneblade. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
240.802.M41: Il Governatore di Silax si rifiuta di inviare aiuto ai propri vicini coinvolti nella guerra. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
690.802.M41: Tern invia ulteriori rinforzi verso Crimsonfall, ma le truppe subiscono un’imboscata da parte dei razziatori Drukhari. Mentre si crogiolano nelle proprie celebrazioni di vittoria, i razziatori vengono a loro volta attaccati e quindi assorbiti dai bio-vascelli della Flotta Alveare Naga. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
701.802.M41: Crimsonfall viene consumato dalla Flotta Alveare Naga. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
870.802.M41: Avendo inviato molti dei propri guerrieri in aiuto di Crimsonfall, i difensori di Tern vengono rapidamente sopraffatti. Entro una settimana, il pianeta viene divorato dalla Flotta Alveare Naga. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
Ca. 980.802-920.807.M41: La Flotta Alveare Naga consuma varie razze minori sul confine del territorio Ulumeati. La sua avanzata non sembra rallentare. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
805.M41: Forze degli Eldar di Lugganath aiutano a sconfiggere l’incursione demoniaca su Cathox Primus e aiutano nella soppressione di una rivolta di Cultisti del Caos su Cathox Gamma. (Missioni Operative 5a Edizione)
805.M41: La Waaagh! Gutshredda si scatena nel Sistema Forgoil. Marneus Calgar guida tre Compagnie ad assistere le Forze di Difesa Planetaria di Forgoil. In poco più di tre settimane, gli Ultramarine distruggono le navi teletrazporto e le fabbriche di Kalpezta che fornivano alla Waaagh! gran parte della propria forza. Nella battaglia finale della guerra, Calgar i suoi Terminator abbordano e distruggono Da Supadestructa, l’ammiraglia di Gutshredda. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
805.M41: La rovina di Morrigar. Uno scontro fra le bande criminali del formicaio sveglia inavvertitamente la tomba Necron nascosta su Morrigar. Poco dopo si interrompe qualsiasi contatto con il pianeta. Quando il 207° Cadiano atterra sei mesi più tardi non trova traccia degli abitanti, umani o altro. Prima che il reggimento lasci Morrigar, giunge il signore della guerra necron nomade Anrakyr il Viaggiatore. Ritenendo gli umani responsabili della distruzione del mondo tomba, lancia un attacco che decima le sue forze ed elimina completamente il 207° Cadiano. (Codex: Necron 5a Edizione)
887.805.M41: Trazyn l’Infinito invia un messaggio su iperpergamena all’Inquisitrice Valeria contenente un labirinto tesserattico che la intrappola al suo interno. (Codex: Necron 5a Edizione)
807.M41: Si svolge la Purificazione di Jhanna. Marneus Calgar guida due Compagnie di Ultramarine nella ricattura delle città oceaniche ribelli Omon e Vorlencia. Benché i ribelli godano del supporto degli Space Marine del Caos, Calgar riesce a riprendere le città lasciandole prevalentemente intatte. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
001.808.M41: La Flotta Alveare Naga arriva nell’orbita di Silax. Sulla superficie, i Cultisti dell’Oblio Velato, i quali comprendono il Governatore Planetario, abbandonano la segretezza e si rivoltano contro le poche forze di difesa locali. Lealisti e traditori vengono consumati rapidamente quando le Spore Micetiche cominciano a cadere. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
575.808.M41: Gli Eldar Esoditi di Halathel si accorgono dell’arrivo della Flotta Alveare Naga. Incapaci di abbandonare le anime dei propri simili vincolate allo spirito del mondo di Halathel, pregano l’aiuto degli Arcamondi nelle vicinanze e iniziano a fortificare l’altare dello spirito del mondo. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
692.808.M41: Il Tronomondo della Lega Ulumeatica viene divorato dalla Flotta Alveare Naga. Le rimanenti colonie Ulumeati dichiarano lo stato di quarantena. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
131.809.M41: Gli elementi di comando della Flotta Alveare Naga vengono colti tra le flotte degli Arcamondi Malan’tai e Idharae. Naga si divide in due tentacoli, il primo diretto verso Halathel, il secondo si ripiega verso il mondo vergine Eth-aelas. (Codex: Tiranidi 5a Edizione, 6a Edizione)
801.809.M41: Distanziandosi dalla flotta malconcia di Malan’tai, il primo tentacolo di Naga arriva nell’orbita attorno a Halathel. Spore Micetiche cominciano a piovere sulla superficie del pianeta. I difensori di Halathel rimasti si ritirano verso l’altare dello spirito del mondo e si preparano ad un’ultima resistenza per proteggere i propri antenati. (Codex: Tiranidi 5a Edizione, 6a Edizione)
810.M41: Le Mani di Ferro sono uno dei nove Capitoli di Space Marine che liberano il sistema Kelldar dalle grinfie della Waaagh! Gorzod. Dopo la vittoria schiacciante, il Governatore di Kelldar Primus indice una festa per onorare il sacrificio e l’eroismo dell’Adeptus Astartes. Tutti i Capitoli vi prendono parte tranne le Mani di Ferro, che si rifiutano pubblicamente di sedersi allo stesso tavolo dei confratelli della Guardia del Corvo. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
097.810.M41: Primo Assedio dell’Altare di Halathel. La Mente Alveare conduce migliaia di Termagant e Hormagaunt verso le mura dell’Altare di Halathel, spendendo vite per diminuire le scorte di munizioni nemiche. Combinando le loro forze, gli Esoditi tengono a bada i Tiranidi per tre giorni e tre notti. Al mattino del quarto giorno, il moto dell’attacco Tiranide vacilla. I sopravvissuti fuggono, lasciando un tappeto di morti sulla propria strada. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
420.810.M41: Secondo Assedio dell’Altare di Halathel. Avendo testato il coraggio e la determinazione dei difensori, la Mente Alveare scatena un secondo assalto che fa impallidire il primo in termini di dimensioni e furia. Gargolle e Arpie volano sulle mura, tenute a bada solo dalle reti di difesa aerea dell’altare. Le ondate di Termagant si separano facendo passare la carica di Carnifex. Le bestie colossali vengono respinte, eppure ogni Carnifex ucciso equivale ad un altro pronto a sostituirlo. Al tramonto, le difese esterne dell’altare collassano. Gli Hormagaunt sciamano attraverso le brecce, macellando gli sfortunati Eldar. Il Lord Esodita Wei-yannil e la sua guardia del corpo, cercando di guadagnare tempo per la ritirata di Guardiani e Guerrieri d’Aspetto, aggrediscono il Tiranno dell’Alveare che guida l’assalto. In un drammatico combattimento, il Tiranno viene ucciso, ma Wei-yannil viene dilaniato dagli attacchi frenetici della Guardia del Tiranno. Con la morte del proprio signore, la massa tiranide perde coesione e si ritira, lasciando che i rimanenti Hormagaunt impazziti si lancino futilmente contro il nemico. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
742.810.M41: Una flotta dell’Arcamondo Iyanden, al comando dell’Ammiraglio Draech, ingaggia le Navi Alveare orbitanti Halathel. La nave di Draech, la Propizia Illuminazione dell’Eternità, viene distrutta agli inizi della battaglia, ma il suo secondo in comando, un principe relativamente giovane di nome Yriel, prende il comando e distrugge le navi dei Tiranidi. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
353.811.M41: La Caduta dell’Altare di Halathel. Dozzine di Trigoni scavano sotto le mura dell’altare, fuoriuscendo portando terrore e morte tra i difensori all’interno. Benché le bestie vengano uccise dai tunnel dei Trigoni escono i Predatori. L’assalto termina dopo meno di un’ora, i difensori massacrati fino all’ultimo e lo spirito del mondo distrutto. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
756.811.M41: Colmo d’ira, Yriel ordina alla flotta di Iyanden di eliminare ogni forma di vita su Halathel. I vascelli sopravvissuti della flotta dell’Arcamondo Malan’tai arrivano presso Halathel e si uniscono alle forze di Yriel. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
812.M41: Il Capitolo delle Mani di Ferro elimina la corruzione di Slaanesh da una dozzina di pianeti nel sottosettore Contqual. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
812.M41: I formicai fluttuanti di Aralan vengono infettati da una piaga mentale conosciuta come Maledizione della strega. I cittadini in possesso del benché minimo potenziale psionico vedono i propri poteri latenti fiorire in un’incontrollabile tempesta d’energia eterica. I Templari Neri, la cui crociata era passata attraverso il Settore Aralan meno di un anno prima, riportano indietro la propria flotta appena vengono a sapere dell’anomalia. Quando arrivano nei pressi dei formicai fluttuanti, i Templari hanno radunato tutte le cannoniere della propria flotta. Lanciano un assalto diretto verso i formicai, ogni Squadrone Storm Wing sfonda i globi di vetracciaio che proteggono ogni distretto e scarica una dozzina di Space Marine nelle strade. I Templari abbattono ogni cittadino che si pone sul loro cammino mentre localizzano e sterminano gli psionici che creano disordini. Molti dei cittadini più coraggiosi si uniscono contro l’Adeptus Astartes, ma dopo il sanguinario massacro della Piazza Cremisi, gli Space Marine se ne vanno senza ostacoli. (Dataslate: Adeptus Astartes Storm Wing)
195.812.M41: Una Nave Alveare ferita e isolata si imbatte nell’Arcamondo Malan’tai. Il vascello tiranide appassisce e muore mentre la flotta difensiva Eldar si appresta per intercettarlo. Una manciata di Spore Micetiche, lanciate nei singhiozzi di morte della bio-nave, non viene notata dalla flotta Eldar. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
206.812.M41: La flotta dell’Arcamondo Idharae ingaggia le rimanenti navi del secondo tentacolo della Flotta Alveare Naga, il quale si trova ai confini esterni del Sistema Eth-aelas. Messi all’angolo e con un’inferiore potenza di fuoco, le navi dei Tiranidi vengono distrutte, ma non prima di lanciare migliaia di Spore Micetiche verso Eth-aelas. Determinati a non perdere un altro pianeta per mano dei Tiranidi, gli Eldar di Idharae atterrano uslla superficie e cominciano il lungo compito di purificazione della presenza tiranide sul mondo. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
459.812.M41: Una delle Spore Micetiche rilasciate dalla Flotta Alveare Naga morente riesca a raggiungere l’Arcamondo Malan’tai. Lo zoantropo che ne fuoriesce si nasconde ai sensi degli Eldar e lentamente prosciuga psichicamente l’Arcamondo divenendo la creatura nota come Fato di Malan’tai. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione; Codex: Tiranidi 5a Edizione, 6a Edizione)
860.812.M41: Le forze del Principe Yriel arrivano su Eth-aelas e si uniscono a quelle di Idharae. In seguito a una serie di vittorie conquistate duramente, l’ultimo Tiranno dell’Alveare viene ucciso nella Battaglia del Pinnacolo Forgia del Dolore. I sopravvissuti dello sciame vengono lasciati senza una guida e diventano preda facile per gli Eldar. Ci vogliono ancora molte battaglie prima di eliminare totalmente i Tiranidi della Naga, ma la minaccia principale della Flotta Alveare come forza unita e coesa termina quel giorno. (Codex: Tiranidi 5a Edizione, 6a Edizione)
813.M41: L’Assedio di Vraks. Gli Scorpioni Rossi e i Cacciatori Rossi combattono per riconquistare il mondo arsenale Vraks. La guerra dura diciassette anni e termina con una vittoria: Demoni e rinnegati vengono respinti, ma Vraks è un pianeta morto, visto che l’intera popolazione è stata spazzata via dagli scontri. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
813.M41: La 3a Compagnia delle Furie Bianche cade in un’imboscata sul mondo Cano’var, tesa dalle legioni dei Necron del Nemesor Zahndrekh e del Vargard Obyron. Più di cinquanta confratelli vengono uccisi e Kor’sarro Khan viene preso prigioniero. Khan si dimostra un ospite difficile, però, ed evade lasciandosi alle spalle una scia di rottami. Al suo ritorno su Chogoris, i nomi degli aguzzini necron vengono aggiunti alla Pergamena della Vendetta. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
815.M41: Gabriel Seth diventa Maestro Capitolare dei Supplizianti. La sua prima azione è ristabilire i rapporti tra il Capitolo e gli Angeli Sanguinari, un patto di fratellanza infranto da secoli di comportamenti sanguinari dei Supplizianti. (Codex: Angeli Sanguinari, 5a Edizione; Codex: Blood Angels 7a Edizione)
815.M41: Durante la guerra di Zmitraglia, il Grande Kapoguerra Grog attacca il mondo difeso dai Tau Atari Vo nel modo più diretto possibile: scaglia l’enorme meteora a forma di zanna che usa come base attraverso l’atmosfera e ne conficca la punta ardente nella capitale dei Tau. Diversi miliardi di Tau muoiono prima che Grog e la sua élite Zmtraglia escano dal nucleo protetto della meteora e diano subito inizio alla Guerra di Zmitraglia. (Assalto Planetario 5a Edizione)
815.M41: La Flotta Explorator 913 penetra nel territorio controllato dal Mondo Tomba Gheden e viene distrutta da quella del Nemesor Azderon. A battaglia conclusa, il relitto alla deriva finisce sulla traiettoria dell’Arcamondo Alaitoc. Quando tre Compagnie di Ultramarine giungono in cerca della Flotta Explorator, Azderon si è ritirato da tempo, ma la presenza dei vascelli cercavia di Alaitoc porta ad un conflitto tra Eldar e Space Marine. (Codex: Necron 5a Edizione; Codex: Space Marine 5a Edizione)
816.M41: Trenta Reggimenti degli Squadroni della Morte di Krieg arriva su Kalf, nel Settore Spinward, per ricevere ordini. Tra questi c’è il 616o Reggimento d’Assedio. (Only War, Regolamento base)
818.M41: Ur-Bolg, padre dei giganti, causa disordini nei fiordi corazzati di Aesheim. Il montuoso Ur-Bolg viene finalmente sconfitto quando Throth Mezzatesta acceca il gigante con una lama plasma e lo fa precipitare nell’oceano. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
819.M41: Un presunto insulto porta i Mortifactor e i Magli Scarlatti a scontrarsi. Solo il personale intervento di Marneus Calgar termina la disputa prima che possa diventare guerra aperta. La questione non viene notificata all’Adeptus Terra. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
820.M41: Gli Space Marine dei Mortifactor abbordano una bio-nave isolata creduta sopravvissuta alla distruzione della Flotta Alveare Behemoth. Gli Space Marine subiscono il novanta percento delle perdite, ma alla fine uccidono il bio-vascello gigante. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
820.M41: Il Capitolo dei Supplizianti risponde ad un conflitto nel Settore Adeonis e combatte come una marea di Demoni di Tzeentch, riuscendo a sigillare una fenditura Warp. Tuttavia, la vittoria non è così semplice, poiché il Mutaforma giace nel cuore di questo conflitto. Manipolando i fili del fato, il Mutaforma non ha solo dei piani volti a sferrare un colpo diretto contro Khorne, ma anche altri volti a tentare i Supplizianti verso la dannazione. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
820.M41: La nave da guerra Invocasangue degli Angeli Sanguinari viene pesantemente danneggiata da un’imboscata di Orki pirati mentre si trova di pattuglia nel Sistema Tresinka. Gli Orki abbordano la nave e tutto sembra già perduto, ma il Capitano di Flotta Bellerophon manovra comunque il potente vascello puntando le batterie principali contro la flotta pelleverde e distruggendone l’ammiraglia con una singola salva di fuoco. Nel frattempo, il furioso contrassalto dell’equipaggio dell’Invocasangue respinge gli Orki da dove sono venuti. La nave trascorre un anno nei porti di riparazione di Haringvleet prima di poter tornare in servizio. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
822.M41: Un mondo a pezzi. Il mondo Phagus viene riclassificato Mondo Demoniaco quando baratri dotati di zanne spuntano dalle masse di terra e iniziano a nutrirsi delle roccaforti della popolazione indigena. Le Guardie Imperiali del mondo notturno Yulia vengono inviate a investigare. Non torna nessuno. (Assalto Planetario 5a Edizione)
822.M41: I Drukhari della Cabala della Mano Infranta oltrepassano le reti difensive della Necropoli di Luetin. Dopo aver appena iniziato il proprio sanguinoso lavoro, i Lupi Siderali della Grande Compagnia di Erik Morkai li assaltano gettandosi sui loro trasporti. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
822.M41: La Campagna Sangue di Ferro. Un Artefice del Warp, Grathax, discende sul mondo Sangue di Ferro con un’armata di macchine demoniache che devastano tutto ciò che incontrano. Vengono ben presto affrontati da numerosi reggimenti di cingolati della Guardia Imperiale e più di cento corazzati degli Ultramarine guidati dal Fratello Sergente Chronus. Lo scontro dura tre giorni e vede l’impiego di artiglieria sufficiente a radere al suolo diverse città, prima che l’ultima macchina forgiata nel Warp venga distrutta. Più di mille rottami fumanti costellano il paesaggio, creando un cimitero di corazzati talmente vasto da essere visibile dall’orbita. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
823.M41: Il Capitano Zorael della 4a Compagnia degli Angeli Sanguinari viene ucciso dall’Assetato di Sangue Ka’Bandha. Solo l’intervento del Sanguinor previene la totale distruzione della forza d’attacco di Zorael. Francesi Castigon viene nominato nuovo Capitano della 4a Compagnia. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
824.M41: Il ritorno di Thaszar l’Invincibile. Il mondo ammantato di tenebra di Athonos è squassato da gravi tremori interni. La causa resta un mistero finché non emerge dal suolo una colossale Nave Tomba capitanata dal re pirata Thaszar l’Invincibile, rovesciando dallo scafo terra, rocce e macerie. Le difese del mondo si trovano comprensibilmente nello scompiglio più totale. Fortunatamente per gli abitanti, Thaszar non capisce che gli umani sono forme di vita intelligenti e non presta ai difensori in preda al panico più attenzione di quanta se ne dedichi a un nido di insetti. La capitale planetaria di Athonos viene rasa al suolo, ma il resto del pianeta resta quasi intonso; la Nave Tomba si dirige verso le stelle, al Mondo Tomba Zapannec, fermandosi solo per annichilire una stazione d’ascolto eldar protetta da oloscudi e nascosta nell’orbita bassa. (Codex: Necron 5a Edizione)
829.M41: Viene formata la Squadra Tattica Fennion “Gli Immortali” della 2a Compagnia degli Ultramarine. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
829.M41: L’asservimento di Aryand. Il Signore Supremo Vîtokh organizza l’invasione del mondo formicaio Aryand. Dopo un lungo e cruento assedio, il governatore mondiale accetta le condizioni dell’attaccante e Aryand diviene un mondo schiavo al servizio della dinastia necron Altymhor. (Codex: Necron 5a Edizione)
2.341.830.M41: I Lupi Siderali inviano i propri codici organizzativi all’Adeptus Terra. L’Inquisitore Bastalek Grim, apparentemente ancora vivo dopo 2500 anni, raccoglie le informazioni inviate dal Capitolo e quelle scritte tempo prima da Balthazar van Heppel per discutere dell’organizzazione del Capitolo. (Codex: Lupi Siderali 3a Edizione)
830.M41: Il Maestro Capitolare dei Magli Imperiali, Vladimir Pugh, guida due terzi dei confratelli nel Golfo di Tyros per recuperare una striscia di mondi, conquistata da Rogal Dorn durante la Grande Crociata e perduta nell’Eresia di Horus. Illic Lancianotturna e gli Eldar dell’Arcamondo Alaitoc lanciano un attacco a sorpresa sul pianeta Lobas. Pugh si salva dal proiettile di un cecchino solo grazie al sacrificio del Campione del Capitolo Demitrius Valor. Gli Eldar sono costretti a ritirarsi poco dopo, quando la 6a Compagnia si schiera tramite le Stormraven per rafforzare il presidio del Maestro Capitolare. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
830.M41: Il Comandante Dante invia la 3a e la 4a Compagnia degli Angeli Sanguinari a sedare la ribellione sul mondo formicaio Axonar. Ritenendo troppo potenti le difese alla base del formicaio, il Capitano Metraen evita un assalto diretto e ordina una serie di inserimenti dall’orbita bassa tramite reattori dorsali. Intrappolati all’interno delle proprie difese, i ribelli vengono schiacciati. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
831.M41: Gazbag, Kapoguerra del Kulto della Velocità noto per la propria tenacia e per le proprie abilità di navigazione, guida la propria Waaagh! verso un gruppo di mondi paradiso Eldar poco protetti. Essendoci poco da rubare o combattere, gli Orki di Gazbag evitano la noia dando fuoco e rovinando qualsiasi cosa. Gli Eldar dell’Arcamondo Biel-Tan intervengono con furia distruttiva, ma, dopo una lunga e sanguinosa campagna, essi sono costretti a ritirarsi. Gazbag schiavizza la popolazione Eldar indigena e brucia tutto ciò che trova finché i mondi un tempo verdeggianti non diventano di suo gradimento. (Codex: Orki 4a Edizione)
831.M41: La dissoluzione di Burr. Dopo una lunga spedizione archeologica sul misterioso pianeta Phall, il famoso explorator Benedict Draconis torna sui mondi binari di Burr. Il governatore planetario indice in suo onore un banchetto, che si rivela un errore fatale quando uno sciame di scarabei del comando mentale fuoriesce con uno schizzo di sangue dal cervello dell’explorator per divorare governatore ed ospiti. Da quel momento gli scarabei del comando mentale si moltiplicano ed infestano rapidamente gli ufficiali militari del sistema. Scattata la trappola e con gran parte delle difese dei mondi binari sotto il suo controllo, il Signore Supremo Janzikh di Phall lancia l’invasione. Burr Maggiore è il primo pianeta a cadere, a causa della sconsideratezza dei difensori, e presto il sistema giace sotto il dominio necron. I forni crematori ruggiscono giorno e notte. Quando il Capitano D’Estev giunge assieme alla Quinta Compagnia dei Signori del Fuoco, tutto ciò che può fare è distruggere Janzikh per rappresaglia. (Codex: Necron 5a Edizione)
832.M41: L’intera 1a Compagnia degli Angeli Oscuri, in rotta verso le zone di guerra infestate dagli Orki di Periliac Primus, effettua una deviazione imprevista verso Minoria, un piccolo pianeta minerario privo di interesse ai confini del Sistema Periliac. Risplendente nell’armatura color osso, l’Ala della Morte si teletrasporta in massa sul pianeta e uccide o cattura ognuno degli abitanti. Forse come risultato diretto del ritardare i rinforzi al pianeta assediato di Periliac Primus, l’intero sistema vacilla e cade sotto la schiacciante potenza della Waaagh! Zfondammazza. (Assalto Planetario 5a Edizione; Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
833.M41: Si svolge la Crociata Vinculus. I Templari Neri del Maresciallo Supremo Ludoldus accettano di collaborare con i guerrieri dell’Inquisitore Vinculus dell’Ordo Hereticus nella sua crociata contro il culto d’assassini dell’Ammasso Peleregon. Vinculus, insieme a un distaccamento di Adepta Sororitas dell’Ordine della Rosa Insanguinata, aveva già trovato l’origine della rete di culti su Peleregon IV, perciò la Crociata attacca rapidamente senza troppe opposizioni. All’atterraggio iniziale partecipa Helbrecht, ai tempi ancora un Neofita dei Templari Neri. Mentre Space Marine e Sorelle Guerriere sfondano la roccaforte nemica tra le montagne, Vinculus affronta il capo del culto e lo uccide, ma subisce una grave ferita. A quel punto, l’entità demoniaca che stava nascendo nel capo del culto è costretta a manifestarsi e approfitta dell’Inquisitore indebolito per possederlo. Vinculus viene improvvisamente manovrato da un Demone di Khorne, il quale lo sfrutta per macellare dozzine di alleati. Il Maresciallo Supremo Ludoldus, il Campione dell’Imperatore Ulricus e la Badessa Jasmine affrontano il Demone nella Battaglia del Fuoco e del Sangue e a un certo punto Ludoldus è costretto ad utilizzare una delle Sacre Sfere di Antioch, una bomba la cui esplosione scuote la terra. L’Inquisitore posseduto cade in una pozza di lava e i guerrieri imperiali fuggono a bordo delle Cannoniere Thunderhawk. Con la fine del conflitto, Ludoldus ordina il bombardamento del pianeta. (Codex: Templari Neri 4a Edizione; Codex: Space Marine 6a Edizione; Codex: Adepta Sororitas 6a Edizione; Blood and Fire, di Aaron Dembski-Bowden)
833.M41: L’Epurazione di Lithon. Oltre cento miliardi di cittadini imperiali vengono uccisi o catturati dai Drukhari nel Sistema Lithon. Ai Furibondi occorrono mesi per epurare gli xeno e giurano di vendicarsi di chi è riuscito a scappare nella Rete. (Codex: Space Marine 6a Edizione; Codex: Space Marines 8a Edizione)
835.M41: Il mondo santuario Pietà si rimaterializza dopo essere stato inghiottito da una tempesta Warp due secoli prima. Tuttavia, il pianeta è ormai irriconoscibile, poiché trasformatosi in un mondo demoniaco. La Badessa Sariah dell’Ordine della Sacra Rosa conduce una forza di Sorelle Guerriere verso il pianeta con l’obiettivo di recuperare degli artefatti dal Reliquiario della Speranza, uno dei pochi siti resistiti alla corruzione. Mentre il resto delle sue forze stabilisce un perimetro attorno al sito, Sariah conduce varie squadre nei labirintici corridoi sotterranei, i quali si rivelano ricolmi di bestie demoniache. Solo Sariah e due Celestine sopravvivono e alla fine ritornano in superficie dopo aver estratto da una cripta di stasi il femore sinistro di San Dolan e tre pagine del Lexicon delle Falsità. Le Sorelle Guerriere sopravvissute si ritirano nell’orbita poco prima dell’arrivo di una flotta dei Cavalieri Grigi, i quali devastano Pietà tramite siluri ciclonici. (Codex: Sorelle Guerriere 5a Edizione; Codex: Adepta Sororitas 6a Edizione)
837.M41: Durante le Guerre dell’Eclissi, i Lupi Siderali combattono al fianco degli Angeli Vindicant e dei Supplizianti sul mondo santuario Lucid Prime. Principalmente a causa del feroce contrattacco dei Supplizianti, le forze imperiali riescono a respingere le forze di Space Marine del Caos che terrorizzano il Formicaio Ratspire. Tuttavia, i Supplizianti continuano il proprio massacro indiscriminato anche dopo l’allontanamento dei rinnegati. Benché il Maestro Capitolare Seth insista sul fatto che i suoi uomini stiano purificando coloro che sono stati corrotti dalla presenza del Caos, i Lupi Siderali sono oltraggiati e attaccano i Supplizianti. Ne risulta una battaglia in cui fratello combatte contro fratello, con la morte di centinaia da entrambe le parti. Questo terribile evento diventa eternamente conosciuto con il nome di Fine dell’Onore. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
841.M41: La forza operativa della 1a Compagnia degli Ultramarine supera il cinquanta per cento per la prima volta dopo la Battaglia di Macragge. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
841.M41: La guerra civile colpisce il mondo formicaio Raxos e il governatore planetario si scopre essere il Mutaforma di Tzeentch, il quale il disordine psichico generato per evocare centinaia di altri Demoni. Allertati dall’Inquisitore Karamazov, quattro Confraternite dei Cavalieri Grigi arrivano su Raxos, le quali includono il Gran Maestro Drystann Cromm e il Fratello-Capitano Stern. Quando i Cavalieri Grigi riescono a bandire i Demoni, Stern è turbato perché avverte ancora la presenza del Mutaforma e a un certo punto realizza che debba essersi mimetizzato tra i rifugiati in fuga tramite le scialuppe. Non potendo sperare di scoprire il Mutaforma in tempo, Stern ordina alla nave da guerra Spada Luminosa di distruggere le scialuppe. Centinaia di migliaia di innocenti muoiono per preservare la sicurezza di mondi lontani. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
843.M41: Tre Compagnie di Angeli Sanguinari vengono inviate su Dalaric per fermare le razzie degli Eldar. Una serie di vittorie viene totalmente vanificata quando un’imboscata diastrosa vede gli Eldar macellare più di cento confratelli. Nell’ora più buia, il Sanguinor appare, abbatte l’Avatar alieno e respinge gli Eldar sopravvissuti. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
845.M41: Doppi Tradimenti. (Codex: Craftworlds 7a Edizione)
845.M41: Il Capitolo delle Spade Sanguinarie conducono la purificazione del Sistema Inando. Più di cento milioni di cittadini Imperiali vengono uccisi dai conseguenti Exterminatus. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
845.M41: La Guerra di Dimmamak si intensifica in seguito alla cattura del Signore della Guerra Ingenus da parte dei pirati Drukhari. In risposta, vengono organizzati altri quarantamila reggimenti e tutti gli ufficiali d’alto rango ricevono delle guardie del corpo personali. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
848.M41: La Purificazione delle Stelle Sacre. Le misteriose riflessioni del Bibliotecario Tigurius portano alla Purificazione delle Stelle Sacre. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
849.M41: Si svolge l’813a Festa delle Lame. Sebbene abbia subito gravi ferite durante la Crociata Vinculus, Hervald Strom emerge trionfante ancora una volta. Mai prima d’ora un Capitolo, figuriamoci un campione, ha mai prevalso in due competizioni consecutive. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
849.M41: Il Capitano Cato Sicarius viene nominato sommo vassallo di Ultramar. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
850.M41: Il Progetto Anphelion. Una forza d’attacco imperiale, inviata per investigare un progetto nascosto che catturava e studiava forme di vita tiranidi, viene attaccato e decimato da mostruosi organismi alieni. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
850-901.M41: Il Settore Inca viene coinvolto nella Terza Guerra Inter-Gilda a cui partecipa anche il Capitolo dei Figli di Antaeus. (Chapter Approved 2004)
852.M41: Il Fato di Idharae. Il Capitolo Invasori lancia un assalto diretto all’Arcamondo Idharae. Gli Space Marine subiscono perdite terribili, ma riducono l’Arcamondo ad un relitto desolato. All’assalto partecipa anche la Legione dei Dannati, la quale non riesce a fare molto contro l’Avatar di Khaine. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Legion of the Damned, 6a Edizione)
853.M41: Durante i momenti decisivi della Battaglia della Croce d’Acciaio, il Capitano Cortez dei Magli Scarlatti uccide il Kapoguerra Orko nemico e la sua intera guardia del corpo. Cortez riesce a disarmare il leader Orko con una torsione del torace dopo che la spada dell’Orko finisce incastrata tra le sue costole. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
853.M41: Il Sommo Inquisitore radicale Querrian rivolta il Caos contro se stesso su Yaogeddon, un mondo infestato dai Demoni. La Grande Compagnia di Sven Bloodhowl, la quale sta combattendo le orde demoniache presso il nucleo fuso di Yaogeddon, rimangono attoniti quando le legioni di Khorne e Slaanesh iniziano a combattersi tra loro ignorando chiunque altro. Sven ordina ai propri uomini di astenersi dal combattimento e, quando la situazione si calma, Sven e Querrian uniscono le proprie forze per ripulire il resto dell’orda con facilità. Giorni dopo, gli Inquisitori puritani dell’Ordo Malleus arrivano per giustiziare Querrian per i suoi metodi non convenzionali ed eretici. Sven Bloodhowl interviene, ripieno d’indignazione per quella che percepisce come un’ingiustizia. L’Ordo Malleus non si tira indietro e viene dichiarata guerra sotto la luna piena. Benché i Lupi Siderali desistano, non lo fanno finché non hanno guadagnato abbastanza tempo da permettere a Querrian di scappare. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
853.M41: La ribellione creduta schiacciata su Krandor III si scatena nuovamente. La guerra si intensifica e viene confermato il coinvolgimento della Legione Alfa, perciò il pianeta viene considerato perduto e viene bombardato tramite testate virali. Prima dell’Exterminatus, i Capitoli Magli Imperiali, Signori del Fuoco e Furibondi recuperano dei manufatti vitali. Quarantadue reggimenti Guardia Krandoriana rimangono in servizio, schierati lontano dal proprio mondo natale. Scoprendone l’annientamento, quei reggimenti giurano vendetta contro i seguaci dei Poteri Perniciosi. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Codex: Space Marine 6a Edizione)
853.M41: I Figli Tempestus del 47° Draghi Thetoidi respingono una razzia Eldar presso il mondo recentemente colonizzato New Starhaven. L’Officio Prefectus ordina l’inseguimento e i Draghi passano vicino a dei dolmen pieni di iscrizioni runiche scoperti dietro le Cascate Lemueliane. Oltre di esse trovano una serie di scintillanti tunnel che non sembrano finire mai. Passano dei giorni, ma i Figli Tempestus continuano a procedere finché non sono costretti a rallentare perché aggrediti da Eldar vestiti di costumi multicolore. Gli Arlecchini cercano di respingere i Tempestus, ma a un certo punto rivolgono la propria attenzione verso degli eventi ignoti che stanno accadendo altrove, trasformando tutto in una battaglia in corsa diretta verso un portale runico che si apre sulla superficie del pianeta Exsanguille. I Figli Tempestus si tuffano attraverso il portale, ma si trovano intrappolati su mondo nell’Occhio del Terrore. I Draghi sopravvivono per due giorni interi prima di soccombere di fronte alle legioni di Khorne che aggirano per il pianeta. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
855.M41: L’Estinzione della Luce Oscura. (Codex: Necrons 7a Edizione)
855.M41: Il Fratello-Capitano Stern dei Cavalieri Grigi supervisiona la distruzione del Culto dell’Artiglio Rosso. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
855.M41: Il famoso kapo dei Morzi di Zerpe Hruk Teefsplinta schiavizza l’intera popolazione del Sistema Crova. Costringendo i prigionieri a costruirgli delle astronavi capaci di contenere il suo amato mega-serraglio, Hruk parte per i mondi centrali dell’Imperium. Conquista i nove mondi santuario di Mariisanct e usa la Basilica Imperator Majoris come recinto d’allevamento per i suoi famosi Squiggoth incontinenti. (Codex: Orki 4a Edizione)
855.M41: Assalto a Egressus Ater. La Waaagh! Zanzag invade il mondo formicaio Egressus Ater. Quando il Capitano Cato Sicarius e la 2a Compagnia degli Ultramarine giungono in orbita, gli Orki hanno già sopraffatto gran parte del pianeta usando devastanti nuove armi. Sicarius e i suoi fratelli guerrieri si schierano subito a difesa di Ghospora, la capitale sotto assedio di Egressus Ater. Le capsule di atterraggio degli Ultramarine giungono dopo un bombardamento orbitale ed in una breve e sanguinosa battaglia respingono gli Orki dalla mura di Ghospora prima di mettersi alle calcagna di Zanzag. Il Capitano Sicarius persegue una letale missione di ricerca e annientamento, demolendo diversi forti pelleverde lungo il fiume Acquanera, ma Zanzag continua a suffirgli. Quando il formicaio Sulphora viene attaccato da un’enorme orda di Orki, egli affida la caccia al Sergente Veterano Telion e ai suoi Esploratori. Telion ben presto scopre che gli Orki trasportano guerrieri e armi oltre il fiume Acquanera tramite rozzi sommergibili e li segue fino ad una cava naturale: la base operativa di Zanzag. Sicarius aduna immediatamente tutte le forze disponibili e le imbarca su una cannoniera Thunderhawk per assaltare il covo di Zanzag. Gli Orki sono presi completamente di sorpresa dalla velocità e dalla violenza dell’attacco; i proiettili di requiem pesante e i missili Attacco Infernale si abbattono sulla formazione prima che possa realizzare di essere sotto assalto. Nel giro di pochi secondi la rampa frontale della Thunderhawk si apre e il Capitano Sicarius guida gli Space Marine al cuore della battaglia, avanzando a requiem spianati. Dozzine di Orki cadono, e i loro corpi si accumulano attorno alle stalagmiti sul pavimento della caverna prima di poter contrattaccare. Zanzag concentra il tiro delle zuperarmi dei suoi Ragazzi, ma i colpi si dimostrano inutili contro l’impenetrabile corazza dei Terminator che marciano sul fronte dell’assalto degli Ultramarine. Trascorre una cruenta ora prima che questi conquistino la caverna, ma gli Orki sono infine sconfitti nel momento in cui Sicarius mozza la testa del Gran Kapoguerra, mettendo fine alla minaccia della Waaagh! Zanzag con un fendente di spada potenziata. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Assault on Black Reach, di Nick Kyme)
