Marvel’s Avengers | Anteprima

marvel's avengers, marvel's avengers crystal dynamics, marvel's avengers anteprima, marvel's avengers preview, marvel's avengers square enix, Captain America, Iron Man, Vedova Nera

Dopo aver scritto la storia del fumetto, conquistato i cinema di tutto il mondo e creato un mito moderno, gli Avengers sembrano avere tutte le intenzioni di dire la loro nel campo videoludico con un titolo firmato Square Enix/Crystal Dynamics che punta tutto su azione forsennata e cooperazione multiplayer.

A poche settimane dal suo debutto abbiamo messo le mani sulla beta di Marvel’s Avengers, e queste sono le nostre prime impressioni sul suo gameplay.

Vendicatori riuniti!

In Marvel’s Avengers ci troveremo davanti a una classica epopea da Vendicatori Riuniti: nei panni di Kamala Kahn, una giovane mutante, dovremo impegnarci a radunare gli eroi Marvel, che si sono dati alla fuga da anni dopo un inquietante incidente che ha screditato la loro immagine agli occhi dell’opinione pubblica.

marvel's avengers, marvel's avengers crystal dynamics, marvel's avengers anteprima, marvel's avengers preview, marvel's avengers square enix

Un evento tragico, che ha portato la popolazione della città di San Francisco a venire esposta da radiazioni che hanno generato una nuova ondata di mutanti, fra i quali la stessa Kamala. A questo punto a entrare in campo come villain è l’AIM, una misteriosa organizzazione che sembra avere l’obiettivo di gestire la crisi originata dal disastro di San Francisco e al tempo stesso di combattere gli Avengers.

Una storia semplice che permette a Crystal Dynamics di raggiungere il suo obiettivo: far rivivere in game tutta la spettacolarità e il ritmo dei film Marvel, un proposito non certo semplice se pensiamo alla fortuna e alle schiere di fan che questi film hanno saputo mettere assieme.

marvel's avengers, marvel's avengers crystal dynamics, marvel's avengers anteprima, marvel's avengers preview, marvel's avengers square enix

Alla carica!

Per raggiungere il suo scopo, Crystal ha scelto di mettere il giocatore di fronte a una serie di battaglie che si sviluppano in ampi ambienti nei quali dovremo affrontare i nostri nemici in compagnia degli altri membri dei Vendicatori.  

Dopo aver terminato le missioni HARM (a tutti gli effetti una serie di incarichi tutorial per farci impratichire col gioco), Marvel’s Avengers si schiude infatti nella sua vera essenza.

marvel's avengers, marvel's avengers crystal dynamics, marvel's avengers anteprima, marvel's avengers preview, marvel's avengers square enix

Grazie a un tavolo tattico che rappresenta il pianeta terra potremo selezionare una delle tante missioni della trama, che spesso si concretizzano in assalti a laboratori super segreti dell’AIM che potremo affrontare sia in singleplayer che in multiplayer, collegandoci con altri giocatori in tutto il mondo.

Per quanto riguarda quest’ultima feature, potremo o creare party privati invitando i nostri amici oppure joinare party casuali, questi ultimi attraverso un doppio sistema di matchmaking: Quick Match, che ci abbinerà a una squadra che necessiti dell’eroe che stiamo giocando, e Quick Play che invece ci farà impersonare l’eroe che serve in quel momento al team.

Una volta lanciati all’interno delle singole missioni , Marvel’s Avengers ci mette di fronte scontri frenetici che ci hanno sorpreso sia per il divertimento e soddisfazione dati dall’azione, sia dalla profondità di gameplay. Per quanto interpretare il ruolo dei più potenti eroi dell’universo Marvel dia spesso un’idea di onnipotenza, in realtà la frenesia delle battaglie e l’equipaggiamento letale dei nemici ci hanno portato a non sottovalutare affatto l’aspetto tattico della faccenda, suggerendoci di pensare attentamente alle nostre mosse sul campo di battaglia.

