Sakuna: Of Rice and Ruin | Anteprima (Switch)

anteprima sakuna of rice and ruin

Un po’ action ed un po’ gestionale, tra grinding e farming (nel vero senso del termine), con un look ed un’estetica che pescano a piene mani dal folklore giapponese: sono proprio queste le caratteristiche con cui Sakuna: Of Rice and Ruin si presenta ai nostri occhi.

Il titolo, sviluppato da Edelweiss e pubblicato da Marvelous Inc. ed XSEED Games, uscirà il prossimo 20 Novembre su Playstation 4 e Nintendo Switch, ed il prossimo 10 Novembre su PC (unicamente in versione digitale).

Abbiamo avuto modo di provare in anteprima il videogame: nelle righe che seguono, potrete trovare le nostre prime impressioni sulle avventure di Sakuna e della sua riconquista dell’isola di Hinoe.

La caduta di Sakuna

sakuna of rice and ruin anteprima
Tutto inizia… per un errore!

Sin dalle battute iniziali, impariamo a conoscere quella che sarà la protagonista del gioco: Sakuna. Nonostante le sembianze fanciullesche, si tratta di una dea a tutti gli effetti, caratterizzata da tutta una serie di poteri e, come prevedibile, dall’altezzosità derivante dal suo status divino.

Nel bel mezzo di una solenne cerimonia, la nostra protagonista si imbatte in un gruppo di esseri umani, intenti ad attraversare il ponte magico che collega il loro mondo a quello degli dei. A seguito di alcuni spiacevoli eventi, Lady Kamuhitsuki, la divinità regnante, bandisce Sakuna dal Lofty Realm (il reame degli Dei).

Per porre rimedio ai suoi errori, la piccola dea dovrà recarsi presso l’isola di Hinoe, meglio conosciuta col nome di “Isola dei Demoni”. Il territorio è infatti sotto il completo dominio di demoni feroci e spietati; sarà quindi compito della nostra eroina liberare l’isola dai suoi malvagi occupanti, senza però dimenticarsi della salute e del benessere degli umani da lei incontrati.

Proprio per questa ragione, oltre a condurre la sua eroica impresa, Sakuna dovrà “sporcarsi le mani“, imbracciando la zappa ed apprendendo tutti i segreti dell’arte della coltivazione. Perché anche una divinità ha bisogno di sfamarsi.

Riso da coltivare…

sakuna of rice and ruin prime impressioni
Questa casa sarà la nostra base operativa.

I primi minuti di gioco costituiscono il più classico dei tutorial, in cui ci saranno mostrati i due attacchi di Sakuna (uno leggero e rapido, l’altro pesante e più lento), insieme alla sua sciarpa che, allungandosi, ci permetterà di scivolare alle spalle dei nemici, eseguendo combo spettacolari e, nelle fasi esplorative, di raggiungere determinate aree nascoste.

Non appena metteremo piede sull’isola, invece, dopo una breve boss fight, prenderemo possesso di una casa con un piccolo appezzamento di terra: sarà proprio qui che inizieremo a conoscere il lato gestionale di Sakuna: Of Rise and Ruin.

Per sfamare noi ed i nostri alleati umani, dovremo imparare a coltivare il riso, apprendendo tutte le tecniche necessarie per avere un raccolto più abbondante, e potendo così contare sulle provviste necessarie. Perché si, anche l’alimentazione avrà un ruolo cruciale nella nostra avventura.

Se Sakuna andrà all’avventura “da sazia”, potrà contare sulla rigenerazione della salute persa in battaglia, cosa che invece non avverrà in caso di digiuno più o meno prolungato.

… e demoni da sconfiggere!

sakuna of rice and ruin combattimenti
Tanti demoni da affrontare nel corso della nostra avventura.

Per quanto invece riguarda la parte action, siamo in presenza di un side scrolling piuttosto classico. Proseguendo nei vari stage, dovremo affrontare tutta una serie di demoni che, una volta sconfitti, rilasceranno dei materiali utili per il prosieguo del nostro viaggio. Altre risorse saranno invece disponibili nell’ambiente circostante.

Ogni stage avrà un livello di completamento, spingendo il giocatore ad esploralo a fondo prima di procedere oltre, scoprendo tutte le eventuali zone segrete.

I combattimenti sono piuttosto semplici, e si basano sul colpire l’avversario di turno al momento opportuno e, ovviamente, sullo schivare i suoi attacchi con la sciarpa di Sakuna. Nonostante il combat system sia abbastanza elementare, concatenando attacchi e schivate, potremo assistere a delle combo spettacolari.

Sotto l’aspetto tecnico, c’è ancora qualcosina limare: dai controlli ancora un po’ legnosi ed imprecisi a cali di framerate nelle fasi action più concitate, ma nulla che non possa essere facilmente risolto da qui al day one.

In conclusione, il primo impatto avuto con Sakuna: Of Rice and Ruin è stato decisamente piacevole, rendendoci ancora più curiosi su quali possano essere le evoluzioni della formula creata da Edelweiss.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

trofei playstation 5 ps5 rewards

Su PS5 i trofei sbloccheranno contenuti esclusivi

halloween red dead online

Halloween arriva in Red Dead Online