857.M41: Un attacco a sorpresa degli Eldar dell’Arcamondo Saim Hann minaccia d’annientare le forze del 7° “Cacciatori di Teste” Mortant durante il Sacco di Colonia. Gli Eldar si ritirano dopo che una singola squadra di Diavoli Catachani, guidati dal Sergente Artigliere Harker, emerge dalle posizioni nascoste e uccide l’Autarca della schiera con il fuoco del suo requiem pesante. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
857.M41: Il blocco di Lazar. Assetati di vendetta per la distruzione arrecata alla loro Quarta Compagnia, i Teschi d’Argento bloccano il sistema Lazar senza giustificare la propria presenza. La loro missione è eliminare i Necron dal sistema, ma dopo aver obliterato il mondo tomba principale, le basi secondarie si ridestano. Dopo quattro anni, gli Astartes subiscono perdite ingenti e le loro forze si disperdono, costringendo infine il Capitolo a ritirarsi. Ad oggi nessuno sa con certezza cosa sia avvenuto. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
858.M41: Il Maestro Capitolare Kyublai Khan guida la potenza combinata dei Capitoli Furie Bianche e Cacciatori contro un’empia schiera di Space Marine del Caos rinnegati. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
858.M41: Dimmamar, mondo natale di Sebastian Thor, viene attaccato dagli Eldar dell’Arcamondo Ulthwé senza alcun preavviso o apparente ragione. La Seraphim superiora Amelda dell’Ordine della Rosa Insanguinata contrattacca guidando la propria squadra di Seraphim in un attacco volto ad uccidere il comandante nemico: il Veggente Kauerith. Le pistole delle Seraphim si fanno strada attraverso una schiera di Eldar rivestiti di nero prima che le Sorelle vengano investite da un uragano di fulmini psichici. Benché cadano molte delle sue compagne, Amelda si rifiuta di cedere e avanza stoica attraverso la tempesta, uccidendo il Veggente con un singolo colpo di requiem in testa. (Codex: Sorelle Guerriere 5a Edizione; Codex: Adepta Sororitas 6a Edizione)
859.M41: Il Viaggiatore è giunto. Anrakyr il Viaggiatore giunge nel sistema Lazar sotto assedio ed unisce immediatamente le proprie forze a quelle dei difensori contro l’assalto dei Teschi d’Argento. La vittoria necron giunge infine con la battaglia di Picco Orrido, quando gli Eterni di Pyrrhia di Anrakyr guidano un attacco sul vascello da battaglia abbattuto degli Space Marine, Martello d’Argento. Sebbene gli Adeptus Astartes si battano con valore contro i veterani di Pyrrhia, i loro sforzi si dimostrano vani quando Anrakyr prende il controllo delle batterie d’artiglieria della nave ancora funzionanti e ne rovescia la furia sui difensori. Caduto il Maestro Capitolare e con le forze nello scompiglio, i Teschi d’Argento sono costretti a levare l’assedio di Lazar, sforzandosi al massimo affinché la notizia della disfatta non si sparga. Svolto il proprio dovere, Anrakyr s’imbarca e scompare di nuovo nella galassia. (Codex: Necron 5a Edizione)
859.M41: La Legione Alfa incita una rivolta sul mondo ghiacciato Zoran. Il Capitano Metraen degli Angeli Sanguinari conduce elementi della 3a e dell’8a Compagnia per schiacciare l’insurrezione e allontanare la Legione traditrice dal pianeta. Inizialmente le tattiche impetuose di Metraen dettano il corso della battaglia, ma l’attacco raggiunge lo stallo quando la base operativa della Legione Alfa si rivela essere niente poco di meno che un Titano Imperatore. Benché semi-sepolto nel ghiaccio, i generatori di scudo voi del colosso e le batterie d’armi sono ancora completamente operativi. Molti confratelli cadono nel primo assalto e Metraen teme di dover ricorrere all’Exterminatus. Fortunatamente, giunge l’aiuto di Kor’sarro Khan e della 3a Compagnia delle Furie Bianche. Inviate con l’obiettivo di reclamare la testa di Lord Voldorius, il Khan si unisce rapidamente alle forze degli Angeli Sanguinari e le Furie Bianche assaltano la fortezza dal basso, mentre i figli di Sanguinius prendono il volo con le Stormraven, lanciando una serie di assalti dall’alto contro i reattori secondari che azionano l’arsenale del Titano. Metraen riesce a neutralizzare le difese del Titano e le Furie Bianche sciamano nei livelli inferiori. Benché alla fine Voldorius riesca a fuggire, i suoi seguaci vengono quasi completamente sterminati. Kor’sarro Khan continua la propria caccia, ma Zoran viene reclamato in nome dell’Imperatore e il Titano Imperator viene estratto dal ghiaccio e portato su Baal. A quel punto Dante lo invia su Marte, sperando che ciò possa smussare gli attriti tra il proprio Capitolo e l’Adeptus Mechanicus. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
861.M41: Si svolge la Battaglia di Arconar. Marneus Calgar sconfigge la potente coalizione di razziatori Eldar presente sul mondo ferale Arconar, disperdendo le sue forze e catturando le loro basi sul pianeta e in orbita. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
861.M41: Gli archivi del Capitolo indicano che gli Ultramarine abbiano finalmente recuperato le perdite subite durante la Battaglia di Macragge. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
861.M41: La caccia a Voldorius ha inizio. Durante la festa per il centenario dell’ascensione di Kyublai Khan al rango di Maestro Capitolare, Kor’sarro Khan viene incaricato di dare la caccia al Principe Demone Kernax Voldorius e di tornare con la testa del mostro, o di non tornare affatto. Altri archivi riportano l’inizio di questa impresa posizionandola qualche anno prima. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
862.M41: La Waaagh! Skullkrak invade il Sistema Targus. Kayvaan Shrike della 3a Compagnia della Guardia del Corvo sono tra le forze che rispondono all’emergenza. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
863.M41: Il 423° Cadiano, guidato dal leggendario Cavaliere Comandante Pask, si riunisce per ingaggiare le retrovie della Legio traditrice di Titani Furia Adamantina durante il Massacro di Mondo di Santa Cyllia. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
865.M41: La Purga di Modanna. Kor’sarro Khan e la 3a Compagnia delle Furie Bianche scacciano Kernax Voldorius dalla sua fortezza principale. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
865.M41: La Maledizione Entropica. (Codex: Skitarii 7a Edizione)
865.M41: Una crociata dei Templari Neri unisce le forze con Angeli Sanguinari e Falci dell’Imperatore per scacciare i coloni Eldar dai Mondi Verdi. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
865.M41: Il Massacro di Heraclad. I Drukhari della Cabala della Lama Nera piombano sulla città di Heraclad per mietere un raccolto di sangue. Nella città evacuata trovano invece la 1a e 6a Compagnia della Guardia del Corvo in agguato. La Cabala è distrutta entro l’alba. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
867.M41: L’assalto di Hellabore. Il Capitano Cortez e la 4a Compagnia dei Magli Scarlatti affrontano gli Eldar dell’Arcamondo Iyanden sul pianeta Hellabore. Nonostante le gravi ferite subite, tra le quali una pugnalata che trafigge uno dei suoi due cuori e due colpi d’arma pesante, Cortez guida l’assalto finale che manda in rotta i nemici. (Codex: Space Marine 3a Edizione, 6a Edizione)
868.M41: La Battaglia di Targus VIII. Il Capitano Ombra Shrike e la 3a Compagnia si trovano dietro le linee nemiche con il trasporto distrutto. Imperterriti, danno il via a una guerriglia che paralizza gli Orki. Il conflitto termina decenni prima del previsto. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
869.M41: La Battaglia di Grase Mesa. La Schiera Cavalcavento degli Eldar dell’Arcamondo Yme-Loc viene annichilita su Grase Misa quando le squadre di moto e Land Speeder delle Furie Bianche circondano gli alieni e lanciano una serie di attacchi devastanti sui fianchi. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
870.M41: In una rara occasione in cui i reggimenti provenienti da Attila si schierano in massa, Mogul Kamir conduce un’offensiva decisiva lunga tre anni contro i guardiani della tomba Necron di Loxar IV. Le forze nemiche sono infine sconfitte durante la carica della Valle Lumen, la più grande carica di cavalleria registrata nella storia dell’Imperium. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
871.M41: La Liberazione di Quintus. Kor’sarro Khan rintraccia Kernax Voldorius sul pianeta Quintus. Le Furie Bianche non trovano solo una banda da guerra, ma un intero pianeta di traditori e rinnegati pronti ad affrontarle. Kor’sarro, però, non si dà per vinto. Atterrando sul pianeta, egli trova un inaspettato alleato nel Capitano Ombra Kayvaan Shrike e nella 3a Compagnia della Guardia del Corvo. Nonostante la rivalità millenaria fra i due Capitoli, i capitani mettono da parte le differenze e si uniscono per sconfiggere le forze di Voldorius; Shrike e Kor’sarro uccidono il Principe Demone nelle strade della capitale planetaria Mankarra. Una volta sconfitte le armate del Caos e ucciso Voldorius, Kor’sarro Khan dichiara conclusa la sua sedicesima Grande Caccia. Spiccata la testa di Voldorius come trofeo, egli lascia Quintus e torna da eroe alla fortezza monastero delle Furie Bianche. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
871.M41: Sul pianeta Orgal VI, una strana malattia della pelle si diffonde nella popolazione. Tre squadre del 835° Pegasi Psiani vengono schierate per soccorrere il Governatore Planetario, Maas Deitral, dalla piaga e portarlo dall’Adeptus Administratum per un rapporto. Tuttavia, quando penetrano il vetro corazzato del sanctum di Deitral, i Pegasi trovano il Governatore attaccato dai Demoni, la sua guardia del corpo impegnata nel tentativo di tenerli a bada. I Pegasi non perdono altro tempo nel liberare la sala del trono dall’infestazione, sparando violente salve in ognuno degli Untori e poi usando i fucili terminare per far evaporare le bestie-lumache che cominciano ad emergere dai laghi contaminati del palazzo. I Figli Tempestus danno una respimaschera di riserva al Governatore e il loro medico comincia a prendersi cura delle sue gravi ferite. Dopo aver agganciato il Governatore al suo paracadute gravitazione e aver invertito i campi repulsor, i Pegasi volano via raggiungendo il trasporto Valkyrie e abbandonando il pianeta. Giunta la notte, i Pegasi portano il Governatore su una nave dell’Administratum, poi ripartono per la prossima missione. Ciononostante, durante l’estrazione e l’interrogatorio di Deitral, la nave subisce una contaminazione critica. Il vascello viene sottoposto a quarantena immediata e, quando la contaminazione infesta l’intera nave, il Comando di Settore ordina lo sterminio sommario. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
873.M41: La Spirale della Vedova. La faida tra le Dinastie Rytak e Kayra vede l’invio di Necrocecchini da ambo le parti con il compito di distruggere la corte avversaria. Il successo degli assassini è tale che entrambi i mondi restano privi di leader. (Codex: Necrons 7a Edizione)
876.M41: Durante le ristrutturazioni del sanctum interno alla Basilica di San Mariel sul pianeta Van Horne viene danneggiata accidentalmente una statua dell’Imperatore. Ciò destabilizza il reliquiario di stasi all’interno, il quale era stato dimenticato da molto tempo, liberando dalla prigionia l’Assetato di Sangue Ka’jagga’nath, Signore della Marea di Sangue. Per gli otto giorni seguenti il Caos si scatena e orde di Demoni si riversano su Van Horne. Con il mattino del nono giorno, le Sorelle Guerriere dell’Ordine del Calice d’Ebano assaltano la Basilica, ma molte vengono uccise e poche riescono a resistere alla marea di sangue. Tempo dopo arriva anche la 4a Confraternita dei Cavalieri Grigi, la quale decide di uccidere le Sorelle Guerriere e di bagnarsi del loro sangue innocente per proteggersi dalla corruzione della marea. I Cavalieri Grigi si fanno strada fino al cuore della Basilica e un trio di Bibliotecari guida l’avanzata inneggiando canti di protezione. Alla fine, Ka’jagga’nath viene sconfitto e bandito grazie al sacrificio di Ordan, Campione della 4a Confraternita. Il seguente contraccolpo psionico ferma la marea di sangue e bandisce anche tutti gli altri Demoni. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione; Codex: Adepta Sororitas 6a Edizione; Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
877.M41: I Lupi Siderali della Grande Compagnia di Engir Krakendoom sono vicini quando una vasta anomalia classe USM irrompe dal Cancello Warp di Sloth. Dodicimila miglia di pesante carne contorta, un’entità che sfida ogni forma di classificazione finché una xenobiologa non realizza che l’anomalia non sia altro che una balena del vuoto. Dopo aver nuotato nelle maree innaturali del Warp, essa è diventata qualcosa di ben più terrificante. Quando la mostruosità si prepara ad inghiottire la roccaforte stellare di Perillia, i Lupi Siderali si lanciano contro di essa con siluri d’abbordaggio con punte a trivella. Non sanno che ad attenderli sul predatori di stazza planetaria ci sia un intero ecosistema ostile, tant’è che Engir e i suoi Marine vengono presto attaccati dai pesciformi Remora, una razza vampirica di bipedi con bocche succhianti e denti aguzzi. Dopo una sanguinosa guerra tra foreste e voragini della balena del vuoto mutata, Engir e i suoi uomini si fanno strada nel sistema circolatorio della bestia e piantano cariche termiche nelle profondità dei suoi organi vitali. Fuggono con pochi secondi ancora a disposizione prima che la bestia esploda in una gigantesca nuvola di sangue corrotto. Da quei resti nasce la Cintura Gassosa Perilliana. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
877-987.M41: La Cintura Gassosa Perillian vortica attorno al mondo agricolo Rillith. Messo in ombra, il mondo verdeggiante comincia a marcire. Quando la Guardia Imperiale interviene, i signori del pianeta tradiscono, il Formicaio Trexis viene infestato dai Demoni e comincia una guerra disperata. Un secolo dopo, erutta la guerra civile quando le risorse iniziano a scarseggiare e il pianeta precipita lentamente nella degenerazione. Nella decade seguente, la Cintura oscura la luna di Deith e i Demoni eruttano dai suoi crateri. Mentre la distruzione prosegue, una setta radicale dell’Inquisizione ricorre alla stregoneria per disperdere la maligna cintura gassosa. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
877.M41: Il Capitano Metraen degli Angeli Sanguinari riceve l’incarico di distruggere i razziatori Eldar che operano da una fortezza nascosta nell’atmosfera velenosa del gigante gassoso Mel’yanneth. Prendendo il comando dell’intera flotta di Stormraven e Thunderhawk, Metraen inizia un assalto aereo che prende il nome di Guerra Celeste di Mel’yanneth. Nonostante le trappole arcane e i sistemi difensivi degli Eldar, gli Angeli Sanguinari non demordono e gli alieni abbandonano la propria fortezza dopo aver manomesso gli annullatori gravitazionali. Metraen è costretto a ritirarsi mentre ciò che rimane della fortezza viene risucchiato da Mel’yanneth e solo l’abilità dei piloti degli Angeli Sanguinari fa sì che una vittoria non si trasformi in una catastrofica sconfitta. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
878.M41: L’assalto di M’kar. I pirati del Caos, guidati dal Principe Demone M’kar il Rinato, reclamano numerosi mondi disabitati ai confini di Ultramar. In una battaglia decisiva presso la Fenditura Halamar, il Capitano Sicarius distrugge la maggior parte della flotta corsara, ma M’kar fugge nel Warp. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
878.M41: Il Padre della Forgia He’stan sconfigge Trazyn l’Infinito in singolar tenzone dopo che il Necron aveva tentato di aggiungere la Lancia di Vulkan alla propria collezione. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
879.M41: Si svolge la Battaglia dell’Atterraggio di Knarts. Marneus Calgar elimina un’armata ribelle guidata dal Generale Dornal in una battaglia di trenta giorni sul mondo industriale Atterraggio di Knarts. Le perdite Ultramarine si posizionano entro il 17%. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
879.M41: La nave Conquistatore Celestiale passa vicino alle rovine del pianeta Toreus e ne effettua una pittocattura utilizzata successivamente per un rapporto sulla storia del pianeta. (Codex: Demoni del Caos 4a Edizione)
882.M41: Lo Scotennamento di Pugnonero. Le Furie Bianche si uniscono a due dei loro Capitoli Successori, i Signori della Tempesta e le Aquile Solari, contro la Waaagh! Pugnonero sul mondo agricolo Lycelle. La competizione tra i tre Capitoli è feroce, poiché ognuno cerca di superare le gesta dell’altro in nome di Jaghatai Khan. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
883.M41: Durante le battaglie di Mondo di Santa Cyllia, il 423° Cadiano, comandato dal Comandante Pask, organizza il più grande assalto corazzato mai visto dai tempi della Battaglia di Tallarn. Tre intere Casate di Cavalieri Imperiali si uniscono al famoso Comandante. Oltre ottomila compagnie corazzate e trentacinque distaccamenti superpesanti vengono annichiliti durante la quasi totale distruzione della Legio di Titani rinnegata nei pressi delle Steppe Planus. Durante la battaglia finale, Anthonis della Casata Cadmus ottiene grande rispetto quando salva il Leman Russ di Pask dalla distruzione evitando che venga schiacciato dal Titano Warlord traditore Odio Infinito. Facendo esplodere la gamba del Titano pochi istanti prima che possa atterrare sul corazzato, Pask sopravvive e conduce le proprie forze verso una grande vittoria imperiale. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
886.M41: Degli ufficiali dell’Ecclesiarchia si avvicinano a Fenris con l’intenzione di ispezionare i Lupi Siderali dopo aver udito voci riguardanti l’adorazione di divinità pagane. Sorprendentemente, i Lupi Siderali aprono il fuoco sull’Ecclesiarchia appena arrivano entro la gittata delle armi della Zanna. Quasi un anno dopo, l’Ecclesiarchia e tre ordini dell’Adepta Sororitas cercano entrano nello spazio Fenrisiano con la forza. La guerra che ne risulta dura tre settimane prima che l’Ecclesiarchia decida di lasciar perdere ritirando le proprie forze. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
888.M41: La Battaglia del Sepolcro di Orar. Gli Eldar degli Arcamondi Alaitoc e Iyanden assaltano il pianeta Commrath per recuperare un manufatto custodito nel Sepolcro di Orar. Orar fu un grande eroe degli Ultramarine alla fine dell’Eresia di Horus e Marneus Calgar ha giurato che nemmeno un singolo alieno avrebbe mai violato la santità della sua tomba. Per la prima volta dalla Battaglia di Macragge, Calgar guida in guerra l’intero Capitolo. Gli Eldar discendono sul Sepolcro di Orar e lo trovano protetto dagli Ultramarine. I Guerrieri d’Aspetto e i Guardiani saettano verso i cancelli principali mentre i corazzati a-grav e le macchine di artiglieria ingaggiano i difensori. Al comando di Calgar, gli Ultramarine emergono dalla copertura e annientano gli invasori con salve disciplinate di requiem. Gli alieni ripiegano solo per scoprire che la linea di ritirata è bloccata dagli Space Marine Assaltatori e dai Land Speeder. I condottieri eldar escono dalla copertura e radunano la prima ondata intrappolata, per poi cadere sotto il fuoco di precisione dei cecchini. L’assalto iniziale degli xeno fallisce, ma per un intero giorno e un’intera notte continuano ad attaccare. Nonostante impieghino tutte le arti arcane a loro disposizione, non riescono a superare l’astuzia tattica di Marneus Calgar e dei suoi Ultramarine. Il giorno seguente un nuovo assalto si abbatte sulle gradinate, guidato da una colossale figura avvolta dalle fiamme: l’Avatar di Khaine. Il fuoco delle armi pesanti sembra solo far infuriare la creatura, e la linea da battaglia degli Ultramarine si distorce al suo passaggio. Calgar affronta di persona il dio ardente, che urla tutta la sua rabbia; il suo primo colpo manca per un pelo il Maestro Capitolare, il secondo invece ne dilania le piastre dell’armatura. Il terzo affonda nella spalla, mettendo in ginocchio lo Space Marine. Il quarto, però, incontra il palmo corazzato della mano sinistra di Calgar. Rialzandosi, egli colpisce con tutta la sua forza, disegnando un ampio arco con l’altro guanto e penetrando l’icore liquido del torso dell’Avatar. Con la caduta del loro dio della guerra, gli Eldar perdono impeto e si ritirano. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
888.M41: La Tempesta Sussurrante. Quando il pianeta Gythos viene sommerso da un’incursione demoniaca su vasta scala, i Necron giungono in soccorso. Le matrici di campo di annullamento placano le furiose tempeste warp e bandiscono i demoni, ma i cittadini hanno poco tempo per festeggiare prima che le legioni diano inizio ad una letale mietitura. (Codex: Necrons 7a Edizione)
M41: In un anno imprecisato precedente all’888.M41 (anno in cui è certo che Garran Crowe fosse già Castellano), il Castellano Merrat Gavallan su Sandava II. Garran Crowe viene promosso a Castellano e diventa il nuovo portatore della Lama Nera di Antwyr. (Warden of the Blade, di David Annandale)
888.M41: La Crociata del Sangue di Spiccateschi colpisce il desolato pianeta Birmingham cominciando un rituale atto a trasformarlo in un mondo demoniaco. I Cavalieri Grigi organizzano la forza d’attacco Elmo di Ferro per ostacolare i Demoni e il Castellano Garran Crowe, sostenendo che nessun altro sia in grado di farlo, sfida in duello Spiccateschi. Crowe benedice il campo di battaglia con una fiala di lacrime cristallizzate dell’Imperatore e ciò indebolisce Spiccateschi affinché il duello si protragga per molto tempo e permetta ai Cavalieri Grigi di sconfiggere l’orda demoniaca e interrompere il rituale.(Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
888.M41: I Templari Neri infliggono gravi perdite ai Predicatori, riconquistando alcuni sistemi stellari nei pressi del Maelstrom. Gli scontri più feroci sono su Benevolenza, un mondo santuario profanato che le forze del Caos hanno ricoperto di sacrileghi templi dedicati agli Dei Oscuri. I Templari Neri passano a fil di spada fino all’ultimo traditore. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
890.M41: L’ira di Quan Zhou. Una nave tomba dei Necron entra nell’orbita di Chogoris e dà inizio al bombardamento concentrato su un’area sgombra del pianeta. La nave da battaglia Orgoglio di Jaghatai penetra gli scudi del vascello mentre la fortezza monastero delle Furie Bianche spara con il laser da difesa, distruggendo la nave tomba con un unico colpo. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
890.M41: La Guerra Lamafosca. A seguito di un’infruttuosa missione di ricerca e distruzione contro la Guardia del Corvo, i Predicatori dell’Apostolo Oscuro Erelek tornano alla Fortezza della Dannazione e la trovano nelle mani degli Esploratori nemici. Soverchiati dal fuoco del bastione cercano di ritirarsi, ma le Stormraven calano bloccandone la fuga. I traditori, privi di riparo, vengono spazzati via dallo spietato fuoco incrociato. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
891.M41: La Guerra Perfetta. Sul mondo fangoso di Yurk, un’armata di Orki viene ingaggiata e distrutta dall’Arcamondo Iyanden senza perdite Eldar. La precisione millimetrica dell’assalto arresta la Waaagh! Yurkoid e salva una colonia vergine dalla distruzione. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
891.M41: La lunga mezzanotte. La Ultimo Odio depreda il mondo alveare Persya durante un assedio lungo sei cicli, usando tecnologie arcane per portare l’oscurità totale ai principali formicai e inviando Madragore e Ur-Ghul al loro interno. Molti operai, sebbene resi folli dal terrore, vengono ugualmente trasportati a Commorragh. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
892.M41: Il Capitano Cortez dei Magli Scarlatti difende la breccia nelle mura della Fortezza Maladon per ventuno ore di costante combattimento contro ogni possibilità e dopo aver perso la sua intera squadra in seguito a numerosi attacchi nemici. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
895.M41: L’Arcamondo Alaitoc lancia un attacco devastante contro il mondo capitolare degli Invasori. Con gli Invasori ancora con poche forze in seguito al loro assalto diretto su Idharae, il Capitolo viene rapidamente sconfitto. Tre compagnie riescono a scappare, ma la fortezza-monastero è perduta. Gli Invasori diventano un Capitolo nomade. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
895.M41: Quando la Waaagh! Di Grimtusk Bloodboila pare destinata a consumare l’intero Settore Athelaq, la Grande Compagnia di Egil Iron Wolf non è sola nell’ergersi sul suo cammino. Una schiera da guerra di Guerrieri d’Aspetto combatte duramente per contenere l’invasione pelleverde nel quadrante nord-occidentale della zona di guerra, alla fine evitando che i Lupi Siderali vengano circondati. I corazzati di Egil subiscono pesanti perdite a causa dell’avanguardia degli Orki e, dopo settimane di guerra, il Kapoguerra Grimtusk viene ucciso e la Waaagh! ammaccata. Successivamente, l’Autarca Elenduil visita la sala del trono di Egil Iron Wolf e la sua guardia del corpo di Scorpioni Venefici trasporta rispettosamente i corpi dei Lupi Siderali caduti che hanno recuperato. Sfortunatamente, quella che doveva essere una discussione davanti a un dono d’addio viene rovinata da un singolo errore di traduzione. Volano insulti e vengono sguainate lame. L’improvvisa violenza scatenatasi è solo l’ombra della distruzione che segue mentre il settore precipita in guerra totale fra le tre fazioni. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
897.M41: La Flotta Alveare Gorgon invade il territorio dell’Impero Tau, catapultando la giovane razza in una letale battaglia per la sopravvivenza. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
897.M41: Il massacro di Santuario 101. Le armate della dinastia Sautekh proseguono la loro inarrestabile avanzata nel settore Vidar. Imotekh il Signore delle Tempeste guida un attacco contro il convento-fortezza Santuario 101. Le Sorelle Guerriere all’interno vengono massacrate fino all’ultima. (Codex: Necron 5a Edizione; Codex: Sorelle Guerriere 5a Edizione; Codex: Adepta Sororitas 6a Edizione)
897.M41: Quando la Flotta Alveare Colossus scende in forze sul mondo civilizzato Thressiax, le guarnigioni imperiali lì presenti si dimostrano incapaci di fermare il flusso costante di invasori Tiranidi. Il Comando Imperiale invia un ordine generale di ritirata a tutte le forze imperiali affinché lascino la popolazione di Thressiax al proprio destino cosicché i Tiranidi possano essere sterminati dallo spazio. Il Lord Lupo Bran Redmaw, in quel momento impegnato in un rifornimento presso Thressiax, obietta ferocemente quest’ordine. Benché non possa abbandonare lui stesso il fronte, invia due squadre di Cacciatori Grigi a rinforzare il vitale spazioporto Montberg affinché la popolazione di Thressiax possa evacuare. Con pochi giorni a disposizione prima dell’attacco, i Cacciatori Grigi addestrano intensivamente il personale di Montberg tramite esercitazioni anti-Tiranide, instillando la paura di Fenris in coloro che hanno considerato la fuga. Contro ogni probabilità, i Cacciatori Grigi e le loro nuove reclute tengono le mura dello spazioporto contro lo sciame d’invasori alieni, permettendo alle famiglie di fuggire. Quando i sei Cacciatori Grigi sopravvissuti lasciano lo spazioporto, l’Alto Comando Imperiale ordina che siano privati di ogni onorificenza per aver disobbedito a un comando diretto. Al contrario, Bran Redmaw promuove tutti i sei Cacciatori a sua Guardia del Lupo personale come riconoscimento per il loro valore. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
897.M41: In seguito allo Scisma Nephilim, vascelli di rifugiati in fuga dalle guerre nel margine meridionale giungono in una regione di spazio curiosamente calma dopo anni di feroci tempeste Warp. Con questo strano evento, un Mercante Corsaro del Clan Arcadius lancia una spedizione nella regione e la 5a Compagnia degli Angeli Oscuri gli fornisce supporto. Quando entrano nell’orbita di Faze V, la flotta viene attaccata dal armi energetiche orbitali di natura sconosciuta, perciò gli Angeli Oscuri scendono sulla superficie per indagare. Una volta scesi, la 5a Compagnia si ritrova attaccata da umani alterati tramite arti cibernetiche e completamente controllati da una blasfema macchina senziente. Gli Angeli Oscuri uccidono orde di umani schiavi della macchina e assalto i giganteschi motori logici di quell’entità sacrilega riuscendo a disattivarli e a liberare la popolazione. Tuttavia, quelle persone non erano mai vissute autonomamente e, bramando la comunione con la macchina, si ribellano rapidamente alle nuove istituzioni dell’Adeptus Terra. A milioni gridano affinché la voce della macchina torni da loro, ma giunge prima la risposta dell’Imperium. In quattro mesi di campagna, gli Angeli Oscuri respingono i tecno-recidivi di Faze V fino alle loro potenti fortezze di silicio, per poi assediarli ed eliminarli dalla faccia del pianeta. Come ultimo atto su quel pianeta, gli Angeli Oscuri distruggono una volta per tutte i grandi banchi logici della macchina ormai disattivata, ma non prima che il Gran Maestro dell’Ala della Morte Bekenel e un gruppo di Techmarine abbiano recuperato qualche frammento di dati non divulgati. Faze V brucia e gli Angeli Oscuri lo abbandonano. (Codex: Angeli Oscuri 4a Edizione, 6a Edizione)
898.M41: Il Grande Khan Kyublai unisce le proprie forze con sei altri Capitoli di Space Marine per purificare il mondo demoniaco Fyre dalle legioni di Mal’laf’mak lo Spargisangue. Il signore della guerra demoniaco viene bandito quando Kyublai conduce un audace assalto tramite Capsule d’Atterraggio su Spira di Sangue e Mal’laf’mak è bloccato in uno spietato fuoco incrociato tra la Guardia d’Onore di Kyublai e i Veterani di Guardia Risoluta. Le Furie Bianche subiscono perdite pesante prima che Spira di Sangue e tutto ciò che si trovava al suo interno vengano risucchiati nel Warp. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
898.M41: Il Potente Macellaio di Bork, un Kapoguerra rinomato per la propria testardaggine, lancia una Waaagh! alla testa di una vasta brigata di karri da guerra. Con grande costernazione da parte delle armate imperiali inviate per fermarlo, il Potente Macellaio si dimostra all’altezza del suo nome quando la Waaagh! Bork fa collassare le difese delle Stelle Ghoul e conquista una grande area di quella frangia galattica. (Codex: Orki 4a Edizione)
599.899.M41: I Tau vengono allertati della Flotta Alveare Gorgon in arrivo quando i pianeti di numerosi partner commerciali vengono divorati. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
810.899.M41: Tutti i contatti con la Confraternita Uscente vengono persi quando una flotta esploratrice Tau finisce nel percorso dei Tiranidi. Nessun messaggio d’avvertimento riesca sfuggire. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
980.899.M41: L’avamposto perimetrale del sistema orbitale della colonia Sha’draig. La Flotta della Setta Kel’shan, al comando del Kor’o Valroth, abbandona l’ormeggio e si dirige verso Sha’draig. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
900.M41: L’avamposto altamente difeso dei Tau su Morix Primus viene eliminato da un veloce attacco della 4a Compagnia degli Ultramarine. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
900.M41: L’Inquisizione invia una flotta armata verso Badab. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
900.M41: Kardan Stronos guida la piena potenza dei Capitoli Mani di Ferro e Artigli di Bronzo contro la dinastia Necron del Re Scarlatto. Stronos si rifiuta di ripiegare dinanzi al massiccio contrattacco e, insieme alla Compagnia Clan Garrsak, riesce a farsi strada fino al Re Scarlatto e a sferrargli il colpo fatale, distruggendo la struttura di comando nemica. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
109.900.M41: I cantieri navali sulla luna di Sha’draig vengono attaccati dalla Flotta Alveare Gorgon. Senza altre opzioni, i difensori si sigillano all’interno del complesso principale, fidandosi del tempo guadagnato grazie agli schermi intercettori. Miglaia di Gargolle periscono sotto il fuoco intercettore. Lasciando pochi vascelli affinché tengano la luna sotto scacco, i Tiranidi continuano verso il pianeta. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
401.900.M41: Una nuova sottospecie di Gargolle attacca il complesso lunare di Shadraig. Gli schermi intercettori aprono nuovamente il fuoco, ma la furia dell’attacco viene diminuita grazie al muco rifrattore che ricopre la chitina delle Gargolle. Con la loro arma principale negata, i cantieri lunari vengono sopraffatti. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
420.900.M41: La Flotta della Setta Kel’shan arriva a Sha’draig trovando il pianeta assediato dalla Flotta Alveare Gorgon. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
722.900.M41: La flotta Tau spezza il blocco Tiranide abbastanza a lungo da riuscire ad inviare rinforzi sul pianeta, ma è costretta a disingaggiare dal combattimento diretto. Kor’o Valroth avvia degli attacchi mordi e fuggi sul perimetro della Flotta Alveare. Le sue difese vengono rinforzate da guerrieri addizionali, lo Shas’el Vorcah invia ausiliari Kroot per creare una linea di difesa esterna. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
924.900.M41: Gli Hormagaunt assaltano le posizioni dei Kroot nelle foreste di Sha’draig. Molti degli invasori finiscono invischiati nel sottobosco o catturate in trappole accuratamente preparate. Sotto la direzione del Modellatore Pechallai, i difensori respingono i Tiranidi. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
901.M41: Il Comandante Dante degli Angeli Sanguinari guida un assalto tramite Stormraven che riesce a spezzare l’assedio decennale della Waaagh! Bludcrumpa sul mondo forgia Ironhelm. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
901.M41: Il Regno delle Stelle di Ferro. (Codex: Necrons 7a Edizione)
