Ci sono molti modi per controllare se una persona è più o meno emotiva, uno di questi prevede di far giocare questa persona ad un titolo notoriamente commovente come To The Moon e registrare le sue reazioni ai vari eventi che si susseguono nel gioco. Questa tecnica permette di analizzare lo spettro emotivo di un essere umano sin nel profondo e capire la resistenza di quest’ultimo al pianto e alla commozione.

Se avete un amico su cui voler testare tale praticamente abbiamo una buona notizia: non dovrete più invitarlo a casa vostra ma potrete vederlo piangere direttamente in metropolitana grazie all’arrivo di To The Moon su Nintendo Switch, in modo piuttosto inaspettato.

Vediamo insieme cosa circonda tale annuncio.

To The Moon, per piangere ovunque in giro per il mondo.

A dare l’annuncio della felice novità è stato un comunicato stampa realizzato da X.D Network e Freebird Games, rispettivamente publisher e software house responsabili del titolo. Il titolo, inizialmente sviluppato attraverso l’utilizzo di RPG Maker è stato trasportato (non senza qualche difficoltà) all’interno dell’ambiente di Unity, estremamente più amichevole nei confronti della console ibrida di Nintendo.

Ecco il contenuto del comunicato stampa:

“To The Moon sta per venire, finalmente, rilasciato sulla sua prima piattaforma nel corso di questa estate!
To The Moon è il primo videogioco di una serie binaria, un videogioco vincitore di premi trainato da una storia che parla di amore e di perdite, con numerosi momenti spezzacuore in   grado di accalappiare i sentimenti del giocatore per farli suoi e trasportare chi gioca dall’intimista inizio alla catartica fine. X.D Network si è occupata di trasportare la magia e le idee dell’originale To The Moon, realizzate su RPG Maker, all’interno del motore grafico Unity per poter mostrare a tutti il titolo su Nintendo Switch.”

To The Moon è il quarto titolo sviluppato dalla piccolissima Freebird Games e, al momento, il loro maggior successo.
La software house canadese si è specializzata nel realizzare titoli a basso budget utilizzando RPG Maker sin da metà degli anni 2000, ove operava in maniera completamente amatoriale.  Dopo aver rilasciato il titolo la compagnia ha prima realizzato A Bird Story, un videogioco connesso al mondo di To The Moon senza continuarne la trama orizzontale per poi rilasciare, nel corso del 2017 quello che è ufficialmente il secondo capitolo del dittico legato ai personaggi di Eva Rosalene e Neil Watts.

I videogiochi di Freebird Games sono sostanzialmente giochi d’avventura con visuale top-down estremamente narrativi, con gameplay scarni basati su enigmi di grande semplicità e sezioni di ricerca di oggetti. Complice una colonna sonora estremamente ben fatta e una narrativa d’impatto, i videogiochi della software house si sono fatti conoscere all’interno del mercato ludico per la potenza emotiva e per essere esperienze semplici e appaganti, destinate a tutte le tipologie di giocatori.

Se fate anche voi parte di quei gruppi di giocatori che cercano l’emozione a ogni costo e non avete mai giocato il titolo in questione preparate i vostri soldini, la release del titolo su Nintendo eShop è lontana solo una stagione e potrete finalmente piangere in qualsiasi parte voi vi troviate. Se non volete aspettare potete recuperare To The Moon su Pc, Ios e Android.

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!