Spesso lanciarci sul nemico scatenando tutta la nostra forza o potenza di fuoco ci porterà soltanto a un frustrante game over: meglio quindi prendere confidenza con il sistema di schivate, colpi forti e colpi veloci e attacchi a distanza del quale ogni eroe dispone per affrontare al meglio gli scontri.

A questo va aggiunto che – com’era da attendesi – all’inizio di ogni avventura avremo la possibilità di scegliere il PG giocante, e che ognuno dei personaggi avrà a disposizione un ramificato albero di sviluppo che ci permetterà una buona personalizzazione delle abilità e dello stile di gioco, tale da rendere il gioco vario e divertente.

Infine, due parole sull’IA dei nemici e soprattutto dei compagni, con una piacevole notazione: mai, durante le sessioni di gioco, ha dato l’impressione di essere un impedimento alla nostra avventura, neanche nelle sezioni più concitate e critiche, e questo è davvero un punto a favore della produzione.

marvel's avengers, marvel's avengers crystal dynamics, marvel's avengers anteprima, marvel's avengers preview, marvel's avengers square enix

Un multiplayer solido

Se la meccanica di gioco di Marvel’s Avengers convince, è la sua applicazione al multiplayer a darle davvero un senso compiuto.

Nel corso di una lunga sessione in questa modalità abbiamo infatti potuto notare come tutte le già buone caratteristiche sopra descritte si adattino molto bene alla cooperazione e quanto la tattica di squadra possa diventare uno dei punti di forza del gioco: fra corse forsennate da un punto all’altro della mappa, la necessità di amalgamare i tanti diversi stili di gioco propri dei diversi personaggi e un ritmo delle orde molto costante e pressante, un match tipico di Marvel’s Avengers si caratterizza come un’esperienza divertente e appagante.

marvel's avengers, marvel's avengers crystal dynamics, marvel's avengers anteprima, marvel's avengers preview, marvel's avengers square enix

Inoltre, se sapientemente supportato dal team con eventi tematici o sfide, siamo sicuri che l’ambizioso progetto di Crystal Dynamics possa avere largo seguito e fortuna.

Va inoltre segnalato come nel corso della beta non vi siano stati particolari problemi tecnici rilevanti, altro elemento a favore del progetto.

Anche l’occhio vuole la sua parte

Per quanto il gameplay rappresenti l’aspetto più importante di un titolo del genere, ad averci sorpreso in positivo è stata anche la veste grafica, funzionale e abbastanza briosa da farci godere appieno la spettacolarità degli scontri.

Crystal Dynamics sembra riuscita a ricreare molto bene le stesse atmosfere ed effetti cromatici dei film, e anche alcune scelte di character design che differiscono dalle controparti cinematografiche (pensiamo per esempio ai volti dei personaggi) riescono comunque ad avvicinare l’atmosfera a quella delle pellicole.

A livello tecnico rimane qualche dubbio su un paio di aspetti che crediamo di trovare migliorati entro l’uscita del gioco finale, ovvero una telecamera che spesso durante gli scontri è confusionaria e non aiuta il giocatore e una gestione delle collisioni non soddisfacente.

Commento finale

Marvel’s Avengers è un titolo che ci ha stupito: la sua formula di gameplay, che miscela immediatezza del combattimento e tattica in maniera sapiente, assieme a un comparto grafico capace di restituire al giocatore le atmosfere dei film Marvel, ci hanno regalato alcune ore davvero intense e divertenti. Ci sono ancora alcuni aspetti poco convincenti, come la gestione delle telecamere e quella delle collisioni, ma il lavoro di Square Enix merita tutta l’attenzione degli appassionati del genere, soprattutto se amanti del Marvel Cinematic Universe. A questo punto vi rimandiamo alla nostra recensione completa del gioco e vi ricordiamo che l’uscita è prevista per il 4 settembre 2020.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Xbox Series X, Xbox, console next gen, Microsoft, xbox series s, xbox series s controller, xbox lockhart, xbox lockhart controller

Xbox: avvistato in rete il controller della versione Series S

yoshinori ono produttore di street fighter si dimette da capcom

Yoshinori Ono, produttore di Street Fighter, lascia Capcom