901.M41: Mortarion raduna un’immensa orda di Nurgle e devasta interi Settori. L’intero Capitolo dei Cavalieri Grigi si raduna per fermarlo presso il pianeta Kornovin. Linus Geronitan, 47° Gran Maestro Supremo dei Cavalieri Grigi, custodisce il Vero Nome di Mortarion insieme al Gran Maestro Jull Fenrick della 4a Confraternita, perciò organizza tutto affinché gli sia possibile sfruttarlo per sconfiggere il Primarca, ma Mortarion ha la meglio e, prima che Geronitan possa fare qualcosa, lo indebolisce con un vento velenoso e poi gli taglia la gola con la propria falce. A quel punto, i Cavalieri Grigi ritengono la battaglia troppo importante e non sono disposti ad abbandonarla, quindi ignorano i protocolli e organizzano un conclave psionico d’emergenza tramite il quale tutti i Gran Maestri discutono per decidere chi debba essere nominato prossimo Gran Maestro Supremo. Alla fine viene scelto Kaldor Draigo, ai tempi Gran Maestro della 6a Confraternita. Quando Draigo compie il proprio giuramento davanti alla Spada di Titano, Jull Fenrick trasferisce la conoscenza del Vero Nome nella sua mente, poi i Cavalieri Grigi si riorganizzano per attuare una controffensiva. Come nuovo Gran Maestro Supremo, Draigo si ritrova davanti a Mortarion come il proprio precedessore, ma anche lui non riesce a sopraffare l’avversario e si trova in fin di vita. Tuttavia, quando Mortarion sta spremendo l’elmo di Draigo così da romperlo e fargli subire gli effetti del terribile vento venefico, il Gran Maestro usa le forze rimaste per incendiare le vesti del Primarca Demone. Mortarion indietreggia per un momento, indignato da tale stregoneria, perciò Draigo sfrutta quel momento di distrazione per scagliare l’informazione del Vero Nome come un dardo attraverso le difese mentali di Mortarion. Il Vero Nome lo danneggia terribilmente e il suo petto esplode dall’interno lasciandolo vulnerabile, quindi Draigo, adirato per la morte del proprio predecessore, stringe la Spada di Titano e raggiunge il cuore esposto di Mortarion per incidere su di esso il nome di Geronitan. Con un ultimo affondo, Mortarion viene sconfitto e la sua orda si disperde. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione, 7a Edizione, 8a Edizione; Space Marine Battles: Mortarion’s Heart, di Laurie Goulding)
901.M41: Il Cappellano Elianu Trajan viene aggregato alla 2a Compagnia degli Ultramarine. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
901.M41: Lufgt Huron, Maestro Capitolare degli Artigli Astrali, ordina la distruzione della flotta d’investigazione Imperiale appena entra nell’orbita di Badab. Oltre 23000 agenti dell’Imperium vengono uccisi. Huron si dichiara Tiranno di Badab e annuncia la secessione del sistema dall’Imperium. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione; Codex: Space Marine 6a Edizione)
030.901.M41: La posizione del Modellatore Pechallai viene nuovamente assaltata, questa volta da Hormagaunt più rapidi, meno tendenti ad essere intrappolati. Solo la forza bruta e la tenacia permette ai Kroot di resistere.(Codex: Tiranidi 5a Edizione)
106.901.M41: Un’ultima ondata di Hormagaunt assale le difese dei Kroot di Pechallai. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
400.901.M41: In seguito alle pesanti perdite subite dai Guerrieri del Fuoco Tau, gli Hormagaunt e i Termagant della Flotta Alveare Gorgon sviluppano rapidamente una quasi totale immunità al fuoco di fucile a impulsi. L’insediamento principale di Sha’draig viene sopraffatto e Shas’el Vorcah ritira le proprie forze sulle montagne. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
505.901.M41: Squadre Stealth dei Tau recuperano centinaia di fucili Kroot dalle rovine delle difese di Pechallai. L’armamento recuperato viene distribuito tra i Guerriero del Fuoco di Vorcah sopravvissuti. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
620.901.M41: Nidiate fresche di Hormagaunt e Gargolle vengono create con manti camaleontici che si mimetizzano con l’ambiente circostante. Diventano totalmente non localizzabili ad occhio nudo, solo i sensori delle armature Tau riescono a rilevarle con sicurezza. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
843.901.M41: Ritenendo la situazione irrecuperabili, Kor’O’Vanan ordina con riluttanza la ritirata da Sha’draig e rompe nuovamente il blocco Tiranide abbastanza a lungo da permette il recupero della maggior parte delle forze terrestri sopravvissute. Shas’el Vorcah si rifiuta di abbandonare così la speranza, quindi lui e la sua squadra rimangono sul pianeta con il pretesto di coprire la ritirata, ma con l’intenzione di continuare la battaglia. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
901.901.M41: Shas’el Vorcah inizia una serie di missioni suicida volte ad infrangere la rete sinaptica dei Tiranidi su Sha’draig. Il loro successo allontana la Gorgon dal pianeta, ma si tratta di una vittoria pirrica. Sha’draig è stata quasi completamente consumato dagli Sciami di Sventratori. La squadra di Vorcah abbandona il pianeta morente poco tempo dopo, traendo sollievo dal fatto d’aver negato ai Tiranidi parte della biomassa di Sha’draig. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
902.M41: Gli Artigli Astrali distruggono la prima spedizione punitiva inviata contro di loro. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
902.M41: La Waaagh! Skardrek si abbatte sul pianeta Agrella, poco difeso. Solo una coraggiosa retroguardia condotta da una dozzina di Confratelli della Spada dei Templari Neri permette agli ufficiali imperiali di sfuggire all’orda di Orki. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
075.902.M41: Dozzine di bio-navi si separano dal corpo principale della Flotta Alveare Gorgon e scendono sulla colonia Tau Ka’mais. Scoppiano dei terribili combattimento quando una flotta Necron emerge inaspettatamente dalla luna morta di Ka’mais. Le navi dei Tiranidi, in inferiorità numerica, vengono distrutte. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
078.902.M41: Giorno di celebrazione su Ka’mais. I Necron atterrano sul pianeta per essere accolti con grandi cerimonie dall’onorato Etereo Aun’taniel. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
079.902.M41: Aun’taniel viene ucciso dai Necron. La Mietitura di Ka’mais comincia. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
098.902.M41: Il concilio degli Eterei di Kel’shan ordina l’evacuazione dei mondi colonia che si trovano tra Ka’mais e Kel’shan. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
235.902.M41: La grande flotta d’evacuazione di Ho’sarn subisce un’imboscata da parte delle navi drone dei Tiranidi. Più di trecento vascelli Tau vengono persi in meno di tre ore. Una manciata di navi fugge fino agli stabilimenti minerari abbandonati sul confine del Sistema Ho’sarn. I sopravvissuti fanno quel che riescono per fortificare gli edifici in rovina, ma le difese improvvisate non sono nulla per i Tiranidi, i quali arrivano sul pianeta due giorni dopo. Nessuno sopravvive al massacro di Ho’sarn. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
550.902.M41: La Battaglia della Fenditura Sol’ai. La flotta di Kor’O’Vanan ingaggia la Flotta Alveare Gorgon mentre lascia il Sistema Ka’mais. Inizialmente i Tau se la cavano bene, ma poi sono costretti a ritirarsi dopo aver incontrato un ammasso bio-navi Ramsmiter e Razorfiend con quasi totale immunità all’armamento a ioni dei Tau. Prima che la flotta Tau si ritiri, riescono ad uccidere molti Narvali della Gorgon, sperando di guadagnare abbastanza tempo affinché Kel’shan riesca fortificarsi contro i Tiranidi. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
689.902.M41: Roksh, pianeta delle gilde mercantili Rokshashi, viene consumato dalla Flotta Alveare Gorgon. Svariate flotte mercantili Tau vengono perse nel Sistema Roksh, proprio come una stazione d’ascolto segreta Tau su Roksh XVI. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
709.902.M41: La flotta di Valroth arriva presso i cantieri navali di Kel’shan. Iniziano pesanti lavori di retroingegneria nel tentativo di superare le immunità dei Tiranidi. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
760.902.M41: Una flotta Imperiale, inviata nel Warp oltre centocinquanta anni prima per supportare la Guerra del Golfo di Damocles, arriva presso Kel’shan. Non sapendo dei Tiranidi, la flotta entra nell’orbita di Kel’shan e assedia il pianeta. Il Castellano Crask del 18° Cadiano comincia l’invasione. La flotta di Valroth, con le modifiche completate, lascia i cantieri navali e ingaggia gli intrusi. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
785.902.M41: I Tiranidi entrano nel Sistema Kel’shan e si uniscono alla battaglia in corso nell’orbita e sulla superficie del pianeta. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
830.902.M41: Con un nemico comune, il Castellano Crask e Kor’o Valroth accettano una difficile tregua. Agendo in concerto, le flotte Imperiali e Tau penetrano nelle profondità della Flotta Alveare Gorgon. Le perdite sono alte, ma quasi tutte le bio-navi vengono distrutte. Nella confusione, tre bio-navi fuggono dal sistema. La flotta di Kor’O’Vanan le insegue. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
920.902.M41: La flotta di Kor’O’Vanan ingaggia le bio-navi sopravvissute per Delmarra. Una delle bio-navi viene distrutta, ma riesce ad attirare il Trasportatore della Flotta Custode Stella di Fuoco verso la cintura d’asteroidi di Delmarra, finendo per danneggiarla irreparabilmente. Inferiori nel numero e nella potenza di fuoco, la bio-navi rimanenti continuano a fuggire, attirando i Tau ancor più lontano dai mondi setta lasciati incustoditi in loro assenza. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
903.M41: Gli Artigli Astrali distruggono la seconda spedizione punitiva inviata contro di loro. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
903.M41: Tre altri Capitoli – Guerrieri Mantide, Carnefici e Prefici – decidono supportare gli Artigli Astrali e la ribellione aumenta drasticamente di proporzioni. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
903.M41: Il Capitano Cortez dei Magli Scarlatti combatte attraverso tutte le sei settimane di campagna di Kardian senza rifornimenti dopo averli persi a causa del fuoco nemico durante lo schieramento. Attribuisce la propria sopravvivenza alla benevolenza dell’Imperatore, la quale ha nutrito il suo corpo meglio di quanto potesse fare alcuna forma di cibo o bevanda. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
011.903-490.903.M41: L’esercito del 18° Cadiano e i guerrieri della Setta Kel’shan eliminano i Tiranidi dal pianeta invaso. Con la distruzione della loro flotta principale, i Tiranidi non hanno capacità riproduttive presso Kel’shan se non per una singola Dominatrix e una manciata di Tervigoni ferite. Ciò, combinato con la varietà d’armi e tattiche impiegate dai Tau e dalla Guardia Imperiale, previene l’adattamento rapido che ha messo in difficoltà i Tau nelle battaglie precedenti. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
500.903.M41: La Battaglia di Cresta Spina del Mondo. L’ultima Dominatrix e l’ultimo Tiranno dell’Alveare su Kel’shan vengono uccisi. Benché ci siano altre battaglie in arrivo e Crask abbia già sott’occhio l’indebolimento delle difese di Kel’shan, la Flotta Alveare Gorgon viene fermata. (Codex: Tiranidi 5a Edizione)
904.M41: Durante un’incursione sul mondo formicaio Paraghast, il potere del Caos trasforma la città di Patrihive in un incubo. Diventa un prigione contorta per miliardi di anime, intrappolate all’interno di una sorta di formicaio vivente, le cui “radici” scavano nelle circostanti lande desolate per cento miglia in ogni direzione, attaccando i difensori di Paraghast anche mentre affrontano una legioni di Demoni di Nurgle e Slaanesh. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
904.M41: Una nave appartenente al Capitolo dei Falchi di Fuoco viene attaccata e catturata dai Guerrieri Mantide. I Falchi di Fuoco si vendicano immediatamente e da quel momento la Guerra di Badab coinvolge ben cinque Capitoli di Space Marine. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
905.M41: Il Capitolo dei Marine Errant viene richiamato dalla Frangia Orientale per dirigersi verso Badab, ma si trova rapidamente occupato nella protezione di trasporti imperiali in transito. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
905.M41: L’Inquisitrice Valeria scopre il manufatto xeno chiamato Forgia Dimensionale nelle caverne di sale sul pianeta Cavlock. Prima che possa recuperare la Forgia, un enorme relitto spaziale infestato dai Demoni si schianta sul pianeta e riversa un’orda demoniaca sulla superficie. Valeria prende il comando delle forze di difesa di Cavlock finché i rinforzi di una semi-Confraternita di Cavalieri Grigi, due Compagnie di Teschi d’Argento e dodici reggimenti Cadiani. Vengono fatti progressi e uccisi numerosi Demoni Maggiori, ma l’orda rimane ancora troppa numerosa, perciò intervengono ulteriori rinforzi sotto forma di reggimenti di Mordia e Armageddon, Space Marine dei Capitoli Paladini Cremisi e Legione della Notte e persino una schiera di Eldar dell’Arcamondo Alaitoc, i cui fini sono ignoti. Tre mesi dopo l’inizio della campagna, giunge presso Davlock l’Inquisitore puritano Emil Darkhammer. Nonostante l’Imperium abbia quasi vinto, Darkhammer ordina l’Exterminatus immediato e solo poche centinaia di persone persone tra soldati e civili riescono ad abbandonare la superficie. Valeria, sopravvissuta grazie a un accolito fedele, ritiene che Darkhammer abbia agito in quel modo per distruggere la Forgia Dimensionale, non per fermare i Demoni, perciò dichiara Darkhammer Excommunicate Traitoris e giura di arrestarlo. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
906.M41: Ulteriori Capitoli di Space Marine vengono inviati per riportare stabilità nei pressi di Badab e la loro presenza riesce ad eliminare pressoché ogni minaccia diretta alle spedizioni imperiali. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
907.M41: Le espansioni degli Orki nel Segmentum Ultima richiedono il rischieramento di numerosi Capitoli di Space Marine, perciò delle forze d’attacco della Marina Imperiale li rimpiazzano nella sorveglianza delle rotte commerciali vicine a Badab. Successivamente, i pianeti del Sistema Badab vengono assediati e altri Capitoli vengono coinvolti nelle aggressive investigazioni sui mondi occupati dai Carnefici e dai Guerrieri Mantide. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
908.M41: Buona parte del Capitolo dei Prefici viene colta in un’imboscata e si arrende dopo un terribile combattimento tra navi. La loro perdita comporta un duro colpo per le forze di Huron. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
908-912.M41: Una serie di assedi riduce il numero di roccaforti nelle mani di Huron finché Badab viene circondato. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
910.M41: La tempesta cresce. Le campagne di Imotekh vengono repentinamente arrestate dalla strenua difesa del mondo forgia Hypnoth da parte dell’Imperium. Guardia Imperiale e rinforzi degli Space Marine si riversano nella zona di battaglia e, sebbene non riescano ad ottenere una vittoria duratura, bloccano l’assalto necron per diversi mesi. Incoraggiato dalle profezie dell’astromante Orikan il Divinatore, Imotekh rompe infine lo stallo lanciando una serie di offensive sui mondi deposito Hypnoth, Praedis-Zeta e Nyx. Le prime due scorrerie vanno esattamente secondo le previsioni: i pianeti vengono devastati e le loro scorte di vitale importanza distrutte o saccheggiate dalle forze dei Sautekh. Tuttavia, un’infestazione tiranide su Nyx scatena il caos fra i Necron e minaccia di affossare l’intera campagna. nonostante ciò, Imotekh raccoglie la sfida ed utilizza una strategia per rivolgere la furia dello sciame xeno contro i difensori imperiali rimasti. Scatenate entrambe le fazioni una contro l’altra, elimina gli ultimi superstiti. (Codex: Necron 5a Edizione)
911.M41: La caduta di Hypnoth. I Criptek della dinastia Sautekh riescono ad infiltrare un meccanofago nei sistemi difensivi del mondo forgia Hypnoth, riducendone i bastioni pesantemente armati a gusci di ferrocemento. Nonostante la formidabile difesa degli Space Marine Supplizianti e Mani di Ferro, il pianeta cade nel giro di pochi giorni. (Codex: Necron 5a Edizione)
911.M41: Scoprendo dell’arrivo del famoso Assetato di Sangue Ka’Bandha, i Gran Maestri dei Cavalieri Grigi decidono di farlo sapere al Comandante Dante degli Angeli Sanguinari affinché sia possibile organizzare un’offensiva combinata. Il Justicar Parsival effettua la comunicazione e l’Araldo Esimio Sepharan chiede a Dante il permesso di unirsi alla battaglia imminente insieme alla propria Guardia Sanguinaria. Quando Ka’Bandha appare sul mondo demoniaco Kalagazaar, passano poche ore prima che i Cavalieri Grigi e gli Angeli Sanguinari attacchino la sua fortezza. Dopo una grande battaglia, Ka’Bandha viene bandito, il suo cuore perforato da un femore appuntito del Fratello-Capitano Solor, primo Cavaliere Grigio che riuscì a sconfiggere Ka’Bandha nel M34. Kalagazaar viene poi sottoposto ad Exterminatus e gli Angeli Sanguinari subiscono una cancellazione della memoria, come sancito dall’accordo stretto precedentemente tra Dante e i Cavalieri Grigi. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione, Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
912.M41: Gli Artigli Astrali vengono sconfitti presso il Palazzo di Spine e circa duecento sopravvissuti fuggono nel Maelstrom con Huron ferito. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
912.M41: I sopravvissuti di Prefici, Guerrieri Mantide e Carnefici partono per un secolo di crociata di penitenza. (Codex: Space Marine del Caos 4a Edizione)
912.M41: La banda di accoliti dell’Inquisitrice Valeria si scontra con Darkhammer preso la Stazione Mindo. Lo scontro dura un giorno e mezzo, poi le forze di Darkhammer riescono a fuggire a bordo di una vecchia nave. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
912.M41: Viaggiando attraverso un wyrmhole alla ricerca del proprio Primarca perduto, Svengar il Rosso e i suoi Lupi Siderali si trovano trasportati oltre i confini della galassia, persino oltre le Stelle Fantasma. Lo spazio è vuoto quanto l’anima di un eretico. Gli uomini di Svenga cominciano a parlare di voci sussurrate nella notte, le quali promettono un rifugio sicuro. Insicuro sulle proprie coordinate, Svenga prosegue. I giorni diventano mesi. Sul punto di tornare indietro, un pianeta oscuro viene avvistato in lontananza. I Lupi Siderali si dirigono verso le distante sfera, aspettandosi dei problemi. Al contrario, trovano una civiltà di persone alte e belle che vivono nell’opulenza di loro creazione, lontana dalla guerra e dalla confusione del nucleo galattico. Sollevati nell’aver trovato una base operativa, Svengar e i suoi uomini cominciano a rilassarsi e a divertirsi, banchettando e raccontando storie delle proprie gesta alle belle persone del mondo lontano. Solo quando Svengar compie un’avance disinvolta verso una delle loro donne, allora i Lupi Siderali capiscono che chi li ospita non sia affatto una civiltà di persone. Benché combattano coraggiosamente, Svengar e i suoi Lupi scompaiono per sempre. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
912-926.M41: A causa di un violento colpo di stato, il riflessivo Lord del Mondo Tomba Borsis viene sostituito da una dirigenza più espansionistica. I motori da lungo tempo dormienti di Borsis vengono riattivati, segnando l’inizio di una campagna che riduce in rovina gran parte del Settore Vidar tramite la potenza del Motore del Mondo. (Codex: Necron 5a Edizione)
913.M41: Il Capitolo degli Invasori e i loro alleati dell’Astra Militarum vengono colti in trappola da Ahriman della Stirpe dei Mille presso il Librarium di Jollana e vengono attaccati da ogni lato dai Demoni. Il Fratello-Capitano Caddon Varn dei Cavalieri Grigi conduce una forza d’attacco con l’obiettivo di riprendere il controllo del Librarium e, quando essa arriva, rimangono in vita solo pochi Invasori. Varn riesce a ribaltare le sorti della battaglia i Demoni vengono respinti grazie alla collaborazione tra Cavalieri Grigi e Invasori. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione, 7a Edizione)
917.M41: Azrael viene nominato Gran Maestro dell’Ala della Morte degli Angeli Oscuri. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
918.M41: La forza d’attacco Respiro di Ermes degli Angeli Sanguinari finisce sotto attacco a causa degli Eldar del mondo fantasma Semmel. Inizialmente gli Angeli Sanguinari riescono ad ottenere il vantaggio, ma poi dei rinforzi sconosciuti aiutano gli Eldar e la forza d’attacco viene totalmente annientata. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
919.M41: Il Principe Pirata Yriel e i suoi guerrieri atterrano sul mondo arretrato Yurk e uccidono l’Orko Kapoguerra che vi stava raccogliendo le forze assieme a tutta la sua casta regnante. Con le lame insanguinate, Yriel e i guerrieri dell’Arcamondo Iyanden scompaiono nel vuoto, senza subire una sola perdita. (Assalto Planetario 5a Edizione)
920.M41: I rinnegati del Caos conosciuti come Compagnia dell’Ombra attaccano il mondo agricolo Mortain per tentare di renderlo un mondo demoniaco. Il Gran Maestro Mordrak dei Cavalieri Grigi e l’Inquisitore Kraçen organizzano una forza d’attacco per fermarli. A pochi passi dalla vittoria, in orbita appare una flotta di Corsari Rossi comandata da Huron Cuorenero. Quest’ultimo pensa che il pianeta sia ancora nelle mani della Compagnia dell’Ombra, da lui considerati dei rivali da eliminare, perciò ordina il bombardamento a fusione di Mortain. Colti di sorpresa, i Cavalieri Grigi vengono sterminati e sopravvive solo Mordrak. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
920.M41: L’Impero Tau si espande verso territori inesplorati, sperando di unire nuovi popoli alla loro causa. I diplomatici Tau stipulano una difficile pace su Ur-Clemait, un pianeta consumato per secoli dalla guerra civile la cui situazione viene risolta dai Tau fornendo ad uno degli schieramenti il proprio armamento a impulsi. La maggior parte della popolazione pare felice della pace raggiunta, mentre gli anziani e i sacerdoti della vecchia fede sono sconvolti, insistendo sul fatto che la Decima di Sangue debba essere rispettata. Molti sacerdoti istigano la ribellione, altri attaccano personalmente i Tau cercando di danneggiare le armature oppure togliendosi la vita pubblicamente in dei disordinati tentativi di martirio. I Tau continuano incuranti la propria missione, ma entro l’anno arrivano i Predicatori per forzare la Decima di Sangue. Attaccano Ur-Clemait con forza terribile, cantando preghiere d’appagamento degli Dei Oscuri mentre abbattono xeno e umani. La Casta del Fuoco affronta l’invasione e il mondo precipita in una guerra peggiore della precedente. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
921.M41: L’Imboscata a Roccanera. Marneus Calgar subisce un’imboscata da parte dei Signori della Notte mentre è diretto alla zona di guerra Roccanera. Il vascello danneggiato del Maestro Capitolare atterra su Barathred. A quel punto centinaia di Space Marine del Caos attaccano il pianeta, ma Calgar raduna la popolazione feudale e li sconfigge. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
4.787.921.M41: L’Inquisitore Hellar trasmette all’Inquisitore Swinlok tramite l’Astropate Primus Zuikka un breve resoconto riguardante Khârn il Traditore. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
4.789.921.M41: L’Inquisitore Hellar trasmette all’Inquisitore Durzus tramite l’Astropate Primus Zareba un breve resoconto riguardante Abaddon e alcuna sue Crociate Nere. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
922.M41: La 3a e la 4a Compagnia degli Angeli Oscuri inchiodano un’armata di cultisti sul pianeta Sephlagm mentre l’Ala del Corvo si schiera in una formazione a tenaglia. Gli Squadroni di Supporto liberano le strade mentre gli Squadroni d’Attacco assaltano i centri di comando ribelli, finendo con l’Ala della Morte che viene chiamata per levare di torno i leader ribelli posseduti. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
922.M41: Il Capobibliotecario Tigurius guida una forza d’attacco degli Ultramarine per soccorrere una delegazione di Tecnopreti dall’invasione orkesca di Andraxas. All’interno della torreggiante mega-fortezza conosciuta come Grande Bastione, i Tecnopreti dell’Adeptus Mechanicus hanno dissotterrato un bastone psichico che porta i codici di riconoscimento electoo di niente poco di meno che Malcador il Sigillita. Gli Ultramarine colpiscono con forza e precisione, ma trovano una tale superiorità aerea degli Orki che pochi rinforzi riescono a raggiungere il Grande Bastione. Essendo uno dei pochi luoghi ancora non sottomessi, gli Orki convertono verso il Grande Bastione e le forze Tigurius si trovano davanti ad una terribile inferiorità numerica. A un certo punto l’aria scintilla e la Legione dei Dannati giunge nello spazio reale. Con questi nuovi rinforzi, Tigurius rinnova il proprio attacco e il morale degli Orki viene spezzato. Il bastone psichico viene recuperato ed esaminato dal Mechanicus e poi da Tigurius stesso, riuscendo a trarne dei segreti sulla costruzione del Trono d’Oro e una comprensione migliore del sacrificio che il Sigillità compì in nome dell’Imperium. Il bastone si trova ancora adesso nelle mani di Tigurius. (Codex: Legion of the Damned 6a Edizione)
925.M41: La Waaagh! Grax invade il Sistema Ryza. A tutti i pianeti entro dieci anni luce viene ordinato di reclutare e organizzare almeno cinquanta reggimenti d’Astra Militarum per rispondere all’invasione degli Orki, tra di essi anche Barac, Ulani, Dulma’lin e Catachan. Per rispettare la richiesta, il pianeta Dulma’lin è costretto a reclutare quattro quinti della propria popolazione. Alla fine il Comandante Mordrid van Hordric sconfigge buona parte degli Orki decine di anni dopo durante la Battaglia della Valle della Desolazione. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
925-926.M41: Viene scoperto che il Motore del Mondo dei Necron sia la causa della distruzione nel Settore Vidar. Il vascello viene distrutto ai confini del Sistema Doranno grazie soprattutto al nobile sacrificio del Capitolo Cavalieri Astrali. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
925.M41: Viene avvistata per la prima volta la banda da guerra di Space Marine del Caos nota come Guerrieri del Disordine. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
926.M41: Un singolo reggimento Catachano, guidato dal Colonnello Straken, sopravvive all’atterraggio su Dulma’lin. Straken guida il proprio reggimento in un’azione di guerriglia lunga un anno all’interno delle zone sotterranee del pianeta guadagnandosi una certa reputazione tra le tribù degli Orki. Durante lo scontro con il Kapoguerra Killzkar, Straken viene ferito gravemente e i suoi soldati riescono a portarlo in salvo. Tempo dopo, l’Alto Pretore Osh’preen si prende tutti i meriti della campagna e porta al rischieramento del 2° Catachano nel Sistema Ulani. Durante il viaggio, Straken viene assistito da un team di personale medicae e, quando si risveglia, il Colonnello si ritrova pesantemente ricostruito tramite innesti bionici, circondato dal nemico e con il 2° Catachano pronto ad obbedirgli. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
926.M41: I vili rinnegati del Caos conosciuti come la Purga attaccano il verdeggiante pianeta imperiale Vaxhallia. La superficie del pianeta viene rapidamente riempita di malattie tubercolotiche e carestie. Nel corso di un singolo mese, la Purga causa la morte di non meno di quattordici miliardi di cittadini imperiali. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
926.M41: Mentre contrastava la Waaagh! Zkoppiakranio su Cadrim, Joghaten Khan e la 4a Compagnia delle Furie Bianche risvegliano le forze Necron del Signore Supremo Tarekh. Isolati dai rinforzi, conducono un’estenuante campagna mordi e fuggi della durata di diversi anni. Le loro incursioni lampo ostacolano gran parte delle forze nemiche e gli ultimi xeno vengono infine uccisi nell’attacco all’Aeroporto Tempesta Funesta. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
927.M41: Il Capitano Aphael degli Angeli Sanguinari libera il mondo forgia Antax dalla Waaagh! Gutstompa. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
927.M41: La Peste Nox colpisce il mondo agricolo Curwen, uccidendo centinaia di migliaia di persone nel corso di pochi giorni. Ad una settimana di distanza, i Cavalieri Grigi intervengono, sapendo che la Nox sia una creazione del vile Ku’gath Padre del Contagio. Quando viene identificata la roccaforte nemica, il Justicar Anval Thawn è il primo a gettarsi nella mischia vicino alle acque malsane del Lago Soth. Nel corso di un’ardua battaglia, Anval Thawn viene ingoiato da Ku’gath, ma il Cavaliere Grigio riesce ad aprirsi la strada attraverso il ventre del Demone fuoriuscendo in una pioggia di bile ed escrementi. Con la perdita di Ku’gath, l’armata demoniaca perde la presa sullo spazio reale e svanisce nel Warp. Tuttavia, la peste viene ritenuta troppo pericolosa, perciò i Cavalieri Grigi sottopongono Curwen ad Exterminatus. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
927.M41: Le rinomate unità d’assedio corazzate del 4° Hammerontiano, al comando del Grande Maresciallo Lourgant, vengono spazzate via durante la Flagellazione Fallaxiana quando un’armata demoniaca sovrasta le forze dell’Imperium. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
928.M41: Karandras sfida a duello il suo predecessore, Arhra, Padre degli Scorpioni, nelle rovine dell’Arcamondo perduto Zandros. Quando Karandras si rende conto di non riuscire a sconfiggere il proprio precedente maestro, egli lo induce a cadere in una frenesia omicida nel corso di diciassette giorni. Ad un certo punto, Karandras si mescola con le ombre e scompare, lasciando che la propria nemesi continui ad uccidere i suoi discepoli. (Codex: Craftworlds 7a Edizione)
928.M41: Il 2° Catachano assiste i battaglioni difensivi di Ulani nelle operazioni cerca e distruggi contro gli Orki Zabotatori nei pressi della catena montuosa polare del pianeta. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
928.M41: Il disastroso regno dell’Alto Pretore Osh’preen sul pianeta Dulma’lin apre la strada all’insurrezione del Culto Slaaneshita dello Scuoiamento Frenetico. Il 2° Catachano è l’unico reggimento abbastanza vicino che possa offrire assistenza, ma, a causa di una misteriosa serie di fallimenti nelle comunicazioni che tormentano i Catachani, Osh’preen e il suo governo corrotto vengono abbandonati al loro orribile destino. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
928.M41: Il Techmarine Aviren lotta per sei giorni tra le giungle di Tarravorn, uccidendo una decina di pattuglie di Orki per recuperare il Land Raider danneggiato Ferrum Maximal. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
929.M41: L’Insurrezione di Trenor. Tre dozzine di Esploratori, sotto la direzione esperta del famoso Sergente Telion, sventano la ribellione su Trenor in meno di un giorno. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
929.M41: Il Sergente Veterano Vandar degli Ultramarine diventa il più giovane portatore di aureola di ferro, conferitagli per l’acume tattico durante le ribellioni di Tamari. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
929.M41: Tale è il ritardo nella trasmissione delle informazioni e nell’aggiornamento degli archivi dell’Administratum che la notizia della distruzione del 4° Hammerontiano non raggiunge il Departmento Munitorum e il Grande Maresciallo Lourgant riceve l’ordine di condurre la liberazione della Cittadella Abraxis su Prassium. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
930.M41: Le azioni della 3a Compagnia degli Angeli Sanguinari riescono a salvare la Stazione Explorator Ghosa Primus dalla furia immotivata degli Eldar di Biel-Tan. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
930.M41: Massacro su Schrödinger VII. Le forze del Signore delle Tempeste discendono sulle piane ghiacciate di Schrödinger VII; esse spingono i difensori locali nei dedali delle miniere di crionite, ma non riescono ad impedire al coro di Astropati del pianeta di inviare un inno di aiuto. Il contrattacco arriva rapido in guisa di una forza d’assalto dei Templari Neri capitanati dal Maresciallo Helbrecht. Imotekh non si fa però cogliere di sorpresa così facilmente ed ha già disposto gli eserciti in una formidabile formazione difensiva. L’offensiva di Helbrecht, intesa come un devastante attacco alfa, viene smussata da una serie di imboscate pianificate impeccabilmente nelle zone di sbarco di Thunderhawk e capsule d’atterraggio. Mentre le caverne ghiacciate echeggiano del ruggito delle esplosioni, stuoli di Templari Neri e Necron vengono gettati nei fiumi di crionite fusa. Imotekh e Helbrecht si scontrano in duello su un ponte di ghiaccio appesantito dalle stalattiti. Nello scontro che segue il secondo infligge al primo una dozzina di colpi micidiali, ma ogni volta il Faraone si ripara in pochi secondi per colpire a sua volta. Helbrecht infine cade, mentre il sangue gli sgorga da una serie di ferite gravi. Invece di finire l’avversario, Imotekh cala la falce a mozzargli la mano destra, per “donare al Maresciallo un meritato ricordo della sconfitta”. Helbrecht urla ancora di dolore e di rabbia quando il Necron lo spinge giù dal ponte, sul pavimento della caverna sottostante. I Templari Neri superstiti si radunano attorno al Maresciallo caduto e si ritirano combattendo, lasciando Schrödinger VII nelle mani del Signore delle Tempeste. (Codex: Necron 5a Edizione; Codex: Space Marine 6a Edizione)
930.M41: Il 24° Catachano distrugge gli Orki di Krakskull su Arandra V usando “Squadre Adescatrici” per attirare l’intera orda in un burrone completamente riempito di trappole esplosive. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
930.M41: In seguito alle purificazioni Abraxane, all’Inquisitore Fyodor Karamazov viene donato il Trono del Giudizio. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione; Codex: Inquisition 6a Edizione)
931.M41: Il Departmento Munitorum condanna il 4° Hammerontiano per diserzione e, insieme al Lord Generale Lourgant, tutti i suoi membri ricevono una condanna a morte postuma. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
931.M41: La Guerra in Cielo di Medusa. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
931.M41: Il Trionfo del Signore della Guerra Brabastis. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
932.M41: Il Magos Stannum Vir scopre frammenti di un SPM sul mondo agricolo Jollov. Tuttavia, un tentacolo d’avanguardia dell’emergente Flotta Alveare Moloch minaccia di consumare il pianeta prima che possa essere recuperato. Per ordine del Magos, elementi di vari reggimenti di Catachan, Mordia, Kanak, Molov e Agathon muoiono per guadagnare abbastanza tempo affinché l’Adeptus Mechanicus possa fuggire con la reliquia tecnologica. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
934.M41: I massacri di Toran VI. I Magli Scarlatti sconfiggono la banda da guerra del Condottiero del Caos Sathash il Dorato. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
934.M41: Il reggimento corazzato 124° Cadiano partecipa alla Battaglia di Vrodken Ford. (Chapter Approved 2004)
934.M41: Le truppe Elysiane respingono l’Orko Kapitano Blacklaw i suoi Filibuztieri dagli Spazioporti Orbitali di Stranthium, ponendo fine a un blocco di dieci anni causato dai pirati alieni. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
935.M41: La vendetta di M’kar. Un’orda demoniaca guidata dal Principe Demone M’kar il Rinato si impadronisce del forte stellare Indomito nell’orbita esterna di Calth. Al comando di Marneus Calgar, i Terminator della 1a Compagnia degli Ultramarine penetrano nella roccaforte. M’kar viene ucciso per mano di Lord Macragge, che fa a pezzi il Principe Demone. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
935.M41: L’offensiva su Mondo di Bren vacilla quando le forze imperiali provenienti da due dozzine di mondi non riescono a conquistare le fortificazioni presso Guglia del Rifugio. Il 12° Cadiano guida il blitz che finalmente distrugge la Guglia in seguito all’abbattimento dei generatori di scudi void grazie a delle unità di Fanti Scelti. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
