ASUS ROG Phone 2, lo smartphone da Gaming che vi sbalordirà

asus rog phone 2. recensione

Una bella illuminazione led che piace tanto ai gamer, uno schermo grande e nitido, “un aggeggio” per il raffreddamento, una batteria infinita e un refresh rate di 120Hz e raffreddamento a vapore.

No, non sto parlando del nuovo pc Desktop del vostro cuginetto che gioca a Minecraft ma di uno smartphone. Anzi, di una bestia.

Breve panoramica

Asus lancia il suo secondo telefono da gaming, il Rog Phone 2, con stupore fisso il packaging molto curato e accendo il telefono che mi avrebbe accompagnato nei mesi di Ottobre, Novembre e Dicembre nella quotidianità.

Dalla prima accensione l’esperienza che mi si è posta davanti è quella di un Android fortemente customizato da Asus, cinque minuti per la sincronizzazione in cloud con il mio account gmail e sono pronto.

Le specifiche parlano chiaro

OSAndroid 9 ROG Ui PIE
Dimensioni170.99 x 77.6 x 9.78 mm
Peso240g
Processore1x 2.96 GHz Kryo 485 + 3x 2.42 GHz Kryo 485 + 4x 1.8 GHz Kryo 485
ChipsetSnapdragon 855 Plus Qualcomm SDM855 (64 BIT)
GPUAdreno 640
Ram12 GB
Memoria512 GB
Risoluzione1080 x 2340 pixel
SchermoAmoled da 6.59
Fotocamera48 Mp + 13 Megapixel
Sensore1/2″ con apertura F1.8 e F2.4
StabilizzatoDigitalmente
Wi-fi802.11 a/b/g/n/ac/ad
Bluetooth5.0
USBType C 3.1
BatteriaLiPo da 6000 mAh

Il sistema è particolarmente ottimizzato, la batteria (non scherzo) può arrivare a due giorni e mezzo di utilizzo soft e a un giorno e mezzo con utilizzo massivo (con applicazioni succhia batteria), lo schermo è una gioia per gli occhi con un refresh rate mostruoso di 120Hz, il software è ottimizzato e non contiene bloatware di alcun tipo.

Com’è il design?

Per il mio gusto pacchiano ma bello, ha tutto quello che deve avere un buon device disegnato per l’utenza gamer che ha l’occhio abituato ad un’estetica Led centrica.

asus rog phone 2 frontale

Non ha un Notch ma una barra (come i vecchi smartphone) per alloggiare la telecamera frontale, il Design è unico e sicuramente nessuna azienda ha osato così tanto – in un panorama di telefonini che si somigliano tutti – con le sue alette laterali che permettono di propagare al meglio il suono ed evitarvi i tocchi accidentali mentre si gioca, diverse prese d’aria posteriori per la dissipazione del calore.

Lo schermo è un solidissimo Gorilla Glass 6 con un ottimo trattamento oleofobico, sui due lati e in basso avremo accesso a diverse porte USB-C per poter lasciare il device in carica mentre si gioca nella posizione che ci è più comoda (geniale).

Non manca inoltre il Jack 3.5 per le cuffiette per poter utilizzare le proprie cuffie da gaming nelle lunghe sessioni di gioco.

asus rog phone 2 posteriore

Come vanno i giochi?

Bene.

Tramite l’interfaccia dedicata avremo un Launcher con la panoramica sulle temperature, batteria, memoria libera , andamento del clock, ram libera e gestione della dissipazione.

asus rog phone 2 game mode

Nello stesso Launcher potremo lanciare i giochi in tutta comodità in game mode, disattivando quindi chiamate e notifiche per un’esperienza di gioco totalmente immersiva.

Giocare sul Rog Phone 2 è una goduria, principalmente ho provato i vari fortnite e pubg (che sono comunque lockati a 60 fps) e la differenza con il touch and feel e i trigger del joystick in dotazione si sentono tutti.

I vari giochi sotto emulazione girano perfettamente, non c’è un titolo che sia andato a scatti neanche in caricamento, i giochi di corse come l’ultimo Asphalt o NFS sembrano giocati su un PC per quanto sono fluidi.

Sbalorditivo inoltre su DR. Mario, si, magari vi verrà da ridere ma sono il secondo Italiano e cinquantunesimo al mondo, la reattività (in un gioco popolato da cheater idioti che giocano su Bluestack) la fa da padrona, ho scalato letteralmente la classifica grazie alla latenza a zero, ero sempre un passo avanti.

Inoltre il sistema di raffreddamento 3D GameCool II lascerà il vostro cellulare sempre a temperature più che accettabili anche in sessioni di gaming prolungato, se non dovesse bastare c’è un comodo accessorio che aggiungerà dissipazione a ventola nella parte posteriore dove c’è la Adreno e lo Snapdragon.

asus rog phone 2 dissipatore

Come va la fotocamera?

Bene anche lei.

E non è scontato, da un gaming phone non ti aspetti una qualità di immagine simile.

Francamente la fotocamera posteriore è nella media e si colloca tra i cellulari di fascia media, buona sia di giorno che di notte ma non eccelsa come quella dei camera phone, discorso diverso per la fotocamere anteriore che ha due angoli di visione ed è nitidissima.

Il motivo è semplice, l’interfaccia permette uno streaming fluido anche del volto mentre si gioca e il risultato sembra essere assolutamente all’altezza.

Conclusioni

Beh, costicchia, ho appena aggiornato l’articolo dopo la pubblicazione di Novembre e ora lo troverete a 699€ (sicuramente meglio dei 999 del lancio), a questo prezzo un pensierino potreste pure farlo.

È un top di gamma anche se ora ha 9 mesi alle spalle, affidabile per l’uso di tutti i giorni e non vi lascerà mai a piedi, semplicemente al top del top nel mondo per il lato gaming e con una fotocamera che non vi farà rimpiangere il compromesso.

Sta a voi, se avete un discreto budget da parte tuffatevi pure, nel suo segmento è un must buy, ma mi accorgo che non è per tutti. Sta a voi.

Acquistalo su Amazon: 699€

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Daniele Di Egidio

Daniele Di Egidio è il creatore di Player.it e vicedirettore della testata.

Videogiocatore da quando ha memoria, prese in mano il primo joypad nel lontano 1997 su un fiammante Super Nintendo regalato dal fratello, da li arrivò l'amore per il mondo del gaming.

Dai lontani primi anni 2000 fino ad adesso ha giocato oltre cinquecento titoli, dal retrogaming ai giochi contemporanei, predilige i moba come Dota 2, gli sparatutto classici e i giochi di strategia. La sua fissa attuale è per MTG Arena.

Decise di fondare Player con uno scopo ben preciso, portare i giocatori di ruolo "analogici" nel mondo del digitale e viceversa, infatti le due realtà difficilmente in Italia hanno un luogo dove incontrarsi e imparare vicendevolmente la magia che c'è dietro un GDR o un videogioco single play.

Al di fuori del mondo del gaming Daniele è un fotografo ben ambientato nel mondo della fotografia dei concerti, ha fotografato in lungo e in largo per l'europa più di 1000 band di caratura mondiale, ha seguito artisti di fama mondiale in tour, è stato fotografo ufficiale di diversi festival da 50.000 e più ingressi e ha avuto diverse pubblicazioni con Metal Hammer italia e con MetalManiac negli anni passati.
Ha militato per 8 lunghi anni in SpazioRock dove copre ancora il ruolo di fotografo ufficiale.

the last of us 2 sketch cancellati

Le immagini inedite di un corto di The Last of Us che non uscirà mai

Destiny 2 | Guida all’arma esotica Bastione