935.M41: Il Capitano di Ferro Bannus viene gravemente ferito dai Drukhari la Compagnia Clan Kaargul subisce un’imboscata sul mondo industriale Kaladrone. Il Patriarca di Ferro Blantar ritiene che la perdita del Capitano sia inaccettabile per le Mani di Ferro e lancia un feroce contrattacco per salvarlo. Pur subendo danni terribili, Blantar e i sopravvissuti della Compagnia Kaargul resistono al fuoco nemico e ritornano su Medusa con il corpo martoriato di Bannus, il quale viene inserito nel sarcophagus corazzato di un Dreadnought. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
935.M41: Dopo una crociata penitente di cinque anni per espiare la propria sconfitta a causa del Signore Supremo Imotekh, Helbrecht si reca in pellegrinaggio alla fortezza monastero dei Magli Imperiali, la Falange, per pregare la Mano di Dorn. Lì realizza che la sua mutilazione è un simbolo del sacrificio del Primarca e un segno dell’Imperatore. Helbrecht fa ritorno con i fuochi della fede che bruciano dentro di lui come un inferno. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
936.M41: La vendetta degli Eldar. L’Arcamondo Alaitoc lancia un devastante attacco al mondo capitolare degli Invasori. Soltanto tre compagnie si salvano e la loro fortezza monastero viene distrutta. Gli Invasori diventano da allora un Capitolo flotta. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
936.M41: La Crociata Sciame di Sangue viene portata a termine con successo dai Capitoli Furie Bianche e Aquile di Ferro. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
936.M41: Il mondo formicaio Derondii trattiene la propria decima annuale e gli Squadroni della Morte di Krieg vengono schierati per agire in qualità di guardia d’onore del team investigativo del Departmento Munitorum. Dopo l’impiccagione degli ufficiali imperiali, i soldati di Krieg si schierano nelle torreggianti montagne che sorvegliano il formicaio primario. Numerose compagnie d’assedio e artiglieria cominciano a bombardare le guglie della città e gli abitanti vengono fucilati senza pietà mentre cercano di fuggire dalla città assediata. Dopo dieci anni di bombardamento continuo, il formicaio viene ridotto a nulla più che macerie e polvere, due anni dopo che ogni segno di vita proveniente dal formicaio cessa e cinque anni dopo che il formicaio invia la propria resa condizionata. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
937.M41: Il 9° Cadiano devasta la Flotta Alveare Scarabus presso le mura della Fortezza Carcassone senza perdere una singola compagnia. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
937.M41: Radunando cinque Grandi Compagnie di Lupi Siderali, il 301° Cadiano e il 14° Tallarniano, il decorato Inquisitore Pranix tenta di reclamare i nove Mondi Cavi di Lastrati dalle mani dei Corsari Rossi. Le Capsule d’Aterraggio dei Lupi Siderali si schiantano sulla superficie dei Mondi Cavi e ben presto la guerra infuria nelle catacombe sottostanti. Huron Cuorenero fa collare sezioni preselezionati delle sue reti di tunnel con precisione e tempismo, isolando e distruggendo gran parte dell’esercito imperiale schierato contro di lui. Gli Imperiali sono costretti a ritirarsi. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
938.M41: L’Assalto di Ciecasperanza. Kayvaan Shrike guida l’attacco planetario di Ciecasperanza, salvando il 1223° Cadiano. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
938.M41: Tu’shan viene nominato nuovo Reggente di Prometheus dopo la morte del suo predecessore per mano di Huron Cuorenero, il signore rinnegato dei Corsari Rossi. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
938.M41: Durante la campagna di Yaquit 27, il Colonnello Straken guida personalmente la carica del 2° Catachano durante la Battaglia del Crinale di Moden, sterminando gli invasori L’Huraxi nonostante sovrastino di oltre dieci volte i numeri delle truppe imperiali. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
938.M41: Gli Ordini del Cuore Valoroso e del Calisce d’Ebano subiscono grosse perdite contro gli Orki del Kapoguerra Ascianera e vengono respinti fino alle mura della Cattedrale di San Dufaux. Gli attaccanti vengono tenuti a bada solo grazie all’incrollabile determinazione e al sacrificio di centinaia di Sorelle Repentia. Tuttavia, il loro martirio permette di guadagnare abbastanza tempo e le Sorelle Guerriere riescono ad aprire i vasti cancelli della cattedrale. I pelleverde vengono macellati poco topo mentre due dozzine di Macchine Penitenti infuriano nel bel mezzo del campo di battaglia, macchiandolo di sangue orkesco. (Codex: Adepta Sororitas 6a Edizione)
939.M41: La Battaglia della Stella Nera. Nella cupa luce della stella Antilles, i Cacciatori Oscuri attaccano il forte dei rinnegati Punitori, mietendone oltre metà. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
939.M41: Mentre insegue Cypher, il Gran Maestro Supremo Naberius degli Angeli Oscuri viene condotto in un’imboscata e viene ucciso dagli Space Marine del Caos in un evento noto come Tradimento di Rhamiel. Azrael guida l’Ala della Morte nel recupero del suo cadavere e in seguito viene nominato suo successore. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
939.M41: Gli attacchi degli Orki attraverso tutto il Segmentum Solar diventano più frequenti. Mentre serve con il 70° Luther McIntyre sul pianeta V’run, il Commissario Yarrick impara la lingua degli Orki grazie a un pelleverde catturato e sviluppa una comprensione unica della psiche orkesca. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
939.M41: Il 5° Tigri Betane si affrettano per difendere gli Ogryn di Drannon Primus da un’immensa Waaagh! orkesca. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
939.M41: Sul pianeta Tau Bor’kan, il 196° Grifoni Iotani viene schierato in massa. I loro ordini giungono sotto forma di una singola breve frase del Lord Commissario Tilenus: bersagliare le strutture accademiche planetarie e uccidere quanti più membri della Casta della Terra possibili. Nelle prime ore di conflitto, i Grifoni arrivano tramite Valkyrie e uccidono numerosi insegnanti e studenti della Casta della Terra sparsi per il pianeta. Il Comando Tau non riesce a tollerare tale distruzione e schiera enormi esoscheletri bipedi e vari prototipi armati frettolosamente, ma comunque letali. Difendendo le proprie posizioni, essi annientano i Figli Tempestus. I Grifoni Iotani si ritirano, ma Tilenus ribadisce i propri ordini attraverso la rete vox proprio quando si trovano poco lontani dal punto di estrazione. Senza lamentarsi, i Grifoni si rituffano in battaglia e sacrificano metà dei propri numeri per trovare altri membri della Casta della Terra da eliminare. Tuttavia, ormai gli studenti e gli insegnanti rimanenti hanno evacuato il pianeta tramite Manta. Il Tempestor Prime trasmette l’informazione a Tilenus, ma la richiesta d’estrazione viene negata. Nell’ora seguente, i Grifoni infliggono il maggior danno possibile contro le strutture della Casta della Terra, ma poi cadono, abbattuti e ridotti in polvere dagli esoscheletri camaleontici. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
940.M41: La liberazione di Timeaon. I Serpenti di Ferro subiscono un’imboscata degli esoscheletri tau durante l’assalto planetario su Timeaon. Vengono salvati da morte certa dalla Legione dei Dannati, che appare e sferra un devastante assalto sul fianco nemico. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
940.M41: La conquista di Atria IV viene interrotta quando le forze imperiale non riescono a conquistare il Palazzo dell’Odio. Cinque anni dopo, con l’arrivo del 23° Catachano, le unità d’élite sfondano le mura del palazzo nel corso di una settimana. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
941.M41: Il Gran Maestro Supremo Kaldor Draigo conduce tre intere Confraternite di Cavalieri Grigi contro Ix’thar’ganix, l’Uccisore di Destini, e la sua inconsapevole pedina nurglita, Lurgon, sul pianeta Decimalus. (Codex: Grey Knights 7a Edizione)
940-997.M41: La difesa di Orask. Gli Artigli Rossi difendono il mondo fortezza di Orask, ai confini delle Stelle Ghoul, dall’invasione di una scheggia della Flotta Alveare Pythos. Come riconoscimento per la combattuta vittoria, il Senatorium Ultima onora il Capitolo con la celebre reliquia conosciuta come la Corona Insanguinata di Hycani. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
941.M41: Nel prevenire una Waaagh! che si sarebbe messa sulla strada dell’Arcamondo Idharae, Eldrad Ulthran di Ulthwé favorisce l’ascesa dell’Orko Kapoguerra Ghazghkull Thraka, rovesciando nel processo una vasta porzione dell’Imperium. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
941.M41: Seconda Guerra di Armageddon. La Waaagh! Ghazghkull si abbatte su Armageddon. Il Commissario Yarrick assiste la fondazione del reggimento 4° Armageddon e riconosce una certa astuzia in Ghazghkull, ma il governatore planetario Herman von Strab non gli presta ascolto e lo allontana relegandolo nel Formicaio Hades. Quando i pelleverde attaccano, le forse di von Strab vengono spazzate via e la Battaglia del Formicaio Hades riesce a non trasformarsi in un massacro totale proprio grazie a Yarrick. Benché quest’ultimo venga ferito gravemente e la battaglia finisca con una vittoria pelleverde,, la difesa del Commissario riesca a tenere occupati i nemici abbastanza a lungo prima che arrivino i rinforzi da parte di Angeli Sanguinari, Ultramarine e Salamandre. La Waaagh! viene respinta, ma Ghazghkull fugge nello spazio. Quando gli Imperiali cercano sopravvissuti nel Formicaio Hades, Yarrick è tra i pochi ritrovati. Dopo aver ricevuto le dovute cure, viene celebrato come il Salvatore di Armageddon. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Assalto Planetario 5a Edizione; Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione, Codex: Astra Militarum, 6a Edizione; Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione; Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione; Apocalypse 6a Edizione)
942-992.M41: I Razziatori Stregati portano disordini tra le rotte commerciali galattiche. Nel corso di quasi metà secolo, essi reclamano trofei quali relitti degli Orki, corvette dell’Inquisizione, trasporti ambasciatoriali Tau e incrociatori del Caos. I prognosticator dell’Ordo Xeno speculano che non meno di mille vascelli di classe IX siano stati persi a causa di questa flotta. In una comunicazione vanagloriosa, il Principe Yriel li smentisce facendo una lista delle proprie conquiste, raggiungendo un totale di undicimila nomi o appellativi di vascelli in lingue tanto diverse quanto quella Hrud, quella Kroot e l’Alto Gotico. (Codex: Eldar 6a Edizione)
943.M41: La Cabala dell’Artiglio Insanguinato depreda le genti di Chogoris. Il Maestro Capitolare Kyublai Khan si mette all’inseguimento degli aggressori, ma poco dopo svanisce misteriosamente, con tutta probabilità ucciso dai Drukhari. Jubal Khan viene nominato Grande Khan in seguito ad un lungo rituale ed immediatamente inaugura una Grande Caccia per vendicare il proprio predecessore. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
943.M41: Trazyn l’Infinito proclama di aver scoperto il Canto dell’entropia, uno dei manufatti scomparsi di Vulkan, dando inizio a una guerra di dieci anni tra le Salamandre e i Necron di Solemnace. Quella di Trazyn si dimostra una menzogna per attrarre He’stan in trappola durante l’Assedio di Tochran, dove i Necron tentano di nuovo di uccidere il Padre della Forgia e conquistare la Lancia di Vulkan. La 6a Compagnia combatte schiena contro schiena, sferzando i Necron con requiem e lanciafiamme. Nello scontro muoiono quaranta confratelli, ma alla fine He’stan sconfigge nuovamente Trazyn e la Salamandre si ritrovano immerse fino al ginocchio nei corpi spezzati dei Necron. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
944.M41: Si svolge la Crociata Balur. Marneus Calgar viene eletto leader di una forza crociata di Space Marine che operano contro dei mondi situati nella Frangia Orientale. Le operazioni iniziano con la purificazioni di Balur, un mondo conquistato dagli Orki, e terminano con la devastazione di Boros. (Codex: Space Marine 3a Edizione)
944.M41: Il Commissario Yarrick abbandona il pensionamento e decide di dedicare i propri anni di vita rimanenti a cacciare Ghazghkull e a porre fine alla sua esistenza. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
945.M41: Nel cuore della notte, la Schola Progenium di Phrell subisce un’infiltrazione e poi un assalto da parte di una forza d’attacco dell’Arcamondo Ulthwé. Solo i rapidi ragionamenti e la tenacia di due degli studenti migliori, i Fratelli Krauss, salvano una generazione di reclute da un’impietosa esecuzione. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
945.M41: Kor’sarro Khan torna su Chogoris non solo con la testa dell’Arconte Kirareq della Cabala dell’Artiglio Insaguinato, ma anche con quelle di un migliaio dei suoi Drukhari guerrieri. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
946.M41: L’Imperium stabilisce la Stazione di Monitoraggio Mannheim nel Sistema Armageddon, aggiungendola alle già presenti Stazioni Dante e Yarrick. (Apocalypse 6a Edizione)
945-959.M41: L’Imperium riceve numerosi rapporti di raid e attacchi condotti da Ghazghkull Thraka in persona contro varie basi ed avamposti nel Settore Armageddon. (Codex: Armageddon 3a Edizione)
949.M41: L’insurrezione di Arthos. Schierandosi tramite capsule d’atterraggio e Stormraven, gli Ultramarine mettono fine alla ribellione che infuria da quarant’anni su Arthos IV con una sola sanguinosa giornata di lotta. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
949.M41: Si svolge l’814a Festa delle Lame. A causa delle guerre in corso, solo otto Capitoli riescono a partecipare, ma la tradizione viene rispettata. La supremazia rimane alla pari tra i Magli Imperiali e i Magli Scarlatti. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
949.M41: La Cittadella d’Osso. Gli Space Marine del Capitolo Salamandre, dopo avere aiutato la Guardia Imperiale di Cadia a respingere lo Stregone del Caos Ahriman, seguono la flotta del Caos attraverso il Cancello Cadiano, nelle profondità dell’Occhio del Terrore. La sfortunata cerca li porta ad Ossea, un Mondo Demoniaco composto interamente di osso scolpito. La loro ultima trasmissione è l’annuncio dell’attacco alla mostruosamente grande fortezza d’osso al cuore del pianeta. (Assalto Planetario 5a Edizione)
949-978.M41: Il Generale Kurov della Guardia Imperiale, un rispettato veterano della Crociata Bakkus, coordina una serie di Campagne Genocidio atte ad estirpare le infestazioni di Orki che stavano moltiplicandosi dopo l’invasione di Ghazghkull dalle giungle equatoriali tra Armageddon Primus e Secundus e sul pianeta ghiacciato di Chosin. (Codex: Armageddon 3a Edizione)
949.M41: Combattendo al fianco di Vostroyani, Mordiani e legioni di Skitarii dell’Adeptus Mechanicus, gli Angeli Oscuri tentano di fermare il massacro della Waaagh! Groblinik. Gli Orki vengono fermati con la Battaglia del Cancello Sulariano ed Ezekiel, Gran Maestro dei Bibliotecari, uccide il Kapoguerra Groblinik. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
951.M41: Attacchi fulminei del Capitolo dei Grifoni Urlanti mettono fine alla secessione di Amar. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
952.M41: L’Imperium stabilisce una struttura della Marina Imperiale su Porto di San Jowen nel Sistema Armageddon, la quale diventa presto la struttura di maggiore importanza della Marina nel Settore Armageddon. (Apocalypse 6a Edizione; Codex: Armageddon 3a Edizione)
954.M41: La Waaagh! Dethrekka attacca il pianeta scarsamente difeso Guglia del Ribelle. Solo la ritirata armata condotta dal Capitolo delle Spade Nere permette agli Explorator e ai team di ricerca del Mechanicus di fuggire in tempo. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
954.M41: Nelle profondità del Formicaio Necros, qualcosa di enorme e terribile si desta. Uccide centinaia di abitanti del sottoformicaio nel corso di numerosi mesi da incubo, la richiesta d’aiuto viene inviata solo quando un membro dell’aristocrazia del formicaio viene caoticamente divorato. Il Grande Lupo Logan Grimnar raduna l’élite della sua Cavalleria di Lupi del Tuono e parte per cacciare il temuto Abominio di Cyriax. Sul pianeta si diffonde il mito di giganteschi guerrieri in groppa a Demoni-lupo dalla pelle di metallo. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
Ca. 955.M41: Sul mondo agricolo Gheistos, l’emicrania di un giovane lavoratore della carne conduce ad un’incursione demoniaca che culmina con il cielo planetario che si apre a causa della personale spada di Khorne. Nonostante gli sforzi dei Teschi d’Argento e dei Cavalieri Grigi, poco dopo il pianeta viene sottoposto ad Exterminatus. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
955.M41: Nonostante gli ordini lo vietino, gli Artigli di Bronzo lanciano un contrattacco nell’Occhio del Terrore. Le ultime trasmissioni riportano che il Capitolo sta ingaggiando una flotta dei Guerrieri di Ferro, ma non vi sono altre tracce. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
955.M41: Il Maestro Capitolare Tu’shan viene considerato perduto quando un Hellhound avvolge la sua posizione con fiamme di promezio. Le risate muoiono in gola ai ribelli quando egli emerge dall’inferno, incurante delle fiamme che lo circondano, e distrugge il corazzato con un singolo colpo di Martello Tuono. I rivoltosi fuggono in preda al terrore ispirato dalla sagoma avvolta dalle fiamme di Tu’shan. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
955.M41: I Drukhari della Cabala del Cuore Avvelenato distruggono il forte capitolare dei Templari Neri sul mondo giungla Delleront e catturano un gran numero di reclute. Il Maresciallo Gerhart e il Cappellano Grimaldus guidano una crociata di vendetta contro la cabala per punirla dell’insolenza. Sebbene uccidano centinaia di Drukhari, nessuna recluta viene ritrovata. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
955.M41: La 4a e la 9a Compagnia dei Magli Imperiali assediano la rokka orkesca Forte Mork e vengono quasi sopraffatte quando migliaia di pelleverde escono dai cancelli. Gli Space Marine alzano le armi e sparano all’unisono: ogni colpo manda a terra un Orko. L’ora va in rotta dopo tre giorni di attacchi alle linee dei Magli Imperiali, solo per venire annientata dal fuoco combinato di una dozzina di Cannoni Thunderfire prima di riuscire a raggiungere la sicurezza della fortezza. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
955.M41: Il 196° Idra Omicroidi viene inviato ad intercettare il titanico zuperinkrociatore Brawla. I rapporti augur mostrano Macharia come obiettivo della nave e stabiliscono che, nel caso in cui non venga fermata, sia destinata a penetrare l’atmosfera a tutta velocità e a schiantarsi causando un’estinzione cataclismica su un mondo sacro. L’elegante trasporto da sbarco Mercurian riesce a non essere notato e ad agganciarsi ai pinnacoli della Brawla. I Figli Tempestus fuoriescono con i propri Taurox Prime e attaccano l’enorme vascello fino a raggiungere i motori, momento in cui i Tempestus sbarcano sfruttando gli stivali magnetici per rimanere ancora allo scafo. Prima che possano distruggere i motori, numerose luci blu-verdi accecano i Tempestus prima che trenta Orki pesantemente corazzati appaiano dal nulla dirigendosi verso di loro. Le squadre plasma del Tempestor aprono il fuoco, ma ad un uomo salta in aria l’arma e, in mezzo alle risate gutturali degli Orki, i Tempestus realizzano di trovarsi in un punto che ora crepita a causa di un rozzo campo elettromagnetico. Nonostante il supporto del Taurox Prime, gli Orki infliggono gravi perdite e il Tempestor riesce a malapena ad inviare un segnale vox diretto verso il Mercurian, il quale raggiunge i Tempestus e abbatte le strutture che emettono i campi elettromagnetici. Privati di quel campo, gli Orki fluttuano nello spazio ruggendo il proprio dissenso. I Tempestus rimasti sono pochi, ma gli ultimi riescono comunque a piazzare delle cariche termiche nei pressi dei silo di carburante della Brawla. Quella notte, gli abitanti di Macharia assistono a una serie di vaste esplosioni visibili nel cielo. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
955.M41: Alleanza alla Rupe del Diavolo. Il Re Silente si allea riluttante agli Angeli Sanguinari su Gehenna Prime per sconfiggere una flotta scheggia tiranide. Inizialmente gli Angeli Sanguinari sono pronti ad aprire il fuoco sui Necron, poi Dante accetta l’incontro con il Re Silente, il quale si presenta indossando una maschera che riproduce il volto di Sanguinius e millantando un passato incontro pacifico con il Primarca. Le due fazioni decidono di stipulare una tregua per affrontare i Tiranidi, ma Dante è molto cauto e mantiene pronti i propri sottoposti affinché sparino al minimo sospetto. Nel corso del conflitto che segue, i Necron non dimostrano di voler tradire gli Angeli Sanguinari rivoltandosi contro di loro, ma nel corso del tempo gli Space Marine si accorgono d’essere “abbandonati”. I Necron si fanno sempre numerosi e alla fine gli Angeli Sanguinari si accorgono d’essere stati quasi lasciati come un mero strumento di distrazione per i Tiranidi. (Codex: Necron 5a Edizione; Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione; The Word of the Silent King, di Laurie Goulding)
956.M41: Le Fauci dell’Anima. Con buona parte del Capitolo via per un’emergenza, i Teschi d’Argento riescono a malapena a resistere ad un attacco al loro mondo natale da parte di una banda da guerra nota come Fauci dell’Anima. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
956.M41: Con l’aiuto del Sommo Inquisitore Coteaz, i formicai di Orpidia vengono purificati dalla corruzione del Signore delle Peste. (Codex: Cacciatori di Demoni 3a Edizione)
956.M41: La Ribellione di Kieldar viene schiacciata dalle forze combinate dei reggimenti proveniente da Cadia, Morax, Loriar, Elysia, Catachan, Aegis, Tallarn, Harkoni, Neocassan, Paragon, Vostroya, Birmingham, Mordia, Jjojos, Pintax, Athanos, K’phrani, Rassiosa e Banna. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)

Incursione di Pandorax

959.M41: Il Sistema Pandorax viene bersagliato. Una flotta della Legione Nera appare nell’orbita di Pythos e lancia un attacco planetario. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
830.959.M41: Gli Space Marine del Caos effettuano un attacco devastante e conquistano Atika, l’unica grande città di Pythos. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
833.959.M41: Il Colonnello Strike guida i resti del proprio reggimento di Guerrieri della Giungla Catachani verso l’esterno di Atika in quella che prende il nome di Marcia del Sangue. Una settimana dopo, i sopravvissuti raggiungono la roccaforte più vicina. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
887.959.M41: Le forze imperiali si consolidano e iniziano a contrattaccare, guidate dai sopravvissuti di Strike. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
899.959.M41: La Battaglia per la Roccaforte del Khan. La milizia di Pythos resiste disperatamente all’attacco degli Space Marine del Caos. I Catachani comandati da Strike arrivano giusto in tempo per salvare la roccaforte e infliggere la prima importante sconfitta alle forze di Abaddon da quando l’incursione è cominciata. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
913.959.M41: La Legione Nera apre il Nascondiglio della Dannazione. Seguono dei rancorosi conflitti mentre la risultante orda di Demoni disperde i difensori imperiali. Una ad una, Gli Space Marine del Caos iniziano a catturare le roccaforti del pianeta. All’insaputa di tutti, l’iniziale apertura del Nascondiglio della Dannazione fa sì che si risvegli Epimetheus, uno degli otto Gran Maestri originali dei Cavalieri Grigi, rimasto in animazione sospesa per millenni per fungere da guardiano di quel luogo. Egli si unisce alla battaglia combattendo al fianco di alcuni sopravvissuti. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax; Pandorax, di Christian Dunn)
933.959.M41: Una marea di Demoni appare improvvisamente e sommerge la Roccaforte del Khan. L’intera popolazione viene massacrata e la roccaforte viene rasa al suolo. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
960.M41: I Corsari Rossi e i loro alleati assaltano la fortezza monastero dei Marine Errant e saccheggiano le riserve di seme genetico del Capitolo. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
960.M41: La Flotta da Guerra Demeter parte per supportare Pythos, trasportando fanteria e corazzati della Guardia Imperiale. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
519.960.M41: La Flotta da Guerra Demeter arriva nel Sistema Pandorax. Viene stabilita una base su Gaea, un pianeta isolato ai confini del sistema. La flotta imperiale viene attaccata ripetutamente da quella della Legione Nera, ma comincia gradualmente ad avere la meglio. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
555.960.M41: Prima Battaglia della Crepa del Sole. Mentre le forze imperiali cercano di forzare il proprio passaggio attraverso i Campi d’Adamantio. Vengono combattuti grossi scontri per controllare il sentiero relativamente sicuro che passa attraverso il campo d’asteroidi noto come Crepa del Sole. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
601.960.M41: Seconda Battaglia della Crepa del Sole. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
666.960.M41: Terza Battaglia della Crepa del Sole. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
755.960.M41: Un contingente di Corsari Rossi entra nel Sistema Pandorax, ribaltando la situazione contro la Flotta da Guerra Demeter. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
759.960.M41: Quarta Battaglia della Crepa del Sole. La flotta da guerra imperiale viene respinta dalla rinforzata flotta del Caos. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
766.960.M41: Si svolge una grande battaglia nei pressi della base imperiale di Gaea. Al culmine della battaglia, una flotta dell’Adeptus Astartes guidata dalla Roccia arriva nel Sistema Pandorax. La flotta del Caos viene schiacciata e le navi sopravvissute respinte. La via per Pythos è libera. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
785.960.M41: Nuove forze imperiali raggiungono Pythos. Il pianeta è infestato dai Demoni e molte roccaforti sono state catturate. Una terribile piaga si è diffusa in Atika, trasformando i prigionieri imperiali in schiavi zombi senza cervello. Si svolgono numerosi grandi scontri mentre le forze imperiali cominciano a ripulire il pianeta dai Demoni, ma gli attacchi della Legione Nera diretti verso le roccaforti rimanenti sono incessanti. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
799.960.M41: In una blasfema alleanza, quattro Demoni Maggiori appartenenti ai rispetti quattro grandi poteri del Caos si materializzano all’interno delle mura della roccaforte principale nota come Alto Picco. I quattro si scatenano attraverso la roccaforte uccidendo quasi nove decimi della popolazione prima di sparire ritornando nel Regno del Caos. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
847.960.M41: Vengono misteriosamente persi i contatti con le tre roccaforti situate sull’Altopiano del Lucidatore. Gli Esploratori degli Angeli Oscuri scoprono che la popolazione di tutte le tre roccaforti è stata trasformata in zombi nel corso di una notte. Ad Azrael non rimane altra scelta che purificare l’altopiano infestato dagli zombi con un enorme bombardamento rilasciato dalla flotta imperiale. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
968.960.M41: I Cavalieri Grigi riescono finalmente a convincere il Comandante Azrael che il Nascondiglio della Dannazione debba essere conquistato e risigillato. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
085.961.M41: Viene organizzata un’enorme invasione orbitale con l’obiettivo di riconquistare Atika e il Nascondiglio della Dannazione. Gli atterraggi iniziali avvengono con successo, ma poi vengono scatenate le orde di zombi, le quali arrivano quasi a sommergere la testa di ponte imperiale. Gli zombi vengono fermati solo dalla potenza di fuoco della flotta imperiale. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
099.961.M41: Le forze imperiali liberano un passaggio per l’entrata dei tunnel che conducono al Nascondiglio della Dannazione. Pur subendo grosse perdite, l’armata imperiale combinata respinge le forze di Abaddon e mette in sicurezza le entrate dei tunnel. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
102.961.M41: Le squadre d’attacco imperiali cominciano a ripulire i tunnel per accedere al Nascondiglio della Dannazione. I Demoni e la Legione Nera difendono i tunnel furiosamente, ma gli Imperiali, guidati dagli Angeli Oscuri e dai Cavalieri Grigi, sono implacabili. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
129.961.M41: Il Monte Tormenta, la seconda roccaforte più grande su Pythos, viene sopraffatta quasi completamente da un attacco a sorpresa delle forze degli Space Marine del Caos guidato da Abaddon e da Khârn il Traditore. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
153.961.M41: La Battaglia della Caverna di Smeraldo. Le forze imperiali combattono la più grande battaglia della guerra sotterranea in una caverna gigantesca nota come Caverna di Smeraldo. La caverna è così vasta che entrambi gli schieramenti hanno modo di utilizzare velivoli e corazzati superpesanti in un titanico combattimento che dura per giorni. Solo l’intervento diretto del Comandante Azrael assicura il trionfo imperiale. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
188.961.M41: La vittoria è a portata dell’Imperium quando la Legione Nera si ritira improvvisamente, sfondando la linea con il supporto di un attacco a sorpresa da parte delle forze navali dei Corsari Rossi. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
190.961.M41: Le forze demoniache rimanenti nella rete di caverne viene spazzata via da un ultimo assalto imperiale e il Nascondiglio della Dannazione viene finalmente riconquistato e sigillato. Abaddon è già ripartito per altri obiettivi e alla fine Epimetheus viene catturato e portato al cospetto del Signore della Guerra, il quale sostiene di voler sperimentare con il suo seme genetico. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax; Pandorax, di Christian Dunn)
961.M41: Quando gli Angeli Oscuri e i Cavalieri Grigi lasciano Pythos per occuparsi di faccende più urgenti, le forze della Guardia Imperiali vengono a lasciate all’eliminazione degli ultimi Demoni sul pianeta. Benché il Nascondiglio della Dannazione sia stato neutralizzato, il danno inflitto è alto e ci sono ancora molte fenditure warp minori da chiudere. La guerra continua. (Zona di Guerra di Apocalypse: Pandorax)
962.M41: Una base militare imperiale su Buca III viene annientata dal lancio di missili da un asteroide. L’asteroide era entrato nel sistema dallo spazio profondo ed avendo superato tutti i sensori imperiali, senza venire scoperto, aveva poi lanciato i propri missili. (Codex: Armageddon 3a Edizione)
962.M41: Il Capitano N’keln giunge sul pianeta Scoria seguendo alcune voci su un “manufatto di Vulkan”, ma trova solo un’orda di Orki. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
963.M41: Viene giustiziato come eretico l’Archivista del Reclusium di Gethsemane in seguito alle sue ipotesi riguardanti i motivi per cui Abaddon il Distruttore non abbia ancora accolto l’ascesa demoniaca. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
963.M41: Quando la Thunderhawk Wyrmsbane rileva una richiesta d’aiuto proveniente dal sommo magister del mondo feudale Isoulde, i Lupi Siderali rintracciano rapidamente la bio-mostruosità che sta terrorizzando i castelli e i forti della popolazione planetaria. Tuttavia, i Lupi Siderali non considerano il suo respiro fiammeggiante, tant’è che un grande getto d’acido in fiamme acceca i sensorium della Thunderhawk, causandone lo schianto. Solo Thorgir Redhand riesce ad uscire dal rottame, il peggio dell’impatto assorbito dalla sua armatura Terminator. Dopo aver localizzato la bestia, Thorgir la fa infuriare con colpi di martelli diretti sul suo ventre, spingendola a spostarsi verso la grande cattedrale di pietra di Loftspire. La rabbia della bestia sfonda le mura della cattedrale, ma è Thorgir a far collassare l’edificio infliggendo un potente colpo di martello contro la colonna centrale. Lentamente, la guglia della cattedrale cade a terra perforando il collo della bestia uccidendola sul colpo. Anche Thorgir viene seppellito da centinaia di tonnellate di roccia, ma quando il popolo grato di Isoulde lo tira fuori, il fuoco dell’audacia brucia ancora dentro di lui. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
963.M41: La Waaagh! Snappaklaw giunge sul pianeta Beroghast e schiaccia rapidamente i difensori di molti complessi industriali isolati. La 2a Confraternita dei Cavalieri Grigi annulla il proprio ritorno dalle Campagne di Xaea per fornire assistenza. Sebbene i Cavalieri Grigi siano decisamente minori in numero, il Fratello-Capitano Arno Trevan organizza una serie di attacchi decisivi che lasciano rapidamente la Waaagh! priva di linee di rifornimento. Il colpo finale viene inflitto sulle rive del Fiume Gandor, dove Trevan e i suoi guerrieri migliori assaltano e assassinano Snappaklaw. Tre giorni dopo, gli Space Marine dei Signori del Fuoco comandati dall’appena promosso Maestro Capitolare Jaric Phoros arrivando scoprendo gli Orki in piena ritirata e i primitivi locali pieni di storie sui loro “Salvatori d’Acciaio”. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
963.M41: Le relazioni tra Mani di Ferro e Lupi Siderali si inaspriscono durante la Battaglia della Luna Empiocentro, dopo che la critica logica del Capitano di Ferro Telavech alle impetuose azioni di Ragnar Mantonero viene considerata un feroce insulto. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
963.M41: Un’alleanza inaspettata. Gli Ultramarine si scontrano con una flotta dei Tau per il controllo di Malbede. Quando il conflitto risveglia le tombe nascoste nel pianeta maledetto, i nemici uniscono le forze per sconfiggere i Necron. Al termine dello scontro Calgar ordina l’Exterminatus su Malbede, ma permette ai Tau di fuggire prima che il pianeta venga distrutto. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
964.M41: La 5a Compagnia delle Furie Bianche supporta i reggimenti Cadiani dell’Astra Militarum contro la Waaagh! Zfregiorotzo nel Sistema Lonnas. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
964.M41: Darnath Lysander, eroe perduto dei Magli Imperiali, fugge da Malodrax, roccaforte dei Guerrieri di Ferro. Finalmente ritornato nel proprio Capitolo, spende molto tempo dell’anno seguente sottoponendosi a vari test di verifica della sua identità e della sua purezza. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
965.M41: Il Principe Demone M’kar il Rinato intrappola il Capobibliotecario Mephiston nelle caverne di cristallo di Solon V. Cerca di attirare Mephiston verso il sentiero del rinnegato, accusandolo d’essere fermamente su quello dell’ascesa demoniaca. Respingendo le vili illazioni di M’kar, Mephiston strozza il proprio rapitore e si libera. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
Ca. 966.M41: Il Sommo Inquisitore Coteaz elimina i tecnoeretici dal mondo forgia Glovoda. Un tecnoprete particolarmente riconoscente ricompensa Coteaz con un’aquila psiobionica. Grazie ad essa, Coteaz riesce a canalizzare ancora meglio i suoi già formidabili poteri psionici. (Codex: Cacciatori di Demoni 3a Edizione)
966.M41: L’Impero Tau, spingendosi ancor di più nel territorio imperiale, effettua degli scavi minerari nel letto del mondo oceanico Kvariam Alpha. Nascosti agli occhi dell’Imperium, ci vuole un decennio prima che delle sonde augur a lungo raggio scoprano le cupole e i corridoi sottomarini. Incapace di ingaggiare le forze Tau situate a così tante leghe sotto il livello del mare, la Guardia Imperiale chiede l’aiuto dei Lupi Siderali. La Grande Compagnia di Gunnar Red Moon atterra sulla piccola massa terrestre presente su Kvariam e affronta i Guerrieri del Fuoco stazionati lì, poi Gunnar e i suoi uomini si separano dalla forza principale lanciando un assalto di Land Raider nelle profondità. Giungono fino al letto dell’oceano con gli scafi d’adamantio che resistono alla terribile pressione. Quando i corazzati si avvicinando alle cupole delle città Tau e scaricano i propri passeggeri in armatura Terminator, portale circolari in ogni sezione si aprono facendo fuoriuscire armature con propulsori che si muovono per intercettare la lenta colonna corazzata. Si scatena una battaglia sottomarina disperata e silenziosa che si conclude con le cupole infrante e il mare pieno di corpi Tau. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
966.M41: Lysander guida i Magli Imperiali su Malodrax ed elimina i Guerrieri di Ferro dal pianeta. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
966.M41: I Draghi di Fuoco delle Salamandre cadono in un’imboscata dei Signori della Notte mentre esaminano un relitto spaziale infestato dai Genoraptor. Alcuni Terminator muoiono, gli altri avanzano stoicamente ed eliminano alieni e traditori. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
967.M41: Liberata la popolazione del mondo agricolo Vallenin dalla schiavitù della Cabala dell’Astuzia Letale, la 3a Compagnia degli Ultramarine viene inseguita dai velivoli a-grav degli xeno, finché gli Hunter non mietono un sanguinoso raccolto. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
967.M41: I Drukhari della Cabala del Cuore Nero escono dalla Rete per razziare schiavi dalla popolazione di Thersuis. La razzia include l’élite di Commorragh, compresa l’illustre Lelith Hesperax. I difensori del pianeta hanno poche possibilità e migliaia di umani vengono catturate entro poche ore. Tuttavia, i Drukhari hanno in mente una preda migliore, poiché in prossimità del Sistema Thersuis si sta riarmando una grossa flotta di Templari Neri guidata dal Maresciallo Supremo Helbrecht in persona. Volendo ottenere un nuovo degno sfidante per le arene di Commorragh, Asdrubael Vect ha organizzato l’intera razzia solo per ottenere la cattura di Helbrecht. Lelith Hesperax attira in duello il Maresciallo Supremo, il quale, dopo aver massacrato numerosi schiavisti Drukhari, perde i sensi a causa delle terribili sostanze presenti sulle lame della gladiatrice. Quando si riprende, i Confratelli della Spada lo informano dell’arrivo di una confraternita spettrale, apparsa dal nulla per lanciarsi contro gli xeno. Si tratta della Legione dei Dannati, la quale costringe Lelith e i suoi pirati a ritirarsi. (Codex: Legion of the Damned 6a Edizione)
968.M41: Il pianeta Khai-Zhan precipita nella ribellione. Guidati dalla Legione traditrice dei Signori della Notte, i ribelli conquistano ogni principale centro abitato prima dell’alba seguente. Meno di un decimo dei reggimenti di Guardia Imperiale inviati per intervenire sopravvive. Tuttavia, in uno dei più brutali conflitti urbani di recente memoria, il 122° Cadiano e i loro alleati della 5a e 9a Compagnia dei Magli Imperiali riescono a riprendere il controllo della capitale Vogen. Con il primario porto stellare del pianeta messo al sicuro, le forze dell’Imperium travolgono i traditori rimanenti nel corso di un mese. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Space Marine 6a Edizione)
969.M41: La nave Terminus Est viene avvistata nel Sistema Cando. Scompare poco tempo dopo, ma è già troppo tardi. Gli zombi della peste si diffondono su tutti i pianeti del sistema nel corso dei mesi seguenti, esponendo il peggio della natura umana quando i fratelli si rivoltano contro altri fratelli nel disperato tentativo di sopravvivere. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
970.M41: L’Eresia di Mojaro. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
970.M41: Il disastro di Bellicas. Il Capitolo Spade dell’Imperatore, il secondo a portare tale nome, viene eliminato quando un mondo tomba dei Necron si ridesta sotto le caverne del pianeta capitolare Bellicas. Le forze isolate all’esterno vengono rapidamente sopraffatte, ma il fato di quelle all’interno è molto più sinistro. Sovvertendo i sistemi della struttura, un conclave di Criptek disattiva le difese e seppellisce gli Space Marine nella loro stessa cittadella. Per trarre svago dai prigionieri, i nuovi dominatori di Bellicas guidano a turno ondate di Necron Guerrieri nelle sale oscure, cercando di totalizzare più uccisioni dei rivali. Gl Space Marine si battono con determinazione senza mai cedere al terrore, ma dopo tre settimane Lord Trakesz vince la competizione decapitando il Capitano Arnoc Voreign. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Necron 5a Edizione)
972.M41: Il Mondo Agricolo Chigon 17 viene travolto da una massiccia forza di Orki sotto il comando di Ghazghkull. Nonostante la Forza di Difesa Planetaria sia ben equipaggiata con veicoli e carri armati, viene sconfitta dagli Orki in una lunga serie di operazioni di guerriglia che logora le difese imperiali fino a renderle inutili. (Codex: Armageddon 3a Edizione)
779.973.M41: L’ascesa di Damnos. Per un capriccio del destino, la tomba necron su Damnos si rimette rapidamente in funzione, soverchiando gli insediamenti umani e respingendo un attacco della Seconda Compagnia degli Ultramarine. I Necron di Damnos procedono al risveglio dei Cancelli di Pietra e alla riconquista di uno spazio vitale nella Rete, scacciando gli Eldar che si erano impadroniti dei sentieri durante il Grande Sonno. Avendo ristabilito i propri portali della Rete, gruppi di incursione da Damnos si spargono nel Segmentum Ultima massacrando tutto ciò che trovano. (Codex: Necron 5a Edizione; Zona di Guerra di Apocalypse: Damnos)
974.M41: Il reggimento corazzato 124° Cadiano partecipa a una battaglia avvenuta su Mondo di Van de BeckinDire . (Chapter Approved 2004)
974.M41: Un’incursione demoniaca nel Settore Vidar si espande nei vicini mondi Formosani. Grazie al controllo ferreo dell’Inquisitore Coteaz sul Settore Formosa, i Demoni incontrano una feroce resistenza. Ciononostante, nemmeno le forze organizzate di Coteaz riescono a contenere una tale massacro, perciò l’Inquisitore chiede con riluttanza l’aiuto dei Cavalieri Grigi. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
020.974.M41: L’Incidente su Damnos. Sotto il gelo artico della superficie di Damnos, si risveglia una tomba dei Necron. Prima della fine dell’anno le ampie città industriali del pianeta sono in rovina e la capitale planetaria Kellenport è sotto assedio. Al comando del Capitano Sicarius e del Capo Bibliotecario Tigurius, l’incrociatore degli Ultramarine Vendetta di Valin arriva durante l’assalto finale a Kellenport. Tuttavia il vascello viene costretto a ritirarsi poco dopo aver sganciato le capsule d’atterraggio della 2a Compagnia, a causa dell’intensità del fuoco gauss in arrivo dalla superficie. Gli Ultramarine colpiscono lo schieramento necron al cuore, eliminando i guerrieri-macchina dalle mura di Kellenport. Sicarius viene gravemente ferito da una falce durante la battaglia, ma quando la Squadra Comando si erge davanti al corpo inerme del Capitano, la colossale sagoma del Dreadnought Venerabile Agrippan si getta nella mischia e dilania il Signore Supremo dei Necron. Mentre gli xeno vengono respinti, le difese orbitali vengono annientate, consentendo al Vendetta di Valin di rientrare e prelevare Sicarius ferito. Le analisi orbitali dell’Incrociatore rivelano che molte falangi e macchine da guerra dei Necron si ammassano per una nuova offensiva contro la posizione degli Ultramarine. Tigurius e Agrippan sono costretti ad ammettere che Damnos è perduto e si preparano ad evacuare quanti più abitanti possibile. Gli Ultramarine effettuano una coraggiosa resistenza presso Kellenport, respingendo i Necron mentre ha luogo l’evacuazione. Tigurius è ovunque gli Ultramarine siano più in difficoltà, bloccando l’avanzata necron con la furia della mente ed evocando scudi psichici per ingannare le macchine. Le gesta di Agrippan sono altrettanto eroiche: per tre ore protegge da solo il cancello occidentale, obliterando tutti coloro che lo sfidano. Nel momento in cui i difensori di Kellenport vengono ricacciati verso il loro ultimo bastione di difesa, restano sul pianeta solo quaranta Space marine e venti Guardie Imperiali. Agrippan cade all’ultimo minuto, bloccato da dozzine di flussi gauss. Appena le Thunderhawk portano Tigurius e gli ultimi sopravvissuti in salvo, i reattori del Dreadnought Venerabile esplodono, obliterando lo spazioporto e tutti i Necron al suo interno. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Zona di Guerra di Apocalypse: Damnos)
975.M41: Le legioni della Dinastia Sautekh si risvegliano nelle profondità del mondo cavaliere Avarris, nel Settore Vidar. Tre Casate di Cavalieri Imperiali riescono a rispondere all’attacco improvviso dei Necron. Nonostante le perdite, i Cavalieri riescono a rispedire i Necron nei loro complessi tombali per poi entrarvi per distruggerli. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
975.M41: Guidato da una squadra di Psionici Sanzionati, il 7° Falchi Epsiloidi viene schierato per trovare e uccidere l’Antinomican, uno psionico ribelle a bordo della maganave Amphinyx che agisce da faro per le forze demoniache. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
975.M41: L’Arcamondo Lugganath cade preda del Coma Friabile. I membri del Concilio dei Veggenti proiettano i propri spiriti nel Giardino di Nurgle, sperando di trovare una cura, ma al suo posto trovano una tragica e sconvolgente morte. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
975.M41: La legione demoniaca di Spiccateschi sopraffà Ghallamore. La 2a Compagnia dei Magli Imperiali si unisce ai Cavalieri Grigi del Fratello Capitano Stern per ripulire il pianeta dalla piaga demoniaca. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
975.M41: Il giovane Ursarkar Creed la sua squadra di Scudi Bianchi viene scagliata nei cinque anni di Crociata Drussita. Quando l’armata Cadiana celebra la propria vittoria alla luce delle pire di cadaveri xeno, Creed viene promosso a Capitano. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
975.M41: La maggior parte del Capitolo delle Salamandre si riunisce per difendere Nocturne e Prometheus dagli Space Marine del Caos chiamati Guerrieri Drago. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
976.M41: Una seconda e persino più grande invasione orkesca si abbatte nel settore occidentale del Segmentum Ultima. La Waaagh! Grax si riprende, ma le viene negata la conquista di mondi forgia chiave grazie agli sforzi dei reggimenti di Guardia Imperiale provenienti da oltre venti pianeti. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
976.M41: Il Kapoguerra conosciuto come l’Arcidemone Gorbag lancia una Waaagh! che si divide su due fronti del Settore Gotico. La maggior parte delle battaglie principali avviene nello spazio e la mera stazza della flotta di Gorbag, combinata con le sue tattiche azzardate e predatorie, danno gran filo da torcere alla Marina Imperiale. La flotta di Gorbag invade e cattura un incrociatore classe Dominator, il quale viene poi trasformato nella nave ammiraglia dell’Arcidemone e rinominato Vendetta di Gorbag. La nave viene poi utilizzata anni dopo durante gli scontri spaziali della Terza Guerra d’Armageddon. (Codex: Orki 4a Edizione)
978.M41: Il Fratello Capitano Stern dei Cavalieri Grigi partecipa alla Purgazione di Xoedic Binary. (Codex: Cacciatori di Demoni 3a Edizione)
978.M41: Mentre rincorre la propria nemesi, Sebastian Yarrick viene catturato nei pressi di Golgotha. Fortezza dell’Arroganza, il suo Baneblade personale, viene distrutto durante lo scontro. Riesce a fuggire e liberarsi circa un mese dopo, ma Golgotha e i suoi abitanti abumani vengono annientati dagli Orki. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
978.M41: Il Kapoguerra Grizgutz, un noto kleptomane, lancia la propria Waaagh! nel Sistema Morloq. Mentre viaggia nel Warp per raggiungere la propria preda, Grizgutz e la propria banda da guerra viaggiano inconsapevolmente nel tempo ed emergono dall’Empyreo poco tempo prima di partire. Grizguts dà la caccia al proprio sosia, motivando il proprio atto con l’idea di poter possedere una copia di riserva della propria arma preferita. La confusione risultante interrompe la Waaagh! (Codex: Orki 4a Edizione)
979.M41: L’Impero Tau si espande nel territorio dell’Imperium e molti mondi disertano. Durante le battaglie della Crociata del Golfo di Damocles, i reggimenti dei Dragoni di Brimlock si aggiudicano molte vittorie. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
978.M41: L’Ordo Redactus ordina la cancellazione del documento “Rami dell’Inquisizione”. (Codex: Inquisition 6a Edizione)
979.M41: Nazdreg, un Kapoguerra delle Lune Kattive noto per la propria ricchezza, bullizza i propri Mek affinché creino esperimenti sempre più bizzarri. Benché si verifichino alcuni contrattempi che vanno dalla combustione spontanea alla sporadica inversione di gravità, i Mek di Nazdreg riescono a perfezionare i progetti del Teletrazporto. Successivamente, Nazdreg pone questa tecnologia al servizio di Ghazghkull in cambio di un’alleanza permanente. (Codex: Orki 4a Edizione)
980.M41: La Guerra del Promezio. L’Ordine del Calice d’Ebano rinforzano gli Space Marine delle Salamandre, i quali sono ingaggiato in un brutale conflitto urbano con la Legione Nera sul pianeta Heletine. Il nemico viene messo al rogo quando dozzine di Immolator e Land Raider Redeemer si ricavano un sentiero di fiamme attraverso le città devastate dalla guerra. Nonostante la potenza delle loro forze, l’avanzata viene fermata quando il Principe Demone Lord Gralastyx, a capo delle forze nemiche, libera una schiera di Space Marine del Caos posseduti. L’orda in preda alla follia penetra i ranghi dell’Imperium, Sorelle Guerriere e Space Marine combattono spalla a spalla, i loro requiem e i loro lanciafiamme sfolgorano mentre ogni guerriero venda cara la propria vita. Alla fine le forze alleate vengono salvate dall’arrivo di Santa Celestina, la quale discende sul nemico come un angelo vendicatore. La Santa Vivente raggiunge Lord Gralastyx e pianta la propria lama del suo cuore. Con la morte di Gralastyx, l’orda del Caos viene distrutta, ma di Celestina non vi è più traccia, la sua scomparsa misteriosa tanto quanto il suo arrivo. (Codex: Sorelle Guerriere 5a Edizione; Codex: Adepta Sororitas 6a Edizione)
980.M41: Con l’obiettivo di ottenere nuove navi per la propria flotta, Huron Cuorenero attacca gli spazioporti imperiali presso Bakka. Al culmine della battaglia, un incrociatore dei Cavalieri Grigi appare nel cuore della flotta dei Corsari Rossi e comincia a sparare sull’ammiraglia. Approfittando della confusione, il Gran Maestro Vordrak e la sua guardia del corpo di Paladini si teletrasporta sul vascello del Caos e si fa strada fino al ponte in cerca in Lufgt Huron. Pesantemente in inferiorità numerica, l’avanzata inizia a svantaggio di Mordrak finché i suoi sforzi non vengono rinforzati dai fantasmi dei Confratelli uccisi durante l’attacco di Huron su Mortain. Con il loro aiuto, Mordrak riesce a sopraffare il circolo interno di guardie di Huron. Realizzando il pericolo, huron fugge dal ponte, ma viene apparentemente ucciso da Mordrak prima che possa andarsene. Alla sua morte, il cadavere torna alla propria forma originale e Huron si rivela essere un semplice sosia demoniaco che ha presumibilmente preso il posto di Huron poco prima. Furioso per il fallimento, Mordrak torna al proprio incrociatore prima che la flotta di Huron possa fuggire nel Warp. Gli spazioporti di Bakka vengono salvati, la vendetta di Mordrak rimane ancora insoddisfatta. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
980.M41: Lo Space Marine del Caos Lord Brule e i suoi rinnegati vengono distrutti su Treconondal da una forza combinata di 8° Cadiano e Guardia Terrax. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
981.M41: Myosian, un mondo agricolo situato nel cuore del Sistema Diosis, viene salvato da un attacco planetario dei Necron grazie al rapido intervento del 14° Draghi Alfici. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
983.M41: Ragnar Mantonero uccide Ghorox Bloodfist, l’assassino del proprio maestro Berek Thunderfist. Successivamente, il vendicativo Mantonero e la sua piccola forza d’attacco sconfiggono i Predicatori di Bloodfist durante il Massacro di Gravespite. Ragnar viene eletto successore del Lord Lupo Thunderfist come riconoscimento per le proprie grandi gesta. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
983-985.M41: Ursarkar E. Creed e Jarran Kell, insieme all’8° Cadiano, combattono insieme contro una migrazione Hrud. (Codex: Guardia Imperiale 3a Edizione; Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
984.M41: Il Fratello Venerabile Bannus delle Mani di Ferro guida una forza d’attacco di venti Dreadnought per pattugliare il mondo miniera Adacore dopo che gli scavi hanno risvegliato una cellula Necron del Signore Supremo Kepakh della Dinastia Nihilakh. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
984.M41: Una fenditura Warp si apre sopra il mondo feudale Vhospis. A causa del proprio livello tecnologico arretrato, i difensori risultano facili prede per i Demoni. Una richiesta d’aiuto astropatica raggiunge gli Space Marine delle Sciabole d’Argento, il cui mondo capitolare, Mercuria, è a meno di un anno di viaggio. Sfortunatamente per Vhospis, i Demoni che infestano i cieli del pianeta distruggono quasi tutte le Capsule d’Atterraggio lanciate verso la superficie. Sopravvive un singolo Space Marine, il quale raduna il popolo di Vhospis, riaccendendo la potente fede nell’Imperatore. Lentamente, un sanguinoso giorno dopo l’altro, comincia a ribaltare le sorti. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
985.M41: Il Mondo Cavaliere Solitudine viene trascinato nell’Immaterium da un’anomalia Warp. Riemerge nello spazio reale un anno dopo, la sua popolazione invecchiata e appassita. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
985.M41: La caduta della Conquistatrice. La Nave Tomba del Signore delle Tempeste Conquistatrice Inarrestabile viene attaccata da una flotta di Templari Neri mentre viaggia verso Davatas, il mondo nucleo dei Sautekh. L’artefice dell’assalto è il maresciallo Helbrecht,in cerca di vendetta contro il signore della guerra che lo aveva umiliato su Schrödinger VII. Una bordata della nave da guerra Sigismund elimina gli scudi della Conquistatrice un istante prima che i missili d’abbordaggio dei Templari Neri colpiscano, riversando i vendicativi Space Marine sui ponti del vascello nemico in un attimo. L’orgoglio costringe Imotekh a combattere, ma le sue forze si scompaginano e la logica prende il sopravvento, dettando la ritirata. Il Signore delle Tempeste si teletrasporta su una nave della scorta e fugge. Helbrecht è infuriato nero per la fuga del nemico, ma si consola mettendo personalmente la nave ammiraglia nemica in rotta di collisione con una stella nelle vicinanze e facendo a pezzi le alte navi necron troppo lente per fuggire. (Codex: Necron 5a Edizione, Codex: Space Marine 6a Edizione)
986.M41: La nave da guerra Strada Lucente e la sua intera scorta vengono distrutte da un attacco di pirati Orki guidati ancora una volta da Ghazghkull. L’Imperium risponde in forze, solo per scoprire che gli Orki sono scomparsi prima del loro arrivo. (Codex: Armageddon 3a Edizione)
89.986.M41: Diario della spedizione Santos 9. “Campo base stabilito su pianeta deserto appena scoperto, designato Santos 9. Auguri orbitali indicano giacimenti di materiali preziosi.” (Missioni Operative 5a Edizione)
120.986.M41: Diario della spedizione Santos 9. “Una squadra sonda scopre i resti distrutti di un inkrociatore azzazzino degli Orki abbandonato molti secoli prima dopo una battaglia distruttiva e prolungata. Non ci sono indicazioni di cosa accadde agli Orki arrivati sul vascello, ma rimaniamo in guardia.” (Missioni Operative 5a Edizione)
123.986.M41: Diario della spedizione Santos 9.”Droni di sorveglianza a bassa altitudine individuano due serie di strutture antiche a diverse centinaia di migliaia di miglia a nordest del campo bas. Una sembra una serie di enormi monoliti posti in cerchio. L’altra una serie di antichi edifici in stile piramidale.” (Missioni Operative 5a Edizione)
129.986.M41: Diario della spedizione Santos 9.”Campo temporaneo stabilito vicino alle strutture antiche. Squadre sonda iniziano l’esplorazione.” (Missioni Operative 5a Edizione)
136.986.M41: Diario della spedizione Santos 9.”Investigazioni iniziali indicano che le rovine sono straordinariamente antiche, antecedenti all’esistenza dell’Uomo di infiniti millenni. La squadra sonda alfa continuerà a investigare gli strani segni e geroglifici rinvenuti sui monoliti, mentre la squadra beta tenterà di entrare negli edifici.” (Missioni Operative 5a Edizione)
140.986.M41: Diario della spedizione Santos 9.”La squadra beta riporta il rinvenimento e l’apertura di un’entrata. Droni da ricognizione O.C.A. entrano nella struttura.” (Missioni Operative 5a Edizione)
141.986.M41: Diario della spedizione Santos 9.”Perduto contatto con la squadra sonda beta.” (Missioni Operative 5a Edizione)
142.986.M41: Diario della spedizione Santos 9.”Perduto contatto con la squadra sonda alfa. Spedizione in massima allerta.” (Missioni Operative 5a Edizione)
143.986.M41: Diario della spedizione Santos 9.”Trasmissioni disturbate ricevute dal campo temporaneo riportano l’attacco di creature mostruose e aliene. Contatto perduto poco dopo. Campo base sotto sorveglinza di ventiquattr’ore e invo di richiesta per estrazione immediata con urgenza primaria.” (Missioni Operative 5a Edizione)
146.986.M41: Diario della spedizione Santos 9.”Siamo sotto attacco. Spuntano tra di noi, uscendo dalla sabbia, mostruosa fusione di morte e metallo. Le nostre armi non li fermano. La maggior parte di noi è già morta. Che l’Imperatore ci salvi, ci stanno attaccando di nuovo…” (Missioni Operative 5a Edizione)
9.763.986.M41: Una recente spedizione tra le rovine di El Daradanel conduce alla scoperta di alcuni interessanti manufatti Eldar, tra cui uno le cui iscrizioni vengono tradotte da Obelius Mung, Custode della Cripta della Conoscenza sulla Terra e membro della rinomata famiglia Mung, nota per le proprie conoscenze sulla lingua e la cultura Eldar. (Codex: Arcamondi 3a Edizione)
988.M41: Viene avvistata per la prima volta la banda da guerra di Space Marine del Caos chiamata Discepoli della Distruzione. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
988.M41: Attacco alle Lune di Krendrax. I Drukhari atterrano alle 00.0. I Raider dei Drukhari attaccano numerose colonie minerarie. Il primo attacco avviene alle ore 00.15 e l’ultimo alle ore 00.41. Nessun colono sopravvive al saccheggio; tre le rovine vengono rinvenuti 149 corpi e più di 1500 coloni sono riportati scomparsi. Elementi della Forza di Difesa Lunare di Krendrax tentano di intercettare i Drukhari prima che fuggano. La colonna è soggetta ad agguati alle ore 01.04, 01.16 e 01.32 che ne riducono la forza di più del 27%. Alle ore 01.43 la colonna viene attaccata da un vasto contingente di Drukhari e dopo aver perso un altro 47% della forza iniziale è obbligata a ritirarsi. Le perdite tra i Drukhari sono minime. Alle ore 02.17 i Drukhari si ritirano. Al sito vengono ritrovati i corpi orrendamente mutilati di 150 coloni e Soldati della Forza di Difesa catturati. Tra di essi vi è quello del comandante della colonna di soccorso, catturato durante la battaglia finale con i Drukhari. (Missioni Operative 5a Edizione)
988.M41: L’Imperium ritira le proprie forze dal Golfo di Damocles per intervenire contro la minaccia emergente della Flotta Alveare Kraken. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
989.M41: Snagrod, Arci-Arsonista di Charadon, unisce gli Orki nella Waaagh! Snagrod, la quale infuria nel Settore Loki. Inizialmente viene distrutta la colonia imperiale Badlanding dopo una valorosa difesa nei pressi di Krugerport, poi l’intervento del Capitolo dei Magli Scarlatti fa sì che Snagrod decida che il suo prossimo bersaglio sia Mondo di Rynn, ossia proprio il mondo capitolare dei Magli Scarlatti. Il Capitolo viene decimato, la fortezza-monastero viene nuclearizzata e alla fine gli Orki vengono scacciati in una vittoria vuota per la quale viene inviata in aiuto anche l’intera Ala del Corvo degli Angeli Oscuri. I Magli Scarlatti iniziano a riprendersi, determinati a tornare alla loro antica gloria. Il risultante contrattacco viene fortemente supportato dall’utilizzo di Squadroni Storm Wing che permettono ai Magli Scarlatti sopravvissuti di ingaggiare efficacemente il nemico e di ritirarsi rapidamente quando necessario. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Orki 4a Edizione; Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione; Dataslate: Adeptus Astartes Storm Wing)
989.M41: La 3a Compagnia degli Ultramarine libera il Sistema Lagan dall’Impero Tau. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
989.M41: In seguito alla morte di Kordhel per un mano di un campione degli Dei del Caos, Helbrecht viene eletto nuovo Maresciallo Supremo dei Templari Neri dopo aver soggiogato gli Xenarchi della Nebulosa Sigilare nei pressi delle Stelle Ghoul. (Codex: Armageddon 3a Edizione; Codex: Space Marine 6a Edizione; Apocalypse 6a Edizione)
989.M41: La 3a Compagnia delle Salamandre atterra sul mondo assassino Myze per rinforzare il 1008° Catachano “Serpenti Neri” nella lotta contro un tentacolo della Flotta Alveare Leviathan. Insieme inceneriscono metà del pianeta prima di eliminare definitivamente la minaccia tiranide. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
989.M41: Blaktoof, Arcidemone di Octarius, trova il proprio impero infestato dai Tiranidi. Le schermaglie preliminari dei Genoraptor costringono i Kapiguerra delle Asce di Zangue a richiedere i servizi del Kapo Zagstruk, i cui Kondor vengono utilizzati per intercettare e distruggere l’infestazione Genoraptor. L’obiettivo viene completato con successo, ma la Flotta Alveare Leviathan invade il Sistema Octarius. Blaktoof lancia una contro-invasione diretta verso le fauci della Leviathan. (Codex: Orki 4a Edizione)

Seconda Guerra Tiranide

Ca. 990.M41: La Flotta Alveare Kraken invade la Frangia Orientale e si risveglia dal suo lungo sonno. I Settori Diatan, Salem e Veridian cadono nel silenzio quando l’Ombra nel Warp li avvolge. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
990.M41: In cerca di una cura per la Tara, Fratello Corbulo trova gli antichi depositi di archeotech di Pandrax III nelle mani degli Eldar di Alaitoc. Tre Compagnie di Angeli Sanguinari, inclusa la famosa 1a Compagnia Terminator, vengono assegnate al compito di recuperare le cripte dalle mani degli intrusi alieni. Presto infuria una battaglia feroce tra le tecno-cripte e le catacombe. Alla fine gli Angeli Sanguinari ne escono vittoriosi, ma il Veggente a capo degli Eldar si sacrifica per distruggere proprio i documenti che Corbulo cerca. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
990.M41: Il decadente nobile Drukhari Zorothriel della Lama Scuoiante, supera i propri rivali organizzando un’audace caccia sul mondo demoniaco Khornax. Fuoriuscendo da un portale della Rete situato sulle pianure lastricate d’ossa, l’armata aeromobile di Zorothriel inizia a cacciare e a provare la propria supremazia sui Demoni di Khorne. Sul finire della caccia, i Demoni sono raggiunti da un Mastino a tre teste più grande degli altri. Percependo un potenziale dono per le arene gladiatoriali di Commorragh, Zorothriel ordina la cattura della bestia. Mentre è in viaggio attraverso la Rete, la bestia rompe le proprie catene d’energia, libera i propri compagni di branco e attraverso i corridoi della nave, uccidendo tutti quelli a bordo. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
990.M41: I Signori del Fuoco sbarcano su Bellicas, arrestano la minaccia Necron e mettono a fuoco il pianeta per vendicarsi della distruzione delle Spade dell’Imperatore. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
015.990.M41: Inizialmente schierati per soccorrere la popolazione rimanente del pianeta Idos, alla 4a Compagnia della Guardia del Corvo viene dato il nuovo ordine di lanciare un disperato assalto chirurgico nel tentativo di sconfiggere i Tiranidi che attaccano il pianeta. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
991.M41: Guerra del Braccio Sargassion. La banda da guerra del Caos chiamata Peste Celeste invade il Braccio Sargassion. Guardia del Corvo e Minotauri di Bronzo lanciano un contrattacco immediato per riconquistarlo. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
991.M41: La rivalità politica nel Sistema Stromark conduce alla guerra civile tra due mondi manufactorum. Il conflitto si intensifica fino ad interrompere il flusso di risorse militari di cui l’Imperium ha grande bisogno, una situazione che non può essere tollerata. Così i Capitoli degli Angeli Carmini e dei Supplizianti vengono schierati nel Sistema Stromark con gli ordini di porre fine al conflitto tramite qualsiasi mezzo necessario. Gli scontri si interrompono prima su Stromark Primus grazie all’intervento dei Supplizianti, la cui scia di sangue uccide migliaia di guerrieri Stromarkiani finché la popolazione non viene terrorizzata e si sottomette. Su Stromark Secundus la situazione permane per un po’ di tempo in più perché gli Angeli Carmini decidono di adottare metodi meno diretti. A un certo punto, però, cinque Dreadnought Furioso sfondano il quartier generale militare e macella l’Alto Comando finché gli ufficiali non si arrendono. I Dreadnought coinvolti sono antichissimi, addirittura risalenti ai tempi dell’Eresia di Horus, tant’è che i loro ricordi sono confusi e mentre combattono sono convinti di trovarsi ancora ai tempi dell’Eresia. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione; The Stromark Massacre, di Andy Smillie e Christian Dunn)
991.M41: Il Tempo della Fine. Il mistico eldar Kysaduras l’Anacoreta proclama l’inizio del Tempo della Fine. Dopo lunghe meditazioni a fianco di Eldrad Ulthran di Ulthwé, rivela ai sommi veggenti che l’unica speranza di sopravvivenza degli Eldar è riposta in Ynnead, dio dei morti. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
991.M41: La Badessa Praxedes dell’Ordine di Nostra Signora Martire rinforza l’Astra Militarum del mondo cardinale Okassis poco dopo l’inizio della Seconda Guerra Tiranide. Mentre la Flotta Alveare Kraken assalta la Cattedrale Ecclesiarcale, il fuoco combinato delle Squadre Retributor e dei corazzati Exorcist oblitera la prima ondata, ma la seconda riesce a penetrare le mura fortificate. Con i Tiranidi che si riversano all’interno, Praxedes affronta un Tiranno dell’Alveare. Durante il duello la Badessa subisce un colpo mortale, ma, anche se il sangue le cola copiosamente, lei raccoglie tutte le proprie forze per calare il colpo finale, sprofondando nel cranio della bestia con la propria mazza potenziata. Morto il Tiranno, lo sciame perde ogni organizzazione. Le Sorelle non perdono tempo e contrattaccano per vendicare la morte della propria amata leader. Gli xeno rimanenti vengono spazzati via, guadagnando il tempo necessario ad evacuare i preti dell’Ecclesiarchia. (Codex: Sorelle Guerriere 5a Edizione; Codex: Adepta Sororitas 6a Edizione)
156.991.M41: Di fronte all’orrore della Flotta Alveare Kraken, i monaci dell’asteroide-monastero di Salem scelgono di avvelenare se stessi e il loro prezioso ecosistema con erbe necrotizzanti, piuttosto che permettere alla loro carne purificata d’essere consumata dai Tiranidi in avanzamento. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
225.991.M41: Il pianeta Ichar IV precipita nella ribellione quando una fazione conosciuta come la Confraternita depone il Governatore Planetario. Poco tempo dopo lo scoppio degli scontri, l’Inquisitore Agmar, schierato dalla fortezza inquisitoriale di Talasa Primus, conduca le proprie forze nella capitale di Lomas e scopre che nel cuore della ribellione si nasconde una grande infestazione di Genoraptor. Capendo di avere forze insufficienti ad affrontare la minaccia, Agmar invia un’urgente richiesta d’assistenza. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
332.991.M41: Rispondendo alla richiesta dell’Inquisitore Agmar, la nave da guerra Octavius degli Ultramarine arriva nell’orbita di Ichar IV trasportando due Compagnie di Space Marine insieme dell’incompleta 1a Compagnia. Gli Ultramarine conducono il proprio attacco nel cuore della capitale di Ichar IV mentre i reggimenti di Guardia Imperiale avanzano come supporto. Il pianeta viene riportato sotto il comando dell’Imperium nel corso delle tre settimane successive e i vincitori riportano la purificazione di ogni traccia d’infestazione Genoraptor. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
689.991.M41: Come parte del proprio secondo di crociata penitente, il Capitolo dei Prefici sferra un attacco contro la Flotta Alveare Kraken, combattendo una serie di battaglie senza speranza. Mentre il loro eroismo rallenta per un po’ l’avanzata della Kraken, il Capitolo viene portato sull’orlo dell’estinzione dall’orrendo numero di perdite subite. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
750.991.M41: Il mondo imperiale Mortrex viene sopraffatto dalle maree incessanti di Sciami Sventratori. Durante gli scontri, appare anche una particolare bioforma che terrorizza gli eserciti imperiali entrando nelle leggende con il nome di Parassita di Mortrex. (Codex: Tiranidi 5a Edizione, 6a Edizione)
777.991.M41: La Perdita di Ceres XIV. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
801.991.M41: La Flotta Alveare Kraken affonda i denti sul mondo minerario Devlan. Le difese accuratamente preparate della Guardia Imperiale si dimostrano inutili contro gli assalti sotterranei dei Tiranidi guidati da un mostro noto alla popolazione come il Terrore Rosso. Grazie al sacrificio degli Space Marine dei Prefici, i Tiranidi vengono tenuti a bada abbastanza a lungo da evacuare alcuni milioni di coloni prima che Devlan venga consumato. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
992.M41: Agendo per la prima volta come Lord Generale di Cadia, Ursarkar E. Creed annichilisce le forze dell’Arcamondo Ulthwé nei pressi di Aurent. (Codex: Guardia Imperiale 3a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
992.M41: Rispondendo a una richiesta di soccorso, il Capobibliotecario Mephiston guida la forza d’attacco Sanguinatus sul mondo formicaio Hollonan. L’apparentemente semplice ribellione si scopre essere un’infestazione di Genoraptor ben radicata, quindi Mephiston conduce una bioeliminazione dei formicai di Hollonan, ma tutto si rivela futile quando le navi di una flotta scheggia della Kraken arriva nel Sistema Hollonan. Capendo di non poter respingere il nemico solo con la propria forza d’attacco, Mephiston prende il comando di Hollonan e invia una richiesta d’assistenza verso Baal e Corinal, il vicino mondo capitolare degli Angeli Vermigli. Quelle che seguono sono due settimane di battaglia stremante durante le quali i Tiranidi annientano ogni difesa planetaria fino a spostare l’intero conflitto all’interno dei formicai. Nelle ore finali di quell’invasione, Mephiston riesce a uccidere il Tiranno dell’Alveare, ma poi lui stesso viene abbattuto da un Trigone. I difensori dei formicai, al posto d’essere spezzati dalla perdita di sensi di Mephiston, iniziano a combattere raddoppiano i propri sforzi fino all’arrivo dei tanto desiderati rinforzi. Gli Angeli Vermigli approdano su Hollonan con Capsule d’Atterraggio e Cannoniere Stormraven, ma non sono soli. Per ragioni ignote, gli Eldar di Ulthwé, guidati dal Veggente Eldrad Ulthran, si presentano sul pianeta unendosi alla battaglia contro i Tiranidi. Quando la flotta scheggia viene annientata, Eldrad rimane abbastanza a lungo per vedere Mephiston recuperato tra le macerie. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
992.M41: Raid su Kastorel Novem. Guidata dal Capitano Korvydae, la Guardia del Corvo effettua attacchi chirurgici alla fabbrica orkesca della Waaagh! Garaghak. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
992.M41: Dopo un’eruzione nel cuore del maledetto altopiano funebre su Mondo di Rhea, una schiera di Untori si riversa sulle difese terrorizzate dei formicai planetari. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
992.M41: L’Arcamondo Iyanden è coinvolto in una lotta mortale contro la Flotta Alveare Kraken. Quando la nave-mondo è sull’orlo della distruzione, il Principe Yriel raduna i difensori e abbatte il mostruoso Tiranno dell’Alveare che guida l’invasione. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
025.992.M41: La Flotta Alveare Kraken invade Sotha, mondo capitolare delle Falci dell’Imperatore, le quali vengono travolte dai Tiranidi. Il Capitolo viene decimato e i pochi sopravvissuti evacuano con riluttanza per dirigersi verso Miral Primus così da raggrupparsi con le proprie forze lontane dal pianeta. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
167.992.M41: Una nave profughi proveniente da Devlan arriva nell’orbita di Speranza di Adri, spaventosamente silenziosa. Coloro che investigano la nave trovano un mattatoio cosparso di sangue: tutte le persone a bordo sono state macellate senza pietà. Sebbene si sospetti una rottura della quarantena che ha permesso l’infiltrazione di un organismo Tiranide, non viene trovato nulla. Tre settimane dopo, vengono persi tutti i contatti con Speranza di Adri. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
255.992.M41: Il Princeps Goethe del Titano Imperator Mettalum Olympus riesce a tenere a bada da solo un tentacolo della Flotta Alveare Kraken sulle pianure polverose di Horst Primus. La potente macchina da guerra viene alla fine distrutta quando una nidiata di bio-titani Ierofanti colpisce la nobile macchina come un branco a caccia. Durante l’attacco, i reattori plasma di Mettalum Olympus vengono perforati e l’esplosione risultante vaporizza tutto entro un miglio di distanza, lasciandosi alle spalle un cratere che è ancora visibile dall’orbita. Un testamento al sacrificio necessario per combattere i Tiranidi. (Codex: Tiranidi 5a Edizione, 6a Edizione)
451.992.M41: Dei reggimenti di Guardia Imperiale e gli Space Marine delle Falci dell’Imperatore resistono a stento contro i Tiranidi sul mondo assassino Miral Primus. Davanti al massacro, le forze dell’Imperium sono costrette ad indietreggiare verso un grande altopiano roccioso localmente noto come “Bara del Gigante” per un’ultima resistenza. Lì combattono giorno dopo giorno contro le orde di Tiranidi. Nonostante l’eroismo, le Falci dell’Imperatore subiscono perdite catastrofiche. Dovendo fronteggiare il quasi totale annientamento del proprio Capitolo, gli Space Marine si ritirano con riluttanza, lasciando Miral Primus alla Kraken. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
650.992.M41: Avendo ammassato tempo fa più teschi umani che utilizzi per quest’ultimi, Roghrax Bloodhand dei Divoratori di Sangue giura di ottenere un teschio per ogni specie guerriere nella galassia e di offrire per il trono del proprio signore, Khorne. Il lavoro di Roghrax prende una nuova svolta quando giungono le flotte di Tiranidi nella galassia. Recandosi rapidamente preso la Frangia Orientale, il collezionista maniacale di trofei conduce la propria flotta direttamente sul percorso della Flotta Alveare Kraken. Lieto di poter collezionare teschi così grandi e impressionanti, compie un macabro raccolto, il quale diventa sempre più variegato dopo ogni battaglia. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione; Codex: Tiranidi 6a Edizione)
849.992.M41: Sebbene sia troppo tardi per salvare l’estremamente piovoso mondo bastione Eorcshia da una scheggia della Flotta Alveare Kraken, gli Space Marine della Deathwatch piantano con successo delle cariche nucleoniche nelle interiora dell’enorme bio-nave Tiranide al centro della flotta nemica mentre si nutre del pianeta morente. Con la detonazione delle cariche, l’intera flotta scheggia precipita nel caos. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
Ca. 992.M41: L’Arcamondo di Iyanden è soggetto ad una serie di grandi attacchi da parte dei Tiranidi. L’un tempo potente Arcamondo raduna ogni guerriero a propria disposizione, vivo e morto, e presto si trova coinvolto in una disperata lotta contro ondate dopo ondate di organismi tiranidi. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
992-993.M41: Gli Ultramarine sedano una ribellione sul mondo industriale Ichar IV, per poi trovarsi sul fronte di una difesa disperata contro svariati tentacoli della Flotta Alveare Kraken che convergono sul pianeta. Accompagnato dal Cappellano Cassius e dai Veterani della Prima Guerra Tiranide, Calgar lancia un coraggioso assalto che recide il controllo sinaptico degli alieni, trionfando soprattutto grazie alla furia con cui guida i fratelli nella mischia. In un ricorso storico, Marneus Calgar, dopo essere sfuggito alla morte per mano del Signore dello Sciame durante il duello su Macragge, affronta la reincarnazione della stessa bestia sui campi insanguinati Questa volta, però, l’eroe trionfa, uccidendo lo xeno a mani nude. Senza il Signore dello Sciame a contrastare la brillante strategia militare di Calgar, gli Ultramarine possono eliminare i restanti Tiranidi. Tuttavia, la vittoria degli Space Marine giunge troppo tardi per salvare il pianeta, poiché i Tiranidi lo hanno già ridotto ad un ossario fumante di morte e distruzione. Come se non bastasse, la Mente Alveare riassorbe nuovamente la coscienza del Signore dello Sciame e, imparando dalla sua sconfitta, la sua successiva reincarnazione sarà più astuta e pericolosa che mai. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Tiranidi 3a Edizione, 4a Edizione, 5a Edizione, 6a Edizione)
993.M41: Vhostok Pistonhand dei Guerrieri di Ferro organizza un colpo a Diesos, una forgia dell’anima occupata dal Mechanicum Oscuro. Dopo una singola notte di carneficina, l’intero mondo viene dedicato alla produzione di macchine demoniache per l’armata dell’Artefice del Warp. Ogni nuovo orrore viene messo sotto la volontà di Pistonhand grazie al rito proibito conosciuto come Concatechismo. Gli Stregoni dell’Artefice evocano Demone dopo Demone nella forgia dell’anima, vincolandoli nelle fiamme con incantesimi dalle parole metalliche. Il pianeta si annerisce a causa dello smog dell’industria e, ad un certo punto, lo sguardo degli Dei del Caos cade su quel globale rapimento dei propri servitori, traendone grande fastidio. Quattro immense legioni demoniache si materializzano su Diesos, una per ognuno dei Poteri Perniciosi. Uniti nell’oltraggio, essi si rivelano inarrestabili. Sebbene le armata di Pistonhand abbiano dalla propria parte migliaia di terrori meccanici, gli invasori sembrano infiniti. Diesos viene conquistato nel corso di un mese. Quando la legione demoniaca si sgretola e comincia a combattere per le spoglie di conquista, la guerra per Diesos ricomincia. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
993.M41: Viene recuperato il diario della spedizione Santos 9. (Missioni Operative 5a Edizione)
993.M41: I Magli Imperiali combattono al fianco dei Templari Neri per riconquistare il mondo formicaio Nimbosa dall’Impero Tau. I Templari Neri sono comandanti dal Castellano Folker, mentre l’esercito Tau è guidata dal Comandante Brightsword. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
993.M41: Il Comando di Segmentum invia una forza di soccorso atta ad evacuare Yorvith prima che venga invaso dalla Flotta Alveare Kraken. Alla sua testa marcia una lancia di Cavalieri Errant della Casata Griffith, la cui carica tonante disperde gli sciami di xeno attorno allo Spazioporto Solartis. Mentre la battaglia infuria e i rifugiati entrano nelle navi da evacuazione, un Trigone erutta dalla terra e avvolge il Cavaliere di Sir Brannach. Il Cavaliere lotta con il bio-orrore in una pioggia di scintille prima di riuscire ad inserire il proprio cannone termico tra le sue fauci vaporizzandone il cranio. Le navi da evacuazione prendono il volo pochi minuti dopo e i Cavalieri della Griffith salgono a bordo dell’ultimo di essi ad appena qualche istante dalla chiusura delle rampe. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
3.203.993.M41: L’Inquisitore Kryptman scrive un rapporto contenente ogni informazione nota sui Littori Tiranidi e lo invia tramite comunicazione astropatica verso Kar Duniash affinché tali informazioni possano essere diffuse e apprese da vari corpi militari imperiali dell’Ultima Segmentum. (Chapter Approved 2001)
994.M41: In seguito alla doppia sconfitta presso Ichar IV e Iyanden, i resti sparsi della Flotta Alveare Kraken fuggono verso il nucleo galattico, superando molte linee difensive erette per combattere la minaccia Tiranide. Sebbene la Kraken come singola entità sia sconfitta, tutte quelle flotte scheggia dalle dimensioni variabili, dalla dozzina di navi alle poche centinaia di bio-navi, continuano ad essere una minaccia terribile che caccia mondi scarsamente difesi. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
994.M41: Santos 9 viene messo in quarantena per mandato inquisitorio. (Missioni Operative 5a Edizione)
994.M41: Ritenuti distrutti, gli Artigli di Bronzo riappaiono vicino a Cadia. Hanno subito molti danni, ma combattono ancora contro il Caos. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
994.M41: Sostenendo che le roccaforti degli Orki nel Sistema Blackfang abbiano sfidato l’Imperium troppo a lungo, Dante mobilita l’intero Capitolo nella Crociata Blackfang, una campagna lunga un anno che non solo allontana gli Orki dai dodici mondi di Blackfang, ma anche dai due sistemi vicini. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
4.255.994.M41: Il Comandante Hireonys cerca di avvertire della crescente minaccia del Kapoguerra Zanguemarcio. (Codex: Orki 3a Edizione)
5.664.994.M41: Stando alle informazioni dell’agente imperiale Ossneous, le Enclavi di Farsight offrono il proprio aiuto nell’evacuazione di Aleph Sigmar in seguito all’arrivo di una flotta scheggia rimasta intatta dopo gli eventi di Ichar IV. (Codex: Tau 3a Edizione)
2.763.994.M41: Nonostante i ripetuti avvertimenti provenienti dal Sistema Kolchis, i tre Sistemi Alacanth, Redwold e Tyr non compiono alcuno sforzo per arginare la crescente minaccia degli Orki. Si suppone che il leader della Waaagh! imminente sia il Kapoguerra Zanguemarcio della tribù Tezki Rozzi. Voci parlano dell’avvistamento di due o più relitti spaziali avvistati all’interno del Sistema Redwold. (Codex: Orki 3a Edizione)
2.800.994.M41: Nel Sistema Kolchis si spera che il Capitolo degli Angeli dell’Assoluzione, recentemente coinvolto nell’Incursione di Belami, possano intervenire contro le crescenti forze del Kapoguerra Zanguemarcio. (Codex: Orki 3a Edizione)
2.851.994.M41: I segnalatori d’avvertimento individuano una flotta aliena in movimento nel Sistema Kolchis. Navi di pattuglie vengono schierate per investigare e le difese planetarie vengono messe in massima allerta. (Codex: Orki 3a Edizione)
2.967.994.M41: la flotta del Kapoguerra Zanguemarcio sfonda le difese planetarie del Sistema Kolchis. Le stime sulle forze attaccanti segnalano l’equivalente di sedici reggimenti, un relitto, quattro incrociatori e oltre venti navi d’assalto (Codex: Orki 3a Edizione)
995.M41: In quanto talentuoso demagogo, l’ambasciatore della Casta dell’Acqua Por’O Myen O’Res convince, un discorso alla volta, la popolazione di Lurid IX ad unirsi all’Impero Tau. L’ambasciatore è protetto da varie squadre della Casta del Fuoco e i cieli sono pattugliati dai piloti della Casta dell’Aria. Alla Guardia del Corvo viene dato l’onore della sua esecuzione, ma ha appena una dozzina di guerrieri da sfruttare per portare a termine l’obiettivo. Invece di un attacco diretto, il Capitano Ombra Shrike guida un assalto tramite Squadrone Storm Wing che porta tutti i segni delle sue tipiche tattiche furtive. Le cannoniere volano in formazione stretta attraverso le tortuose miglia di sottopassaggi graffitati di Lurid IX, emergendo da un canale sotterraneo situato a meno di mezzo miglio dalla delegazione della Casta dell’Acqua. Myen O’Res viene fucilato nel bel mezzo di un discorso, il numero di missili e proiettili è tale da sfondare i generatori di scudo volti a proteggerlo. Tre squadre di esoscheletri Crisis volano verso lo Squadrone Storm Wing per vendicare il proprio ambasciatore, ma a mezz’aria trovano Shrike e i suoi veterani con reattori dorsali che effettuano uno schieramento aereo, travolgendo i Tau con i propri artigli fulmine. La vittoria della Guardia del Corvo viene trasmessa dagli stessi servitor pitto-ladri che la Casta dell’Acqua aveva in mente di usare per i propri scopi e il pianeta ritorna sotto il dominio imperiale. (Dataslate: Adeptus Astartes Storm Wing)
995.M41: I tentacoli della Flotta Alveare Jormungandr iniziano ad abbattersi sui confini a nord-est dell’Imperium. I Capitoli Spettri della Morte e Figli Onorati guidano il contrattacco. La 3a Compagnia degli Angeli Sanguinari, comandata dal Capitano Erasmus Tycho, è una delle tante altre forze d’attacco che rispondono alla minaccia. Sebbene Tycho guidi i propri confratelli verso cruciali vittorie, le sue tattiche sono così avventate che i Sacerdoti Sanguinari iniziano a temere per la sua sanità mentale. La Jormungandr viene poi sconfitta verso la fine dell’anno durante la Battaglia della Nebulosa Nera, avviata dal Sommo Ammiraglio Vortigern Hanroth della Marina Imperiale. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione; Codex: Tiranidi 5a Edizione)
995.M41: All’insaputa dei suoi abitanti, il dormiente pianeta vulcanico Abheilüng è tempestato di forge sotterranee in cui si annida il Mechanicum Oscuro. Mentre sulla superficie vengono stabiliti blocchi abitativi o fattorie di proteine, gli Artefici del Warp usano il calore del nucleo planetario per vincolare Demoni alle proprie strane macchine. Gli abitanti della superficie continuano ad espandersi finché, una notte, tutti i vulcani di Abheilüng eruttano in modo spettacolare, incenerendo milioni di persone in un’immensa nuvola pirotecnica. Dalle profondità fuse si arrampicano schiere di macchine demoniache, orrori coperti dal magma che fuoriescono come insetti dalla caldera di ogni vulcano. Il pianeta viene privato della popolazione in meno di un mese. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
995.M41: Salamandre e Falchi di Ferro si alleano per sconfiggere le legioni demoniache di Khora’arr’seth, uccidendo la creatura sul mondo santuario corrotto Speranza di Lamath. Le Salamandre si ritirano dopo aver purificato l’intero mondo col fuoco. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
995.M41: Un alleato inaspettato. L’Arcamondo di Iyanden cerca di sopravvivere dopo la vittoria ottenuta a carissimo prezzo contro la Flotta Alveare Kraken, ma deve ingaggiare la Waaagh! Pugnozkazzato per evitare di essere invaso nuovamente. I primi scontri danneggiano gravemente l’impero orkesco, ma i pelleverde contrattaccano in forze. All’Arcamondo non rimane altra scelta che destare ancora una volta i riveriti avi dal loro sonno d morte e collocare le loro pietre dello spirito in possenti Guerrieri Spettri, al fine di contenere l’invasione. Quando tutto sembra perduto, la Cabala della Stirpe di Spettro e il Culto della Mano Scorticata erompono dal portale della Rete posto sul retro dell’Arcamondo. Combattendo accanto ai Guerrieri d’Aspetto e i loro Guerrieri Spettri, i Drukhari respingono gli Orki. Quando il Consiglio di Veggenti di Iyanden chiede loro spiegazioni dell’intervento, i Drukhari rispondono che trovano molto divertente il fatto che Iyanden usi la necromanzia con rabbia e controvoglia. (Codex: Eldar Oscuri 5a Edizione)
995.M41: Quando una dilatazione del tempo causata dal Warp contorce il firmamento su Thridia, il passato oscuro del pianeta torna ad infestarlo. Nei cieli, le nuvole si solidificano in bestie tentacolate, le luci delle stelle si trasformano in occhi spalancati e i Demoni escono da quelle nuvole precipitando sui mortali. I reggimenti di Guardia Imperiale di Thridia sistemano le baionette e contrattaccano, ma i loro ufficiali non sanno come sconfiggere un nemico che si manifesta letteralmente dal nulla. Viene ordinata la ritirata e, in massa, i reggimenti si dirigono verso il Formicaio Vertes, ma trovano tale ritirata bloccata da un muro di Necron che sorge silenziosamente dalle dune di polvere. Intrappolata, la guardia Imperiale decide di morire combattendo. I Necron, d’altro canto, hanno i propri piani per Thridia, i quali non possono essere rovinati dal Caos. Sparano salva dopo salva contro i Demoni con precisione meccanica, distruggendo sistematicamente gli invasori ovunque si manifestino. La Guardia Imperiale è costretta a condurre una battaglia in corsa per scappare e alla fine riesce a raggiungere il formicaio. Dalle sicure guglie di Vertes, gli ufficiali d’alto rango della Guardia cancellano la memoria dei propri soldati prima di coordinare un bombardamento di una settimana centrato sulla battaglia nelle lande desolate. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
995.M41: I pirati dei Corsari Rossi attirano in un’imboscata una flotta di Lupi Siderali e Falchi della Morte nei pressi di Parenxes. Dopo aver perforato lo scafo dell’incrociatore Lupo di Fenris, i Corsari Rossi abbordano la nave e affrontano i figli di Russ. Sul ponte, Gnyrll Bluetooth duella con Huron Cuorenero, ma viene dilaniato dall’artiglio potenziato del Tiranno di Badab. Alla fine la Lupo di Fenris viene catturata. Un archivio data erroneamente questo evento posizionandolo nel 981.M41, per di più citando la Guerra di Badab, ai tempi già finita da decenni. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione; Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
2.093.995.M41: Tutte le difese esterne del Sistema Kolchis vengono sovrastate, si verificano combattimenti urbani nella capitale, le risorse sono poche e le forze Imperiali sono spezzate. Il Comandante Heironys stima un collasso entro i prossimi sei giorni e alla fine il Sistema Kolchis viene sopraffatto. Successive annotazioni da parte dell’Inquisitore Marles denotano che il sacrificio del Sistema Kolchis sia stato completamente volontario e abbia permesso al Sistema Ryza, considerato ben più importante, di guadagnare altri sette mesi di preparazione all’invasione. (Codex: Orki 3a Edizione)
996.M41: Un segnale di soccorso conduce una forza d’attacco degli Angeli Oscuri in una trappola tesa dai Genoraptor nei pressi di Durganion XIII. Il formicaio in cui si trovano si rivela un vantaggio per gli xeno, ma la battaglia termina quando il Signore della Nidiata viene annientato dall’avanzata dell’Ala del Corvo. Senza una guida, gli xeno rimanenti vengono sterminati e il pianeta viene sottoposto a test di corruzione. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
996.M41: Viene scoperto il percorso diretto verso la Terra della Crociata del Sangue chiamata Collercausto, nata per seguire gli spostamenti erranti della maligna Cometa di Keeler. La 5a Compagnia degli Scorticatori, un reggimento di Guardia dell’Ossario e le Sorelle dell’Ordine dell’Augusta Sorveglianza intercettano il Collercausto preso il mondo cimitero Certus Minor. Viene avvistata anche la Legione dei Dannati, la quale giunge in soccorso dei lealisti. Il Collercausto viene interamente distrutto, ma, di tutti gli Scorticatori presenti, rimane in vita solo il rinomato vincitore di una Festa delle Lame, il Capitano Zachariach Kersh. L’intera vicenda di oggetto d’investigazione da parte dell’Ordo Obsoletus. (Codex: Legion of the Damned 6a Edizione; Space Marine Battles: Legion of the Damned, di Rob Sanders)
996.M41: Dante scopre la posizione degli Eldar che uccisero così tanti suoi confratelli su Semmel e ordina alla Guardia Sanguinaria di mettere in atto la propria vendetta. La forza d’attacco raggiunge la propria preda nei prezzi delle aride lande di Zoros. Nel seguente scontro aereo, le Guardie Sanguinarie duellano con le Moto a Reazione Eldar i Guerrieri d’Aspetto dei Falchi Predatori, ma alla fine emergono vittoriosi. Allo stesso tempo, l’identità di coloro che aiutarono gli Eldar risulta impossibile da scoprire, perciò l’effettiva vendetta degli Angeli Sanguinari rimane inconquistabile. (Codex: Angeli Sanguinari 5a Edizione)
996.M41: Il Maresciallo Actoan dei Templari Neri guida una crociata per scacciare gli Orki dal sistema Golgotha. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
996.M41: L’Agguato di Lonal. La Flotta Alveare Leviathan invade Lonal e incontra la strenua resistenza dei Cacciatori Oscuri. A loro insaputa si schiera anche la Guardia del Corvo, usando i confratelli come esca per una complessa trappola in cui muoiono una dozzina di Tiranni dell’Alveare. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
996.M41: Al comando di Kubrik Chenkov, il 18° Valhalliano “Lupi della Tundra” spazza via l’avanguardia della Flotta Alveare Jormungandr preso la Valle di Goyan. Gli sciami di Tiranidi vengono schiacciati dai cingoli metallici delle brigate corazzate di Chenkov e dai tonanti stivali di oltre un milione di Guardie, spinte contro gli xeno da spietati Commissari. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
6.284.996.M41: L’agente imperiale Ossneous redige un rapporto dedicato alle osservazioni e alle informazioni raccolte sui seguaci di O’Shovah, meglio conosciuti come Enclavi di Farsight. (Codex: Tau 3a Edizione)
997.M41: Il Capitolo Angeli Fantasma viene distrutto mentre difende la propria fortezza monastero sul pianeta Liberthra dal massacro scatenato dalla Dinastia Maynarkh dei Necron. Le Campane del Cordoglio risuonano nel Segmentum Tempestus per onorare la sua dipartita. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
997.M41: Scoprendo della decima imperiale incrementata per l’anno seguente, l’anziano Governatore Mulian di Ulterior Primus muore d’infarto. Suo figlio, un atleta superbo, viene presto reclutato dalla Schola Progenium stazionata sulla calotta polare di Olvein Devus. Benché Muliansen – rinominato Vastus in onore di un mitico culturista dei tempi andati – sia fisicamente eccezionale, l’acciaio nel suo cuore si dimostra manchevole. Durante la terza Prova di Sottomissione gli viene richiesto di bere olio caldo per contrastare un virus sfigurante introdotto nel suo corpo. Non riesce a farlo e viene espulso dopo che il virus ha avuto il proprio effetto. Il suo fisico straordinario fa sì che non venga ricostituito, bensì privato di nome e memoria per poi essere affidato all’Adeptus Mechanicus come materiale grezzo. A bordo del vascello di trasporto diretto verso i servitorum, Vastus riesce a liberarsi, strangolare le guardie e prendere il controllo della navetta con un fucile automatico rubato. In seguito, libera altre persone rifiutate dalla Schola e le convince ad unirsi a lui scappando nel vuoto. Sei anni più tardi, un reggimento di Figli Tempestus proveniente da Olvein Devus viene inviato in missione per purificare il relitto spaziale Madre dei Terrori poiché infestato dagli Orki. A un certo punto si scopre che gli abitanti non siano affatto Orki, ma una banda di rinnegati guidata dall’autonominato Signore della Guerra Vastus. Dopo quattro giorni di scontri, Vastus viene raggiunto da uno dei propri coetanei e fucilato con un colpo che gli perfora il collo. Prima di morire, Vastus innesca un detonatore personale, facendo partire un’esplosione a catena che distrugge il relitto spaziale e porta con sé trecento dei migliori soldati di Olvein Devus. L’incidente non è mai apparso negli archivi della Schola Progenium. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
997.M41: Assieme agli Space Marine del Capitolo Genesis, dei Letali e dei Falconi Fiammeggianti, le Mani di Ferro effettuano una serie di missioni distruttive sui mondi del Settore Ulik non ancora consumati dalla Flotta Alveare Leviathan, per evitare che la Mente Alveare guadagni ulteriore impeto e preziose biorisorse. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
997.M41: Centomila Demonette invadono il mondo ruggine Monte Ferrite quando il sovraprivilegiato Governatore Planetario invita le ancelle di Slaanesh al proprio banchetto. Persino i reggimenti Vostroyani non riescono a uccidere i Demoni le cui risate si mescolano alle grida dell’aristocrazia Ferrita. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
997.M41: I Corsari Rossi attaccano il Sistema Dentor causando milioni di morti. Viene organizzato un centinaio di nuovi reggimenti di Guardia Imperiale per rispondere all’emergenza. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: Il Gran Maresciallo Durov di Vostroya riporta incursioni demoniache nel Settore Finial. I contatti con il gruppo d’armata di Durov vengono persi. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: L’812° Valhalliano continua a difendere il mondo forgia M’khan dall’assedio dei Guerrieri di Ferro. Perdite alte, vittoria imminente. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: Guidati dal Generale Mordiano Eisen, i rinforzi imperiali scendono su Cilix e cominciano una purificazione sistematica del pianeta dall’infestazione degli Orki. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: I reggimenti Catachani respingono le forze dell’Arcamondo Alaitoc dal mondo minerario Fortuse III. Tecnopreti schierati per investigare nei pressi delle arcane rovine scoperte dai team di esploratori Catachani. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: La Ribellione di Skaroth viene schiacciata dai reggimenti di Pintax, Tallarn e Luther McIntyre. Perdite più alte del previsto. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: La campagna dell’Ammasso Tolloviano continua sotto il comando del Sotto-signore supremo Ven Vambold. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: Il reggimento corazzato 122° Cadiano conduce un contrattacco su Excovar contro la Waaagh! Bigtoof. Le attuali previsioni indicano che i pelleverde debbano essere respinti entro la fine del M42. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: Continuano le razzie dei Drukhari sul mondo abumano Chogros. Intervengono reggimenti di Catachan, Atrian e Katon. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: I reggimenti 786° Krieg e 273° Loriar continuano il bombardamento della Guglia della Rabbia. Autorizzato l’utilizzo di Missili Deathstrike. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: I reggimenti di Tallarn ingaggiano i Monoliti Necron su Dreska. Rinforzi di Fanti Scelti in arrivo. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: Reggimenti Elysiani e Harakoniani vengono inviati per investigare sulla perdita delle comunicazioni con il Sistema Antorro. I rapporti mostrano l’avvistamento nel sistema del Relitto Spaziale Agonia dei Dannati. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: La fortezza Emrah viene riattivata da forze sconosciute. Il primo gruppo d’armata viene annientato. I reggimenti superpesanti Cadiani vengono richiamati dal Sistema Vidar per guidare la seconda ondata e ingaggiare la minaccia. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: A decine d’anni dai conflitti iniziali con la Waaagh! Grax, gli Orki continuano ad entrare nel Sistema Ryza. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
997.M41: Il pianeta Sondheim V viene travolto dalla Flotta Alveare Kraken proprio mentre M’kar il Rinato lo trasforma nel proprio Pandemonium privato. Il Capitolo delle Sentinelle Celesti risponde per primo, ma giudica il pianeta irrecuperabile e si prepara all’Exterminatus. Le preparazioni vengono ritardate quando arriva una forza d’attacco dei Cavalieri Grigi comandata dal Gran Maestro Vardan Kai, il quale si dimostra d’accordo con la valutazione delle Sentinelle Celesti, ma ordina loro di non avviare ancora nulla mentre lui e i suoi confratelli tentano di recuperare il Libro di Pandegaras, l’artefatto maledetto con cui M’kar ha mutato il pianeta. Le Sentinelle Celesti accettano con riluttanza e concedono dodici ore entro le quali dovranno completare la missione. Vardan Kai e i Cavalieri Grigi scendono su Sondheim V tramite Stormraven. Pur dovendosi sporcare le mani, i terribili scontri tra Demoni e Tiranidi permettono ai Cavalieri Grigi di raggiungere il Libro di Pandegaras senza troppe perdite. Quando lo recuperano, i disordini si intensificano talmente tanto che Kai abbandona qualsiasi pretesa di potersene andare semplicemente combattendo, quindi contatta le Sentinelle Celesti affinché avviino un bombardamento a tappetto del luogo in cui si trovano. Protetti dalle proprie armature e rifugiandosi tra le rovine, i Cavalieri Grigi sopravvivono mentre i loro nemici vengono decimati. Meno di un’ora dopo, la forza d’attacco di Kai inizia il viaggio verso Titano per mettere il Libro di Pandegaras in catene, mentre le Sentinelle Celesti avviano una volta per tutte l’Exterminatus e si arrendono alla cancellazione della memoria. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
Ca. 997.M41: Gli Space Marine degli Artigli Rossi difendono il mondo fortezza Orask, il quale si trova sui confini delle Stelle Ghoul, da una scheggia della Flotta Alveare Pythos. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)

Terza Guerra Tiranide

138.997.M41: I due grandi tentacoli della Flotta Alveare Leviathan attaccano dalla parte inferiore della galassia. Miliardi di Guardie Imperiali vengono reclutati e schierati per fronteggiare questa nuova minaccia. I rapporti sulle decime del Departmento Munitorum riportano un numero preoccupante di mondi incapaci di soddisfare la propria domanda, conducendo varie dozzine di Governatori Planetari verso l’esecuzione sommaria. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Codex: Space Marine 4a Edizione, 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Tiranidi 4a Edizione, 5a Edizione, 6a Edizione)
997.M41: Varie forze d’attacco degli Angeli Oscuri prendono parte ai conflitti con alcuni tentacoli della Flotta Alveare Leviathan. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
997.M41: Il Capitano Lysander e il suo gruppo da battaglia intercettano un tentacolo della Flotta Alveare Leviathan sul mondo Miral II. I Magli Imperiali stabiliscono una serie di fortificazioni prima che giunga l’assalto tiranide e le tengono contro l’attacco costante e soverchiante. Squadre Tattiche e Devastatrici vomitano fuoco sugli sciami mentre Lysander guida la 1a Compagnia come rinforzo ovunque i Tiranidi stiano per sfondare. Benché gli strateghi prevedano che i Magli Imperiali non possano reggere più di sei giorni, essi lottano finché l’ultimo Tiranide non trova la morte sotto le mura del Bastione XVII nel settimo e ultimo giorno di conflitto. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
221.997.M41: Quando Piscina IV viene attaccato dal Kapoguerra Ghazghkull Mag Uruk Thraka e da Nazdreg Ug Urdgrub, gli Angeli Oscuri sono sul fronte della difesa planetaria. In modo da schierare completamente le proprie forze con le proprie tecnologie di teletrasporto, gli Orki puntano alla conquista della città capitale: Porto Kadillus. Ghazghkull riesce a sovrastare le difese esterne della città, ma il piccolo contingente di Angeli Oscuri stazionato sul pianeta risponde rapidamente. Il Maestro della Compagnia Belial fa barcollare le forze pelleverde e finisce per combattere con Ghazghkull. Il duello è sanguinoso e allo stesso breve, poiché Belial non si dimostra al pari del Kapoguerra. Quest’ultimo lo ferisce terribilmente e la città viene conquistata. Nelle due settimane successive, Ghazghkull riesce a teletrasportare tutte le proprie forze e Belial, seppur ferito, cerca testardamente di rovinare i piani del Kapoguerra volti ad invadere i sistemi vicini finché non arriva il resto del Capitolo degli Angeli Oscuri. Piscina IV viene salvato e Ghazghkull temporaneamente respinto. (Codex: Angeli Oscuri 4a Edizione; Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
250.997.M41: La Flotta Alveare Leviathan invade il mondo santuario San Caspalen. I leader del pianeta vengono uccisi e terrorizzati da un assassino Tiranide e, in preda al panico, le forze di difesa planetaria diventano preda facile. L’unica vera resistenza giunge da una forza di Sorelle Guerriere che mantengono la linea per settimane, ma pure loro vengono sopraffatte quando l’Aggressore attira dei Trigoni affinché scavino sotto il loro bastione. Gli sciami di Hormagaunt sfruttano i nuovi tunnel per sommergere la fortificazione. La perdita di San Caspalen è un duro colpo per l’Imperium e diventa un avvertimento sul fatto che la sola fede non costituisca una buona difesa contro i Tiranidi. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
302.997.M41: La Flotta Alveare Leviathan conquista delle rapide vittoria su una fila di mondi nel Settore Hodur. Nel corso di un singolo anno, il Signore dello Sciame supervisione l’assorbimento di una dozzina di mondi, incluso Talon, mondo capitolare dei Falconi Fiammeggianti. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
5.303.997.M41: Operando nei pressi di Genneman Primus nel Sistema Appelor, il Genetor-Maggiore Lukas Anzion e il Genetor-Primus Tethlisian lavorano al documento “Pensieri su Struttura e Sviluppo Exobiologici degli Orki e Contemporanee Teorie”. (Codex: Orki 3a Edizione)
360.997.M41: L’apparentemente impenetrabile mondo fortezza Forgefane dei Guerrieri di Ferro cade a causa degli attacchi dei Tiranidi in meno di una settimana. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
400.997.M41: Nel Settore Bloodstar, la Flotta da Guerra Ultima conclude una disastrosa campagna contro la Leviathan quando cade nell’agguato di due flotte Tiranidi. La celebrata nave ammiraglia Gloria Imperiale viene distrutta. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
498.997.M41: L’Adeptus Mechanicus abbandona il pianeta Tesla Primus, scegliendo di usare le proprie forze militari per rinforzare Gryphonne IV, uno dei principali mondi forgia nella galassia, in vista della sprezzante resistenza contro la Flotta Alveare Leviathan. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
509.997.M41: Elementi degli Ultramarine e dei Mortifactor, guidati dal Cappellano Cassius, resistono vittoriosamente contro un frammento della Flotta Alveare Leviathan su Tarsis Ultra. Il Magos Locard riesce a creare una piaga biologica che gli Ultramarine riescono ad inserire nel cuore della flotta grazie a Uriel Ventris della 4a Compagnia. Purtroppo, tutti i successivi tentativi di replicare una simile piaga sono falliti. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione, 8a Edizione; Codex: Tiranidi 4a Edizione, 6a Edizione; Warriors of Ultramar, di Graham McNeill)
899.997.M41: L’Inquisitore Fidus Kryptman ordina la distruzione di centinaia di mondi per creare un cordone volto a rallentare l’avanzata della Flotta Alveare Leviathan. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
998.M41: Un tentacolo della Flotta Alveare Leviathan arriva sul mondo agricolo Eireius scatenando orrori xeno tra le giungle fluttuanti e le isole di vapore. Un distaccamento di Cavalieri della Casata Raven rappresenta i primi rinforzi imperiali che arrivano sul pianeta. Nella micro-gravità di Eireius, i Cavalieri compiono balzi di centinaia di metri da una guglia all’altra, le loro armi impegnate ad abbattere Arpie e Maliarde nel cielo. Purtroppo, però, nemmeno la potenza dei Cavalieri Imperiali riesce a salvare il pianeta, ma almeno i loro sforzi permettono alla popolazione d’evacuare la superficie in tempo. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
998.M41: Il Castellano Raimer dei Templari Neri, signore dell’incrociatore d’assalto Golfo di Ophidium, conduce i novanta sopravvissuti della Crociata Garon in un’impresa presso un tratto inesplorato della Regione Velata. Nei pianeti periferici dell’unico sistema abitato scoperto trovano un piccolo impero di alieni primitivi che vivono in città d’oro e omaggiano un essere che conoscono solo come “Voce dell’Imperatore”. Dopo aver distrutto i loro templi, proseguono nel proprio viaggio. Raggiungendo i pianeti più interni, trovano una piccola flotta di Angeli Oscuri e offrono il proprio aiuto nella cattura del leader degli alieni. Gli Angeli Oscuri accettano con riluttanza e, durante l’assalto finale alla fortezza della Voce dell’Imperatore, sono i Templari Neri a catturare il leader nemico, un guerriero racchiuso in un’antica armatura potenziata nera senza livrea. Sospettando che quello sia il motivo della riluttanza degli Angeli Oscuri, i Templari incatenano il prigioniero nella loro cripta più sicura. Gli Angeli Oscuri richiedono la cessione del prigioniero e, quando Raimer si rifiuta, le navi degli Angeli iniziano a caricare le armi. A quel punto Raimer cede il prigioniero e gli Angeli Oscuri partono abbandonando il sistema. Nonostante una successiva comunicazione da parte del Castellano, non si sa che fine abbia fatto la Golfo di Ophidium, poiché non ha più aperto contatti con alcuna forte dei Templari Neri. Stando agli archivi degli Angeli Oscuri, la disputa per il prigioniero porta i due Capitoli a scontrarsi brevemente. L’incidente viene poi riportato alla Terra e l’Inquisitore Archibald viene assegnato all’investigazione. (Codex: Templari Neri 4a Edizione; Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
998.M41: Quando viene confermata la presenza di un’entità xeno mutaforma all’interno della struttura di comando del 9° Vostroyano, le Mani di Ferro del Clan Vurgaan vengono inviate per eliminare le stesse Guardie Imperiali che poco tempo prima erano loro alleate durante l’Abbattimento di Ersatz Primus. Avendo ampie conoscenze delle capacità militari del 9° Vostroyano, i Padri del Ferro del Clan Vurgaan prevedono l’ammontare minimo di materiale necessario all’operazione. Un paio di Squadroni Storm Wing, ognuno trasportante una squadra di dieci Marine Tattici, vengono schierati nel complesso bunker in cui i Vostroyani stanno testando la purezza delle proprie truppe. Le cannoniere dello squadrone effettuano delle raffiche di fuoco a bassa quota che uccidono tutti i soldati al di fuori del bunker e i Marine Tattici sbarcano per ripulire i corridoi interni. La devastazione che segue trasforma le acque salmastre della base in un rosa dovuto al sangue delle Guardie mentre le Mani di Ferro giustiziano spietatamente ogni Vostroyano, benché in molti preghino i propri ex alleati riconoscendoli e chiamandoli per nome sperando nella clemenza. Quando gli Squadroni Storm Wing abbandonano la struttura in rovina, ogni colpo di requiem sparato e ogni batteria spesa rientra nelle previsioni dei Padri del Ferro. (Dataslate: Adeptus Astartes Storm Wing)
998.M41: Una flotta scheggia dei Tiranidi cade sul freddo e isolato pianeta chiamato Shadrac. La Guardia Imperiale stazionata lì ha bisogno di un miracolo per sopravvivere, ma, quando un branco di Lupi Siderali appare dal nulla, pare che il miracolo sia arrivato. Guidati da Skold Greypelt, i Lupi Siderali si uniscono alle Guardie rimanenti in una difesa che consuma l’intero sciame in un’esplosione devastante. Fugge solo una manciata di guerrieri e Shadrac è ancora invaso da innumerevoli Tiranidi, ma la Mente Alveare impara a fare attenzione nell’affrontare i Lupi Siderali. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
998.M41: L’Inquisitore Lichtenstein viene dichiarato Excommunicate Traitoris. (Codex: Cacciatori di Demoni 3a Edizione)
998.M41: Al ritorno dalle cruente guerre contro le Enclavi di Farsight su Fall’yth, Kardan Stronos delle Mani di Ferro cede il comando del Capitolo al Consiglio di Ferro, ma viene subito scelto nuovamente per affrontare la minaccia della Flotta Alveare Leviathan, nonostante le obiezioni di alcuni Patriarchi di Ferro veterani. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
998.M41: Pagando il prezzo di una sezione di Rete, gli Eldar difendono la sacra Biblioteca Nera dallo Stregone del Caos Ahriman tramite gli sforzi degli Arlecchini e dei due Arcamondi Ulthwé e Lugganath. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
998.M41: Con la sua graduale corruzione velocizzata dagli Space Marine rinnegati dalla Compagnia del Tormento, il mondo fortezza Helwynd si dichiara primo mondo dell’Impero della Disperazione. Il pianeta diffonde il proprio messaggio attraverso altri mondi e ciò arriva alle orecchie della Schola Progenium locale, ma anche a quelle dei Supplizianti sul vicino mondo capitolare Cretacia. Supplizianti e il 3° Sciacalli Alfici attaccano il pianeta, ma le difese sembrano impedire qualsiasi tentativo d’entrata nell’orbita bassa. Il Tempestor Prime Vigilian offre i propri soldati per una discesa orbitale che crede possa bloccare le difese. La tattica applicata ha successo e i Figli Tempestus riescono a raggiungere la superficie per poi disattivare uno Snodo difensivo dopo l’altro. A quel punto si uniscono i Supplizianti, i quali macellano soldati ribelli e Space Marine rinnegati. Vari pretendenti al trono vengono isolati dai Tempestus e i vascelli che tentano di abbandonare il pianeta vengono abbattuti dalle stesse piattaforme di tiro che fino a poco tempo prima erano al loro servizio. Le forze ribelli vengono completamente annientate e la Militarum Tempestus abbandona il pianeta senza una parola. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
998.M41: La 5a Compagnia degli Ultramarine conduce delle operazioni contro i pirati Eldar all’interno e intorno alla Nebuolsa Drasanac. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: Tre Compagnie delle Spade Nere conducono un Exterminatus contro Eldritch, un mondo controllato dai Necron. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: Alla 4a Compagnia della Legione del Fato viene ordinato di sedare le ribellioni su Neo Khartoum. Le perdite civili superano le previsioni. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: L’intero Capitolo degli Spettri della Morte viene schierato contro la Flotta Alveare Jormungandr. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: Contatti persi con la 7a Compagnia dei Signori dei Falchi. Sospettate azioni ostili da parte di forze xeno. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: Il Capitolo delle Pantere Bianche sopprime la ribellione nell’Ammasso Dynathi. Il Maestro Capitolare Jorus Shadowmaw viene ucciso. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: La 2a Compagnia dei Magli Imperiali affronta degli elementi della Waaagh! Dethzarka. 6a e 9a Compagnia inviate per fornire supporto. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: La 5a Compagnia delle Salamandre conduce missioni trova e distruggi contro numerosi pianeti del Settore Heracles sospettati d’essere mondi tomba. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: Vengono avviate delle operazioni di contenimento della Flotta Alveare Leviathan. Il Capitano Aajz Solari della Guardia del Corvo è a capo di tali operazioni. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: La Waaagh! Skullkrak continua ad infuriare attraverso Targus e altri sistemi vicini. Si crede che il Capitano Kayvaan Shrike della Guardia del Corvo rimanga operativo in quest’area, nonostante la mancanza di contatti recenti. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: Attacchi degli Space Marine del Caos nel settore Acteron, sottosettore Pandraxx. (Missioni Operative 5a Edizione)
998.M41: I Magli Scarlatti, ancora senza grossi numeri, assistono nelle battaglia contro l’Arci-Arsonista di Charadon. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: La forza d’attacco Saptus dei Novamarine viene attaccata dai rinnegati del Caos apparentemente al servizio di Huron Cuorenero. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: Nave da guerra Eternità Maledetta avvistata nel Sistema Balanor. Flotta di Contenimento Kappa in movimento per investigazione. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: La Flotta di Contenimento Sanctus ingaggia sostanziali forze d’assalto della Legione Nera. Perdite pesanti, ma vittoria imminente. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: Il Forte Stellare Sforzo di Volontà dei Magli Imperiali viene attaccato dai Guerrieri di Ferro. Si crede che il comandante nemico sia il famoso Mastro di Guerra Shon’tu. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
998.M41: I Consoli Bianchi bandiscono il Demone Maggiore che riescono a identificare come Kairos Tessifato. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
003.998.M41: Sottosettore Pandraxx. Un convoglio di vascelli, incluse navi da carico, da trasporto e civili, viene attaccato da navi appartenenti agli Space Marine del Caos della Confraternita delle Tenebre. Tutte le navi del convoglio vengono distrutte. Non sono stati rinvenuti superstiti. (Missioni Operative 5a Edizione)
5.037.998.M41: L’Inquisitore Nastor effettua un’investigazione nei pressi del Settore Abiaus confermando le recenti attività del Kapoguerra Nazdreg Ug Urdgrub nella zona. Comunicando con l’Inquisitore Tobias, Nastor comunica i propri sospetti, poiché pensa che Nazdreg stia cercando di rimpiazzare le perdite subite durante gli scontri avvenuti su Piscina IV. (Codex: Orki 3a Edizione)
066.998.M41: I cieli del mondo forgia Gryphonne IV, dimora dei Titani della Legio Gryphonicus, si oscurano a causa delle bio-navi. Preparando i Titani, le legioni di Skitarii e le forze militari native di Tesla Primus, l’Adeptus Mechanicus si prepara alla guerra. Quando i Tiranidi raggiungono la superficie, si scatena un’epica battaglia. Entro un’ora, il terreno trema per il cammino dei Titani, i quali emergono dai propri hangar cattedrali per ingaggiare le immense mostruosità che attraversano i manufactorum. I giganti lottano per giorni e cadono sia bio-mostruosità che macchine da guerra metalliche, ma col tempo i difensori di Gryphonne IV iniziano a perdere terreno. Nel corso di alcuni giorni, il mondo viene tristemente perso, una calamità senza precedenti per l’Imperium. La Flotta Alveare Leviathan, incurante, continua il proprio cammino. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
195.998.M41: Sottosettore Pandraxx. La Cospirazione di Fulcrum. L’Inquisitrice Lowry dell’Ordo Hereticus riporta l’incontro di tre membri del Capitolo di Space Marine del Caos Signori del Terrore mentre investigava attività sediziose sul mondo formicaio di Fulcrum. I Rinnegati uccidono la maggior parte di una compagnia di soldati FDP, prima di essere subissati e uccisi. L’Inquisitrice Lowry subisce ferite gravi durante gli scontri. (Missioni Operative 5a Edizione)
285.998.M41: Il Commissario Generale Vortigus Hornth, in qualità di Signore della Guerra durante le operazioni del Settore Diatan nel Segmentum Ultima, invia una missiva ai Sommi Signori della Terra con cui comunica le proprie preoccupazioni riguardo alla futilità degli attuali sforzi contro l’avanzata dei Tiranidi.(Codex: Tiranidi 3a Edizione, 4a Edizione)
345-800.998.M41: Sottosettore Pandraxx. I Cultisti del Caos si sollevano in rivolta nel sistema Pandraxx. Le forze imperiali localizzate nel sistema riescono a contenere la rivolta, fino a che non vengono subissate quando una flotta i Space Marine del Caos lancia un attacco a sorpresa in supporto ai ribelli. All’arrivo dei soccorsi mesi più tardi, la flotta rinnegata è scomparsa, lasciando in rovina l’intero sistema di Pandraxx. Meno dell’1% della popolazione umana in vita tra le rovine e la devastazione. (Missioni Operative 5a Edizione)
443.998.M41: Il Kapoguerra Grukk della Waaagh! Rossa approda nel Sistema Sanctus Reach e l’impeto della sua crociata riesce a devastare il mondo capitolare Obstiria per colpire i pianeti successivi. L’Imperium si prepara ad affrontare gli Orki su Alaric Prime, un mondo feudale di arcipelaghi interconnessi e carceri fatiscenti. Quando una flotta di navi-ruggine degli Orki atterra sul pianeta, le Casate di Cavalieri di Alaric guidano i propri alleati Cadiani in un contrattacco mondiale. Le tattiche di Grukk infliggono gravi perdite prima che la leggendaria Lama Errante Gerantius si unisca al conflitto, portando il conflitto in una nuova fase di battaglia disperata. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
3.453.998.M41: Il Gruppo di Combattimento Trajan invia la sua ultima comunicazione tramite l’Astropate Primo Spartax, riferendo vari attacchi di predoni Orki che costituiranno le prime offensive della Terza Guerra di Armageddon. (Codex: Armageddon 3a Edizione)
550.998.M41: Waaagh! Zannaferroza. Il Capitolo Genesis, assieme ai progenitori Ultramarine, affronta e sconfigge la possente Waaagh! Zannaferroza. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
567.998.M41: Sottosettore Pandraxx. Attacco alle Lune di Drathorian. Space Marine del Caos appartenenti alla Legione Nera attaccano e saccheggiano una raffineria spaziale usata per ricavare Promezio dai minerali estratti sulle Lune di Drathorian. La raffineria viene totalmente distrutta nell’attacco. Come i rinnegati della Legione Nera siano arrivati tanto lontano dall’Occhio del Terrore e lo scopo dell’attacco sono ancora soggetti a investigazioni dell’Inquisizione. (Missioni Operative 5a Edizione)
2.707.998.M41: L’Inquisizione trasmette una comunicazione classificata come Secretis Primaris, il quale contiene alcune informazioni su Ahriman e l’ordine di impiegare qualunque mezzo per eliminarlo. (Codex: Space Marine del Caos 3a Edizione)
721.998.M41: Il Magos Explorator Akanar Meirkit crea una rappresentazione del Settore Armageddon successivamente utilizzata durante la Terza Guerra di Armageddon. (Codex: Armageddon 3a Edizione)
0.733.998.M41: L’Inquisitore Kryptman invia al Collettivo Strategico del Munitorum le proprie valutazioni aggiornate sulla minaccia posta dalle Flotte Alveare dei Tiranidi. (Codex: Tiranidi 4a Edizione)
0.736.998.M41: Il Magos Biologis Locard incrocia varie fonti di informazioni, tra cui le osservazioni degli Inquisitori Kryptman e Czevak, per creare una mappa organizzata delle numerose specie e sottospecie Tiranidi. Tempo dopo, l’Inquisitore Angmar invia una comunicazione con cui sostiene che Locard abbia trascinato i propri studi nella paranoia, poiché è impossibile che ogni aberrazione o mostro incontrato nella galassia sia collegabile ai Tiranidi. Ulteriore tempo dopo, Locard viene dichiarato Excommunicate. (Codex: Tiranidi 4a Edizione)
755.998.M41: Una bio-nave solitaria lancia un’invasione contro il pianeta Stormvald. Il Principe Fenice Maugan Ra si erge da solo contro lo sciame e trionfa. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
756.998.M41: Il Mastro di Guerra Shon’tu, precedente comandante di Malodrax, assalta lo spazioforte Sforzo di Volontà con la sua banda da guerra. Gli Helbrute martellano i Magli Imperiali, ma il Cappellano Gannus Roth raduna i difensori; sebbene il perdite siano alte, essi tengono duro finché le Squadre Terminator Assaltatrici si teletrasportano nella mischia. Con martello e scudo, i veterani respingono le macchine demoniache fino ai moli, dove li attendono i cannoni delle squadre Centurion Devastatrici. Shon’tu si ritira giurando vendetta nei confronti del Cappellano Roth. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
757.998.M41: Terza Guerra di Armageddon. Il Signore della Guerra Ghazghkull ritorna su Armageddon alla testa di una Waaagh! nuova e ancora più forte, aprendo il conflitto obliterando dall’orbita il Formicaio Hades. Oltre venti Capitoli, tra cui Furie Bianche, Salamandre, Aquile del Fato, Signori della Tempesta ed Esorcisti, impegnano le proprie risorse nella zona di guerra assediata. Il Commissario Yarrick torna per opporsi al proprio nemico e, sebbene vengano persi miliardi di vite, Ghazghkull viene respinto ancora una volta. Yarrick riparte nella sua caccia. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
998.M41: Durante la Terza Guerra di Armageddon, Illino von Darrack della Legione d’Acciaio serve come comandante del Baneblade Lama Sacra. Muore un anno dopo. (Apocalypse 6a Edizione)
998.M41: Durante la Terza Guerra di Armageddon, diversamente da molti altri Capitoli, le Salamandre combattono per difendere la popolazione civile di Armageddon. Tu’shan stesso si scontra con il Capitano della 1a Compagnia degli Spietati dopo che i suoi guerrieri hanno bombardato un campo profughi per distruggere una pattuglia di Orki Guaztatori che aveva fatto breccia nel perimetro. Basta questo gesto perché Tu’shan e il suo Capitolo guadagnino fama e gratitudine presso la popolazione umana di Armageddon, sebbene le relazioni tra Salamandre e Spietati non siano più le stesse di prima. La maggior parte del Capitolo lascia Armageddon per inseguire Ghazghkull, ma due Compagnie rimangono a proteggere i principali centri abitati, combattendo nella Stagione del Fuoco, quando nessun altro può. Una squadra di Draghi di Fuoco parte assieme agli Angeli Sanguinari per Baal, come guardia d’onore per il defunto Capitano Tycho. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
998.M41: Il 33° Falchi Zetani, accompagnato dal Commissario Krassus, usa i tunnel scavati dal ferrovermi nativi di Balk per isolare e distruggere una banda da guerra di Guerrieri di Ferro nascosta all’interno del proprio covo sotterraneo. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
854.998.M41: La Flotta Alveare Leviathan scende su Shadowbrink, annientando tutti i difensori del pianeta e innescando involontariamente un’incursione demoniaca. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
871.998.M41: Su Galdemor, la violenza commessa dalle legioni demoniache di Braskh’har il Deviato, Araldo di Slaanesh, causa una tale pena da aprire una nuova fenditura Warp. Da essa spuntano le armate di Khal’thar’rak, la Zanna Insanguinata, e una schiera di necrotici Demoni di Nurgle comandata da Ku’gath Padre del Contagio e il Principe Gurglish il Sempremarcescente. Le tre armate combattono sulle spoglie del mondo, non lasciando alcuna creatura in vita nel momento in cui ritornano nel Regno del Caos. (Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
913.998.M41: Sottosettore Pandraxx. La Battaglia della Stazione Trantarion. Gli Space Marine del Caos rinnegati appartenenti al Capitolo Angeli del Dolore che stanno attaccando la Stazione Trantarion vengono ingaggiati dalla quarta e dalla quinta compagnia degli Space Marine delle Scimitarre Rosse. I una battaglia che dura diversi giorni, i Rinnegati vengono sconfitti e obbligati a ritirarsi. Come ultimo gesto di sfida e vendetta, i Rinnegati scatenano un bombardamento di missili sismici e bombe virali, distruggendo la colonia e rendendo l’intero pianeta inabitabile per secoli. (Missioni Operative 5a Edizione)
932.998.M41: La Flotta Alveare Leviathan affronta i reggimenti Catachani sul mondo assassino Jorn V. Pur essendo in inferiorità numerica, i Guerrieri della Giungla Catachani si dimostrano testardamente intraprendenti e rallentano l’avanzata dei Tiranidi abbastanza a lungo da permettere l’arrivo dei rinforzi dell’Astra Militarum e dell’Adeptus Astartes, i quali infliggono un colpo mortale contro la flotta. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
998.M41: Guerra nella Fenditura Gildar. I Teschi d’Argento distruggono una forza d’intervento dei Corsari Rossi; i rinnegati sopravvissuti sbarcano su diversi mondi del Sistema Gildar, ma i Teschi d’Argento non si lasciano ingannare ed epurano l’area nel giro di poche settimane. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
Ca. 999.M41: Si svolge la Caduta di Medusa V. La Rapidità di Van Grothe inizia ad ingrandirsi sempre di più e minaccia d’inghiottire Medusa V. Ciò provoca crescenti insurrezioni che sfociano nella nascita di culti adoratori del Caos. Il Capitano Sicarius degli Ultramarine e il Lord Maresciallo Graf Harazahn della Guardia Imperiale tentano di fermare i disordini, ma ben presto nuove fazioni si uniscono al conflitto, ognuna per i propri motivi. Tra i vari leader invasori ci sono Ygethmor, Lord Stregone della Legione Nera e Prescelto di Abaddon; il Kapoguerra Nazdreg Ug Urdgrub, il Signore Necron noto come Araldo della Tempesta; la Veggente Elarique Lamarapida dell’Arcamondo Alaitoc; la razziatrice Drukhari No’akei, Figlia del Dolore a un tempo ancella di Asdrubael Vect; l’Etereo Tau Aun’T’Pel. Le perdite sono gravi per ogni schieramento e ogni fazione riesce a raggiungere parte dei propri obiettivi, tra cui l’Imperium che riesce ad evacuare la maggior parte della popolazione, ma alla fine il pianeta è insalvabile e viene inghiottito dalla Rapidità. (La Caduta di Medusa V e sua conclusione)
999.M41: Il soldato Douro del 29° Dragoni Pyrani viene sottoposto a interrogatorio da parte del Colonnello Montague e dal Sergente Bullen in seguito a uno scontro con i Necron. (Chapter Approved 2001)
999.M41: La Falange, la fortezza stellare dei Magli Imperiali che funge anche da fortezza-monastero in orbita attorno alla Terra, viene assediata quando il Mastro di Guerra Shon’tu e i suoi alleati demoniaci emergono da una fenditura Warp apertasi nel cuore della nave. La battaglia erutta quando la nuova 3a Compagnia interviene per respingere gli invasori, ma non riuscendo a fermare il massacro perpetrato dal Principe Demone Be’lakor. Shon’ru si dirige verso i ponti delle armi con l’obiettivo di sfruttare la potenza di fuoco del vascello contro il Palazzo Imperiale. Senza abbastanza forze per fermarlo, i Magli Imperiali effettuano una traslazione d’emergenza nel Warp. La battaglia sulla Falange continua e il vascello infestato sembra destinato all’oblio, ma a un certo punto i ponti inferiori vengono immersi in ondate di fuoco spettrale che ardono i Demoni. Un numero senza precedenti di Legionari dei Dannati si aggira per corridoi della fortezza e rinforza le truppe imperiali, le quali sferrano un contrattacco. (Codex: Legion of the Damned 6a Edizione)
999.M41: Quando il gruppo di battaglia Cadiano “Lama di Creed” si candida volontariamente per una controversa contro-invasione nell’Occhio del Terrore al fine di destabilizzare le armate demoniache che si stanno ammassando sul mondo infernale Voidsoul, molti strategos d’alto rango considerano i Cadiani condannati ad un’orribile e futile morte. Tristemente, i loro calcoli si dimostrano corretti. Migliaia di Guardie muoiono nel terrore e nel dolore dopo le prime ore d’invasione. Quando i Demoni iniziano a circondare i Cadiani, però, accade qualcosa di incredibile. Per un momento, sagome dai lunghi arti appaiono tra le fiamme verdognole di Voidsoul, poi dal nulla giungono branchi di creature lupoidi affamate, le loro fauci schioccanti e i loro artigli bagnati di sangue. A malapena bipedi e con addosso pezzi di armature potenziate rotte, le bestie coperte di pelo assaltano le legioni demoniache con furia selvaggia. Anche le figure erette e tronfie che si aggirano tra loro risultano terribili da guardare. Le poche Guardie che riescono a tornare vive fino al Cancello Cadiano parlano di soccorritori ferali con tono sommesso, poiché, se essi fossero stati davvero i confratelli perduti dalla 13a Grande Compagnia dei Lupi Siderali, allora erano terrificanti tanto quanto i Demoni. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
999.M41: Kaldor Draigo ritorna da solo su Acralem per liberarlo dalle grinfie di M’kar il Rinato. (Codex: Cavalieri Grigi 5a Edizione)
999.M41: La campagna di Carnac. Anrakyr il Viaggiatore pensa di essere giunto sul Mondo Tomba Carnac, ma trova il pianeta infestato da Eldar Esoditi. Capendo che la tomba è sepolta troppo in profondità (se fosse ancora presente) per risvegliarla prima che gli Esoditi richiedano aiuto, Anrakyr supplica i Lord e i Signori Supremi di altri mondi tomba di aiutarlo. I rinforzi arrivano rapidamente da Mandragora, Gidrim e Trakonn, ma il contingente più inaspettato di tutti è quello di Solemnace, comandato da Trazyn l’Infinito in persona. Tutto ciò, però, richiede tempo e quando il Falce della Notte schiera le proprie forze, le armate dell’Arcamondo Alaitoc sono già al fianco degli Esoditi. Gli Eldar, guidati dalle profezie del Veggente Eldorath Flagellodistelle e dalle strategia di Illic Lancianotturna, cercano di fermare l’invasione dei Necron con una serie di attacchi mordi e fuggi. L’obiettivo è menomare la struttura comando distruggendo Anrakyr e gli alleati più stretti, ma il Lord di Pyrrhia riesce a sovvertire le profezie del Veggente attraverso le analisi astromantiche di Orikan il Divinatore. nonostante queste ultime non siano precise quando quelle degli Eldar, sono sufficienti a ingarbugliare la matassa del fato e a celare alcuni dettagli al Veggente. In questo modo i Cercavia arrivano alla presunta locazione di Anrakyr, solo per trovare al suo posto squadre di Necrocecchini pronte a far scattare l’imboscata. Dopo svariate battaglie inconcludenti sulle verdeggianti pianure di Carnac, Anrakyr costringe gli Eldar a ingaggiarlo faccia a faccia marciando sul tempio del Mondo Spirituale. Mentre le instancabili legioni necron avanzano sulle mura, i Falce del Giudizio duellano nei cieli con i caccia degli Eldar, i Necrocecchini sono impegnati in un letale gioco di agguati e contrattacchi con i Cercavia di Alaitoc e gli Scorticati attaccano i fianchi, abbattendo i nemici che mostrano un momentaneo segno di debolezza. Le due fazioni sono allo stallo e la resistenza dei Necron controbilancia i precisi attacchi degli Eldar. Infine, i Necron si aggiudicano la vittoria nel momento in cui la tomba di Carnac inizia inaspettatamente a risvegliarsi a causa del tumulto soprastante. Quando i rinforzi robotici entrano nella campagna, gli Eldar non possono far altro che lasciare Carnac e il suo Mondo Spirituale all’avversario. Anrakyr è in giubilo in seguito alla campagna e accetta con piacere quando Trazyn richiede l’intero mondo Spirituale come bottino di guerra. Orikan, invece, non pretende nessun trofeo o pagamento, ma si limita a sperare che quando l’esaltazione della vittoria sarà passata, nessuno si chieda per quale fortuita coincidenza Carnac si sia risvegliato. (Codex: Necron 5a Edizione)
999.M41: Lukas l’Ingannatore e i suoi Artigli Insanguinati vengono esiliati nel Sistema Elixir dall’inflessibile Lord Lupo Dvorjac. Un verdeggiante mondo agricolo, un tempo Elixir era ricco di ferro, ma i pelleverde che lo infestano lo hanno scavato fino all’esaurimento. Ancor peggio, l’auto-proclamato genio che li comanda, Megamek, non è stato con le mani in mano. Lattine Azzazzine, Kalpezta e Gargant di ogni forma e dimensione camminano sul paesaggio planetario. La Waaagh! Megamek è pronta a lanciarsi nella galassia. Radunando i cati su Elixir, Lukas scopre l’esistenza del Climatropo, un antico costrutto SPM posizionato sulla cima del mondo che mantiene sempre il clima del pianeta su livelli temperati. Comandando i propri Artigli Insanguinati, Lukas rischia la vita in un assalto tramite reattori dorsali nel complesso infestato dagli Orki che contiene il Climatropo. I giovani guerrieri si scavano la via fino alla stanza di controllo del Climatropo e lo distruggono con gruppi di granate perforanti prima di sfondare il soffitto di vetro e raggiungere la sicurezza della propria Thunderhawk. Nelle settimane seguenti, la temperature di Elixir si abbassa regolarmente e non passa molto tempo prima che l’intero pianeta sia consumato dalle tormente e dalla grandine. I mostri metallici di Megamek cominciano a corrodersi e a cadere a pezzi. Quando Lord Djorvac e la sua Grande Compagnia arrivano per assestare il colpo di grazia alle forze di Megamek, trovano delle condizioni artiche da loro molto gradite. (Codex: Lupi Siderali 5a Edizione)
999.M41: La Bioeliminazione. Usando il congegno chiamato Cuore di Fuoco, Biel-Tan e Iyanden si uniscono per incenerire Dûriel e decine di mondi degli Orki e dell’Imperium nel sistema Octarius. Le loro azioni negano alla Flotta Alveare Leviathan preziosa biomassa e provocano la distruzione di uno dei suoi tentacoli. (Codex: Eldar 6a Edizione; Codex: Craftworlds 7a Edizione)
999.M41: L’Ascesa della Fenice. I Principi Fenice si riuniscono per la prima volta dopo millenni. (Codex: Craftworlds 7a Edizione)
005.999.M41: Ritorno su Damnos. (Codex: Space Marine 6a Edizione; Zona di Guerra di Apocalypse: Damnos)
999.M41: I Signori della notte corrompono metà della guarnigione planetaria di Thracia. La 4a Compagnia degli Ultramarine, al comando del Capitano Idaeus, risponde insieme ad una forza di Guardia Imperiale. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
010.999.M41: Uriel Ventris succede il Capitano Idaeus come comandante della 4a Compagnia degli Ultramarine. Sopravvive meno di un quinto degli Ultramarine assegnati all’operazione e tra le perdite vi è pure il Capitano Idaeus, il quale lascia il comando dei sopravvissuti al Sergente Uriel Ventris. Nel corso dei due mesi seguenti, l’armata Imperiale riesce prima a riprendere la capitale Mercia e poi a riprendere il controllo del pianeta. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
4.105.999.M41: Dei rapporti indicano che una singola Guardia Catachana di nome Marbo sia responsabile della totale distruzione del Gargant Gorkanought. Essi vengono scartati come “improbabili” dal Comando di Segmentum. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
200.999.M41: Kryptman intraprende una missione pericoloso sul mondo labirinto di Carpathia. Guidando svariati Kill Team della Deathwatch nel cuore delle caverne, Kryptman riesce a catturare una nidiata di Genoraptor viva e ad inserire in un campo di stasi, sebbene muoiano molti Space Marine nel tentativo. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
303.999.M41: Il Capitano Sicarius degli Ultramarine guida un’armata contro l’espansione Tau. Una crociata di trenta Capitoli respinge i Tau da dozzine di mondi imperiali, ma viene richiamata prima che possa completare il lavoro. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
3.350.999.M41: Il Colonnello Schaeffer conduce la 13a Legione Penale, il cosiddetto Manipolo dell’Ultima Possibilità, su Mondo Demoniaco Paradiso del Folle per cacciare il Principe Demone Mk’Irathirix. Ritornano solo due sopravvissuti. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
5.432.999.M41: Il Genetor Secundus Zachary Santiago scrive il documento intitolato “Cogitazioni sul processo evolutivo e sull’eresia tecnologica della razza Tau”. (Codex: Tau 3a Edizione)
456.999.M41: Il mondo fortezza Kelthorn si converte al Caos e dozzine di reggimenti di Guardia Imperiale vengono inviate per sedare l’insurrezione. Il 39° Cadiano assalta la capitale del pianeta Fellguard, ma vengono respinte quando i Demoni sorgono dalle paludi insanguinate per macellare tanto le Guardie quanto i Cultisti. Solo quando il Grande Immondo alla loro testa viene ucciso dall’eroismo del Castellano Blakov, allora la marea demoniaca recede. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
512.999.M41: Un plotone del Caos attacca il trasporto pesante Imperiale Lama Penitente mentre si dirige verso le zone di guerra di Heloeum. Quando il vascello viene abbordato, i Nobili della Casata Krast salgono sui propri Cavalieri e si preparano a respingere gli Space Marine traditori. Nei vasti corridoi di carico della nave, i Cavalieri schiacciano i traditori sotto i propri piedi e fanno esplodere l’avanguardia di Terminator e Helbrute. Quando una nuova ondata di invasori giunge sulla Lama Penitente, i Nobili ordinano la chiusura dei corridoi di carico affinché possano ingaggiare le scialuppe d’assalto in arrivo. Con le loro navi disperse e distrutte, i traditori si ritirano nel vuoto. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
565.999.M41: La 3a Compagnia dei Magli Imperiali subisce orribili perdite per mantenere la presa sul pianeta Hydra Cordatus contro gli odiati Guerrieri di Ferro. Alla fine tutti i difensori vengono massacrati. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
650.999.M41: Kryptman e i suoi alleati abbordano il relitto spaziale Fiamma della Perdizione e lasciano il proprio carico di Genoraptor catturati. Successivamente, Kryptman ordina la distruzione della luna di Gheist, dirottando il percorso del relitto spaziale verso l’impero orkesco di Octarius. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
672.999.M41: Il Sole Nero. Il Capitolo Esorcisti interviene per affrontare le incursioni demoniache presso la stella Sirie. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
674.999.M41: Ritorno ad Abheilüng. (Codex: Cult Mechanicus 7a Edizione)
718.999.M41: La Guerra di Octarius. (Codex: Tiranidi 6a Edizione)
721.999.M41: Vengono stilate le forze dell’Imperium e degli Orki durante la Terza Guerra di Armageddon. (Codex: Armageddon 3a Edizione)
757.999.M41: La Terza Sfera d’Espansione continua nei pressi del Golfo di Damocles con la Campagna Prefectia e la Seconda Campagna di Agrellan. Il Maestro Capitolare Corvin Severax della Guardia del Corvo viene ucciso dalla Comandante Shadowsun e sostituito da Kayvaan Shrike, Il Sommo Etereo Aun’Va viene assassinato da un Culexus e Agrellan viene sottoposto a bombardamento. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Zona di Guerra di Apocalypse: Damocles; War Zone Damocles: Kauyon; War Zone Damocles: Mont’ka)
999.M41: Per contrastare l’Impero Tau e i loro sforzi nella Guerra del Goldo di Damocles, l’Ordo Xeno ordina un’operazione d’eliminazione ausiliari sul mondo giungla Jach così da diminuire i possibili rinforzi Kroot. Il Sommo Inquisitore Heiss-Alumin effettua una traslazione Warp verso Jach e guida otto reggimenti di Figli Tempestus sul pianeta. Essi si dividono in varie forze d’attacco incaricate d’uccidere i leader dei Kroot ovunque si trovino. Purtroppo per loro, l’Inquisitore sottovaluta la situazione e non sa che i Modellatori siano protetti da gruppi di cecchini Kroot con grande esperienza, da una delegazione della Casta del Fuoco e numerosi sciami di droni. Le forze imperiali vengono sopraffate e solo l’88° Fenici Kappiche riesce ad abbandonare Jach quando viene ordinata la ritirata. I Kroot imparano molto mangiando il cervello di Heiss-Alumin e le Fenici imparano a loro volta qualcosa sul proprio nemico. Prima della fine del mese, gli eserciti imperiali nel Golfo di Damocles ricevono una nuova dottrina anti-Kroot. (Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
1.768.999.M41: La Stazione di Ricerca Biomedicae Nuova Hallefuss del Capitolo chiamato Legione Draco effettua degli studi su alcuni esemplari di Tiranidi precedentemente catturati dalla 1a Coorte di Viverne comandata dal Sacerdote Drago Tanner, la quale sfrutta i generatori di campo stasi prodotti dalle fabbriche del Grande Artefice Keplar. (Codex: Tiranidi 3a Edizione)
3.789.999.M41: Il Lord Maresciallo Graf Harazahn di Vostroya raduna le forze della Guardia Imperiale e assume il comando generale dell’armata. Le forze del Lord Maresciallo sconfiggono gli Eldar presso i Cancelli di Balcarhsa. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
795.999.M41: Nei Settori che costeggiano il Sistema Cadiano, relitti spaziali appestati emergono dal Warp e si muovono verso i mondi Imperiali interni. Benché molti vengano distrutti, alcuni raggiungono la propria destinazione e delle terribili piaghe zombi prendono il sopravvento. Le forze di difesa planetaria vengono sopraffatte mentre i morti vengono vomitati da ansanti pozze pestilenziali per consumare i vivi. Sorgono culti dell’apocalisse, i quali proclamano la fine dei giorni. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
854.999.M41: Ultramar subisce un rinnovato attacco delle forze del Caos. M’kar il Rinato, racchiuso ancora una volta in un corpo mortale, conduce il massacro su Talassar. Quintarn viene invaso dalle armate della Stirpe di Sangue, mentre Calth viene assediato dai Guerrieri di Ferro, e altri condottieri del Caos attaccano Espandor e Tarentus. Marneus Calgar richiama tutte le forze degli Ultramarine per difendere Ultramar, inviando Compagnie Operative rinforzate su ogni pianeta sotto minaccia. Egli si unisce alla 2a Compagnia su Talassar, deciso ad uccidere M’kar altre cento volte se necessario. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
870.999.M41: L’Occhio della Vendetta. In una dimostrazione esemplare delle proprie abilità, il Sergente Esploratore Telion muta le sorti della guerra su Quintarn. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione)
884.999.M41: La 5a Compagnia degli Oscuri, guidata dal Maestro della Compagnia Balthasar, affronta gli Space Marine del Caos del Massacro Cremisi per il controllo della Pietra Fuoco Infernale. Durante il proprio terzo incontro, Balthasar riesce a uccidere il Condottiero del Caos Sevastus Kranon, non sapendo di non aver ucciso il vero Kranon. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione; Dark Vengeance, di Christian Dunn; Crimson Slaughter – A Codex: Chaos Space Marines Supplement)
890.999.M41: Mentre pazzia e morte si diffondono attraverso il Cancello Cadiano, l’orrore e lo zelo echeggiano nell’Immaterium. La tempesta Warp Baphomael si espande rapidamente nel Sistema Cadiano, portando con sé visioni di mondi in fiamme sopraffatti da schiere demoniache. I misteriosi piloni Cadiani iniziano a risonare ad ampiezze simili a quelle dei Campi Gellar, inoltre viene scoperto il formarsi di alcune crepe spesse quanto capelli. Dei mondi periferici, inclusi Dentor, Sarlax e Amistel vengono lasciati sotto forma di gusci anneriti a causa di misteriosi razziatori. Su Lelithar, un demagogo dal terrificante potere conduce i fedeli all’eresia. Attraverso il sistema, forze di difesa planetaria e guarnigioni Cadiane tentano disperatamente di sedare le crescenti ribellioni. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
970.999.M41: Le Falci dell’Imperatore emergono dall’ombra della Flotta Alveare Kraken ed annunciano che il loro Capitolo rinascerà. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
2.975.999.M41: La Tredicesima Crociata Nera di Abaddon il Distruttore si apre con il tradimento dei Catafratti Volscani su Cadia e la Battaglia dei Campi di Tyrok. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione)
3.978.999.M41: Il reggimento d’artiglieria pesante 45° Armageddon decima le orde orkesche su Minerva. Su ognuno dei proiettili sparati dalle potenti armi d’assedio viene inciso il nome di uno dei martiri del Formicaio Hades. I soldati del reggimento credono che, così facendo, gli spiriti di quei coraggiosi guerrieri possano avere la propria vendetta contro i nemici dell’Imperatore. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
980.999.M41: Una vasta flotta di Space Marine del Caos guidata da Huron Cuorenero emerge dal Maelstrom e assedia i sistemi Chogoris, Kaelas e Sessec. Le voci affermano che le forze traditrici eguaglino quelle delle antiche Legioni, e molti Capitoli vengono inviati ad affrontarle. (Codex: Space Marine 5a Edizione, 6a Edizione; Codex: Space Marines 8a Edizione; Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
982.999.M41: Un’increspatura d’attività psionica passa attraverso l’Imperium risvegliano i poteri dormienti di molti psionici latenti nella galassia. Il contraccolpo risultante crea innumerevoli fenditure Warp e molti pianeti vengono persi a causa delle incursioni demoniache. La Stirpe dei Mille viene avvista in numeri senza precedenti mentre l’apocalisse psionica fa il suo corso. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
3.982.999.M41: Il 56° Mordiano si dimostra fondamentale nella sconfitta dei ribelli durante la Rivolta di Komarl. Il reggimento di Guardia di Ferro giustizia un decimo della popolazione rimanente per aver fallito nei propri doveri nei confronti dell’Imperatore. Il timore di ulteriori rappresaglie provenienti dalla guarnigione Mordiana lasciata su Komarl assicura l’assenza di ulteriori azioni recidive. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
5.985.999.M41: Numerosi reggimenti Catachani organizzano una prolungata campagna di guerriglia sul pianeta Cytheria dopo che il governatore planetario diserta per unirsi all’Impero Tau. Cecchini del 51° Catachano “Vipere Nere” eliminate il leader Tau, infliggendo un colpo critico al morale degli alieni. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
986.999.M41: I Tecno-Preti custodi in servizio nel Palazzo dell’Imperatore scoprono una falla nei meccanismi del Trono d’Oro. Vengono inviate immediatamente decine di spedizioni, inclusa una processione da guerra xanthita, che si avventura tramite il Portale Exhubris. Gli Xanthiti affrontano Troupes di Arlecchini ed orde demoniache prima di raggiungere la destinazione. Nei sepolcrali antri di Commorragh viene stretto un oscuro patto. L’Inquisitore Erasmus Crowl, con l’aiuto dell’Interrogator Luce Spinoza e di altri suoi agenti, indaga sul Culto del Falso Angelo, sulla sparizione degli Inquisitori Phaelias e Quantrain e sui cadaveri ritrovati vicino alle mura della zona esterna del Palazzo Imperiale, scoprendo la presenza di un Homunculus dei Drukhari sulla Terra, accompagnato da carcasse e grotteschi. Successivamente, scopre che Quantrain fosse, in realtà, un’Inquisitrice di sua conoscenza che aveva preso parte all’organizzazione del patto tra Imperium e Drukhari. Tale patto prevedeva la donazione di tecnologie, anime e pianeti alle congreghe degli Homunculus in cambio della presenza di uno dei loro agenti, il quale avrebbe dovuto parlare con i tecno-preti addetti alla manutenzione del Trono d’Oro per capire se fosse possibile risolvere il problema. L’Inquisitrice e l’Homunculus presente vengono uccisi, ma quest’ultimo promette che arriveranno altri come lui. (Codex: Cult Mechanicus 7a Edizione; Vaults of Terra: The Carrion Throne, di Chris Wraight)
990.999.M41: Mondi imperiali nel sud galattico vengono colti nel fuoco incrociato degli Arcamondi Saim Hann e Biel-Tan e degli Orki di Octarius. Guardia del Corvo, Furie Bianche e Salamandre si uniscono per difendere i pianeti coinvolti dagli alieni. Gli Eldar usano armi cataclismiche per creare una fascia di mondi morti che possa arrestare la diffusione della Flotta Alveare Leviathan. (Codex: Space Marine 5a Edizione)
6.990.999.M41: Ornsworld viene attaccato dagli Space Marine del Caos rinnegati dei Cavalieri del Sangue. In una crudele ripetizione degli orrori inflitti durante la Guerra Gotica, oltre il novanta percento della popolazione viene massacrata prima che arrivino i rinforzi della Guardia Imperiale. (Codex: Guardia Imperiale 5a Edizione)
992.999.M41: Innumerevoli ribellioni si scatenano simultaneamente attraverso il Segmentum Pacificus in quella che diventa nota come Notte delle Mille Ribellioni. Nonostante i coraggiosi sforzi delle guarnigioni di Guardia Imperiale, anche le apparentemente sicure roccaforti di Enceladus, Darkhold e Minisotira vengono sopraffate. Anche il Capitoli dei Leoni Sprezzanti trova il proprio pianeta insorto. Il panico si diffonde quando i contatti vengono persi con grandi porzioni del Segmentum e numerose forze di Space Marine del Caos cercano di trarne vantaggio. Tempo dopo, la ribellione su Enceladus viene sedata grazie all’840° Cadiano. (Regolamento di Warhammer 40.000, 6a Edizione; Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Codex: Demoni del Caos 6a Edizione; The Battle of Tyrok Fields, di Justin D. Hill)
994.999.M41: Dopo una serie di razzie che riduce la guarnigione della titanica fortezza-monastero dei Marine Errant ad una singola Compagnia, Huron Cuorenero invia i propri alleati Signori della Notte ad infiltrarsi nella fortezza per spegnere gli scudi e i laser da difesa. Teletrasportandosi nell’orbita bassa, i Terminator del Caos lancian un assalto diretto all’apothecarion mentre Huron si muove per rubare le reliquie del Capitolo. Indecisi sulle priorità, gli Space Marine vengono sopraffatti e non riescono a respingere l’invasione. I Corsari Rossi si ritirano con quasi tutto il seme genetico del Capitolo, condannando i Marine Errant a una lenta disfatta. (Codex: Space Marine del Caos 6a Edizione)
994.999.M41: L’Alto Comando Cadiano invia una forza di Figli Tempestus verso i confini dell’Occhio del Terrore nel tentativo di colpire per primi. Atterrando sull’ottenebrato mondo di Urthwart, la forza di spedizione non trova alcun segno di vita finché non raggiunge i primi rifugi planetari. Quando le porte si aprono, un miliardo di morti lamentosi si riversa fuori dall’oscurità. Nel frattempo, in orbita, una vasta armata traditrice esce dall’Empyreo e i suoi elementi d’avanguardia annientano completamente i trasporti della spedizione in un’inevitabile tempesta di siluri plasma. (Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Codex: Militarum Tempestus 6a Edizione)
995.999.M41: La 13a Crociata Nera. Diversi Capitoli degli Space Marine convergono sui settori attorno all’Occhio del Terrore in un disperato tentativo di respingere le empie forze di Abaddon il Distruttore. Alcuni affermano che il Tempo della Fine sia giunto, ma gli Astartes restano saldi di fronte al loro più grande nemico. (Codex: Space Marine 6a Edizione; Codex: Astra Militarum 6a Edizione; Codex: Demoni del Caos 6a Edizione)
995.999.M41: Secondo l’Oracolo Oscuro Luther, molti Caduti sono tra le armate di Abaddon coinvolte nella 13a Crociata Nera. La Roccia si dirige verso il Settore Cadiano. (Codex: Angeli Oscuri 6a Edizione)
995.999.M41: Le Casate Krast e Arokon si uniscono alle forze Imperiali che si stanno dirigendo verso il Cancello Cadiano. Si teme la perdita dei Cavalieri della Casata Arokon a causa delle feroci maree della tempesta Warp Baphomael, ma presto giungono notizie riguardanti quattro distaccamenti di Cavalieri dai colori della Arakon che paiono aver distrutto due grosse formazioni di corazzati d’assedio dei Guerrieri di Ferro con giusta furia. (Codex: Cavalieri Imperiali 6a Edizione)
995.999.M41: L’Ascesa del Caos. Abaddon il Distruttore lancia la più grande invasione dello spazio reale mai vista. Ulthwé aspetta da molto questo momento e guida la sua gente in guerra. Gli Eldar infliggono tremendi danni alle Legioni di Space Marine del Caos su dozzine di mondi, subendo perdite insostenibili dal contrattacco dei servi del Grande Nemico. La conta dei morti è sempre più alta e non si intravede la fine. (Codex: Craftworlds 7a Edizione)
995.999.M41: La Tempesta d’Odio guida in difesa di Cadia una flotta composta da cinque compagnie dei Magli Imperiali in risposta alla 13a Crociata Nera di Abaddon. (Codex: Space Marine 6a Edizione)
999.M41: Campagna di Diamor. (Black Crusade: Traitor’s Hate; Black Crusade: Angel’s Blade)
999.M41: I Wulfen della 13a Grande Compagnia dei Lupi Siderali tornano nella galassia e il Capitolo li recupera. Grandi invasioni demoniache devastano il Settore Fenris e Logan Grimnar risulta disperso. (War Zone Fenris: Curse of the Wulfen)
999.M41: Assedio del Sistema Fenris. Midgardia viene distrutto, perdono la vita il Lord Lupo Egil Iron Wolf e il Gran Maestro dei Cavalieri Grigi Valdar Aurikon, mentre Magnus il Rosso riesce ad accumulare abbastanza energia dal sistema in modo da portare Sortiarius, il famoso Pianeta degli Stregoni, all’interno dello spazio materiale, per la precisione nelle vicinanze di Prospero. (War Zone Fenris: Wrath of Magnus; Warhammer 40.000, Regolamento di 8a Edizione)
999.M41: Formazione degli Ynnari e creazione dell’Yncarne, Avatar di Ynnead. L’Arcamondo Biel-Tan viene parzialmente distrutto. (Gathering Storm: Fracture of Biel-Tan)
999.M41: Cadia viene distrutto in seguito ad un nuovo attacco della 13a Crociata Nera. I sopravvissuti incontrano gli Ynnari sulla luna Klaixus e si rifugiano nella Rete per raggiungere il Regno di Ultramar. (Gathering Storm: Fall of Cadia; Gathering Storm: Fracture of Biel-Tan)
999.M41: L’Occhio del Terrore si espande e crea la Cicatrix Maledictum lungo tutto il diametro della galassia. L’Astronomican non riesce a penetrare nella parte nord-orientale della galassia, causando l’evento noto come Noctis Aeterna. Successivamente, tale parte di galassia prende il nome di Imperium Nihilus o Imperium Oscuro. (Warhammer 40.0000, Regolamento di 8a Edizione)
999.M41: Durante la Noctis Aeterna, svariate navi e due intere Compagnie dei Guerrieri Aquila vengono dichiarate disperse. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
999.M41: L’apertura della Grande Fenditura e l’arrivo della Noctis Aeterna accadono mentre le Furie Bianche stanno difendendo Chogoris da un attacco. L’intero Sotto-Settore Yasan cade sotto l’attacco di Cuorenero e, quando i Demoni si manifestano dalla crescente oscurità,sembra che i figli di Jaghatai Khan combattano la loro ultima battaglia, ma un’altra flotta giunge prima che le stelle si anneriscano. Arrivando tardi dalla loro guerra contro i Tau nella Frangia Esterna, Kor’sarro Khan guida la propria confraternita in una carica inaspettata che interrompe l’assedio della catena montuosa di Khum Karta che circonda Quan Zhou, la fortezza monastero delle Furie Bianche. Con il loro assedio distrutto e un intervallo di calma nelle tempeste Warp all’orizzonte, le forze del Caos si ritirano. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
999.M41: Yvraine e Belisarius Cawl riescono a resuscitare Roboute Guilliman, il quale prende il comando della Campagna di Ultramar e poi raggiunge la Terra attraverso la Crociata Terrestre, riottenendo il rango di Lord Comandante dell’Imperium. (Gathering Storm: Rise of the Primarch)
999.M41: Roboute Guilliman rivela il progetto degli Space Marine Primaris dando il via alla Fondazione Ultima e iniziando i preparativi per la Crociata Indomitus. (Warhammer 40.0000, Regolamento di 8a Edizione)
999.M41: Mentre Guilliman organizza ciò che sarebbe diventata la Crociata Indomitus, la Grande Fenditura squarcia la galassia. Temendo per Ultramar, Guilliman invia a salvaguardare il proprio reame buona parte della schiera di Ultramarine e Capitoli Successori che lo avevano accompagnato fino alla Terra. Con loro andarono i primi Primaris degli Ultramarine. La spedizione chiamata Flotta Vendicatrice e comandata dal Capitano Sicarius affronta tempeste Warp potenti quanto quelle viste durante l’Era dei Conflitti. Con la flotta malridotta e divisa, Sicarius segnala ad ogni nave di raggiungere autonomamente Macragge, l’interferenza tale da temere che molti non riescano a ricevere il messaggio. L’incrociatore d’attacco Emperor’s Will di Sicarius è ancora nel Warp quando l’Astronomican scompare. In mezzo alle ondate di energia psichica che scendono a cascata su tutti i sistemi stellari, viene ricevuta un’ultima trasmissione da parte della Emperor’s Will. Il messaggio frammentato è accompagnato da disturbanti immagini e solo una frase completamente chiara: “Hanno penetrato lo scafo, sono qui.”. Un’intera metà della Flotta Vendicatrice raggiunge Ultramar portando con sé il proprio carico prezioso, ma della Emperor’s Will non rimane traccia. Sicarius riesce a tornare in un momento imprecisato precedente al Trionfo di Raukos nel 012.M42. Durante la sua assenza, Sicarius viene sostituito dal Capitano Acheran. Dopo il suo ritorno, sembra che Acheran mantenga il proprio grado e Sicarius mantenga esclusivamente il suo nuovo grado di ufficiale all’interno della Guardia Victrix. (Codex: Space Marines 8a Edizione, Dark Imperium, di Guy Haley)
999.M41: Combattendo al fianco di Roboute Guilliman, i Magli Imperiali distruggono un’armata di Demoni che osa invadere la Terra. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
999.M41: I mondi santuario del Culto Imperiale vengono bersagliati con particolare malizia dai Demoni e dalle Legioni Traditrici, soprattutto dai Predicatori. Nel tentativo di fermare gli assedi che tengono in ostaggio dozzine di mondi santuario nei Segmentum Solar e Pacificus, i Templari Neri lanciano una crociata dopo l’altra. Nel loro sanguinario tentativo vengono assistiti dalle Mani di Ferro e da svariati altri Capitoli di Space Marine, oltre a tutte le forze che l’Adeptus Ministorum riesce a riunire. (Codex: Space Marines 8a Edizione)

M42

M42: Dopo che la scomparsa delle tempeste Warp che avvolgevano il Sotto-Settore Caton dopo l’apertura della Grande Fenditura, viene lanciata la Crociata Aurilla da parte dei Templari Neri, una delle prime crociate ad includere Space Marine Primaris. La Crociata Aurilla viene comandata dal Maresciallo Armond Montfort. Nello stesso momento vengono lanciate anche le Crociate Ophelia VII, Dachsus e Orteg III. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: I Templari Neri decidono di abbattere un’armata di cultisti facente parte della ribellione planetaria in coro sul mondo formicaio Krostein. Gli stregoneschi leader rinnegati fuggono agli attacchi iniziali e si nascono nelle città formicaio densamente popolate, dove evocano alleati demoniaci per poter ricominciare la battaglia. Combattendo attraverso le strette strade dei manufactorum, i Templari Neri capiscono che i loro nemici vengono rimpiazzati alla stessa velocità di quella con cui li uccidono. Con una vera prova per la loro fede e dedizione, i Templari Neri sono costretti a sterminare completamente la popolazione locale per riuscire a superare la minaccia. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: Con le confraternite svuotate dalle perdite e il Sotto-Settore Yasan invaso dai nemici, le Furie Bianche cominciano a raggrupparsi e a pianificare i propri contrattacchi. In quel momento la Crociata Indomitus arriva nel sistema, consegnando i confratelli Primaris delle Furie Bianche per farli unire alla lotta. Con le confraternite rinforzate, nulla può resistere alla loro furia. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: Cercando vendetta per i severi danni inflitti a Chogoris, il Gran Khan Jubal guida un attacco diretto a Seethnar, la vasta stazione spaziale reclamata da Huron Cuorenero come cantiere principale delle sue flotte da guerra piratesche. In un rapido attacco navale, Seethnar viene abbordata in più posizioni, ognuna una squadra da guerra in corsa all’interno della stazione mentre pianta cariche termiche. Dopo un combattimento brutale, Jubal Khan e la sua guardia d’onore raggiungono il cuore di Seethnar e causano danni catastrofici ai suoi reattori plasma, ma rimangono intrappolati dai corridoi che collassano. Il fato del Gran Khan è ancora in fase di accertamento. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: Cercando vendetta contro i Guerrieri di Ferro per i danni inflitti alla Phalanx, i Magli Imperiali attaccano uno dei nuovi mondi fortificati traditori. Aiutati da tre armate di Cadiani e numerose Casate di Cavalieri, anch’esse sfuggite alla distruzione di Cadia, le forze Imperiali penetrano tutti gli otto strati di postazioni difensive e devastano ognuno degli edifici dei Guerrieri di Ferro. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: La Guardia del Corvo impiega Squadre Reiver e assalti tramite Capsule d’Atterraggio nell’attacco alla fortezza del governatore planetario corrotto di Troxx. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: Le tempeste Warp emanate dalla Grande Fenditura oscurano l’intero sistema Largos e, nel seguente vortice, l’Assetato di Sangue Khaz’khul e la sua Legione della Rabbia si materializzano per massacrare e schiavizzare le dense popolazioni di quei mondi. E’ l’intero Capitolo delle Salamandre ad arrivare per fermare i rituali del macello. A sfondare attraverso le mure delle sangue-fabbriche ci sono ondate di corazzati Repulsor seguite da masse di Squadre Aggressor che lavano tutto con fuoco purificatore. Le Salamandre si fanno strada formicaio per formicaio, pianeta per pianeta, liberando coloro che possono essere liberati e vendicano coloro che non possono. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: Quando Safiniyus, un mondo minerario ricco di promezio, cade nelle mani dei rinnegati e dei Signori della Notte, non si sa se i traditori sfrutteranno le ricorse o se semplicemente le negheranno all’Imperium dando alle fiamme il pianeta. Prima che il nemico possa agire, però, la Guardia del Corvo li attacca. Attaccando con l’intero Capitolo, i figli di Corax colpiscono. Squadre Reiver si schierano attraverso paracaduti grav per catturare le centrali elettriche mentre Squadre Inceptor mettono al sicuro le impianto-torri, duellando contro truppe d’assalto nemiche sopra piattaforme alte miglia posizionate sopra i mari di promezio. il Maestro Capitolare Shrike guida così tanti assalti con Thunderhawk che ai nemici pare riesca ad essere in più luoghi contemporaneamente. Scioccati dalla repentinità degli attacchi, i Signori della Notte fuggono, lasciando che rinnegati e cultisti vengano cacciati e uccisi. Nel giro di alcune settimane, il pianeta diventa il primo di molti mondi nel Segmentum Tempestus ad essere liberato dal più furtivo dei Capitoli di Space Marine. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: Le tempeste Warp che scaturiscono dalla Grande fenditura abbandonano il sistema Scyllian, lasciandosi indietro una corruzione indicibile. Con i recenti rinforzi da parte degli Space Marine Primaris, le Mani di Ferro lanciano un attacco su larga scala con l’obiettivo di ripulire i mondi altamente popolati del sistema. Dietro solidi cunei di corazzati Repulsor, le Mani di Ferro avanzano sistematicamente, lasciando solo rovina dietro di loro. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: Vedendo le forze del Caos fortificare pesantemente il precedentemente sterile pianeta Umbrus, le Mani di Ferro sospettano che esso nasconda un passaggio segreto attraverso la Cicatrix Maledictum, la Grande Fenditura che separa Medusa e il nord galattico dalla sacra luce dell’Astronomican. Secondo turni a rotazione, i clan portano la loro potenza corazzata in un assedio alle fortezza che sorvegliano un inusuale cancello costruito sui fianchi delle montagne. Con nessuna difesa capace di sostenere a lungo le pressioni esercitate dalle instabili Mani di Ferro, le fortificazioni degli eretici cadono e le loro linee vengono spezzate. I rinnegati fuggono attraverso il misterioso cancello, ma, mentre le Mani di Ferro si muovono per inseguirli, delle cariche esplosive lasciate indietro fanno esplodere i meccanismi del portale. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: Invasione del Settore Stygius. (Warhammer 40.000, Regolamento di 8a Edizione)
M42: Nel nord galattico di Ultramar, i seguaci di Nurgle stabiliscono il proprio dominio nelle Stelle del Flagello. Da questo alveare di corruzione fuoriescono armate di Demoni accompagnate dalla Guardia della Morte e da innumerevoli rinnegati e cultisti. Tre ripugnanti punte di lancia penetrano in Ultramar, attaccando su centinaia di fronti e portandolo le loro innaturali pestilenze. I difensori di Ultramar combattono coraggiosamente, ma perdono terreno. Gli Ultramarine della Fondazione Ultima arrivano a rinforzare i propri confratelli, ma possono solo rallentare gli attaccanti. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: Gli Angeli Oscuri si scontrano con alcune forze dell’Impero T’au, comprese alcune rimanenze della Quarta Sfera d’Espansione e l’ormai folle Kais, allievo del Comandante Ondapura. (Space Marine Conquests: War of Secrets, di Phil Kelly)
M42: I Lupi Siderali organizzano una spedizione diretta verso Prospero, l’antico mondo natale della Stirpe dei Mille. Indagando tra le rovine, riescono a liberare svariati membri dell’antica 13a Compagnia rimasti ancora intrappolati oltre lo spazio materiale, tra cui il leggendario Lord Lupo Bulveye. (Space Marine Conquests: Ashes of Prospero, di Gav Thorpe)
M42: Helios, Cappellano dell’8a Compagnia degli Ultramarine, affronta le orde degli Orki partecipando alla difesa del Mondo Agricolo Meto. (Space Marine Conquests: Of Honour and Iron, di Ian St. Martin)
M42: Numerose forze provenienti da diversi Capitoli di Space Marine si mobilitano per difendere il Mondo Cardinale Almace, attaccato dalla Legione dei Predicatori. Il Tenente Heyd Calder dei Magli Imperiali riceve da Roboute Guilliman l’ordine di proteggere il pianeta ad ogni costo. (Space Marine Conquests: Apocalypse, di Josh Reynolds)
M42: Aster Lydorran, Bibliotecario dei Magli Imperiali, indaga sulle misteriose morti avvenute sul pianeta Ghyre, situato nel Segmentum Solar. (Space Marine Conquests: Fist of the Imperium, di Andy Clark)
M42: L’Imperium e varie forze delle Legioni Traditrici si scontrano per il predominio sul sotto-settore Talledus. (Risveglio Psichico: Fede e Furia)
M42: Il pianeta Espandor viene attaccato dai Marine della Peste. (Dark Imperium, Capitolo 5)
Ca. 010.M42: La Noctis Aeterna termina attorno a Baal e le tempeste Warp si diradano. Roboute Guilliman riesce a raggiungere il pianeta per aiutare a ripulire l’orbita dai Tiranidi, poi nomina Dante Lord Reggente dell’Imperium Nihilus e infine, dopo un po’ di tempo, riparte per compiere ulteriori progressi nella Crociata Indomitus. A quel punto gli Angeli Sanguinari cominciano la loro purga dei Tiranidi nello Sfregio Rosso. (Space Marine Conquests: La Devastazione di Baal, di Guy Haley)
Ca. 010.M42: Mephiston indaga su un fenomeno che pare interferire con i propri poteri psionici. Il Signore della Morte trova la fonte del disturbo sul pianeta Morsus e affronta i Necron della Dinastia Khenisi. (Mephiston: The Revenant Crusade, di Darius Hinks)
Ca. 010.M42: La Flotta Quintus della Crociata Indomitus affronta i Necron nei pressi dello Snodo Pariah. (Indomitus, di Gav Thorpe)
Ca. 010.M42: Il Sergente Carleon dei Blood Angels guida una delle purghe dei Tiranidi nei dintorni di Baal. (Warhammer 40.000: Battlesector)
012.M42: La prima fase della Crociata Indomitus volge al termine con il Trionfo di Raukos. (Dark Imperium, di Guy Haley)
012.M42: Il pianeta Iax viene attaccato dalle forze demoniache di Nurgle guidate da Ku’Gath, Padre del Contagio. (Dark Imperium, di Guy Haley)
Ca. 012.M42: Battaglia di Hamagora. la 2a Compagnia delle Falci dell’Imperatore, recentemente tornate in forze dopo l’invio di Space Marine Primaris da parte di Guilliman, viene attaccata dai demoni di Nurgle sul pianeta Hamagora. Operando in totale segretezza, i Cavalieri Grigi della 5a Confraternita uccidono il Grande Immondo Gul’gulm’ga’tol e salvano la situazione. Hamagora viene salvato, ma le Falci dell’Imperatore non scoprono mai come. (Codex: Grey Knights 8a Edizione; Dark Imperium, di Guy Haley)
Ca. 012.M42: Per ordine di Guilliman, l’Inquisitrice Greyfax riesce ad ottenere l’Occhio della Notte. (Eye of Night, di Gav Thorpe)
Ca. 012.M42: Yvraine e il Visarca riescono ad infiltrarsi sul Pianeta della Peste e a sottrarre la Mano dell’Oscurità a Mortarion. (Hand of Darkness, di Gav Thorpe)
M42: Gli Ultramarine guidano una coalizione di Capitoli Successori e Casate di Cavalieri attraverso i sistemi vicini. Mentre cercano di liberare sette mondi da una schiavitù demoniaca, il Maestro Capitolare Calgar architetta simultaneamente una campagna mordi e fuggi che punta a distruggere una vasta schiera di Orki prima che raggiunga il mondo forgia Metalica. Usando attacchi rapidi, gli Space Marine vincono centinaia di battaglie, ma riescono solo a rallentare le furiose orde pelleverde, poiché mettono la maggior parte dei loro sforzi sulle legioni demoniache. Tre dei sette mondi bersagliati vengono salvati, ma la maggior parte del sistema Tartella rimane nelle mani dei signori demoniaci. (Codex: Space Marines 8a Edizione)
M42: Imperium, Caos e numerose altre fazioni si contendono il Guanto di Nachmund nei pressi di Vigilus. Durante gli scontri, Marneus Calgar viene ferito terribilmente, ma viene sottoposto alla rischiosa operazione del Rubicone e rinasce come Space Marine Primaris. (Imperium Nihilus: Vigilus Defiant; Imperium Nihilus: Vigilus Ablaze)
M42: Aradryan dell’Arcamondo Alaitoc si unisce alla causa degli Ynnari. (Rise of the Ynnari: Shadows of Heaven, di Gav Thorpe)
M42: I leader degli Ynnari, ancora alla ricerca dell’ultima Spada di Morai-Heg, indagano sul ritorno dell’Arcamondo Ziasuthra. (Rise of the Ynnari: Ghost Warrior, di Gav Thorpe)
M42: Nuadhu Cuoredifuoco, eroe dell’Arcamondo Saim Hann, si unisce alla causa degli Ynnari. (Rise of the Ynnari: Fireheart, di Gav Thorpe)
M42: Yvraine, insieme agli Ynnari, aiuta il Clan Cuoredifuoco nell’affrontare i Necron risvegliatisi su Agarimethea. (Rise of the Ynnari: Wild Rider, di Gav Thorpe)
M42: Gli Ynnari sono ancora impegnati nella loro ricerca e a loro si uniscono sia la famosa Lelith Hesperax che la leggendaria Jain Zar. Asdrubael Vect ordina a un gruppo di Drukhari capeggiato da Drazhar di partire con l’obiettivo di fermarli. Drazhar riesce a uccidere Jain Zar, ma Yvraine riceve la grazia di Ynnead quando resuscita l’Esarca delle Banshee Urlanti Quitui’yenh, la quale diventa la nuova Jain Zar. Rinvigorita e resa più potente dalla combinata benedizione di Khaine e Ynnead, Jain Zar riaffronta Drazhar e lo decapita. Tempo dopo, la Klaivex degli Incubi Dara’kinia Thremense trova il cadavere di Drazhar e ne sottrae l’armatura. Confermando la propria passata identità di Ahrha, ex-Principe Fenice degli Scorpioni Venefici, Drazhar rivive e Dara’kinia unisce la propria coscienza alla mente gestaltica di cui sono dotati tutti i Principi Fenicie, passati o presenti.(Risveglio Psichico: Il Sangue della Fenice; Risveglio Psichico: L’Ascesa della Fenice)
M42: In seguito a feroci scontri con le forze di Colei che ha Sete, gli Ynnari giungono ad una terribile rivelazione: l’ultima spada che cercano si trova nel Palazzo di Slaanesh. (Risveglio Psichico: L’Ascesa della Fenice)
M42: Gli Angeli Sanguinari continuano ad affrontare i Tiranidi nello Sfregio Rosso e i poteri di Mephiston si fanno sempre più potenti e incontrollabili, come se il Signore della Morte stesse diventando lo specchio oscuro del Sanguinor. Dante ritiene di non essere la persona adatta ad attraversare il Rubicone e cede il proprio posto a Mephiston, la cui trasformazione in Primaris pare portarlo alla stabilità. (Dante: Darkness in the Blood, di Guy Haley; Risveglio Psichico: Sangue di Baal)
M42: Balthasar, Maestro della 4a Compagnia degli Angeli Oscuri, perde la vita. Lazarus, il suo successore, unisce le proprie forze a quelle dei Cavalieri Grigi per fermare un malevole rituale della Stirpe dei Mille in atto sul Pianeta degli Stregoni. (Risveglio Psichico: Rituale dei Dannati)
M42: L’Imperium, dei Culti dei Genoraptor e la Quinta Sfera d’Espansione dell’Impero T’au si trovano in uno scontro a tre nei pressi della Distesa di Chalnath, nel Segmentum Ultima (Risveglio Psichico: Il Bene Superiore; Codex: Adepta Sororitas 8a Edizione)
M42: Il Lord Lupo Ragnar Mantonero affronta la Grande Waaagh! Di Ghazghkull Mag Uruk Thraka. I due si scontrano e Ghazghkull viene decapitato, ma Ragnar viene ferito gravemente. Il Dok Pazzo Grotsnik salva Ghazghkull attaccando la sua testa a un nuovo corpo orkesco, ancora più possente di prima, mentre Ragnar attraversa il Rubicone e rinasce come Space Marine Primaris. Tempo dopo, Ragnar decide di non riaffrontare Ghazghkull in prima persona, ma di far schiantare su di lui una stazione orbitale. L’operazione avviene con successo, ma Ghazghkull sopravvive senza problemi. (Risveglio Psichico: Profezia del Lupo; Risveglio Psichico: Saga della Bestia)
M42: Le forze del Mechanicus e delle Casate di Cavalieri Imperiali si scontrano con le proprie controparti caotiche durante la Battaglia di Ordex-Thaag. (Risveglio Psichico: Guerra delle Macchine)
M42: Gli Agenti di Fabius Bile, le forze di Typhus il Viaggiatore e quelle dell’Imperium si scontrano in un conflitto triangolare noto come Guerra del Ragno. (Risveglio Psichico: Guerra del Ragno)
M42: I Necron cominciano ad attivare il primo Snodo Pariah, causando lo “spegnimento” di un’intera area del Settore Nephilim. Il Gruppo da Battaglia Kallides, facente parte della Flotta Primus della Crociata Indomitus, indaga sull’accaduto e scopre le macchinazioni dei Necron, compreso il coinvolgimento del famoso Illuminor Szeras. Durante gli scontri che ne susseguono, il Gruppo da Battaglia Kallides è assistito dalla Lord Inquisitrice Kyria Draxus, la sorella guerriera Ephrael Stern e il suo fedele compagno eldar Kyganil. Poco tempo dopo, il Re Silente Szarekh torna in prima linea dopo aver agito nell’ombra per qualche secolo. (Risveglio Psichico: Pariah; Warhammer 40.000, Regolamento di 9a Edizione)
M42: Typhus il Viaggiatore raduna un’enorme schiera della Guardia della Morte e attacca il Settore Charadon con l’obiettivo di abbattere l’importante mondo forgia Metalica. (Zona di Guerra Charadon: Il Libro della Ruggine)

DISCLAIMER: Il contenuto di questo articolo è frutto di ricerca e non è un’opera ufficiale della Games Workshop che ne detiene i diritti legali e la proprietà intellettuale dei marchi/nomi/eventi citati nell’articolo.
L’intera stesura del documento è ad opera di Nicholas Sacco in qualità di appassionato dell’ambientazione e Player.it pubblica il seguente contenuto come frutto di ricerca e passione per gli argomenti trattati nella IP della GW.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
fortnite google play store

Come scaricare Fortnite dal Google Play Store

MotoGP 20: la recensione con l’intervista e aspettative di un Pro Gamer (PS4)